Il video online toglie peso al P2P

La popolarità dei clip video mette il P2P in minoranza in quanto a traffico di rete generato. Uno studio americano conferma: il fenomeno è in crescita. A trainare non sarebbero però i video fatti in casa

Roma – È bastata l’enorme crescita di YouTube a scalzare il dominio del P2P sul traffico in rete: le ultime stime sostengono che su HTTP giri il 46% del traffico totale contro il 37% del P2P, un sorpasso storico .

Ne parla Zeropaid che osserva come il P2P in Nordamerica negli ultimi 4 anni avesse costituito sempre l’applicazione capace di “catturare” la più alta percentuale di traffico e come, se questo sia ora cambiato, lo si debba all’esplosione del “fenomeno” della videorete .

Dati che danno ancora maggior peso alle rilevazioni di Magid Media Futures , che lo scorso marzo negli USA ha calcolato come il numero dei video-spettatori sia cresciuto rispetto all’anno precedente del 56%. Insomma, il 14% della popolazione (fra i 12 e 64 anni) guarda regolarmente almeno un filmato online al giorno. Se si parla, invece, di consumo settimanale si scopre che la share è del 52% – contro il 44% del 2006.

Il dato più interessante è rappresentato però dai consumi dei giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Il 35% ha ammesso di guardare almeno un video al giorno; l’80% lo fa almeno una volta alla settimana. Questo si traduce in una sorta di dominio maschile del mezzo : le ragazze infatti nel 53% dei casi non vanno oltre un filmato alla settimana.

“Chiaramente la fruizione dei video online dimostra che Internet è diventata una piattaforma di massa per la distribuzione di contenuti video ad un ampio gruppo di americani”, ha dichiarato Mike Vorhaus, vice presidente di Frank N. Magid Associates, Inc., la società di media-consulating che ha curato la ricerca.

La classifica dei video più gettonati, però, non rispecchia molto i gusti – o le percezioni – europee. Qui si scopre infatti che i servizi giornalistici sono i contenuti più gettonati ; seguiti a ruota dagli scherzi e i blooper , dal meteo e dai trailer cinematografici. Chiudono il ranking di preferenze i videoclip musicali e i contenuti auto-prodotti. Ovviamente a seconda dei gruppi demografici si hanno consumi concentrati verso una direzione invece che un’altra. Ad esempio i più vecchi (tra i 45 e i 64 anni) preferiscono i servizi news, mentre i teenager i video blooper.

“La quantità di contenuti visti regolarmente dai consumatori è incredibile. E non si tratta solo di mini-clip YouTube. Gli utenti guardano servizi, preview, clip e in alcuni casi anche film e show televisivi”, ha commentato Vorhaus. “L’offerta sta aumentando e i consumatori ne stanno approfittando”.

