Il MIT porta sul web la notte bianca

L'evento è stato seguito in tempo reale da WikiCity Rome, un sistema derivato dal sistema di analisi urbana del MIT basato sui dati provenienti dai telefoni cellulari

Roma – Sciami di persone si sono mossi sulla web-mappa della città per tutta la durata della Notte Bianca di Roma, che è andata in onda su Internet grazie a WikiCity Rome, progetto sviluppato dal MIT con la collaborazione di enti locali, Telecom Italia, Seat Pagine Gialle, Tele Spazio, Atac, Trenitalia e Repubblica.

È stato possibile seguire la Notte bianca da una mappa online che, in tempo reale, ha fornito informazioni sui vari eventi in corso, traffico, viabilità e sulla partecipazione della popolazione, utilizzando un sistema che – elaborando i dati rilevati dai ripetitori di telefonia mobile sulla localizzazione degli utenti – ha permesso di vedere la concentrazione e gli spostamenti delle persone presenti. La posizione e gli spostamenti dei mezzi pubblici sono stati invece rilevati attraverso muduli satellitari installati su bus, taxi e treni.

WikiCity Rome , la cui mappa era visibile anche da un maxischermo allestito in piazza Marconi, è frutto di uno studio del MIT per l’analisi del traffico, basato appunto sulle informazioni ottenibili dai network di telefonia mobile, che mantengono traccia di presenze e percorsi degli utenti.

Lo studio, nato con il nome di Real Time Rome , può avere molteplici applicazioni, tra cui l’ analisi del traffico circolante in una città, con la possibilità di consentire ad enti locali e aziende di trasporti di allocare la disponibilità di mezzi pubblici in modo più razionale, seguendo le esigenze di spostamento della popolazione.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • YellowT scrive:
    Nessuna maggiorazione...
    Quando Vodafone aveva lanciato il servizio poi bloccato questo doveva funzionare così:- il numero fisso funzionava solo nell'area di casa ( su quella cella quindi ). chi chiamava pagava la tariffa urbana, quindi con le varie flat fisso fisso non si pagava nulla.- Quando il telefono era fuori casa e si chiamava il numero fisso si sentiva un messaggio che avvisava del trasferi,mento a linea mobile con relativi costi
    • uguccione500 scrive:
      Re: Nessuna maggiorazione...
      Ok, bella la trovata della convergenza, ma io povero pirlotto utente sprovveduto e senza un briciolo di conoscenza della tecnologia come so dove finisce la cella che copre la mia abitazione? Non è che dietro questo piccolo dettaglio trascurabile per i più, ma poi neanche tanto direi, si nasconde una fregaturina???
  • MeX scrive:
    ma chi se ne frega!
    dateci una flat dati VERA in mobilità!Il telefono lo usa mio nonno per chiamarmi nel mio giorno del compleanno!
  • Ehi scrive:
    A questo punto...
    Elimino il fisso e mi tengo il cellulare come unico numero e faccio prima. Senza canoni ne spese inventate.
  • aghost scrive:
    Ma quanto mi costi? A saperlo!
    L'Authority dice che "chi chiamerà un utente di Unica o di Numero Fisso dovrà essere messo in grado di sapere esattamente quanto paga, soprattutto se il destinatario della telefonata non risponde da casa propria".Belle parole, ma già oggi è praticamente impossibile sapere quanto si spende chiamando un cellulare. Una volta si poteva distinguere il gestore, e la relativa tariffa, dal prefisso (si fa per dire, chi si ricorda a memoria decine di prefissi?), ma oggi con la portabilità del numero è diventato tutto un troiaio per cui nessuno quando telefona a qualcun altro sa VERAMENTE quanto spenderà.Figuriamoci cosa succederà poi quando si dovrà telefonare ad un unico telefono fisso/mobile che si sposta e che diventerà fisso o mobile (coi relativi cambi tariffari) per le imprescrutabili ragioni del gestore.http://aghost.wordpress.com/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 settembre 2007 09.36-----------------------------------------------------------
  • Tos scrive:
    Maggiorazione a chi chiama o riceve?
    Mi auguro che l'eventuale maggiorazione di costo per chi chiama un numero fisso di un telefono vodafone casa fuori dalla cella domestica, sia a carico di chi riceve e non di chi chiama.
    • burlone scrive:
      Re: Maggiorazione a chi chiama o riceve?
      Beh, visto che siamo ancora nel limbo possiamo solo fare ipotesi, ma ritengo di buonsenso pensare a una maggiorazione per chi riceve, come è stato fatto per il roaming internazionale.Vorrei conoscere però la vostra opinione sull'effettivo mercato della convergenza telefonica. Secondo voi a quanti può interessare?
      • flo scrive:
        Re: Maggiorazione a chi chiama o riceve?
        - Scritto da: burlone
        Beh, visto che siamo ancora nel limbo possiamo
        solo fare ipotesi, ma ritengo di buonsenso
        pensare a una maggiorazione per chi riceve, come
        è stato fatto per il roaming
        internazionale.
        Vorrei conoscere però la vostra opinione
        sull'effettivo mercato della convergenza
        telefonica. Secondo voi a quanti può
        interessare?maggiorazione per chi riceve? mi ricorda tanto il flop del dect.
      • pegasus2000 scrive:
        Re: Maggiorazione a chi chiama o riceve?
        - Scritto da: burlone
        Secondo voi a quanti può interessare?Non so gli altri, ma a me non frega una mazza!!! :D
      • vegetus scrive:
        Re: Maggiorazione a chi chiama o riceve?
        Puo' interessare solo se non si conosce il VoIP e non si hanno strumenti idonei ad un uso proficuo della tecnologia SIP. In altre parole... la stragrande maggioranza delle persone! :-(Anche in questo caso, senza conoscenza si e' solo preda del pescecane di turno.Certo... i contratti degli Operatori mobili italiani vietano espressamente ogni forma di terminazione. Tuttavia... non in tutti i Paesi e' vietato, eh! Basta cambiare mentalita' ed il mondo cambia, no?
Chiudi i commenti