Infosecurity torna a Roma

Due giorni per discutere di sicurezza delle informazioni digitali. Per difendersi dalle nuove minacce nell'era di Internet in un roadshow dedicato

Roma – Si terrà il 10 e l’11 giugno, presso lo Sheraton Hotel della capitale, l’edizione 2008 di Infosecurity, Storage Expo e Trackability Roma , la manifestazione pensata per gli addetti alla IT security.

Convegni, workshop, dibattiti e tutto quanto occorre per promuovere “la diffusione di una cultura della sicurezza informatica”. Numerose le iniziative previste dal calendario: la manifestazione si aprirà con la presentazione dei dati di una ricerca curata da CEFRIEL e School of Management del Politecnico di Milano sul tema ICT Security: quale Governance? , al quale seguirà una tavola rotonda sull’argomento.

Per il giorno successivo, invece, il programma prevede una riflessione più approfondita sulla sicurezza delle informazioni, con due appuntamenti rispettivamente al mattino su Sicurezza delle informazioni: come difendersi dalle nuove forme di attacco , e al pomeriggio su I servizi a supporto della sicurezza delle informazioni .

Nel pomeriggio mercoledì, inoltre, si terrà anche la ISSA Security Conference organizzata dalla Associazione Italiana Professionisti Sicurezza Informatica (AIPSI) sul tema Security and Compliance for managing the IT Risks Data Protection, Application Security, Security Information Management and Governance Risk Compliance: the key areas for managing risks following the worldwide regulations , alla quale seguiranno seminari e corsi sull’argomento.

L’accesso alla conferenza con il suo ricco programma di impegni e all’aria espositiva è gratuito. Per pre-registrarsi basta visitare il sito www.infosecurity.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stever scrive:
    Meglio i led
    Effettivamente le lampade a basso consumo hanno un problema di smaltimento e sono inquinanti. Meglio puntare ad implementare le tecnologie LED...oramai ci fanno anche i lampioni stradali !Comunque a me non dispiacciono le lampade che si accendono gradatamente con una bassa luminosità iniziale: ad esemmpio la notte se vado in cucina o in bagno o la mattina quando mi sveglio presto (che è ancora buio) e vado a lavarmi le lampadine che si accendevano subito al massimo mi crepavano gli occhi...un mese fa ho comprato della Philips certe a basso consumo piccoline che si accendono con molto comodo e sono rinato !
    • Andrea scrive:
      Re: Meglio i led
      Tutto vero, i LED sono già il futuro, è ben noto da tempo. Impieghi nell'illuminazione domestica, automobilistica e quant'altro ancora.Primeggiano in tutto.
      • pazuzu scrive:
        Re: Meglio i led
        comunque i led, da quel che avevo visto in un trasmissione televisiva, sono meno efficienti delle lampade a fluorescenza.g
  • Colla scrive:
    Re: LAMPADE basso consumo sono inquinanti
    - Scritto da: Macatrozzo
    anche perchè durano molto ma molto di piu'
    delle lampadine ad incandescenza.
    MarcoQuesto soprattutto perche' le lampade ad incandescenza sono tarate per bruciarsi dopo un po', basterebbe raddoppiare le sezioni di filamento e vetro per avere lampadine che non bruciano mai, ma poi cosa ci venderebbero ???
  • Cristian Viarisio scrive:
    Problemi della soluzione Beghelli
    E fra l'altro la lampadina Beghelli emette anche molti raggi IR che durante l'accensione fanno impazzire tutti i componenti AV (il CD Player parte, poi si ferma, poi riparte, salta le traccie, ecc.)
    • Ricky scrive:
      Re: Problemi della soluzione Beghelli
      !? Mai sentita questa cosa,comunque a me non capita nulla quando accendo quella lampadina...
    • DnaX scrive:
      Re: Problemi della soluzione Beghelli
      Magari saranno interferenza sulla linea, e il fatto che il tuo cd player dà problemi vuol dire che non ha dei buoni filtri sull'alimentazione. I raggi IR (infrarossi) sono raggi luminosi come quelli del telecomando, magari non riesci ad usarlo ma mica manda una sequenza di bit ben precisa da comandare il lettore CD!!!
  • napodano scrive:
    Re: LAMPADE basso consumo sono inquinanti
    devi considerare anche la durata di un oggetto, quando ne vuoi quantificare l'inquinamento.quelle a basso consumo durano molto di più, quindi credo che alla fine il bilancio sia positivo.
    • scettico. scrive:
      Re: LAMPADE basso consumo sono inquinanti
      - Scritto da: napodano
      devi considerare anche la durata di un oggetto,
      quando ne vuoi quantificare
      l'inquinamento.

      quelle a basso consumo durano molto di più,
      quindi credo che alla fine il bilancio sia
      positivo.sono inquinamenti diversi, però aver su un sito inquinato da mercurio non è positivo.inquinamento di un sito(con l'attuale normativa) vuol dire il superare nell'analisi di rischio specifica, un valore tot ricavato dall'analisi rischio specifica indipendentemente dalla durata stessa dell'inquinamento.
  • roberto scrive:
    esistono da un pezzo le fanno su licenza
    dire che se le e' inventate mi pare fuori luogo.naturalmente voglio vedere quanto dura l'accrocchio,perche una delle cose che conta e' quanto dura la lampadina,oltre al consumo.
    • filoberto scrive:
      Re: esistono da un pezzo le fanno su licenza
      in realta' l'articolo mi sembra davvero "sbagliato"da' anche poche informazioni: inquinamento per i materiali usati, confronto tra questo e quello dell'azienda italiana, confronto con lampade che utilizzano i led (di cui poco so), info se le "due lampadine in una" hanno durata differente (ovvero se si rompe una si rompe anche l'altra o sono indipendenti?)...mah..
  • salvio scrive:
    Questa è una NON notizia
    Diciamolo francamente questa è una non notizia. Perché una notizia si basa su un fatto nuovo: questa lampadina, come hanno già osservato in tanti, è la copia di quella Beghelli uscita molto tempo prima. Comunque Beghelli è una delle poche marche in Italia che apparentemente fa ricerca e brevetti. DISCLAIMER: non lavoro per Beghelli, non ho azioni in Beghelli e non conosco nessuno della Beghelli.
  • Snogar scrive:
    Ma questa tecnologia.....
    a me sembra un po vecchia .....non sarebbe ora di puntare sulle lampadine a led ....che se non sbaglio consumano pochissimo e durano mooolto di più.
    • l.b. scrive:
      Re: Ma questa tecnologia.....
      Quoto.Non capisco perchè non si passi seriamente ai led. E' una recnologia molto più efficente e senza i difetti di quella attuale.E poi una lampadina ad incandescenza incorporata, che come noto durano molto di meno, non vanifica la maggior la vita totale, nonostante quanto dichiarato dalla casa?
  • Fily84 scrive:
    Brevetto?
    Non è che sia poi 'sto brevettone (sono due lampadine in una)Comunque o l'Italia non sa far notare i propri brevetti o quelli sono copioni spudorati... :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 giugno 2008 09.26-----------------------------------------------------------
  • Mr.Bil scrive:
    Ma a che serve???
    Bella la lampadina con tecnologia ibrida che si accende subito...ma a cosa serve aver investito soldi per inventare questa cosa...io in casa ormai ho sostituito tutte le lampade ad incandescenza con le lampadine a basso consumo (sia luce calda che luce fredda) e onestamente parlando, anche se ci mettono 10 secondi per fornire il massimo della luminosità, non è che mi disturba piu di tanto.Magari potevano investire i soldi per altri progetti, ad esempio per abbassare ancor di piu i consumi delle lampadine economiche e allungarne la vita
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Ma a che serve???
      - Scritto da: Mr.Bil
      Bella la lampadina con tecnologia ibrida che si
      accende subito...ma a cosa serve aver investito
      soldi per inventare questa cosa...io in casa
      ormai ho sostituito tutte le lampade ad
      incandescenza con le lampadine a basso consumo
      (sia luce calda che luce fredda) e onestamente
      parlando, anche se ci mettono 10 secondi per
      fornire il massimo della luminosità, non è che mi
      disturba piu di tanto.Dà pure il tempo di abituarsi pian piano alla luce senza bisogno di qualcosa di accecante che dà fastidio agli occhi perché si abituino tutto d'un colpo.
      • napodano scrive:
        Re: Ma a che serve???
        questo "problema" dell'accensione lenta poteva essere un "problema" 10 anni fa, ma ora le lampadine a basso consumo si accendono a pieno in pochissimo tempo. questa idea mi pare una lampadina molto fioca..
    • Osvaldo scrive:
      Re: Ma a che serve???
