In Norvegia si cerca un bravo hacker

Parrebbe che un database storico del paese sia protetto da una password che non conosce nessuno


Roma – Ci vuole un hacker in gamba per superare una password che per anni avrebbe impedito ai norvegesi di accedere all’archivio elettronico di una messe di importanti documenti storici. Questo quanto si è saputo dal Centro della Lingua e della Cultura, dove anni fa il curatore del database è morto portandosi nella tomba anche la password necessaria per accedere al sistema.

A quanto pare in questi anni i funzionari del Centro hanno inutilmente tentato di “entrare” e si è arrivati al punto che il direttore dell’Istituto, Ottar Grepstad, si è rivolto in un appello radiofonico a qualunque hacker capace di superare le password e restituire così al paese l’archivio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti