Il chip al legno è ecocompatibile

Un nuovo prototipo di microchip abbandona il substrato semiconduttore per un nuovo materiale derivato dal legno, un sistema che riduce al minimo l'impatto della tecnologia dei semiconduttori sull'ambiente

Roma – Un team di ricercatori americani e cinesi ha realizzato un prototipo di chip “eco-compatibile” che più compatibile non si potrebbe, un package che elimina la quasi totalità del materiale semiconduttore di un chip tradizionale con tutti i vantaggi sull’impatto ambientale che la novità comporta.


Il chip usa materiale derivante dalla cellulosa naturale per il substrato che supporta i transistor veri e propri, adottando per la precisione nanofibrille di cellulosa (CNF) rivestite di resina sintetica così da rendere la superficie liscia e resistente all’espansione durante la fase di riscaldamento.

Il substrato costituisce la gran parte di un chip al silicio, dicono i ricercatori, e facendo uso della loro “ricetta” a base di legno è possibile ridurre del 99,9 per cento il materiale semiconduttore impiegato per la sua realizzazione. Non bastasse questo, sostengono ancora i suoi ideatori, il chip è dotato di prestazioni comparabili a quelle dei moderni circuiti elettronici allo stato dell’arte.

Diversamente da una CPU Intel Core i7 qualsiasi, però, il chip con substrato di cellulosa è biodegradabile: l’ordinario ciclo della natura, tra funghi e umidità, si incarica della decomposizione dell’aggeggio, un processo controllabile che impiega un tempo variabile tra giorni e mesi a seconda delle condizioni ambientali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marcione scrive:
    censura
    noto con piacere che moderate i post che non vi garbano, specialmente quando si tratta di minimizzare i titoloni ad effetto.per chiarezza, cito le VOSTRE linee guida sui commenti:'Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che: sia in tema e contribuisca alla discussione in corso non abbia contenuto razzista o sessista non sia offensivo, calunnioso o diffamanteLa redazione con i controlli a campione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.'bene, il worm in questione, stando alla documentazione di ESET (http://www.welivesecurity.com/wp-content/uploads/2015/05/Dissecting-LinuxMoose.pdf - pagina 7 per i frettolosi) puo' compromettere device con password di default o deboli e NON sfrutta NESSUNA vulnerabilita'.siccome il commento e' in linea con le VOSTRE policy, non mi apetto un'ulteriore censura.
    • Tox scrive:
      Re: censura
      - Scritto da: marcione
      siccome il commento e' in linea con le VOSTRE
      policy, non mi apetto un'ulteriore
      censura.HahahahahhaaSei qua da meno di un'ora vero ?
    • frettoloso scrive:
      Re: censura
      Lo dice sin dall' inizio alla pagina 5... le prime 4 sono occupate dal logo dell' azienda e dall' indice."Linux/Moose does not have a persistence mechanism and does not provide a generic backdoor shell access to the botnet operator. No vulnerability is exploited at any time during its operation; it spreads by finding routers with weak credentials."
    • ... scrive:
      Re: censura
      - Scritto da: marcione
      puo' compromettere device con password di default
      o deboli e NON sfrutta NESSUNA vulnerabilita'.Non so se è questo il caso, ma ci sono avariati router con utenti e password 'di diagnosi' che hanno ancora più privilegi di admin in ambito configurazione.Di solito l'utente si chiama 'super'In questo caso la vulnerabilità c'è eccome visto che all'acquirente di questo utente non si fa cenno e non c'è un modo previsto dall'interfaccia di amministrazione nè di disabilitarlo nè di cambarne la password.
      • Tox scrive:
        Re: censura
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: marcione

        puo' compromettere device con password di

        default o deboli e NON sfrutta NESSUNA

        vulnerabilita'.
        Non so se è questo il caso, ma ci sono avariati
        router con utenti e password 'di diagnosi' che
        hanno ancora più privilegi di admin in ambito
        configurazione.Non è questo il caso.
        Di solito l'utente si chiama 'super'
        In questo caso la vulnerabilità c'è eccome visto
        che all'acquirente di questo utente non si fa
        cenno e non c'è un modo previsto dall'interfaccia
        di amministrazione nè di disabilitarlo nè di
        cambarne la password.Se compri spazzatura non è colpa di nessuno... Informarsi prima di acquistare è fondamentale.
        • ... scrive:
          Re: censura
          - Scritto da: Tox
          Se compri spazzatura non è colpa di nessuno...
          Informarsi prima di acquistare è
          fondamentale.non te lo vengono certo a dire, sono cose che vengono divulgate POI... ROTFL
          • ofix scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Tox


            Se compri spazzatura non è colpa di
            nessuno...

