Il nuovo mIRC tappa le falle

Il popolare shareware per connettersi ai server IRC soffre di un megabug, che sembra però già risolto dalla versione 6.0


Ennis (Irlanda) – Il popolarissimo programma di chat mIRC contiene un seria vulnerabilità di sicurezza che potrebbe consentire ad un assalitore di far girare codice dannoso sui computer di milioni di utenti.

A scoprirlo è stato James Martin, uno sviluppatore irlandese che ha divulgato la notizia soltanto domenica, in concomitanza con il rilascio, da parte dello sviluppatore di mIRC Khaled Mardam-Bey, della nuova versione 6.0 del diffusissimo client per IRC.

Tutte le versioni precedenti alla 6.0 sono affette dal bug.

La falla consiste in un buffer overflow nel codice del programma che determina l’assegnazione del nickname quando un utente si connette ad un server IRC. Martin ha spiegato che è possibile sfruttare il bug inviando a mIRC un nickname più lungo di 200 caratteri: per forzare un utente a connettersi ad un server IRC aggressivo, Martin sostiene che l’assalitore può avvalersi di alcune pagine ed e-mail HTML costruite in modo da lanciare in automatico mIRC e connetterlo ad un determinato indirizzo IP.

E’ possibile scaricare l’ultima versione di mIRC qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    DISPOSTI A SVENDERE LA MADRE
    Anche se regalerai i tuoi SO/SW, non batterai la Sicurezza dell'Open Source.ARTICOLIMicrosoft cerca di frenare la corsa all'Open Source in Sud AfricaBill Gates allontana la minaccia dell'Open Source!Appena appresa la notizia della nascita di un movimento pro Open Source all'interno del parlamento sudafricano che proponeva di sotituire i software Microsoft con Linux e Kde, Bill Gates non ha tardato a reagire e durante un incontro con il presidente del Suf Africa Thabo Mbeki ha offerto delle condizione molto vantagiose alle istituzioni e alle scuole della nazione africana per continuare ad usare i suoi prodotti informatici.Verrano donati software a 32.000 scuole pubbliche, mentre le scuole private e le università potranno ottenere uno sconto del 90% sul prezzo di listino dei software richiesti.L'offerta di Microsoft ha riscontrato diversi pareri positivi tra i responsabili governativi sudafricani e sembra proprio che questa volta Zio Bill sia riuscito a sventare la minaccia!Potete cliccare qui per leggere un articolo su questo argomento.
    • Anonimo scrive:
      Re: DISPOSTI A SVENDERE LA MADRE
      .......
      L'offerta di Microsoft ha riscontrato
      diversi pareri positivi tra i responsabili
      governativi sudafricani.... e questi son pronti a vendersi x 1 piatto di lenticchie?
  • Anonimo scrive:
    Aderite alla PETIZIONE pro-OPEN-SOURCE
    Come è già stato detto, in Germania stanno per valutare la possibilità di passare a tecnologie Open Source nel settore pubblico limitato al Bundestag (il loro Parlamento).Per questo è da tempo iniziata una petizione, che può essere letta e firmata al sitohttp://www.bundestux.de/english.htmlChiedo a tutti i simpatizzanti dell'Open source di ADERIRE.dalla petizione non sembrano esclusi i cittadini di altri paesi comunitari come l'italia, anche se probabilmente non saranno presi in considerazione in un primo momento, quando si tratterà di valutare l'adesione nazionale tedesca. Ma in un secondo momento, quando si dovrà tenere in conto il gradimento e la diffusione internazionale delle soluzioni Open-Source, anche queste adesioni "estere" potrebbero _contare_.A noi, comunque, non costa NULLA, tranne la *conferma* via e-mail della nostra adesione.Un giorno i cittadini tedeschi interessati vorranno sicuramente fare lo stesso per noihttp://www.bundestux.de/english.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Aderite alla PETIZIONE pro-OPEN-SOURCE
      - Scritto da: zap
      Come è già stato detto, in Germania stanno
      per valutare la possibilità di passare a
      tecnologie Open Source nel settore pubblico
      limitato al Bundestag (il loro Parlamento).

      Per questo è da tempo iniziata una
      petizione, che può essere letta e firmata al
      sito

      http://www.bundestux.de/english.html

      Chiedo a tutti i simpatizzanti dell'Open
      source di ADERIRE.

      dalla petizione non sembrano esclusi i
      cittadini di altri paesi comunitari come
      l'italia, anche se probabilmente non saranno
      presi in considerazione in un primo momento,
      quando si tratterà di valutare l'adesione
      nazionale tedesca.

      Ma in un secondo momento, quando si dovrà
      tenere in conto il gradimento e la
      diffusione internazionale delle soluzioni
      Open-Source, anche queste adesioni "estere"
      potrebbero _contare_
      .

      A noi, comunque, non costa NULLA, tranne la
      *conferma* via e-mail della nostra adesione.

      Un giorno i cittadini tedeschi interessati
      vorranno sicuramente fare lo stesso per noi


      http://www.bundestux.de/english.htmlFatto.Alien
      • Anonimo scrive:
        Re: Aderite alla PETIZIONE pro-OPEN-SOURCE
        - Scritto da: Alien


        - Scritto da: zap

        Come è già stato detto, in Germania
        stanno

        per valutare la possibilità di passare a

        tecnologie Open Source nel settore
        pubblico

        limitato al Bundestag (il loro
        Parlamento).



        Per questo è da tempo iniziata una

        petizione, che può essere letta e firmata
        al

        sito



        http://www.bundestux.de/english.html



        Chiedo a tutti i simpatizzanti dell'Open

        source di ADERIRE.



        dalla petizione non sembrano esclusi i

        cittadini di altri paesi comunitari come

        l'italia, anche se probabilmente non
        saranno

        presi in considerazione in un primo
        momento,

        quando si tratterà di valutare l'adesione

        nazionale tedesca.



        Ma in un secondo momento, quando si dovrà

        tenere in conto il gradimento e la

        diffusione internazionale delle soluzioni

        Open-Source, anche queste adesioni
        "estere"

        potrebbero _contare_

        .



        A noi, comunque, non costa NULLA, tranne
        la

        *conferma* via e-mail della nostra
        adesione.



