Infosecurity in arrivo

8-10 febbraio


Milano – Infosecurity, Storage Expo e Documation Italia 2006 costituiscono l’appuntamento da non perdere per CIO, CEO, CIF, Direttori Acquisti, Amministratori Delegati, Direttori Generali che vogliono aggiornarsi su come affrontare le nuove sfide dell’Information Technology.

Milano – Si svolgeranno in contemporanea a Milano, al padiglione 17 della Fiera, dall’8 al 10 febbraio, le manifestazioni “Infosecurity”, “Storage Expo” e “Documation 2006”. Si tratta di un complesso di eventi, strutturati – si legge in una nota – “con un format che pone a confronto esperti del settore e del mondo accademico con l’offerta delle aziende e la presentazione di un’ampia gamma di case history”.

“Una rosa di temi – continua la nota – che spazia dalle nuove forme di attacchi informatici, alle normative sugli aspetti organizzativi del data storage e dello storage networking per finire con i temi dell’help desk e della gestione documentale. Le manifestazioni rappresentano il punto di incontro fra: strategie, business e mercato”.

L’8 si terrà per la prima volta la “Opening Session”, moderata da Alessandro Cecchi Paone, nel corso della quale sarà presentato uno scenario sul mercato dei tre settori di riferimento, realizzato da Clusit e IDC, e si concluderà con una tavola rotonda su “strategie ed innovazione, Sicurezza, Storage e Gestione documentale – perché come e quando nei vari settori industriali”.

Tutte le info, il programma e altro ancora sono disponibili qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cretino6 scrive:
    Re: Quanto siete piccini...
    va caca, scemo
  • Anonimo scrive:
    Re: quindi...
    La prima enciclica del papa si poteva leggere sul sito del Vaticano A POCHE ORE dalla pubblicazione (e si poteva scaricare legalmente)
  • Anonimo scrive:
    Si può leggere tutto gratis
    Su www.vatican.va si può leggere gratuitamente tutte le opere scritte dai papi dalla fine dell'800 ad oggi
  • Anonimo scrive:
    Le tariffe
    Per l?uso di qualche decina di righe di due omelie di Ratzinger in una guida al pontificato la richiesta è stata: quindicimila euro di acconto e il 15% al netto su ogni copia.
  • Anonimo scrive:
    In perpetuo!
    Si arrogano i diritti economici in PERPETUO e non per la durata gia lunga di 75 anni dopo la morte dell'autore. delirio di onnipotenza
  • Anonimo scrive:
    Da Zenith
    La Libreria Editrice Vaticana chiarisce le informazioni sui diritti d?autore del PapaE sugli scritti di Joseph RatzingerCITTA? DEL VATICANO, lunedì, 23 gennaio 2006 (ZENIT.org).- Pubblichiamo il comunicato stampa diffuso lunedì dalla Libreria Editrice Vaticana sui diritti di autore degli scritti del Papa e di Joseph Ratzinger.* * *La Libreria Editrice Vaticana, nel prendere lettura dell?articolo intitolato ?Atti, encicliche e discorsi. Il Papa mette il copyright? a firma di Marco Tosatti pubblicato sul quotidiano La Stampa del 21 gennaio 2006, osserva quanto segue.1. Il testo del decreto del 31 maggio 2005 a firma del Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato di Sua Santità, segue, senza soluzione di continuità, analogo provvedimento del 1978 a firma del Cardinale Segretario di Stato Jean Villot.2. Al decreto del 31 maggio 2005 già da tempo integralmente disponibile sul sito www.vatican.va, si accompagna, come pure avvenne nel 1978, un comunicato.3. Quello del 31 maggio 2005, a firma del Cardinale Angelo Sodano, recita: ?si rende noto che il Sommo Pontefice Benedetto XVI ha affidato alla Libreria Editrice Vaticana, l?esercizio e la tutela di tutti i diritti d?autore e di tutti i diritti esclusivi di utilizzazione economica degli atti, delle opere e degli scritti redatti dallo stesso Pontefice prima della sua elevazione alla Cattedra di Pietro. Senza pregiudizio dei diritti acquisiti da terzi in forza di contratti già conclusi con l?Autore, d?ora innanzi sono pure affidati alla Libreria Editrice Vaticana l?esercizio e la tutela dei diritti d?autore relativi ai contratti stessi tuttora in corso di esecuzione?.4. Dunque, si conferma che, già dal 1978, sono esplicitamente e volutamente stati affidati alla Libreria Editrice Vaticana la tutela e l?esercizio dei diritti d?autore non solo sui testi di tutte le opere di Magistero del Sommo Pontefice ma anche sui testi di tutte le opere prima del Cardinale Karol Wojtyla e, ora, del Cardinale Joseph Ratzinger.5. Si tratta di provvedimenti con forza di legge regolarmente pubblicati su Acta Apostolicae Sedis (la raccolta ufficiale degli atti della Santa Sede) e divulgati attraverso i più efficienti mezzi di comunicazione.6. Il promemoria ?sintetizzato? dal Direttore della Libreria Editrice Vaticana, Don Claudio Rossini sdb, per esplicare le concrete modalità applicative dei detti provvedimenti, da La Stampa definito come ?riservato?, è stato consegnato a tutti gli Editori presenti alla fiera internazionale del libro di Francoforte già nello scorso mese di ottobre ed è stato successivamente inviato a tutti gli Editori italiani.7. In seguito, dal 13 al 16 dicembre, sempre dello scorso anno, si è svolto in Vaticano un incontro internazionale con gli editori del Prof./Cardinale Joseph Ratzinger, le cui conclusioni, per nulla segrete, sono state pubblicate su L?Osservatore Romano e sul Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede.8. Infine, in ordine alla richiesta della somma di ? 15.000,00 rivolta ad una casa editrice milanese per l?utilizzo di ?una trentina di righe del discorso ?pro eligendo pontifice? ?tenuto da Ratzinger in conclave e di quello di ?incoronazione??, si precisa che tale domanda è stata avanzata dalla Libreria Editrice Vaticana per la pubblicazione di un volume ove così si scrive all?inizio dell?introduzione: ?tutto quello che troverete, dalla fine di questa introduzione in poi, appartiene alla penna o alla voce di Joseph Ratzinger?. Il volume, giunto alla seconda edizione, consta di 124 pagine ed è venduto al prezzo di copertina di ? 9,90.ZI06012309
  • Anonimo scrive:
    5 --
    CIAO RATZI
  • Pisky scrive:
    A quando Chiesa Cattolica s.p.a.?
    Ancora ho i brividi per quanto letto nell'articolo. Evidentemente lo fanno per mangiarci soldi, altrimenti avrebbero tranquillamente adottato una licenza libera...-_-
  • Anonimo scrive:
    Chiesa? La storia si ripete
    Ma di che vi meravigliate? La Chiesa è stata sempre così.Vogliono darci lezione di morale quando i primi farabutti sono loro. Evidentemente si rendono conto delle fesserie che dicono.Cattolico è chi legge la bibbia Anti-cattolico è chi la capisce.
  • Anonimo scrive:
    Simone di Giona, mi ami tu?
    Ma di cosa vi stupite tutti??Del fatto che Satana questa volta ha sbagliato e non e' riuscito a nascondere per benino le catene che vi ha messo ai piedi?Di cosa vi stupite???Avete visto per anni, con i vostri stessi occhi, il potere acquisito dalla "santa romana chiesa" ed ora vi stupite??Avete appreso dalla storia il suo potere politico e, ancora, vi stupite??Sciocchi!! Come sciocco ero io, dopo tutto...Anzi, neanche mi reputavo credente. Nemmeno io sapevo, spiritualmente parlando, cosa fossi... Ma ora lo so. Grazie a Gesu'! Ora so chi e' il mio Salvatore, so chi e' il Leone della tribu' di Giuda, il Signor dei Signori, il Prode che cavalca, Colui che apre e nessuno chiude, so che tornera' nella sua gloria per rapire la "sua chiesa", la "sua sposa".Di cosa vi stupite??State pensando: "Ecco, questo e' pazzo. Cosa dice?" ? Bene, sappiate cosa e' scritto in Marco 14:62-65, allora.Pensate forse che quando Egli ritornera' per rapire la sua sposa vorra? trovare una prostituta al suo posto? A voi farebbe piacere trovarvi in una situazione simile? No? Beh, allora pensate se possa far piacere a Colui che ha dato il suo santo sangue per la sua sposa!!Non sapete cosa e' scritto in Apocalisse 2:9 e 3:9? Dunque leggetelo, soffermandovi alla parola "sinagoga".Credete voi? Se credeste, sapreste che il "Verbo" e' Dio e non un "impostore". Dunque non associate parole sante a cio? che non e? santo. Ricordatevi che in Matteo 12:33 sta scritto: "FATE l'albero buono, e il suo frutto sarà buono; o fate l'albero malvagio, e il suo frutto sarà malvagio; poichè dal frutto si conosce l'albero."E sta, ancora, scritto: "Se vendete qualcosa al vostro prossimo o se comprate qualcosa dal vostro prossimo, nessuno faccia torto al suo fratello." (Levitico 25:14).Non chiesero al Signore Gesu': "Qual e' il gran comandamento?" ? Cosa rispose egli? Lo trovate in Marco 12:28-34.Di cosa sto parlando? Da dove traggo queste frasi? Da un romanzo? Da un libro di politica pacifista? Da un racconto estemporaneo? (Oh, molti lo considerano tale...).NO! E' la Parola di DIO!"Mica siamo scemi! Lo sappiamo!" penseranno alcuni.Voi pensate di saperlo, vi dico io. Come accadeva a me.Molti l'hanno dimenticata. Eppure la domenica vanno in chiesa, "battezzano" i propri figli, si sposano, fanno la prima comunione, la cresima, la...E poi, tradiscono il proprio coniuge, lasciano che i figli siano dediti ad ogni sorta di male, si prostituiscono al "mondo"...Quante di queste cose sono scritturali? E quanti ne conoscono il significato profondo e ne portano rispetto senza trasformarle in "tradizioni"?No sapete che sta scritto: "Se diciamo che abbiam comunione con lui e camminiamo nelle tenebre, noi mentiamo e non mettiamo in pratica la verità". (1 Giovanni 1:6).Chi di voi per definire il suo credo dice "Io sono cristiano" invece di dire "Io sono cattolico"?Cristo Gesu' e' Uno e sono Tre: Padre, Figliolo, e Spirito Santo. Questo e' DIO!Abbiate il coraggio di entrare in una chiesa avendo con voi la vostra Bibbia, e di aprirla su Deuteronomio 5:5, di leggerla sino al verso 21, stando li', ritti in piedi e guardandovi poi intorno.Il Verbo, la Parola, e' scesa tra noi perche' ci ha amato sin dal principio (Vedi Giovanni 1). Ci ha portato il suo amore. Infatti sta scritto: "Io vi do un nuovo comandamento: che voi vi amiate gli uni gli altri; acciocchè, come io vi ho amati, voi ancora vi amiate gli uni gli altri. Da questo conosceranno tutti che voi siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri." (Giovanni 13:34-35).Dunque, non vi scandalizzate di cosa accade nel mondo, infatti in Matteo 18:7 sta scritto: "Guai al mondo per gli scandali! perciocchè, bene è necessario che scandali avvengano; ma nondimeno, guai a quell'uomo per cui lo scandalo avviene!" ed in Luca 17:1 sta scritto: "OR egli disse a' suoi discepoli: Egli è impossibile che non avvengano scandali; ma, guai a colui per cui avvengono!".Pensate, piuttosto, che sta anche scritto: "ma se camminiamo nella luce, com'Egli è nella luce, abbiam comunione l'uno con l'altro, e il sangue di Gesù, suo Figliuolo, ci purifica da ogni peccato." (1 Giovanni 1:7).Infine, non preoccupatevi se non potrete piu' usufruire di parole dette da uomini se non pagandole. Preoccupatevi, invece, di leggere la Parola di Dio che e' libera e libera.Poiche' sta scritto: "Gesù allora prese a dire a que' Giudei che aveano creduto in lui: Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; e conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi.". (Giovanni 8:31-32).Pace a tutti voi
  • jeanlucpicard scrive:
    Almeno pagassero l'ICI...
    ...come tutti gli altri...
  • Anonimo scrive:
    Re: Quanto siete piccini...
    Ma mi spieghi cosa importa alla chiesa se dei commercianti senza scrupoli fanno quattrini alle sue spalle? La chiesa dovrebbe essere più interessata alla diffusione della sua dottrina, semmai favorita da questo commercio sia pure illecito e invece...Sennò poi come fa il papa a comparsi il cappellino rosso coll'ermellino per fare babbo natale?
  • Anonimo scrive:
    Re: Quanto siete piccini...
    Ma cosa sono le CC?
  • Anonimo scrive:
    EVANGELIZZAZIONE
    Ma la loro missione non dovrebbe essere di diffondere la parola del signore, e in particolar modo tra gli umili e i poveri? Come si concilia questo con il fatto che 'sta parola poi me la fai pagare?Detto questo precisiamo che a me, dalla prima parola della bibbia fino all'ultimo 'a' detto dal papa non m'importa una sega! essendo io un senzaddio militante
  • Anonimo scrive:
    Re: Quanto siete piccini...
    - Scritto da: Anonimo
    perchè prima di spalare merda non provate a
    pensare a tutti quei commercianti da due soldi
    che fanno affari rivendendo all'infinito testi
    cattolici di ogni tipo...?

