Il martedì più sicuro di sempre

Dopo la storica gragnuola dello scorso agosto, Microsoft si prepara a rilasciare una nuova quantità record di correzioni per Windows, Internet Explorer e Office. Fix dedicati principalmente alla sicurezza

Roma- Il prossimo patch tuesday programmato da Microsoft sarà un altro martedì da ricordare. Per la seconda volta nel corso dell’anno il gigante di Redmond rilascerà infatti una quantità record di fix concentrati in un colpo solo. Correzioni che andranno a tappare ben 34 falle di sicurezza legate ai sistemi operativi e ai software ufficiali. Dopo martedì, il totale delle vulnerabilità patchate da Microsoft nel 2010 salirà quindi alla rispettabile cifra di 86.

I 16 bollettini scaricabili dal 13 ottobre risolveranno un totale di 49 problemi, indirizzati principalmente a Internet Explorer, Microsoft Office e framework dotNET. Dalla lista ufficiale si nota inoltre che, per la prima volta nella storia del patch tuesday, viene chiamato in causa anche il servizio Office Live, la versione online di Office.

L’elenco dei sistemi operativi interessati include invece Windows 7, Windows XP, Windows Vista, Windows Server 2003 e Windows Server 2008. Quattro dei bollettini incriminati sono considerati di livello “critico”, altri dieci sono segnalati come “importanti” e, per il resto, il livello di allerta è solamente “moderato”.

Come sempre in questi casi, tutti i bollettini critici si riferiscono a bachi che potrebbero essere sfruttati per eseguire codice malevolo da remoto. Per questo motivo, almeno la metà di queste patch richiederà il riavvio del computer dopo l’installazione. La nuova versione dello Strumento di rimozione malware completerà questo lungo aggiornamento di ottobre: il più impegnativo di sempre.

Un record che deve preoccupare? Se lo chiede anche Feliciano Intini, chief security advisor di Microsoft Italia, sulle pagine del suo blog.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vindicator scrive:
    loro neanche dicono grazie
    "Noi, in sostanza, gli diamo il traffico e loro neanche dicono grazie. E dovrebbe essere un grazie sentito"si potrebbe parafrase con:Noi italiani, in sostanza, gli diamo i soldi dei contributi alla stampa e loro neanche dicono grazie. E dovrebbe essere un grazie sentito"questa mi piace di più.
    • Franky scrive:
      Re: loro neanche dicono grazie
      - Scritto da: Vindicator
      "Noi, in sostanza, gli diamo il traffico e loro
      neanche dicono grazie. E dovrebbe essere un
      grazie
      sentito"

      si potrebbe parafrase con:

      Noi italiani, in sostanza, gli diamo i soldi dei
      contributi alla stampa e loro neanche dicono
      grazie. E dovrebbe essere un grazie
      sentito"

      questa mi piace di più.Ma forse voleva dire proprio questo...forse voleva dire qualcosa del genere...noi editori italioti cartacei contribuiamo a far lievitare le tasse vivendo da parassiti con i contributi statali che servono a mantenere in vita giornali che non vendono piu'... ed il mondo del Net nemmeno ci dice grazie perche' gli togliamo risorse finanziarie che potrebbero invece essere investite nella banda larga o nell'istruzione o semplicemente rimanere nelle tasche dei contribuenti...ed inoltre i nostri giornali attaccano la rete e la liberta' di opinione e di espressione dei netcitizen un giorno si' e l'altro pure...ed i nostri lettori nemmeno ci ringraziano per questo...e dovrebbe essere un grazie sentito...soprattutto quando i nostri giornalisti parlano male di internet e del nostro auspicio che venga controllata il piu' possibile e' che diventi un mezzo inutile e fazioso come i nostri giornali e la tv....
  • sigsegv scrive:
    robots.txt
    E' lì per quello, chissà perchè se ne dimenticano tutti.
    • ayuppoz scrive:
      Re: robots.txt
      - Scritto da: sigsegv
      E' lì per quello, chissà perchè se ne dimenticano
      tutti.semmai dovrebbe funzionare al contrario: google non dovrebbe indicizzare fin quando non trova un robot.txt consenziente
      • krane scrive:
        Re: robots.txt
        - Scritto da: ayuppoz
        - Scritto da: sigsegv

