Il remake di webOS si chiama LuneOS

Lo sfortunato sistema operativo di Palm (ora LG, dopo HP) dà origine a un nuovo progetto mobile, un OS che si smarca dal facile e impossibile confronto con i colossi di settore (iOS e Android) senza promettere la Luna

Roma – Nuovo episodio nella saga infinita di webOS, il sistema operativo mobile creato da Palm, svenduto dal management pasticcione di HP e infine acquisito dalla coreana LG che ne detiene tuttora i diritti: l’OS si è reincarnato in LuneOS, progetto che mantiene un basso profilo e dice di voler continuare laddove il team originale di webOS ha lasciato.

LuneOS nasce da una costola di Open webOS – il progetto open source creato da HP a partire da webOS – ma è un sistema completamente indipendente, dicono gli sviluppatori: l’ obiettivo dichiarato è “fornire un sistema operativo gestito dalla community” e che “porta avanti quello che amavamo di webOS”.

Un confronto diretto con le ricche funzionalità a disposizione di iOS e Android è fuori questione, sostiene il team di sviluppo; piuttosto LuneOS vuole essere un sistema operativo mobile di buona qualità in grado di soddisfare le esigenze base di un ambiente mobile degno di questo nome.

La prima release ufficiale del nuovo OS si chiama “Affogato”, è in grado di girare su terminali Nexus 4, HP TouchPad, Galaxy Nexus e Nexus 7 (versione WiFi del 2012). Negli ultimi due casi, il supporto non è garantito per le future versioni a meno che qualcuno non si faccia avanti per il ruolo di mantainer .

Per il futuro gli sviluppatori di LuneOS promettono di fornire una piattaforma “stabile, facile da usare e da convertire” sui dispositivi già in commercio, piuttosto che garantire il supporto ai gadget all’ultimo grido appena usciti sul mercato.

Ma il lavoro da fare per raggiungere l’obiettivo è ancora tanto, dice il team, perché al momento un piccolo gruppo di persone è al lavoro su un “grande progetto” con ambizioni non da poco: un (bel) po’ di aiuto da parte di creativi volenterosi farebbe comodo, soprattutto sul fronte dell’interfaccia utente.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pauli scrive:
    Solito articolo innovativo
    Apple descrive le percentuali di cause di rifiuto praticamente ad ogni wwdc, non c'è nulla di nuovo.Le raccomandazioni fatte ai developer sono sempre esattamente le stesseQuesto articolo potrebbe essere, per quanto riguarda la prima parte riferita ad apple, stato scritto 4 anni fa mantenendo la stessa validità.Ma veramente ci sono così poche notizie da ritrovarsi a scrivere queste banalità o antichità? A me pare che il problema sia la eccessiva quantità di notizie potenziali da leggere mentre qui si legge che è uscito google drive qualche anno dopo la sua uscita o roba simile
  • osvaldo scrive:
    criterio unico :
    criterio unico : si può installare il rootkit di controllo USA/NSA? SI -
    pubblicataNO -
    respinta
  • Elrond scrive:
    Disconnect Mobile
    Qual'è la differenza con XPrivacy?Ah, mi semirispondo da solo: forse DM non richiede root?
Chiudi i commenti