    in questo mondo di ladri, la chiesa é il ladro più grande, mica per nulla Cristo aveva butttato fuori i mercanti dal tempio e in tutto il vangelo NON si parla MAI di preti, ma solo di fedeli a Cristo
  • EverythingYouKn scrive:
    TOGLIAMO L'OTTO PER MILLE AI CATTOLICI !
    TOGLIAMO L'OTTO PER MILLE AI CATTOLICI !COLPIAMOLI IN QUELLO CHE HANNO DI PIU' CARO: I SOLDI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Per il momento si potrebbe dare l'otto per mille alla Chiesa Valdese in quanto sono soldi utilizzati "unicamente per progetti di natura assistenziale, sociale o culturale e che una quota fosse riservata per progetti nel Terzo mondo in collaborazione con organismi religiosi o laici."http://www.chiesavaldese.org/pages/finanze/otto_mille.php--------------------------------------------------------------------------"Otto per mille e Chiesa cattolica romana. Ruini ci informa solo sull'uso dell'8,6%.E il restante 91,4%, come viene speso?"http://www.virusilgiornaleonline.com/rubricadol_52.htm--------------------------------------------------------------------------"Chiesa CattolicaLa somma ricevuta dalla Chiesa Cattolica (936 milioni di euro nel 2004) è stata distribuita in questo modo:46,45% esigenze di culto (catechesi, tribunali ecclesiastici, manutenzione e rinnovo degli immobili, gestione del patrimonio)33,58% sostentamento del clero19,97% aiuti al Terzo Mondo" !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!http://it.wikipedia.org/wiki/Otto_per_mille--------------------------------------------------------------------------"Per essere uno stato laico ne facciamo di cose per la chiesa cattolica.Gli diamo l'8 per mille con un meccanismo fatto appositamente per ricoprirli di denaro mentre cerchiamo di bloccare la trasmissione degli spot di un' altra confessione religiosa che sbugiardano il fine benefico della loro raccolta, li abbiamo esentati dall' ICI, anche quando ci guadagnano, gli finanziamo direttamente le scuole private e tanto per non lesinare in molte regioni abbiamo istituito i buoni scuola, una roba fatta apposta per le loro scuole, gli abbiamo assunto gli insegnanti di religione scelti da loro senza colpo ferire, quatti quatti stiamo cercando di rendere l' insegnamento della religione cattolica obbligatorio, condanniamo i giudici che si rifiutano di tenere udienza nelle aule in cui è affiso il crocifisso e gli paghiamo l' acqua e la merda: manca solo il finanziamento per il sapone e gli altri prodotti per l' igiene personale per ricomporre anche in questo ambito una simbolica santissima trinità.MA A LORO NON BASTA, SCASSANO ANCORA LE PALLE" ..............http://www.indignato.it/2005/11/22/la_merda_di_ruini_e_anche_tua.html--------------------------------------------------------------------------"Hai notato come la puntata di Report a cui fai riferimento [otto per mille] sia stata amabilmente cassata da dall'archivio online della RAI?http://www.raiclicktv.it/raiclickpc/secure/folder.srv?id=1238&pagina=1devo essere cattivo e pensar male (che a volte ci si indovina)?Posted by: buck on 24.11.05 09:37http://www.indignato.it/2005/11/22/la_merda_di_ruini_e_anche_tua.html
  • Anonimo scrive:
    HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
    Preti, chiese, omelie e perpetue, lussisfrenati e bei chierichetti, sono tutte coseche devono pagare SOLO I FEDELI, nontutti.Queste enormi somme di denaro, tolte alsociale, alla ricerca, e che vanno in porpore,ori e pietre preziose che fanno da contornoal dio in terra detto papa, si devono smetteredi elargire, se non altro per rispetto a queipoveri preti idealisti di prima linea che in paesiin via di sviluppo rischiano la pelle lavorandoper chi non ha nulla, e di questa montagnadi denaro vede solo qualche spicciolo.Esistono moltissime fedi religiose: ognuna deveessere mantenuta dai propri fedeli, non da tutti,ognuna deve avere pari diritti e pari doveri, noningerire nel politico e nel sociale e soprattutto autofinanziarsi, non servire a edificare tramite prebende parastataliricchezze babilonesi alla faccia dei poveretti di tutto il mondo
    • Anonimo scrive:
      Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
      Sottoscrivo in pieno!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
        Assolutamente d'accordo!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
          La chiesa di una volta vaceva schifo, quella di oggi ha ancora molti difetti e gli uomini che la compongono ancora peggio (vedi il don che è comparso oggi sui giornali),ma la fede è un'altra cosa, se voi non avete fede peggio per voi, destinati a sentirvi sempre più soli ed egoisti con il passare degli anni.Auguri, ne avete bisogno.M.D.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: Anonimo
            La chiesa di una volta vaceva schifo, quella di
            oggi ha ancora molti difetti e gli uomini che la
            compongono ancora peggio (vedi il don che è
            comparso oggi sui giornali),
            ma la fede è un'altra cosa, se voi non avete fede
            peggio per voi, destinati a sentirvi sempre più
            soli ed egoisti con il passare degli anni.

            Auguri, ne avete bisogno.
            M.D.Bello eh essere schiavo del tuo dio? :p :p
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!

            Bello eh essere schiavo del tuo dio? :p :pSono schiavo del mio Dio come tu lo sei del dio denaro.Ovviamente mi auguro che nessuno di noi due sia o si senta schiavo.Comunque se per te credere significa essere degli schiavi mi sa che non hai mai cercato di capire cosa significhi in realtà e ti sei fermato ad una prima possibile impressione di chi non crede in nulla se non ciò che tocca con le proprie mani. Mi auguro solo che tu un giorno possa provare il desiderio di capire cosa significa crede, cosa che è possibile scoprire leggendo un po'.M.D.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: Anonimo

            Bello eh essere schiavo del tuo dio? :p :p

            Sono schiavo del mio Dio come tu lo sei del dio
            denaro.Come fai a dirlo? Magari è un comunista doc o una persona che ha molti valori (e sì, questi valori li può avere anche chi non crede) all'infuori del denaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: Anonimo
            ma la fede è un'altra cosa, se voi non avete fede
            peggio per voiPeggio per noi? Meglio per noi! Siamo persone in grado di ragionare con la propria testa.
            destinati a sentirvi sempre più soli ed egoisti con
            il passare degli anni.Sì, e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata...
            Auguri, ne avete bisogno.
            M.D.Anche te a giudicare dalle brutte convinzioni che hai.Auguri.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!


            ma la fede è un'altra cosa, se voi non avete
            fede

            peggio per voi

            Peggio per noi? Meglio per noi! Siamo persone in
            grado di ragionare con la propria testa.
            Sono perfettamente in grado di ragionare, infatti è il mio lavoro.Credere non significa riverire è fare ciò che ti ordinano gli altri, la fede è ciò che ti permette di risogere dalle tue stesse ceneri anche quando sei in difficoltà e ti può aiutare quando ti trovi davanti ad un bivio.Credere per me significa principalmente sapere di essere amati qualsiasi cosa accada.Per te sembra che credere viglia dire essere un lecchino di un potente.Non ti dico che devi credere, nessuno può importelo, ma almeno evita di confondere la fede con ciò che fa Fede. :) M.D.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: Anonimo
            Credere non significa riverire è fare ciò che ti
            ordinano gli altri, la fede è ciò che ti permette
            di risogere dalle tue stesse ceneri anche quando
            sei in difficoltà e ti può aiutare quando ti
            trovi davanti ad un bivio.Io lo chiamo "essere ottimisti" e "non arrendersi davanti alle avversità", non fede.Al massimo il tuo modo di aver fede ti aiuta ad essere ottimista e a non "lasciarti andare", ma questa per me non è fede.
            Credere per me significa principalmente sapere di
            essere amati qualsiasi cosa accada.Mi sembra un pò riduttivo...
            Per te sembra che credere viglia dire essere un
            lecchino di un potente.Lecchino di un potente no, ma schiavo di altre idee sì.E non dirmi che credi a tutte le cose della bibbia, del vangelo, etc che non ci credo. Ultimamente (?) molti credono a ciò che gli fa comodo credere, ma per me o si prende per buono tutto o non si prende per buono niente. Difatti i credenti di quella che chiamo fede-fai-da-te sono la maggiorparte, e questa maggiorparte per me sono solo degli atei che hanno paura di ammetterlo.Forse tu penserai con la tua testa ma o pensi con la tua testa (e quindi per me non credi -- vedi sopra) o pensi con la testa di qualcun altro (e credi).
            Non ti dico che devi credere, nessuno può
            importeloSarà che non vuoi impormelo, ma dirmi come hai fatto prima "la fede è un'altra cosa, se voi non avete fede peggio per voi, destinati a sentirvi sempre più soli ed egoisti con il passare degli anni" mi sembra traducibile con "se non credi peggio per te, morirai solo e sfigato".Un ottimo augurio, non c'è che dire...Sul fatto che nessuno possa impormi di credere o non credere ti sbagli. Magari *tu* non me lo imponi (direttamente), ma referendum, 8permille e le tante ingerenze del vaticano ti dicono niente?Bye.
          • drunken_ninja scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo

            Credere non significa riverire è fare ciò che ti

            ordinano gli altri, la fede è ciò che ti
            permette

            di risogere dalle tue stesse ceneri anche quando

            sei in difficoltà e ti può aiutare quando ti

            trovi davanti ad un bivio.

            Io lo chiamo "essere ottimisti" e "non arrendersi
            davanti alle avversità", non fede.Provo a spiegarti cosa vuol dire credere. Spero di riuscirci... e spero che tu legga il post... :O) In Giovanni 12:37-50 sta scritto:"E sebbene avesse fatto tanti miracoli in loro presenza, pure non credevano in lui; affinché s'adempisse la parola detta dal profeta Isaia: "Signore, chi ha creduto a quel che ci è stato predicato? E a chi è stato rivelato il braccio del Signore?". Perciò non potevan credere, per la ragione detta ancora da Isaia: "Egli ha accecato gli occhi loro e ha indurato i loro cuori, affinché non veggano con gli occhi, e non intendano col cuore, e non si convertano, e io non li sani.". Queste cose disse Isaia, perché vide la gloria di lui e di lui parlò. Pur nondimeno molti, anche fra i capi, credettero in lui; ma a cagione dei Farisei non lo confessavano, per non essere espulsi dalla sinagoga; perché amarono la gloria degli uomini più della gloria di Dio. Ma Gesù ad alta voce avea detto: Chi crede in me, crede non in me, ma in Colui che mi ha mandato; e chi vede me, vede Colui che mi ha mandato. Io son venuto come luce nel mondo, affinché chiunque crede in me, non rimanga nelle tenebre. E se uno ode le mie parole e non le osserva, io non lo giudico; perché io non son venuto a giudicare il mondo, ma a salvare il mondo. Chi mi respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunziata è quella che lo giudicherà nell'ultimo giorno. Perché io non ho parlato di mio; ma il Padre che m'ha mandato, m'ha comandato lui quel che debbo dire e di che debbo ragionare; ed io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che dico, così le dico, come il Padre me le ha dette."Vedi, io credo in quello che sta scritto qui sopra senza condizioni in quanto trattasi della Parola di Dio.Non penso minimamente ad essere ottimista. Semplicemente credo. E' una cosa semplicissima da spiegare -basta credere!- ma difficilissima da accettare per molti. Anch'io prima ero come te, se questo puo' spezzare una lancia a mio favore. Non che io ti conosca, ma dalle risposte che dai posso trarre una tipologia di pensiero. Probabilmente, anzi, lo ammetto, io ero anche peggio. E neanche tanto tempo fa. E' da quasi un anno che ho accettato Gesu' nella mia vita. E ti posso assicurare che Egli e' vivente. Eccome se lo e'! Ma non voglio star qui a farti la predica. Poiche' ti capisco: anche io prima non capivo. Il segreto della fede sta nella grazia ricevuta da Dio per mezzo del suo figliolo Gesu' Cristo.Io ho scelto di accettare Gesu', ma la mia scelta in realta' e' stata una sua scelta, infatti sta scritto in Giovanni 15:16: "Non siete voi che avete scelto me, ma son io che ho scelto voi, e v'ho costituiti perché andiate, e portiate frutto, e il vostro frutto sia permanente; affinché tutto quel che chiederete al Padre nel mio nome, Egli ve lo dia.".Io, un anno fa nemmeno mi immaginavo di mettermi a pregare 3 volte al giorno, di ringraziare il Signore per ogni cosa che ottengo e faccio ed anche per ogni cosa andata male, di limitare quasi al nulla il vedere la tv per quanto e' diventata marcia. Ma la cosa piu' assurda, (dal tuo punto di vista, ovvia dal mio) e' che ho paura a tornare indietro! Si', perche ho visto, grazie a Gesu', la "grossezza" delle catene che portavo ai piedi. Tu credi? E se non credi, come consideri questi passi della Bibbia?

            Per te sembra che credere viglia dire essere un

            lecchino di un potente.

            Lecchino di un potente no, ma schiavo di altre
            idee sì.
            E non dirmi che credi a tutte le cose della
            bibbia, del vangelo, etc che non ci credo.
            Ultimamente (?) molti credono a ciò che gli fa
            comodo credere, ma per me o si prende per buono
            tutto o non si prende per buono niente. Difatti i
            credenti di quella che chiamo fede-fai-da-te sono
            la maggiorparte, e questa maggiorparte per me
            sono solo degli atei che hanno paura di
            ammetterlo.

            Forse tu penserai con la tua testa ma o pensi con
            la tua testa (e quindi per me non credi -- vedi
            sopra) o pensi con la testa di qualcun altro (e
            credi).Guarda, in Proverbi 9:10 sta scritto: "l principio della sapienza è il timor dell'Eterno, e conoscere il Santo è l'intelligenza.".Dunque Dio non ci dice di pensare con la testa di qualcun'altro... ;O)

            Non ti dico che devi credere, nessuno può

            importelo

            Sarà che non vuoi impormelo, ma dirmi come hai
            fatto prima "la fede è un'altra cosa, se voi non
            avete fede peggio per voi, destinati a sentirvi
            sempre più soli ed egoisti con il passare degli
            anni" mi sembra traducibile con "se non credi
            peggio per te, morirai solo e sfigato".Dai, non penso lo abbia detto con malizia. Anzi, mi spiace dirtelo, ma ha ragione. Ti riporto un pezzo del passo di Giovanni di prima: "Chi mi respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo giudica: la parola che ho annunziata è quella che lo giudicherà nell'ultimo giorno."Sai cosa avverra' l'ultimo giorno? Hai mai letto l'Apocalisse? Leggila, cosi' oltre a scoprire cosa avverra' l'ultimo giorno, scoprirai anche che Satana ha la sua sinagoga (stesso termine, ma di origine ebraica, per indicare la costruzione dove di solitoci si riunisce per il culto, ovvero chiesa, strutturalmente parlando).Vedrai che piano piano farai 2+2 tra storia e avvenimenti, per cosi' dire, "contemporanei".
            Sul fatto che nessuno possa impormi di credere o
            non credere ti sbagli. Magari *tu* non me lo
            imponi (direttamente), ma referendum, 8permille e
            le tante ingerenze del vaticano ti dicono niente?Su questo hai ragione. Ma, anzi, e' peggio di come sembra, alcune volte ti ritrovi a fare cose sbagliate fatte passare per giuste... Eh gia'. Infatti se non hai fede in Gesu', sei schiavo di Satana. E sappi alcune volte si traveste da angelo di luce... Sta scritto, ma questa volta vattelo a cercare. Ti fara' solo bene.

            Bye.Che la pace del Signore sia con te. E possa l'Eterno benedirti nel nome di Gesu'. P.S.Magari, la prox volta, registrati un nick e firma.:O)
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!
            - Scritto da: drunken_ninja
            Provo a spiegarti cosa vuol dire credere. Spero
            di riuscirci... e spero che tu legga il post...
            :O)Ciao, ho letto, ma per una risposta al tuo discorso devi aspettare domani, oggi non ho abbastanza tempo da dedicarci...Bye :)
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA! #1
            - Scritto da: drunken_ninja
            In Giovanni 12:37-50 sta scritto: " [...] "

            Vedi, io credo in quello che sta scritto qui
            sopra senza condizioni in quanto trattasi della
            Parola di Dio.Infatti: credere senza condizioni sta proprio per "fede".
            Non penso minimamente ad essere ottimista.Probabilmente hai travisato oppure mi sono spiegato male...Se il credere è possibile riassumerlo (cosa estremamente difficile :) ) nelle poche frasi dette da M.D. allora il credere è solo un modo per trovare la pace con se stessi. Un modo per sentirsi amati immaginando un qualcosa che non è visibile, non è toccabile ma -- dovrebbe -- esistere. Nelle più difficili situazioni il credere può aiutare psicologicamente: non sono solo, so che c'è qualcuno che mi guarda, anche se sono in questa ingiusta situazione chi mi ha fatto un torto prima o poi dovrà renderne conto a qualcuno [*1].Da quì: credere
            ottimista
            aspettarsi il meglio dalla vita
            vedere luce anche quando c'è buio.Credere può anche significare altro (?) ma nella maggiorparte dei credenti di mia conoscenza credere è tristemente riassumibile in quelle poche righe.
            Anch'io prima ero come te,
            se questo puo' spezzare una lancia a mio favore.
            Non che io ti conosca, ma dalle risposte che dai
            posso trarre una tipologia di pensiero.Mi sa che non lo sai come sono ;) .Battezzato, ho fatto la comunione e la cresima, mi confessavo, andavo a catechismo. Lezioni di religione a scuola. Periodicamente andavo a messa (un pò più -- ma neanche tanto -- della media dei ragazzini miei coetanei). Sono andato avanti così, fino a quando (probabilmente in modo inconscio) ho incominciato a diminuire i miei "rapporti" con il clero e con dio. Meno messa, meno confessioni, meno comunione. Diminuendo diminuendo sono arrivato a zero: niente messa, niente confessione, niente comunione (escludento il natale). Passano 3-4 anni e senza motivo ho ricominciato a pregare prima di andare a dormire, da un semplice padre nostro a un padre nostro e un'ave maria, fino ad arrivare a due ogni sera e dispiacendomi quando mi scordavo di pregare.Fino a quando mi sono accorto che pregavo per abitudine. Credevo per abitudine. Avevo solo *paura* di dire a me stesso "cosa preghi a fare? pensi che pregare faccia diventare un buon credente? pensi che pregare ti avvicini a dio e ti faccia guadagnare il paradiso?Io sono convinto che se il clero o chi crede in dio incominciasse ad-insegnare/a-far-insegnare la religione (bello far la cresima a 13 anni eh? a 13 anni credo in dio, sì, ne sono sicuro, professo la mia fede, annuncio che ci credo) a persone con un pò più di cervello, un pò più di autostima, un pò più di *palle* per fare le domande *giuste* a chi ti sta *insegnando* la religione la percentuale dei credenti, quelli che adesso sono quello che ero io, i credenti-per-abitudine, i credenti-fai-da-te adesso i Veri Credenti sarebbero una cifra risicatissima.Ma alla chiesa va bene così, deve campare in qualche modo... e credenti al di fuori della chiesa non li ho mai sentiti lamentare su questo fatto.
            Io, un anno fa nemmeno mi immaginavo di mettermi
            a pregare 3 volte al giorno, di ringraziare il
            Signore per ogni cosa che ottengo e faccio ed
            anche per ogni cosa andata male, di limitare
            quasi al nulla il vedere la tv per quanto e'
            diventata marcia.Sulla tv concordo. Io guardo solo qualche filmetto (registrato) ogni tanto. Le attuali trasmissioni televisive servono solo ad evitare che le persone si occupino di fatti importanti (politica o altro) per occuparsi di scemate (calcio, gf, show dementi).Sulle cose che ottengo ogni giorno ringrazio solamente chi me le fa ottenere, e di questi solo quelli che me le fanno ottenere secondo la mia morale. Altri non posso ringraziare, i miei grazie vanno solo a chi se li merita.
            Ma la cosa piu' assurda, (dal
            tuo punto di vista, ovvia dal mio) e' che ho
            paura a tornare indietro! Si', perche ho visto,
            grazie a Gesu', la "grossezza" delle catene che
            portavo ai piedi.Io invece ho paura di chi crede. Nortoriamente chi crede ha la tendenza a farti seguire le sue scelte
            Tu credi? E se non credi, come consideri questi
            passi della Bibbia?Senza significato. Parole. Metafore di dubbia utilità. Preferisco credere nella scienza, nella tecnologia, in fatti.E ciò che non prova la scienza e non riesce a fare la tecnologia un giorno riuscirà. Basta solo impegnarsi e far andare il cervello, prima o poi qualcuno ci arriverà.

            Lecchino di un potente no, ma schiavo di altre

            idee sì.

            E non dirmi che credi a tutte le cose della

            bibbia, del vangelo, etc che non ci credo.

            Ultimamente (?) molti credono a ciò che gli fa

            comodo credere, ma per me o si prende per buono

            tutto o non si prende per buono niente. Difatti

            i credenti di quella che chiamo fede-fai-da-te

            sono la maggiorparte, e questa maggiorparte

            per me sono solo degli atei che hanno paura di

            ammetterlo.



            Forse tu penserai con la tua testa ma o pensi

            con

            la tua testa (e quindi per me non credi -- vedi

            sopra) o pensi con la testa di qualcun altro (e

            credi).

            Guarda, in Proverbi 9:10 sta scritto: "l
            principio della sapienza è il timor dell'Eterno,
            e conoscere il Santo è l'intelligenza.".

            Dunque Dio non ci dice di pensare con la testa di
            qualcun'altro... ;O)Fede: credere senza spiegazioni.Una vergine che partorisce, il camminare sull'acqua, morti che si risvegliano. Sono queste le cose che spingono un bambino a credere.- Lui è dio- Ma perché è dio?- Perché sa fare queste cose, le ha fatte, dio è onnipotenteE i bambini, spinti, obbligati ad andare a messa... obbligati a credere... alla fine ci credono. Fino a quando diventano adulti e "credono per abitudine".Fede: credere senza spiegazioni.- Nel principio Iddio creò il cielo e la terra.- I pianeti si sono scordati di citarli? [*2] E il principio "nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma" dove è finito? [*3]E le rocce vecchie di milioni di anni quando invece secondo i credenti la Terra è molto molto più giovane? [*4]E i dinosauri? [*5] Non eravano i primi esseri viventi ad essere stati creati? [*6]E se non vale la [*3]... chi ha creato dio?Comunque alle domande [*23456], che sono solo alcune e le più evidenti che mi vengono in mente, alcuni "studiosi della religione" hanno già risposto. Inutile che ti dica che sono per me delle paurose arrampicate sugli specchi.Tu come risponderesti a queste domande? Se vuoi ti dico come hanno risposto gli eminenti studiosi :( .[] fine primo tempo []
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA! #2
            [] inizio secondo tempo []


            Non ti dico che devi credere, nessuno può


            importelo



            Sarà che non vuoi impormelo, ma dirmi come hai

            fatto prima "la fede è un'altra cosa, se voi non

            avete fede peggio per voi, destinati a sentirvi

            sempre più soli ed egoisti con il passare degli

            anni" mi sembra traducibile con "se non credi

            peggio per te, morirai solo e sfigato".

            Dai, non penso lo abbia detto con malizia. Anzi,
            mi spiace dirtelo, ma ha ragione.Perchè? Senza credere in dio morirò solo? Non avrò ideali? Sarò un egoista? Sarò un poveretto?Hai letto come M.D. ha risposto al tizio sopra?"Sono schiavo del mio Dio come tu lo sei del dio denaro"Ergo chi non crede in dio è *ovviamente* una persona senza uno straccio di morale, solo *attaccato al denaro*.Io nell'ultima affermazione leggo solo insultiì, ma oramai sono abituato, i credenti non rispettano mai gli altri, sanno solo piangere quando vengono ripresi.Anche tu sai che morirò solo? Che morirò "vuoto"? E perché?
            Ti riporto un
            pezzo del passo di Giovanni di prima: "Chi mi
            respinge e non accetta le mie parole, ha chi lo
            giudica: la parola che ho annunziata è quella che
            lo giudicherà nell'ultimo giorno."Ergo: dio mi crea; dio mi dice che mi ha creato; prove zero; devo credere; se non credo e/o non rispetto le sua legge son cazzi miei ("sai cosa ti aspetta" -- cit.).Scusami, ma è troppo chiedere una prova? Se dio può tutto non gli costerà fornirmi una prova. Anche piccola. Io sono quà e attendo.Ma se ci fossero prove non sarebbe fede :) .
            Sai cosa avverra' l'ultimo giorno? Hai mai letto
            l'Apocalisse? Leggila, cosi' oltre a scoprire
            cosa avverra' l'ultimo giorno, scoprirai anche
            che Satana ha la sua sinagoga (stesso termine, ma
            di origine ebraica, per indicare la costruzione
            dove di solitoci si riunisce per il culto, ovvero
            chiesa, strutturalmente parlando).
            Vedrai che piano piano farai 2+2 tra storia e
            avvenimenti, per cosi' dire, "contemporanei".Che la chiesa non rispetti il messaggio di dio non vuol dire che dio esista veramente per me.Io credo nel paradio, nell'inferno.Si trovano quì in terra e li vivi per le scelte che fai.E non è detto che i buoni finiscano in paradiso e i cattivi vadano all'inferno.E' assurdo sperare (vedi [*1]) una soluzione che per me non avverrà mai e non fa che peggiorare la società.Quanti sapendo che non c'è nè paradiso nè inferno continuerebbero a subire le angherie che li aspettano ogni giorno? Quanti invece tirerebbero fuori le unghie e difenderebbero quello in cui credono, quello che vogliono, quello che gli SPETTA se non fossero dei dormienti che sperano (come anche io ho fatto) che qualcuno gli tolga le castagne dal fuoco?Anche tu credi che a questa gente che gira le parole di dio a proprio comodo dovrà rispondere alla fine? E questo tuo credere in una Giustizia Certa ha influenzato le tue azioni nel corso della tua vita?Io scommetto che la ha influenzata trattenendoti dal fare alcune azion... perché tanto ci sarà la Giustizia, alla fine.

            Sul fatto che nessuno possa impormi di credere o

            non credere ti sbagli. Magari *tu* non me lo

            imponi (direttamente), ma referendum, 8permille

            e le tante ingerenze del vaticano ti dicono

            niente?

            Su questo hai ragione. Ma, anzi, e' peggio di
            come sembra, alcune volte ti ritrovi a fare cose
            sbagliate fatte passare per giuste... Eh gia'.
            Infatti se non hai fede in Gesu', sei schiavo di
            Satana.(mi sa che non ho capito, c'è un "eh gia'. infatti" di troppo -- sarcasmo? nel caso spiegami meglio ed ignora la mia risposta a questo punto)Io non credo in dio, ma non automaticamente sono una persona di nessun valore.E' questo che io trovo scocciante della maggiorparte dei credenti.O con noi o contro di noi. Io ho scelto la seconda, ha più ideali, più *morale*, più *umanità*, più *comprensione* delle persone.
            E sappi alcune volte si traveste da
            angelo di luce... Sta scritto, ma questa volta
            vattelo a cercare. Ti fara' solo bene.Lo ho cercato. 2°Corinzi, 11:14.Non ci vedo niente di strano.Per me è sempre stato così: chi ti vuole fregare ti si presenta bene. Magari dicendo che è il tuo salvatore.
            Che la pace del Signore sia con te. E possa
            l'Eterno benedirti nel nome di Gesu'.Io ti auguro semplicemente una vita felice e senza sofferenza e se credere ti rende più felice e ti fa soffrire di meno ti auguro di continuare a credere, ma sempre rispettando le idee degli altri.
            P.S.
            Magari, la prox volta, registrati un nick e firma.
            :O)Ho già un nick e anche una firma.Per motivi che non sto quì a spiegare (no, non c'entra con il tema in questione) non li uso se non in casi rari.E' semplicemente un'altra storia.Bye bye.ps: nel caso non pensi di rispondermi, per favore, scrivi che hai letto.
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!

            a sentirvi sempre più soli ed egoisti con il passare degli
            anni.piu che fede in qualcosa la tua è ignoranza e arroganzasei una persona molto vuota e se credi di apparire a testesso degno di considerazione perché ti senti fanatico di qualche paranoia mistica, beh, fai proprio pena
          • Anonimo scrive:
            Re: HAI FEDE IN QUESTI? EBBENE PAGA!

            piu che fede in qualcosa la tua è ignoranza e
            arroganza
            sei una persona molto vuota e se credi di
            apparire a te
            stesso degno di considerazione perché ti senti
            fanatico di qualche paranoia mistica, beh, fai
            proprio penaComplimenti per l'uguaglianzaFede in Cristo = Fanatismo paranoicoMi sa che ti sogni un papa kamikaze che viene sotto casa tua a farsi scoppiare.Non credo che il tuo commento meriti altri commenti.
  • Anonimo scrive:
    Cosa e' il VATICANO?
    Il VATICANO e' solamente uno stato estero.RIDORDATEVELO!!! :D :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa e' il VATICANO?
      - Scritto da: Anonimo
      Il VATICANO e' solamente uno stato estero.

