Instagram, WhatsApp e rete cellulare offline in Iran

Instagram, WhatsApp e rete cellulare offline in Iran

L'Iran ha bloccato ieri sera l'accesso ad Internet per impedire ai cittadini di organizzare le proteste, scoppiate dopo l'uccisione di Mahsa Amini.
L'Iran ha bloccato ieri sera l'accesso ad Internet per impedire ai cittadini di organizzare le proteste, scoppiate dopo l'uccisione di Mahsa Amini.

Come già accaduto nel 2019, l’Iran ha nuovamente bloccato l’accesso ai social media attraverso la disattivazione delle reti cellulari. WhatsApp e Instagram erano utilizzati dai cittadini durante la protesta scoppiata in seguito all’uccisione della 22enne Mahsa Amini per mano della polizia della moralità. Questo tipo di blackout non può essere aggirato con una VPN, usate finora per accedere a Facebook e Twitter.

Blackout di Internet in Iran: VPN inutili

NetBlocks, organizzazione non governativa che monitora i blackout di Internet nel mondo, ha rilevato i primi rallentamenti a Teheran il 16 settembre. Nei giorni successivi le disconnessioni sono state segnalate in altre regioni del paese. La connettività era stata ripristinata momentaneamente in alcune aree, ma da ieri sera il blackout è totale, come si può vedere nel grafico.

Tutte le rete cellulari sono state spente, quindi i cittadini non possono più accedere a WhatsApp e Instagram. Le due piattaforme erano ancora funzionamenti (Twitter e Facebook sono bloccate da diversi anni) e utilizzate per condividere informazioni (post, foto e video) e organizzare le proteste.

Secondo NetBlocks si tratta della più grande censura dal novembre 2019, quando la protesta dei cittadini è scoppiata in seguito all’aumento del costo del carburante. Gli utenti utilizzavano una VPN per accedere a Twitter e Facebook. Il blackout di ieri è stato attuato a livello di rete, quindi le VPN sono inutili.

L’Iran ha sviluppato una intranet nazionale, denominata National Information Network, che funziona in modo simile al Great Firewall cinese. Durante il blackout del 2019, durato una settimana, i cittadini hanno usato il servizio satellitare Toosheh, accessibile tramite un normale set-top box collegato alla TV. Alcuni utenti hanno chiesto su Twitter l’intervento di Elon Musk, come avvenuto in Ucraina. Ma attualmente il servizio Starlink non è disponibile in Iran e quasi certamente non lo sarà mai (ci sono le sanzioni degli Stati Uniti).

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: NetBlocks
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 22 set 2022
Link copiato negli appunti