Lo studio di Magid Media Futures disegna anche una diretta correlazione fra il fenomeno video e la diffusione delle reti WiFi . Al momento, infatti, il 41% delle case è coperto da servizi di accesso wireless – contro un 16% del 2005. “Per ora le reti casalinghe comprendono pc e stampanti. Ma possiamo immaginare che nei prossimi anni succederà lo stesso alle televisioni”, ha concluso Vorhaus.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pippo scrive:
    La realtà
    Venticinque civili, fra cui 9 donne e 3 bambini, sono stati uccisi in un bombardamento della coalizione internazionale nella provincia di Helmand, nel sud dell'Afghanistan - Rainews24
  • Cirillos scrive:
    vergogna
    1 - Lasciamo agli adulti decidere cosa giocare!!2 - i nostri ministri ignoranti devono smetterla di fare i pecoroni e seguire gli altri paesi perchè non sanno che pesci pigliare.3 - che le testate giornalistiche la smettano di parlare in maniera incompetente di giochi di cui hanno visto due foto e per sentito dire (vedi rule of rose)Se vogliamo proprio parlare di cose serie pensiamo piuttosto alla sicurezza dei cittadini e le altre porcherie che ci propinano tutti i giorni!
    • frisu scrive:
      Re: vergogna
      hanno fatto bene a bandirlo
      • ACME MASSIMO scrive:
        Re: vergogna
        - Scritto da: frisu
        hanno fatto bene a bandirloma chi ti obbliga a giocarci!??!!!perchè IO, che voglio giocare a questo gioco, DEVO rinunciare a farlo solo per colpa di persone cui non frega nulla di giocarci perchè magari NON appassionati del genere??diamo la libertà a ognuno di scegliere con mente propria senza obbligare restrizioni a nessuno!!
  • Marco scrive:
    censuri...
    Azz speravo che in Italia lo vendessero.!!! Uff...comunque i censori sono come gli psicopatici; non riconoscono la finzione dalla realtà
  • Locke scrive:
    Anche in Italia
    E' appena uscito su un quotidiano online, il ministro Gentiloni ha bloccato la diffusione del gioco anche nel mercato italiano.
    • ministro scrive:
      Re: Anche in Italia
      Che vergogna per l'Italia, non si dovrebbeero prendere provvedimenti se non si ha idea di che cosa sia relamente quel gioco. Ciò mostra quanto siano competenti i nostri ministri....
    • Manuel scrive:
      Re: Anche in Italia
      aaaaaaaaa dopo questa compro il gioko originale da un sito di import (anke se proprio io non avevo idea di giokarci) xkè il nostro ministro mi fa skifo ... rikopione del kazzo almeno copiare cose belle ...
  • Manuel scrive:
    Sono ridicoli...
    1- Non sono forte in storia ma ricordo che il proibizionismo non ha fatto altro altro che incentivare le associazioni illegali e non ha assolutamente fermato l'alcolismo...2- Se non la smettono di dare la colpa ai videogiochi dei crimini o peggio degli omicidi compiuti dalle persone dovranno presto conforntarsi con l' 80% delle persone a cui piacciono videogiochi violenti non perche gli piace uccidere(xke pensarla cosi è da stupidi) ma perchè gli piace vivere emozioni diverse senza fare male a qualcuno e vi assicuro che queste ultime sono davvero tante.3- Io non so loro ma prima di vietare un videogioco proverei almeno a giocarci per vedere se esso ha davvero quegli "effetti collaterali",inutile dire che se al videogiocatore viene voglia di uccidere una persona dopo il suo utilizzo allora dovrebbero rinchiudere in carcere lui...
  • SimKilleR scrive:
    Bravi!!! Finalmente un po di ipocrisia..
    Sono le notizie come questa che mi fanno imbestialire... Non riesco a capire da dove venga tutto questo buonismo, e questa avversione verso i videogiochi....Inoltre non riuscirò mai a capire perchè tutte ste storie non succedono mai con i film horror, ma coi videogiochi.....Non capiscono che così aumentano la pirateria??? Se per avere un videogioco devo scaricarmelo perchè il mio paese me lo vieta per via di una censura che ha il gusto di oppressione al diritto di espressione...ben venga la pirateria!!!
    • manhunt scrive:
      Re: Bravi!!! Finalmente un po di ipocrisia..
      E poi magari ti mandano la lettera di richiesta di risarcimento perché sei stato monitorato dalla Logistep mentre scaricavi quel gioco....
    • Sgabbio scrive:
      Re: Bravi!!! Finalmente un po di ipocrisia..
      Non credo che una software house vittima ci censura farebbe questo nel paese dove c'è quest'ultima... ci rimetterebbe solo :P
  • sonic scrive:
    Re: Stavolta non sono totalmente contrario.
    è tutto falso, il gioco non centra nulla con quell'omicidio, si tratta di fantasie non provate di quella ritardata della madre del bambino ucciso
  • sonic scrive:
    è tutto falso!!!
