Intel con Clover Trail va alla conquista dei tablet

Santa Clara e partner presentano i prodotti basati sul nuovo processore Atom. L'anello di congiunzione tra il nuovo mondo Windows 8 e la cara vecchia architettura x86

Roma – Dopo una breve anticipazione data pochi giorni or sono, Intel, i produttori di PC e quelli di dispositivi mobile si sono dati appuntamento al Museo dell’Arte Moderna di San Francisco per togliere i veli ai tablet e convertibili basati sulla CPU Atom Z2760.

Un’occasione – per Intel – di entrare nel nuovo mercato dei tablet in maniera molto più convincente che in passato, grazie al nuovo Atom precedentemente noto con il nome in codice di “Clover Trail”, una CPU offerta in una configurazione dual-core (con 4 core logici grazie all’Hyperthreading), nuove capacità tecnologiche e di efficienza energetica già esposte durante la presentazione ufficiale del processore SoC (System-on-a-Chip) compatibile col set di istruzioni x86.

Prima di mettere in mostra i dispositivi mobile e i PC Clover Trail, però, Intel ha dovuto giocare di difesa nel tentativo di rattoppare il piccolo incidente diplomatico con Microsoft scaturito dalle (presunte) dichiarazioni del CEO Paul Otellini, secondo il quale Windows 8 sarebbe un sistema operativo ancora immaturo e da rifinire .

E invece no, ha dichiarato il capo della divisione “Mobile & Communications Group” di Intel Erik Reid: Santa Clara non potrebbe essere più convinta ed entusiasta delle possibilità offerte da Windows 8 all’intero ecosistema PC, ha detto Reid, e le dichiarazioni di Otellini filtrate alla stampa non corrispondono al vero.

Spazio poi ai PC, tablet e convertibili basati su Atom Z2760, con una vasta scelta di form factor, accessori (docking station e tastiere scollegabili) e funzionalità, ma quasi nessuna informazione in merito al prezzo con cui i dispositivi appariranno sul mercato. Solo Samsung ha “osato” dare un prezzo al Series 5 Slate, tablet x86 con schermo da 11 pollici (quasi una costante anche per gli altri prodotti) che viene 650 dollari sul mercato USA, 750 con la tastiera coordinata.

Oltre a Samsung, hanno condiviso il palco con Intel poi Acer, Lenovo, ZTE, HP, Asus, Lenovo e altri produttori interessati a far parte della “prima onda” di sistemi Windows 8.

Per quanto riguarda le prospettive commerciali, Intel è stata chiara come non mai: nel mercato consumer si faticherà a imporre una soluzione x86 mentre Microsoft e altri (Qualcomm, NVIDIA) sono alla ricerca di consenso e utenti con i dispositivi basati su Windows RT (ARM), mentre sul breve periodo il settore enterprise non potrà non guardare con favore ai tablet e convertibili Windows 8 (x86) grazie alla possibilità di una facile integrazione con gli strumenti di amministrazione e le piattaforme IT preesistenti. Sempre che, naturalmente, Windows 8 raccolga il successo sperato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Zoletto Luca scrive:
    FLAC anyone
    Mi spiace che il vecchio Neal Young (lol) abbia preso la cantonata, perchè il discorso è giustissimo.Non capisco però perchè non usare FLAC (Free Lossless Audio Codec), invece di soluzioni proprietarie, è proprio vero che a sto mondo sono tutti tonti.
  • rudy scrive:
    non vedo i talismani appesi al collo
    tristi fesserie
  • mille cocuzze scrive:
    MUSICA SOLDI MUSICA
    Non c'è nessun desiderio di offrire di meglio agli "audiofili" in questa iniziativa.E' solo un modo di sfilar loro soldi dal portaflogli.P.S. Odiosa la pubblicità di Kazzeeeeeenger che parte a pieno volume.Povero P.I. come sei caduto in basso.
    • for teh lulz scrive:
      Re: MUSICA SOLDI MUSICA
      Magari nel primo numero di kazzenger mettono anche Strakker che intervista il nano con l'ascia nel bosco
  • mario scrive:
    ma ke pono,sta minkia
    prono,non pono...io scommetto che neil joung non ci capisce un tubo di informatica...
  • Prima di pubblicare un tuo commento scrive:
    La pubblicità di Voyager è...
    K A Z Z E N G E RIl programma suona al campanello della scienza... ...e poi scappa via!
  • H5N1 scrive:
    Appena esce...
    ...mi metto in contatto con quelli di FFMPEG!:)
  • Shannon scrive:
    Che vogliono fare?
    Mi sa tanto di marketing truffaldino (almeno leggendo questo articolo)Non capisco come sia fisicamente e logicamente possibile ricostruire informazioni originali quando queste vengono irremediabilmente perse attraverso la compressione MP3 o altre compressioni Lossy.Cioè è la matematica a dircelo.Il teorema fondamentale del campionamento: http://it.wikipedia.org/wiki/Teorema_del_campionamento_di_Nyquist-ShannonQuindi convertendo un segnale analogico a digitale c'è un intrinseca perdita d'informazione. Passare dall'analogico al digitale non si ricostruisce nulla, il massimo che si può fare è aggiungere artifizi che ingannino, in questo caso l'orecchio, ma vorrei proprio sentire il risultato!
    • Shannon scrive:
      Re: Che vogliono fare?
      *passando da Digitale ad analogico, pardon- Scritto da: Shannon
      Mi sa tanto di marketing truffaldino (almeno
      leggendo questo
      articolo)

      Non capisco come sia fisicamente e logicamente
      possibile ricostruire informazioni originali
      quando queste vengono irremediabilmente perse
      attraverso la compressione MP3 o altre
      compressioni
      Lossy.

      Cioè è la matematica a dircelo.
      Il teorema fondamentale del campionamento:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Teorema_del_campionam

      Quindi convertendo un segnale analogico a
      digitale c'è un intrinseca perdita
      d'informazione. Passare dall'analogico al
      digitale non si ricostruisce nulla, il massimo
      che si può fare è aggiungere artifizi che
      ingannino, in questo caso l'orecchio, ma vorrei
      proprio sentire il
      risultato!
    • mimmus scrive:
      Re: Che vogliono fare?
      "il teorema del campionamento è uno dei teoremi base della teoria dei segnali e mette in relazione il contenuto di un segnale campionato con la frequenza di campionamento... il teorema del campionamento è uno dei teoremi base della teoria dei segnali e mette in relazione il contenuto di un segnale campionato con la frequenza di campionamento e le componenti minime e massime di frequenza del segnale analogico originale, definendo così la minima frequenza necessaria per campionare un segnale analogico SENZA PERDERE INFORMAZIONI e per poter quindi ricostruire il segnale analogico tempo continuo originario, detta frequenza di Nyquist"
  • 4shared scrive:
    La differenza si sente
    Certo che si sente la differenza tra il vinile e il digitale. Il vinile gracchia!
    • metro scrive:
      Re: La differenza si sente
      - Scritto da: 4shared
      Certo che si sente la differenza tra il vinile e
      il digitale. Il vinile
      gracchia!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • prova123 scrive:
    Se uno vuole fare un prodotto serio ...
    per audiofili registra la musica su vinile e vende il vinile.
    • mr_caos scrive:
      Re: Se uno vuole fare un prodotto serio ...
      ...per nostalgici vuoi dire
      • metro scrive:
        Re: Se uno vuole fare un prodotto serio ...
        - Scritto da: mr_caos
        ...per nostalgici vuoi direno voleva dire per sordi :D
    • metro scrive:
      Re: Se uno vuole fare un prodotto serio ...
      - Scritto da: prova123
      per audiofili registra la musica su vinile e
      vende il
      vinile.E in custodia di pelle umana ovviamente, se no si perde di qualità :D
  • Il T 1000 scrive:
    trasferire un analogico via internet
    Scusate, c'è qui per caso un fisico specializzato in meccanica quantistica, che mi sappia spiegareCOME CACCHIO FACCIO A TRASFERIRE UN'INFORMAZIONE A N A L O G I C AATTRAVERSO UN SISTEMA DIGITALE ???????????????????????????????????---Dai, che se ci riusciamo abbiamo inventato il teletrasporto!---Invece, se parliamo di compressione della musica (ovviamente quella CAMPIONATA in digitale e CONVERTITA in fase finale in analogico [con inevitabile distorsione]) basta usare un formato loss-less.PER FARLA SEMPLICE (e anticipatamente chiedo venia per l'approssimazione grossolana):CAMPIONARE = prendere dei campioni ANALOGICO = unione di CAMPIONI + insieme infinitesimale di tutto quello che c'è tra un campione e l'altro.COMPRESSIONE = ridurre lo spazio eliminando quello che l'orecchio non dovrebbe avvertire (ovvero, tra frequenze molto vicine tra loro quelle con minore intensità)Esempio di analogico : un pacco di spaghettiEsempio di digitale : disegnare gli spaghetti usando dei granelli di sabbiaEsempio di compressione : per usare meno sabbia, tolgo granelli ma non abbastanza da farlo notare.Adesso provate a trasformare i granelli di sabbia in spaghetti. Se ci riuscite, mangiateli.: )Caro Armstrong, MACCHESTAIADDI' ?
    • panda rossa scrive:
      Re: trasferire un analogico via internet
      - Scritto da: Il T 1000
      Scusate,

      c'è qui per caso un fisico specializzato in
      meccanica quantistica, che mi sappia
      spiegare

      COME CACCHIO FACCIO A TRASFERIRE UN'INFORMAZIONE
      A N A L O G I C
      A

      ATTRAVERSO UN SISTEMA DIGITALE
      ???????????????????????????????????www.ebay.it
      • ... scrive:
        Re: trasferire un analogico via internet
        Era sottinteso il "Senza convertire l'analogico in digitale".La stupidaggine è proprio questa.Non tanto il fatto di ridare qualità quando si è persa (in fin dei conti si fa già con le immagini e con i filmati, perchè non dovrebbe essere possibile "ricreare" la qualità di un audio? Naturalmente non dico che sarà UGUALE a quella dell'originale analogico, ma MIGLIORE di quella digitale da cui si è partiti).La stupidaggine è che per mantenere questa qualità e poterla ascoltare su quel coso geometrico è necessario comunque mantenerla in digitale, magari con qualità superiore, che comporta compressione minore e più spazio occupato. tutte cose che si possono fare già.Nessuna novità, solito marketing per un nuovo prodotto.
  • MacGeek scrive:
    Bah
    L'unica differenza che ho trovato tra della musica non compressa campionata a 192khz/24bit ed un AAC@256kbs è la dimensione del file, almeno 10 volte superiore nel primo caso.Non vale assolutamente la pena.Meglio investire i soldi in un paio di cuffie o ampli/casse migliori.
    • metro scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: MacGeek
      L'unica differenza che ho trovato tra della
      musica non compressa campionata a 192khz/24bit ed
      un AAC@256kbs è la dimensione del file, almeno 10
      volte superiore nel primo
      caso.

      Non vale assolutamente la pena.
      Meglio investire i soldi in un paio di cuffie o
      ampli/casse
      migliori.o passare da amplifon :D
      • tucumcari scrive:
        Re: Bah
        - Scritto da: metro
        - Scritto da: MacGeek

        L'unica differenza che ho trovato tra della

        musica non compressa campionata a
        192khz/24bit
        ed

        un AAC@256kbs è la dimensione del file,
        almeno
        10

        volte superiore nel primo

        caso.



        Non vale assolutamente la pena.

        Meglio investire i soldi in un paio di
        cuffie
        o

        ampli/casse

        migliori.
        o passare da amplifon :De invece ha ragione se ti faccio sentire un analogico su nastro master e sempre su nastro un digitale con un impianto tipo le casse cinesi per PC e lettori da una 20 o poco più di euro non percepirai alcuna differenza!Ho provato a farlo con un mio amico audiofilo che sosteneva a spada tratta il contrario!Infatti ha sbagliato il 50% delle volte (come era statisticamente ovvio!)Comunque andare da Amplifon magari se hai un problema di udito a qualcosa serve... ma se hai solo dei radicati e stupidi pregiudizi ti sarà molto più complesso trovare un rimedio altrettanto facile... uno strizza cervelli potrebbe servire... ma costa molto di più e il risultato non è garantito! :D :D
        • MacGeek scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: metro

          - Scritto da: MacGeek


          L'unica differenza che ho trovato tra della


          musica non compressa campionata a

          192khz/24bit

          ed


          un AAC@256kbs è la dimensione del file,

          almeno

          10


          volte superiore nel primo


          caso.





          Non vale assolutamente la pena.


          Meglio investire i soldi in un paio di

          cuffie

          o


          ampli/casse


          migliori.

          o passare da amplifon :D
          e invece ha ragione se ti faccio sentire un
          analogico su nastro master e sempre su nastro un
          digitale con un impianto tipo le casse cinesi per
          PC e lettori da una 20 o poco più di euro non
          percepirai alcuna
          differenza!Non senti differenza neanche con casse da 2.000 e ampli di qualità da diverse centinaia di con convertitore D/A che ovviamente supporta i 192khz/24 bit.O con delle cuffie buone (studio della AKG).Insomma, io non sento differenza.
          • metro scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: MacGeek
            Non senti differenza neanche con casse da 2.000
            e ampli di qualità da diverse centinaia di con
            convertitore D/A che ovviamente supporta i
            192khz/24
            bit.
            O con delle cuffie buone (studio della AKG).

            Insomma, io non sento differenza.per quello il mio consiglio è sempre valido.
          • MacGeek scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: metro
            - Scritto da: MacGeek

            Non senti differenza neanche con casse da
            2.000

            e ampli di qualità da diverse centinaia di
            con

            convertitore D/A che ovviamente supporta i

            192khz/24

            bit.

            O con delle cuffie buone (studio della AKG).



            Insomma, io non sento differenza.
            per quello il mio consiglio è sempre valido.Sono più che certo che con una prova realmente in cieco non sentiresti differenze neanche tu (o chiunque altro).
          • tucumcari scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: metro

            - Scritto da: MacGeek


            Non senti differenza neanche con casse
            da

            2.000


            e ampli di qualità da diverse centinaia
            di


            con


            convertitore D/A che ovviamente
            supporta
            i


            192khz/24


            bit.


            O con delle cuffie buone (studio della
            AKG).





            Insomma, io non sento differenza.

            per quello il mio consiglio è sempre valido.

            Sono più che certo che con una prova realmente in
            cieco non sentiresti differenze neanche tu (o
            chiunque
            altro).Si sente, o meglio si sentirebbe... con un buon impianto si sente.. però (la maggior parte delle volte) non si sente è solo perché in genere la qualità (in genere il punto debole è la dinamica) del campionamento "sorgente" ovvero il cosiddetto "originale" è bassa... (la media dei prodotti commerciali è veramente pessima)...Ma in media (e in pratica "normale") hai perfettamente ragione per il 99.99% dei casi no si sente...Per accorgertene dovresti fare la registrazione di tuo e con roba costosissima... allora lo potresti sentire...Ma tutto ciò non riguarda i "comuni mortali"...Quindi anche se in teoria hai torto... hai ragione nella pratica...
          • Garson Pollo scrive:
            Re: Bah
            Balle, 192/24 PEGGIORA il suonoQui l'articolo di qualcuno che ne capisce.http://people.xiph.org/~xiphmont/demo/neil-young.html
          • MacGeek scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: Garson Pollo
            Balle, 192/24 PEGGIORA il suono

            Qui l'articolo di qualcuno che ne capisce.
            http://people.xiph.org/~xiphmont/demo/neil-young.hInteressante articolo. Thanks.In effetti io le prove le ho fatte partendo da musiche 'demo' 192khz/24bit, prese su https://www.hdtracks.com e ricampionate poi con iTunes in qualità massima (AAC@256kbs).Registrazioni diverse possono avere qualità diverse (CD vs Vinile vs iTunes vs SACD, dcc) e quindi è possibile che una suoni meglio di un'altra anche se non c'è un motivo tecnico per questo. L'unico media sicuramente inferiore è il vinile.
          • metro scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: metro

            - Scritto da: MacGeek


            Non senti differenza neanche con casse
            da

            2.000


            e ampli di qualità da diverse centinaia
            di


            con


            convertitore D/A che ovviamente
            supporta
            i


            192khz/24


            bit.


            O con delle cuffie buone (studio della
            AKG).





            Insomma, io non sento differenza.

            per quello il mio consiglio è sempre valido.

            Sono più che certo che con una prova realmente in
            cieco non sentiresti differenze neanche tu (o
            chiunque
            altro).cieco e sordo, ma che fortuna ;)
        • Un prete scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: tucumcari
          Ho provato a farlo con un mio amico audiofilo che
          sosteneva a spada tratta il
          contrario!
          Infatti ha sbagliato il 50% delle volte (come era
          statisticamente
          ovvio!)LOL... anche io feci un esperimento simile a un audiofilo... preparai un CD con delle tracce di altri CD audio originali... per alcune di queste feci una copia esatta (con tanto di verifica del CRC), per altre invece effettuai prima una conversione con iTunes in formato MP3 usando diverse codifiche (da 128 kb/s a 256 kb/s). Lui sosteneva che, tramite i suoi apparati audio professionali, sarebbe riuscito a distinguere quali tracce erano state "riconvertite" e quali avevano mantenuto la qualita' originale. Ebbene anche in quel caso i risultati furono piuttosto scarsi (meno della meta' azzecati).
          • metro scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: Un prete
            - Scritto da: tucumcari

            Ho provato a farlo con un mio amico
            audiofilo
            che

            sosteneva a spada tratta il

            contrario!

            Infatti ha sbagliato il 50% delle volte
            (come
            era

            statisticamente

            ovvio!)

            LOL... anche io feci un esperimento simile a un
            audiofilo... preparai un CD con delle tracce di
            altri CD audio originali... per alcune di queste
            feci una copia esatta (con tanto di verifica del
            CRC), per altre invece effettuai prima una
            conversione con iTunes in formato MP3 usando
            diverse codifiche (da 128 kb/s a 256 kb/s). Lui
            sosteneva che, tramite i suoi apparati audio
            professionali,audiofilo e professionale nella stessa frase? :D
          • tucumcari scrive:
            Re: Bah
            - Scritto da: metro
            audiofilo e professionale nella stessa frase? :DSu questa perplessità non ti si può dare torto :DCe la ho pure io!(rotfl)(rotfl)
    • tucumcari scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: MacGeek
      Meglio investire i soldi in un paio di cuffie o
      ampli/casse
      migliori.Ovvio non perché la differenza non ci sia ... in realtà c'è (anche se minima) ma come giustamente dici il punto è che il miglioramento che ottieni con un impianto decente è di gran lunga più efficace... ma sopratutto con un impianto del menga non arriverai mai a percepire nessuna differenza di qualità tra un formato non lossy (o anche lossy) ben fatto e un analogico... quindi si sta parlando in sostanza di aria fritta!
      • panda rossa scrive:
        Re: Bah
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: MacGeek


        Meglio investire i soldi in un paio di cuffie o

        ampli/casse

        migliori.
        Ovvio non perché la differenza non ci sia ... in
        realtà c'è (anche se minima) ma come giustamente
        dici il punto è che il miglioramento che ottieni
        con un impianto decente è di gran lunga più
        efficace... ma sopratutto con un impianto del
        menga non arriverai mai a percepire nessuna
        differenza di qualità tra un formato non lossy (o
        anche lossy) ben fatto e un analogico... quindi
        si sta parlando in sostanza di aria
        fritta!La questione e' in realta' molto piu' semplice di quello che sembra.Chi ha speso 2000 e passa euro per un impianto audio DEVE DIRE che e' meglio che sentire l'audio in cuffia.
        • MacGeek scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: panda rossa
          Chi ha speso 2000 e passa euro per un impianto
          audio DEVE DIRE che e' meglio che sentire l'audio
          in cuffia.È meglio, ma a volte hai problemi con i vicini ;)
          • MacGeek scrive:
            Re: Bah
            Comunque non le ho pagate così tanto quelle casse (prese usate). Ma è il prezzo a cui le ho viste un giorno in negozio in Italia.
        • tucumcari scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: tucumcari

          - Scritto da: MacGeek




          Meglio investire i soldi in un paio di
          cuffie
          o


          ampli/casse


          migliori.

          Ovvio non perché la differenza non ci sia
          ...
          in

          realtà c'è (anche se minima) ma come
          giustamente

          dici il punto è che il miglioramento che
          ottieni

          con un impianto decente è di gran lunga più

          efficace... ma sopratutto con un impianto
          del

          menga non arriverai mai a percepire nessuna

          differenza di qualità tra un formato non
          lossy
          (o

          anche lossy) ben fatto e un analogico...
          quindi

          si sta parlando in sostanza di aria

          fritta!

          La questione e' in realta' molto piu' semplice di
          quello che
          sembra.

          Chi ha speso 2000 e passa euro per un impianto
          audio DEVE DIRE che e' meglio che sentire l'audio
          in
          cuffia.Dipende... la cosa è molto vicina a quello che dici ma c'è molto più di soggettivo e personale di quanto tu creda...Io (solo per fare un esempio) ho un timpano (quello destro) piuttosto malmesso (un ricordino lasciatomi da un errore da vero idiota che ho fatto durante una immersione subaquea) certe frequenze le sento solo oltre un certo numero di decibel... (in pratica senza un equalizzatore la mia percezione non è "corretta") e come me c'e un sacco di gente che ha problemini più o meno gravi senza neppure saperlo... io me ne sono accorto per caso e solo dopo un controllo medico ho avuto la conferma...Quindi non esprimerei giudizi troppo draconiani.. le esperienze soggettive sono (come in tutte le cose) differenti...Questo ovviamente non giustifica le esagerazioni di certa gente.. (c'è chi spende cifre che non hanno giustificazione e sono ben oltre i 2000 euro)
  • mha scrive:
    ciò che è PERSO è perso
    non pare strano a nessuno che si parli di una conversione che restituisce qualità? ogni ricodifica di un informazione può solo mantenerne invariata o danneggiarne la qualità quindi per quanto buono un proXXXXX di conversione da digitale ad analogico al massimo risolverà problemi di compatibilità non di qualità
    • krane scrive:
      Re: ciò che è PERSO è perso
      - Scritto da: mha
      non pare strano a nessuno che si parli di una
      conversione che restituisce qualità? ogni
      ricodifica di un informazione può solo mantenerne
      invariata o danneggiarne la qualità quindi per
      quanto buono un proXXXXX di conversione da
      digitale ad analogico al massimo risolverà
      problemi di compatibilità non di qualitàInfatti: vedi il commento di Metro che secondo me riassume bene dal punta di vista tecnico la questione: Neil Yung = "chitarrista e venditore di fuffa"
      • ginfitz69 scrive:
        Re: ciò che è PERSO è perso
        anche a me tutta questa cosa puzza di fuffa...
        • prova123 scrive:
          Re: ciò che è PERSO è perso
          Non è puzza, è fuffa vera e propria... gli audiofili non lo prenderanno minimamente in considerazione.
      • tucumcari scrive:
        Re: ciò che è PERSO è perso
        - Scritto da: krane
        Neil Yung = "chitarrista e venditore
        di
        fuffa"Neil young è un chitarrista punto!E non necessariamente quando parla di cose diverse da quelle che conosce bene (suonare la chitarra) dice cose sensate!Non è il suo mestiere... basta tenerlo presente....
        • krane scrive:
          Re: ciò che è PERSO è perso
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: krane

          Neil Yung = "chitarrista e venditore

          di fuffa"
          Neil young è un chitarrista punto!
          E non necessariamente quando parla di cose
          diverse da quelle che conosce bene (suonare la
          chitarra) dice cose sensate!
          Non è il suo mestiere... basta tenerlo
          presente....Cosi' come lui deve tenere presente che se utilizza la sua fama per promuovere cose che vanno al di fuori del suo mestiere rischia figuracce...
          • tucumcari scrive:
            Re: ciò che è PERSO è perso
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: krane


            Neil Yung = "chitarrista e venditore


            di fuffa"

            Neil young è un chitarrista punto!

            E non necessariamente quando parla di cose

            diverse da quelle che conosce bene (suonare
            la

            chitarra) dice cose sensate!

            Non è il suo mestiere... basta tenerlo

            presente....

            Cosi' come lui deve tenere presente che se
            utilizza la sua fama per promuovere cose che
            vanno al di fuori del suo mestiere rischia
            figuracce...Questo va da se....Mi pare ovvio..
  • Visitatore scrive:
    Neil Young
    Liquidare Neil Young come semplice "chitarrista" nel titolo mi ha fatto un po' specie, forse l'autore non sa chi è, almeno artista andrebbe bene :D
    • metro scrive:
      Re: Neil Young
      - Scritto da: Visitatore
      Liquidare Neil Young come semplice "chitarrista"
      nel titolo mi ha fatto un po' specie, forse
      l'autore non sa chi è, almeno artista andrebbe
      bene
      :Din questo caso: "chitarrista e venditore di fuffa" andrebbe benissimo :D
  • ginfitz69 scrive:
    Serve davvero ?
    Secondo me con un lettore (e cuffie/cuffiette) di qualità che riproduce WAV rippati da CD o file FLAC (rippati da cd) si ottiente una buona qualità di riproduzione che può soddisfare la maggior parte degli audiofili.Il Pono potrebbe essere migliore ma sicuramente non costerà poco quindi resterà (forse) relegato alla cerchia degli audiofili più estremi.
    • panda rossa scrive:
      Re: Serve davvero ?
      - Scritto da: ginfitz69
      Secondo me con un lettore (e cuffie/cuffiette) di
      qualità che riproduce WAV rippati da CD o file
      FLAC (rippati da cd) si ottiente una buona
      qualità di riproduzione che può soddisfare la
      maggior parte degli
      audiofili.Oh yes!
      Il Pono potrebbe essere migliore ma sicuramente
      non costerà poco quindi resterà (forse) relegato
      alla cerchia degli audiofili più
      estremi.Prima di criticare vediamo che caratteristiche avra', che costo avra' e che rispetto avra' per i potenziali clienti (leggi DRM).
      • krane scrive:
        Re: Serve davvero ?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ginfitz69

        Secondo me con un lettore (e

        cuffie/cuffiette) di qualità che

        riproduce WAV rippati da CD o

        file FLAC (rippati da cd) si ottiente

        una buona qualità di riproduzione che

        può soddisfare la maggior parte degli

        audiofili.
        Oh yes!

        Il Pono potrebbe essere migliore ma

        sicuramente non costerà poco quindi

        resterà (forse) relegato alla cerchia

        degli audiofili più estremi.
        Prima di criticare vediamo che caratteristiche
        avra', che costo avra' e che rispetto avra' per i
        potenziali clienti (leggi DRM).Se poi non si rivelera' altro che un nuovo fomrmato di ripping superiore all'mp3 allora potrebbe diventare il nuovo standard scambiato sul mulo (rotfl)
        • Sgabbio scrive:
          Re: Serve davvero ?
          - Scritto da: krane

          Se poi non si rivelera' altro che un nuovo
          fomrmato di ripping superiore all'mp3 allora
          potrebbe diventare il nuovo standard scambiato
          sul mulo
          (rotfl)Come sei i zip o i rar pieni di FLAC non esistessero :D
      • metro scrive:
        Re: Serve davvero ?
        - Scritto da: panda rossa
        Prima di criticare vediamo che caratteristiche
        avra', che costo avra' e che rispetto avra' per i
        potenziali clienti (leggi
        DRM).192kHz/24bit è qualità da MASTER sicuramente li regaleranno senza drm :D
      • tucumcari scrive:
        Re: Serve davvero ?
        - Scritto da: panda rossa
        potenziali clienti (leggi
        DRM).A parte che solo la parola (o meglio l'acronimo) mi fa venire l'orticaria...Ma quando mai un DRM (qualsiasi DRM) non è stato craccato in quattro e quattr'otto?
        • Sgabbio scrive:
          Re: Serve davvero ?
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: panda rossa


          potenziali clienti (leggi

          DRM).
          A parte che solo la parola (o meglio l'acronimo)
          mi fa venire
          l'orticaria...
          Ma quando mai un DRM (qualsiasi DRM) non è stato
          craccato in quattro e
          quattr'otto?Ma poi se consideriamo che i due maggiori servizi che vendono i file, ovvero itunes e Amazon, per la musica, non usano DRM, non vedo il perchè questo servizio dovrebbe fare altrettanto.
      • Saltimbanco scrive:
        Re: Serve davvero ?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ginfitz69

        Secondo me con un lettore (e
        cuffie/cuffiette)
        di

        qualità che riproduce WAV rippati da CD o
        file

        FLAC (rippati da cd) si ottiente una buona

        qualità di riproduzione che può soddisfare la

        maggior parte degli

        audiofili.

        Oh yes!non è detto: la differenza tra un mp3 fatto bene (diciamo un V2 in lame), e un flac da CD è difficile da sentire pure su uno hifi, figurati in cuffia per strada.E poi nel player portatile, a parità di cuffie, conta soprattutto lo stadio analogico di uscita a valle del DAC.
        • panda rossa scrive:
          Re: Serve davvero ?
          - Scritto da: Saltimbanco

          non è detto: la differenza tra un mp3 fatto bene
          (diciamo un V2 in lame), e un flac da CD è
          difficile da sentire pure su uno hifi, figurati
          in cuffia per
          strada.Il fatto che sia difficile da sentire non significa che non ci sia.Uno e' loseless, l'altro e' lossy.Il degrado c'e'.Tu puoi solo dire che non te ne accorgi tu, non che non ci sia.
          E poi nel player portatile, a parità di cuffie,
          conta soprattutto lo stadio analogico di uscita a
          valle del
          DAC.Che il player portatile introduca una ulteriore perdita di qualita' non giustifica la perdita di qualita' a monte.
          • atem scrive:
            Re: Serve davvero ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Saltimbanco


            E poi nel player portatile, a parità di
            cuffie,

            conta soprattutto lo stadio analogico di
            uscita
            a

            valle del

            DAC.

            Che il player portatile introduca una ulteriore
            perdita di qualita' non giustifica la perdita di
            qualita' a
            monte.QUOTO
          • Saltimbanco scrive:
            Re: Serve davvero ?

            Il fatto che sia difficile da sentire non
            significa che non ci sia.
            Uno e' loseless, l'altro e' lossy.
            Il degrado c'e'.se non senti la differenza è irrilevante, e risparmi spazio disco e soldihai mai fatto un blind test?
            Tu puoi solo dire che non te ne accorgi tu, non
            che non ci sia.che ci sia non mi interessa se non lo sento: punto.Il giorno che il mio player portatile avrà un livello hifi tale da sentire la differenza rippo i cd in flac, ora mi porto tutta la mia discoteca in un player 4x3x1 cm in tasca, e parlo di centinaia di dischi
            Che il player portatile introduca una ulteriore
            perdita di qualita' non giustifica la perdita di
            qualita' a monte.ripeto fai un blind test: se mi scopri che la differenza si sente usa pure il flac.Io non sento la differenza tra mp3 e flac su un impianto HiFi vero.Saranno limitate le mie orecchie :-)
          • panda rossa scrive:
            Re: Serve davvero ?
            - Scritto da: Saltimbanco

            Il fatto che sia difficile da sentire non

            significa che non ci sia.

