Insonnia giovanile? Colpa del cellulare

Ma anche di videogame e computer: una ricerca medica evidenzia che l'hi-tech distrae i consumatori più giovani nelle ore serali, rubando loro preziose ore di sonno
Ma anche di videogame e computer: una ricerca medica evidenzia che l'hi-tech distrae i consumatori più giovani nelle ore serali, rubando loro preziose ore di sonno


Roma – Quando si dice che i giovani d’oggi sono troppo svegli si intende certamente altro. Ma il concetto è applicabile alla lettera leggendo i risultati di una ricerca condotta congiuntamente negli States dal Children Hospital di Philadelphia e dalla National Sleep Foundation , da cui emerge che i telefoni cellulari e altri strumenti di intrattenimento moderni (PC, console di videogiochi) sottraggono preziose ore di sonno ai giovani.

Lo studio ha coinvolto adolescenti in un range di età tra gli 11 e i 17 anni. Un quinto dei soggetti ha dichiarato che ogni giorno si concede nove canoniche ore di sonno. Il rimanente 80% ha ammesso di dormire per molto meno tempo e di pagarne le conseguenze nella mattinata successiva: dall’ingresso tardivo a scuola alla “sonnolenza manifesta” durante le ore di lezione.

La ricerca evidenzia che le ore di sonno sono inversamente proporzionali all’età degli studenti: in pratica, i più “maturi” dormono meno di 7 ore, mentre i più giovani arrivano anche a 8. Ma quali sono i motivi per cui questi teen-ager fanno le ore piccole? Subito dopo la caffeina, ricorrente nelle bevande preferite dal pubblico giovane, viene il mondo hi-tech.

Il telefono cellulare, strumento di comunicazione e di intrattenimento, sembra addirittura aver superato TV, computer e videogiochi. D’altra parte, al giorno d’oggi, è sempre più frequente trovare smartphone in grado di integrare queste tre “voci” dell’entertainment, che comunque restano presenti nelle camere da letto dei giovani e che costituiscono un passatempo frequentato per ore e ore.

I due istituti hanno così pensato di varare una campagna educativa, attualmente in corso di realizzazione, finalizzata a sensibilizzare la popolazione (in ogni fascia di età) sulla necessità del sonno come elemento di primaria importanza per una migliore qualità della vita.

Dario Bonacina

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 03 2006
Link copiato negli appunti