In USA si vuole la banda larga gratis

Gli operatori mobili non la vogliono, alcuni scalpitano, ma il boss dell'Autorità TLC locale non sembra destinato a recedere. La rete gratis sarà un po' meno veloce delle altre e sarà censurata di default

New York – Piove sulla proposta che FCC dovrebbe votare a breve e che va covando da mesi. È una proposta che piace a qualcuno ma indigna tanti altri, quella di una rete wireless più accessibile e aperta , una rete che sfrutti una parte dello spettro delle frequenze non assegnato agli operatori, per fornire servizi di connettività gratuiti. Una rete che, però, sarà off-limits per contenuti controversi, a partire da quelli pornografici.

A volere una rete “free” a cui chiunque possa accedere senza pagare un centesimo è Kevin Martin, chairman uscente dell’Autorità TLC, un politico di matrice repubblicana che lascerà il posto al suo successore dopo l’insediamento a gennaio del neoeletto presidente degli Stati Uniti Barack Obama, democratico. Martin ci tiene a lasciare il segno e sta spingendo più che può per dar vita ad una “rete wireless nazionale ad accesso gratuito”, come l’ha definita lui stesso.

“Questa iniziativa – ha dichiarato Martin – porta con sé la promessa di un servizio a banda larga gratuito di base per centinaia di migliaia di statunitensi che oggi hanno un accesso limitato o non hanno accesso ad una Internet ad alta velocità. È importante che noi si trovi nuovi e creativi modi per rendere più accessibili i servizi a banda larga, più affidabili e robusti, disponibili in tutto il paese, e questa iniziativa contribuirà al raggiungimento dell’obiettivo”.

Dal punto di vista operativo, per far sì che la rete si realizzi, vi sarà un’asta per le frequenze condizionata al fatto che chi se le aggiudicherà dovrà dedicarne un quarto per l’uso gratuito da parte dei consumatori. L’operatore, dunque, potrà lucrare sulla parte rimanente dello spettro, che sarà di default più performante della parte gratuita .

Ma free negli States non significa soltanto gratuita , significa anche libera da , in particolare dalla pornografia e da tutti quei contenuti che potrebbero essere considerati inadatti dai minori. L’unico modo in cui la FCC ritiene si possa far passare il concetto della “free nationwide wireless network” è limitare i potenziali danni che un accesso di questo tipo potrebbe creare agli operatori commerciali tradizionali, ed un modo è differenziare il tipo di offerta, impedire che certi contenuti, pur richiesti, circolino all’aperto. E dunque chi vincerà l’asta dovrà garantire che sia tenuta al di fuori di quella rete la pornografia e qualsiasi altro materiale inadatto ai minori .

Non solo, evidentemente. Il fatto di pensare ad una rete spurgata da materiali di questo genere può suscitare un più facile consenso nell’opinione pubblica, che vive ogni giorno gli allarmi dei media sui “pericoli della rete”. In più, pensare ad una internet “libera da” potrebbe agevolare i colleghi di Martin, in particolare due esponenti democratici, nell’optare per il sì, rendendo invece più difficile opporsi all’idea per gli operatori che temono la concorrenza del “free”. Si tratta, peraltro, di una censura parziale: gli utenti registrati al servizio free, se adulti, potranno eseguire l’ opt-out , e dunque successivamente accedere ad una internet senza filtri, o comunque con i soli filtri già imposti a tutti dalle pubbliche autorità.

Il progetto vola alto ma sia il modello di business imposto al vincitore dell’asta, sia la questione della pornografia rischiano di affossarlo. Gli operatori contestano questa politica, sostengono – ad esempio T-Mobile – che quelle frequenze potrebbero sovrapporsi ad altri servizi: la stessa T-Mobile ha investito qualcosa come 4 miliardi di dollari in frequenze contigue a quelle che si vorrebbero assegnare ai servizi free, e teme che questo possa causare danni ai propri investimenti.

Ma se è comprensibile la perplessità di chi ha già investito molto prima che questo modello “free” venisse proposto, e degli operatori mobili che temono di perdere fatturato all’avanzare di servizi wireless distribuiti sui quali non possono esercitare un controllo diretto, è altrettanto comprensibile chi, come M2Z Networks, una startup, veda una grossa opportunità nella novità: la sua speranza è che gli utenti che si doteranno di un router wireless per accedere gratuitamente alla rete vorranno poi passare al servizio di migliore qualità fornito a pagamento dall’operatore.

