Il notebook hi-end che amava Linux

Lenovo ha lanciato un portatile dedicato alla grafica 3D, certificato per far girare tre fra le più note distribuzioni Linux desktop commerciali

Roma – Lenovo ha lanciato un nuovo modello di notebook ultrapompato, il ThinkPad T61p, che supporta le principali distribuzioni Linux commerciali.

Pensato soprattutto per le applicazioni di progettazione e modellazione grafica 3D, il T61p è la versione “workstation” del T61 e, secondo il poduttore, si tratta del suo notebook più potente. Il sistema utilizza la piattaforma wireless Centrino Pro, un chip grafico della serie Quadro FX di Nvidia e fino a 4 GB di memoria DDR2.

Il notebook può essere ordinato con le distribuzioni Linux desktop di Novell, Red Hat e Turbo Linux, e tra le opzioni non mancano neppure Windows XP e Vista. Il prezzo del computer parte da 1.833 dollari.

Maggiori dettagli sul sistema sono forniti in questo articolo di Notebook.com .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MeX scrive:
    tanto se non fanno le flat...
    possono arrivare anche a un trilione di terabyte al pico secondo... e nessuna la sfrutta :)Vogliamo cellulare con browser VERI (tipo Safari su iPhone) e flat internet VERE, come vi sentireste a usare internet con un 56k senza tariffa flat e un browser testuale? brrrr
    • Max Moser scrive:
      Re: tanto se non fanno le flat...
      - Scritto da: MeX
      possono arrivare anche a un trilione di terabyte
      al pico secondo... e nessuna la sfrutta
      :)
      Vogliamo cellulare con browser VERI (tipo Safari
      su iPhone) e flat internet VERE, come vi
      sentireste a usare internet con un 56k senza
      tariffa flat e un browser testuale?
      brrrrin effetti è ridicolo, e queste sono sigle solo a scopo pubblicitario per fare riempire la bocca ai vari operatori, perchè se parliamo di qualità costi prestazioni siamo nel limbo del digitaldivide, sei hai una semi flat hai i minuti contati e se sfori ti "rubano" 2 euro come niente fosse, poi le prestazioni, un UMTS in italia viaggia a 45kb e un HSDPA poco più del doppio e questa la chiamano bandalarga, io la chiamerei aria fritta che costa come il caviale
      • sylvaticus scrive:
        Re: tanto se non fanno le flat...
        Concordo.. il problema è commerciale più che tecnologico.. hanno paura che se danno il vero flat perdono la gallina d'oro (ad es. con il mobile VoIP, o con i cosidetti "servizi aggiunti").. per questo tentano di tenersi i clienti (..e non chiamiamoli "utenti"..) il più stretto possibile...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 luglio 2007 13.59-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti