Il digitale incompreso

di Gilberto Mondi - La necessità di porre paletti ad Internet è figlia di un passato nel quale la loro assenza ha sempre significato caos. Non è facile cambiare per chi con certi paletti ha sempre delimitato il proprio mondo

Roma – Un paio di giorni fa Squonk scriveva sul suo blog, sotto il titolo Segni dell’incipiente Apocalisse , il post “Questa notte ho iniziato a leggere una raccolta di Montale”: una battuta che mi ha riportato a certe letture che ho abbandonato da qualche tempo, afferrato come sono dai molti volti del nuovo, a volte letteralmente avviluppato nell’ input . Forse anche per questo avverto uno scollamento, e nutro la sensazione che l’avvento di internet abbia cambiato i paradigmi culturali al punto che quanto di realmente nuovo emerge oggi abbia spesso ben poco a che vedere con quanto l’ha preceduto. E che anche in questo vi siano elementi di novità .

La sensazione è che l’era digitale cambi le carte in tavola: le novità sono perlopiù sganciate dal mondo ante-Internet, spesso e volentieri sfuggono alla realtà fisica e quando così non è allora creano nuovi collage tra ciò che è fisico e ciò che è elettronico, utilizzando metodi, linguaggi e tecnologie che non hanno, appunto, precedenti. Al di là dei net artist che proliferano nella sostanziale indifferenza dei grandi media, sebbene individuino spesso con grande anticipo quanto sta accadendo, ad esplorare le risorse del nuovo mondo sono più di ogni altro le società commerciali, e il marketing nello specifico .

In questo magma di silicio creativo un solo aspetto è percepito da tutti, quello del nuovo mondo . Non ha forma, ha origini ingegneristiche che non aiutano granché a comprenderne l’impatto sociale, ma è visibile, e presente. La sua riconoscibilità manca di radici culturali condivise ed anzi è difficile ricondurlo ad un prima . È forse per questo che ciò che di genuinamente nuovo emerge in rete, o nella tecnologia di cui poi si discute grazie alla rete e dentro la rete, crea una viva emozione: slegato dal passato, ciò che veramente è innovativo può apparire quasi come un miracolo, come fosse giunto dal nulla. In quel caso l’inconoscibilità delle sue origini, irraggiungibili perché perse nel brodo primordiale di cui sono figlie, lo rende non solo nuovo ma sorprendente e per certi versi ulteriore .

Le più profonde novità apportate dalla rete, dalle tecnologie di search a quelle di socializzazione, sono in questo senso più innovative che rivoluzionarie: slegate da un contesto precedente, accelerano verso nuovi traguardi, proponendo emozioni e luoghi dell’essere che prima non esistevano, e che fin dal loro sorgere sono anzi in continuo mutamento.

L’unico dato ad apparire oggi quasi ovvio, che saremo cioè sempre più connessi gli uni agli altri e che lo scambio di dati e informazioni non farà che accelerare diversificandosi e approfondendosi, è anche il motore di un cambiamento della psicologia dei rapporti destinato ad influenzare la crescita di chi è nato digitale e il suo sviluppo.

I figli dei nativi digitali abiteranno un mondo di interconnessioni, un mondo che molta parte della cultura pre-internet, anche la più rilevante, semplicemente non aveva previsto né immaginato, e che cambia tutti i paradigmi. Questo si traduce in un’avventura, spesso vissuta scuotendosi di dosso il passato anziché coltivandolo come un bene prezioso, ed è anche per questo che il viaggio è percepito spesso come esperienza affascinante sebbene a tratti inconsapevole. Ma è anche per questo che fondersi col cambiamento non offre necessariamente solo vantaggi: per capirci e tornare all’attualità, il fatto che certe proposte normative figlie dell’incomprensione dei nuovi tempi non emergano solo in Italia ma anche periodicamente in tutto il mondo ricco, quello più interconnesso, è il segno più evidente della difficoltà di adattamento di molti a quanto sta avvenendo. C’è chi sfugge il passato così tanto da dimenticarlo e chi vi si arrocca cercando nel passato risposte per l’oggi tecnologico che in quella sede semplicemente non possono essere trovate. In entrambi i casi l’innovazione sfugge, e diventa altro rispetto a ciò che è: ossessione fantastica nel primo caso, buio ottundente nel secondo. Una difficoltà che colpisce gli all digital così come chi digital proprio non può permettersi di essere, magari perché privo di tutto, ma persino anche chi ha le leve del potere nel mondo ricco, chi ha quindi accesso a tutto ciò che serve per cogliere il cambiamento ma, ciò nonostante, non riesce ad afferrarlo, a comprenderlo e farlo proprio.

