Intel Sandy Bridge-E, esplorando Core i7-3960X

Dopo tre anni Intel propone un aggiornamento per la piattaforma high-end estremizzando l'architettura Sandy Bridge. Le CPU che ne derivano continuano ad essere troppo costose, ma comunque senza rivali

Dopo circa tre anni di onorato servizio delle piattaforme socket LGA 1366, Intel manda in pensione le CPU Core i7 basate su architettura Nehalem per sostituirle le nuove soluzioni Sandy Bridge-E delle quali oggi vengono svelati i primi due modelli.

A differenza dell’architettura delle CPU Core i7 Nehalem presentate alla fine del 2008 (Bloomfield), quella di Sandy Bridge-E rappresenta poco più di un’evoluzione della famiglia Sandy Bridge che ben conosciamo ormai da un anno e sulla quale Intel ha realizzato le sue ultime CPU di fascia media. I piani iniziali del produttore erano un po’ più ambiziosi di quanto poi lo stesso sia riuscito davvero a proporre: i meglio informati non hanno tardato a definire quelli che vedremo oggi solo un primo assaggio della nuova famiglia high-end mentre le “vere CPU Sandy Bridge-E” arriveranno solo nel 2012.

Fatte salve le congetture, quello che è certo è che la piattaforma attuale, composta da una scheda madre con chipset X79 e da una CPU Sandy Bridge-E, prevede ancora un cambio di socket sottolineando, se ce ne fosse il bisogno, una duplice volontà di Intel: in primo luogo quella di offrire un sistema che in nessun modo debba scendere a compromessi dove la scheda madre è capace di trarre il massimo dalla CPU ed in secondo luogo quella di tenere ben distinti i modelli di fascia alta da quelli di fascia media e bassa.


Sandy Bridge-E è nella stessa casella di Sandy Bridge

Altra differenza importante con chi l’ha preceduta è da ricercare nel maggior grado di integrazione di Sandy Bridge-E e nel processo produttivo. Oltre alla logica di CPU, Nehalem è stata la prima architettura di Intel ad integrare un memory controller. Sandy Bridge-E si spinge oltre rispettando quello che la sua stirpe impone e, oltre ad un più avanzato supporto alle memorie, prevede un controller PCI Express e tutta l’elettronica solitamente appannaggio del chip northbridge. Questo porta ad una piattaforma dual chip ove i principali componenti sono rappresentati dalla CPU e dal southbridge, diversa da quella a tre chip di Nehalem con scheda madre costruita su uno schema tradizionale con northbridge e southbridge.


Intel Core i7 LGA 2011

Come avrete intuito oggi è anche la giornata della consacrazione del chipset X79 e di conseguenza di tutta una serie di nuove schede madri proposte dai maggiori produttori taiwanesi e dalla stessa Intel. Nelle settimane passate fra annunci ufficiali e notizie ufficiose delle nuove schede madri possiamo dire di conoscere praticamente tutto, in barba a qualunque accordo di non divulgazione (tanto per la cronaca, da noi firmato in duplice copia). Ma ormai appare chiaro che la strategia di tutti i player del mercato high-tech sia quella di restare sempre sulla cresta dell’onda ed il fornire ogni tanto qualche bocconcino all’affamato pubblico – talvolta anche per mettere riparo alla fuga involontaria di notizie – garantisce che il proprio nome non venga dimenticato.


La confezione della scheda madre Intel DX79SI (Siler)

L’offerta appare come sempre molto allettante ma i prezzi a cui vengono proposte le nuove CPU di fascia alta non sono da meno. 990 dollari per il modello “non plus ultra” e 555 dollari per quello giusto un gradino al di sotto. Sandy Bridge-E deriva la sua architettura direttamente da quella di Sandy Bridge così come il processo produttivo (per questo vi rimandiamo ad un nostro precedente articolo ). In tal senso dunque le novità non sono molte seppure non mancano interessanti spunti.

Le nuove CPU high-end saranno disponibili con architettura a 4 e 6 core , capaci di gestire fino ad 8 o 12 thread grazie alla tecnologia Intel Hyper-Threading che già ben conosciamo. Nota è anche la tecnologia Intel Turbo Boost 2.0 sulla quale non ci sono stati interventi particolari mentre un’interessante upgrade è stato operato nei confronti del sistema delle cache e delle memorie. Nel primo caso introducendo modelli con cache L3 fino a 15MB , nel secondo utilizzando controller quad-channel compatibile (ufficialmente) con memorie DDR3 fino a 1600MHz (le schede madri di tutti i produttori che abbiamo visto offrono tutte supporto per memorie almeno fino 2133MHz).