Non sembrano invece preoccupare Martin le fin qui scarse proteste degli attivisti, che ritengono un errore dar vita ad una rete censurata, seppure “liberabile” con un opt-out. Si vedrà, la partita si gioca in questi giorni ed un voto forse decisivo in FCC potrebbe arrivare il prossimo 18 dicembre. Martin spera di giocarsi un “sì” come regalo di Natale ai cittadini che ancora non hanno avuto accesso alla rete (quasi?) veloce.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Hiei3600 scrive:
    Buffo il fatto...
    ...che ancora nella mia città(50.000 abitanti circa),non abbia ancora visto un solo Blu Ray in circolazione(Intendo proprio il disco non il masterizzatore),e qua parlano di BD da 400 GB...quando si vedranno,nel 2020?.My Opinion:Backup:Hard Disk Esterni(Molto più flessibili e sicuri)Trasporto Dati:Pen Drive(8 GB=10 Euro su eBay,probabilmente il prossimo aprile allo stesso prezzo si troveranno quelle da 16),molto più flessibili dei BD(Scrivere/leggere comodamente senza comprare lettori da 200 euro),molto più resistenti,e dalla capacità adeguata per il trasporto del 95% delle cose in circolazione.
    • chojin scrive:
      Re: Buffo il fatto...
      - Scritto da: Hiei3600
      ...che ancora nella mia città(50.000 abitanti
      circa),non abbia ancora visto un solo Blu Ray in
      circolazione(Intendo proprio il disco non il
      masterizzatore),e qua parlano di BD da 400
      GB...quando si vedranno,nel
      2020?.

      My Opinion:

