In azione i cracker di Al-Qaida

Lo sostengono alcuni attivisti anti-terrorismo ma le operazioni descritte sanno più di fantapolitica che di hacking. Nega tutto Schneier, l'umano dietro Counterpane


Roma – Cracker di Al-Qaida entrano in siti web e vi lasciano pagine abusive utilizzate per contattare e lanciare messaggi alle cellule terroristiche di tutto il mondo. L’ipotesi è suggestiva e in queste ore viene rilanciata da alcuni con l’inevitabile clamore che circonda pressoché qualsiasi notizia che leghi le attività dell’organizzazione terroristica di Osama Bin Laden con Internet.

Secondo Andrew Weisburg, attivista che afferma di tenere traccia delle attività dei gruppi terroristici online, sul sito cenobite.com dedicato alla fantascienza è apparso un messaggio che avrebbe potuto essere stato realizzato da Al-Qaida e posto lì dai suoi cracker. Weisburg ritiene che simili avvenimenti siano frequenti e che si tratti di “pagine segrete” capaci di lanciare messaggi.

Un portavoce dell’FBI in merito a questa possibilità si è limitato a dire che l’agenzia valuta con interesse ogni segnalazione che perviene rispetto alle attività terroristiche online ma che, in questo caso specifico, “non può esprimersi sulla verità del fatto o meno”.

Intanto Bruce Schneier, infaticabile motore della newsletter sulla sicurezza di Counterpane , se la prende con chi dà credito a quelle che definisce idiozie, esempi di un decadente sciacallaggio post-11 settembre.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Semmai Wireless Lan
    Il Wireless Local Loop si usa per collegare due punti anche molto distanti ma STATICI, non funziona in movimento
  • Anonimo scrive:
    Re: Li' non hanno problemi di frequenze
    e scusa e le frequenze dei 2.4Ghz???sono totalmente libere e gratizzzz
  • Anonimo scrive:
    Eccoti il perchè
    Avendo lavorato in India nel settore ICT la tua prima impressione l'ho avuta anche io.Essendo l'india un paese enorme e con vari problemi (linee vecchissime, ect ect.) utilizzano come pazzi le onde radio.E' normale trovare ISP che ti offrono solo le connessioni ad internet wireless.Anche perchè sarebbe molto costoso rifare tutto.
  • Anonimo scrive:
    Ho trovato questo articolo che spiega molte cose
    http://origin.island.lk/2002/08/15/supli7.htmlin particolare anche loro hanno un monopolio solo che invece di mettere i bastoni tra le ruote come nel caso dell'Italia (o meglio ora non esistono monopoli ma solo libera concorrenza ??) si è data da fare ed è passata da una inefficienza a un sitema altamente efficiente.
Chiudi i commenti