            Uno e' loseless, l'altro e' lossy.

            Il degrado c'e'.

            se non senti la differenza è irrilevante, e
            risparmi spazio disco e
            soldi

            hai mai fatto un blind test?Non e' questione di blind test.Nel lossy vengono tagliate alcune frequenze e quindi alcune armoniche.Che io riesca o non riesca ad accorgermene ad orecchio e' irrilevante.Non e' un problema di spazio disco: hai voglia a riempire due tera.E non e' neanche un problema di soldi, allo stato attuale della tecnologia.E' solo un problema di qualita'.Io pretendo di avere un master di elevatissima qualita', dal quale ricavare eventualmente dei formati compressi.Ma non esiste partire da un formato gia' degradato solo perche' tu non te ne accorgi a orecchio.

            Tu puoi solo dire che non te ne accorgi tu,
            non

            che non ci sia.

            che ci sia non mi interessa se non lo sento:
            punto.In questo caso arrangiati!Magari c'e' chi lo sente e tu elevi te stesso a metro del mondo.
            Il giorno che il mio player portatile avrà un
            livello hifi tale da sentire la differenza rippo
            i cd in flac, ora mi porto tutta la mia discoteca
            in un player 4x3x1 cm in tasca, e parlo di
            centinaia di
            dischiQuindi hai sprecato un sacco di tempo rippando tutti i tuoi centinaia di dischi in un formato lossy.Avresti dovuto ripparli a qualita' elevata e poi eventualmente compattarli per il lettore da taschino.Ma non avere la pretesa di venir qui a raccontare di aver fatto un bel lavoro solo perche' non noti la differenza.

            Che il player portatile introduca una
            ulteriore

            perdita di qualita' non giustifica la
            perdita
            di

            qualita' a monte.

            ripeto fai un blind test: se mi scopri che la
            differenza si sente usa pure il
            flac.
            Io non sento la differenza tra mp3 e flac su un
            impianto HiFi
            vero.
            Saranno limitate le mie orecchie :-)Potresti anche non essere in grado di distinguere cento euro buoni da cento euro falsi. Questo non mi giustifica da rifilarti quelli falsi.
          • Saltimbanco scrive:
            Re: Serve davvero ?

            Non e' questione di blind test.
            Nel lossy vengono tagliate alcune frequenze e
            quindi alcune armoniche.punti di vista: a me ciò che non sento non importa.E il blinde test è un modo scientifico di fare, se preferisci altro sei libero.
          • panda rossa scrive:
            Re: Serve davvero ?
            - Scritto da: Saltimbanco

            Non e' questione di blind test.

            Nel lossy vengono tagliate alcune frequenze e

            quindi alcune armoniche.

            punti di vista: a me ciò che non sento non
            importa.
            E il blinde test è un modo scientifico di fare,
            se preferisci altro sei
            libero.Lo faccio il blind test, ma non con le orecchie tue.Lo faccio con le orecchie mie, che consistono di microfono e analizzatore di banda acustica.
          • Saltimbanco scrive:
            Re: Serve davvero ?

            Lo faccio il blind test, ma non con le orecchie
            tue.
            Lo faccio con le orecchie mie, che consistono di
            microfono e analizzatore di banda
            acustica.il fatto che la differenza ci sia nelle misure non vuol dire che il tuo cervello le percepisca: se nel tuo cervello non entra non entra punto. Qualsiasi cosa dicano le misure.Anche una traccia registrata a 1 MHz ha un contenuto informativo diverso da una a 44 KHz: allora perché il banco di misura raccogli più info a 1 MHz tu campioni a 1 MHz?No, una soglia quindi la metti anche tu.Quindi dimmi dove: io ho solo detto dove metto la mia, solo che tu non facendo il blind test con le tue orecchie non sai dove stia la tua.
          • panda rossa scrive:
            Re: Serve davvero ?
            - Scritto da: Saltimbanco

            Lo faccio il blind test, ma non con le
            orecchie

            tue.

            Lo faccio con le orecchie mie, che
            consistono
            di

            microfono e analizzatore di banda

            acustica.

            il fatto che la differenza ci sia nelle misure
            non vuol dire che il tuo cervello le percepisca:
            se nel tuo cervello non entra non entra punto.
            Qualsiasi cosa dicano le
            misure.Niente. Non ci arrivi proprio eh.Pazienza.
            Anche una traccia registrata a 1 MHz ha un
            contenuto informativo diverso da una a 44 KHz:
            allora perché il banco di misura raccogli più
            info a 1 MHz tu campioni a 1
            MHz?

            No, una soglia quindi la metti anche tu.
            Quindi dimmi dove: io ho solo detto dove metto la
            mia, solo che tu non facendo il blind test con le
            tue orecchie non sai dove stia la
            tua.Quindi secondo il tuo ragionamento, se io fossi sordo, non dovrei mettermi a rippare i cd, che tanto non sento nulla.Giusto?
          • atem scrive:
            Re: Serve davvero ?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Saltimbanco

            Anche una traccia registrata a 1 MHz ha un

            contenuto informativo diverso da una a 44
            KHz:

            allora perché il banco di misura raccogli più

            info a 1 MHz tu campioni a 1

            MHz?



            No, una soglia quindi la metti anche tu.

            Quindi dimmi dove: io ho solo detto dove
            metto
            la

            mia, solo che tu non facendo il blind test
            con
            le

            tue orecchie non sai dove stia la

            tua.

            Quindi secondo il tuo ragionamento, se io fossi
            sordo, non dovrei mettermi a rippare i cd, che
            tanto non sento
            nulla.
            Giusto?Hai trovato il peggior sordo: quello che non vuol sentire ;)
  • ginfitz69 scrive:
    errore di PI ?
    "una tecnologia di conversione dal formato digitale al vecchio analogico"secondo me PI ha cannato un'altra volta.Forse ha tradotto male da qualche altro articolo scritto in inglese.Fatto sta che 192kHz/24bit non compressi (ammessio che sia così) sono sempre meglio che 44,1 Khz/16bit compressi con formati lossy quali mp3, aac, etc.Ovvio che poi anche l'apparecchio che li riproduce e le cuffie/cuffiette annesse devono essere all'altezza sennò non serve a niente.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: errore di PI ?
      - Scritto da: ginfitz69
      "una tecnologia di conversione dal formato
      digitale al vecchio
      analogico"
      secondo me PI ha cannato un'altra volta.
      Forse ha tradotto male da qualche altro articolo
      scritto in
      inglese.

      Fatto sta che 192kHz/24bit non compressi
      (ammessio che sia così) sono sempre meglio che
      44,1 Khz/16bit compressi con formati lossy quali
      mp3, aac,
      etc.

      Ovvio che poi anche l'apparecchio che li
      riproduce e le cuffie/cuffiette annesse devono
      essere all'altezza sennò non serve a
      niente.Due degli articoli (in inglese) linkati, usano la stessa espressione, solo che poi non elaborano su come dovrebbe funzionare in pratica questa conversione.Quanto al formato digitale, immagino (spero) ci sia una compressione lossless di mezzo, altrimenti, cloud o meno, un singolo album occuperebbe una discreta manciata di GigaByte.
      • ginfitz69 scrive:
        Re: errore di PI ?
        In un articolo c'e' scritto: "a tool that converts digital audio files into analog-sounding recordings" che non è la stessa cosa di "una tecnologia di conversione dal formato digitale al vecchio analogico".Comunque secondo me il digital sounding (quello dei CD ovviamente) è migliore in tutto (SNR, dinamica, estensione in frequenza) dell'analog sounding (quello dei vinili).E poi i vinili di adesso e del recente passato erano comunque ricavati da master registrati in digitale per cui l'analogico in questo caso non può essere (matematicamente parlando) migliore del digitale ...Ma l'ascolto della musica è soggettivo per cui de gustibus...
        • Nome e cognome scrive:
          Re: errore di PI ?
          - Scritto da: ginfitz69
          In un articolo c'e' scritto: "a tool that
          converts digital audio files into analog-sounding
          recordings" che non è la stessa cosa di "una
          tecnologia di conversione dal formato digitale al
          vecchio
          analogico".Scusa la pignoleria, quello però è The Verge che cita l'articolo su Rolling Stone (linkato anch'esso) dove scrivono:"Beginning next year, Pono will release a line of portable players, a music-download service and digital-to-analog conversion technology intended to present songs as they first sound during studio recording sessions."Che poi è ciò che ha riportato PI.L'interpretazione di The Verge, per quanto probabilmente più vicina alla realtà, continua, IMHO, a dire poco o nulla. Avrebbero potuto chiamarla "qualità da (o prossima al) master digitale" e non avrei avuto motivo di obiettare.
          Comunque secondo me il digital sounding (quello
          dei CD ovviamente) è migliore in tutto (SNR,
          dinamica, estensione in frequenza) dell'analog
          sounding (quello dei
          vinili).hipster mode onNon sono d'accordo, anche perché la qualità delle produzioni su vinile introduce almeno due variabili in più rispetto alla controparte digitale: la qualità del materiale su cui è stampato il disco e la velocità di riproduzione; mi è capitato di ascoltare delle stampe a 45 giri su vinile vergine Deutsche Grammophon, ed è roba che già su un impianto "da casa" fa rizzare i peli dietro la nuca, non oso pensare su un impianto "da audiofilo".hipster mode off
          E poi i vinili di adesso e del recente passato
          erano comunque ricavati da master registrati in
          digitale per cui l'analogico in questo caso non
          può essere (matematicamente parlando) migliore
          del digitale
          ...Rolling Stone apre l'articolo parlando di Arethe Franklin, quindi l'idea ceh mi sono fatto è che le registrazioni che più dovrebbero giovare del "trattamento Pono" sono quelle AAA dei bei tempi andati, anche se continua a sfuggirmi il COME.Che poi il controsenso maggiore questa intera operazione è l'idea stessa di player portatile per audiofili; il mio player portatile non-per-audiofili lo ascolto in macchina collegato all'autoradio, sui mezzi pubblici, me lo porto in vacanza, tutte condizioni non esattamente ideali per apprezzare le sottili <i
          nuances </i
          della musica a 192/24. Sempre rigorosamente IMHO.
          Ma l'ascolto della musica è soggettivo per cui de
          gustibus...^--This.
          • metro scrive:
            Re: errore di PI ?
            - Scritto da: Nome e cognome
            Rolling Stone apre l'articolo parlando di Aretha
            Franklin, quindi l'idea che mi sono fatto è che
            le registrazioni che più dovrebbero giovare del
            "trattamento Pono" sono quelle AAA dei bei tempi
            andati, anche se continua a sfuggirmi il
            COME.aggiungendo il fruscio del nastro no? :D
          • tucumcari scrive:
            Re: errore di PI ?
            - Scritto da: metro
            aggiungendo il fruscio del nastro no? :D(rotfl)(rotfl)Standing ovation!
          • ginfitz69 scrive:
            Re: errore di PI ?

            Non sono d'accordo, anche perché la qualità delle
            produzioni su vinile introduce almeno due
            variabili in più rispetto alla controparte
            digitale: la qualità del materiale su cui è
            stampato il disco e la velocità di riproduzione;
            mi è capitato di ascoltare delle stampe a 45 giri
            su vinile vergine Deutsche Grammophon, ed è roba
            che già ".Per darmi un motivo valido per asserire che il vinile è migliore avresti dovuto dirmi che lo stesso brano edito dalla Deutsche Grammophonsu CD era peggiore.Anche io ho registrazioni su CD che su un impianto "da casa" fa rizzare ipeli dietro la nuca e non non oso pensare su un impianto "da audiofilo".

            Rolling Stone apre l'articolo parlando di Arethe
            Franklin, quindi l'idea ceh mi sono fatto è che
            le registrazioni che più dovrebbero giovare del
            "trattamento Pono" sono quelle AAA dei bei tempi
            andati, anche se continua a sfuggirmi il
            COME.Concordo con te.
            Che poi il controsenso maggiore questa intera
            operazione è l'idea stessa di player portatile
            per audiofili; il mio player portatile
            non-per-audiofili lo ascolto in macchina
            collegato all'autoradio, sui mezzi pubblici, me
            lo porto in vacanza, tutte condizioni non
            esattamente ideali per apprezzare le sottili
            <i
            nuances </i
            della musica a
            192/24.Giustissimo.Quando di un oggetto si sa poco o niente e si tirano imballo nuove tecnologie che non si sa bene cosa fanno allora probabilmente è tutta fuffa.In fondo per avere più qualità è sufficiente introdurre un nuova codifica lossless oppure più semplicemente utilizzare il formato audio "HD" già presente nei BluRay (Dolby true-hd oppure DTS-HD Master Audio).
    • Rinco scrive:
      Re: errore di PI ?