      - Scritto da: Mr.Bil
      ormai ho sostituito tutte le lampade ad
      incandescenza con le lampadine a basso consumo
      (sia luce calda che luce fredda) e onestamente
      parlando, anche se ci mettono 10 secondi per
      fornire il massimo della luminosità, non è che mi
      disturba piu di tanto.Quoto per me. Ma dillo a mio padre, ho già sostituito 3 lampade a risparmio in cucina per quel problema cercando una più veloce. Poi proprio domenica passata ho scovato la Immediately Beghelli che non riuscivo a trovare, certo sono 9,95 euro, però adesso papà non si lamenta più (anche se nemmeno se n'è accorto mi sa). Ed io sono contento da fissato del risparmio ecologico. Ciao
      • Paperoliber o scrive:
        Re: Ma a che serve???
        A parte il discorso Beghelli, le lampadine che consumano poco e si accendono subito esistono già, basta non comprare le linee economiche della Philips o le lampadine made in CINA che costano 3 euri si accendono in TRE giorni e durano TRE ore e ti fanno sembre un marziano perché emettono un luce del caxxo. Purtroppo non è che risparmiando in acquisto si risparmia anche dopo, oramai è di "moda" il risparmio energetico "per polli" e parecchi li spennano !!!
        • Calibano scrive:
          Re: Ma a che serve???
          - Scritto da: Paperoliber o
          già, basta non comprare le linee economiche della
          PhilipsQuoto alla grande! Oddio, si accendono velocemente e sono anche quasi carine a vedersi ma... fanno una luce che pare di essere in una mensa russa di un gulag degli anni 60, spacca gli occhi ed e' pure deprimente!Azz! E ne ho anche comprate quattro! Maledetta Philips!!!
    • Akiro scrive:
      Re: Ma a che serve???

      ma a cosa serve aver investito
      soldi per inventare questa cosa...boh, me lo sono chiesto anch'io...
      Magari potevano investire i soldi per altri
      progetti, ad esempio per abbassare ancor di piu i
      consumi delle lampadine economiche e allungarne
      la vitaquoto
  • kop scrive:
    VERGOGNA!!!!!!!!!!
    informarsi prima di scrivere? troppo difficile? troppo professionale?
    • Fra Martino scrive:
      Re: VERGOGNA!!!!!!!!!!
      non sono della redazione però, o jopp kop, o come cribbio ti chiami, invece di frignare come un ebete per una svista che può capitare anche ai migliori, fattelo tu un punto-informatico.poi verrò a leggerlo e ti sfrangerò per ogni cosa, visto che il prodotto che farai sarà di dubbia e mediocherrima qualità.
      • Osvaldo scrive:
        Re: VERGOGNA!!!!!!!!!!
        - Scritto da: Fra Martino
        non sono della redazione però, o jopp kop, o come
        cribbio ti chiami, invece di frignare come un
        ebete per una svista che può capitare anche ai
        migliori, fattelo tu un punto-informatico.Quoto, e che acidità per una svista! ciao
  • nello gala scrive:
    Lol sgamato Pi!Niente informatica!
    Notizia marketta per Panasonic, che pagano anche loro i vs stipendi?Abbiamo beghelli, italiana doc, e ci inventiamo sta bufala, che poi di informatico non ha niente....Vabbè mangiate pure questo mese^___^!
    • Mahji scrive:
      Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
      - Scritto da: nello gala
      Notizia marketta per Panasonic, che pagano anche
      loro i vs stipendi?Illazioni.Per dirla come te, allora, ti paga la (Beghelli) concorrenza per criticare?
      Abbiamo beghelli, italiana doc, e ci inventiamo
      sta bufala, che poi di informatico non ha
      niente....Infatti non a caso la notizia e' nella sezione "Tecnologia" che nel mondo significa anche illuminazione elettrica, nel tuo mondo evidentemente no.
      Vabbè mangiate pure questo mese^___^!Pure tu, a quanto pare, buona spagehttata.