        E' lì per quello, chissà perchè se ne

        dimenticano tutti.
        semmai dovrebbe funzionare al contrario: google
        non dovrebbe indicizzare fin quando non trova un
        robot.txt consenzientePerderebbe il senso del fare crawling, inoltre tanto varrebbe che il sito andasse ad iscriversi in google.
  • Franco scrive:
    I provider sono parassiti?
    Innanzitutto il prodotto di Google esiste e si tratta di un servizio di indicizzazione tramite motore di ricerca.Lo stesso discorso vale per i vari servizi di connessione Adsl forniti dai provider parassiti che non riuscirebbero a vendere nulla se non ci fossero i contenuti che altri mettono in rete gratuitamente. Allora anche i provider dovrebbero pagare una percentuale agli editori??
    • kikkokox scrive:
      Re: I provider sono parassiti?
      - Scritto da: Franco
      Innanzitutto il prodotto di Google esiste e si
      tratta di un servizio di indicizzazione tramite
      motore di
      ricerca.

      Lo stesso discorso vale per i vari servizi di
      connessione Adsl forniti dai provider parassiti
      che non riuscirebbero a vendere nulla se non ci
      fossero i contenuti che altri mettono in rete
      gratuitamente.

      Allora anche i provider dovrebbero pagare una
      percentuale agli
      editori??il paragone non regge, poichè il veicolo (adsl) non è il bene finale che cerca l'utentel'utente medio cerca ad esempio l'ultima puntata di xfactor... e do ve la trova? La trova su una pagina di youtube farcita di banner e annunci a pagamento, sui quali guadagna una società che inizia con la G
  • Marco Trombetti scrive:
    Caro Carlo, nessuno ti obbliga...
    Caro Carlo,Con pochi minuti di lavoro puoi togliere da Google tutti i tuoi contenuti.Perchè non lo fai?MarcoP.S. riguardo ipad... la app di barzellette fatta in una notte da un collega ha fatto 100.000 download senza promozione. Io non userei i 16.000 download come indicatore di sucXXXXX...
  • picard12 scrive:
    google non fornisce nessun prodotto
    non so se sia il caso di elencare tutte "le cose" che fornisce google e che non fa il gruppo penoso e parassitario di de benedetti che ha devastato l'olivetti...Lui ragiona da dinosauro e non ha la minima idea di come funzioni il mondo nel 2010... pensa sempre di dover vivere sulle spalle degli altri. Ora pensa che siano gli altri a farlo e questo gli rode... continui così tanto morirà rosicando....visto che non è più giovanotto..che pena questi filibustieri che si psacciano per industriali, va a braccetto con tronchetto..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 ottobre 2010 07.29-----------------------------------------------------------
    • SCF IS EVIL scrive:
      Re: google non fornisce nessun prodotto
      Da come parla il search non è nulla o non vale nulla, quello che vale sono le "favole" che raccontano i suoi giornalisti.
      • shibergat scrive:
        Re: google non fornisce nessun prodotto
        - Scritto da: SCF IS EVIL
        Da come parla il search non è nulla o non vale
        nulla, quello che vale sono le "favole" che
        raccontano i suoi
        giornalisti.saranno pure dei vecchi filibustieri, ma è anche vero che se ipoteticamente, tutti i siti web del mondo, impostassero il robot.txt per escludere google, questo non avrebbe più alcun servizio da offrireovvero google non offre servizi di per se, ma sempre in maniera indiretta, per lo meno i servizi dai quali trae profittoad esempio il grosso del traffico su youtube deriva dalla visione di contenuti non autorizzati dai leggittimi autori
  • calsdn scrive:
    All'imprenditore De Benedetti
    Sono semplicemente esterrefatto per la superficialità, le inesattezze e l'ipocrisia che si celano nel suo intervento. Da un dirigente del suo calibro, che guida un grande gruppo, mi sarei aspettato vera onestà intellettuale. Non capisco come possa aver aver permesso alla sua persona di fare una un così meschina o ridicola figura presso il grande pubblico. Potrei pensare che è stato mal consigliato, se è così licenzi immediatamente i consulenti che le hanno preparato l'intervento, non li paghi nemmeno. Viceversa non si fossilizzi nel suo "motore a vapore" ne va del progresso collettivo. Sfrutti la sua genialità imprenditoriale, colga loccasione "della rete" per fare più grande il suo gruppo.Credo che conosca meglio di me la storia quando dai motori a vapore siamo passati a quelli elettrici e a "scoppio". Certo per chi campava con la produzione di motori a vapore in quel periodo avrà fatto di tutto per impedire il progresso ... anche carte false o un patto col Diavolo, avrà pure dipinto il progresso come diabolico. Sono sicuro che Lei non usa una automobile che va vapore ma qualcosa di ultra moderno perché apprezza il progresso.Ma come ha fatto la sua mente eccelsa a dire "Google non può vivere da parassita - ha spiegato De Benedetti - Il motore di ricerca raccoglie 400 milioni di dollari in pubblicità senza fornire alcun prodotto, veicolando invece i nostri contenuti". Dai non mi dica che non sa che può impedire a Google di venire a indicizzare il suo sito "veicolando così i suoi contenuti", certo la contropartita è non esistere o non essere visibili. Sia onesto e ringrazi google se molte persone accedono ai suoi contenuti on-line. Altrimenti perché li ha messi on-line?Ma la cosa che mi ha fatto cadere le braccia è questa sua ulteriore dichiarazione sugli operatori di telecomunicazione. "Fanno soldi principalmente sui dati - ha spiegato il presidente - Noi, in sostanza, gli diamo il traffico e loro neanche dicono grazie. E dovrebbe essere un grazie sentito". Ma dai non mi dica che il suo gruppo avrebbe investito una montagna di soldi in infrastrutture e stendere RFC sui vari protocolli per permettere agli utenti del globo di venire a leggere i suoi contenuti? Però pensandoci bene potrebbe mettere in piedi una super efficiente BBS con acceso in dial-up (perché no anche con numeri a pagamento), la spesa penso sia abbordabile per il suo grande gruppo anche se aprisse pop in tutti i paesi del mondo. Poi le basta pubblicizzarla nei sui prodotti editoriali e vedrà che milioni di utenti si attrezzeranno con un modem e si collegheranno alla sua BBS. Oh non lo faccia scherzavo.Io fossi in lei ringrazierei questi operatori di telecomunicazione che hanno investito soldi in queste infrastrutture che ora il suo gruppo utilizza per veicolare le sue informazioni.Seguendo i suoi discorsi mi viene un sospetto e scusi la franchezza della domanda, forse irrispettosa: ma Lei usa ancora i piccioni per mandare la sua posta?Si comporti da vero imprenditore, è ora di cambiare business plan.
    • al default con furore scrive:
      Re: All'imprenditore De Benedetti
      l'unico parassita qui è lui!E questo sarebbe un imprenditore?!L'olivetti cos'è stato? Un incidente di percorso?In un paese civile sarebbe in galera già da un pezzo!
      • analista scrive:
        Re: All'imprenditore De Benedetti
        - Scritto da: al default con furore
        l'unico parassita qui è lui!
        E questo sarebbe un imprenditore?!
        L'olivetti cos'è stato? Un incidente di percorso?

