Il social network per gli over60

E' una delle più ambiziose iniziative di e-government europee: consentire ai sempre più numerosi utenti non più giovanissimi di collegarsi tra loro e al Governo stesso. Per fare community

Roma – Il DWP ( Department for Work and Pensions ) inglese ha appena varato un suo sito di social networking , nell’intento di promuovere il dibattito tra i non più giovani e il Governo.

Questa, in sintesi, l’iniziativa, sviluppata in collaborazione tra la Hansard Society e la Generation Xperience Campaign del DWP. Al lancio del sito, i funzionari del Dipartimento si sono detti disposti ad aggiornarlo regolarmente, avviare nuove discussioni e intervenire in quelle già in atto. Non solo: vi è intendimento di collegare questo nuovo social network alle più note strutture già esistenti, quali Facebook, MySpace, YouTube e Flickr.

La decisione scaturisce dalla recente analisi sul livello di alfabetizzazione telematica, svolta dalla Generation Experience Campaign , tra le fasce d’età prese in considerazione. Lo studio ha evidenziato che, in Inghilterra, oltre la metà di tali persone dispone di accesso a Internet, per arrivare a oltre tre quarti nella fascia compresa tra 50 e 64 anni. In tale fascia, inoltre, l’analisi rivela che almeno un individuo su sei ha conquistato il campo dell’ Instant Messaging , la frequentazione dei siti di networking sociale e le chat room , mentre l’impiego della posta elettronica si avvia verso l’essere la norma, con il 37% delle persone totali che la impiegano regolarmente.
Ultimo, ma non meno importante dato emerso dallo studio, è che oltre la metà (precisamente il 56%) delle persone ha fissato tra gli obiettivi prioritari della propria “vita da pensionati” quello di imparare ad usare il computer .

Il Ministro delle Pensioni, riferisce vnunet.com , nella circostanza ha detto: “Ci sono 20 milioni di persone con più di 50 anni d’età in Inghilterra, che hanno contribuito ad un’economia fiorente, una società forte e un Paese migliore. È di vitale importanza tenere in considerazione i loro punti di vista. Con questo schema, ci avviciniamo a uno dei modelli di comunicazione che sta diventando sempre più adottato in tali fasce d’età. Se i più noti siti di social networking sono orientati agli interessi dei più giovani, (l’avvicinarsi ai loro modelli, ndr) è un modo efficace di parlare con le persone meno giovani e ascoltarle, riducendone i rischi di isolamento e promuovendo la digital inclusion “.

Non resta che augurare anche all’Italia il riprodursi di analoghe iniziative, sperando che le statistiche su alfabetizzazione telematica, isolamento degli anziani e digital divide non portino cifre troppo… diverse.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Neo123 scrive:
    IE6 su WinXP SP2
    Dimenticavo, su questo sitohttp://www.cryptohacker.com/iesucks.htmlil mio IE6 non va in crash.Ciao
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: IE6 su WinXP SP2
      - Scritto da: Neo123
      Dimenticavo, su questo sito

      http://www.cryptocoglioni.com/iesucks.htmldirei che il sito è stato spammato abbastanza per oggi...
    • Banana Joe scrive:
      Re: IE6 su WinXP SP2
      dev'essere proprio un chiodo questo vostro IE6, se un sito che non va in crash fa notizia :D
  • Neo123 scrive:
    Guida per recuperare la password
    Ciao a tutti, ho letto l'articolo m mi sembra davvero strano che si arrivi ad utilizzare addirittura questo metodo forza bruta, quando invece c'e' un modo semplice per accedere al sistema protetto con qualunque password ed i di qualcunque complessità.Tra l'altro e' un programma totalmente free e c'e 'anche una guida su come usrlo, nel rispetto delle leggi naturalmente, dato che sproteggere un sistema informatico e' illegale.Se vi interessa ecco i linkshttp://www.megalab.it/articoli.php?id=333http://home.eunet.no/%7Epnordahl/ntpasswd/Unico problema dato che la passord viene praticamente rimossa i documenti sensibili dove e' attivato EFS (Encrypting File System), presente però solo nella versione Professional di Windows XP (una soluzione analoga -a pagamento- per Windows NT/2000 è Ashampoo Privacy Protector) : una volta azzerata la password, questi documenti diverranno del tutto inutilizzabili fino a quando la password originale non verrà ripristinata. Ciao, spero di essere stato di aiuto.
  • Fantaghiro scrive:
    speriamo che LAME...
    lame.exe si serve di parecchio di quel che trova per codificare velocemente gli mp3.spero che vari altri encoder seguano questa strada
    • anonimo01 scrive:
      Re: speriamo che LAME...
      - Scritto da: Fantaghiro
      lame.exe si serve di parecchio di quel che trova
      per codificare velocemente gli
      mp3.

      spero che vari altri encoder seguano questa strada?
    • fred scrive:
      Re: speriamo che LAME...
      si trova gia' una versione che utilizza le gpu? mi farebbe comodo un una 1900xtx, attualmente ci sono i classici client per il calcolo delle molecole e similari e il promesso xcode di Ati usa ancora la sola cpu e il cuore del codec rimane invariato sebbene il paccetto venga aggiornato regolarmente, difatto le promesse sono rimaste tali.
      • codroipo scrive:
        Re: speriamo che LAME...
        - Scritto da: fred
        si trova gia' una versione che utilizza le gpu?
        mi farebbe comodo un una 1900xtx, attualmente ci
        sono i classici client per il calcolo delle
        molecole e similari e il promesso xcode di Ati
        usa ancora la sola cpu e il cuore del codec
        rimane invariato sebbene il paccetto venga
        aggiornato regolarmente, difatto le promesse sono
        rimaste
        tali.http://www.hydrogenaudio.org/forums/index.php?showtopic=50578&st=0&p=453016entry453016
        • fred scrive:
          Re: speriamo che LAME...
          chissa perche' ma me lo aspettavo qualcosa del genere altrimenti potremmo rimuovere le cpu dai nostri pc!forse le gpu future lo faranno.
  • Tom Cross scrive:
    VIETARE VENDITA GPU
    dopo le 2 di notte (geek)
  • Franco scrive:
    Sai che novità
    Già dai tempi del mai troppo compianto Amiga qualche coder utilizzava il blitter per eseguire dei calcoli matematici... in fondo si tratta di lavorare con matrici di bit, se questi poi rappresentino pixel sullo schermo oppure numeri, alla GPU cosa importa??
    • Bex scrive:
      Re: Sai che novità
      Un tipico esempio era lo "sfarfallare" dei pixel all'avvio di alcuni giochi "crackati" sull'amiga.... dovevano forzare la protezione in pochi istanti e utilizzavano proprio il blitterino :)- Scritto da: Franco
      Già dai tempi del mai troppo compianto Amiga
      qualche coder utilizzava il blitter per eseguire
      dei calcoli matematici... in fondo si tratta di
      lavorare con matrici di bit, se questi poi
      rappresentino pixel sullo schermo oppure numeri,
      alla GPU cosa
      importa??
    • GPGPU scrive:
      Re: Sai che novità
      Infatti non capisco il perchè di tutti questi commenti...Per il brute force più potenza di calcolo c'è, prima si finisce. Che poi usi la pipeline programmabile delle gpu o un cluster di processori cosa cambia?Ma cosa più importante di tutte, Vista o XP o Linux o altro non cambia nulla. Si tratta di bruteforce, non di una vulnerabilità. A "provarle tutte", prima o poi la password la trovi... Il problema non è il SE, ma il QUANDO. E più potenza di calcolo hai, prima finisci!
      • anonimo01 scrive:
        Re: Sai che novità
        - Scritto da: GPGPU
        Infatti non capisco il perchè di tutti questi
        commenti...
        Per il brute force più potenza di calcolo c'è,
        prima si finisce. Che poi usi la pipeline
        programmabile delle gpu o un cluster di
        processori cosa
        cambia?cambia che non siamo più negli anni dei pionieri ma in quelli del Luccicante Marketing ; al giorno d'oggi la gente non ha nemmeno idea di come funzioni un pc, dei registri, delle pipeline, delle aree di memoria e dell'assembler, oggi si sa tutto di EffettiUltaraSmashWOWOWOW, di pixelshader e di memoria cache L123, ma di fatto non si ha la più pallida idea di come funzioni.Quelli che invece Sanno, sono visti come dei magli se usano la tecnologia *leggermente* fuori dall'uso previsto
        Ma cosa più importante di tutte, Vista o XP o
        Linux o altro non cambia nulla. Si tratta di
        bruteforce, non di una vulnerabilità. A "provarle
        tutte", prima o poi la password la trovi... Il
        problema non è il SE, ma il QUANDO. E più potenza
        di calcolo hai, prima
        finisci!bhè però in almeno un paio di casi l'età dell'universo per il calacolo diretto non ti basterebbe, per quello sono nate rainbowtable, XSL e side channel...
    • Khamul scrive:
      Re: Sai che novità
      Guarda... Ne stavo parlando settimana scorsa con un amico che lavora come fisico in un ospedale ed ha a che fare con complessi calcoli di elaborazione per l'applicazione di terapie mediche.Quelli che fanno il loro software hanno "scoperto" che con l'uso delle pipeline delle GPU entry-level riescono a fare in poche ore dei calcoli per cui, attualmente, impiegano svariati giorni...Nulla di nuovo, quindi.
  • Lele scrive:
    Quello che non vi è
    chiaro è che per craccare una password serve qualcosa su cui lavorareSotto windows il file da prendere se non erro è qualcosa un file sam.Sotto linux è il famoso shadowPer fregare questo simpatico file dovete dunque avere accesso fisico alla macchina, fare boot con qualsiasi altra cosa, copiare il file, craccarlo con comodo a casa.Se si è un' attimino svegli si riesce ad impedire questa simpatica cosa, senza ricorrete a cose esagerate che vengono riportate dal sedicente esperto di sicurezza su http://www.cryptohacker.comIl buonsenso prima di tutto
    • aaa scrive:
      Re: Quello che non vi è
      Non sempre serve il file SAM per cracckare una password in windows...Si può fare un brute forcing su di una risorsa condivisa di default da windows (C$, admin$, IPC$) in modo automatico ad esempio usando uno dei tanti tools disponibili oppure con uno script. Ovviamente sia da locale che da remoto.ciao
    • samu scrive:
      Re: Quello che non vi è
      - Scritto da: Lele
      chiaro è che per craccare una password serve
      qualcosa su cui
      lavorare
      Sotto windows il file da prendere se non erro è
      qualcosa un file
      sam.
      Sotto linux è il famoso shadow
      Per fregare questo simpatico file dovete dunque
      avere accesso fisico alla macchina, fare boot con
      qualsiasi altra cosa, copiare il file, craccarlo
      con comodo a
      casa.no sbagliato, sbagliatissimo e comunque il punto di questo articolo e' la potenza di calcolo ottenibile dalle GPU, magari ora lo utilizzi solo per le password di sistema ma nulla ti vieta un domani che non possano essere usate per altro.
      Se si è un' attimino svegli si riesce ad impedire
      questa simpatica cosa, senza ricorrete a cose
      esagerate che vengono riportate dal sedicente
      esperto di sicurezza su
      http://www.cryptohacker.como mio dio! questo da dove spunta fuori?
    • anonimo01 scrive:
      Re: Quello che non vi è

