India, la telefonia mobile è una sola

India, la telefonia mobile è una sola

I maggiori carrier mettono assieme le forze: le stazioni base saranno gestite da un'unica entità. Per ridurre i costi e allargare la copertura alle zone povere del paese
I maggiori carrier mettono assieme le forze: le stazioni base saranno gestite da un'unica entità. Per ridurre i costi e allargare la copertura alle zone povere del paese

È una svolta epocale quella decisa dalle tre principali società di telecomunicazioni mobili che operano in India: hanno scelto di dar vita ad una grande joint venture tecnologica, una coalizione che ha l’obiettivo di minimizzare le spese di ampliamento dell’infrastruttura di rete, massimizzando nel contempo i profitti e riducendo i tempi degli investimenti.

Non è roba da poco: le telco mirano a raddoppiare l’attuale numero di utenti che usano il servizio, anche grazie all’adozione di una politica di ulteriore riduzione dei prezzi per comunicare via cellulare. A tutto vantaggio delle aree rurali e delle fasce più povere della popolazione.

Bharti Airtel , Vodafone e Idea Cellular hanno unito le forze per fondare Indus Towers , che da ora in poi gestirà l’infrastruttura unificata delle torri base dei tre operatori e lavorerà per la sua espansione. “Questa è la prima volta che una società come questa viene lanciata in India e stiamo invitando gli altri protagonisti del mercato – governativi o privati che siano – ad unirsi a noi nell’aiutarci a diffondere i telefoni cellulari in ogni angolo di questo paese” ha dichiarato Akhil Gupta, direttore responsabile di Bharti Enterprises .

Permettere ad una società esterna di gestire lo sviluppo dell’infrastruttura eviterà di sprecare risorse preziose nel duplicare l’installazione delle torri base , sostiene ancora Gupta. “Questa società è un grande passo avanti nella riduzione dei costi – dice il manager – Non sarà più necessario per ogni società costruire una torre per le proprie necessità. In tal modo potrà concentrarsi nel far crescere il proprio business”.

Il colosso inglese Vodafone e Bharti Airtel, la maggiore telco del paese di proprietà del miliardario indiano Bharti Mittal, possiederanno ciascuna il 42% di Indus Towers, mentre il restante 26% verrà gestito da Idea Cellular. L’idea è quella di portare i vantaggi e le possibilità delle comunicazioni mobili, appannaggio quasi esclusivo delle zone cittadine, anche là dove risiede il 70% della popolazione , ovvero le campagne.

Le tre società coinvolte vogliono portare l’attuale popolazione di utenza cellulare – il 21% di 1,1 miliardi di persone – a mezzo miliardo entro il 2010, non solo minimizzando i costi di gestione dell’infrastruttura ma pensando anche ad un prezzo per chiamata più basso . Attualmente, 1 minuto di conversazione in India costa meno di due centesimi, e le telco di Indus Towers sono intenzionate a ridurlo ulteriormente per raggiungere una clientela ancora più vasta, o il “più basso comun denominatore della scala economica” per citare ancora le parole di Gupta.

L’esperimento indiano non è nuovo: già negli USA si è provato, con successo anche se su una scala di dimensioni molto minori , a lavorare per la costruzione e la gestione di infrastrutture unificate. La via indiana alle torri comuni sarà però “su una scala enorme” rispetto alle iniziative negli States, sottolinea ancora Gupta.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 12 2007
Link copiato negli appunti