            Informarsi prima di acquistare è

            fondamentale.

            non te lo vengono certo a dire, sono cose che
            vengono divulgate POI...
            ROTFLQuale sarebbe lo standard dietro la funzionalità netusb? Non c' è: è monnezza proprietaria. Bastava dare un' occhiata sul retro della confezione.
          • ... scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: ofix
            Quale sarebbe lo standard dietro la funzionalità
            netusb? Non c' è: è monnezza proprietaria.
            Bastava dare un' occhiata sul retro della
            confezione.sì certo tucu, 90 su 100 anceh i lrouter che usi tu è bucabile, ma tu xonitnua e leggere il retro delle confezioni.Magari ci sono anche le istruzioni per i descrambler che decodificano senza chiave!
          • ofix scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: ofix


            Quale sarebbe lo standard dietro la
            funzionalità

            netusb? Non c' è: è monnezza proprietaria.

            Bastava dare un' occhiata sul retro della

            confezione.

            sì certo tucu, ?
            90 su 100 anceh i lrouter che usi
            tu è bucabile, ma tu xonitnua e leggere il retro
            delle
            confezioni.Eccome se continuo, a differenza di molti. Se non vuoi sbatterti con kle ricerche basta guardare qui:https://librecmc.org/librecmc/wiki?name=Supported_Hardware
            Magari ci sono anche le istruzioni per i
            descrambler che decodificano senza
            chiave!Magari, magari, magariiiii...Magari il mio non ha una porta usb col driver closed taiwanese tanto per cominciare... sai, guardo le specifiche prima di comprare.
          • bubba scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: ofix
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: ofix




            Quale sarebbe lo standard dietro la

            funzionalità


            netusb? Non c' è: è monnezza proprietaria.


            Bastava dare un' occhiata sul retro della


            confezione.



            sì certo tucu,

            ?


            90 su 100 anceh i lrouter che usi

            tu è bucabile, ma tu xonitnua e leggere il retro

            delle

            confezioni.

            Eccome se continuo, a differenza di molti. Se non
            vuoi sbatterti con kle ricerche basta guardare
            qui:

            https://librecmc.org/librecmc/wiki?name=Supported_con questa roba pero' al max ti buchi (tenti di bucarti) da solo (no ADSL... grazie ai soliti oem barzocchi...)
          • 6 giaguar scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: ofix


            Quale sarebbe lo standard dietro la
            funzionalità

            netusb? Non c' è: è monnezza proprietaria.

            Bastava dare un' occhiata sul retro della

            confezione.

            sì certo tucu, 90 su 100 anceh i lrouter che usi
            tu è bucabile, ma tu xonitnua e leggere il retro
            delle
            confezioni.
            Magari ci sono anche le istruzioni per i
            descrambler che decodificano senza
            chiave!In effetti è complicato "leggere la confezione" di openWrt. :DNon fosse altro che perchè non c'è(rotfl)(rotfl)
      • winarite scrive:
        Re: censura
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: marcione


        puo' compromettere device con password di
        default


        o deboli e NON sfrutta NESSUNA
        vulnerabilita'.

        Non so se è questo il caso,Ti hanno passato il link alla documentazione e relativa pagina, sveja.
        ma ci sono avariati
        router con utenti e password 'di diagnosi' che
        hanno ancora più privilegi di admin in ambito
        configurazione.
        Di solito l'utente si chiama 'super'
        In questo caso la vulnerabilità c'è eccome visto
        che all'acquirente di questo utente non si fa
        cenno e non c'è un modo previsto dall'interfaccia
        di amministrazione nè di disabilitarlo nè di
        cambarne la
        password.
      • marcione scrive:
        Re: censura
        beh di accessi privilegiati ne e' piena l'elettronica in genere.ma questi non sono bachi, sono vere e proprie 'backdoos by design'.ne trovi di esempi in rete, per device anche piuttosto recenti.quindi un conto e' un worm che sfrutta vulnerabilita' software (heartbleed, poodle, quello che vuoi) per infettare un dispositivo di rete, un'altro e' un worm che usa password di default e bruteforce per password deboli.nel secondo caso, i danni possono essere limitati di parecchio con un minimo di buonsenso (parlo di utent non tecnici ovviamente) ma non troverai MAI un ISP per esempio che ti IMPONGA di cambiare password al primo avvio del router e ti IMPONGA di usare una password complessa.IMHO, e' una questione di cultura informatica e questo worm fa leva sulla carenza di quest'ultima.
    • ... scrive:
      Re: censura
      - Scritto da: marcione
      noto con piacere che moderate i post che non vi
      garbano, specialmente quando si tratta di
      minimizzare i titoloni ad
      effetto.

      per chiarezza, cito le VOSTRE linee guida sui
      commenti:

      'Prima di pubblicare un tuo commento assicurati
      che:

      sia in tema e contribuisca alla discussione
      in
      corso
      non abbia contenuto razzista o sessista
      non sia offensivo, calunnioso o diffamante

      La redazione con i controlli a campione si
      riserva di cancellare qualsiasi contenuto
      ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla
      policy.'Nooo, non lamentarti! Sei pazzo ad osare lametarti, ti bloccano l'IP! :|Sorbire le loro XXXXXXX e tacere! :|
    • ... scrive:
      Re: censura
      - Scritto da: marcione
      noto con piacere che moderate i post che non vi
      garbano, specialmente quando si tratta di
      minimizzare i titoloni ad
      effetto.