        Un giorno i cittadini tedeschi
        interessati

        vorranno sicuramente fare lo stesso per
        noi





        http://www.bundestux.de/english.html

        Fatto.
        AlienGrazie.prego tutti gli utenti LINUX, *BSD, e in generale tutto il software Open source, di aderire a quest'iniziativa.http://www.bundestux.de/english.htmlFacciamo sentire il nostro numero e le nostre ragioniRicordatevi che dopo l'adesione via web ci vuole la conferma via e-mailGrazie a tutti
  • Anonimo scrive:
    Finalmente qualcuno ha capito!
    Dal documento (CAPS aggiunti)However, government action cannot be the sole objective. Various people and institutions in South Africa, including small and large companies, are already using open software products (notably Linux and associated software tools) precisely because they already have the freedom to do so rather than because they have been prompted by government policy. THE BARE MINIMUM IS TO ENSURE THAT THIS FREEDOM IS NOT CURTAILED BY INTRODUCTION OF INAPPROPRIATE POLICY. E' tutto quello che chiediamo!
  • Anonimo scrive:
    portabilità
    ciao,riscrivo un commento (lamento?) di prima.vorrei - se possibile - sentire le vs esperienze di sviluppatori o di utilizzatori di sw.ciao!Re: Bella scoperta! di qsecofr (non registrato) del 05/02/02 (16:34)è vero, bisogna essere obiettivi,noi sviluppiamo in cobol (si, proprio quello) e con fatica ricompliamo su 5 piattaforme.con Java è decisamente meglio.il problema, per come la vedo io, è solo che ogni feature in piu' è un sacrificio alla portabilità del sw.bada bene, l'obiezione alla portabilità è (se vuoi sempre secondo me) una *mancanza* Totale di lungimiranza [e di miralanza ;
    ) ]in cobol sono state migrate tra 4 piattforme in anni diversi applicazioni che hanno continuato a funzionare grazie alla buona progettazione (PS parlo di progetti dai 5/8 anni uomo di lavoro e piu') ; non è poco.in piu' l'integrazione delle tecnologie non è cosa da poco, e non voglio fare altri commenti su questo.ciao
  • Anonimo scrive:
    Sui software professionali per Linux
    Ho letto i diversi threads in cui si obietta a Linux di non avere software avanzati per Grafica, CAD, ecc...Beh è vero sopratutto nel mio settore (hard disk recording, studio editing, ecc...)Ma il problema è Linux ?Vi siete mai chiesti perchè non esiste Photoshop per Linux (eppure per Win e Mac c'è) ?Forse sono proprio le aziende a temere il pinguino.Il mio suggerimento è chiederlo direttamente...(sto martellando di email la Sonic Foundry per convincerli a portare Vegas su Linux)Fate altrettanto, magari si smuove qualcosa !
    • Anonimo scrive:
      Re: Sui software professionali per Linux
      Puoi martellarli quanto vuoi, ma finche' non sono sicuri di un ritorno economico che controbilanci lo sforzo di fare il porting...Cmq hai ragione: il problema non e' Linux, e' la sua quota di utenti ancora (troppo) esigua.Se le pubbliche amministrazioni iniziassero a usare Linux, allora gia' si creerebbe una base di utenti numericamente consistente... e il discorso cambierebbe!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sui software professionali per Linux
      - Scritto da: BrUtE AiD
      Forse sono proprio le aziende a temere il
      pinguino.Non è che lo temono, è che se ne fregano purtroppo. Hai ragionissima: fare per esempio un PhotoShop per Linux non sarebbe assolutamente un problema, solo che probabilmente rovinerebbe degli accordi tra Adobe e Microsoft :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sui software professionali per Linux
        - Scritto da: Hakkar
        Non è che lo temono, è che se ne fregano
        purtroppo...Quali sistemi di calibrazione del colore esistono per linux?
        • Anonimo scrive:
          Re: Sui software professionali per Linux
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: Hakkar


          Non è che lo temono, è che se ne fregano

          purtroppo...

          Quali sistemi di calibrazione del colore
          esistono per linux?Ma li leggi i post o scrivi risposte a caso ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Sui software professionali per Linux
      - Scritto da: BrUtE AiD
      Forse sono proprio le aziende a temere il
      pinguino.Ipotesi interessante.Io non credo. Secondo me piu` che altro e` che ad alcune software house non conviene sviluppare per linux che non ha molto mercato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sui software professionali per Linux
        - Scritto da: stupito


        - Scritto da: BrUtE AiD

        Forse sono proprio le aziende a temere il

        pinguino.

        Ipotesi interessante.
        Io non credo. Secondo me piu` che altro e`
        che ad alcune software house non conviene
        sviluppare per linux che non ha molto
        mercato......che non aveva (please).....che non aveva....
        • Anonimo scrive:
          Re: Sui software professionali per Linux
          - Scritto da: Alien
          .....che non aveva (please).....che non
          aveva....Perche' negli ultimi 10 min. il 50% degli utenti di PC ha cambiato sistema operativo?Linux e` sempre al 3 - 4% di utenza. E credo che se la cosa si restringesse ai grafici la percentuale diminuirebbe ancora. Chi glielo fa fare alle software house di sviluppare programmi di grafica professionale per linux?In altre aree dell'informatica sicuramente linux e` piu` diffuso: programmazione, lato server, &c...Inoltre linux ora come ora e` pronto ad entrare nella P.A., disponendo di tutto il software necessario a basso costo.Stavo semplicemente replicando all'affermazione: ``le grandi aziende temono linux'' che mi sembra un po' esagerata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sui software professionali per Linux
            - Scritto da: stupito


            - Scritto da: Alien

            .....che non aveva (please).....che non

            aveva....

            Perche' negli ultimi 10 min. il 50% degli
            utenti di PC ha cambiato sistema operativo?
            Linux e` sempre al 3 - 4% di utenza.Sì, è vero, ma non c'erano alternative al monopolio di uno che ti vende il nulla; senza entrare nel merito dei suoi SO/SW che immagino sappia come la penso, ti vende il nulla x il semplice fatto che paghi profumatamente solo LICENZE capestro. E credo
            che se la cosa si restringesse ai grafici la
            percentuale diminuirebbe ancora. Chi glielo
            fa fare alle software house di sviluppare
            programmi di grafica professionale per
            linux?Il mercato più libero che si prospetta.
            In altre aree dell'informatica sicuramente
            linux e` piu` diffuso: programmazione, lato
            server, &c...
            Inoltre linux ora come ora e` pronto ad
            entrare nella P.A., disponendo di tutto il
            software necessario a basso costo.

            Stavo semplicemente replicando
            all'affermazione: ``le grandi aziende temono
            linux'' che mi sembra un po' esagerata.Su questo concordo, come concordo che le maggiori SW svincolate e indipendenti da Micrisoft (ne esistono? boh?), non hanno sviluppato x LINUX per totale mancanza di mercato, cosa che ora sta cambiando.
  • Anonimo scrive:
    Bella scoperta!
    Della serie: anche in Sud Africa si sono resi conto che non ha senso spendere fior di soldoni per un os (e relativo software) avido di risorse (e via a spender soldi in continui aggiornamenti hardware), instabile, insicuro, e chi più ne ha più ne metta, quando c'è a disposizione linux che offre molto di più in termini di (efficienza, stabilità, sicurezza...) ad un costo quasi nullo.Lo so che Linux non è ancora la soluzione definitiva per tutti (penso a chi fa grafica...), ma per le P.A. certamente lo è: la suite StarOffice non ha nulla in meno rispetto a quella M$ (a parte i crash, quello si); la sicurezza offerta da Linux non ha paragoni rispetto a Win; stessa cosa dicasi per la stabilità.Insomma, perchè le P.A. (e quindi, in ultima analisi, *NOI*) dovrebbero spendere tutti 'sti soldoni, quando per i loro compiti c'è già un OS potente, sicuro, economico a dispozione?In Sud Africa finalmente ci sono arrivati.In Italia dubito che ciò potrà accadere, per lo meno nel breve periodo: sono troppo forti le pressioni delle lobby (non dimentichiamoci che chi duplica un software va al gabbio, quando uno che sevizia fino a farlo morire un animale rischia al più una multa...).Allora sta a noi, nel nostro piccolo, iniziare a cambiare le cose, affinchè Linux possa finalmente affermarsi come uno standard e non un OS per pochi smanettoni: vedrete che allora inizieranno anche ad affacciarsi sul mercato validissimi programmi per grafica (stando all'esempio) destinati al mondo Linux.Per una volta, diamo potere alla libertà, e non ai soldi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella scoperta!
      Concordo su tutto :) Finalmente qlcn che fa un'analisi seria :) Cmq hai ragione: qui in Italia stiamo peggio che in SudAfrica, soprattutto ora con Stanca come ministro dell'innovazione tecnologica, brrrrrr... :P
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella scoperta!

      Per una volta, diamo potere alla libertà, e
      non ai soldi.concordo in pieno
    • Anonimo scrive:
      Re: Bella scoperta!
      Bisogna essere obiettivi:star office ha molte cose da invidiare a office,come l'integrazione di strumenti di groupware, il suppoto trasparente all'XML ed al WebDAV, per quanto riguarda la pesantezza poi...siamo onesti a me sembra più pesante di office (sulla stessa macchina).Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici del pinguino mai nominare le features avanzate...a loro basta il telnet con il VI ;-))
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella scoperta!
        - Scritto da: Ginko
        Bisogna essere obiettivi:
        star office ha molte cose da invidiare a
        office,
        come l'integrazione di strumenti di
        groupware, il suppoto trasparente all'XML ed
        al WebDAV, per quanto riguarda la pesantezza
        poi...siamo onesti a me sembra più pesante
        di office (sulla stessa macchina).è GRATIS, e le tue "chicche" non servono a tutti(peraltro la storia dell'XML la gestisce anche Staroffice)ripeto: StarOffice e' GRATIS, msoffice NO
        Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici
        del pinguino mai nominare le features
        avanzate...avanzate dal piatto che microsoft butta ai suoi utenti
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella scoperta!
        è vero, bisogna essere obiettivi,noi sviluppiamo in cobol (si, proprio quello) e con fatica ricompliamo su 5 piattaforme.con Java è decisamente meglio.il problema, per come la vedo io, è solo che ogni feature in piu' è un sacrificio alla portabilità del sw.bada bene, l'obiezione alla portabilità è (se vuoi sempre secondo me) una *mancanza* Totale di lungimiranza [e di miralanza ;
        ) ]in cobol sono state migrate tra 4 piattforme in anni diversi applicazioni che hanno continuato a funzionare grazie alla buona progettazione (PS parlo di progetti dai 5/8 anni uomo di lavoro e piu') ; non è poco.in piu' l'integrazione delle tecnologie non è cosa da poco, e non voglio fare altri commenti su questo.ciao- Scritto da: Ginko
        Bisogna essere obiettivi:
        star office ha molte cose da invidiare a
        office,
        come l'integrazione di strumenti di
        groupware, il suppoto trasparente all'XML ed
        al WebDAV, per quanto riguarda la pesantezza
        poi...siamo onesti a me sembra più pesante
        di office (sulla stessa macchina).

        Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici
        del pinguino mai nominare le features
        avanzate...a loro basta il telnet con il VI
        ;-))se sono avanzate le mettimo via per domani ;-))!(non sono fanatico!)
        • Anonimo scrive:
          Re: Bella scoperta!
          - Scritto da: qsecofr

          Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici

          del pinguino mai nominare le features

          avanzate...a loro basta il telnet con il
          VI

          ;-))
          se sono avanzate le mettimo via per domanima le paghi OGGI
          ;-))!
          (non sono fanatico!)ma spendaccione sì!
          • Anonimo scrive:
            Re: Bella scoperta!
            scusa se forse dopo non ti rispondo,- tra poco torno al lavoro perche' qua butto via il mio tempo, almeno sto inzindo a credere... - primo: non voglio insegnarti nulla, forse dovrei imparare da te secondo: io non rispondo alle domande eliminando il contesto.spero ti sia accorto dell'ironia nella risposta,pero'.....PERche' mi dai dello spendaccione?che senso ha? perche' leggi due parole e rispondi cosi' di fretta? magari gli altri possono pensare che rispondi senza pensare, e rendi il tuo pensiero, anche corretto, molto superficiale.PS: leggi tutto il mex, forse cambi ideaciao- Scritto da: zap


            - Scritto da: qsecofr



            Ma dimenticavo che se si parla ai
            fanatici


            del pinguino mai nominare le features


            avanzate...a loro basta il telnet con
            il

            VI


            ;-))

            se sono avanzate le mettimo via per domani

            ma le paghi OGGI


            ;-))!



            (non sono fanatico!)

            ma spendaccione sì!
          • Anonimo scrive:
            Re: Bella scoperta!
            - Scritto da: qsecofr
            scusa se forse dopo non ti rispondo,rilassati. Il commento era sherzoso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella scoperta!
        Su questo devo dare ragione ai super linfanatici: Quale percentuale di gente che usa MSOffice pensi che usi le "funzioni avanzate" ??? Lo 0,01% ? Pensi che la gente nella PA si metta a utilizzare le funzioni XML ? Word, Excel, etc...sono usati primariamente per funzioni semplici (e non dirmi che usi FrontPage per fare un sito professionale, arghhhh!) :) Quindi StarOffice va benissimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Bella scoperta!
        - Scritto da: Ginko
        Bisogna essere obiettivi:
        star office ha molte cose da invidiare a
        office, come l'integrazione di strumenti di
        groupware, il suppoto trasparente all'XML ed
        al WebDAV...Penso che tu non abbia letto bene il mio intervento.Queste features che lo StarOffice dovrebbe invidiare alla suite M$ non hanno alcuna utilità nella P.A., o potrebbero averla solo in casi limite: in altre parole, nel 99% degli uffici non servono tutte queste funzioni.Ma allora, perchè pagare fior di soldoni (ti ricordo che siamo noi a pagare tutto ciò tramite le tasse) migliaia e migliaia di licenze Office, quando le stesse cose le si potrebbero benissimo fare con lo StarOffice 'a gratis'?In Sud Africa la classe politica è stata onesta, non si è piegata alle pressioni (chiamiamole così...) delle lobby, e quindi è arrivata a questa ovvia verità.
        per quanto riguarda la pesantezza
        poi...siamo onesti a me sembra più pesante
        di office (sulla stessa macchina).E' una tua opinione. La mia è diversa.
        Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici
        del pinguino mai nominare le features
        avanzate...a loro basta il telnet con il VI
        ;-))Non mi ritengo un fanatico del pinguino (il mio nick non ha nulla a che fare con Linux: mi chiamano così dalla 3a elementare... che sia un segno del destino!).Come detto nel post che ha aperto questo thread, ci sono campi in cui l'uso *esclusivo* di Linux è tuttora improponibile.Penso di essere obiettivo, e con obiettività mi sento di affermare in piena coscienza che se le P.A. passassero a Linux avrebbero la possibilità di fare tutto ciò che fanno adesso, e anche di farlo meglio, perchè con più sicurezza, più stabilità, e soprattutto con minori costi. Ma penso anche che sia proprio questo il problema, i minori costi... Minori sono i costi, meno c'è da mangiare. E io pago...
        • Anonimo scrive:
          Re: Bella scoperta!
          L'integrazione con gli strumenti di groupware è fondamentale nelle intranet evolute per condividere i documenti. Te lo vedi il dipendente della PA che fa l'upload? e magari usa FTP?Se win.office pubblica i documenti in intranet e sul web con un solo clic perchè considerare questa funzione inutile?- Scritto da: Gino_Pinguino
          - Scritto da: Ginko

          Bisogna essere obiettivi:

          star office ha molte cose da invidiare a

          office, come l'integrazione di strumenti
          di

          groupware, il suppoto trasparente all'XML
          ed

          al WebDAV...

          Penso che tu non abbia letto bene il mio
          intervento.
          Queste features che lo StarOffice dovrebbe
          invidiare alla suite M$ non hanno alcuna
          utilitа nella P.A., o potrebbero averla solo
          in casi limite: in altre parole, nel 99%
          degli uffici non servono tutte queste
          funzioni.
          Ma allora, perchи pagare fior di soldoni (ti
          ricordo che siamo noi a pagare tutto ciт
          tramite le tasse) migliaia e migliaia di
          licenze Office, quando le stesse cose le si
          potrebbero benissimo fare con lo StarOffice
          'a gratis'?
          In Sud Africa la classe politica и stata
          onesta, non si и piegata alle pressioni
          (chiamiamole cosм...) delle lobby, e quindi
          и arrivata a questa ovvia veritа.


          per quanto riguarda la pesantezza

          poi...siamo onesti a me sembra piщ pesante

          di office (sulla stessa macchina).

          E' una tua opinione. La mia и diversa.


          Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici

          del pinguino mai nominare le features

          avanzate...a loro basta il telnet con il
          VI

          ;-))

          Non mi ritengo un fanatico del pinguino (il
          mio nick non ha nulla a che fare con Linux:
          mi chiamano cosм dalla 3a elementare... che
          sia un segno del destino!).
          Come detto nel post che ha aperto questo
          thread, ci sono campi in cui l'uso
          *esclusivo* di Linux и tuttora
          improponibile.
          Penso di essere obiettivo, e con obiettivitа
          mi sento di affermare in piena coscienza che
          se le P.A. passassero a Linux avrebbero la
          possibilitа di fare tutto ciт che fanno
          adesso, e anche di farlo meglio, perchи con
          piщ sicurezza, piщ stabilitа, e soprattutto
          con minori costi.
          Ma penso anche che sia proprio questo il
          problema, i minori costi... Minori sono i
          costi, meno c'и da mangiare. E io pago...
  • Anonimo scrive:
    Un'altra cosi' e BUSH ....
    Un'altra cosi' e a Bush gli tocca trovare qualche campo di terroristi pure la e andare a bombardarli.
  • Anonimo scrive:
    Mandela e l'information age
    Vi ricordate lo spot della Telecom con Mandela che si augurava l'avvento dell'era dell'informazione per il suo popolo e per tutti?Forza Sud-Africa è la volta buona, non c'è no-global che possa resisterti! E intanto Bill si allea con Bono Vox...
  • Anonimo scrive:
    IL VENTO E' ORMAI LEVATO
    Nessuno potrà fermare il vento di libertà, di sicurezza, di concorrenza aperta e leale, di risparmio economico, rappresentato dai SO/SW OPEN SOURCE.Solo ciechi, sordi o particolarmente interessati a DRAGARE SACCOCCE possono affermare il contrario.Difficile sarà per le Pubbliche Amministrazioni giustificare indirizzamenti e scelte di SO/SW proprietari con i relativi esborsi economici quando qualcuno chiederà conto di quelle scelte.Difficile giustificare costi e scarsità di sicurezza quando ormai ci sono SW OPEN SOURCE molto più potenti dei simili proprietari, ovviamnte molto più sicuri, e adesso anche facili da usare e con una curva di apprendimento accettabile nel periodo di transizione; (paragono la suite WIN-OFFICE con la suite STAR5 e a breve STAR6 di Sun-Microsistem).Non parlo delle Aziende Private, libere di scornarsi dove vogliono col management che si ritrovano, ma anche qui sarà bene valutare bene le scelte sia dal lato Server che da quello Client.Ricordo che LINUX è ANCHE x DESK-TOP.bye from Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
      urka è tornato....dho!
    • Anonimo scrive:
      Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
      - Scritto da: Alien
      IL VENTO E' ORMAI LEVATOInfatti!E le pere cotte sono sotto vento!CHE PUZZA!
    • Anonimo scrive:
      Se po' fa, se po'.......
      Ma te rendi conto che se er Dragasaccoce finisce male dopo Enron, chi vuoi che paghi piu' la campagna presidenziale dei Repubblicani.
      • Anonimo scrive:
        Re: Se po' fa, se po'.......
        - Scritto da: Gore
        Ma te rendi conto che se er Dragasaccoce
        finisce male dopo Enron, chi vuoi che paghi
        piu' la campagna presidenziale dei
        Repubblicani.Te o dico io chi jea paga......er Bin Laden.ahahahahahaahahahahaahahahahahahaahahahahahahah
      • Anonimo scrive:
        Re: Se po' fa, se po'.......
        Per la cronaca: M$ non ha finanziato la campagna presidenziale repubblicana ma ha fornito ai repubblicani ben prima dell'inizio della campagna presidenziale PC con preinstallato il suo o.s. e i suoi più importanti programmi (così adesso CIA ed NSA grazie alle varie backdoors di win, potranno controllare meglio l'attività di una parte del parlamento USA: quello repubblicano).Poi, la compagnia Texana del petrolio la Enron, non ha finanziato solo i repubblicani, ma democratici e repubblicani, nonchè la campagna presidenziale di Bush.
        • Anonimo scrive:
          Re: Se po' fa, se po'.......
          Si, la Enron ha finanziato anche i democratici, solo che la proporzione dei finanziamenti tra repubblicani e democratici e' 3:1
    • Anonimo scrive:
      Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO

      Ricordo che LINUX è ANCHE x DESK-TOP.
      bye from Alien.sono contento che ci sia un qualcosa tipo office, ma a parte le fatturine?
      • Anonimo scrive:
        Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
        - Scritto da: e mo'?


        Ricordo che LINUX è ANCHE x DESK-TOP.

        bye from Alien.
        sono contento che ci sia un qualcosa tipo
        office, ma a parte le fatturine?Star Office non fa solo ....fatturine, ma fa tutti i lavori richiesti in un ambito di ufficio come e meglio della suite WIN-OFFICE.Vuoi il CAD? C'i sono programmi CAD bi e tridimensionali.Vuoi Internet, LINUX è Intenet.Insomma, voglio dire che un' alternativa valida c'è.Se poi, vuoi qualcosa di particolare, ....che cosa vuoi?
        • Anonimo scrive:
          Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO


          Se poi, vuoi qualcosa di particolare,
          ....che cosa vuoi?
          mi inserisco io: come grafico non trovo nulla su Linux che faccia la caso mio (come discutevamo l'altro giorno...). Per me e quelli come me Linux non può essere preso in considerazione (ma neanche Win se è per questo...)
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Torpedine




            Se poi, vuoi qualcosa di particolare,

            ....che cosa vuoi?


            mi inserisco io: come grafico non trovo
            nulla su Linux che faccia la caso mio (come
            discutevamo l'altro giorno...). Per me e
            quelli come me Linux non può essere preso in
            considerazione (ma neanche Win se è per
            questo...)C'è GIMP in LINUX, se non ti basta, fatti fare un SW ad hoc e pagatelo.Se te lo fai fare apposta, te lo possono confezionare x qualsiasi piattaforma SO.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Alien


            - Scritto da: Torpedine







            Se poi, vuoi qualcosa di particolare,


            ....che cosa vuoi?




            mi inserisco io: come grafico non trovo

            nulla su Linux che faccia la caso mio
            (come

            discutevamo l'altro giorno...). Per me e

            quelli come me Linux non può essere preso
            in

            considerazione (ma neanche Win se è per

            questo...)

            C'è GIMP in LINUX, se non ti basta, fatti
            fare un SW ad hoc e pagatelo.
            Se te lo fai fare apposta, te lo possono
            confezionare x qualsiasi piattaforma SOMa dài, lo sai che il bello del sistema monopolistico è quello della copia pirata libera per tutti (e poi dicono che LINUX è comunista. Ma Komuni$ti sono i win-maniac!)
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: zap
            Ma dài, lo sai che il bello del sistema
            monopolistico è quello della copia pirata
            libera per tutti (e poi dicono che LINUX è
            comunista. Ma Komuni$ti sono i win-maniac!)Mi chiedo: è possibile commentare un articolo che parla di OpenSource senza scadere nelle guerre sante ? E lo dico sia a i winmaniac che ai linmaniac: l'articolo è sulle possibilità che l'OpenS offre ai paesi del 3° mondo per recuperare lo svantaggio tecnologico che hanno sull'"occidente". Possibile che non si riesca a parlare di questo senza che esca qualcuno che dica "Il mio SO ce l'ha + grosso del tuo ?"Sorry x lo sfogo.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Torpedine
            mi inserisco io: come grafico non trovo
            nulla su Linux che faccia la caso mio (come
            discutevamo l'altro giorno...). Per me e
            quelli come me Linux non può essere preso in
            considerazione (ma neanche Win se è per
            questo...)Hai ragione, ora come ora non ci sono soluzioni superprofessionali per la grafica sotto Linux. Ma se Linux inizia a diffondersi capillarmente, allora ci sara' interesse a sviluppare soluzioni adatte.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO


            Hai ragione, ora come ora non ci sono
            soluzioni superprofessionali per la grafica
            sotto Linux. Ma se Linux inizia a
            diffondersi capillarmente, allora ci sara'
            interesse a sviluppare soluzioni adatte.questa è una risposta sensata, per cui riparto da qui: il fatto che l'open source venga scelto da nazioni in via di sviluppo potrà portare allo sviluppo di applicazioni per tutti (che, di fatto, adesso mancano del tutto) e mi fa piacere, per ora però in molti campi importanti il software manca completamente.Forse lo stimolo verrà dal terzo mondo, perché nei paesi ricchi è molto più comodo (e produttivo) servirsi di software commerciali.riguardo ad Alien: GIMP non copre nemmeno il 20 % dei bisogni di un grafico professionista (e lo conosco, ce l'ho sulla mia macchina). Inoltre hai idea di quanto costi lo sviluppo di un programma della categoria di Photoshop? Mi sa che qui si chiacchiera parecchio, ma con le idee un po' confuse...riguardo a ZAP, il tuo intervento è abbastanza qualunquistico, io il software lo compro perché ci lavoro e me lo ripago, non sono un fighetto che si atteggia a professionista... immagino comunque che sia una reazione classica per sopperire alla mancanza di argomenti...PS -OT, ultimamente PI va pianissimo: sarà il caso di buttare 'ste ASP del menga e passare a qualcosa di serio? (o cambiare in PH: Punto Hobbistico?)
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Torpedine
            Forse lo stimolo verrà dal terzo mondo,
            perché nei paesi ricchi è molto più comodo
            (e produttivo) servirsi di software
            commerciali.Speriamo, perchè qui nel "Primo Mondo" siamo tutti impegnati a fregarci a vicenda purtroppo. Speriamo che ancora una volta i nostri Fratelli più sfortunati ci facciano capire qual è il modo "giusto".
            riguardo ad Alien: GIMP non copre nemmeno il
            20 % dei bisogni di un grafico
            professionista (e lo conosco, ce l'ho sulla
            mia macchina). Inoltre hai idea di quanto
            costi lo sviluppo di un programma della
            categoria di Photoshop? Mi sa che qui si
            chiacchiera parecchio, ma con le idee un po'
            confuse...Spero che a te credano. Io lo dico sempre che Gimp non è all'altezza, ma loro continuano a dire "C'è GIMP". Chiaro, per fare fotoritocco hobbystico va benissimo, ma per i professionisti no. E l'idea di farsi sviluppare un software ad hoc è assurda: non potrebbe cmq importare, se non con spese assurde, formati proprietari, che sono necessari. Rimane ovvio però che per l'uso comune da ufficio invece Linux è pieno di programmi, per esempio StarOffice o OpenOffice non sono certo da meno del costoso e mastodontico Microsoft Office.
            riguardo a ZAP, il tuo intervento è
            abbastanza qualunquistico, io il software lo
            compro perché ci lavoro e me lo ripago, non
            sono un fighetto che si atteggia a
            professionista... immagino comunque che sia
            una reazione classica per sopperire alla
            mancanza di argomenti...Giusto :)
            PS -OT, ultimamente PI va pianissimo: sarà
            il caso di buttare 'ste ASP del menga e
            passare a qualcosa di serio? (o cambiare in
            PH: Punto Hobbistico?)Me ne sono accorto anche io. Inoltre alcune volte risulta offline. Che stiano facendo qualche lavoro segreto ? O è la GdF che si intrufola ? :P
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO

            Me ne sono accorto anche io. Inoltre alcune
            volte risulta offline. Che stiano facendo
            qualche lavoro segreto ? O è la GdF che si
            intrufola ? :Pmutande di bandone per tutti?
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            Per ciò che conosco (la grafica non mi interessa), Gimp copre allo stesso livello l'80% delle funzioni di Photoshop, almeno.Ergo si può usare anche in grafica professionale, almeno fin quando non ti serve assolutamente quel 20% di differenza: tant'è vero che ci sono ottimi libroni su Gimp in liberia, per grafici professionali.Dato il numero di lic. che una soluzione closed richiede (soprattutto poi se su win) per un'attività professionale, per fare questo e quello, non mi sembra da poco poter fare una parte (la maggior parte) di attività professionale grafica, senza spendere in licenze.
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: BSD_like
            Per ciò che conosco (la grafica non mi
            interessa), Gimp copre allo stesso livello
            l'80% delle funzioni di Photoshop, almeno.
            Ergo si può usare anche in grafica
            professionale, almeno fin quando non ti
            serve assolutamente quel 20% di differenza:Poiché conosco tutti e due i programmi, di dico che non stai parlando con cognizione di causa: GIMP, solo col fatto di non lavorare in quadricromia, non serve ai professionisti.Inoltre non c'è niente di paragonabile a Illustrator, Freehand, InDesign, QuarkXpress.Come vedi gli strumenti sono tanti, e mancano tutti
            Dato il numero di lic. che una soluzione
            closed richiede (soprattutto poi se su win)
            per un'attività professionale, per fare
            questo e quello, non mi sembra da poco poter
            fare una parte (la maggior parte) di
            attività professionale grafica, senza
            spendere in licenze.I programmi di grafica costano tanto perché producono tanto: Quark Xpress costa 3 4 milioni, ovvero il prezzo di un paio di brochure... per chi ci lavora davvero comperare le licenze NON è un problema.Resta più difficile ammortizzare polpettoni come WORD, ma per quello le alternative ci sono...
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Torpedine
            questa è una risposta sensata, per cui
            riparto da qui: il fatto che l'open source
            venga scelto da nazioni in via di sviluppo
            potrà portare allo sviluppo di applicazioni
            per tutti (che, di fatto, adesso mancano del
            tutto) e mi fa piacere, per ora però in
            molti campi importanti il software manca
            completamente.Hai ragione:- Grafica professionale- CAD- Gestionali in quattro click (quelli schifosi)- Videogiochi(tutte cose di cui faccio a meno...)Pero` nell'articolo si parla di colmare il gap tecnologico dei paesi in via di sviluppo. E quello che c'e` ora su linux dovrebbe essere sufficiente per cominciare.Come ha detto qualcuno, se linux comincia ad essere molto diffuso nei paesi in via di sviluppo qualcuno decidera` di scrivere programmi che chiudano queste carenze di linux.
            Inoltre hai idea di quanto
            costi lo sviluppo di un programma della
            categoria di Photoshop?Anche scrivere un intero sistema operativo + i driver per la maggior parte delle periferiche e` un lavoraccio, non significa che non si possa fare.
            PS -OT, ultimamente PI va pianissimo: sarà
            il caso di buttare 'ste ASP del menga e
            passare a qualcosa di serio?Io non riesco piu` ad aprire il forum panel (ho provato con due ISP diversi).
        • Anonimo scrive:
          Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
          - Scritto da: Alien
          Vuoi il CAD? C'i sono programmi CAD bi e
          tridimensionali.---------------------------------------------------------------Fammi dei nomi e in quali siti posso reperire informazioni. Sono più che soddisfatto del MacOS sia classic che X e trovo tutto quello che mi serve per lavorare, ma nella vita non si sa mai.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
            - Scritto da: Vito
            - Scritto da: Alien

            Vuoi il CAD? C'i sono programmi CAD bi e

            tridimensionali.
            ---------------------------------------------
            Fammi dei nomi e in quali siti posso
            reperire informazioni. Sono più che
            soddisfatto del MacOS sia classic che X e
            trovo tutto quello che mi serve per
            lavorare, ma nella vita non si sa mai.

            CiaoQcad e Varicad, provali se non hai particolri esigenze sofisticate.Anche se sul CAD, i SW x LINUX devono recuperare in fretta parecchio terreno.
        • Anonimo scrive:
          CAD?
          - Scritto da: Alien



          Vuoi il CAD? C'i sono programmi CAD bi e
          tridimensionali.
          Hey Alien, per una volta, una sola volta, ti devo contraddire: per Linux NON ESISTE un valido cad 3D. Nel 2D c'e' pochissimo (Qcad e' ancora troppo giovane).Mi parlavano di MicroStation, ma la versione Linux e' solo per educational e neppure facilmente recuperabile...Se mi sbaglio, beh, ditemelo che mi corro ad aggiornare...
          • Anonimo scrive:
            Re: CAD?
            - Scritto da: wishmerhill


            - Scritto da: Alien









            Vuoi il CAD? C'i sono programmi CAD bi e

            tridimensionali.



            Hey Alien, per una volta, una sola volta, ti
            devo contraddire: per Linux NON ESISTE un
            valido cad 3D. Nel 2D c'e' pochissimo (Qcad
            e' ancora troppo giovane).

            Mi parlavano di MicroStation, ma la versione
            Linux e' solo per educational e neppure
            facilmente recuperabile...

            Se mi sbaglio, beh, ditemelo che mi corro ad
            aggiornare...Sono d' accordo sulla gioventù dei SW-CAD x LINUX.In effetti Qcad è ancora troppo limitato, usabile, ma parecchio meno efficace di Autosketch, e Varicad 3D è anch' esso troppo limitato.Il fatto è che sino a ieri non c'è stata un produttore CAD x LINUX come AutoDesk x WIN.Ma sono fiducioso.Personalmente pagherei un buon CAD x LINUX.Più volte ho detto che quello che mi fa avviare ancora WIN-DRAGA è quando devo avviare un SW CAD.
    • Anonimo scrive:
      A Pretoria non ci sono PRETORIANI :)
      Ciao Alien!!
      • Anonimo scrive:
        Re: A Pretoria non ci sono PRETORIANI :)
        Infatti, il destino è anche spiritoso.A Pretoria c'erano leggi RAZZISTE ora ci sono Leggi che non ammettono più il RAZZISMO.Qualche Pretoriano mascherato ci sarà di sicuro anche lì, ma la tana dei PRETORIANI si trova a Redmond e nelle sue filiali sparse per il mondo come una ragnatela soffocante da bucare.- Scritto da: S.L.
        Ciao Alien!!
    • Anonimo scrive:
      Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
      Bisogna essere obiettivi:star office ha molte cose da invidiare a office,come l'integrazione di strumenti di groupware, il suppoto trasparente all'XML ed al WebDAV, per quanto riguarda la pesantezza poi...siamo onesti a me sembra più pesante di office (sulla stessa macchina).Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici del pinguino mai nominare le features avanzate...a loro basta il telnet con il VI ;-))
      • Anonimo scrive:
        Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
        - Scritto da: Ginko
        Bisogna essere obiettivi:
        star office ha molte cose da invidiare a
        office,
        come l'integrazione di strumenti di
        groupware, il suppoto trasparente all'XML ed
        al WebDAV, per quanto riguarda la pesantezza
        poi...siamo onesti a me sembra più pesante
        di office (sulla stessa macchina).

        Ma dimenticavo che se si parla ai fanatici
        del pinguino mai nominare le features
        avanzate...a loro basta il telnet con il VI
        ;-)) Tempo al tempo.Star Office è usabile come win-office da qualsiasi impiegato/a che attualmete usa win-office.L' alternativa a win-office c'è comunque, valida, gratuita o con uina frazione di costo e quando l' acquisti è tua.Personalmete lo uso e ci ho importato ance tutti i lavori precedentemente effettuati con wi.office senza particolari problemi; ha importato e visualizzato correttamete anche le clip-art di modelli di fattura.Quindi, basta usarlo e adattarsi anche ad eventuali piccole e trascurabili differenze rispetto a win-office.A breve dovrebbe uscire Star-Office 6 che promette mirabilie.Il fatto rimane, ineluttabile, imprescendibile; LINUX c'è anche x Desk-Top e ben presto, con gli attuali appoggi della comunità ed anche di grosse Aziende, ci sarà sempre di più sui Desk-Top.Ancora un pò di pazienza ci vorrà per i SW-CAD sofisticati, ma anche questa barriera cadrà a picconate.
        • Anonimo scrive:
          Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
          - Scritto da: Alien

          Ancora un pò di pazienza ci vorrà per i
          SW-CAD sofisticati, ma anche questa barriera
          cadrà a picconate.SW CAD davvero professionale per Linux, c'è. Il grosso schock è che è a pagamento, e ormai ci siamo abituati troppo bene per considerare sw non gratuito.Per esempio, i winiani dicono che non c'è niente tipo dreamweaver per linux. Vero in parte: non c'è *a pagamento*, ma la IBM per Linux fa una cosa analoga a dreamweaver che però paghi.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
      Della serie anche i crucchi hanno un cervello......OPEN SOURCEIl Bundestag sceglie Linux e Microsoft si indigna!Cresce in Germania il fronte del movimento anti-MicrosoftAl Bundestag, ovvero una delle due camere che compongono il parlamento tedesco, è stata presentata la scorsa settimana una petizione affinchè tutti i sistemi operativi e i software Microsoft fossero sostituiti con Linux e prodotti Open Source.La petizione, redatta in collaborazione da 12 persone, tra cui parlamentari e membri della comunità Open Source, è stata sottoscritta da più di 11.000 persone in soli due giorni.Tra i motivi centrali del documento c'è una presa di posizione contro il monopolio dei prodotti Microsoft, che in Germania tra web browser, client di posta e sistemi operativi si attesta sul 90%.Kurt Sibold, presidente di Microsoft Germania, ha replicato profondamente indignato affermando che questa petizione va contro i principi della democrazia e della libera concorrenza.Una decisione in merito alla sostituzione dei circa 5.000 computer Microsoft del Bundestag verrà presa a fine mese.Su IDG.net e The Register potete trovare ulteriori informazioni su questo argomento.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL VENTO E' ORMAI LEVATO
        - Scritto da: Alien
        Della serie anche i crucchi hanno un
        cervello......


        OPEN SOURCE
        Il Bundestag sceglie Linux e Microsoft si
        indigna!
        Cresce in Germania il fronte del movimento
        anti-Microsoft

        Al Bundestag, ovvero una delle due camere
        che compongono il parlamento tedesco, è
        stata presentata la scorsa settimana una
        petizione affinchè tutti i sistemi operativi
        e i software Microsoft fossero sostituiti
        con Linux e prodotti Open Source.
        La petizione, redatta in collaborazione da
        12 persone, tra cui parlamentari e membri
        della comunità Open Source, è stata
        sottoscritta da più di 11.000 persone in
        soli due giorni.
        Tra i motivi centrali del documento c'è una
        presa di posizione contro il monopolio dei
        prodotti Microsoft, che in Germania tra web
        browser, client di posta e sistemi operativi
        si attesta sul 90%.
        Kurt Sibold, presidente di Microsoft
        Germania, ha replicato profondamente
        indignato affermando che questa petizione va
        contro i principi della democrazia e della
        libera concorrenza.
        Una decisione in merito alla sostituzione
        dei circa 5.000 computer Microsoft del
        Bundestag verrà presa a fine mese.
        Su IDG.net e The Register potete trovare
        ulteriori informazioni su questo argomento.E il Parlamento Italiano cosa fa??Pubblica Amministrazione, Scuole, Comuni, etc. etc........
  • Anonimo scrive:
    Ottima cosa
    So già che probabilmente scatenerò un thread pauroso, però questa mi sembra una notizia eccezionale, la dimostrazione che il modello di sviluppo open source comincia ad essere considerato e capito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottima cosa
      se linux comincerà a diffondersi domani mi immagino gli "africani" diventare un popolo di saccenti in campo informatico e gli europei(la maggiorparte) che devono imparare.Cmq ...la rottamazione dei nostri 486 basta per far girare linux ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ottima cosa
        - Scritto da: Marco
        Cmq ...la rottamazione dei nostri 486 basta
        per far girare linux ;-)Se intendi il linux di qualche anno fa hai ragione, ma non certo le distribuzioni attuali, a meno che tu non sia un bash-maniac.Zeross
        • Anonimo scrive:
          Re: Ottima cosa
          dhò....allora non vale più una richiesta "bassa" hardware per linoz???domanda....prendendo in considerazione una macchina di cui non si conosce l'harware giusto il clock...(P100)...a questo punto faccio un bel pò prima a installarmi un w95 sbaglio?Sono inesperto di lnux...non infamatemi troppo :-Pciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            dipende dai 486 :-)fai un cluster di 20 - 30 486 e ci fai su unun pc che fa le stesse cose di un p3 (mancamo mmxsse e 3dnov (ma chi se ne frega)Vedi che il 486 funzionaUn esempio e seti@home (non proprio esempio)pero rende l'idea
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            grazie della spiegazione :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ottima cosa
          - Scritto da: Zeross
          - Scritto da: Marco

          Cmq ...la rottamazione dei nostri 486
          basta

          per far girare linux ;-)


          Se intendi il linux di qualche anno fa hai
          ragione, ma non certo le distribuzioni
          attuali, a meno che tu non sia un
          bash-maniac.o a meno che tu non abbia mai sentito parlare di Debian


          Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            o muLinux! :-)(scherzo, non è il caso)
          • Anonimo scrive:
            Debian?
            ma debian e' piu' veloce delle altre distribuzioni o e' particolarmente ottimizzata?non la ho mai provata, sotto quali aspetti e' migliore della redhat o di mandrake per esempio?
          • Anonimo scrive:
            Debian?
            ma debian e' piu' veloce delle altre distribuzioni o e' particolarmente ottimizzata?non la ho mai provata, sotto quali aspetti e' migliore della redhat o di mandrake per esempio?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ottima cosa
          Non e' mica detto.... basta mettere su una microidistribuzione (tipo MuLinux) che ha un Kernel ricompilato senza tanti fronzoli e ti va anche su un 486 e pure con un serverX.- Scritto da: Zeross
          - Scritto da: Marco

          Cmq ...la rottamazione dei nostri 486
          basta

          per far girare linux ;-)
          Se intendi il linux di qualche anno fa hai
          ragione, ma non certo le distribuzioni
          attuali, a meno che tu non sia un
          bash-maniac.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            - Scritto da: SoSe
            Non e' mica detto.... basta mettere su una
            microidistribuzione (tipo MuLinux) che ha un
            Kernel ricompilato senza tanti fronzoli e ti
            va anche su un 486 e pure con un serverX.Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo facciamo due risate in compagnia mentre aspettiamo che si carichi uno dei suoi applicativi... forse facciamo in tempo a farne pure quattro di risate.Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: SoSe

            Non e' mica detto.... basta mettere su una

            microidistribuzione (tipo MuLinux) che ha
            un

            Kernel ricompilato senza tanti fronzoli e
            ti

            va anche su un 486 e pure con un serverX.


            Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo
            facciamo due risate in compagnia mentre
            aspettiamo che si carichi uno dei suoi
            applicativi... forse facciamo in tempo a
            farne pure quattro di risate.balle.uso il mio 486 in rete con un pentium.StarOffice sta sul pentium, e con l'esportazione del display faccio quello che voglio, alla faccia di gates e delle sue licenze strozzacapponi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            - Scritto da: zap

            balle.

            uso il mio 486 in rete con un pentium.

            StarOffice sta sul pentium, e con
            l'esportazione del display faccio quello che
            voglio, alla faccia di gates e delle sue
            licenze strozzacapponi!Mah... proprio faccio fatica a capirti sai... prima dici "balle" e poi cambi lo scenario... boh...come se tu avessi detto "Col Concorde non ci si va sulla Luna" ed io ti avessi risposto "Balle. Con lo Shuttle ci si va!"...Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: zap



            balle.



            uso il mio 486 in rete con un pentium.



            StarOffice sta sul pentium, e con

            l'esportazione del display faccio quello
            che

            voglio, alla faccia di gates e delle sue

            licenze strozzacapponi!


            Mah... proprio faccio fatica a capirti
            sai... prima dici "balle" e poi cambi lo
            scenario... boh...forse sei tu che non hai alcuna fantasia, e preferisci gl scenari che fanno comodo alle tue vuote conclusioni. Adesso te lo spiego:Si parlava di eseguire programmi che consumano molte risorse su un vecchio PC. Tu affermavi "Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo facciamo due risate in compagnia mentre aspettiamo che si carichi uno dei suoi applicativi...", affermando che non fosse possibile utilizzare Staroffice su questo vecchio PC. Io ti ho dimostrato che un modo ce l'ho. E adesso infatti non ridi più. Sei sconcertato.
            come se tu avessi detto "Col Concorde non ci
            si va sulla Luna" ed io ti avessi risposto
            "Balle. Con lo Shuttle ci si va!"...Ma lo scopo non era andare sulla LUNA, e con le risorse minime?per intanto ti ho dimostrato che un modo per utilizzare StarOffice c'è, anche per client di poche risorse, e GRATUITAMENTE
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE
            - Scritto da: zap

            forse sei tu che non hai alcuna fantasia, e
            preferisci gl scenari che fanno comodo alle
            tue vuote conclusioni.
            Adesso te lo spiego:
            Si parlava di eseguire programmi che
            consumano molte risorse su un vecchio PC. Tu
            affermavi

            "Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo
            facciamo due risate in compagnia mentre
            aspettiamo che si carichi uno dei suoi
            applicativi...",

            affermando che non fosse possibile
            utilizzare Staroffice su questo vecchio PC.
            Io ti ho dimostrato che un modo ce l'ho. E
            adesso infatti non ridi più. Sei
            sconcertato.Si, sono sconcertato da come rigiri la cosa come meglio ti aggrada.Risali un attimo i vari post e vedrai che qui si parlava specificatamente di riciclare qualche vecchio 486.Non si parla di avere dei Pentium come server e usare i 486 come terminali "stupidi".Leggi con più calma la prossima volta, non farti prendere dalla fretta di rispondere che poi prendi fischi per fiaschi.Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: zap



            forse sei tu che non hai alcuna fantasia,
            e

            preferisci gl scenari che fanno comodo
            alle

            tue vuote conclusioni.

            Adesso te lo spiego:

            Si parlava di eseguire programmi che

            consumano molte risorse su un vecchio PC.
            Tu

            affermavi



            "Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo

            facciamo due risate in compagnia mentre

            aspettiamo che si carichi uno dei suoi

            applicativi...",



            affermando che non fosse possibile

            utilizzare Staroffice su questo vecchio
            PC.

            Io ti ho dimostrato che un modo ce l'ho. E

            adesso infatti non ridi più. Sei

            sconcertato.


            Si, sono sconcertato da come rigiri la cosa
            come meglio ti aggrada.infatti. io non ho nessun obbligo di compiacere alcun produttore di software, e ho la possibililà di svincolarmi dalle soluzioni stereotiopate che proponi
            Risali un attimo i vari post e vedrai che
            qui si parlava specificatamente di riciclare
            qualche vecchio 486.Ecco la TUA risposta al post di SoSe:
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE
            - Scritto da: zap

            Ecco la TUA risposta al post di SoSe:[CUT]Come già detto, parti dall'inizio, non dal post che ti fa comodo.L'inizio era il post di Marco che diceva "Cmq ...la rottamazione dei nostri 486 basta per far girare linux ;-)"Ripeto il mio invito a leggere con calma la prossima volta...Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE, ma Zeross non lo sa
            - Scritto da: Zeross
            - Scritto da: zap



            Ecco la TUA risposta al post di SoSe:
            [CUT]taglia dove vuoi.il risultato finale è comunque che TU non hai la fantasia di considerare l'uso di LINUX su un 486 in modo diverso da quello che hai proposto Ecco cosa ci faresti TU, con un 486. Se riuscissi a metterci windows, lo caricheresti con office, se ti fosse permesso installarlo.A fronte di una proposta alternativa e VERAMENTYE UTILE preferisci arroccarti sull'utilizzo isolato.La tua soluzione d'uso è sbagliata.
            Come già detto, parti dall'inizio, non dal
            post che ti fa comodo.
            L'inizio era il post di Marco che diceva
            "Cmq ...la rottamazione dei nostri 486 basta
            per far girare linux ;-)"e infatti io sul 486 ci faccio girare LINUX, e questo mi permette tutta una SERIE di SOLUZIONI cui tu non vuoi neanche considerare la validità.Rassegnati: non sono costretto, per usare StarOffice su un 486, a installarcelo! La tua "sfida" è VUOTA. La tua arma è spuntata!Il difetto che credevi di aver trovato, è AGGIRABILE. La soluzione DOGMATICA da te proposta è SUPERATA.
            Ripeto il mio invito a leggere con calma la
            prossima volta...ho letto *benissimo*. E ho colto il tuo intento di volere ridurre l'uso di LINUX su un 486 come client limitato.Non lo è. E se hai pensato altrimenti, l'errore lo fai tu.La prossima volta, quando vorrai ancora cercare i difetti in una SOLUZIONE, prova a immaginare che possono esistere MOLTE più soluzioni di quelle che tu _vorresti_ esistessero (pecché fanno piacere al tuo ego)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE, ma Zeross non lo sa
            una piccola correzione- Scritto da: zap


            - Scritto da: Zeross

            - Scritto da: zap





            Ecco la TUA risposta al post di SoSe:

            [CUT]

            taglia dove vuoi.

            il risultato finale è comunque che TU non
            hai la fantasia di considerare l'uso di
            LINUX su un 486 in modo diverso da quello
            che hai proposto

            aspettiamo che si carichi uno dei suoi
            applicativi... forse facciamo in tempo a
            farne pure quattro di risate.



            Ecco cosa ci faresti TU, con un 486. Se
            riuscissi a metterci windows, lo
            caricheresti con office, se ti fosse
            permesso installarlo.

            A fronte di una proposta alternativa e
            VERAMENTYE UTILE preferisci arroccarti
            sull'utilizzo isolato.

            La tua soluzione d'uso è sbagliata.


            Come già detto, parti dall'inizio, non dal

            post che ti fa comodo.

            L'inizio era il post di Marco che diceva

            "Cmq ...la rottamazione dei nostri 486
            basta

            per far girare linux ;-)"

            e infatti io sul 486 ci faccio girare LINUX,
            e questo mi permette tutta una SERIE di
            SOLUZIONI cui tu non vuoi neanche
            considerare la validità.

            Rassegnati: non sono costretto, per usare
            StarOffice su un 486, a installarcelo!
            La tua "sfida" è VUOTA.
            La tua arma è spuntata!
            Il difetto che credevi di aver trovato, è
            AGGIRABILE.
            La soluzione DOGMATICA da te proposta è
            SUPERATA.


            Ripeto il mio invito a leggere con calma
            la

            prossima volta...

            ho letto *benissimo*. E ho colto il tuo
            intento di volere ridurre l'uso di LINUX su
            un 486 come client limitato.perchè non deve necessariamentne essere isolato
            Non lo è.
            E se hai pensato altrimenti, l'errore lo fai
            tu.

            La prossima volta, quando vorrai ancora
            cercare i difetti in una SOLUZIONE, prova a
            immaginare che possono esistere MOLTE più
            soluzioni di quelle che tu _vorresti_
            esistessero (pecché fanno piacere al tuo
            ego)

          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE, ma Zeross non lo sa
            - Scritto da: zap

            il risultato finale è comunque che TU non
            hai la fantasia di considerare l'uso di
            LINUX su un 486 in modo diverso da quello
            che hai propostoIo ho considerato l'uso di una persona comune, la quale su ritrova con un vecchio 486, e vorrebbe utilizzarlo come macchina desktop (uso comune di un pc) con Linux. Tutto qui.
            Ecco cosa ci faresti TU, con un 486. Se
            riuscissi a metterci windows, lo
            caricheresti con office, se ti fosse
            permesso installarlo.Windows non l'ho tirato in ballo, quindi lasciamolo fuori.Ritengo un 486 totalmente inadatto all'utilizzo desktop corrente ormai.
            La tua soluzione d'uso è sbagliata.La mia soluzione???Io non ho affatto parlato di soluzioni.Tu hai parlato di soluzioni.
            e infatti io sul 486 ci faccio girare LINUX,
            e questo mi permette tutta una SERIE di
            SOLUZIONI cui tu non vuoi neanche
            considerare la validità.Tu per usare il 486 in modo comune (desktop) ti affidi ad un Pentium di supporto.Inoltre ti faccio notare che non ho affatto criticato la validità di quanto proponi, ma ho semplicemente detto che non è quello di cui stavo parlando io.
            Rassegnati: non sono costretto, per usare
            StarOffice su un 486, a installarcelo!
            La tua "sfida" è VUOTA.
            La tua arma è spuntata!
            Il difetto che credevi di aver trovato, è
            AGGIRABILE.
            La soluzione DOGMATICA da te proposta è
            SUPERATA.Non ho posto sfide, non ho affatto estratto armi, se è aggirabile il difetto quindi esiste e io non sto discutendo di soluzioni.
            ho letto *benissimo*. E ho colto il tuo
            intento di volere ridurre l'uso di LINUX su
            un 486 come client limitato.
            Non lo è.
            E se hai pensato altrimenti, l'errore lo fai
            tu.A quanto pare invece non hai letto così bene come credi...
            La prossima volta, quando vorrai ancora
            cercare i difetti in una SOLUZIONE, prova a
            immaginare che possono esistere MOLTE più
            soluzioni di quelle che tu _vorresti_
            esistessero (pecché fanno piacere al tuo
            ego)Prendi lo scenario che io ho descritto, vale a dire un bel 486 standalone (anche un DX4-100, te lo concedo), con una dotazione di ram dell'epoca di tale pc, cioè 16 Mb al massimo.Poi installaci l'ultima RedHat (per dirne una, ma potrebbe essere pure un'altra delle distro più comuni) e StarOffice.Ora non mi dire che ottieni una macchina performante per favore!Ci sono soluzioni diverse perfettamente valide (che qui sono emerse), è vero, ma usciamo dall'ambito qui descritto.Zeross
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa LINUX in RETE, ma Zeross non lo sa
            - Scritto da: zap

            Io ho una macchina come quella che dici,
            solo che è un 486DX a 40KHz. 40 MHz, naturalmente
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa
            - Scritto da: Zeross
            Sì ok, ma mettici sopra StarOffice e dopo
            facciamo due risate in compagnia mentre
            aspettiamo che si carichi uno dei suoi
            applicativi... forse facciamo in tempo a
            farne pure quattro di risate.StarOffice non ci gira su qualcosa di meno di un pentium, ma anche Ms Office 2000 profescional ha la stessa sorte.Se uno vuole proprio usare un 486 si installa una Slackware o si fa una distribuzione presonalizzata (c'e` un howto apposta, per crearsi microdistribuzioni - che non ho mai letto). E se ci vuole usare qualcosa per scrivere si butta su un programma meno peso. LyX o Abiword. E un bel gnumeric al posto di excel.Su un sistema piccolo si devono fare delle rinuncie anche sul desktop manager. Magari non ti installi Gnome o KDE ma xfce, window maker o icewm che sono facili da usare (leggi: senza file di configurazione) e abbastanza leggeri.
Chiudi i commenti