      • Salvatore Randazzo scrive:
        Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
        Se PI avesse pubblicato la notizia Panasonic accompagnata da una considerazione tipo "C'è da aggiungere che una nota ditta italiana produce da tempo una lampadina basata esattamente sullo stesso principio", allora avremmo pensato che in redazione ci sono anche dei giornalisti, e non solo dei passacarte che ricevono e pubblicano un comunicato commerciale spacciandolo per notizia. Così invece restano solo due ipotesi. O quel giorno i giornalisti erano in ferie, ed in redazione c'erano solo i passacarte. Oppure si è proprio voluto fare una marchetta.Ed accusare di "contromarchetta Beghelli" chi ha evidenziato il fatto è pura stupidità. I fatti sono fatti, e parlarne non significa fare la contromarchetta, significa solo dare un'informazione più completa.Salvatore
        • Luca Schiavoni scrive:
          Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
          - Scritto da: Salvatore Randazzo
          Se PI avesse pubblicato la notizia Panasonic
          accompagnata da una considerazione tipo "C'è da
          aggiungere che una nota ditta italiana produce da
          tempo una lampadina basata esattamente sullo
          stesso principio", allora avremmo pensato che in
          redazione ci sono anche dei giornalisti, e non
          solo dei passacarte che ricevono e pubblicano un
          comunicato commerciale spacciandolo per notizia.quindi ora hai promosso tutti giornalisti, con l update a fondo notizia? per saperlo eh, cosi' corro a prendere il tesserino :Dun "se" te lo mando anche io, comunque ;)ma se non funzionasse tutto come pensi tu, e se ci fossero altri modi per lavorare in un giornale indipendente ? Non so se hai mai lavorato in una redazione, ma se erano quelle che descrivi santo cielo spero che ora fai qualcosa di meno umiliante... per come la vedi tu eh ! ma io non so.vale per gli altri dietrologi, costruttori di teorie di come va il mondo (loro) ;)ciao!LucaSps - che poi stando al tuo gioco che dovrei pensare? che per dire cosi' qualcuno ti paga? come se per parlare di una cosa bisogna farsi pagare per forza? :D Anzi... io se vedo uno che per dire "che buono questo caffe'" ha preso 100 mila euro beh. .penso che quel caffe' fa cagare. Se e' buono lo dico anche io, gratis, e lo consiglio agli amici. Se fosse uscita solo la notizia "la beghelli etc" sono sicuro che avresti detto "vi pagano" che mondo strano. :/Sicuramente ci sono altre 20 aziende che fanno quelle lampadine, oltre le due citate. Il fatto di non averle menzionate e' sicuramente dettato da intrighi di potere. boh, dici? ma anche no.. :/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 giugno 2008 09.28-----------------------------------------------------------
          • Guru Meditation scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Vebbè Luca, non ti incazz***.Si sa che in Italia lo sport nazionale, oltre il calcio, è la critica gratuita.... ;)
          • Salvatore Randazzo scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Guru Meditation, perchè parli di "critica grauita"? E' gratuita la critica basata sul nulla. Ma qui è stata davvero data una notizia monca. Tutti coloro che hanno scritto dicendo "E la Beghelli" si sono stupiti di non aver letto, nella notizia, il suo naturale completamento. Questa è critica costruttiva, non gratuita. Fatta da chi legge sempre con piacere PI e partecipa, anche criticamente. Altrimenti finiamo per diventare dei lettori silenziosi ed acritici. Non confondiamo la critica costruttiva con quella gratuita.Salvo
          • Guru Meditation scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Infatti non intendevo additare chi, come te, ha fatto notare con educazione che la Beghelli aveva già da tempo messo in vendita lampade simili; intendevo dire che ci sono molti (e se sei un attento lettore di P.I. te ne sarai certamente accorto) che cercano sempre di insinuare che certi articoli sono scritti per uno scopo pubblicitario (il termine "marchette" è stato più volte usato negli ultimi mesi).Ora, io dico che sono giustissime le critiche costruttive ma mi sembra fuori luogo inveire contro persone che scrivono un su quotidiano GRATUITO: se non ti piace (visto che non hai speso soldi per acquistarlo) non hai perso niente.Per non parlare delle critiche che scaturiscono ogni volta che si parla di Linux (si scatenano i Guelfi contro i Ghibellini).Anche per questo motivo i miei commenti sono diventati sempre più rari, non ho voglia di partecipare a bagarre.Un cordiale saluto.
