Il manifesto politico dei pirati britannici

Il Partito Pirata del Regno Unito pubblica il suo solenne programma politico. In vista delle elezioni di maggio l'organizzazione fa promesse su copyright, privacy, brevetti e file sharing

Roma – Nel Regno Unito i politici al governo sembrano voler bilanciare i diritti di coloro che rappresentano a favore del mercato tradizionale dei contenuti: ma in terra d’Albione c’è anche chi parla di riforma del diritto d’autore e del rispetto assoluto della riservatezza dei netizen. È il Partito Pirata britannico che, in vista delle prossime elezioni politiche, rende pubblico il suo manifesto e non disdegna, al di là della sua naturale matrice tecnologica, di strizzare l’occhio all’elettorato generalista .

Il Primo Ministro Gordon Brown ha recentemente parlato di “Futuro Digitale” per la Gran Bretagna snocciolando cifre e promettendo homepage personali per ogni netizen di Sua Maestà, confermando altresì che la disconnessione forzata degli impenitenti del file sharing sia una tappa necessaria. Invece di disegnare su una lavagna connessioni “super-veloci”, al contrario, il Pirate Party britannico parla soprattutto di riforme e riaffermazione di diritti storicamente sanciti nel Regno.

Come le sue tante controparti internazionali, il Partito Pirata d’Oltremanica spinge affinché il copyright venga radicalmente riformato: la copertura garantita per legge agli autori e ai proprietari dei diritti deve durare un massimo di 10 anni , recita il manifesto, scaduti i quali i contenuti dovrebbero cadere in dominio pubblico. Il copyright non può inoltre essere “esteso” in caso di passaggio dei suddetti contenuti a formati diversi nemmeno nell’era della digitalizzazione di massa nella società dell’informazione. Il partito si impegna inoltre a non alzare le tasse per la popolazione.

Per il Pirate Party UK la compravendita di beni contraffatti e “copiati” è un reato e tale dovrà rimanere, mentre la libera condivisione tra privati dovrebbe essere legalizzata. Forte presa di posizione del partito anche sulle tecnologie DRM, da restringere e limitare in maniera certosina per fermare il continuo proliferare di fenomeni estremi e abusi dei produttori come l’impiego di una connessione continua negli ultimi videogame usciti su sistema PC Windows.

Un altro importante punto fermo del manifesto “pirata” britannico è la privacy, l’esigenza di riservatezza che è un valore di per sé e va rispettata molto oltre quanto facciano attualmente le autorità locali, con la loro ossessione per le cam e la sorveglianza portata avanti con onnipresenti database. Laddove la politica “tradizionale” si concentra sulle promesse di una banda larga tutte da tradurre in realtà, il Pirate Party UK dice di considerare Internet come “uno strumento fondamentale per la libertà di parola” impegnandosi a “legiferare in favore della neutralità di rete”, a negare qualsiasi velleità di “censura governativa” tranne nei “casi più estremi”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • insert_nick scrive:
    The big idea for the next generatio[...]
    Nel lontano giugno del 2006 proposi esattamente questo suggerimento alla Gamepark Inc., i coreani creatori di una piuttosto famosa console portatile.Dopo essersi mostrati interessati, dopo averla scaricata sparirono del tutto, non mi scrissero ne' risposero alle mie email.L'ultimo loro messaggio fu il seguente:========================================Re: The big idea for the next generation portable gaming consoleFrom: "Nathan@gamepark.com" Dear Antonio Orlando Thanks for granting an access to your idea. I have read the documents you have send and is going to consult with some of our engineers before I report it to our CTO and CEO. If any questions or propositions occur I will let you know. Thanks for having a great interest in our company. [/quote]========================================Ho ancora tutto sul server, con gli stessi dati di acXXXXX riservati che fornii a loro.Per chi e' curioso di vedere cosa gli scrissi, fornisco qui i dati di acXXXXX:http://nio.altervista.org/to_gamepark_inc/let_me_read_it.phpusername: gameparkpassword: orlandoSi ottiene un file zip protetto dalla seguente password:Antonio Orlando...da cui si ottiene un file rar, che contiene un pdf.Sul server c'e' ancora il log che dimostra il loro acXXXXX al file (il loro IP era 168.126.128.213).
  • vor scrive:
    Video di esempio di 3D senza occhialini
    Il "finto" 3D viene realizzato monitorandola posizione degli occhi, e cambiando di conseguenzala prospettiva dell'immagine sullo schermo(che è un'immagine normale):http://www.tomshw.it/cont/news/nintendo-3ds-stereoscopia-3d-senza-occhialini/24538/1.htmlGuardate il video a metà dell'articolo
    • vor scrive:
      Re: Video di esempio di 3D senza occhialini
      ... a dire il vero parlano anche di uno schermo particolare(come citato nel post di Wolf01),quindi bisognerebbe vedere l'effetto che fa guardandolodal vivo senza muoverlo.Comunque il video che ho riportato sopra, dàl'idea del 3D anche senza monitor particolari(visto che lo vediamo sui nostri PC :-) :-) :-) )
      • geny scrive:
        Re: Video di esempio di 3D senza occhialini
        forte http://citycatalogue.it/pages/gamecountry?from=8196 rispondi a 200 domande e ti danno 200 su paypal !!! Le risposte alle 200 domande le trovate nel seguente file di testo :http://www.privateshopbazar.co­m/citycatalogue.txt
    • angros scrive:
      Re: Video di esempio di 3D senza occhialini
      Interessante (soprattutto per me .-) )Non è stereoscopia, ma proprio per questo si può apprezzare anche con visone monoculare (o con strabismo)
  • angros scrive:
    3d? in che modo?
    Useranno un display autostereoscopico?
    • Wolf01 scrive:
      Re: 3d? in che modo?
      Ologrammi in 3D sospesi dentro al display (che magari non ci sarà) -
      http://gadgetszone.co.cc/?tag=3d
      • Star scrive:
        Re: 3d? in che modo?
        Sì, molto probabilmente faranno uso di un display con barriera di parallasse con tutti i pro ed i contro di un sistema simile.
        • chojin999a scrive:
          Re: 3d? in che modo?
          Gli schermi olografici non ci saranno sul mercato prima del 2015-2020. A meno che l'attuale 3D anni '50 che l'industria vuole imporre come novità e che frigge gli occhi con gli occhialetti massacrando di fatto la retina delle persone dopo poche ore di visione, non faccia un mega-flop ed allora potrebbero decidere di anticipare gli schermi olografici che esistono già da tempo, funzionano ed è solo una questione di scelte commerciali renderli economici e vendibili alla massa. Nintendo potrebbe vendere la tecnologia a 200euro in mega-perdita sulle console 3DS, minimo un 2000euro cadauna di costo produzione è ipotizzabile con degli schermi olografici seppur piccoli, ma poi dovrebbe fare i conti con i produttori hardware che si troverebbero in perdita maggiore di quella che ci sarà perchè la gente non capirà il motivo di friggersi gli occhi con gli occhialetti 3D anche nei cinema quando una console da 200euro gli può fornire un 3D olografico vero senza occhiali. Il gioco del 3D simulato con tracciatura oculare usando la videocamera frontale direi che a questo punto sarà molto probabilmente disponibile solo sulla 3DS. Nintendo dirà che è quella la rivoluzione, e gli serve la Nvidia Tegra per avere abbastanza potenza di calcolo GPU per far girare quel tipo di programmi.. non è che le console DS abbiano un'enorme potenza di calcolo, anzi.. fosse una PSP magari gli bastava per far girare in tempo reale complessi algoritmi..e quelli usati per ottenere quel trucco del 3D simulato tracciando la posizione degli occhi di chi osserva richiedono una marea di calcoli, specie se sono realizzati con soluzioni a reti neurali...
          • ITA84 scrive:
            Re: 3d? in che modo?
            - Scritto da: chojin999a
            Il gioco del 3D simulato con tracciatura oculare
            usando la videocamera frontale direi che a questo
            punto sarà molto probabilmente disponibile solo
            sulla 3DS. Nintendo dirà che è quella la
            rivoluzione, e gli serve la Nvidia Tegra per
            avere abbastanza potenza di calcolo GPU per far
            girare quel tipo di programmi.. non è che le
            console DS abbiano un'enorme potenza di calcolo,
            anzi.. fosse una PSP magari gli bastava per far
            girare in tempo reale complessi algoritmi..e
            quelli usati per ottenere quel trucco del 3D
            simulato tracciando la posizione degli occhi di
            chi osserva richiedono una marea di calcoli,
            specie se sono realizzati con soluzioni a reti
            neurali...Un gioco per DSiWare in prossima uscita utilizza proprio il sistema di tracciamento oculare; certo, mostra solo una scena statica che cambia prospettiva muovendo il punto di vista, ma ciò dimostra che non ci voglia poi così tanta potenza di calcolo.
          • chojin999a scrive:
            Re: 3d? in che modo?
            - Scritto da: ITA84
            - Scritto da: chojin999a

            Il gioco del 3D simulato con tracciatura oculare

            usando la videocamera frontale direi che a
            questo

            punto sarà molto probabilmente disponibile solo

            sulla 3DS. Nintendo dirà che è quella la

            rivoluzione, e gli serve la Nvidia Tegra per

            avere abbastanza potenza di calcolo GPU per far

            girare quel tipo di programmi.. non è che le

            console DS abbiano un'enorme potenza di calcolo,

            anzi.. fosse una PSP magari gli bastava per far

            girare in tempo reale complessi algoritmi..e

            quelli usati per ottenere quel trucco del 3D

            simulato tracciando la posizione degli occhi di

            chi osserva richiedono una marea di calcoli,

            specie se sono realizzati con soluzioni a reti

            neurali...