Questo deve mettere in allerta i promotori consapevoli del nuovo: il rischio è che l’innovazione non sia compresa e che pur di dare una forma a questi tempi, tempi di cambiamenti che una forma non possono avere, e che proprio per questo trovano slancio innovativo, molti anche nella stanza dei bottoni possano pervenire a decisioni, metodi e comportamenti destinati a colpire al cuore le possibilità stesse dell’innovazione. L’esigenza di punti fermi e paletti è connaturata ad un passato nel quale la loro assenza ha sempre solo significato caos. Che spazzarli via possa significare sviluppo creativo è un messaggio difficile da trasferire a chi con quei paletti ha sempre delimitato il proprio mondo.

E le conseguenze si sentono tutte. Sta già avvenendo, avviene con i nuovi sistemi di sorveglianza tanto quanto con l’estrapolazione dei comportamenti, gusti e tendenze degli utenti dalle loro attività in rete , avviene con la somministrazione di una pubblicità sempre meno apparente e sempre più sottile, che si insinua negli spazi di creatività degli utenti proponendosi come genuina, e in realtà infettiva, e ingannatoria.

Tutto questo, anche tutto questo, è sintomo del nuovo ma ho la sensazione che del nuovo non siano questi i sintomi che vorremmo sentirci addosso. Chissà Montale cosa avrebbe detto, o scritto, su tutto questo.

Gilberto Mondi

I precedenti interventi di G.M. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Foobar scrive:
    Foxmarks
    Lo sospettavo... da un po' cercavo di capire se ci fosse un update nell'aria, e sembrava sempre piu' improbabile.Come alternativa, io ho appena installato Foxmarks. Appena avro' modo di metterlo anche su un secondo firefox vi sapro' dire se funziona :D
    • Matteo Palmieri scrive:
      Re: Foxmarks
      Uso Foxmarks da circa un mese, ma non ho mai utilizzato Google Sync. Posso dire che Foxmarks è un ottimo plugin, ma ha l'unico scopo di permettere una gestione centralizzata dei bookmarks di Firefox.Permette di sincronizzare i bookmarks su tutte le istanze di Firefox collegate al proprio account specifico sul sito di Foxmarks. Dispone di utili funzioni per il "merge" dei bookmark utili per scaricare i bookmark senza perdere quelli già presenti in Firefox prima dell'istallazione. Effettua la sincronizzazione in modo del tutto trasparente e automatico durante il normale utilizzo di Firefox. Molto buono e per niente invasivo.
  • Mattia A scrive:
    Opera ce li ha
    opera 9.5 ha invece implementata la sincronizzazione dei preferiti. io non capisco tutti questi clamori per firefox. Ho provato a fare un test di velocità sull'esecuzione degli script... vince sempre opera... -.-Ma dai!!!! non è possibile!! Ho usato sicuramente un test javascript vecchio!! W FIREGOOGLE ops scusate... Firefox
  • Ale scrive:
    WEAVE - Register: We're sorry...
    ...but we're limiting the number of new user registrations during the initial testing.Ah.
  • Eddie C. scrive:
    Addio preferiti
    Ho appena installato firefox 3. Spariti tutti i preferiti. Cominciamo bene.
    • sovietbear scrive:
      Re: Addio preferiti
      - Scritto da: Eddie C.
      Ho appena installato firefox 3. Spariti tutti i
      preferiti. Cominciamo
      bene.troll detected ho appena reinstallato nessun preferito cancellatto sono su xp professional-:)
      • Troll. scrive:
        Re: Addio preferiti
        Provata anche la versione Linux -
        Nessun preferito scomparso.E aggiungo: la directory del profilo (in cui sono salvati i preferiti) non viene disinstallata con Firefox se non esplicitamente richiesto mi pare. E aggiornando a una nuova versione di Firefox è impossibile che sia stata cancellata.Troll. :)
      • Eddie C. scrive:
        Re: Addio preferiti
        Scusate: utilizzo firefox da un sacco di tempo e mi sono sempre trovato bene. Ho solo riportato quanto mi è accaduto stamattina. L'elenco dei preferiti è sparito. Suggerisco - dato che non costa niente e per evitare l'inconveniente che è capitato a me - di fare un backup dello stesso prima di procedere. Ora, di qui a passare per troll, credo che ne passi.
        • Alberto scrive:
          Re: Addio preferiti
          i preferiti li trovi qui:C:Documents and Settings Application DataMozillaFirefoxProfiles .default
        • dddad scrive:
          Re: Addio preferiti
          - Scritto da: Eddie C.
          Scusate: utilizzo firefox da un sacco di tempo e
          mi sono sempre trovato bene. Ho solo riportato
          quanto mi è accaduto stamattina. L'elenco dei
          preferiti è sparito. Suggerisco - dato che non
          costa niente e per evitare l'inconveniente che è
          capitato a me - di fare un backup dello stesso
          prima di procedere. Ora, di qui a passare per
          troll, credo che ne
          passi.a volte lo fa anche quanco crasha.Ma non sono stati cancellati, in verità è stato creato e viene messo in uso un nuovo profilo, ma ripeto, il vecchio non viene cancellato.Se sei su windows vai nella directory:C:Documents and SettingsUSER NAMEDati applicazioniMozillaFirefoxnoterai che ci sono due cartelle oraebbene apri il file profiles.iniconterrà le seguenti scritte all'incirca[General]StartWithLastProfile=1[Profile0]Name=defaultIsRelative=1Path=Profiles/nomecartella.defaultquindi non ti resta che cambiare il nome della cartella che vi è scritto con il nome dell'altra cartella presentespero che tu possa risolveresaluti
          • dddad scrive:
            Re: Addio preferiti
            - Scritto da: dddad
            - Scritto da: Eddie C.