      RIDORDATEVELO!!! :D :DNon solo, me è una monoarchia assoluta e antidemocratica
  • Anonimo scrive:
    ERA ORA!!!
    Finalmente si batte cassa!Basta con il gratis!Predicare senza un rientro economico,è sprecare le parole......e forse risorgerà per reclamare il diritto d'autore...Ave!
  • jeanlucpicard scrive:
    vigliacchi!
    Le parole di puffetta sono state tra le più belle cheho mai letto nei forum di PI e si sono meritate un 5.Vigliacchi quelli che senza argomentazione alcunahanno pensato di fare scendere il thread con unvoto negativo.Avete mandato al rogo troppa gente durante i secoli...Non ci riuscirete con puffetta.Vigliacchi! Altro che fedeli...
    • Anonimo scrive:
      Re: vigliacchi!
      Guarda che le argomentazioni c'erano. Se poi non sai leggere, non è colpa mia.
      • jeanlucpicard scrive:
        Re: vigliacchi!
        - Scritto da: Anonimo
        Guarda che le argomentazioni c'erano. Se poi non
        sai leggere, non è colpa mia.Cosa fece Gesù nel Tempio? QUESTA E' UNAARGOMENTAZIONE + CHE SUFFICIENTE A ZITTIRVI!
  • Anonimo scrive:
    Puntualizziamo
    Se vi informaste un 'attimo è solo una preacuzione (già usata con Papa Giovanni Paolo 2, per evitare che si possa lucrare sugli scritti del Papa, non per lucrarci sopra. Se qndte sul sito del Vaticano per esempio sono disponibili tutte le encicliche, lettere,discorsi dei Papi dell'ultimo secolo, e non sono certo a pagamento ZENIT - Il mondo visto da RomaCodice: ZI06012309Data pubblicazione: 2006-01-23La Libreria Editrice Vaticana chiarisce le informazioni sui diritti d?autore del PapaE sugli scritti di Joseph RatzingerCITTA? DEL VATICANO, lunedì, 23 gennaio 2006 (ZENIT.org).- Pubblichiamo il comunicato stampa diffuso lunedì dalla Libreria Editrice Vaticana sui diritti di autore degli scritti del Papa e di Joseph Ratzinger.* * *La Libreria Editrice Vaticana, nel prendere lettura dell?articolo intitolato ?Atti, encicliche e discorsi. Il Papa mette il copyright? a firma di Marco Tosatti pubblicato sul quotidiano La Stampa del 21 gennaio 2006, osserva quanto segue.1. Il testo del decreto del 31 maggio 2005 a firma del Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato di Sua Santità, segue, senza soluzione di continuità, analogo provvedimento del 1978 a firma del Cardinale Segretario di Stato Jean Villot.2. Al decreto del 31 maggio 2005 già da tempo integralmente disponibile sul sito www.vatican.va, si accompagna, come pure avvenne nel 1978, un comunicato.3. Quello del 31 maggio 2005, a firma del Cardinale Angelo Sodano, recita: ?si rende noto che il Sommo Pontefice Benedetto XVI ha affidato alla Libreria Editrice Vaticana, l?esercizio e la tutela di tutti i diritti d?autore e di tutti i diritti esclusivi di utilizzazione economica degli atti, delle opere e degli scritti redatti dallo stesso Pontefice prima della sua elevazione alla Cattedra di Pietro. Senza pregiudizio dei diritti acquisiti da terzi in forza di contratti già conclusi con l?Autore, d?ora innanzi sono pure affidati alla Libreria Editrice Vaticana l?esercizio e la tutela dei diritti d?autore relativi ai contratti stessi tuttora in corso di esecuzione?.4. Dunque, si conferma che, già dal 1978, sono esplicitamente e volutamente stati affidati alla Libreria Editrice Vaticana la tutela e l?esercizio dei diritti d?autore non solo sui testi di tutte le opere di Magistero del Sommo Pontefice ma anche sui testi di tutte le opere prima del Cardinale Karol Wojtyla e, ora, del Cardinale Joseph Ratzinger.5. Si tratta di provvedimenti con forza di legge regolarmente pubblicati su Acta Apostolicae Sedis (la raccolta ufficiale degli atti della Santa Sede) e divulgati attraverso i più efficienti mezzi di comunicazione.6. Il promemoria ?sintetizzato? dal Direttore della Libreria Editrice Vaticana, Don Claudio Rossini sdb, per esplicare le concrete modalità applicative dei detti provvedimenti, da La Stampa definito come ?riservato?, è stato consegnato a tutti gli Editori presenti alla fiera internazionale del libro di Francoforte già nello scorso mese di ottobre ed è stato successivamente inviato a tutti gli Editori italiani.7. In seguito, dal 13 al 16 dicembre, sempre dello scorso anno, si è svolto in Vaticano un incontro internazionale con gli editori del Prof./Cardinale Joseph Ratzinger, le cui conclusioni, per nulla segrete, sono state pubblicate su L?Osservatore Romano e sul Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede.8. Infine, in ordine alla richiesta della somma di ? 15.000,00 rivolta ad una casa editrice milanese per l?utilizzo di ?una trentina di righe del discorso ?pro eligendo pontifice? ?tenuto da Ratzinger in conclave e di quello di ?incoronazione??, si precisa che tale domanda è stata avanzata dalla Libreria Editrice Vaticana per la pubblicazione di un volume ove così si scrive all?inizio dell?introduzione: ?tutto quello che troverete, dalla fine di questa introduzione in poi, appartiene alla penna o alla voce di Joseph Ratzinger?. Il volume, giunto alla seconda edizione, consta di 124 pagine ed è venduto al prezzo di copertina di ? 9,90."
    • GaMe oVeR scrive:
      Re: Puntualizziamo
      http://www.libreriaeditricevaticana.com/it/news/Vendere i propri scritti a 40 50 60 70 80 euro vuol dire recuperare le spese: non significa guadagnarci!Ma va a catà i fons.
    • Anonimo scrive:
      Re: Puntualizziamo
      - Scritto da: Anonimo
      Se vi informaste un 'attimo è solo una
      preacuzione (già usata con Papa Giovanni Paolo 2,
      per evitare che si possa lucrare sugli scritti
      del Papa, non per lucrarci sopra.
      Se qndte sul sito del Vaticano per esempio sono
      disponibili tutte le encicliche, lettere,discorsi
      dei Papi dell'ultimo secolo, e non sono certo a
      pagamentoE se voglio citarne un pezzo? Vedi ora dove e' il problema?
    • The_GEZ scrive:
      Re: Puntualizziamo
      Ciao Anonimo !
      Se vi informaste un 'attimo è solo una
      preacuzione (già usata con Papa Giovanni Paolo 2,
      per evitare che si possa lucrare sugli scritti
      del Papa, non per lucrarci sopra. Giàgiàgiàgià !!!Certo si sarebbero potuti dichiarare questi scritti sotto una licenza del tipo Creative Commons, ed invece ... Ops ! Un bel copyright, con i diritti di sfruttamento.Come dire, un colpo al cerchio ...
  • grassman scrive:
    Le verità sull 8x1000
    se il papa vuole i diritti d'autore sugli anatemi che recita, penso che sia giusto chiudere il rubinetto dell'8x1000.Precisando però una cosa: non firmare per l'8 per mille equivale a darlo comunque alla chiesa cattolica.Questo a causa del sistema di ripartizione che assegna l'8 per mille in base alle preferenze ricevute.Se non volete più dare l'8 per mille alla chiesa cattolica dovete destinarlo o allo stato o ad un altra confessione religiosaIo li verso ai luterani, pur essendo non credente. Sono di vedute molto più aperte e sono meno impastati con la politica.
    • Anonimo scrive:
      Re: Le verità sull 8x1000
      - Scritto da: grassman
      Se non volete più dare l'8 per mille alla chiesa
      cattolica dovete destinarlo o allo stato o ad un
      altra confessione religiosa

      Io li verso ai luterani, pur essendo non
      credente. Sono di vedute molto più aperte e sono
      meno impastati con la politica.C'è in giro una petizione per darlo alla ricerca scientifica.Vai a firmarla anche tu. Non ricordo il link, ma googlando non dovrebbe essere difficile trovarlo.
      • The_GEZ scrive:
        Re: Le verità sull 8x1000
        Ciao Anonimo !
        Vai a firmarla anche tu. Non ricordo il link, ma
        googlando non dovrebbe essere difficile trovarlo.http://www.nogod.it/ottoxmillepetizione.htmhttp://85.37.183.5/8x1000/
    • Anonimo scrive:
      Re: Le verità sull 8x1000
      - Scritto da: grassman
      se il papa vuole i diritti d'autore sugli anatemi
      che recita, penso che sia giusto chiudere il
      rubinetto dell'8x1000.

      Precisando però una cosa: non firmare per l'8 per
      mille equivale a darlo comunque alla chiesa
      cattolica.

      Questo a causa del sistema di ripartizione che
      assegna l'8 per mille in base alle preferenze
      ricevute.

      Se non volete più dare l'8 per mille alla chiesa
      cattolica dovete destinarlo o allo stato o ad un
      altra confessione religiosa
      Sbagliato, se lo versi allo stato viene utilizzato lo stesso per la chiesa cattolica, per restaurare le chiese di proprietà del vaticano!
      Io li verso ai luterani, pur essendo non
      credente. Sono di vedute molto più aperte e sono
      meno impastati con la politica.
  • grassman scrive:
    Voglio il (C) sulle bestemmie
    Se la chiesa copre con il copyright le parole del papa, io lo voglio sulle bestemmie.Devo informarmi su come sia possibile ottenerlo. Dovrò andare alla siae e dare loro prove della mia abilità?Sai quanti soldi si raccimolano per i diritti d'autore al bar sport...
    • The_GEZ scrive:
      Re: Voglio il (C) sulle bestemmie
      Ciao grassman !
      Se la chiesa copre con il copyright le parole del
      papa, io lo voglio sulle bestemmie.

      Devo informarmi su come sia possibile ottenerlo.
      Dovrò andare alla siae e dare loro prove della
      mia abilità?Bella idea !Devi però dimostrare di sapere a memoria "profilax" dei Gem Boy e la versione dei "Santa Rita s' accascia" di Smells like teen spirit ...Io invece sono "vecchio stile" sto ancora puntando alla scomunica ... sai che figata, poterla allegre al curruculum !
  • GaMe oVeR scrive:
    Re: Quanto siete piccini...
    E tu quanto sei ingenuo. Basterebbe utilizzare una CC non commerciale! Invece no; comunque meglio così, meno spazzatura in giro.
  • Anonimo scrive:
    bada al TUO mondo di ladri

    in questo mondo di ladri,quale, quello nostro o quello vaticano ?a occhio e croce là si arraffa parecchio,visto il lusso inaudito che fa da pompaal satrap...ops al pope
  • Anonimo scrive:
    Messori: il Papa tolga i copyright
    La Stampa. 22 gennaio 2006Messori: il Papa tolga i copyrightdi Marco Tosatti Vittorio Messori, Lei è autore con due Papi di best seller mondiali, ?Rapporto sulla Fede?, e ?Varcare la soglia della speranza?. Qual è la sua impressione sulla decisione vaticana di mettere sotto copyright a pagamento i testi del magistero della Chiesa?«Per natura, quando si tratta di notizie religiose sono lontanissimo dalla demagogia, non ho l?indignazione facile, ma leggendo quanto rivelato da «La Stampa » sono rimasto, per usare un eufemismo, perplesso. La prima impressione: la Chiesa è un?organizzazione fondata sulla parola, per comando di Cristo: andate e predicate. Esiste per annunciare la parola. Quanto più questa parola circola, tanto più la vocazione della Chiesa è compiuta. L?idea di mettere una tassa sulla parola... La parola di colui che è l?interprete principale del Vangelo! ».Che conseguenze avrà questa decisione?«Terrorizzare, in qualche modo, editori e giornalisti che dovranno chiedersi d?ora in avanti, se citeranno qualche parola dell?Annunciatore della Parola: andremo per avvocati, dovrò pagare danni, avrò rogne o problemi? Beh tutto questo mi lascia perplesso».Ci sono stati eccessi in passato?«Certo, c?è stato un grande caos. Ma rivelo per la prima volta come si sono comportati Joseph Ratzinger per ?Rapporto sulla Fede?, e Giovanni Paolo II per ?Varcare la soglia della speranza?. I diritti si sono misurati in milioni di dollari. Nessuno dei due ha visto materialmente un dollaro. Ratzinger mise come condizione che la sua parte fosse devoluta ad opere caritative che assistono i monasteri di clausura. Giovanni Paolo II invece - e si pensa che le copie abbiano superato i venti milioni, in 53 lingue - decise che i diritti d?autore finissero in un fondo speciale per ricostruire i luoghi di culto cattolici, ortodossi e islamici della Bosnia Erzegovina, in cui in quel momento infuriava la guerra. Dopo l?accordo di Dayton cominciò l?opera di Wojtyla».Chi altri ci guadagnò?«Effettivamente una parte notevole finì a due agenzie internazionali. Si trattava di gestire operazioni molto complesse. ?Varcare la soglia della speranza? doveva uscire in contemporanea in tutto il mondo, un?operazione planetaria in più di cinquanta paesi. Se ne occupò un?agenzia diNew York, perché Leonardo Mondadori mi disse che non erano in grado di gestire un?operazione di questo tipo. Anche nel caso di ?Rapporto sulla Fede? si trattò di un?operazione mondiale, e se ne occupò un?agenzia spagnola, molto radicata sopra tutto in America Latina. Probabilmente le quantità di soldi dati alle agenzie sarebbero potute andare alla Libreria Editrice Vaticana (Lev); queste due agenzie però avevano una grande esperienza internazionale; mi chiedo, la Lev, sarebbe stata in grado di gestire operazioni di quell?ampiezza? ».Da un punto di vista di immagine, come giudica questa decisione?«Mi sembra che sia un?operazione negativa. Ancora una volta fa aleggiare l?odore dei soldi intorno ai preti. Fa aleggiare questa sorta di cappa, di ricatto economico per annunciare la parola. Per esempio: prendiamo l?operazione del Foglio, che pubblica nei suoi paginoni testi e lezioni di Ratzinger. Ed è un esempio fra i tanti. Allora, in un caso del genere, è il Vaticano che fa un piacere al giornale, o ai giornali, o sono i giornali che fanno un piacere al Vaticano? Se lo vediamo come il luogo del Vicario di Cristo, l?interesse dei giornali laici di mettere a disposizione dei lettori il messaggio del Papa, non dovrebbe essere un motivo di fierezza, d?orgoglio per i cattolici? Vogliamo stoppare la circolazione del messaggio del Papa, che parla Urbi et Orbi, e metterlo sotto una mannaia economica?».Per l?uso di qualche decina di righe di due omelie di Ratzinger in una guida al pontificato la richiesta è stata: quindicimila euro di acconto e il 15% al netto su ogni copia.«E? assurdo, non lo prende neanche l?autore, il 15 per cento. Sono cifre fuori mercato. Nel caso di autori di best seller, magari c?è poi un diritto d?autore a salire, se aumentano le edizioni. Effettivamente c?era a livello di libri un caos che andava sanato. Mi chiedo però se questa decisione fosse stata presa prima: le suore di clausura, e la Bosnia Erzegovina, avrebbero avuto quei soldi? Sono sorpreso, come operazione d?immagine, è disastrosa».
  • Anonimo scrive:
    preti tassati e mantenuti dai fedeli
    Dobbiamo arrivare finalmente ad una situazione in cui chiese, preti e iniziative varie siano tutte,dal riscaldamento alla perpetua, SOSTENUTE SOLO DAI FEDELI TRAMITE OFFERTE (DOCUMENTATE, POSSIBILMENTE), come avviene in molti paesi.Ci sono centinaia di fedi: tutte hanno lo stessorango, gli stessi diritti e lo stesso dovere di noningerenza nel politico e nel sociale, se situate nell'ambito della cultura occidentale.Basta con spese enormi e automatismi parastatali, che vanno a finanziare lussi inauditi, marmi e pietre preziose, poste inuno stato limitrofo.Basta con l'ingerenza di questa gente che si aggira in strani paludamenti per tutti i talkshow e che ha il posto d'onore in tutti i salotti politici e che ha sempre in bocca il boccone migliore sfruttando la manovalanza di personecon la vocazione missionaria che fanno spessocose di valore in posti di prima linea (con mezzida nulla - mentre ori e marmi restano nelvaticano a far da pompa al satrapo di turno)
    • SardinianBoy scrive:
      Re: preti tassati e mantenuti dai fedeli
      - Scritto da: Anonimo
      Dobbiamo arrivare finalmente ad una situazione in
      cui chiese, preti e iniziative varie siano tutte,
      dal riscaldamento alla perpetua, SOSTENUTE SOLO
      DAI FEDELI TRAMITE OFFERTE
      (DOCUMENTATE, POSSIBILMENTE), come avviene in
      molti paesi...... c'è il prete del mio paese, il quale ha avuto il passaggio di consegne da poco, nel senso che è nuovo nuovo di zecca, ha avuto una bolletta dell'enel di quasi ? 2000,00 ! Cristo Santo ! Sinceramente, tale cifra nol la pago nemmeno io in un anno, però la colpa è del precedente prete, il quale a sua volta, si permetteva troppi lussi. Era tipo un don abbondio, tant'è vero che lo abbiamo kiamato con quel soprannome. Io penso, che ? 2000,00 sono esagerati, ma lui ha reso noto la questione " ai fedeli " e, lo stiamo aiutando come possiamo. Il precedente preste, che ha lasciato " l'eredità " al nuovo, non ne vuole sentire di pagare, ho dare un'offerta pari alla metà della spesa. E all'Enel, non gli importa nulla di nulla. Importante che si paghi, dilazioniamo il tutto , ok, e poi ?
  • ufo1 scrive:
    Logica applicazione psicologica
    Qualunque cosa sia protetta da copyrigth o abbia vincoli di qualche genere, viene immediatemente vista come "desiderabile". I post precedenti in qualche modo lo testimoniano.Dunque, se vuoi che qualcuno legga, ascolti et simila un tuo messaggio, rendilo complicato e desiderabile.Mettere un diritto di copia ha fatto forse ritenere, che così il messaggio diventa più ricercato ed importante e magari qualcuno se lo scarica abusivo giusto per averlo in collezione. Hai visto mai che alla fine non lo legga?Difficile però seguire due padroni. Dio e Mammona.
    • Anonimo scrive:
      Re: Logica applicazione psicologica
      - Scritto da: ufo1
      Qualunque cosa sia protetta da copyrigth o abbia
      vincoli di qualche genere, viene immediatemente
      vista come "desiderabile". I post precedenti in
      qualche modo lo testimoniano.Non direi, nessuno si e' messo a smaniare per i documenti ecclesiastici.C'e' al limite qualche battuta sul fatto che finiranno nel P2P.
      Dunque, se vuoi che qualcuno legga, ascolti et
      simila un tuo messaggio, rendilo complicato e
      desiderabile.
      Mettere un diritto di copia ha fatto forse
      ritenere, che così il messaggio diventa più
      ricercato ed importante e magari qualcuno se lo
      scarica abusivo giusto per averlo in collezione.
      Hai visto mai che alla fine non lo legga?Perdonami, eh, ma e' po' tortuso, e poco convincente.
      Difficile però seguire due padroni. Dio e Mammona.
    • Anonimo scrive:
      Re: Logica applicazione psicologica
      - Scritto da: ufo1
      Qualunque cosa sia protetta da copyrigth o abbia
      vincoli di qualche genere, viene immediatemente
      vista come "desiderabile". I post precedenti in
      qualche modo lo testimoniano.
      Dunque, se vuoi che qualcuno legga, ascolti et
      simila un tuo messaggio, rendilo complicato e
      desiderabile.
      Mettere un diritto di copia ha fatto forse
      ritenere, che così il messaggio diventa più
      ricercato ed importante e magari qualcuno se lo
      scarica abusivo giusto per averlo in collezione.
      Hai visto mai che alla fine non lo legga?

      Difficile però seguire due padroni. Dio e Mammona.Davvero,? ma se la Gerarchia ecclesiastica ci riesce benissimo, hai presente IOR, Fazio, le varie banche "Cattoliche"
  • Anonimo scrive:
    non credo che il Buddhismo regali
    non credo che gli scritti del Dalai Lama siano gratis né che lo siano altri testi non sacri, non di base, scritti da personaggi che trattano teologiacerto è incoerente, non è evangelizzante...ma... fatti loro.
    • Anonimo scrive:
      Re: non credo che il Buddhismo regali
      - Scritto da: Anonimo
      non credo che gli scritti del Dalai Lama siano
      gratis né che lo siano altri testi non sacri, non
      di base, scritti da personaggi che trattano
      teologia

      certo è incoerente, non è evangelizzante...

      ma... fatti loro.Non è gratis nemmeno la Bibbia, se è per questo, ma qui si parla di encicliche e di discorsi del papa
      • Anonimo scrive:
        Re: non credo che il Buddhismo regali

        Non è gratis nemmeno la Bibbia, se è per questo,
        ma qui si parla di encicliche e di discorsi del
        papail fatto e' che una copia della bibbia originale neanche c'e', la traduzione che trovi in giro di solito e' interpretata e tradotta e depurata dal vaticano. Ricordo che e' un libro fatto da ebrei a cui si aggiunge un altro libro fatto da una setta ebrea new age ...
  • Anonimo scrive:
    cfr Scientology
    Consiglio a chi riceve una tale e-mail o lettera di rispondergli chiedendogli cosa ne pensino di Scientology.
    • Anonimo scrive:
      Re: cfr Scientology
      - Scritto da: Anonimo
      Consiglio a chi riceve una tale e-mail o lettera
      di rispondergli chiedendogli cosa ne pensino di
      Scientology.e perchè non chiedergli cosa ne pensano dell'impepata de cozze?oppure se sono meglio bionde o brune?così, tanto per rimanere sempre pertinenti
  • Anonimo scrive:
    pagare alla cassa, prego
    ...e per chi non paga c'è un bel trattamento alla Giordano Bruno.firmatoTomás de Torquemada
  • Anonimo scrive:
    9 --
  • The_GEZ scrive:
    Via i mercanti dal tempio !
    Ciao a tutti ! ... e se il tempio è dei mercanti ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Via i mercanti dal tempio !
      - Scritto da: The_GEZ
      Ciao a tutti !

      ... e se il tempio è dei mercanti ?Si fanno tanti affari.
    • Anonimo scrive:
      Re: Via i mercanti dal tempio !

      ... e se il tempio è dei mercanti ?Paghi l'affitto a te stesso.Poi chiedi detrazioni fiscali per la tua attivita' imprenditoriale e ti intaschi l'IVA. (stornata per altre attivita' tassate regolarmente)Siccome gestisci un tempio puoi richiedere l'esenzione di un mucchio di tasse.In alcuni casi anche un rimborso "retroattivo" !Investi i soldi del rimborso nell'ampliamento del tempio (senza progetto edile), lo condoni, e chiedi il rimborso "retroattivo" anche per questa nuova area.Se la Provvidenza non pensa al resto, finanzi e sostieni un po' di partiti che ti siano di aiuto...
  • SardinianBoy scrive:
    Dio vede e provvede!
    Non pensavo che per poter leggere la parola sacrosanta di DIO si dovesse pagare il copyright !Vediamo cosa ne pensa LUI , dall'alto dei cieli ! Offendiamo anche tutti i santi del paradiso .....dato che ci siamo! Che schifo ! DIO VEDE E PROVVEDE !
  • Anonimo scrive:
    Brevettare il crocifisso, no?
    Perchè Veltroni non si dà una mossa a registrare il design della linea "Il Crocifisso" in quanto legale successore e tutore dei diritti d'autore dell'impero romano?
    • Anonimo scrive:
      Re: Brevettare il crocifisso, no?
      - Scritto da: Anonimo
      Perchè Veltroni non si dà una mossa a registrare
      il design della linea "Il Crocifisso" in quanto
      legale successore e tutore dei diritti d'autore
      dell'impero romano?Perche' sta lavorando al brevetto di una cosa migliore e di piu' ampio respiro, la scrittura, anche gli arabi scrivono :)
  • gianpietrone scrive:
    Copyright vaticano, webmaster preoccupat
    Non c'è che dire, anche il vaticano ha scoperto che con Internet si possono fare "SOLDI".Ci troviamo come ai tempi della corsa all'oro; via... ad accaparrare il più possibile e... per ottenere il risultato, si vanno a cercare leggi e leggine, più o meno senza senso.Nessuno ha ancora capito che così non si fa altro che soffocare la libertà dei molti, per il diritto di pochi. Se il papa non vuole che si pubblichino in Rete i suoi discorsi, può parlare per conto suo. E... ai burocrati del vaticano dico: "diavoli non angeli" andate a pulirvi l'anoma con un po di soda caustica. VERGOGNA!!!
    • SardinianBoy scrive:
      Re: Copyright vaticano, webmaster preocc

      Nessuno ha ancora capito che così non si fa altro
      che soffocare la libertà dei molti, per il
      diritto di pochi. Se il papa non vuole che si
      pubblichino in Rete i suoi discorsi, può parlare
      per conto suo. E... ai burocrati del vaticano
      dico: "diavoli non angeli" andate a pulirvi
      l'anima con un po di soda caustica. VERGOGNA!!!Solo la soda caustica ? Un giorno, mi sono visto un film sul vaticano-politica-soldi, il cui titolo è " I Banchieri di Dio ", guardalo se non lo hai visto,consiglio. Cmq, questo Gesù Cristo, questo Dio, non fanno altro che maltrattarlo, metterlo e rimetterlo in croce ogni volta, e quando sento queste notizie mi fa vergognare di essere italiano, perchè pure gli altri stati del mondo, non stanno di certo lì a guardare. .....a proposito, i copyright, a chi li dovremmo pagare ? Sarà Caronte che farà cassa durante il traghettamento, o quando arriveremmo dinanzi a S. Pietro per bussare alle famose porte del paradiso ? Inserire monetina " copyright " prego, attendere prego...ok, accesso eseguito ! EVVAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !
  • Anonimo scrive:
    buahahahahahahahahahhaaha
    una omerica risata è l'unico commento possibile
    • Anonimo scrive:
      Re: buahahahahahahahahahhaaha
      - Scritto da: Anonimo
      una omerica risata è l'unico commento possibilea dire il vero sarebbe:deheheio ,che azzo ti vedi i simpson arabi? :
  • Anonimo scrive:
    IL DIO DANARO
    Una cosa è certa: sto alla larga dalle religioni che bussano a denari.Credo molto nella spiritualità, credo che un individuo non possiede un'anima, MA E' un'anima.La verità la si può trovare in molte religioni (anzi, forse mischiandone diverse), ma soprattuto la vera via si può trovare dentro di noi. Non c'è bisogmo di pagare.Perchè altrimenti, la salvezza sarebbe solo per i ricchi.Ma c'era uno che tanto tempo fa disse:-gli ultimi saranno i primiNon so com'è, ma io a questa cosa qua ci credo.
    • Anonimo scrive:
      Re: IL DIO DANARO
      - Scritto da: Anonimo
      Una cosa è certa:
      sto alla larga dalle religioni che bussano a
      denari.Quindi da tutte... Anche i buddisti ti chiedono un bel obolo.
      Credo molto nella spiritualità, credo che un
      individuo non possiede un'anima, MA E' un'anima.Se prendi una martellata su un dito ti accorgi immediatamente del corpo.
      La verità la si può trovare in molte religioni
      (anzi, forse mischiandone diverse)O anche senza alcuna.
      ma soprattuto
      la vera via si può trovare dentro di noi. Non c'è
      bisogmo di pagare.
      Perchè altrimenti, la salvezza sarebbe solo per i
      ricchi.Pero' visto che e' il corpo quello che se la spassa, una non ben definita salvezza (da cosa?) sarebbe di tutti, ma intanto la bella vita e' dei ricchi.Ai poveri le magre consolazioni, tipo:
      Ma c'era uno che tanto tempo fa disse:
      -gli ultimi saranno i primi
      Non so com'è, ma io a questa cosa qua ci credo.Visto? Tutto contento per una promessa. Intanto sgobba.
      • Anonimo scrive:
        Re: IL DIO DANARO
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        Una cosa è certa:

        sto alla larga dalle religioni che bussano a

        denari.

        Quindi da tutte...
        Anche i buddisti ti chiedono un bel obolo.Ma i buddisti non interferisconom con lo stato italiano, i cardinali catolici SI


        Credo molto nella spiritualità, credo che un

        individuo non possiede un'anima, MA E' un'anima.

        Se prendi una martellata su un dito ti accorgi
        immediatamente del corpo.


        La verità la si può trovare in molte religioni

        (anzi, forse mischiandone diverse)

        O anche senza alcuna.


        ma soprattuto

        la vera via si può trovare dentro di noi. Non
        c'è

        bisogmo di pagare.

        Perchè altrimenti, la salvezza sarebbe solo per
        i

        ricchi.

        Pero' visto che e' il corpo quello che se la
        spassa, una non ben definita salvezza (da cosa?)
        sarebbe di tutti, ma intanto la bella vita e' dei
        ricchi.

        Ai poveri le magre consolazioni, tipo:


        Ma c'era uno che tanto tempo fa disse:

        -gli ultimi saranno i primi

        Non so com'è, ma io a questa cosa qua ci credo.

        Visto? Tutto contento per una promessa. Intanto
        sgobba.
  • Anonimo scrive:
    Piantatela di fare i fanatici
    La faccenda del copyright serve a tutelare i libri in vendita che sono scritti dall'"uomo" e tutt'al più possono avere un valore morale, ma non sono certo scritti "ex cathedra"; questo per evitare che altri possano specularci ristampandoli abusivamente e vendendoli.Non penso che la cosa riguardi encicliche, lettere apostoliche, o magari il Segreto di Fatima.
    • Anonimo scrive:
      Re: Piantatela di fare i fanatici
      - Scritto da: Anonimo
      La faccenda del copyright serve a tutelare i
      libri in vendita che sono scritti dall'"uomo" e
      tutt'al più possono avere un valore morale, ma
      non sono certo scritti "ex cathedra"; questo per
      evitare che altri possano specularci
      ristampandoli abusivamente e vendendoli.
      Non pensoEsatto!
    • Anonimo scrive:
      Re: Piantatela di fare i fanatici

      Non penso che la cosa riguardi encicliche,
      lettere apostoliche, o magari il Segreto di
      Fatima.Leggere!!!Leggere e' facile ed istruttivo, peccato stareli' a fare supposizioni, quando puoi sapere le cose. Dall'articolo:"Sono affidati alla Libreria Editrice Vaticana, quale Istituzione collegata alla Santa Sede, l'esercizio e la tutela, in perpetuo e per tutto il mondo, di tutti i diritti morali d'autore e di tutti i diritti esclusivi di utilizzazione economica, nessuno escluso od eccettuato, sopra TUTTI ( T U T T I ) gli atti e i documenti attraverso i quali il Sommo Pontefice esercita il proprio Magistero."
    • Anonimo scrive:
      Re: Piantatela di fare i fanatici

      Non penso che la cosa riguardi encicliche,
      lettere apostoliche, o magari il Segreto di
      Fatima.Leggere!!!Leggere e' facile ed istruttivo, peccato stareli' a fare supposizioni, quando puoi sapere le cose. Dall'articolo:"Sono affidati alla Libreria Editrice Vaticana, quale Istituzione collegata alla Santa Sede, l'esercizio e la tutela, in perpetuo e per tutto il mondo, di tutti i diritti morali d'autore e di tutti i diritti esclusivi di utilizzazione economica, nessuno escluso od eccettuato, sopra TUTTI ( T U T T I ) gli atti e i documenti attraverso i quali il Sommo Pontefice esercita il proprio Magistero."
      • Anonimo scrive:
        Re: Piantatela di fare i fanatici
        Bello leggere un baciapile che dà dei fanatici agli altri!Ma va bene, così continuerà ad avere ciò che si merita.Comunque il testo è chiaro e a rischiare sono anche quei siti che si limitino a riportare passi degli scritti di un pontefice.Ma va benissimo! Che si faccia piazza pulita dalla rete dei loro sproloqui. Tanto di guadagnato!
    • Anonimo scrive:
      Re: Piantatela di fare i fanatici
      Il copyright o diritto d'autore esiste su qualunque opera dell'ingegno, a prescindere dalla licenza e dai termini economici eventuali.Premesso questo, il documento del quale si parla adesso ricalca, mi pare, qualcosa di estremamente simile a firma Card. Villot, allora Segretario di Stato, nel 1978 (quasi 30 anni fa).Farei notare che sono gli utilizzi economici delle opere in questione a far scattare l'obbligo di pagamento alla LEV.Cioè, se io voglio fare un libro con tutte le encicliche e le omelie di Papa Benedetto XVI per metterlo in vendita, devo pagare. Il cattolico che sul proprio sito personale vuole mettere encicliche etc. non dovrà pagare alcunché.Nulla di nuovo sotto il sole. I diritti derivanti da un libro di Papa Giovanni Paolo II servirono per la ricostruzione delle chiese distrutte dalla guerra nella ex Yugoslavia. Etc. etc. etc.
  • Santos-Dumont scrive:
    Vaticanology
    Senza parole.
  • Anonimo scrive:
    Non date l'8%00 alla chiesa
    Datelo allo stato.Non fatevi inculcare da pubblicità inutili.E sfruttate la possibilità data a partire dalle ultime 3 finanziarie, di riservare il 5%00 della propria dichiarazione dei redditi ad enti scelti che si occupano di ricerca scientifica (come la fondazione Veronesi, il CNR, l'INFN, etc.).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non date l'8%00 alla chiesa
      Fai quello che vuoi e non rompere agli altri, credi che non siano capaci di decidere da soli.C'è gente che ha fede e reputa giusto farlo, sempre meglio spenderli così che usarli per inventare nuove armi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non date l'8%00 alla chiesa
        Se una religione ti fa il lavaggio del cervello potrai impugnare unmitra e lo crederai un gelato.La scienza senza coscienza è come tale religione.Se credi che la scienza produca solo armi allora grida al miracolo perchè non hai usato un browser per pubblicare il tuo post.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non date l'8%00 alla chiesa
        - Scritto da: Anonimo
        Fai quello che vuoi e non rompere agli altri,
        credi che non siano capaci di decidere da soli.Com al solito non volete che la gente esprima le proprie posiszioni, come la chiesa fa pubblicità per inglobare 8 (5) x1000 penso che chiunque possa esprimere il proprio parere, oltretutto la chiesa si ostina a non voler dire come usa questi soldi, diversamente da altri.Vorrei anzi aggiungere che quelli che non volgiano che i soldi vadano alla chiesa non dovrebbe, ne lasciare il modulo senza firma, ne devolverli allo stato, perchè anche in questi casi, in parte i fondi vanno alla chiesa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non date l'8%00 alla chiesa

          oltretutto la
          chiesa si ostina a non voler dire come usa questi
          soldi, diversamente da altri.
          E' vero che non indica voce x voce come spende quella montagna di denaro, cmq ci sono delle indicazioni in merito.La maggior parte, ben oltre il 70%, sono usati per "spese interne" come: spese di rappresentanza, sostegno ai sacerdoti (cioe' vitto e alloggio e le altre quotidiane necessita', NON ai progetti religiosi/culturali/sociali/umanitari eventualmente promossi da quei pochi sacerdoti attivi in tal senso), etc..Solo una minima parte viene impiegata in progetti umanitari.Questo e' profondamente in contrasto con la quasi totalita' delle altre chiese e confessioni che si sostengono con il volontariato e donazioni ed usano questo genere di risorse interamente per scopi sociali (e spesso neppure di propaganda religiosa).Fin qui i demeriti del Vaticano.Poi ci sono anche i demeriti dello Stato Italiano.Il quale studia meccanismi di privilegio per il Vaticano e versa per altre ragioni/accordi un altro mare di soldi:- con il legittimo pretesto che molte delle infrastrutture religiose sono un patrimonio culturale/artistico la chiesa ci lascia spesso onere e oneri di finanziare la manutenzione e restauri. Passi i restauri ma... l'ordinaria manutenzione ?Che poi capita che la chiesa quei fondi, nonostante siano specifici, li spenda in altro (a.e. edifici ai quali non sono destinati) con il risultato di ritrovarsi alcuni edifici in condizioni precarie (e quindi, se ne vale la pena, intervengono le donazioni di privati e sponsor)- il meccanismo dell'8 per 1000 e' chiaramente a favore della chiesa.Visto che l'8per 1000 ti viene detratto in ogni caso, la maggior parte non si interessa di chi ne diventera' il destinatario.Ma per chi non lo specifica questa tassa non va cmq allo stato, bensi' al soggetto che ha ricevuto piu' donazioni.Basta dunque affiancare alla chiesa soggetti di scarsa rilevanza statistica (e nel dubbio procedere ad una campagna pubblicitaria martellante a favore della chiesa) per ottenere il risultato.Se non ricordo male i numeri in campo sono:tra il 10% ed il 20% specifica il destinatario dell'8 per milleDi questi circa il 70%-80% indica il Vaticano.Morale: anche il rimanente 80%-90% di 8 per mille andra' in gran parte al Vaticano.(che secondo quanto sopra non e' in grado di / non vuole impiegarlo per fini sociali/umanitari)Ora...... sei libero di destinare a chi preferisci l'8 per mille e di portare avanti le tue idee (religiose o laiche che siano).E questo post non vuole essere un invito a non destinare l'8 per mille alla chiesa.Solo ad informare (certo in modo un po' impreciso) ed invitare ad informarsi meglio per fare in tutta serenita' la propria scelta (che potra' anche continuare ad essere la stessa).
        • Anonimo scrive:
          Re: Non date l'8%00 alla chiesa
          Io penso che dopo la regalìa dello stato dell'esenzione dell'ici a tutti i beni della chiesa, credo sia ora di finirla con la storia dell'8 per 1000 e destinare queste risorse verso lidi più prolifici...es. ricerca, sostegno alle persone povere ecc.
    • arlon scrive:
      Re: Non date l'8%00 alla chiesa
      al massimo quei soldi li do ad Emergency. Oppure a Greenpeace....gli scienziati dovrebbero essere pagati con le nostre TASSE, non con la nostra carità (vedi Telethon)
      • ufo1 scrive:
        Re: Non date l'8%00 alla chiesa
        La scelta di devolvere l' 8%oo non è un'indicazione di dove vadano a finire parte delle proprie tasse, ma una votazione "indebita" di dove lo stato diriga in rapporto alle preferenze, l' 8%oo di quanto incassato.In sostanza, con la nostra scelta, diamo indicazione allo stato di un rapporto tasse/scelta per indirizzare il finanziamento. Quindi anche se si sceglie che ne so... la comunità ebraica, la nostra quota sarà comunque spalmate in base alle scelte collettive in proporzione.Sembra difficile?...
        • Anonimo scrive:
          Re: Non date l'8%00 alla chiesa
          Scusate, ma perché pensate che valga solo la vostra opinione?Un adulto che esprime liberamente la scelta di versare il proprio (e non il vostro) 8 per mille alla chiesa Cattolica lo fa seguendo la propria coscienza, libero da vessazioni esterne, compresa la caccia alle streghe degli anticlericali.Semmai vorrei sapere perché ogni volta il CAAF si "dimentica" di segnalare la mia scelta e ogni volta gli devo far riscrivere il mio 730.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non date l'8%00 alla chiesa

            Scusate, ma perché pensate che valga solo la
            vostra opinione?

            Un adulto che esprime liberamente la scelta di
            versare il proprio (e non il vostro) 8 per mille
            alla chiesa Cattolica
            No guarda.. il problema e' differente.Non c'e' alcun problema nel destinarlo al vaticano, i problemi semmai sono:1) L'8 x mille e' una spesa che lo Stato Italiano, in prima persona o finanziando altri enti, destina ad interventi sociali e umanitari.Ma il vaticano la maggior parte del denaro che riceve NON lo usa per fini umanitari.2) Il meccanismo di attribuzione delle quote e' "proporzionale".Ovvero non vanno al Vaticano piuttosto che lo stato piuttosto che la chiesa valdese SOLO quei 8x1000 specificatamente indirizzati a loro, ma anche tutti gli altri secondo una logica per l'appunto proporzionale.In mancanza della possibilita' di indirizzare a qualunque ente/attivita' benefica questa tassa, il soggetto forte del limitato gruppo di destinatari tra cui scegliere e' in una posizione di assoluto vantaggio.
            seguendo la propria
            coscienza, libero da vessazioni esterne, compresa
            la caccia alle streghe degli anticlericali.
            E' un brutto momento storico e' vero.Sfortunatamente gli anticlericali esisteranno finche' i clericalisti continueranno ad esistere, finche' la religione rimarra' unica verita' assoluta (ed intollerante), fin quando le gerarchie ecclesiali saranno gerarchie di potere ingerenti nella vita laica di uno stato laico.E' davvero un brutto momento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non date l'8%00 alla chiesa
      - Scritto da: Anonimo
      Datelo allo stato.Darlo allo stato è cme darla alla chiesa, se ti informi vedrai che viene utilizzato per restaurare i luoghi di culto dell chiesa cattolica, non per la ricerca scientifica
      Non fatevi inculcare da pubblicità inutili.
      E sfruttate la possibilità data a partire dalle
      ultime 3 finanziarie, di riservare il 5%00 della
      propria dichiarazione dei redditi ad enti scelti
      che si occupano di ricerca scientifica (come la
      fondazione Veronesi, il CNR, l'INFN, etc.).
    • Anonimo scrive:
      Re: Non date l'8%00 alla chiesa
      - Scritto da: Anonimo
      Datelo allo stato.Eh già, perché gia mangiano poco, diamogli anche l'8 per mille così si prendono il digestivo
      Non fatevi inculcare da pubblicità inutili.
      E sfruttate la possibilità data a partire dalle
      ultime 3 finanziarie, di riservare il 5%00 della
      propria dichiarazione dei redditi ad enti scelti
      che si occupano di ricerca scientifica (come la
      fondazione Veronesi, il CNR, l'INFN, etc.).
  • Anonimo scrive:
    ipocrisia vaticana
    Forse non tutti sanno che in vaticano non esiste una legge sul copyright. In pratica possono copiare e craccare qualunque software fregandosene altamente delle leggi italiane/europee/internazionali.ecco la solita ipocrisia ...
    • Anonimo scrive:
      Ma non ti vergogni ?
      Non sai nulla di ciò che dici, ci sono accordi in proposito il Vaticano rispetta il Copy !!!Sei un avvelenato eh !!! Ma qui non siamo stupidi come te...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma non ti vergogni ?
        - Scritto da: Anonimo
        Non sai nulla di ciò che dici, ci sono accordi in
        proposito il Vaticano rispetta il Copy !!!
        Sei un avvelenato eh !!! Ma qui non siamo stupidi
        come te...Si e soprattutto il vaticano rispetta le leggi degli altri stati. Da quello che si vede le rispetta solo se lo mandano a cagare come in spagna, in francia, in usa, insomma in quasi tutti gli stati del mondo tranne quello in cui l'unto e bisunto è pres del cons
  • Anonimo scrive:
    ALEEE OOOOH!
    Speriamo si facciano pagare cari, così la smettiamo di leggere le cavolate di Ruini sui giornali ogni 2per3.
  • puffetta scrive:
    la parola di Dio
    Nel medio evo esistevano vari tariffari per condonare i peccati. Le assoluzioni plenarie ebbero così tanto successo che ancora oggi girano vari santini con le preghierine stampate sul retro in assoluzione dei peccati veniali. Vengono dispensati da frati e suore ai margini di cattedrali imperiose, negli oratori di ogni chiesa e dai marpioni finti storpi poveri in cambio di piccole offerte in denaro.I tempi sono cambiati, di non molto rispetto a cabelle , tasse e multe e proprietà dei ricchi, ma sono cambiati, e oggi si sta meglio. Ecco che le assolusioni plenarie del clero sono diventate l'8 per mille e, per giunta, senza assoluzione alcuna, più gli diamo esenzioni da tasse imposte ed oneri, ecc. ecc.La banca vaticana è l'isituto più solido al mondo e mettere il copyight sulle encicliche papali e su tutto ciò che il clero partorisce, anche se và contro la parola di Gesù e si avvicina moltissimo a quella di satana, è cosa buona e giusta per loro, che scritto con l'apostrofo da più senso al mio discorso.Gli venga quindi dato il sacro santo diritto di accostarsi ai diritti delle major e a tutto ciò che rappresenta lo sterco del diavolo, così finalmente la gente, soprattuto i giovani che come me già nutrono dei dubbi sui meriti della chiesa, prenderanno piena coscienza nel sapere che la chiesa è soltanto un' associazione finanziaria infallibile che vende per 30 denari la parola di Dio.Amen
    • Anonimo scrive:
      Re: la parola di Dio

      che la chiesa è soltanto un' associazione finanziaria infallibile che vende per 30 denari la parola di DioNo! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su Pietro che ne è la base e il magistero, ma le pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino a quando noi fedeli non impareremo a fare nostro l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre a finire così.Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare Pietro non andremo da nessuna parte. E' Gesù che dobbiamo guardare.
      • puffetta scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo

        che la chiesa è soltanto un' associazione
        finanziaria infallibile che vende per 30 denari
        la parola di Dio

        No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La
        Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in
        Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su
        Pietro che ne è la base e il magistero, ma le
        pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino a
        quando noi fedeli non impareremo a fare nostro
        l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre
        a finire così.
        Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a
        Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare Pietro
        non andremo da nessuna parte. E' Gesù che
        dobbiamo guardare.No. noi siamo degli esseri umani con caratteristiche sociali e culturari varie che possono fare a meno delle cattedrali, chiese, santuari e religioni varie.Ognuno di noi dovrebbe fare tutte le sere l'esame di coscienza sul proprio comportamento e cercare di migliorare il senso civile dimostrato agli altri e l'autostima verso se stessi, il che sarebbe veramente un passo verso il paradiso.
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio
          - Scritto da: puffetta

          - Scritto da: Anonimo


          che la chiesa è soltanto un' associazione

          finanziaria infallibile che vende per 30 denari

          la parola di Dio



          No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La

          Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in

          Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su

          Pietro che ne è la base e il magistero, ma le

          pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino
          a

          quando noi fedeli non impareremo a fare nostro

          l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre

          a finire così.

          Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a

          Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare
          Pietro

          non andremo da nessuna parte. E' Gesù che

          dobbiamo guardare.


          No. noi siamo degli esseri umani con
          caratteristiche sociali e culturari varie che
          possono fare a meno delle cattedrali, chiese,
          santuari e religioni varie.
          Ognuno di noi dovrebbe fare tutte le sere
          l'esame di coscienza sul proprio comportamento e
          cercare di migliorare il senso civile dimostrato
          agli altri e l'autostima verso se stessi, il che
          sarebbe veramente un passo verso il paradiso.Sei ciellina?
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio
            .

            Sei ciellina?NO.Se fosse Ciellina non avrebbe risposto così.E' una persona intelligente che ha avuto la voglia di farsi delle domande sulla sua vita e sul messaggio di Cristo.Ovviamente ha trovato delle sane e macroscopiche incongruenze con quello che la chiesa dice e le sta testimoniando. Giusto e sacrosanto.Meno male che anche su PI ci sono persone che ragionano con la propria testa.Bel Post. Brava!Geo
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio
            straconcordo!ivan(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo

        che la chiesa è soltanto un' associazione
        finanziaria infallibile che vende per 30 denari
        la parola di Dio

        No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La
        Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in
        Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su
        Pietro che ne è la base e il magistero, ma le
        pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore.Ha ragione, le pecore siete voi.E la Chiesa e' vostro tosatore.Da oggi si prende un po' piu' di soldi, per ogni volta che leggerai la parola del tuo dio.Alla faccia del tuo concetto di comunita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        | Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a Gesù. Che abbia sbagliato dito?
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo

        che la chiesa è soltanto un' associazione
        finanziaria infallibile che vende per 30 denari
        la parola di Dio

        No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La
        Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in
        Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su
        Pietro che ne è la base e il magistero, ma le
        pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino a
        quando noi fedeli non impareremo a fare nostro
        l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre
        a finire così.
        Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a
        Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare Pietro
        non andremo da nessuna parte. E' Gesù che
        dobbiamo guardare.Quoto.
        Di chi?
        Fosse davvero parola di un dio...

        http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm

        ...non ci sarebbero tanti errori.La Bibbia è stata scritta da uomini che, per quanto ispirati, rimangono sempre uomini. Considerando questo, su un testo di migliaia e migliaia di pagine, qualche incongruenza mi sebra più che legittima. (La stragrande maggioranza di chi avanza queste critiche, poi, la Bibbia non l'ha MAI letta e si basa su qualche trafiletto preso dal web, com quello che hai indicato. Tu l'hai letta? Io sì, e ti posso dire che a tratti è illuminante ;) ).Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio
          - Scritto da: Anonimo
          La Bibbia è stata scritta da uomini che, perNon poteva dio darci regole chiare direttamente anzicche' una bozza fatta da mille mani? Ah gia' dimenticavo la scusa della imprescrutabilita' divina..
          La stragrande maggioranza di
          chi avanza queste critiche, poi, la Bibbia non
          l'ha MAI letta e si basa su qualche trafiletto
          preso dal web, com quello che hai indicato. Tu
          l'hai letta? Io sì, e ti posso dire che a tratti
          è illuminante ;) ).Io pure l'ho letta e mi ha illuminato, specie il Levitico, dove dice di amzzare tutta quella gente.Mi ha illuminato su quanto sia falsa questa religione che professate.
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo

        che la chiesa è soltanto un' associazione
        finanziaria infallibile che vende per 30 denari
        la parola di Dio

        No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La
        Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in
        Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su
        Pietro che ne è la base e il magistero, ma le
        pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino a
        quando noi fedeli non impareremo a fare nostro
        l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre
        a finire così.
        Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a
        Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare Pietro
        non andremo da nessuna parte. E' Gesù che
        dobbiamo guardare.giustissimo, quindi in quanto cristiano DDEVO essere anticattolico..
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio


          non andremo da nessuna parte. E' Gesù che

          dobbiamo guardare.

          giustissimo, quindi in quanto cristiano DDEVO
          essere anticattolico..quoto.quanto sono era un progressista Gesu e i suoi insegnamenti quanto reazionari sono quelli dei cattolici.
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        Bellissima rifressione!
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio

        La Chiesa è la comunità dei fedeli che credonoin Gesùe che quindi dovrebbero essere i soli chetirano fuori soldi per mantenere i pretazzie tutto l'ambaradan, non ti pare ?
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo

        che la chiesa è soltanto un' associazione
        finanziaria infallibile che vende per 30 denari
        la parola di Dio

        No! La Chiesa siamo noi, non la gerarchia. La
        Chiesa è la comunità dei fedeli che credono in
        Gesù. Gesù ha voluto edificare la sua Chiesa su
        Pietro che ne è la base e il magistero, ma le
        pecore siamo noi e Gesù è il buon pastore. Fino a
        quando noi fedeli non impareremo a fare nostro
        l'insegnamento di Gesù e a viverlo, andrà sempre
        a finire così.
        Ricorda, Pietro è il dito che deve puntare a
        Gesù. Però fino a quando stiamo a guardare Pietro
        non andremo da nessuna parte. E' Gesù che
        dobbiamo guardare.Vero, ama allora Ruini NON DEVE ASSOLUTAMENTE interferire.Poi vallo a dire ai cardinali e ai vescovi questo, per prima cosa ti guarderanno come un mentecatto e poi si metteranno a ridere, credi miche che rinuncino alle lore rendite di posizione e ai loro DENARI?
    • Anonimo scrive:
      Re: la parola di Dio
      - Scritto da: puffetta
      ...la chiesa è soltanto un' associazione
      finanziaria infallibile che vende per 30 denari
      la parola di Dio.Di chi?Fosse davvero parola di un dio...http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm...non ci sarebbero tanti errori.
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo
        Fosse davvero parola di un dio...

        http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm

        ...non ci sarebbero tanti errori.Non sono errori. Occorre saper leggere con gli occhi della fede.Da http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm"Enigma:La mattina seguente?[Gesù] ebbe fame. E avendo visto di lontano un fico che aveva delle foglie, si avvicinò per vedere se mai vi trovasse qualche cosa; ma giuntovi sotto, non trovò altro che foglie. Non era infatti quella la stagione dei fichi. E gli disse: "Nessuno possa mai più mangiare i tuoi frutti". E i discepoli l'udirono."Vuol dire che bisogna portare frutto al prossimo sempre anche quando non è ancora la nostra ora.Scusa, se uno sta morendo di fame, tu devi dargli da mangiare anche se non è ancora ora di pranzo o di cena. Mi sembra chiaro il concetto.
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Fosse davvero parola di un dio...



          http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm



          ...non ci sarebbero tanti errori.

          Non sono errori. Occorre saper leggere con gli
          occhi della fede.

          Da http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm

          "Enigma:
          La mattina seguente?[Gesù] ebbe fame. E avendo
          visto di lontano un fico che aveva delle foglie,
          si avvicinò per vedere se mai vi trovasse qualche
          cosa; ma giuntovi sotto, non trovò altro che
          foglie. Non era infatti quella la stagione dei
          fichi. E gli disse: "Nessuno possa mai più
          mangiare i tuoi frutti". E i discepoli
          l'udirono."

          Vuol dire che bisogna portare frutto al prossimo
          sempre anche quando non è ancora la nostra ora.

          Scusa, se uno sta morendo di fame, tu devi dargli
          da mangiare anche se non è ancora ora di pranzo o
          di cena. Mi sembra chiaro il concetto. Sinceramente non capisco la tua deduzione, forse è l'interpretazione dei preti che girano le parabole di Gesù mettendonci tutte le loro fantasie.
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Fosse davvero parola di un dio...



          http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm



          ...non ci sarebbero tanti errori.
          Non sono errori.Si SONO errori.
          Occorre saper leggere con gli
          occhi della fede.Insomma, interpretare a piacimento. Comodo.Allora ti scrivo questo::D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :DNon sono faccine di derisione. Ho scritto "Dio" molte volte, con "d" maiuscola e due punti per la "i" e per la "o".Forse pensi di no. Ma occorre saper leggere con gli occhi della fede.
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Fosse davvero parola di un dio...





            http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm





            ...non ci sarebbero tanti errori.


            Non sono errori.

            Si SONO errori.


            Occorre saper leggere con gli

            occhi della fede.

            Insomma, interpretare a piacimento. Comodo.
            Allora ti scrivo questo:

            :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
            :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
            :D :D :D :D :D :D

            Non sono faccine di derisione. Ho scritto "Dio"
            molte volte, con "d" maiuscola e due punti per la
            "i" e per la "o".
            Forse pensi di no. Ma occorre saper leggere con
            gli occhi della fede.Anche questa frase palindroma non dice niente:sator arepo tenet opera rotasMa se la elabori scopri diversi significati e interpretazioni:una parabola, una preghiera e una profezia.Se io amo una raggaza, per dirgli che gli voglio bene e che la amo, posso andare da lei e dirgli: ti amo, oppure t.v.t.b. Oppure posso andare dal fioraio, comprare una rosa rossa e portargliela senza dirgli a voce: ti amo, sperando che lei capisca il significato di quel gesto e lo sappia interpretare correttamente.Certo che se poi lei si punge le dita e la rosa me la dà in testa sono dolori per me.
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio

            Ma se la elabori scopri diversi significati e
            interpretazioniAppunto, interpretare a piacimento. Comodo.
            Se io amo una raggaza, per dirgli che gli voglio...
            interpretare correttamente.Risparmiaci l'ora di religione e i suoi esempiucci.
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio
          - Scritto da: Anonimo
          Non sono errori. Occorre saper leggere con gli
          occhi della fede.

          Da http://www.utopia.it/vox90/400antinomie90.htm

          "Enigma:
          La mattina seguente?[Gesù] ebbe fame. E avendo
          visto di lontano un fico che aveva delle foglie,
          si avvicinò per vedere se mai vi trovasse qualche
          cosa; ma giuntovi sotto, non trovò altro che
          foglie. Non era infatti quella la stagione dei
          fichi. E gli disse: "Nessuno possa mai più
          mangiare i tuoi frutti". E i discepoli
          l'udirono."

          Vuol dire che bisogna portare frutto al prossimo
          sempre anche quando non è ancora la nostra ora.
          Scusa, se uno sta morendo di fame, tu devi dargli
          da mangiare anche se non è ancora ora di pranzo o
          di cena. Mi sembra chiaro il concetto. Davvero? Io pensavo che volesse dire: "Se arriva uno che sta piu' in alto di te, fai quello che chiede anche se non e' il momento", insomma, 'ubi major...'.Cioe', se il ristorante e' ancora chiuso, ma il pezzo grosso vuole cenare, be' lo fai accomodare...... che sia che non ho abbastanza fede? :|
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Davvero? Io pensavo che volesse dire: "Se arriva
            uno che sta piu' in alto di te, fai quello che
            chiede anche se non e' il momento", insomma, 'ubi
            major...'.
            Cioe', se il ristorante e' ancora chiuso, ma il
            pezzo grosso vuole cenare, be' lo fai
            accomodare...

            ... che sia che non ho abbastanza fede? :|Lì è in gioco una persona che ha fame. E se il ristorante è chiuso, tu sei tenuto ad aprirlo e a dargli da mangiare, non perché si tratta del pezzo grosso di nome Gesù, ma perché c'è un uomo che ha fame.Lo stesso discorso pensalo se invece di aver fame quell'uomo è ammalato e ha un infarto. Pensa se il pronto soccorso fosse chiuso e il dottore di guardia gli dicesse: torna domani oggi è domenica e non si lavora.
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio
            - Scritto da: Anonimo
            Lì è in gioco una persona che ha fame. E se il
            ristorante è chiuso, tu sei tenuto ad aprirlo e a
            dargli da mangiare, non perché si tratta del
            pezzo grosso di nome Gesù, ma perché c'è un uomo
            che ha fame.E' la tua interpretazione, ma non e' l'unica possibile.Secondo me e' in gioco Gesu' (come archetipo di VIP), non una persona che ha fame. Infatti la pianta (poraccia!) viene maledetta (chiara allusione alle grane a cui vai incontro se non tieni in considerazione chi hai davanti). Il tizio qualunque non ha questa possibilita'.
            Lo stesso discorso pensalo se invece di aver fame
            quell'uomo è ammalato e ha un infarto. Pensa se
            il pronto soccorso fosse chiuso e il dottore di
            guardia gli dicesse: torna domani oggi è domenica
            e non si lavora.Stai lavorando di fantasia per trovare collegamenti inesistenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: la parola di Dio

            Lo stesso discorso pensalo se invece di aver fame
            quell'uomo è ammalato e ha un infarto. Pensa se
            il pronto soccorso fosse chiuso e il dottore di
            guardia gli dicesse: torna domani oggi è domenica
            e non si lavora.Vuol dire che è arrivata la sua ora! Chi è il medico per interferire con la volontà di dio :D Non c'è peggior sordo...
        • Anonimo scrive:
          Re: la parola di Dio

          Non sono errori. Occorre saper leggere con gli
          occhi della fede.non è un bug, è una feature
        • The_GEZ scrive:
          Re: la parola di Dio
          Ciao Anonimo !
          Non sono errori. Occorre saper leggere con gli
          occhi della fede.Gli occhi della fede sono ciechi.
    • jeanlucpicard scrive:
      Re: la parola di Dio
      Sono pienamente concorde.
    • Anonimo scrive:
      Re: la parola di Dio
      lascia stare il nostro dio che e il piu grande il migliore e il piu buono, se no ti manda papa razzinga Z ke ti tira un missile fotonico nel culo.e quando paghi 8%oo ricordati che siamo molto piu economici di scentology quindi paga, taci e non spaccare i maroni
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Anonimo
        lascia stare il nostro dio che e il piu grande il
        migliore e il piu buono, se no ti manda papa
        razzinga Z ke ti tira un missile fotonico nel
        culo.
        e quando paghi 8%oo ricordati che siamo molto piu
        economici di scentology quindi paga, taci e non
        spaccare i maronitrolletto, finirai spostato da noi di là e ti faremo un cvlo quanto la basilica di S.Pietro (troll)
    • petrus scrive:
      Re: la parola di Dio
      Beh Puffetta ti sei già dimentica dell'indulgenza plenaria offerta a tutti i pellegrini del raduno di Colonia?In allegato c'era uno zainetto con in librccino di preghiere e canti, un diario dozzinale per la cronaca delle giornata passate in santa liturgia ed esenti dal peccato originale.Il business ha fruttato qualche milione di euri e grande lustro alla cittàRequiescant...
    • Giambo scrive:
      Re: la parola di Dio
      - Scritto da: puffettaE brava la puffetta :) Ti metto un bel "Voto: 5" al thread :)
      • Anonimo scrive:
        Re: la parola di Dio
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: puffetta

        E brava la puffetta :) Ti metto un bel "Voto: 5"
        al thread :) (ghost) :$ ;) interpreta le faccine e batti 5 :D puffa
    • SardinianBoy scrive:
      Re: la parola di Dio
      Ciao puffetta!Lodo al massimo quello che hai scritto.....E' LA SACROSANTA VERITA' ! E cmq se vi ricordate esiste un film, per chi non lo avesse ancora visto, il qui titolo è " I BANCHIERI DI DIO " . Vi consiglio di vederlo per coloro che non lo hanno ancora visto. La storia è vera, e si ripete ...., purtroppo !
    • Anonimo scrive:
      Re: la parola di Dio
      Niente paura, dio non esiste
    • pippo75 scrive:
      Re: la parola di Dio

      La banca vaticana è l'isituto più solido al mondo
      e mettere il copyight sulle encicliche papali e
      su tutto ciò che il clero partorisce, anche se
      và contro la parola di Gesù e si avvicina
      moltissimo a quella di satana, se non sbaglio il buon Gesu' l'evava predetto, non dice in una parabola una cosa del tipo:Fate quello che dicono ma no fate quello che fanno?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: la parola di Dio
      - Scritto da: puffetta
      Gli venga quindi dato il sacro santo diritto di
      accostarsi ai diritti delle major e a tutto ciò
      che rappresenta lo sterco del diavolo, così
      finalmente la gente, soprattuto i giovani che
      come me già nutrono dei dubbi sui meriti della
      chiesa, prenderanno piena coscienza nel sapere
      che la chiesa è soltanto un' associazione
      finanziaria infallibile che vende per 30 denari
      la parola di Dio.Han sempre speculato, e sempre speculeranno sulla stupidità della gente, basta vedere tutti i gonzi che hanno commentato contro di te per capire in che mani siamo. Questa nazione di merda rimarrà sempre un cimelio dei tempi dei Borbone, perchè la gente non si rende conto di quanto è fessa a credere nell'infallibilità di una chiesa che voleva ardere Galileo Galilei. Poveri allocchi.
  • Anonimo scrive:
    L'ho visto oggi al TG...
    ...che si pavoneggiava pedalando sulla sua enciclica nuova fiammante!
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto oggi al TG...
      - Scritto da: Anonimo
      ...che si pavoneggiava pedalando sulla sua
      enciclica nuova fiammante!Speriamo che si buchi un'epistola e si schianti sull'altare!
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ho visto oggi al TG...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...che si pavoneggiava pedalando sulla sua

        enciclica nuova fiammante!

        Speriamo che si buchi un'epistola e si schianti
        sull'altare! (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) @^
  • Anonimo scrive:
    Ma se è il volere di Dio!
    Avete visto amici del p2p?Il copyright ora è un Diritto Sacrosanto!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma se è il volere di Dio!
      - Scritto da: Anonimo
      Avete visto amici del p2p?
      Il copyright ora è un Diritto Sacrosanto!Veramente Cristo ha buttato fuori i mercanti dal tempio, non si è messo d'accordo con loro
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma se è il volere di Dio!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Avete visto amici del p2p?

        Il copyright ora è un Diritto Sacrosanto!
        Veramente Cristo ha buttato fuori i mercanti dal
        tempio, non si è messo d'accordo con loroE' perché volevano distribuire tutto sotto GPL.
  • Anonimo scrive:
    Come la Juve
    Anche nel calcio è successo qualcosa di simile, è cambiata la legge che gestisce i diritti sportivi. La Juve ora è proprietaria anche retroattivamente dei diritti di tutte le partite che la vedono protagonista, cioè tutte le partite riprese dagli anni '50 ad oggi. La RAI ora sta cercando di trovare un accordo.
  • Anonimo scrive:
    Pro diffusione
    Pro diffusione Santo Messaggio Pastorale da domani tutti dovranno pagare fior di diritti di copyright...File Sharing Illegale pro MP3 --
    Bisogno VenaleFile Sharing Illegale Omelie del Papa --
    Bisogno SpiritualeChi vincerà ? :'(
  • Anonimo scrive:
    Anche il dalai lama
    lo fa anche lui, i suoi "scritti" per essere pubblicati da una casa editrice devono essee approvati dal ministero dell'istruzione del governo tibetano in esilio...pero' le critiche pretestuose riguardano e sono sempre a senso unico...
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche il dalai lama
      - Scritto da: Anonimo
      lo fa anche lui, i suoi "scritti" per essere
      pubblicati da una casa editrice devono essee
      approvati dal ministero dell'istruzione del
      governo tibetano in esilio...
      pero' le critiche pretestuose riguardano e sono
      sempre a senso unico...E quindi? Due torti fanno una ragione?Poi perchè scritti tra "", intendi dire che il dalai lama spara cazzate? Fosse il mago Otelma capirei...E poi senti, pure io sono credente ma questo non significa che qualsiasi cosa faccia la Chiesa o il Papa hanno sempre ragione. L'infallibilita' papale l'ha decretata il Papa, mica Gesu' Cristo...Se il Papa è il rappresentante di Dio in terra, allora la sua parola è la parola di Dio e non me la puoi mettere un tanto al chilo. Dai, è assurdo...
      • Anonimo scrive:
        ahahaha!!

        Se il Papa è il rappresentante di Dio in terra,ah ah ah ah ah ah !!!!!!!!buahahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche il dalai lama
      la differenza e' che quei soldi servono a mantenere in vita una cultura millenaria che rischia di scomparire e a garantire istruzione e servizi a migliaia di profughi tibetani, mentre i soldi del vaticano servono soprattutto per pagare anche sciocchezze come le cause miliardarie dei preti pedofili in nord america, operazioni bancarie non sempre moralissime dello ior ed altre piccole cose della chiesa spa di cui la stampa parla poco o nulla per comoda connivenza.ah e non dimenticarti che l'ici su tutti gli immobili, anche commerciali, la chiesa non la paga piu': hanno reinfilato nella finanziaria il decreto senza dire niente a nessuno.visti i nuovi sviluppi del ruini la pontificia repubblica italiana insiste a farsi del male con le ingerenze del teocratico stato vaticano che e' sempre piu' simile ai tanto chiaccherati governi talebani (vedi revisione legge sull'aborto, sperimentazione rsu 486 ecc ecc).
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche il dalai lama
        Si, se i soldi servono anche a difendere la vita allora ben vengano. Sono comunque proventi dovuti non sta a voi decidere in merito.
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche il dalai lama
          - Scritto da: Anonimo
          Si, se i soldi servono anche a difendere la vita
          allora ben vengano. Sono comunque proventi dovutiHai detto giustissimo."SE".
          non sta a voi decidere in merito.Sta a noi, per questo esiste l'otto per mille.
          • napodano scrive:
            Re: Anche il dalai lama

            Sta a noi, per questo esiste l'otto per mille.no, l'otto per mille esiste per finanziare la Chiesa Cattolica:la parte di 8 per mille non affidato espressamente da parte dei contribuenti non finisce, come si crede, "allo Stato", ma viene redistribuito secondo quanto è stato espresso.Ciò ha consentito, nel 2004, alla Chiesa Cattolica di ottenere l'87% dell'8 per mille con il 39% delle preferenze.
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche il dalai lama
          - Scritto da: Anonimo
          Si, se i soldi servono anche a difendere la vita
          allora ben vengano. Sono comunque proventi dovuti
          non sta a voi decidere in merito.Certo che sta a noi, fino a che la chiesa PRETENDE di dire la sua nelle leggi di uno stato LAICO, allora deve accettere le critiche.Dopo tutto Cristo disse:"non giudicare e non sarai giudicato"
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche il dalai lama
      - Scritto da: Anonimo
      lo fa anche lui, i suoi "scritti" per essere
      pubblicati da una casa editrice devono essee
      approvati dal ministero dell'istruzione del
      governo tibetano in esilio...Non mi pare che il Dalai Lama pretenda di essere il tramite tra l'unico Dio e l'uomo ... o sbaglio ?
  • midori scrive:
    SPERIAMO!!!!
    Spero proprio che romperanno per bene le palle a tutti, cosi' ci saranno un po' di cazzate in meno in giro... :)ciauz midori
    • Anonimo scrive:
      Re: SPERIAMO!!!!
      - Scritto da: midori

      Spero proprio che romperanno per bene le palle a
      tutti, cosi' ci saranno un po' di cazzate in meno
      in giro... :)

      ciauz
      midoriPECCATORE!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: SPERIAMO!!!!
      - Scritto da: midori

      Spero proprio che romperanno per bene le palle a
      tutti, cosi' ci saranno un po' di cazzate in meno
      in giro... :)

      ciauz
      midoriUP
    • GaMe oVeR scrive:
      Re: SPERIAMO!!!!
      - Scritto da: midori

      Spero proprio che romperanno per bene le palle a
      tutti, cosi' ci saranno un po' di cazzate in meno
      in giro... :)

      ciauz
      midoriAnche se non condivido il metodo il risultato sarà lieto.
      • Anonimo scrive:
        Re: SPERIAMO!!!!
        - Scritto da: GaMe oVeR

        - Scritto da: midori



        Spero proprio che romperanno per bene le palle a

        tutti, cosi' ci saranno un po' di cazzate in
        meno

        in giro... :)



        ciauz

        midori

        Anche se non condivido il metodo il risultato
        sarà lieto.è la prima cosa che ho pensato anch'io... un po di sano garbage-collecting... :D
    • Anonimo scrive:
      Re: SPERIAMO!!!!
      Ci sei sempre tu a produrle il mondo non rimarrà mai a secco di gente come te...
  • Anonimo scrive:
    cosi si evitano speculazioni
    si evita ke i testi ecclesiastici possano essere trascritti su certi in siti in modo non corretto (manomesso ecc)...questo e' un filtro...nulla di piu'
    • Anonimo scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni
      - Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...

      questo e' un filtro...nulla di piu'ah ah ahma va la'.chi te l'ha detto la "libreria vaticana"?e' una notizia corretta? cioe' approvata dal suddetto negozietto di libri probabilmente sito in piazza s.pietro? si, proprio quello il cui titolare faceva il prefetto della chiesa, tipo quello che nel "nome della rosa" finisce, con gran sollievo di tutti, infilzato dalla sua stessa carrozza. be', io prima dire certe cose ci metterei un bel bollino, magari con la croce, altrimenti ci metterei solo la croce ...
    • GaMe oVeR scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni
      - Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...

      questo e' un filtro...nulla di piu'Invece chiedendo l'autorizzazione e pagando la chiesa, si è sicuri che i testi vengano riportati in modo corretto?Oltre a non pagare l'ICI, a imporre il crocifisso, ad interferire attivamente nella politica italiana, ad aver contribuito a partorire quella schifezza di legge sulla procreazione assistita, a rompere ancora le balle sull'aborto, a disincentivare l'uso del preservativo in Africa (e non solo) e a costruire nei paesi poveri prima le chiese degli ospedali, si fanno pure pagare per quello che dicono.La gente comunque è libera di fare quello che vuole, pure di prenderlo dove non batte il sole, senza lubrificante e anche da un cavallo.
    • Anonimo scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni

      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...

      questo e' un filtro...nulla di piu'filtro = censuraquali sarebbero questi siti?
    • Anonimo scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni
      - Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...

      questo e' un filtro...nulla di piu'rotfl, al massimo qualcuno puo' stamparseli se ha finito la carta igienica :-D
    • Anonimo scrive:
      la barzelletta del coccodrillo...
      mi viene in mente la barzelletta del coccodrillo che vola...- Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...

      questo e' un filtro...nulla di piu'
      • SardinianBoy scrive:
        Re: la barzelletta del coccodrillo...
        - Scritto da: Anonimo
        mi viene in mente la barzelletta del coccodrillo
        che vola...

        - Scritto da: Anonimo

        si evita ke i testi ecclesiastici possano essere

        trascritti su certi in siti in modo non corretto

        (manomesso ecc)...



        questo e' un filtro...nulla di piu'Anche libero ha messo un filtro per non poter scaricare, ma cmq se uno usa DC++ ECCO LA Soluzione : -- Come saltare il blocco della band di liberosi deve impostare nelle porte del client 1755 o 7070 nelle impostaz generali e se si ha un firewall bisogna impostarle anche lì andare sul sito di libero e disattivare il loro servizio di firewall se si è scelto di attivarlosennò continuano a bloccaredopodiche BUON DOWNLOAD A TUTTI....con questo, volevo solo dire che i filtri non serviranno mai a nulla e, anche il Vaticano cmq mette in condivisione le sue opere. E io le ho già trovate, un mio amico che lavora in vaticano da 10 anni. Ehehehehehehehehehe :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni
      - Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in sitiTipo quali siti?
      in modo non corretto
      (manomesso ecc)...
      questo e' un filtro...nulla di piu'Si, un filtro economico.Ma leggere no eh?Dai, su, rileggiamo assieme con calma, cosi' dimentichiamo le tue farneticazioni sul modo corretto e non corretto:"Sono affidati alla Libreria Editrice Vaticana, quale Istituzione collegata alla Santa Sede, l'esercizio e la tutela, in perpetuo e per tutto il mondo, di tutti i diritti morali d'autore e di tutti i DIRITTI ESCLUSIVI di UTILIZZAZIONE ECONOMICA, nessuno escluso od eccettuato, sopra tutti gli atti e i documenti attraverso i quali il Sommo Pontefice esercita il proprio Magistero."..."Il decreto, infatti, nasce con ogni probabilità dalla necessità di gestire i proventi decisamente notevoli derivanti dalla vendita dei libri firmati da Giovanni Paolo II e da quelli che lo riguardano, né sembra diretto in modo SPECIFICO al Web né, TANTOMENO, a quei siti che non hanno intenti commerciali."Quindi ecco il vero modo corretto e quello non corretto.Paghi: modo correttoNon paghi: modo non corretto.
      • Anonimo scrive:
        Re: cosi si evitano speculazioni
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        si evita ke i testi ecclesiastici possano essere

        trascritti su certi in siti

        Tipo quali siti?


        in modo non corretto

        (manomesso ecc)...

        questo e' un filtro...nulla di piu'

        Si, un filtro economico.
        Ma leggere no eh?
        Dai, su, rileggiamo assieme con calma, cosi'
        dimentichiamo le tue farneticazioni sul modo
        corretto e non corretto:

        "Sono affidati alla Libreria Editrice Vaticana,
        quale Istituzione collegata alla Santa Sede,
        l'esercizio e la tutela, in perpetuo e per tutto
        il mondo, di tutti i diritti morali d'autore e di
        tutti i DIRITTI ESCLUSIVI di UTILIZZAZIONE
        ECONOMICA, nessuno escluso od eccettuato, sopra
        tutti gli atti e i documenti attraverso i quali
        il Sommo Pontefice esercita il proprio
        Magistero."

        ..."Il decreto, infatti, nasce con ogni
        probabilità dalla necessità di gestire i proventi
        decisamente notevoli derivanti dalla vendita dei
        libri firmati da Giovanni Paolo II e da quelli
        che lo riguardano, né sembra diretto in modo
        SPECIFICO al Web né, TANTOMENO, a quei siti che
        non hanno intenti commerciali."

        Quindi ecco il vero modo corretto e quello non
        corretto.

        Paghi: modo corretto
        Non paghi: modo non corretto.Credo che si profili il peccato si Simonia!
    • Anonimo scrive:
      Re: cosi si evitano speculazioni
      - Scritto da: Anonimo
      si evita ke i testi ecclesiastici possano essere
      trascritti su certi in siti in modo non corretto
      (manomesso ecc)...giusto! lascia che sia solo la chiesa a manomettere gli scritti.
Chiudi i commenti