    Su manhunt 1 e 2 sono state dette e vengono dette molte falsità.Ho seguito all'epoca la polemica sul videogioco che sarebbe stata la causa scatenante di un omicidio tra minori. In realtà non c'era alcuna connessione diretta o indiretta, il tutto nacque dal fatto che quella ritardata della madre del ragazzo ucciso affermò davanti ai media questa sua fantasia, senza mostrare alcuna prova e dicendo cose che dimostravano come non sapesse neanche di cosa stesse parlando-Manhunt, il gioco che "farebbe diventare assassini", è un gioco molto meno violento di molti giochi in commercio. Lo scopo del gioco è scappare da delle zone abbandonate dove si è rinchiusi insieme a dei criminali spietati che cercano di farti la pelle. Ovviamente, come in tutti i giochi, bisogna eliminare i nemici (i criminali) in modo da passare al livello successivo. Il gioco è vietato ai minori di 18 anni, e l'assassino minorenne se lo era procurato abusivamente e lo aveva anche non originale (masterizzato).Manhunt 2 è il seguito del primo e non è quella gran cosa in fatto di violenza, sopratutto se paragonato alla concorrenza.Gli omicidi tra minori avvengono di continuo, e non è colpa dei videogiochi. Fortunatamente al Sud non è diffusa l'abitudine di giocare ai videogiochi, altrimenti sentiremmo continuamente videogiochi incriminati come scusanti ai tanti omicidi ed aggrassioni tra minori che avvengono continuamente nel Sud Italia.Mi meraviglio come i videogiochi non siano stati tirati in campo come causa scatenante dell'11 settebre.è la stessa identica situazione di quando all'inizio degli anni'80 si incolpavano i cartoni animati giapponesi quando un bambino cadeva da un balcone o quando moriva: c'era sempre chi affermava che stava tentando di emulare i protagonisti di cartoni giapponesi (e ne nacquero di leggende urbane su questo). Il risultato è che la Rai e Mediaset censurarono tutti i cartoni giapponesi con dei combattimenti, che finirono relegati per 20 anni solo sulle rete private. La censura provoca solo brutte conseguenze.
    • Non_autenticato scrive:
      Re: è tutto falso!!!
      Bimbo si butta dal 5° piano: diceva di essere Jeeg Robot.Arrestata la madre per non aver lanciato i componenti.
    • boh scrive:
      Re: è tutto falso!!!
      Il fatto ke al sud italia i videogioki non siano diffusi è una gran cazzata, e non so da dove tu abbia coniato una simile cosa...guardati un po' di sondaggi oggettivi, senza sparare a zero...X il resto, sono totalmente d'accordo...
  • Non_autenticato scrive:
    E piantiamola...
    In UK sanno quello che fanno. Hanno vietato le armi, e il crimine è diminuito. Hanno messo le telecamere, e il crimine è diminuito. Stanno vietando coltelli e mazze, e il crimine sta diminuendo. Direi che sono sulla buona strada.Vietare i giochi violenti è un altro passo verso la costruzione di un mondo civile e sicuro, in cui avremo la libertà di non aver paura del crimine.Io non ho bisogno di giocare a Manhunt 2. E neanche voi./sarcasm mode.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 giugno 2007 12.38-----------------------------------------------------------
  • dino lupo scrive:
    censura ottocentesca
    Una censura tipica fatta da una nazione filo-americana. Puoi vedere all'ora di pranzo le immagini di Saddam impiccato, di guerre "preventive", di stupratori e di preti pedofili, ma poi quando si tratta di un videogame, violento quanto vuoi, arriva la censura ottocentesca.I videogames sono solo il capro espiatorio. I bambini sono abituati alla violenza non dai videogame, ma dal considerare le guerre importanti e necessarie per la "democrazia", dal considerare il profitto un valore primario e dal considerare giusto che al parlamento siedano condannati in via definitiva e consumatori abituali di droghe pesanti illegali. Saluti.
  • Sgabbio scrive:
    Pubblicità al gioco?
    Quando esce un determinato gioco, quale il modo migliore di fare pubblicità se non quella di far scatenare le ire di qualche bigotto idiota ?come successe per Carmageddon, Rule Of Rose, Mortal Kombat ecc ecc...Anche questo gioco segue questa via. Da notare (non sono aggiornato al riguardo) che questo gioco uscirà per il nintendo Wii... quindi se facciamo due conti... :D
  • Sgabbio scrive:
    Re: Stavolta non sono totalmente contrario.
    Per un caso limite, dobbiamo impedire la vendita di un gioco anche agli adulti vaccinati ? Io l'ho trovo un insulto alla mia intelligenza. Chi si credono di essere?
  • Lowrence scrive:
    Ma così...
    In questo modo però incoraggiano le persone al furto, poichè in molti troveranno un modo per averlo (magari per mezzo di una qualche rete p2p).Risultato: in UK ci saranno persone potenzialmente ladre e assassine :)
    • Sgabbio scrive:
      Re: Ma così...
      pensa quanti Nintendo WII venderanno solo per quel gioco adesso :D Ricordiamoci che c'è anche l'importazione :D
  • DANtichrist scrive:
    Re: Stavolta non sono totalmente contrario.
    No, scusate, ho cannato articolo io!Era mattina presto... Oh, capita
  • DANtichrist scrive:
    Re: Stavolta non sono totalmente contrario.
    Sono sempre io, quello del post del bambino di liverpool...Nel link c' e' l' articolo giusto, e' la foto che hanno messo loro di law and order che non c' entra niente. Il pezzo della CCTV che dicevo prima e' quello della prima foto nel tondino rosso.
  • Lemon scrive:
    Re: Stavolta non sono totalmente contrario.
    Non ho capito..... il gioco che citi è della serie Law & Order, non Manhunt....
  • Lemon scrive:
    Bello il trailer
    38 secondi di tutto fuorchè del gioco....
  • Max scrive:
    LADRI + CENSORI = POLITICI ==
    GOGNA
    SI ai videogiochiNO ai politici ladri e censori.ALLA GOGNA, QUELLO E' IL LORO POSTO.
  • Streamer scrive:
    Hitler e Stalin a cosa videogiocavano?
    Ancora con questi videogiochi violenti? Ma allora Hitler, Stalin, Nerone, Attila (e chi vuole ne aggiunga) con quali videogiochi sono cresciuti?Possibile che la gente pensi che la violenza nasce dai videogiochi?
    • pippo75 scrive:
      Re: Hitler e Stalin a cosa videogiocavano?