            Scusate: utilizzo firefox da un sacco di tempo e

            mi sono sempre trovato bene. Ho solo riportato

            quanto mi è accaduto stamattina. L'elenco dei

            preferiti è sparito. Suggerisco - dato che non

            costa niente e per evitare l'inconveniente che è

            capitato a me - di fare un backup dello stesso

            prima di procedere. Ora, di qui a passare per

            troll, credo che ne

            passi.

            a volte lo fa anche quanco crasha.
            Ma non sono stati cancellati, in verità è stato
            creato e viene messo in uso un nuovo profilo, ma
            ripeto, il vecchio non viene
            cancellato.

            Se sei su windows vai nella directory:
            C:Documents and SettingsUSER NAMEDati
            applicazioniMozillaFirefox

            noterai che ci sono due cartelle ora

            ebbene apri il file profiles.ini

            conterrà le seguenti scritte all'incirca

            [General]
            StartWithLastProfile=1

            [Profile0]
            Name=default
            IsRelative=1
            Path=Profiles/nomecartella.default


            quindi non ti resta che cambiare il nome della
            cartella che vi è scritto con il nome dell'altra
            cartella
            presente

            spero che tu possa risolvere

            salutiscusa le due directory le trovcerai dentro la path C:Documents and SettingsUSER NAMEDati applicazioniMozillaFirefoxProfilesper il resto tutto come detto nel post precedente
    • Enrico Giancipoli scrive:
      Re: Addio preferiti
      Male. Mai sentito parlare di backup? Prima di aggiornare qualsiasi software, Mozilla, Microsoft o chicchesia, una copia di backup dei file importanti è sempre consigliata. Dovresti fare un mea culpa amico ;)
      • lellykelly scrive:
        Re: Addio preferiti
        anche se hai ragione, se uno deve fare backup per ogni aggiornamento che installa, quanti TB deve avere???per essere sicuri è meglio fare delle immagini del disco almeno una volta al mese, ma diventa allucinante.io mi fo il bel backup dell'utente nel server in rete in automatico, così qualche impostazione in caso la recupero.
    • lellykelly scrive:
      Re: Addio preferiti
      a me per adesso va tutto, pure giava è veloce.
  • Collimate scrive:
    un dramma
    contavo su questo servizio per avere sempre i vari pc che uso aggiornati, ed ora nulla.da quello che ho visto, googlesync non sara' per ff3, e wave non va su ff2. quindi sara' una migrazione dolorosa.
    • barra78 scrive:
      Re: un dramma
      usa foxmark che gira su entrambi!
    • Mattia A scrive:
      Re: un dramma
      - Scritto da: Collimate
      contavo su questo servizio per avere sempre i
      vari pc che uso aggiornati, ed ora
      nulla.
      da quello che ho visto, googlesync non sara' per
      ff3, e wave non va su ff2. quindi sara' una
      migrazione
      dolorosa.ua opera 9.5
  • davide73 scrive:
    Due pesi... due misure...
    Come mai nessuno "strilla" contro Google per questa scelta?? Pensate fosse stata Microsoft... questo forum starebbe esplodendo di cantinari...Due pesi... due misure...
    • Francesco scrive:
      Re: Due pesi... due misure...
      Forse perchè di solito i prodotti Microsoft li paghi?
      • j4w scrive:
        Re: Due pesi... due misure...
        Internet Explorer è gratuito, non è possibile che quissu lo trattate come un software a pagamento.
        • vac scrive:
          Re: Due pesi... due misure...
          Internet Explorer è gratuito, Falso. Lo possono usare solo gli utenti che hanno acquistato il sistema operativo M$E' illegale, avviare I.E. da linux/wine
        • RNiK scrive:
          Re: Due pesi... due misure...
          - Scritto da: j4w
          Internet Explorer è gratuito, non è possibile che
          quissu lo trattate come un software a
          pagamento.Dire che Internet Explorer è gratuito è come dire che il sedile destro della tua auto è gratuito. ;)
