Intel, CPU e potenza: ma che NVIDIA

Il chipmaker prova a smentire la sbandierata superiorità delle GPU NVIDIA nei confronti dei suoi processori nel calcolo parallelo. Ma suscita critiche sul metodo usato per i suoi test
Il chipmaker prova a smentire la sbandierata superiorità delle GPU NVIDIA nei confronti dei suoi processori nel calcolo parallelo. Ma suscita critiche sul metodo usato per i suoi test

Quanto è potente una GPU NVIDIA rispetto a un processore “Core” di Intel? I due colossi dei semiconduttori, storicamente impegnati su scenari diversi e complementari ma ultimamente in rotta di collisione al netto delle smentite , si fanno la guerra anche a suon benchmark . In passato NVIDIA aveva sostenuto che le sue GeForce fossero più veloci – in scenari di calcolo parallelo – di 100 volte, ma ora Intel rettifica le stime e canta una strana vittoria : GeForce battono Core i7 per “soli” 14 ordini di grandezza.

Nello studio Debunking the 100x GPU vs CPU Myth , il chipmaker di Santa Clara mette a confronto un suo processore recente – Core i7 960 con clock a 3,2 GHz – e una GPU GeForce GTX 280 risalente a due anni fa, misurandone la capacità di macinare numeri e calcoli con 14 task computazionali eseguiti in parallelo. Forte delle sue centinaia di core specializzati, la GPU NVIDIA dovrebbe idealmente avere gioco facile nel triturare la CPU Core i7 dotata di “soli” quattro core general purpose .

Ma Intel dice che la storia è ben diversa , e la GPU risulterebbe più veloce della sua CPU “al massimo” di 14 volte con una media di 2,5 volte. Quindi le schede GeForce sarebbero meno performanti in ambito GPGPU di quanto NVIDIA vorrebbe , dice il chipmaker, e nel sostenere la sua tesi ottiene una discutibile vittoria di Pirro che la produttrice di GPU ha gioco facile nell’attaccare su tutti i fronti.

“È raro nel mondo della tecnologia che una società con cui competi si alzi in piedi in un’importante conferenza e dichiari che la tua tecnologia è più veloce solo di 14 volte rispetto alla loro”, commenta sornione il general manager della divisione GPU computing di NVIDIA Andy Keane. È discutibile e significativo, osserva Keane, che Intel abbia confrontato una delle sue CPU più recenti con una scheda GeForce di vecchia generazione, mentre oggi il paradigma della potenza nel campo dell’accelerazione 3D è detenuto – di stretto margine sui prodotti della concorrente ATI-AMD – dall’ architettura Fermi /GeForce 4×0.

I benchmark di Intel non convincono l’uomo di NVIDIA, che parla di codice “non ottimizzato” impiegato nei test della GPU, di metodo inadeguato – non si capisce bene in che modo il confronto fra due pezzi di silicio così diversi tra loro come CPU e GPU sia stato svolto nella sostanza – e torna a ribadire la incontestabile superiorità delle GeForce sui microprocessori Intel in ambito di calcolo parallelo, con risultati superiori di 100 e in certi casi 300 volte come confermato anche da taluni clienti dello sviluppatore di GPU.

Alfonso Maruccia