Il Grid computing tenta la via delle aziende

Hp, Intel, Microsoft, Nice ed Exemplar lanciano il portale che cercherà di convincere le imprese dei benefici di un potente strumento distribuito di calcolo. Si punta a database, ricerche e analisi

Roma – Portare il Grid computing in ufficio per migliorare le performance di calcolo, database e storage in settori che richiedono grande impegno computazionale. È l’obiettivo che ha spinto Hp, Intel, Microsoft, Nice ed Exemplar a unire le forze per lanciare GridEvolution , portale che offre le capacità di calcolo e memoria di un sistema distribuito.

Oltre alla centralizzazione dell’attività informatica, Grid consente di organizzare i lavori dell’azienda, secondo un accesso coordinato e controllato alle risorse condivise. L’obiettivo si realizza attraverso un’organizzazione virtuale che permette di superare la parcellizzazione e le difficoltà di comunicazione che spesso si presentano quando si ha a che fare con un insieme di computer.

La creazione di un punto di accesso unificato consente alle aziende interessate alla tecnologia dell’High performance computing (Hpc) di testare la potenza elaborativa del sistema, grazie a un’interfaccia Web pensata per semplificare l’accesso da parte di tutti i rami aziendali.

I settori potenzialmente più interessati allo sviluppo del supercomputer sono quelli che attualmente impiegano una molteplicità di macchine per realizzare programmi previsionali (ad esempio le compagnie assicurative alle prese con le stime sull’evoluzione dei rischi e delle variabili sociali), calcoli sistemici (è il caso delle banche e delle SIM alle prese con la creazione di grafici per l’operatività in Borsa) o applicazioni industriali particolarmente complesse (in primis il comparto aerospaziale, che infatti è stato tra i primi a utilizzare questi sistemi).

“Siamo entrati nell’Hpc con l’intento di portare il nostro know-how in termini di semplificazione delle tecnologia e usabilità delle macchine”, spiega Manuel Maina, product marketing manager di Microsoft Italia. “Il supercomputing non è prerogativa dei soli enti che fanno ricerca scientifica o industriale, ma può essere declinato in una serie di applicazioni mainstream”.

Intel contribuisce al progetto GridEvolution fornendo la nuova generazione di processori dual core, Microsoft con i software (Windows Computer Cluster Server 2003 per la gestione del cluster a livello di sistema operativo), mentre Hp mette a disposizione l’infrastruttura hardware basata su server blade HP BL460c. A Nice è stato affidato il compito di implementare nel cuore del portale la EnginFrame, un software per la creazione e la gestione delle macchine, basato su tecnologie Java, XML, HTML, XSL e HTTP. Un compito di raccordo spetta, infine, a Exemplar, che integra le componenti del sistema sfruttando le proprie competenze nel settore del calcolo intensivo.

Luigi dell’Olio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sono 2 gatti...
    ...se non ricordo male sono sotto i 3 milioni, cosa se ne fanno del voto elettronico... bah.Per fare 2 metri a piedi per votare nelle loro cittadine lillipuziane?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono 2 gatti...
      No, perche sono un Paese civile che sta al passo coi tempi, e spesso li procede.In Estonia si pagano i parcheggi col cellulare, wifi ovunque, e hanno inventato Skype.In Italia forse ci sta gente con niente da fare... Quindi anche buttare due ore per andare a votare forse va bene qui in Italia.AHAHAHAH!
      • Anonimo scrive:
        Re: Sono 2 gatti...
        A parte che si dice "precedere", una volta la pensavo come te ma dopo aver visto quanto è semplice hackare le macchine statunitensi, il voto elettronico mi spaventa non poco... a meno che non sia realizzato veramente con sicurezza *militare* e controllato da piu' parti indipendenti.
  • Anonimo scrive:
    Non OCSE ma OSCE
    Solo una puntualizzazione...In questo articolo si parla di OCSE (http://www.oecd.org/), Organizzazione per la Cooperazione e Sviluppo Economico, mentre in realtà l'articolo originale di DW cita l'OSCE (http://www.osce.org/), Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che in effetti è attiva da anni in campo di monitoraggio elettorale.Saluti.
  • Anonimo scrive:
    Italia fuori dal mondo...
    Tutti a complimentarsi con l'Estonia, ma a dire che in Italia non si pobtrebbe fare.Italia fuori dal mondo?
  • Anonimo scrive:
    In Italia non potrà mai essere.....
    Già qui ti fanno sparire le mutande da sotto il naso, ti rapinano sui treni sotto il naso dei pulotti, ........non voglio nemmeno immaginare cosa succederebbe qui con il voto elettronico;....LADRATE E MAGNA-MAGNA a non finire, tonnellate di bit depistati e manipolati, contestazioni a non finire.
  • localhost scrive:
    rischio di brogli elevatissimo
    Votare senza controllo esterno pone seri rischi di brogli, è molto più facile costringere una persona a votare qualcuno quando lo si può fare alla larga dai controlli.Voto elettronico sì, ma voto da casa proprio no.
    • Anonimo scrive:
      Re: rischio di brogli elevatissimo
      - Scritto da: localhost
      Votare senza controllo esterno pone seri rischi
      di brogli, è molto più facile costringere una
      persona a votare qualcuno quando lo si può fare
      alla larga dai
      controlli.
      Voto elettronico sì, ma voto da casa proprio no.Hohoho,ho, scioccone.Forse che non basta un pezzetto di software nel punto giusto per spostare di qua e di la' il risultato?Tralasciando da dove parte, e' nel trasporto e nella conservazione il rischio di manipolazione "trasparente".k1
  • Alessandrox scrive:
    Soldi e Voti
    Se mi rubano dei soldi prima o poi me ne accorgo.Se a qualcuno riesce di truccarmi il voto noQuesta e' la differenza tecnica sostanziale tra una transazione monetaria ed un e-voto
    • THe_ZiPMaN scrive:
      Re: Soldi e Voti
      Il voto elettronico, da questo punto di vista, può essere sicurissimo, al pari di quello fisico.Quello che è concettualmente errato è che chi esprime il voto remotamente non può essere controllato, quindi potrebbe esserci coercizione e potrebbe mancare la segretezza.In Italia non potrebbe MAI essere applicato; già con la carta riescono a pilotare i risultati, figuriamoci con la rete.
      • Anonimo scrive:
        Re: Soldi e Voti
        Il voto su carta è rintracciabile. Certo bisogna vedere a chi mai interesserà rilevare le impronte digitali dalle schede... mha!Si può votare con i guanti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Soldi e Voti
          - Scritto da:
          Il voto su carta è rintracciabile. Certo bisogna
          vedere a chi mai interesserà rilevare le impronte
          digitali dalle schede...
          mha!
          Si può votare con i guanti?Nessuno te lo impedisce, se vuoi puoi mettere pure una barba finta e occhiali scuri, dentro il gabinetto elettorale puoi pure calarti le braghe :-)
    • m00f scrive:
      Re: Soldi e Voti
      - Scritto da: Alessandrox
      Se mi rubano dei soldi prima o poi me ne accorgo.
      Se a qualcuno riesce di truccarmi il voto no
      Questa e' la differenza tecnica sostanziale tra
      una transazione monetaria ed un
      e-votoTi straquoto, hai anticipato di poco quello che avrei scritto io.
Chiudi i commenti