          • Salvatore Randazzo scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Luca, mi spiace che te la prendi.Io non faccio il giornalista, l'unica volta che sono entrato in una redazione (Radio Popolare) era per stendere una rete ancora con il cavo coassiale e con gli olivetti M240.Quando ho letto la notizia Panasonic ho pensato anche io: e la Beghelli?L'accusa di marchetta può essere ingenerosa, e per altro il leggo sempre PI che trovo ben fatto.Leggi quel che ho scritto non in modo letterale (stile Berlusconi "mi avete frainteso" :-D ) ma in modo iperbolico, per evidenziare il fatto che in ogni caso, a parer mio, avete toppato la notizia, nel senso che ne avete dato solo la metà, dando l'impressione di avere (magari per disattenzione o pigrizia o per altri meccanismi che, come dici tu, ignoro) semplicemente passato un comunicato stampa.Scatenando infatti la perplessità di tutti coloro che da tempo conoscono la Beghelli.Capita a tutti di toppare (anche se magari tu non sei d'accordo e non pensi che sia stato un errore), e non e' un problema. Chi lavora sbaglia. A me PI continua a piacere, quindi, notizia Panasonic a parte, tu e tutta la redazione avete la mia massima stima.Salvo
          • shezan74 scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            - Scritto da: Salvatore Randazzo
            L'accusa di marchetta può essere ingenerosa, e
            per altro il leggo sempre PI che trovo ben
            fatto.Si Salvo, però nulla da togliere al fatto che di prodotti ben fatti ed innovativi in tutti i campi ce ne sono a milioni.Non capisco la ratio di scrivere un articolo su una lampadina e non sulle batterie ricaricabili che ti vendono già cariche (mi è venuta in mente questa), che sono molto comode...A me sembra sinceramente una marketta. Il problema in se non è la marketta, ma il fatto che PI non è il catalogo LIDL...
          • Salvatore Randazzo scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Shezan, non so. Tutto sommato il post è nella sezione Tecnologia. Ci poteva anche stare. magari mancavano altre notizie, non so. Non voglio stare a sindacare il fatto che sia stata scelta una notizia invece che un'altra.Però, secondo me, quando dai una notizia, dalla tutta, dalla completa. Insomma, cerca di anticipare l'obiezione del lettore, e possibilmente informati, telefona, e dai al lettore già la risposta alla sua inevitabile domanda. Capisco che magari mancano tempo e risorse per tutto questo lavorio. Però almeno la domanda nuda e cruda, la stessa ci ci siamo fatti noi, almeno quella poteva farsela chi ha scritto l'articolo. Beh, nel solco della collaborazione (web2.0?) il completamento l'abbiamo fatto noi. Salvo
          • Olmo scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Luca, i commenti livorosi e le speculazioni sui giornalisti sono antipatici e direi in questi casi assolutamente fuori luogo.Però PI deve riconoscere che la notizia è quanto meno da integrare con le informazioni sulla Beghelli, al costo, altrimenti, di apparire davvero come la pubblicazione di una notizia di agenzia mal approfondita.Ignora le offese e prendi atto che l'articolo è da migliorare ed approfondire: i lettori di PI si aspettano che dietro un articolo ci sia una ricerca approfondita, e questo è un punto di onore per la vostra redazione. Non deludete queste aspettative
          • Macatrozzo scrive:
            Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
            Letto queste cazzate Luca, posso fare il giornalista pure io.... che pena....
    • Fra Martino scrive:
      Re: Lol sgamato Pi!Niente informatica!
      che beghelli sia italiana mi fa proprio un gran baffo elettronico. che offra la lampadina a un prezzo concorrenziale mi intriga molto di più
  • luca scrive:
    La beghelli le fa da anni
    Veramente queste lampade mi sembrano le beghelli immediately che funzionano proprio con una piccola lampadina alogena al centro del tubo fluorescente.Quindi o e' un brevetto in licenza o .......
    • Ricky scrive:
      Re: La beghelli le fa da anni
      Confermo in pieno...a casa mia ne ho una ed e' fatta proprio in questo modo, si accende la piccola lampadina centrale per poi lasciare il posto a quella a risparmio.Quindi...o Beghelli e' andato AVANTI NEL TEMPO e li ha fregati oppure...:)
      • Cristian Viarisio scrive:
        Re: La beghelli le fa da anni
        E fra l'altro la lampadina Beghelli emette anche molti raggi IR che durante l'accensione fanno impazzire tutti i componenti AV (il CD Player parte, poi si ferma, poi riparte, salta le traccie, ecc.)
  • jack scrive:
    Lampada istantaneaBeghelli
    Ma Beghelli non aveva già fatto una lampada con queste caratteristiche?
  • Mah scrive:
    C'è già
    Una nota azienda italiana (B*gh*ll*) ha prodotto già da qulche anno un prodotto simile (Imm*di*tl*)
  • taliano scrive:
    Ma non era un brevetto Beghelli?
    Beghelli Immediately Dual funziona allo stesso modo, ed il sistema è brevettato almeno dal 2006:http://new.beghelli.it/website/speciali/immediately/immediately.html
    • Olmo scrive:
      Re: Ma non era un brevetto Beghelli?
      - Scritto da: taliano
      Beghelli Immediately Dual funziona allo stesso
      modo, ed il sistema è brevettato almeno dal
      2006:Infatti.
Chiudi i commenti