        In un paese civile sarebbe in galera già da un
        pezzo!Bha, sara' che ho qualche anno in piu' di te, ma io lo ricordo benissimo in manette e in prima pagina. Ad ogni modo se fossimo in un paese civile al fresco ci sarebbe andato anche quell'altro con i tacchi alti.
    • SCF IS EVIL scrive:
      Re: All'imprenditore De Benedetti
      quoto.Aggiungo che forse solo così potremo levarceli da torno per far spazio a giovani imprenditori con idee fresche che magari facciano la stessa fortuna di Google, Facebook, ecc. Fin quando ci saranno dinosauri di questo calibro a spezzare i passi a tutti quelli che gli capito a tiro allora rimarremo sempre allo stesso punto: loro si abbuffano e tutti gli altri a fare la fame.
  • Marco Bonetti scrive:
    Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
    Sui provider di connettività: "Fanno soldi principalmente sui dati - ha spiegato il presidente - Noi, in sostanza, gli diamo il traffico e loro neanche dicono grazie. E dovrebbe essere un grazie sentito".Che XXXXXXXta (come il resto, d'altronde). Come se le autostrade dovessero pagare royalty alle case automobilistiche perché producono le macchine che gli permettono di guadagnare con le autostrade.Questo sì che è parassitismo!
    • r p scrive:
      Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
      Infatti,voglio sperare che spari ca22ate in maniera consapevole, altrimenti c'é bisogno che qualcuno gli spieghi come funziona internet...Poi, gli unici parassiti per il momento sono loro che prendono soldi dallo stato, e quindi da tutti noi, per stampare giornali che poi NON vendono!
      • Rover scrive:
        Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
        Beh, il gruppo di De Benedetti vende....
        • r p scrive:
          Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
          Tutti vendono, ma se non fosse per le sovvenzioni pubbliche i bilanci sarebbero tutti in rosso.In pratica, tutti i XXXXXX che ci sono in questi anni intorno alla carta stampata sono dovuti al fatto che questa non è economicamente indipendente.
          • fiertel91 scrive:
            Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
            - Scritto da: r p
            Tutti vendono, ma se non fosse per le sovvenzioni
            pubbliche i bilanci sarebbero tutti in
            rosso.Citazione necessaria. Scusa, ma non puoi spararla così grossa senza poi riportare alcuna fonte/dato.
          • BLah scrive:
            Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
            Ti serve davvero la citazione? Ma hai i prosciutti negli occhi e i salami nelle orecchie? Dove hai vissuto negli ultimi 19 anni?
          • fiertel91 scrive:
            Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
            - Scritto da: BLah
            Ti serve davvero la citazione?Sì. Almeno riguardo al gruppo L'Espresso.
        • picard12 scrive:
          Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
          nel senso che sta fallendo ed è in vendita?
      • Tiziocazio scrive:
        Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
        - Scritto da: r p
        Poi, gli unici parassiti per il momento sono loro
        che prendono soldi dallo stato, e quindi da tutti
        noi, per stampare giornali che poi NON
        vendono!STRAQUOTO!
    • pippo75 scrive:
      Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione

      Che XXXXXXXta (come il resto, d'altronde). Come
      se le autostrade dovessero pagare royalty alle
      case automobilistiche perché producono le
      macchine che gli permettono di guadagnare con le
      autostrade.mi spiace ma hai cannato esempio.le autostrade vengono a prendere la tua auto oppure sei tu che vuoi usare l'autostrada?sono i singoli siti a mettere il loro materiale a disposizione di google o è google a cercarlo?personalmente se passa anche dal mio sito sono contento, ma non tutti la pensano in modo uguale.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione

        personalmente se passa anche dal mio sito sono
        contento, ma non tutti la pensano in modo
        uguale.robots.txt e passa la paura.
      • Thescare scrive:
        Re: Dire qualsiasi cosa pur di darsi ragione
        - Scritto da: pippo75
        mi spiace ma hai cannato esempio.

        le autostrade vengono a prendere la tua auto
        oppure sei tu che vuoi usare
        l'autostrada?

