Nel Regno Unito la sorveglianza è endemica

Il garante della privacy UK ammette che il Regno Unito è divenuta una società basata sulla sorveglianza. Lo dimostra anche un report di Surveillance Studies Network e la classifica di Privacy International

Roma – La distopia del 1984 di orwelliana memoria sembra prossima alla realizzazione nel Regno Unito, lo ammette il corrispettivo inglese del nostro garante della privacy, Richard Thomas. Gli inglesi vivono in una società del rischio che cerca di tutelarsi con misure che, più che offrire un reale rassicurazione riguardo alle minacce paventate, sembrano spaventare i cittadini, confinandoli in un regime panottico .

Richard Thomas denuncia alla BBC che i cittadini inglesi si ritrovano a vivere in una società che li accerchia, una società in cui stato e grandi aziende sanno tutto di tutti .

È necessario proteggere i dati, è necessario che la sorveglianza non snaturi la vita di una società democratica, è necessario tracciare dei limiti che salvaguardino la riservatezza dei cittadini. Anche i rappresentanti del Department for Constitutional Affairs (DCA) , in linea con il garante, lamentano il bisogno di bilanciare le possibilità offerte dalla tecnologia con i diritti dei cittadini.

È preoccupante la situazione tracciata dal rapporto di Surveillance Studies Network , presentato alla ventottesima edizione della International Data Protection and Privacy Commissioners Conference , ospitata dall’istituzione garante. Uno dei co-autori della ricerca dichiara che i cittadini del Regno Unito, tra quelli dell’occidente industrializzato, sono i più spiati . Per il numero e la varietà dei mezzi di sorveglianza , e per l’inefficienza delle leggi che dovrebbero tutelare la privacy, leggi lasche e permissive . E, come se non bastasse, le istituzioni non sono in grado di garantire la protezione dei dati .

Il rapporto si spinge oltre l’osservazione della realtà contemporanea, e traccia i contorni di un 2016 in cui l’individualità verrà appiattita dai sistemi di sorveglianza , che non permetteranno il minimo discostarsi dalla più irreprensibile perfezione. Nessun bambino potrà più rifiutare la minestra della mensa scolastica: una smart card riferirà alla salutista genitrice che il pargolo schizzinoso preferisce cibarsi con soli patatine fritte e gelato.

Molto più preoccupanti sembrano essere le raffigurazioni del mercato del lavoro del prossimo decennio: sarà facile, per stato e aziende, selezionare i candidati sulla base della data-immagine di ogni aspirante lavoratore. Il Regno Unito del 2016 sarà una società in cui la sorveglianza pervasiva sarà routine .

Tornando al Regno Unito del 2006, sono stati spesi dallo stato 500 milioni di sterline in telecamere a circuito chiuso. Sono oltre quattro milioni le videocamere, una ogni quattordici persone , che catturano, trecento volte al giorno, i frammenti della quotidianità di un cittadino medio.
Ci sono telecamere in grado di riconoscere, senza l’intervento umano, i comportamenti violenti, un sistema di identificazione biometrica stila liste nere di etilisti molesti, i tag RFID sono appiccicati sui prodotti e le fidelity card sono più impiccione che mai.

Sguardi indiscreti scrutano i cittadini dai cieli e dai letti di ospedale, ci sono sistemi che monitorano le targhe degli automobilisti e le confrontano con i database a disposizione della polizia, ci sono spy camera che consentono la delazione dei cosiddetti comportamenti antisociali, e sistemi di megafoni che permettono di esporre i cittadini al pubblico ludibrio.

Dei sistemi di riconoscimento facciale identificano i cittadini, il monitoraggio delle attività online dei dipendenti di un’azienda aiuta a incrementare la produttività. C’è una banca dati del DNA , che scheda il sei per cento della popolazione del Regno Unito.

E ci sono database poco sicuri, i cui incroci rivelano, riguardo ad un cittadino, più di quanto una madre sa del proprio figlio.

L’apprensione dei cittadini UK è avvalorata dalla classifica di Privacy International . Nella mappa mondiale dei paesi sorvegliati, il Regno Unito è una macchia nera in Europa. Èaffetto da sorveglianza endemica , al pari di Russia, Cina, Malaysia e Singapore.

Il controllo dei cittadini può offrire vantaggi in termini di sicurezza, può prevenire episodi di criminalità, può snellire alcune procedure burocratiche, può migliorare il sistema sanitario. Ma può anche alimentare episodi discriminatori basati sulla categorizzazione dei cittadini e sugli stereotipi, può instillare il sospetto diffuso . Può minare alla base i meccanismi della fiducia che reggono ogni rapporto umano, e porre un limite insormontabile al pieno sviluppo della persona.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Per forza... sono costretti!
    Hanno craccato il DRM del PlayForSure!
  • Anonimo scrive:
    Stessa storia....
    Stessa storia....sempre di drm si tratta.Poi buffo che dopo che hanno tanto spinto Urge, integrandolo persino in Windows media player 11 (che può essere ignorato ma non tolto..), non sia compatibile con lo ZUne , o vice-versa.Mi spiace inoltre constatare, leggendo engaget, che il WiFi sullo Zune servirà solo a ricercare altri Zune e trasferire musica (limitata) e immagini. Navigare ,scaricare musica e sincronizazrsi via wireless ,cosa che aspettavo e davo per scontato, non lo puà fare... .
    • Anonimo scrive:
      Re: Stessa storia....
      - Scritto da:
      Stessa storia....sempre di drm si tratta.
      Poi buffo che dopo che hanno tanto spinto Urge,
      integrandolo persino in Windows media player 11
      (che può essere ignorato ma non tolto..), non sia
      compatibile con lo ZUne , o
      vice-versa.Quindi tripla inc'ata:1) Acquisti musica DRM2) Non la puoi esportare aldifuori di quel PC e di quel player3) La ditta che ti aveva convinto ad acquistare quel tipo di musica se ne esce fuori con un'altro formato (DRMoso pure lui) incompatibileCredo faccia meno male una sedia scagliata in testa (rotfl)
      Mi spiace inoltre constatare, leggendo engaget,
      che il WiFi sullo Zune servirà solo a ricercare
      altri Zune e trasferire musica (limitata) e
      immagini. Navigare ,scaricare musica e
      sincronizazrsi via wireless ,cosa che aspettavo
      e davo per scontato, non lo puà fare...
      .Aspetta che qualcuno riesca a fargi girare sopra Linux ;) ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Stessa storia....
        - Scritto da:
        Aspetta che qualcuno riesca a fargi girare sopra
        Linux ;)
        ...Quello che dicevano per la 360... sfortunatamente basta che mettano signature digitale per firmware obbligatoria e controllo hardware continuo e di OS alternativi manco l'ombra.
Chiudi i commenti