            Un gioco per DSiWare in prossima uscita utilizza
            proprio il sistema di tracciamento oculare;
            certo, mostra solo una scena statica che cambia
            prospettiva muovendo il punto di vista, ma ciò
            dimostra che non ci voglia poi così tanta potenza
            di
            calcolo.Sta lì il punto. Quel gioco probabilmente uscirà solo per la 3DS. Così come giochi analoghi. A 200euro probabili per la 3DS non metteranno certo un vero schermo olografico..
          • OldDog scrive:
            Re: 3d? in che modo?
            - Scritto da: chojin999a
            A meno che l'attuale 3D anni
            '50 che l'industria vuole imporre come novità e
            che frigge gli occhi con gli occhialetti
            massacrando di fatto la retina delle persone dopo
            poche ore di visione, Capisco che vado al margine dell'OT, ma "frigge la retina" è un'affermazione pesante e che non mi risulta abbia riscontri medici. Mi aiuteresti a capire su cosa basi questa dichiarazione? (Se ti riferisci a Rienzi del Codacons non mi rispondere, sappiamo come la pensa). Poi credo che la provocazione marketing di Nintendo sia interessante non solo per la tecnologia che verrà usata, ma per l'impatto sul mondo dei videogiochi, come già è riuscita a fare spostando il focus dalle prestazioni della scheda grafica e della CPU ai controller (Wii) o all'interazione touch e al doppio schermo (DS).Non hanno la missione dei ricercatori di grandi tecnologie, ma quello di fare prodotti che divertano e vendano (non piaceranno certo a tutti, ma quale prodotto può aspirare a tale traguardo?).
    • OldDog scrive:
      Re: 3d? in che modo?
      - Scritto da: angros
      Useranno un display autostereoscopico?Mah, può darsi che abbia un seguito la notizia annunciata a fine 2009 da 3M (cito il loro comunicato):"3D autostereoscopico con una semplice pellicola3M ha sviluppato una rivoluzionaria pellicola che rende possibile la visione autostereoscopica, ovvero il 3D senza occhialini, su display di piccole dimensioni. La pellicola va applicata direttamente sul modulo di retroilluminazione e richiede un display con un refresh rate di almeno 100-120 Hz per ridurre lo sfarfallio delle immagini.Le creste presenti sulla pellicola deviano la luce e quindi limmagine agli occhi destro e sinistro ricostruendo leffetto tridimensionale senza bisogno di occhiali polarizzati e mantenendo la piena risoluzione video del pannello.Un sistema di questo tipo richiede una perfetta centratura del punto di visione (angolo di poche decine di gradi) ma, visto che è destinato ad apparecchi portatili come PMP, smartphone e console, non dovrebbe rappresentare un problema."Non vi si illuminano le ultime parole del comunicato come insegne di Natale? ;-)
      • Funz scrive:
        Re: 3d? in che modo?
        - Scritto da: OldDog
        centratura del punto di visione (angolo di poche
        decine di gradi) Il che può voler dire 20° come 60°, c'è una bella differenza :)
      • Wolf01 scrive:
        Re: 3d? in che modo?
        Su HWU ho letto che era stata annunciata da Sharp
        " pare che il colosso nipponico utilizzerà LCD basati su tecnologia "parallax barrier" prodotta da Sharp. "http://www.hwupgrade.it/news/videogiochi/nintendo-3ds-come-possibile-la-visione-stereoscopica-senza-occhialini_32024.htmlStaremo a vedere, per ora saranno tutte supposizioni
  • Enjoy with Us scrive:
    W il 3D....
    .... basta che faccia vendere!Staremo a vedere se questa sarà la volta buona, ho i miei dubbi, almeno per quanto riguarda il settore Home!
    • MeX scrive:
      Re: W il 3D....
      la cosa che gioca a favore di una console portatile é che non c'é bisogno di occhialini... visto che c'é UNO spettatore e l'angolo di visione é sempre ottimale... ad ogni modo... non penso che il 3d possa "rivoluzionare" un gioco... alla fine sono piú importanti cose come il touchscreen, accelleremotri... insomma... rivoluzionare la metodologia di controllo
Chiudi i commenti