        sono i singoli siti a mettere il loro materiale a
        disposizione di google o è google a
        cercarlo?Sia uno che l'altro. Fa comodo a google avere informazioni sui siti, come ai siti di comparire su google con un buon ranking
        personalmente se passa anche dal mio sito sono
        contento, ma non tutti la pensano in modo
        uguale.Beh, hai sempre dei metodi per impedire di essere indicizzato nei vari motori di ricerca (robots.txt, etc). Se non lo si fa, vuol dire che non conviene farlo. Mai sentito parlare di Google Hell?
  • Teone scrive:
    e che aspettano?
    A mettere i loro contenuti SOLO a pagamento? Così potranno fallire in santa pace quando nessuno vorrà abbonarsi e l'applicazione per ipad non se la filerà più nessuno
    • Rover scrive:
      Re: e che aspettano?
      E tu prenderai l'informazione attraverso la sfera di cristallo che nel frattempo ti sarai procurato!
      • Marco scrive:
        Re: e che aspettano?
        Infatti... non sopporto De Benedetti, però fare informazione costa, e anche parecchio!Questo per le news, poi c'è youtube, se dovessimo togliere i video coperti da diritto il sito non varrebbe più niente!
        • FinalCut scrive:
          Re: e che aspettano?
          - Scritto da: Marco
          Infatti... non sopporto De Benedetti, però fare
          informazione costa, e anche
          parecchio!Il 90% delle notizie le prendono dalla ANSA.(apple)
          • doc allegato velenoso scrive:
            Re: e che aspettano?
            Se hai letto Chomsky sai che questa percentuale è da aumentare e portare molto vicino al 100%
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: e che aspettano?
            Chi l'avrebbe detto? Sono d'accordo con te!
          • fiertel91 scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: FinalCut
            Il 90% delle notizie le prendono dalla ANSA.L'Espresso è una delle pochissime testate che talvolta resiste a questa tendenza. Leggilo più spesso, criticalo con più consapevolezza.
          • qujiox3x scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: FinalCut
            - Scritto da: Marco

            Infatti... non sopporto De Benedetti, però fare

            informazione costa, e anche

            parecchio!

            Il 90% delle notizie le prendono dalla ANSA.

            (apple)le vere notizie e inchieste non te le ragala l'ansa
        • ullala scrive:
          Re: e che aspettano?
          - Scritto da: Marco
          Infatti... non sopporto De Benedetti, però fare
          informazione costa, e anche
          parecchio!
          Questo per le news, poi c'è youtube, se dovessimo
          togliere i video coperti da diritto il sito non
          varrebbe più
          niente!Infatti...1) fare quello che fa google non costa nulla! ... o no?2) i giornali e gli editori sono TUTTI presenti in rete perchè non gli conviene ne raccogliere traffico (e farlo reindirizzare pure da google) ne tramite questo pubblicità a loro volta!.... o no?3) google non "vende" contenuti... google vende pubblicità non ha in quel senso bisogno di altro che di aiutare a cercarli i contenuti chi beneficia (o non beneficia) della lettura dei suddetti contenuti è chi li produce e il loro "contenitore"...Che poi siano meno "bravi" di google a sfruttare e monetizzare i LORO servizi è solo colpa loro non di GOOGLE che a ben vedere gli da solo una mano!Non andrebbero certo meglio se google li facesse "sparire" dagli index anzi... andrebbero peggio!La verità è che un ovvio do ut des che non autorizza (in nessun caso) una delle 2 parti ad accusare l'altra di parassitismo...Ciò che invece è sicuro che l'editoria (a differenza della rete) gode di favori, legislazioni speciali, protezioni speciali, e in fine finanziamenti speciali (a spese nostre) è che è ben abituata a rendite parassitarie!La stessa cosa non si può dire della rete!
      • panda rossa scrive:
        Re: e che aspettano?
        - Scritto da: Rover
        E tu prenderai l'informazione attraverso la sfera
        di cristallo che nel frattempo ti sarai
        procurato!Moriro' disperato per non poter piu' accedere all'indispensabile informazione che fornisce l'espresso, guarda.Per un espresso che mette a pagamento ce ne sono mille che aprono gratis.E poi dovrebbe essere debenedetti a pagare me se scrivo commenti, altro che commenti a pagamento!Questo deve solo fallire scomparire in fretta, lui e tutti quelli come lui. Nessuno se ne accorgera' se scompare.
        • Marco scrive:
          Re: e che aspettano?
          E quali sarebbero queste "fonti" da cui attingeresti?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: e che aspettano?
            Vai su Google News e lo vedi da solo.
          • Marco scrive:
            Re: e che aspettano?
            e chi le produce quelle notizie??dai non facciamo sempre i finti tonti! I giornali servono e... serve anche google :-)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Marco
            e chi le produce quelle notizie??Le notizie non si "producono". Le notizie sono i fatti che avvengono nella realtà, non le storie costruite e montate a tavolino.
          • Marco scrive:
            Re: e che aspettano?
            giusto... termine infelice, però il concetto che volevo esprimere credo sia chiaro
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: e che aspettano?
            Spero che sia chiaro anche il mio
          • Franky scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Marco
            e chi le produce quelle notizie??
            dai non facciamo sempre i finti tonti! I giornali
            servono e... serve anche google
            :-)Scusa ... ma hai mai sentinto parlare di boingboing, di digg.com e di "Huffington Post" ? Di Reddit...e potrei continuare citandone letteralmente qualche altro migliaio...per capire meglio il concetto...Hai mai sentito parlare di "Global Voice" ? Li i tuoi giornalisti politicizzati non compaiono proprio...Ti dicono niente questi nomi ?Oppure conosci solo porta a porta e l'informazione Vespiana ?
          • Tiziocazio scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Marco
            E quali sarebbero queste "fonti" da cui
            attingeresti?Ci sono tantissimi blog "liberi" e meno condizionati rispetto ai giornalai che scrivono su Repubblica e sul Corriere della SerVa.Ad esempio Paolo Barnard, ma è solo uno dei tanti, così come ci sono aggregatori di notizie che pescano da vari blog e NON da quotidiani.Che poi, andando sulla prima pagina di Repubblica, le notizie che vedo sono: i sosia dei musicisti fotografati da un tizio, video sulla saga di Star Wars animata in due minuti, gaffe della polizia di LA su Jay-Z, una gita in barca pieghevole (?), acrobazie sulla moto, mucche e fisarmonica (???), una automobile fatta con i Lego, e potrei continuare.In più tanta pubblicità. Più i contributi statali che si prendono dalle nostre tasche. Più articoli sgrammaticati e pieni di strafalcioni. Più la solita, immancabile nota su cosa pensa il papa o il vaticano sull'argomento X. Più notizie spesso inattendibili e XXXXXXXte colossali.Per la serie: braccia rubate all'agricoltura.
          • Marco scrive:
            Re: e che aspettano?
            Criticare Repubblica non mi sembra davvero corretto, fa articoli anche leggeri(che se si nota bene sono sempre i più letti, quindi "scemo" chi legge), ma dire che non fa informazione di buon livello non mi sembra il caso. Per esempio la redazione economica è veramente di buon livello!
          • fiertel91 scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Marco
            Criticare Repubblica non mi sembra davvero
            corretto, fa articoli anche leggeri(che se si
            nota bene sono sempre i più letti, quindi "scemo"
            chi legge), ma dire che non fa informazione di
            buon livello non mi sembra il caso. Per esempio
            la redazione economica è veramente di buon
            livello!Se parliamo di Repubblica (e non dell'Espresso) devo concordare con le critiche al giornale. Una redazione (quasi tutta) composta da articolisti, troppo spesso attenta ai risvolti politici piuttosto che mossa dalla voglia di informare veramente.
          • fiertel91 scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Tiziocazio
            Ci sono tantissimi blog "liberi" e meno
            condizionati rispetto ai giornalai che scrivono
            su Repubblica e sul Corriere della
            SerVa.Repubblica non è l'Espresso.
          • Talking Head scrive:
            Re: e che aspettano?
            Togliere un giornale non equivale a dire "togliere i giornali".La teoria economica funziona così: in un mercato competitivo, se i costi per entrare nel mercato sono zero, i profitti devono andare a zero man mano che nuove persone entrano nel mercato. Dopotutto se tu vendi il tuo prodotto a 1 euro e lo paghi 80 centesimi, niente vieta a me di entrare nel mercato e venderlo a 99 centesimi. Questo fin quando qualcuno non inizia a venderlo a 81 centesimi.Questo è esattamente quello che è sucXXXXX. Con internet, pubblicare (non scrivere) le notizie è diventato facile, chiunque può entrare nel mercato. Di conseguenza mettere prodotti a pagamento sarebbe inutile. E' diventato invece difficile organizzarle le notizie (anche per via di economie di scala, l'organizzatore assume un ruolo di leader che difficilmente può essergli tolto), e difficilmente un ragazzo può creare un nuovo motore di ricerca che competa con Google allo stesso modo in cui può costruirsi il suo microblog di informazione. Le industrie di raccolta differenziata fanno soldi sulla mia spazzatura. Posso esigere un pagamento? No, perché altri sono ben contenti di dargli la spazzatura. Al massimo possono essere loro ad offrirlo per ridurre i costi di una raccolta porta a porta.Non c'è da meravigliarsi che chi organizza le notizie faccia un profitto e chi le pubblica no, il secondo è sostituibile, il primo no, il potere contrattuale è chiaro. Con buona pace di De Benedetti, che ha sempre avuto l'occhio troppo finanziario e troppo poco economico per percepire i cambiamenti del mercato (Adriano Olivetti si sta ancora rivoltando nella tomba... sigh).
          • doc allegato velenoso scrive:
            Re: e che aspettano?
            Con buona pace di De
            Benedetti, che ha sempre avuto l'occhio troppo
            finanziario e troppo poco economico per percepire
            i cambiamenti del mercato (Adriano Olivetti si
            sta ancora rivoltando nella tomba...
            sigh). E ad Ivrea si rivoltano ancora adesso e da vivi e si toccano i maroni quando malauguratamente si nomina l'ingegnere
          • Pappoppero scrive:
            Re: e che aspettano?

            Non c'è da meravigliarsi che chi organizza le
            notizie faccia un profitto e chi le pubblica no,
            il secondo è sostituibile, il primo no, il potere
            contrattuale è chiaro. Con buona pace di De
            Benedetti, che ha sempre avuto l'occhio troppo
            finanziario e troppo poco economico per percepire
            i cambiamenti del mercato (Adriano Olivetti si
            sta ancora rivoltando nella tomba...
            sigh).CLAP, CLAP, CLAP!!!!
          • gerry scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: Talking Head
            Non c'è da meravigliarsi che chi organizza le
            notizie faccia un profitto e chi le pubblica no,
            il secondo è sostituibile, il primo no, il potere
            contrattuale è chiaro. Con buona pace di De
            Benedetti, che ha sempre avuto l'occhio troppo
            finanziario e troppo poco economico per percepire
            i cambiamenti del mercato (Adriano Olivetti si
            sta ancora rivoltando nella tomba...
            sigh).Si, è si capisce quando dice " Il motore di ricerca raccoglie 400 milioni di dollari in pubblicità senza fornire alcun prodotto ".Se non riesce a capire quale prodotto offre Google allora non ha capito nulla di internet.
          • Franky scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: Talking Head


            Non c'è da meravigliarsi che chi organizza le

            notizie faccia un profitto e chi le pubblica no,

            il secondo è sostituibile, il primo no, il
            potere

            contrattuale è chiaro. Con buona pace di De

            Benedetti, che ha sempre avuto l'occhio troppo

            finanziario e troppo poco economico per
            percepire

            i cambiamenti del mercato (Adriano Olivetti si

            sta ancora rivoltando nella tomba...

            sigh).

            Si, è si capisce quando dice " Il motore di
            ricerca raccoglie 400 milioni di dollari in
            pubblicità senza fornire alcun
            prodotto ".

            Se non riesce a capire quale prodotto offre
            Google allora non ha capito nulla di
            internet.Vedi...poi mi accusano di fare il tifo troppo spudoratamente per i modelli anglofoni...negli USA almeno capita di avere persone istruite creative e di altissimo livello come Larry Page e Sergey Brin a capo di aziende multimiliardarie...in Italia queste da aziende sono governate invece da ignoranti che non sanno nemmeno cos'e' Google...
        • fiertel91 scrive:
          Re: e che aspettano?
          - Scritto da: panda rossa
          Moriro' disperato per non poter piu' accedere
          all'indispensabile informazione che fornisce
          l'espresso,
          guarda.E magari parli senza averlo mai (o quasi) letto.
          • Franky scrive:
            Re: e che aspettano?
            - Scritto da: fiertel91
            - Scritto da: panda rossa

            Moriro' disperato per non poter piu' accedere

            all'indispensabile informazione che fornisce

            l'espresso,

            guarda.

            E magari parli senza averlo mai (o quasi) letto.o magari l'ha letto... ma legge di piu' i giornali stranieri...perche' i giornali cartacei anche quelli un po' meno faziosi...rimangono pur sempre faziosi... tieni presente che tanti anni fa...di tanto in tanto compravo anch'io la Repubblica ed il Corriere della Sera ed ogni tanto pure "La stampa"... ecco perche' sappiamo che benche' la qualita' de "la Repubblica" sia mediamente piu' alta di altre testate cartacee...questa qualita' e' limitata dalla faziosita' dei "giornalisti professionisti italiani" della stampa politicizzata...il fatto che patteggino per il PD anzicche' per il PDL non vuol dire che siano meno politicizzati di altri...distorcono sempre le notizie in un senso o nell'altro...la tv di stato raramente un giornale italiano la chiama "tv di stato" la chiamano "servizio pubblico"...raramente senti parlare del "Movimento cinquestelle" o del "partito pirata svedese" se non ad elezioni concluse.... e raramente li vedi difendere la liberta' di opinione e di espressione in rete se mai il contrario...quindi perche' leggere questa roba...quando il mondo e' pieno di informazioni indipendenti a cui chiunque puo' accedere facilmente ? Perche' prendere l'intermediario che ci fa una telecronaca faziosa quando possiamo attingere direttamente alle fonti originali delle notizie ai protagonisti ai diretti interessati ? Perche' devo leggere quello che fa Fini o che fa Grillo o che fa Google da "la Repubblica" quando lo posso sapere direttamente dai video di Fini di Grillo e di Google su youtube o sui loro siti personali,aziendali e sui loro blog...? Perche' devo leggere una notizia distorta dalle loro opinioni...quando posso leggermi i variegati commenti presenti in rete e posso esprimere la mia personale opinione sulle notizie e sui fatti ?
          • fiertel91 scrive:
            Re: e che aspettano?
            Anche tu non fai distinzione tra la Repubblica e l'Espresso: il primo è un quotidiano forse di maggiore qualità rispetto agli altri ma pur sempre italiano nella sostanza, ovvero un manipolo di articolisti troppo spesso più attenti all'effetto politico/pubblicitario di quel che scrivono piuttosto che interessati a far informazione; il secondo uno dei pochissimi residui di giornalismo d'inchiesta sopravvissuti.Non è una differenza da poco. Per questo chiedevo a chi non faceva distinzioni se sapeva di cosa stava parlando.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: e che aspettano?
        No, la prendo da Google.Anche perchè mi sembra molto più affidabile, come fonte.
Chiudi i commenti