Altra novità è nel supporto integrato alle linee PCI Express: non che questo non fosse già presente nell’architettura Sandy Bridge ma con le nuove CPU Intel riesce a fornire 40 linee compatibili con lo standard PCI Express 3.0 : diciamolo comunque sottovoce perché Intel ancora non se la sente di ufficializzare appieno tale supporto in quanto non ha ancora potuto effettuare test esaustivi per mancanza di periferiche compatibili.


Novità di Sandy Bridge-E, PCIe 3.0 solo sussurrato

Come da tradizione Intel non poteva mancare il supporto specifico per le istruzioni AVX ed AES ed ai set SSE4.1 ed SSE4.2. Il socket LGA 2011, come già detto, è un’ulteriore novità che in questo caso è ulteriormente giustificata dalla necessità di avere a disposizione un elevato numero di pin per il routing dei segnali che arrivano dai connettori delle memorie.

Infine Intel ha lavorato molto anche per soddisfare le necessità di gli utenti che hanno la passione dell’overclock con modelli dotati di moltiplicatore sbloccato, maggiore flessibilità nella gestione delle memorie e, finalmente, una prima soluzione alle refrattarietà alla modifica della frequenza di bus di tutte le piattaforme Sandy Bridge, compresa quella basata su chipset Z68.


Specifiche tecniche


Specifiche CPU Sandy Bridge-E Core i7-3960X


Specifiche cache della CPU Sandy Bridge-E Core i7-3960X

Effettuando un confronto diretto con alcune CPU rappresentative possiamo osservare come Sandy Bridge-E, almeno nella sua declinazione a 6 core, necessiti di un numero di transistor decisamente elevato. Gulftown, soluzione anch’essa a 6 core capace di gestire fino a 12 thread indipendenti, ne utilizza appena 1,17 miliardi, lo stesso numero delle CPU Sandy Bridge (che però sono modelli quad-core). Solo AMD con le sue soluzioni Bulldozer a 8 core è posizionata sugli stessi numeri.

Lo stesso possiamo dire anche dell’area occupata dal die che risulta essere pari a 435 mm quadrati per SBE, all’incirca il doppio di quella occupata da Sandy Bridge e da Gulftown.


Diagramma a blocchi del die delle CPU Sandy Bridge-E

Numeri così importanti stupiscono soprattutto se confrontati con quelli delle CPU Gulftown che all’esterno appaiono non troppo dissimili da quella di Sandy Bridge-E. Certo la cache L3 più corposa influisce e non poco (basti vedere il diagramma a blocchi per capire quanto spazio è dedicato ad essa), ma dai 12MB di Gulftown ai 15MB di SBE c’è solo un 25 percento in più che complessivamente potrebbe tradursi in un aumento del numero di transistor pari al 7-10 percento). Un’altra parte la potremmo imputare al controller delle memorie ma crediamo si possa parlare di pochi punti percentuali, gli stessi che possiamo attribuire anche alla presenza di un controller PCI Express (questo manca del tutto in Gulftown e più in generale in tutte le architetture Nehalem). Insomma, volendo semplicemente parlare di ordini di grandezza sarebbe ragionevole pensare ad un incremento massimo del numero di transistor del 50 percento rispetto a Gulftown, non di più.

Possiamo provare a partire da altri punti fermi e vedere dove ci porta questo ragionamento. Visto che Sandy Bridge-E deriva esattamente da Sandy Bridge, vediamo quali sono le differenze sostanziali che implicano un aumento del numero di transistor. La cache L3 passa da 8MB a 15MB il che potrebbe influire per un 20 percento circa sul numero di transistor. Il controller delle memorie ed il controller PCI Express più complessi possono portare ulteriori incrementi del 10 percento mentre la presenza di due core in più può influire per un altro 20 percento. A tutto questo dobbiamo però sottrarre lo spazio occupato dal controller grafico che non è presente su Sandy Bridge-E mentre lo troviamo su Sandy Bridge.

Intel ha sbagliato a fare i conti o c’è qualcosa che dovremmo sapere? Guardando il diagramma a blocchi, in effetti, non passano inosservati un paio di core dormienti : Sandy Bridge-E è dunque un’architettura a 8 core, usata con un massimo di 6 core e frequenze di funzionamento elevate nel caso di sistemi desktop ed in configurazione con un massimo di 8 core nelle sue versioni server dove le frequenze risultano essere più contenute. Tutto questo “solo” per rimare all’interno di un adeguato valore di TDP. Le nuove CPU saranno indicate dal marchio Core i7 3xxx con una lettera finale che ne rappresenta la variante. Vediamo un esempio di come è stato costruito il nome.