      Possibile che la gente pensi che la violenza
      nasce dai
      videogiochi?- campo minato- il dolce fornetto ( cattiva ).
  • anonimo codardo scrive:
    lo scaricheranno, sai che novità
    come da subject, io li denuncerei per favoreggiamento alla pirateria, se non fossi io stesso a favore si intende..
  • anonimo codardo scrive:
    la passione di cristo
    .. incoraggiava alla tortura, eppure in italia non era nemmeno vietata agli under 14, chissà perchè ...
  • Locke scrive:
    Secondo i politici...
    Un'arma non uccide.Un videogioco si.
  • nattu_panno_dam scrive:
    Ah beh...
    adesso che uscirà sto' gioco potro' ammazzare il vicino e dare la colpa ad EA. Ottimo.PS=E chi lo sapeva che i psicotici esistono per colpa degli altri. Un motivo in piu' di accordarsi per un bel suicidio di massa preventivo.
  • maverikk scrive:
    BENE!!
    Così ci saranno più persone che lo condivideranno col mulo!!!Ma quanto sono fessi i politici e tutti i matusa censori sparsi nel mondo?fanno ridere i polli.
  • Max scrive:
    Manhunt...
    Manhunt. Quante ore abbiamo passato a scannare matti virtuali? A incazzarci come delle iene quando ti massacrano in modalità SOMMOSSA?? A far saltare la testa alle scimmie pazze?Il seguito lo acquisterò subito. Non importa dove o come. Anche dalla Rockstar direttamente se necessario...Finito di sfogarti a quel gioco sei tranquillo e beato come un bambino...
  • Igor scrive:
    non è così
    Personalmente, e credo il 99,99% dei giocatori, quando gioco a ghiochi di uera, sparatutto, e violenza mi scarico dallo stress, evitando di scaricarlo altrove. Ben vengano i giochi violenti.
  • bu....bu scrive:
    ma de che,ce la rete?svegliaaa....mamma
    mamma mia,se lo piglieranno dalla rete,ma da dove venite,da marte???sveglia..........!!
  • Pap scrive:
    Vietare tutto xchè tutto può far male
    cdo.Piano piano, a piccoli passi, lo stato Britannico decide oggi per i suoi cittadini ADULTI. Cose folli.Bravo deakdk, hai ragione: guerre sì, giochi no!PAZZIA!!!!!!!!
    • Locke scrive:
      Re: Vietare tutto xchè tutto può far male
      - Scritto da: Pap

      PAZZIA!!!!!!!!QUESTA.....E'.........No dai stavolta non lo dico :P..... SPARTAAAAAAAAAAAAH!
  • ximms scrive:
    ancora???
    Cioè ancora ci stiamo battendo contro la violenza dei videogiochi? Ancora deresponsabilizziamo i genitori e facciamo che lo stato intervenga per proteggere i nostri "piccoli" ragazzi da tutta questa terribile violenza in un videogioco... la cosa è davvero triste. I videogiochi sono libertà di espressione, privare di venderne uno è come vietare a un autore di pubblicare il suo libro, che è sbagliato per principio. Cominciamo a chiederci: è responsabilità della società che produce il videogioco se il bambino lo compra e poi massacra un compagno di classe o è responsabilità dei genitori che lo parcheggiano ore e ore lì davanti??? E' ora di cominciare a ragionare ragazzi.
    • Faraleth scrive:
      Re: ancora???
      - Scritto da: ximms
      Cioè ancora ci stiamo battendo contro la violenza
      dei videogiochi? ....... genitori che lo parcheggiano
      ore e ore lì davanti??? E' ora di cominciare a
      ragionare
      ragazzi.Hai ragione amico, non si può dare sempre la colpa di tutto alle case produttrici "cattive". Se tuo figlio è un idiota che se gioca a Need For Speed ti ruba la macchina e si schianta contro un palo allora la colpa è della EA?? Vieti di vendere il nuovo NFS in Italia?? Ma che ragionamento è??-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 giugno 2007 00.36-----------------------------------------------------------
    • Elf scrive:
      Re: ancora???
      - Scritto da: ximms
      Cominciamo a chiederci: è responsabilità
      della società che
      produce il videogioco se il bambino lo compra e
      poi massacra un compagno di classe o è
      responsabilità dei genitori che lo parcheggiano
      ore e ore lì davanti??? E' ora di cominciare a
      ragionare
      ragazzi.Purtroppo questo discorso viene ripetuto in continuazione, ma nessuno lo ascolta, perché gli esseri umani sono ottusi per natura.
    • d scrive:
      Re: ancora???
      - Scritto da: ximms
      Cioè ancora ci stiamo battendo contro la violenza
      dei videogiochi? Ancora deresponsabilizziamo i
      genitori e facciamo che lo stato intervenga per
      proteggere i nostri "piccoli" ragazzi da tutta
      questa terribile violenza in un videogioco... la
      cosa è davvero triste. I videogiochi sono libertà
      di espressione, privare di venderne uno è come
      vietare a un autore di pubblicare il suo libro,
      che è sbagliato per principio.E' sempre il solito discorso: facciamo allora anche videogiochi razzisti o pedofili. Se il pubblico e' educato e cosciente, li usera' per cio' che sono (cioe' dei giochi); se non lo e' (come capita spesso, e non dico che la colpa non sia dei genitori), potrebbe capitare che, per cosi' dire, "faccia confusione"...E comunque, sono contro alla censura, soprattutto in questi casi in cui e' ipocrita e per di piu' ci sono altri n-mila modi di procurarsi il gioco.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 giugno 2007 10.01-----------------------------------------------------------
  • deakdk scrive:
    si alle guerre no ai giochi violenti !
    si alle guerre no ai giochi violenti !Certo che l'ipocrisia regna sovrana !
    • Alessio scrive:
      Re: si alle guerre no ai giochi violenti !
      - Scritto da: deakdk
      si alle guerre no ai giochi violenti !
      Certo che l'ipocrisia regna sovrana !Come non quotarti!Tutto questo perbenismo del caXXo mi fa vomitare!Io penso che se uno non c'è con la testa e ammazza tutti non è colpa del videogioco,o meglio potrebbe essere una fra le tante cause che potrebbe indurlo a farlo,ma che farà ugualmente prima o poi.Ma si censuriamo,che strumento formidabile la censura,è per il nostro bene.Più censura per tutti!
    • ecc scrive:
      Re: si alle guerre no ai giochi violenti !
      non hai capito.Il fatto che ci siano diverse guerre in atto è la conseguenza.Infatti i principali dirigenti politici (chiamati guerrafondai) giocano assiduamente con giochi violenti ed avendo una mente debole ripropongono gli stessi atteggiamenti appresi nel gioco nella vita reale.Così gran parte dei soldati. Vengono addestrati ad essere insensibili e violenti (gruppi scelti) facendoli giocare con una bella console.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: si alle guerre no ai giochi violenti !
      contenuto non disponibile
    • Ano Nimo scrive:
      Re: si alle guerre no ai giochi violenti !
      Invece è giusto così: la morte è una cosa troppo seria per trasformarla in un gioco, se devi uccidere qualcuno, fallo con un mitra vero, non con risibili pixel! O) :p :D
Chiudi i commenti