      Fatto sta che 192kHz/24bit non compressi
      (ammessio che sia così) sono sempre meglio che
      44,1 Khz/16bit compressi con formati lossy quali
      mp3, aac, etc.- i 192kHz/24bit danno benefici rispetto al CD se il master era a quel livello, se è upsamplato dal CD non aggiunge- secondo sei sicuro di sentire la differenza: fai un blind test e poi vediamo...
      • ginfitz69 scrive:
        Re: errore di PI ?
        - Scritto da: Rinco
        - i 192kHz/24bit danno benefici rispetto al CD se
        il master era a quel livello, se è upsamplato dal
        CD non aggiungeCome come ? il master upsamplato dal CD ? è il CD che viene ricavato dal Master e non viceversa.Il master nasce per primo per definizione.
        - secondo sei sicuro di sentire la differenza:
        fai un blind test e poi
        vediamo...hai ragione tu è meglio il CD
  • metro scrive:
    WTF???
    "una tecnologia di conversione dal formato digitale al vecchio analogico"la solita propaganda per vendere cavi di rame a peso d'oro? :@
    • Nome e cognome scrive:
      Re: WTF???
      - Scritto da: metro
      "una tecnologia di conversione dal formato
      digitale al vecchio
      analogico"
      la solita propaganda per vendere cavi di rame a
      peso d'oro?
      :@La solita propaganda per attirare l'audiofilo della domenica con poco cervello e troppi soldi in tasca.Il proXXXXX di digitalizzazione, avendo una frequenza di campionamento e una risoluzione in bit entrambi finiti, è un'operazione distruttiva e non reversibile.
      • metro scrive:
        Re: WTF???
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: metro

        "una tecnologia di conversione dal formato

        digitale al vecchio

        analogico"

        la solita propaganda per vendere cavi di rame a

        peso d'oro?

        :@

        La solita propaganda per attirare l'audiofilo
        della domenica con poco cervello e troppi soldi
        in
        tasca.

        Il proXXXXX di digitalizzazione, avendo una
        frequenza di campionamento e una risoluzione in
        bit entrambi finiti, è un'operazione distruttiva
        e non
        reversibile.Shhhh, lasciali dormire tranquilli, si sveglieranno più leggeri :D
      • dalek scrive:
        Re: WTF???
        a me serve solo un lettore mp3 - tutto il resto è da buttare
        • metro scrive:
          Re: WTF???
          - Scritto da: dalek
          a me serve solo un lettore mp3 - tutto il resto è
          da
          buttareSe vuoi ne ho uno quantico con vibrazioni magnetiche sintonizzate sull'armonia dell'universo...Il prezzo?Un affarone solo 999 Euro, cuffie a parte... :D
          • Claudio Rossi scrive:
            Re: WTF???
            E' inutile che cerchi di rivendere il tuo iphone 5, non lo vogliamo!!!XD
        • panda rossa scrive:
          Re: WTF???
          - Scritto da: dalek
          a me serve solo un lettore mp3 - tutto il resto è
          da
          buttareL'importante e' che il lettore suddetto legga anche il formato flac e la memoria di massa sia formattabile ext.Dopodiche' si'. Tutto il resto e' da buttare.
          • Rinco scrive:
            Re: WTF???
            - Scritto da: panda rossa
            e la memoria di massa sia formattabile
            ext.per cosa? Il mio ha 8 GB + uSD da 64 GB in NTFS, e non vedo particolari problemi
          • panda rossa scrive:
            Re: WTF???
            - Scritto da: Rinco
            - Scritto da: panda rossa

            e la memoria di massa sia formattabile

            ext.

            per cosa? Il mio ha 8 GB + uSD da 64 GB in NTFS,
            e non vedo particolari
            problemiAl mondo esistono ancora ecosistemi chiusi ed ingabbiati perche' c'e' gente come te che "non vede particolari problemi".
          • Rinco scrive:
            Re: WTF???
            Correggo ho messo Fat32 e non NTFS e al posto exFat che veniva di serie, quello si un FS sola.Poi sai uso Linux da 19 anni e non vedo il beneficio di ext4 sul player musicale.
          • krane scrive:
            Re: WTF???
            - Scritto da: Rinco
            - Scritto da: panda rossa

            e la memoria di massa sia formattabile

            ext.
            per cosa? Il mio ha 8 GB + uSD da 64 GB in NTFS,
            e non vedo particolari problemiAllora non hai mai provato ad attaccarlo ad un'autoradio o ad uno stereo i cui produttori non abbiano pagato le royality a microsoft (ovvero quasi tutti).
          • Rinco scrive:
            Re: WTF???

            Allora non hai mai provato ad attaccarlo ad
            un'autoradio o ad uno stereo i cui produttori non
            abbiano pagato le royality a microsoft (ovvero
            quasi tutti).Correggo era Fat32 e se usassi l'autoradio con musica via usb userei un pen drive usb piuttosto che il player con un filo che pende, ti pare?
    • Il T 1000 scrive:
      Re: WTF???
      - Scritto da: metro
      "una tecnologia di conversione dal formato
      digitale al vecchio
      analogico"
      la solita propaganda per vendere cavi di rame a
      peso d'oro?
      :@+1+1+1+1+1
    • bsusanj scrive:
      Re: WTF???
      a nellogggiovane, fammè capì, ci compriamo il tuo pono, che dai dati in digitale fa una conversione in analogico, poi lo ascoltiamo sui nostri impianti o sull'aipòdd, passando per il loro stadio di uscita, sempre analogico, quindi distorsioni su distorsioni: bello. Tutto questo magari per ascoltare dei vecchi master, registrati in analogico, convertiti in digitale per poi passare due volte in analogico: geniale!a 'nello: mavvaffandischi!Chi dice poi che non sente differenza tra un file a 192Khz o 44, magari dimentica che il tutto passa dallo stadio di uscita del convertitore (analogico se non si fosse capito) ed è proprio qui che la maggior parte dei fabbricanti casca e se quello è fatto male, hai voglia tu ad avere i file nella risoluzione che vuoi... Per non parlare poi, scendendo nella catena di riproduzione, di quello che arriva ed effettivamente passa dall'ampli e le casse, quindi quello che arriva alle tue orecchie non è esattamente quello che esce dal convertitore-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 ottobre 2012 15.41-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti