Il mio nome è Windows, Windows 64 bit

Microsoft svela nomi e date di uscita di Windows a 64 bit, una piattaforma in grado di supportare il nuovo chippone di Intel e iniziare la scalata verso il mondo enterprise ancora dominato dai sistemi Unix


Milano – Dopo l’ annuncio dell’entrata in fase di testing delle versioni di Windows XP a 64 bit, Microsoft svela ora maggiori dettagli sulle prime release di Windows in grado di avvalersi delle nuove funzionalità dell’architettura IA-64 di Intel che ha debuttato , con Itanium, proprio poche settimane fa.

Le due edizioni di Windows XP che supporteranno Itanium saranno Windows Advanced Server Limited Edition, il cui rilascio è previsto in concomitanza con l’inizio della commercializzazione dei primi sistemi OEM basati su Itanium, e Windows XP 64-Bit Edition, la versione workstation prevista per il 25 ottobre di quest’anno.

“La piattaforma Windows a 64 bit rappresenta la scelta ideale per le aziende che desiderano sfruttare le potenzialità offerte dall’elaborazione a 64 bit con un eccellente rapporto prezzo/prestazioni e elevate caratteristiche di gestibilità, scalabilità e ampiezza del supporto hardware e software”, ha dichiarato Brian Valentine, Senior Vice President della Windows Division di Microsoft. “Microsoft è attivamente impegnata nel programma Itanium e collabora a stretto contatto con Intel, con i clienti e con i partner di settore con l’obiettivo di garantire il totale supporto di Windows per questa innovativa architettura a 64 bit e per fornire al mercato la disponibilità della piattaforma al momento del lancio dell’hardware e del software più avanzati”.

Microsoft si è detta impegnata nel collaborare attivamente con i principali produttori di computer e con gli sviluppatori di più di 300 applicazioni software per assicurare il supporto più ampio possibile da parte del settore alla nuova piattaforma Windows a 64 bit.

Gli scenari applicativi previsti dal big di Redmond per l’elaborazione a 64 bit comprendono l’e-commerce, le applicazioni database su larga scala e di data mining, le applicazioni di modellazione 3D e animazione grafica per videogiochi e film, l’analisi e la progettazione meccanica nel campo aerospaziale e automobilistico, la ricerca scientifica in campo astronomico, biologico e geografico.

In molti di questi campi Microsoft si dovrà scontrare ancora una volta con le piattaforme Linux a 64 bit che, proprio in questi giorni, sono state annunciate da Red Hat, SuSE, Mandrake ed altri distributori di spicco del noto OS free. Entrambi i sistemi dovranno vedersela con il mondo dei sistemi RISC/Unix che da anni offre piattaforme a 64 bit per il mondo enterprise.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    quasi quasi compro Windows XP...
    quasi quasi compro WindowsXP e poi denuncio la Microsoft...
    • Anonimo scrive:
      Re: quasi quasi compro Windows XP...
      - Scritto da: Whitman
      quasi quasi compro WindowsXP e poi denuncio
      la Microsoft...NON LO COMPRARE E BASTA.IL DRAGA & C. SI STANNO STROZZANDO DA SOLI.LA LORO NAVE SARA' ABBANDONATA DA TUTTI, GIA' VEDO DEI TOPI CHE STANNO ABBANDONANDO LE STIVE.
  • Anonimo scrive:
    praticamente si parla di win xp e della pak
    il succo dell'articolo è una critica alla product activation key. che dire, microsoft da una parte dispone di tecnici tra i migliori al mondo, dall'altra dovrebbe fare delle serie considerazioni di strategie di marketing.la pak è veramente una sonora stronzata, sopratutto tenendo conto del fatto che windows xp è molto bello e completo, ma non così innovativo da essere un must: oggi come oggi si sta benissimo con due partizioni win2k e winme per giocare.Matro
    • Anonimo scrive:
      Re: praticamente si parla di win xp e della pak
      E allora che ti frega della PAK di Windows XP?- Scritto da: Matro
      oggi come
      oggi si sta benissimo con due partizioni
      win2k e winme per giocare.

      Matro
  • Anonimo scrive:
    Sara la volta buona...
    ...per passare a Linux.
  • Anonimo scrive:
    E sul Mac come va?
    So che PI più che altro è un covo di linuxari ;-))ma che mi dite del Mac? E' sicuro o è un colabrodocome tutto quello che inizia per Win*?Esiste un qualcosa tipo AdAware, magari gratis?E a firewall come sta? Sapete, penso che prestopasserò alla Mela, per vari motivi, e vorreisaperne di più su che fine fanno i miei dati personali.
  • Anonimo scrive:
    Auto-Tutela della privacy
    Mi sembra giusto quanto scritto nell'articolo ed i commenti letti sino ad ora, ma come esistono i sistemi di "intrusione", esistono i sistemi di "difesa". Dovrebbe esser buona norma utilizzare programmi gratuiti come AD AWARE (http://www.lavasoft.de) che rimuovono gli spyware dal PC senza alterare il software o firewall personali gratuiti (per uso personale...) come il Zone Alarm. GLi articoli di Gibson + volte citati su PI sono sempre molto "educativi" in proposito (http://grc.com/).Ma poi siamo sicuri che il problema sia solo windows, anche unix e linux hanno i loro punti deboli :-))
  • Anonimo scrive:
    La difesa dell'individuo
    La privacy di un individuo e' fondamentale.Se un software mette in pericolo questa privacy, se legittima, l'individuo e' ampiamente autorizzato a prendere tutte le precauzioni affinche' tale diritto permanga.Percio' se un software, regolarmente acquistato, minaccia la propria privacy, non vedo perche' non si possa eliminare (o crakkare che dir si voglia) il meccanismo di raccolta dati, senza influire sulla proprieta' intellettuale.E non si dica che non si raccolgono dati sensibili, che messi assieme sono sufficienti per riconoscere qualsiasi navigatore in rete, anche se non ne conosciamo il nome. Per il momento.Scarlight
  • Anonimo scrive:
    W la coerenza :-)
    Leggevo i commenti, e mentre li leggevo, ho buttato l'occhio sul banner sopra la finestra:"Comprate Microsoft Office Xp"che scorreva :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: W la coerenza :-)
      - Scritto da: Nemo
      Leggevo i commenti, e mentre li leggevo, ho
      buttato l'occhio sul banner sopra la
      finestra:

      "Comprate Microsoft Office Xp"

      che scorreva :-)ce la spieghi?
      • Anonimo scrive:
        facile
        da spiegare non c'è molto: Nemo allude al fatto che l'articolo non sta propriamente ELOGIANDO WinXP ... piuttosto lo mette in testa ai nuovi prodotti altamente invasivi del nostro sistema e della nostra privacy ... e credo sorrida ironicametne vedendo che sullo stesso giornale convive al pubblicità che incita ad acquistarlo.Ma credo che Nemo non sappia che con tutta probabilità PI accetta un contratto con la Doubleclick per ricevere dei Banner e basta, e non QUALI banner...- Scritto da: master douglas
        - Scritto da: Nemo

        Leggevo i commenti, e mentre li leggevo,
        ho

        buttato l'occhio sul banner sopra la

        finestra:



        "Comprate Microsoft Office Xp"



        che scorreva :-)

        ce la spieghi?
        • Anonimo scrive:
          Re: facile

          da spiegare non c'è molto: Nemo allude al
          fatto che l'articolo non sta propriamente
          ELOGIANDO WinXP ... piuttosto lo mette in
          testa ai nuovi prodotti altamente invasivi
          del nostro sistema e della nostra privacy
          ... e credo sorrida ironicametne vedendo che
          sullo stesso giornale convive al pubblicità
          che incita ad acquistarlo.Ah! Ho capito. Nemo, che non paga per leggere P.i., si lamenta se questo fa pubblicita' Magari cosi' domani smette di pubblicare :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: facile

            Ah! Ho capito. Nemo, che non paga per
            leggere P.i., si lamenta se questo fa
            pubblicita'
            Magari cosi' domani smette di pubblicare :-)vsbbè, lascia perdere...
  • Anonimo scrive:
    Come non si può essere d'accordo ?
    ...con chi fa aumentare la consapevolezza di quello che la Rete è e sta diventando ?Ecco...utenti consapevoli...praticamente resistenza umana....:-)Appena posso manderò a quel paese Uindozz e penso che non sarò il solo...Cordialità.Zizio, Lecce
    • Anonimo scrive:
      Re: Come non si può essere d'accordo ?
      - Scritto da: Zizio
      ...con chi fa aumentare la consapevolezza di
      quello che la Rete è e sta diventando ?

      Ecco...utenti consapevoli...praticamente
      resistenza umana....:-)

      Appena posso manderò a quel paese Uindozz e
      penso che non sarò il solo...

      Cordialità.
      Zizio, Leccese la tua futura meta e' linux, sai a chi rivolgerti per ogni necessita'
      • Anonimo scrive:
        Re: Come non si può essere d'accordo ?


        se la tua futura meta e' linux, sai a chi
        rivolgerti per ogni necessita'Ti ringrazio in anticipo. :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Come non si può essere d'accordo ?
      - Scritto da: Zizio

      Appena posso manderò a quel paese Uindozz e
      penso che non sarò il solo...
      No. Certamente. Sarai accompagnato da una truppa di sedicenti geeks che credono che un vero SO debba per forza essere "per iniziati".Ti allontanerai dal mondo reale, ma che importa. Avrai il tuo Lego. Buona giocata. Io intanto continuerò a basare la mia professione (e il mio stipendio) su Windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: Come non si può essere d'accordo ?
        e noi staremo qui a godere vedendoti divertire davanti alle schermate blu mentre prendi per culo i tuoi clienti cercando di spiegargli di cosa si tratta.
Chiudi i commenti