    • barra78 scrive:
      Re: Due pesi... due misure...
      xchè come chiarament detto esistono la scelta è dettata dal fatto che esistono tante altre alternative gratuite x fare (meglio visto che io ho smesso di usare il loro servizio dopo che con una sincronizzazione mi ha sputtanato i miei bookmark) la stessa cosa?
    • lellykelly scrive:
      Re: Due pesi... due misure...
      ancora con sti confronti....ogni argomento ha il suo post-flame "due pesi due misure"ecchissenefregaaaa!!!
      • davide73 scrive:
        Re: Due pesi... due misure...
        Sapessi a me quanto frega quando leggo la notizia della Release Candidate di MSSQL 2008 di leggere di MYSQL che è migliore, di POSTGRES che ancora di più ... però mi tocca sorbirmele......non è che per caso il concetto di "due pesi due misure" mette in sofferenza i cantinari perché vero?? - Scritto da: lellykelly
        ancora con sti confronti....
        ogni argomento ha il suo post-flame "due pesi due
        misure"


        ecchissenefregaaaa!!!
        • krane scrive:
          Re: Due pesi... due misure...
          - Scritto da: davide73
          Sapessi a me quanto frega quando leggo la notizia
          della Release Candidate di MSSQL 2008 di leggere
          di MYSQL che è migliore, di POSTGRES che ancora
          di più ... però mi tocca sorbirmele...
          ...non è che per caso il concetto di "due pesi
          due misure" mette in sofferenza i cantinari
          perché vero??Vorrei vedere !!!Certo che e' vero: e' una semplice questione di precedenti, se tu dovessi affidare i bambini a qualcuno sceglieresti un baby sitter con la fedina penale pulita o quello che ha svariati processi e condanne per infanticidio ?
  • Daino scrive:
    Dove sono i paladini di google?
    Beh, l'azienda dal volto umano, "è dura" -dice-, ma forse costava anche solo appena fuori dal budget "umano" dell'azienda continuarne lo sviluppo o forse era "umanamente" non troppo prodiga di ritorni economici nella strategia aziendale "umana". Così "umanamente" l'azienda "buona" che pone la "moralità" prima dei dividendi di una lobby globale -perchè come qualche coglione suggeriva non sono per niente concetti diametrali nella realtà quotidiana- l'utente viene lasciato con un'estensione in alpha per fare la medesima cosa.Mi ricorda Fantozzi: "Come è umano lei"...
    • Mistico scrive:
      Re: Dove sono i paladini di google?
      francamente era abbastanza inutile e poco pubblicizzato...
      • world scrive:
        Re: Dove sono i paladini di google?
        - Scritto da: Mistico
        francamente era abbastanza inutile e poco
        pubblicizzato...Hai ragione da vendere: solo le cose pubblicizzate sono utili, mentre un programma non pubblicizzato è da buttare.Per conto mio G Sync era ottimo e utilissimo, dovendomi spesso spostare da un portatile all'altro dopo poche settimane. Ci va solo bene che qualcuno farà il fork di Firefox per renderlo di nuovo compatibile. Vero?
    • world scrive:
      Re: Dove sono i paladini di google?
      - Scritto da: Daino
      Beh, l'azienda dal volto umano, "è dura" -dice-,
      ma forse costava anche solo appena fuori dal
      budget "umano" dell'azienda continuarne lo
      sviluppo o forse era "umanamente" non troppo
      prodiga di ritorni economici nella strategia
      aziendale "umana".Tanto Firefox è open source, ora sicuramente qualcuno riscriverà Firefox per farlo funzionare con google.Mozilla è già alle prove generali da monopolista, proprio non poteva garantire la retrocompatibilità? E guarda caso il consiglio che si dà è di passare ad un altro plugin proprio sviluppato da Mozilla.Alla faccia della libertà di scelta.
      • barra78 scrive:
        Re: Dove sono i paladini di google?
        LOL Fare un fork x un'estensione che non esiste + ma che ha un sacco di alternative è quantomeno ridicolo!Prova Weave, foxmark o altri servizi simili!
        • Mozilla and the Evil scrive:
          Re: Dove sono i paladini di google?