      Se si è un' attimino svegli si riesce ad impedire
      questa simpatica cosa, senza ricorrete a cose
      esagerate che vengono riportate dal sedicente
      esperto di sicurezza su
      http://w*w.cryptohacker.c*mquel tizio è un lamerozzo con tutti i crismi: vende cd di programmi (mi viene quasi voglia di prenderli per poi vedere che prog sono, se i soliti fork violalicenza openSource, programmi proprietari adhoc -ma allora non si capisce perchè uno dovrebbe basare la propria sicurezza su programmi chiusi, è un crypto-controsenso- o una semplice accozzaglia di programmi setacciati dal web) per la "sicurezza" e la protezione.il bello è che per dimostrare quanto lungo ce l'ha lui confronto agli altri, ha messo in piedi una pagina di inesattezze che definire i m b a r a z z a n t i è poco;ma che bella gentaglia abbiamo nel settore IT in italia... :(ps: sarà almeno dal 2004 che LMhash è raro da trovare...
      • entromezzanotte scrive:
        Re: Quello che non vi è
        - Scritto da: anonimo01

        Se si è un' attimino svegli si riesce ad
        impedire

        questa simpatica cosa, senza ricorrete a cose

        esagerate che vengono riportate dal sedicente

        esperto di sicurezza su

        http://w*w.cryptohacker.c*m

        quel tizio è un lamerozzo con tutti i crismi:
        vende cd di programmi (mi viene quasi voglia diOk, cryptohacker sarà anche un lamerozzo, ma mi sembra che il concetto di base di Lele sia giusto: si devono avere in mano almeno gli hash delle password per poterle craccare.Lele dimentica anche però che alcune informazioni (non gli hash) si possono anche sniffare dal traffico di rete !(vedi http://www.oxid.it/cain.html ).
        • anonimo01 scrive:
          Re: Quello che non vi è
          - Scritto da: entromezzanotte
          - Scritto da: anonimo01