      per chiarezza, cito le VOSTRE linee guida sui
      commenti:

      'Prima di pubblicare un tuo commento assicurati
      che:

      sia in tema e contribuisca alla discussione
      in
      corso
      non abbia contenuto razzista o sessista
      non sia offensivo, calunnioso o diffamante

      La redazione con i controlli a campione si
      riserva di cancellare qualsiasi contenuto
      ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla
      policy.'

      bene, il worm in questione, stando alla
      documentazione di ESET
      (http://www.welivesecurity.com/wp-content/uploads/

      siccome il commento e' in linea con le VOSTRE
      policy, non mi apetto un'ulteriore
      censura.annunziata con qeuesta tua lamentela non ci si pulisce nemmeno il XXXX, le linee guida sono disattese da circa un decennio, ma disattese da parte loro che cancellano ad cazzum. qeusto posto era accettabile fino a 12-13 anni fa, poi e' diventato un letamaio: o ci vieni con gli stivali o e' meglio che ne stai fuori.
      • marcione scrive:
        Re: censura
        eh, me lo ricordo PI nel 1998/9-2000.e non mi sembra ci fosse molta moderazione allora :Pcomunque e' avvilente vedere queste manovrine puerili..
        • Passante scrive:
          Re: censura
          - Scritto da: marcione
          eh, me lo ricordo PI nel 1998/9-2000.
          e non mi sembra ci fosse molta moderazione allora
          :PC'erano anche articoli tecnici veri e gente interessante con cui parlare, andato via andreis la qualità è precipitata
          comunque e' avvilente vedere queste manovrine
          puerili..Si son veramente ridotti male, ma non si vergognano neanche un pò.
          • marcione scrive:
            Re: censura
            per gli articoli tecnici ci si rivolge altrove oggigiorno.di persone 'skillate' ne trovi anche qui, anche se penso non si espongano piu' di tanto.e poi qui ci si fa quattro risate con i trettre della mela morsicata :)o sono quattroquattro... ho perso il conto.
          • Tox scrive:
            Re: censura
            - Scritto da: marcione
            per gli articoli tecnici ci si rivolge altrove
            oggigiorno.Ma va ? Che siti interessanti consigli ? In italiano possibilmente.
            di persone 'skillate' ne trovi anche qui, anche
            se penso non si espongano piu' di tanto.Una differenza che non fa differenza non è una differenza...Che ci siano e facciano i buffono è uguale che non ci siano.
            e poi qui ci si fa quattro risate con i trettre
            della mela morsicata
            :)
            o sono quattroquattro... ho perso il conto.Ma si siam qua per questo (rotfl)(rotfl)
  • Scumm78 scrive:
    i produttori devono aggiornare...
    Comunque volevo dire che il problema non e' il kernel linux ma il fatto che i produttori una volta venduto un dispositivo lo abbandonano a se stesso e non sono costretti a rilasciare fix di sicurezza...Qualsiasi software con qualsiasi kernel puo' essere vulnerabile e ne consegue che chi vende certi dispositivi dovrebbe garantire fix di sicurezza per un certo numero di anni...Poi che questo worm abbia cosi' tanto sucXXXXX e' solo perche' il software di tutti questi router e' uguale ( a parte l'interfaccia web)
    • Doom scrive:
      Re: i produttori devono aggiornare...
      - Scritto da: Scumm78
      Comunque volevo dire che il problema non e' il
      kernel linux ma il fatto che i produttori una
      volta venduto un dispositivo lo abbandonano a se
      stesso e non sono costretti a rilasciare fix di
      sicurezza...c'e' poca serieta' nel settore informatico andrebbero maggiormente responsabilizzati dopotutto si nascondono dietro il copyright come i cantastorie, un costruttore se sbaglia le fondamenta e crolla tutto va in galera se un medico sbaglia intervento viene messo sotto proXXXXX se sbagliano gli informatici sotto a scrivere la prossima canzone
  • Scumm78 scrive:
    CHE CACCHIO DI REFRESH
    Tutte le volte che provo a scrivere un commento questa cacchio di pagina si refresha e mi cancella tutto!!! cHE SCHIFO!!!
  • Trollone scrive:
    Non si vergogna?
    Sign. Mariuccia, ma non si vergogna ?
  • Adam Kadmon scrive:
    Esatto
    Imparare a leggere prima di scrivere gli articoli. Grazie.
  • marcione scrive:
    onesta' intellettuale
    cito da relativa documentazione:'Last but not least, this threat spreads only by compromising systems with weak or default credentials. No vulnerabilities are exploited by the malware.Although downplayed by system administrators, this attack vector has been effective at compromising a lot of Internet-connected systems.As FireEye recently stated: Brute forcing credentials remains one of the top 10 most common ways an organization is first breached.Aswe have found out, the malwares main payload its generic proxy service is used solely to perform social network fraud.The story is similar for stolen traffic which targets browser cookies.'questo ridimensiona di parecchio il titolone.
Chiudi i commenti