          Fare un fork x un'estensione che non esiste + ma
          che ha un sacco di alternative è quantomeno
          ridicolo!

          Prova Weave, foxmark o altri servizi simili!E chi dovrebbe tenersi il db con tutte le mie password?Mozilla?Passo dopo passo questi della Mozilla si comportano sempre più come conquistatori del web. Ieri ti bloccano un servizio libero e accessibile da chiunque via Google e oggi te ne danno un altro, guarda caso, fatto da loro stessi. Mi ricorda tanto il comportamento di Microsoft.Oggi bloccano un servizio google gratuito rendendolo incompatibile col loro browser, domani cosa faranno? Mi sa che l'articolo di ieri su Mozilla che vuole diventare padrona del web era proprio azzeccato.
          • Troll. scrive:
            Re: Dove sono i paladini di google?
            Troll rilevato. :)
          • barra78 scrive:
            Re: Dove sono i paladini di google?

            E chi dovrebbe tenersi il db con tutte le mie
            password?
            Mozilla?Preferivi google???

            Passo dopo passo questi della Mozilla si
            comportano sempre più come conquistatori del web.
            Ieri ti bloccano un servizio libero e accessibile
            da chiunque via Google e oggi te ne danno un
            altro, guarda caso, fatto da loro stessi. Mi
            ricorda tanto il comportamento di
            Microsoft.Guarda che è stato google a decidere di sospendere lo sviluppo dell'applicativo. e cmq ripeto: foxmark non centra nulla con mozilla e ce ne sono altri ancora.
            Oggi bloccano un servizio google gratuito
            rendendolo incompatibile col loro browser, domani
            cosa faranno? Mi sa che l'articolo di ieri su
            Mozilla che vuole diventare padrona del web era
            proprio
            azzeccato.LOL non sapere di cosa si sta parlando! causa l'introduzione di nuove funzionalità nella gestione delle estensioni quelli di google (come tanti altri) avrebbero dovuto aggiornare le loro estensioni. Google si è guardata intorno e ha scelto di non farlo xchè esistono altri servizi del genere. Cosa centra in questa scelta la mozilla foundation?
          • Carletto scrive:
            Re: Dove sono i paladini di google?

            causa
            l'introduzione di nuove funzionalità nella
            gestione delle estensioni quelli di google (come
            tanti altri) avrebbero dovuto aggiornare le loro
            estensioni.Qui siamo alle comiche: la vedi dal punto di vista sbagliato.Google ha fatto l'applicativo, non c'era bisogno di alcun aggiornamento, perché già funzionava alla perfezione.Mozilla però avrebbe dovuto garantire la retrocompatibilità, invece ha preferito fare di testa sua e bloccare sul nascere ogni possibile uso di Google Sync, in modo da obbligare gli utenti a migrare sui suoi programmi.Se Microsoft cambia Windows per bloccare l'uso di Firefox, tu che dici? E' Mozilla che deve cambiare Firefox in modo da renderlo compatibile con Windows di nuovo o è Microsoft che non deve abusare della sua posizione e garantire la compatibilità?Qui è lo stesso discorso. Mozilla ha abusato della sua posizione per bloccare l'utilizzo di altri applicativi e spingere all'uso di quelli da lei scelta.Questi vogliono controllare tutto il web, col cavolo che continuerò ad usare Firefox.
          • barra78 scrive:
            Re: Dove sono i paladini di google?

            Qui siamo alle comiche: la vedi dal punto di
            vista sbagliato.Dopo aver letto ho pensato la stessa cosa!!!
            Google ha fatto l'applicativo, non c'era bisogno
            di alcun aggiornamento, perché già funzionava
            alla
            perfezione.Infatti quelli di microsoft dovrebbero garantire la compatibilità x gli applicativi dos in vista. Trolltech costringe chi utilizza le QT a riscrivere da 0 tutto x poter utilizzare le qt4 quando avrebbe potuto facilmente garantire la contabilità ecc
            Mozilla però avrebbe dovuto garantire la
            retrocompatibilità, invece ha preferito fare di
            testa sua e bloccare sul nascere ogni possibile
            uso di Google Sync, in modo da obbligare gli
            utenti a migrare sui suoi
            programmi.LOLIn Firefox le estensioni sono scritte in XUL e il problema è che l'introduzione di nuove funzionaltà ha portato una certa incompatibilità. Fine della questione. Da che mondo è mondo capita! con .net in applicativi scritti con la prima versione è quasi impossibile che giri ricompilandolo con la v2.
            Se Microsoft cambia Windows per bloccare l'uso di
            Firefox, tu che dici? E' Mozilla che deve
            cambiare Firefox in modo da renderlo compatibile
            con Windows di nuovo o è Microsoft che non deve
            abusare della sua posizione e garantire la
            compatibilità?Leggi sopra! non hai capito una mazza! Dove è scritto che è stata una mossa di mozilla foundation fatta x far morire google sync?
            Qui è lo stesso discorso. Mozilla ha abusato
            della sua posizione per bloccare l'utilizzo di
            altri applicativi e spingere all'uso di quelli da
            lei
            scelta.
            Questi vogliono controllare tutto il web, col
            cavolo che continuerò ad usare
            Firefox.LOL Mozilla è finanziata x l'80% da GOOGLE!!!!!! Parli senza sapere di cosa stai parlando!
          • AtariLover scrive:
            Re: Dove sono i paladini di google?
            Puoi sempre usare la portable eh?Oppure ancora più comodo, ti copia la cartella .mozilla su chiavetta...
    • barra78 scrive:
      Re: Dove sono i paladini di google?
      Google è il principale finanziatore di mozilla foundation.Esistono alternative, tante, tantissime Google ci regalava un plugin quindi è liberissima di interromperne lo sviluppo. Plugin che a me sinceramente ha perso i bookmark 2 volte (e la prima non avevo un backup aggiornatissimo!Quindi? pensi che con questa notizia il mondo sia diventato un posto peggiore? Usa Foxmark o uno dei 1000 altri tools simili a disposizione (tra l'altro alcuni che salvano i dati proprio su un account google!)
    • larry page scrive:
      Re: Dove sono i paladini di google?
      fatti una vita vera amico, ti serve. E magari trovati pure un lavoro. Così magari capisci anche cosa significa dover lavorare per pagare da mangiare e le bollette. Bello fare i comunisti e i no-tav voglio tutto gratis e adesso mantenuti nell'agio da mamy e papy.
    • Paul scrive:
      Re: Dove sono i paladini di google?
      La nuova Google Toolbar permette, tra le varie cose anche la sincronizzazione dei bookmarks "on the cloud". Google Sync probabilemnte e' quindi stato dismesso, perche' i suoi servizi verranno integrati nella Google Toolbar.
      • Carletto scrive:
        Re: Dove sono i paladini di google?
        - Scritto da: Paul
        La nuova Google Toolbar permette, tra le varie
        cose anche la sincronizzazione dei bookmarks "on
        the cloud". Google Sync probabilemnte e' quindi
        stato dismesso, perche' i suoi servizi verranno
        integrati nella Google
        Toolbar.Google Sync sincronizza preferiti, password, cookies, insomma tutto.
  • Otto scrive:
    Ora il fork
    Qualcuno faccia il fork di firefox per renderlo nuovamente compatibile con Google Sync.Accidenti a loro.
    • troll detected scrive:
      Re: Ora il fork
      - Scritto da: Otto
      Qualcuno faccia il fork di firefox per renderlo
      nuovamente compatibile con Google
      Sync.

      Accidenti a loro.(troll)
    • krane scrive:
      Re: Ora il fork
      - Scritto da: Otto
      Qualcuno faccia il fork di firefox per renderlo
      nuovamente compatibile con Google Sync.
      Accidenti a loro.Ehhh capita a scegliere programmi che non forniscono i sorgenti...
      • consulente scrive:
        Re: Ora il fork
        ehm .. guarda bello che i sorgenti di google browser sinc .. ci sono ...cosi come quelli di tutte le estenzioni di firefox sono scritte in javascript (xul ma cmq sempre javascript e xml) .. puoi aprire l'xpi (è uno zip) e vedere il codice a tuo piacimento, per quanto esso sia praticamente illeggibile!pian pianino io avevo inziato a fare una mia versione del google bookmark sinc .. copiando a mani basse anche da foxmark (a mio avviso migliore di google book sinc) e FEBE .. che salvi tutto nella mia casella gmail (tanto per sfottere google) poi però riconoscendo la mia ineguatezza l'accantonai .. sperando che google desse una nuova versione all'uscita ufficale di ff3 ... .. secondo me è più probabile che un domani foxmark o wave .. arrivino anche a sincronizzare password impostazioni e cronologia .. ma se proprio non si decideranno .. stay tuned!
        • krane scrive:
          Re: Ora il fork
          - Scritto da: consulente
          ehm .. guarda bello Cosi' mi fai arrossire... :$ :$ E poi preferisco quando me lo dicono le ragazze...
          che i sorgenti di google browser sinc .. ci sono ...
          cosi come quelli di tutte le estenzioni di firefoxE allora che hanno da lamentarsi questi ?Basta darci una sistemata per farlo andare sulla versione 3, stasera magare ci do' un'occhiata.
  • lellykelly scrive:
    farlo tramite un proprio server
    è possibile?non ne so nulla e non mi sono informato, quindi se sapete bene, altrimenti non ditemi di googlare che lo farò comunque...
    • cristo scrive:
      Re: farlo tramite un proprio server
      io aspetto la versione per ff3 di bookmark sync and sort col quale puoi trasferire i bookmarks su un tuo server
    • 9nb397922 scrive:
      Re: farlo tramite un proprio server
      Con Foxmark ci sono le istruzioni per usare un proprio serverino Web Apache-based.
    • BluEdoG scrive:
      Re: farlo tramite un proprio server
      - Scritto da: lellykelly
      è possibile?Si esisteva (o forse esiste ancora) un plugin che ti permetteva di salvare via ftp i tuoi bookmark. Era anche automatizzabile, ma nulla in confronto alla praticità di sync. Peccato davvero... tra l'altro non capisco l'abbandono visto che poteva *potenzialmente* essere integrato con i google bookmarks del proprio account google. E' evidente che all'interno di bigG si sviluppano tante cose, ma tutte sono più o meno slegate tra loro, secondo me è il grosso tallone d'achille di questa azienda.
      • davide73 scrive:
        Re: farlo tramite un proprio server
        Stile "la cattedrale ed il bazar"... comunque sei pazzo ad integrare Google Bookmarks in un plugin!?!? E poi chi va sul (loro) sito a versi la (loro) pubblicità!?- Scritto da: BluEdoG
        - Scritto da: lellykelly

        è possibile?

        Si esisteva (o forse esiste ancora) un plugin che
        ti permetteva di salvare via ftp i tuoi bookmark.
        Era anche automatizzabile, ma nulla in confronto
        alla praticità di sync. Peccato davvero... tra
        l'altro non capisco l'abbandono visto che poteva
        *potenzialmente* essere integrato con i google
        bookmarks del proprio account google. E' evidente
        che all'interno di bigG si sviluppano tante cose,
        ma tutte sono più o meno slegate tra loro,
        secondo me è il grosso tallone d'achille di
        questa
        azienda.
Chiudi i commenti