      Backup:Hard Disk Esterni(Molto più flessibili e
      sicuri)
      Trasporto Dati:Pen Drive(8 GB=10 Euro su
      eBay,probabilmente il prossimo aprile allo stesso
      prezzo si troveranno quelle da 16),molto più
      flessibili dei BD(Scrivere/leggere comodamente
      senza comprare lettori da 200 euro),molto più
      resistenti,e dalla capacità adeguata per il
      trasporto del 95% delle cose in
      circolazione.Passa la chiavetta flash vicino ad un campo magnetico poi vedrai quanto è più resistente di un supporto ottico.. ehh!
      • Hiei3600 scrive:
        Re: Buffo il fatto...
        Passa un DVD sotto i piedi di qualcuno e vedi quanto è sicuro......ma che discorsi fai?,è logico che supporti invulnerabili ancora non ne hanno inventati,ogni supporto ha più o meno vulnerabilità,Pen Drive e supporti ottici compresi,però è universalmente condiviso il fatto che i supporti Flash sono più robusti dei supporti ottici(In varie circostanze non tutte ovviamente ma la maggior parte),ma è ovvio che ci sono comunque delle vulnerabilità sia in quello sia nell'altro supporto,quindi non capisco che senso il tuo discorso.
  • Jena scrive:
    Una domanda...
    Qualcuno cortesemente mi spiega perchè i supporti ottici (CD,DVD,Blue Ray...) non sono adeguati per i backup? Io mi affido principalmente a questi,ho poca fiducia negli HD esterni e ho cd masterizzati anche più di 10 anni fa che funzionano ancora a meraviglia.Qualcuno mi illumina?
  • Antony scrive:
    HardDisk
    ...e passare ad un HD che, in teoria, non ha scadenza se non DOPO la morte del possessore?Ormai ho abolito i supporti ottici in casa...piuttosto spendo 45 euro per un HD da 250Gb SATA da 2.5" che è meglio...tanto ho la PS3 per leggere le foto, gli MP3, i video dentro l'HD collegato ad essa via USB.Aggiornatevi.
  • marco scrive:
    meglio masterizzare...
    ho un album fotografico con delle foto di famiglia acquisite con lo scanner masterizzato nel '99, il supporto non era di marca, trattato anche male, a volte stenta a leggere così ho deciso di riversarlo dopo quasi 10 sul dvd. Certo per chi ci lavora la cosa diventa + delicata, ma credo sia sufficiente rimasterizzare ogni 4 o 5 anni, se non si hanno sveriate centinaia di Gb la cosa diventa facile ed economica, una campana di 25 dvd-r verbatim costa poco ci vanno + di 100 Gb. Poi se diventassero economici anche i supporti BR ancora meglio, i masterizzatori sono già alla portata di tutte le tasche.
    • chojin scrive:
      Re: meglio masterizzare...
      - Scritto da: marco
      ho un album fotografico con delle foto di
      famiglia acquisite con lo scanner masterizzato
      nel '99, il supporto non era di marca, trattato
      anche male, a volte stenta a leggere così ho
      deciso di riversarlo dopo quasi 10 sul dvd. Certo
      per chi ci lavora la cosa diventa + delicata, ma
      credo sia sufficiente rimasterizzare ogni 4 o 5
      anni, se non si hanno sveriate centinaia di Gb la
      cosa diventa facile ed economica, una campana di
      25 dvd-r verbatim costa poco ci vanno + di 100
      Gb. Poi se diventassero economici anche i
      supporti BR ancora meglio, i masterizzatori sono
      già alla portata di tutte le
      tasche.I BD-R 25GB ad un 4.5 - 5.5 euro cadauno dal Giappone sono già piuttosto convenienti rispetto ai DVD-R. Se non altro per l'enorme spazio risparmiato visto che un solo BD-R corrisponde a 5 DVD-R.
      • Malcolm scrive:
        Re: meglio masterizzare...
        Non mi sembra (ancora) così conveniente, se paragonato al costo di DVD dalla Germania (0.28). Secondo me, dovremo ancora aspettare il 2009 per vedere il BD finalmente a prezzi ragionevoli.
  • marco scrive:
    Lunga vita ai sopporti ottici
    Alla faccia di chi dice che il disco ottico è morto, l'avanzamento tecnologico lo smentisce e personalmente anche le abitudini, a me da molta più sicurezza avere dei dati su dvd che su hdd, anche portatile, così come preferisco i giochi ps3 su un supporto fisico visibile e concreto con tanto di copertina e custodia, rispetto a quelli scaricati dal PSN. Poi possiamo fare tutti i discorsi di 'sto mondo sull'affidabilità dei supporti, io ho cd masterizzati 10 anni fa ancora legibilissimi...;) http://bianconiglio06.blogspot.com
    • chinchillart scrive:
      Re: Lunga vita ai sopporti ottici
      Ciao, non so di che tipo di backup parli, ma io per tenere 150 GB di foto e lavori in photoshop (adesso gimp) non ci penso minimamente di affidarmi ai DVD.Il backup ti prende una vita. Se confondi i supporti sei spacciato. Ogni due anni (massimo) devi rifare tutti i backup, per essere sicuro di evitare qualsiasi degradazione dei supporti ( a meno che tu non abbia una camera a temperatura/umidità controllate 24/7).Soluzione: un HD interno per i lavori quotidiani; due HD esterni AFFIDABILI in ext3, uno da tenere in luogo sicuro, corrente di alimentazione filtrata e protetta, backup incrementali settimanali. Io mi trovo bene ed ho uno "sbattimento" minimo.
      • Malcolm scrive:
        Re: Lunga vita ai sopporti ottici
        non capisco perchè ostinarsi a considerare un DVD come supporto di backup. Evidentemente, lo scopo principale di questi supporti è di contenere musica e film, la prospettiva dei 400GB serve a farci stare l'alta definizione futura. Se poi qualcuno li usa come backup, è semplicemente un pazzo, perchè questo non è il loro motivo d'esistere. E si vede.
  • umberto scrive:
    Ma quanto durano poi?
    CD e DVD si sono dimostrati molto meno resistenti al tempo di quanto propagandato all'inizio della loro carriera... 5 anni? quanto di più? e questi? qualcuno ha idea?
    • chojin scrive:
      Re: Ma quanto durano poi?
      - Scritto da: umberto
      CD e DVD si sono dimostrati molto meno resistenti
      al tempo di quanto propagandato all'inizio della
      loro carriera... 5 anni? quanto di più? e questi?
      qualcuno ha
      idea?Ho dei CD-R stampati nell'oramai lontano 1995 ed ancora perfettamente leggibili... Poi certo con la riduzione dei costi di produzione ci sono anche prodotti scadenti come quelli in India più che in Cina... I migliori sono sempre i primi di dischi che escono dalle fabbriche in Giappone e Taiwan.. poi dopo diventa più pericoloso se si va a risparmio. Comunque un supporto non scadente dura molti anni senza problemi.
      • Barabanjo scrive:
        Re: Ma quanto durano poi?
        Attenzione, tu parli di CD e DVD creati con una matrice, non masterizzati in modo "casalingo".Il processo è completamente diverso.
        • chojin scrive:
          Re: Ma quanto durano poi?
          - Scritto da: Barabanjo
          Attenzione, tu parli di CD e DVD creati con una
          matrice, non masterizzati in modo
          "casalingo".

          Il processo è completamente diverso.Ho detto CD-R e non CD. Di CD Audio ne ho anche degli anni '80 funzionanti.
      • Guido Angeli scrive:
        Re: Ma quanto durano poi?
        - Scritto da: chojin
        - Scritto da: umberto

        CD e DVD si sono dimostrati molto meno
        resistenti

        al tempo di quanto propagandato all'inizio della

        loro carriera... 5 anni? quanto di più? e
        questi?

        qualcuno ha

        idea?

        Ho dei CD-R stampati nell'oramai lontano 1995 ed
        ancora perfettamente leggibili... Poi certo con
        la riduzione dei costi di produzione ci sono
        anche prodotti scadenti come quelli in India più
        che in Cina... I migliori sono sempre i primi di
        dischi che escono dalle fabbriche in Giappone e
        Taiwan.. poi dopo diventa più pericoloso se si va
        a risparmio.

        Comunque un supporto non scadente dura molti anni
        senza
        problemi.Facile dirlo.Ma la corsa al ribasso ha contagiato tutti.Anche io ho dischi "traxxdata" del 1999 che leggo ancora. Mentre dischi TDK e Verbatim di 3 anni fa, qualcuno mi ha rognato.A parte il fattore statistico perché un tempo si masterizzava molto meno, e un disco del 99 che non funziona non fa notizia...Però mi sembra di aver colto un progressivo abbruttimento della qualità complessiva dei media, correlata ad un calo generale dei prezzi. Magari mi sbaglio ed è tutta impressione.
  • Pel scrive:
    Qualcosa mi sfugge...
    Ma 400 Gb su 16 layer fa 25 Gb a layer... esattamente come gli attuali BD. Quindi a cosa è servito dimezzare il track pitch? in teoria dimezzando il track pitch si dovrebbe all'incirca raddoppiare la capacità di ogni singolo strato. Boh, forse devo bere un paio di caffè prima di fare le divisioni a due cifre... qualcuno più sveglio può rifare i calcoli?
    • chojin scrive:
      Re: Qualcosa mi sfugge...
      - Scritto da: Pel
      Ma 400 Gb su 16 layer fa 25 Gb a layer...
      esattamente come gli attuali BD. Quindi a cosa è
      servito dimezzare il track pitch? in teoria
      dimezzando il track pitch si dovrebbe all'incirca
      raddoppiare la capacità di ogni singolo strato.
      Boh, forse devo bere un paio di caffè prima di
      fare le divisioni a due cifre... qualcuno più
      sveglio può rifare i
      calcoli?Più vai in uno strato inferiore più questo avrà una capacità minore, è inevitabile. Gli strati più interni conterranno sempre meno dati di quelli più esterni. Per compensare a questa perdita devono aumentarli di numero ed anche aumentarne la densità.
  • barra78 scrive:
    + del BD
    Sono interessato alla jappola della foto!scherzi a parte 500gb riscrivibili mi farebbero molto comodo x backup e simili.
    • ndr scrive:
      Re: + del BD
      - Scritto da: barra78
      Sono interessato alla jappola della foto!

      scherzi a parte 500gb riscrivibili mi farebbero
      molto comodo x backup e
      simili....come perdere 400 GB di dati con un graffio...
      • Brenji Ahiai scrive:
        Re: + del BD
        Già.Oggi non mi fido ancora troppo dei DVD, ma ormai il supporto è maturo.Per i BD da 50 GB sono scettico. Quelli da 25 GB mi sento un attimino più sicuro. Ma 400GB...
        • Funz scrive:
          Re: + del BD
          - Scritto da: Brenji Ahiai
          Già.

          Per i BD da 50 GB sono scettico. Quelli da 25 GB
          mi sento un attimino più sicuro. Ma
          400GB...Quanto ci vuole a masterizzare un BR da 25 o 50 giga? I supporti sono già scesi di prezzo? E ci sono masterizzatori a prezzi umani?Per i rischi di perdita dati, si può sempre optare per una doppia copia.
        • chojin scrive:
          Re: + del BD
          - Scritto da: Brenji Ahiai
          Già.

          Oggi non mi fido ancora troppo dei DVD, ma ormai
          il supporto è
          maturo.

          Per i BD da 50 GB sono scettico. Quelli da 25 GB
          mi sento un attimino più sicuro. Ma
          400GB...I BD-R 25GB e 50GB funzionano perfettamente. Con un 4.5 - 5.5euro cadauno si prendono i BD-R 25GB TDK dal Giappone. I 50GB TDK attualmente stanno sui 9 - 11 euro
      • barra78 scrive:
        Re: + del BD
        Sai quando in un'azienda hai 300gb da backuppare fare una copia su BD e metterla incassaforte 1a volta ogni tanto male non fa. Tanto + che molte piccole aziende hanno la necessità digestire grosse quantità di dati (chi lavora nella grafica in particolare) senza avere budget elevati.
        • bob scrive:
          Re: + del BD
          preferisco prendere un paio di hard disk esterni e fare li la copia di sicurezza, li trovo molto più affidabili al momento
        • safd scrive:
          Re: + del BD
          un azienda usa i nastri, che sono ancora il sistema più sicuro per il backup, altro che bd e dvd e cd...
        • Malcolm scrive:
          Re: + del BD
          Solo un'azienda gestita da folli può affidarsi a backup su DVD e/o CD. I nastri sono ancora la soluzione più affidabile, o in ogni caso una catena di HDD ridondanti.
          • barra78 scrive:
            Re: + del BD
            LOL Tenete conto che ci sono centinaia di aziende che hanno 2 computer, qualche decina di gb di dati e le persone che usano i pc non sanno fare una mazza a parte usare i loro programmi (che siano photoshop, cad o altro). E l'utilizzo dei nasti diventa un impedimento non di poco conto quando si tratta di recuperare dei dati cancellati per sbaglio.I nastri vanno bene x chi ha un CED o perlomeno un responsabile.
          • Malcolm scrive:
            Re: + del BD
            D'accordo con te. Però un HDD di backup (es. un HD esterno USB), è alla portata di tutti, ed è molto più indicato di un dvd per fare dei backup. IMHO. Ciao :)
          • barra78 scrive:
            Re: + del BD
            Vero ed è quello che uso di solito. Però ogni tanto (2/3 volte l'anno) faccio 2 copie dei dati su un supporto + pratico e una copia finisce in laboratorio da me sottochiave, l'altra invece va a casa del cliente.Mi è già capitato di perdere dati a causa di un furto e il cliente aveva entrambi i dischi usb appoggiati sul server. Metti anche un (remotissimo) rischio di incendi che possano far perdere tutto che preferisco avere una copia dei dati fuori dall'ufficio del cliente.
  • chojin scrive:
    Più tardi del 2012 ? Non esiste
    Il lancio del nuovo standard UHDV e la finalizzazione del codec H.265 sono previsti fra il 2012 ed il 2014, la commercializzazione dei prodotti dovrebbe iniziare nel 2012. La PS4 probabilmente uscirà nel 2012-2013 e dovrà avere per forza di cose da subito la successiva unità ottica. Se questi nuovi Blu-Ray saranno approvati come specifiche BDA ufficiali dovranno per forza di cose essere sul mercato dal 2012-2013.. se così non sarà significherà che i produttori hanno optato per i dischi olografici. Se invece usciranno significherà che gli olografici slitteranno al 2016-2020 con capacità plausibilmente nell'ordine di 50-100TB o oltre per quella data (visto che i prototipi attuali raggiungono 1TB...)
    • chojin scrive:
      Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
      - Scritto da: chojin
      Il lancio del nuovo standard UHDV e la
      finalizzazione del codec H.265 sono previsti fra
      il 2012 ed il 2014, la commercializzazione dei
      prodotti dovrebbe iniziare nel 2012. La PS4
      probabilmente uscirà nel 2012-2013 e dovrà avere
      per forza di cose da subito la successiva unità
      ottica.

      Se questi nuovi Blu-Ray saranno approvati come
      specifiche BDA ufficiali dovranno per forza di
      cose essere sul mercato dal 2012-2013.. se così
      non sarà significherà che i produttori hanno
      optato per i dischi olografici. Se invece
      usciranno significherà che gli olografici
      slitteranno al 2016-2020 con capacità
      plausibilmente nell'ordine di 50-100TB o oltre
      per quella data (visto che i prototipi attuali
      raggiungono
      1TB...)Ah, sì.. comunque ritengo che se la BDA approva il nuovo formato entro il 2009 vedremo un'adozione massiccia di questi dischi già dal 2010 da parte dei produttori. Se non altro per offrire versioni speciali deluxe dei film con bitrate più alto e funzionalità aggiuntive rispetto ai Blu-Ray 50GB standard che per allora avranno un prezzo molto inferiore ad oggi.
      • cosa scrive:
        Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
        funzionalità aggiuntive?ma che vuoi di piu' da un film in hd...vuoi un trailer con gli interni della casa del regista in super multi ultra mega HD?
      • Terminator scrive:
        Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
        Poi nel 2077 Skynet prenderá autocoscienza e lancerá un attacco nucleare, vero?Ma qual'é l'attuale percentuale di penetrazione del BlueRay nelle case? (intendo su PC). Secondo me sotto il 5%.
        • stark scrive:
          Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
          Già... secondo me l'azienda si sta scollando dalle reali esigenze nostre. Il risultato è che ben pochi sentono l'esigenza di un blu ray figuriamoci i dischi da terabyte.Piuttosto cercassero di aumentare l'affidabilitàIl marketing ce la farà anche stavolta ad imporre un prodotto inutile ma questo è un altro discorso
          • chojin scrive:
            Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
            - Scritto da: stark
            Già... secondo me l'azienda si sta scollando
            dalle reali esigenze nostre. Il risultato è che
            ben pochi sentono l'esigenza di un blu ray
            figuriamoci i dischi da
            terabyte.
            Piuttosto cercassero di aumentare l'affidabilità

            Il marketing ce la farà anche stavolta ad imporre
            un prodotto inutile ma questo è un altro
            discorsoLe stesse identiche cavolate gente come te le diceva quando uscirono i primi CD-Audio .. poi i CD-ROM ed i CD-R .. e quindi ripeterono le stesse identiche cose per i DVD-Video prima e DVD-R/DVD+R dopo.
          • chinchillart scrive:
            Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
            Partiamo dal presupposto che l'informatica consumer ha margini di guadagno piuttosto bassi.I supporti ottici hanno dei margini di guadagno bassissimi.Se ha senso un BD ad alta capacità per una consolle, mi chiedo quanto abbia senso per un utente un BD da 400 GB registrabile.Il fatto di proporre incrementalmente un nuovo prototipo ogni anno, con capacità raddoppiata, va bene se devi fare una demo per la tua innovazione tecnologica, ma ad un utente smaliziato serve uno standard, e soprattutto serve la garanzia che il proprio supporto non diventi inutile (inservibile e/o non fruibile) nel giro di due tre anni (vedi LaserDisc).Se io adesso spendo 300 euro per un lettore Blue Ray da tavolo, chi mi assicura che nel 2009-2010 il mio lettore diventerà inservibile, perchè i film verranno pubblicati solo su i nuovi BD da 400?E poi dovremo cambiare i televisori? Quanti di noi hanno affrontato la spesa di passare da un HD Ready ad un full HD? Quanti cambieranno ancora per un super-mega-ultra LCD HD?C'è anche il fatto della "portabilità". Da un lato propongono supporti ad altissima capacità, che suppongo prevedano nuovi standard ad alta definizione e alto bitrate.Ma molta gente vuole vedere film su dispositivi molteplici, dal cellulare al PDA, dal MID al netbook, ecc. ecc.Tutto questo lo scrivo da utente che di video non capisce una mazza. :)
          • chojin scrive:
            Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
            - Scritto da: chinchillart
            Partiamo dal presupposto che l'informatica
            consumer ha margini di guadagno piuttosto
            bassi.
            I supporti ottici hanno dei margini di guadagno
            bassissimi.

            Se ha senso un BD ad alta capacità per una
            consolle, mi chiedo quanto abbia senso per un
            utente un BD da 400 GB
            registrabile.Molto più senso di costringere gli utenti a comprarsi decine di HDU USB 2.0 da 1TB dove archiviare i dati e che muiono molto più in fretta di un supporto ottico.
            Il fatto di proporre incrementalmente un nuovo
            prototipo ogni anno, con capacità raddoppiata, va
            bene se devi fare una demo per la tua innovazione
            tecnologica, ma ad un utente smaliziato serve uno
            standard, e soprattutto serve la garanzia che il
            proprio supporto non diventi inutile (inservibile
            e/o non fruibile) nel giro di due tre anni (vedi
            LaserDisc).

            Se io adesso spendo 300 euro per un lettore Blue
            Ray da tavolo, chi mi assicura che nel 2009-2010
            il mio lettore diventerà inservibile, perchè i
            film verranno pubblicati solo su i nuovi BD da
            400?I film non saranno mai pubblicati solo sul nuovo formato. Così come oggi vengono ancora pubblicati su DVD e da poco si è abbandonato il VHS.
            E poi dovremo cambiare i televisori? Quanti di
            noi hanno affrontato la spesa di passare da un HD
            Ready ad un full HD? Quanti cambieranno ancora
            per un super-mega-ultra LCD
            HD?Stanno vendendo come il pane. Molta più gente di quello che credi.
            C'è anche il fatto della "portabilità". Da un
            lato propongono supporti ad altissima capacità,
            che suppongo prevedano nuovi standard ad alta
            definizione e alto
            bitrate.

            Ma molta gente vuole vedere film su dispositivi
            molteplici, dal cellulare al PDA, dal MID al
            netbook, ecc.
            ecc.

            Tutto questo lo scrivo da utente che di video non
            capisce una mazza.
            :)Ci saranno sempre software sul mercato anche gratuiti per fare le conversioni. E faranno sempre uscire sistemi di sblocco per le criptazioni.. altrimenti nessuno comprerebbe i prodotti.
        • wojtyla scrive:
          Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
          - Scritto da: Terminator
          Poi nel 2077 Skynet prenderá autocoscienza e
          lancerá un attacco nucleare,
          vero?

          Ma qual'é l'attuale percentuale di penetrazione
          del BlueRay nelle case? (intendo su PC). Secondo
          me sotto il
          5%.parlo per me e per tutte le persone che conosco, che non sono tantissime ma tutte amano musica e cinema e fruiscono pesantemente di ste cose.io hd e blue ray li ho visti solo appesi in vendita, mai in una casa. la ricerca in ogni campo è bene che continui, no dubbi in proposito, ma ormai siamo al troppo del troppo del troppo.intanto non riesco più a sentirmi come quando avevo tra le mani una di quelle cartucce del super nintendo tanto agoniate, una delle 4-5 di quell'anno se andava bene. se abbiamo tutto di tutto svanisce quella sensazione di desiderio e di conseguente sfogo, che io ormai non percepisco più da anni.e mi ritrovo a giocare ai giochetti di 15-20 anni fa o a rivedere i goonies o navigator a nastro. inutilmente.
          • chojin scrive:
            Re: Più tardi del 2012 ? Non esiste
            - Scritto da: wojtyla
            parlo per me e per tutte le persone che conosco,
            che non sono tantissime ma tutte amano musica e
            cinema e fruiscono pesantemente di ste
            cose.
            io hd e blue ray li ho visti solo appesi in
            vendita, mai in una casa. la ricerca in ogni
            campo è bene che continui, no dubbi in proposito,
            ma ormai siamo al troppo del troppo del
            troppo.
            intanto non riesco più a sentirmi come quando
            avevo tra le mani una di quelle cartucce del
            super nintendo tanto agoniate, una delle 4-5 di
            quell'anno se andava bene. se abbiamo tutto di
            tutto svanisce quella sensazione di desiderio e
            di conseguente sfogo, che io ormai non percepisco
            più da
            anni.
            e mi ritrovo a giocare ai giochetti di 15-20 anni
            fa o a rivedere i goonies o navigator a nastro.
            inutilmente.Ma dove vivi ? Le uscite in Blu-Ray finiscono subito nei negozi, vendono oramai quanto i DVD e spesso li superano.All'estero poi le vendite di BD stanno salendo in maniera vertiginosa, malgrado il piagnisteo generale e le balle che vengono scritte.
  • Dti Revenge scrive:
    OMG
    Tutte cose fino a 5 anni fa impensabili.La tecnologia sta facendo passi da gigante!
Chiudi i commenti