          Se si è un' attimino svegli si riesce ad

          impedire


          questa simpatica cosa, senza ricorrete a cose


          esagerate che vengono riportate dal sedicente


          esperto di sicurezza su


          http://w*w.cryptohacker.c*m



          quel tizio è un lamerozzo con tutti i crismi:

          vende cd di programmi (mi viene quasi voglia di

          Ok, cryptohacker sarà anche un lamerozzo, ma mi
          sembra che il concetto di base di Lele sia
          giusto: si devono avere in mano almeno gli hash
          delle password per poterle
          craccare.
          Lele dimentica anche però che alcune informazioni
          (non gli hash) si possono anche sniffare dal
          traffico di rete
          !
          (vedi http://www.oxid.it/cain.html )....questo, ed altro ;)
  • Luca scrive:
    Ne hanno parlato
    ...anche su Exploit...http://exploit.blogosfere.it/2007/10/nvidia-si-riscopre-password-cracker.html
  • Fai il login o Registrati scrive:
    La cosa divertente...
    ...è che lo stesso Vista, con la sua nuova GUI, sta incrementando la vendita di nuove schede video :P
    • pentolino scrive:
      Re: La cosa divertente...
      - Scritto da: Fai il login o Registrati
      ...è che lo stesso Vista, con la sua nuova GUI,
      sta incrementando la vendita di nuove schede
      video
      :PNo, mi sai che hai inteso male... la GPU potente ti serve perchè se ti dimentichi la password con questi tool diventa facile recuperarla!E' una delle 100 nuove feature di Vista reclamizzata nel sito M$!(linux)(apple)
  • sherpya scrive:
    qualcosa di piu' divertente
    a riguardo c'e' una cosa molto piu divertente:http://www.antsight.com/zsl/rainbowcrack/vengono precalcolate le hash, ci vuole un po di tempoe parecchio spazio, ma dopo cracchi le password di windowsin tipo 5 secondi
    • Banana Joe scrive:
      Re: qualcosa di piu' divertente
      Credevo che si usasse un 'salt' per gli hash, in modo da invalidare le tabelle di hash precalcolati.
  • Petruzzo scrive:
    Le ultrasicure password di windows
    Qui viene spiegato come la microsoft abbia utilizzato,di nascosto una vera e propria backdoor per indebolire le password di accesso di windows per mettere i nostri computer a disposizione di polizie ed agenzie governativehttp://www.cryptohacker.com/malware.html#passwiné solo questione di tempo perché vengano scoperte falle similari anche con Vista Qui Internet explorer ci resta secco http://www.cryptohacker.com/iesucks.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Le ultrasicure password di windows
      ammazza come crasha... O_O
    • sAN scrive:
      Re: Le ultrasicure password di windows
      io lo vedo senza problemi,ah giàtu hai win craccato e quindi gli update automatici del 2005 non li hai ancora..
    • pentolino scrive:
      Re: Le ultrasicure password di windows
      - Scritto da: Petruzzo

      Qui Internet explorer ci resta secco
      http://www.cryptohacker.com/iesucks.htmlnon IE7 su WIndows XP sp2; non che alla fine mi cambi molto dato che non lo uso mai!(linux)(apple)
    • Rocco scrive:
      Re: Le ultrasicure password di windows
      Questo dimostra l'ignoranza che c'è sui sistemi operativi.Sai cos'è lmhash? Sai perchè è stato mantenuto fino a Windows XP? Sai che in Windows Vista non esiste più?
      • Sotterfugi0 scrive:
        Re: Le ultrasicure password di windows
        - Scritto da: Rocco
        Questo dimostra l'ignoranza che c'è sui sistemi
        operativi.
        Sai cos'è lmhash? Sai perchè è stato mantenuto
        fino a Windows XP? Sai che in Windows Vista non
        esiste
        più?io no, potresti cortesemente darmi maggiori info? magari un link?Grazie
  • Il Bonzo scrive:
    VISTA AL TAPPETO
    Ancora un'altra volta si è dimostrato come la sicurezza di Windows sia ridicola,
    • Troll detected scrive:
      Re: VISTA AL TAPPETO
      Sei un (troll)
      • Truzzo scrive:
        Re: VISTA AL TAPPETO
        Però ha ragione 3 giorni per crackare una password di logon...la sicurezza aziendale va a farsi benedire, immaginatevi quella privata.
    • johnKent scrive:
      Re: VISTA AL TAPPETO
      Vista ti offre la sicurezza redmondiana più sicura della sicura di casa tua.. e molti altri vantaggi! :D ..a patto che però non hai una scheda video per crakkare le password!- Scritto da: Il Bonzo
      Ancora un'altra volta si è dimostrato come la
      sicurezza di Windows sia
      ridicola,
Chiudi i commenti