Nomenclatura CPU Sandy Bridge-E
  • Core i7 : rappresenta la famiglia ed in questo caso indica modelli high-end
  • 3 : indica la generazione seppure in questo caso c’è una anomalia. Sandy Bridge-E non è la terza generazione di CPU Core bensì la seconda (vi ricordo che essa è solo un’evoluzione di Sandy Bridge)
  • 960 : indica il modello all’interno di una determinata generazione. Più alto è tale numero, maggiori sono le prestazioni che ci si aspetta dalla CPU
  • X : la lettera alla fine rappresenta la variante ed indica esattamente quali sono le feature di cui quel determinato modello dispone. Queste sono le tre possibilità:
    • X : sta per Extreme Edition ed indica soluzioni top di gamma completamente sbloccate in termini di moltiplicatori e feature legate all’overclock
    • K : pur rimanendo in linea con l’anima da overclocker dei fratelli con la X, deve rinunciare a qualcosa come ad esempio l’ampia dotazione di memoria cache
    • Nessuna lettera : si tratta di modelli che offrono limitate possibilità di modifica in quanto a overclock (moltiplicatori bloccati) oltre alla mancanza di alcune feature accessorie


Elenco processori

I modelli Sandy Bridge-E che Intel mostra oggi sono due ed entrambi sono basati su architettura a 6 core: si tratta del Core i7-3960X e del Core i7-3930K . Inizialmente erano previsti tre modelli salvo poi spostare agli inizi del 2012 la soluzione quad-core Core i7-3820 .

Le loro caratteristiche prevedono l’utilizzo del socket LGA 2011, la presenza delle tecnologie Hyper Threading e Turbo Boost, un controller delle memorie quad-channel compatibile con moduli DDR3 1066, 1333 e 1600 funzionanti a 1,5V ed un controller PCI Express 3.0. In comune i tre nuovi Core i7 hanno anche il TDP pari a 130W.

Il modello di punta 3960X (990 dollari), lo stesso che abbiamo a disposizione per i nostri test, ha una frequenza di funzionamento 3,3GHz che può salire fino a 3,9GHz (quando sono utilizzati uno o due core) grazie alla tecnologia Turbo. La cache L3 è di ben 15MB ed il moltiplicatore è completamente sbloccato. Il modello immediatamente successivo, Core i7 3930K (555 dollari), ha una frequenza di 3,2GHz, frequenza massima in modalità Turbo di 3,8GHz ed una cache L3 ridotta a 12MB. Moltiplicatori sbloccati anche in questo caso.

Infine, il Core i7-3820 che fa capo ad un’architettura quad-core e prevede una frequenza nominale più elevata degli altri due modelli, pari a 3,6GHz, frequenza Turbo di 3,9GHz, 10MB di cache L3 e moltiplicatori solo parzialmente sbloccati (probabilmente questo significa poter agire sui moltiplicatori solo attraverso la tecnologia Turbo Boost).


La CPU Core i7-3960X

Con queste CPU Intel mantiene fede alle scelte di dissipazione e packaging fatte in precedenza. Molte sono le somiglianze con le soluzioni della famiglia Core di seconda generazione, tranne le dimensioni.


La CPU Core i7-3960X vista da sotto

Guardando la CPU dal lato dei pin notiamo ancora molte somiglianze: i contatti sono di forma allungata e presenti solo in un’ampia zona periferica lasciando così spazio al centro (ove è posizionato il die) per alcuni componenti passivi.


CPU a confronto

Le dimensioni della nuova CPU Intel sono davvero notevoli, superiori sia a quelle dei modelli Sandy Bridge socket LGA 1155 che a quelle delle CPU AMD AM3+, compresi i modelli Bulldozer. A supporto delle CPU Sandy Bridge-E, Intel ha rilasciato il nuovo chipset X79 che per ora resta l’unico compatibile. Il chipset è stato già preso come base per la realizzazione di numerosi modelli di schede madri tanto da parte dei produttori first tier che di quelli meno importanti.


Il chipset Intel X79

Il chipset X79 deve occuparsi solo ed esclusivamente dei tipici compiti affidati al tradizionalmente al southbridge visto che la CPU integra già tutto il necessario per rispondere alle richieste di gestione delle memorie e dei dispositivi PCI Express.

Dal diagramma a blocchi del chipset X79 emerge che lo stesso è in grado di gestire 14 porte USB 2.0, una connessione Gigabit LAN, audio Intel HDA e sei porte per dispositivi di storage di cui due Serial ATA 3.0 e quattro Serial ATA 2.0. Opzionalmente i produttori di schede madri possono integrare il supporto alla Intel Rapid Storage Technology (RAID) mentre è compreso il supporto per la tecnologia Extreme Tuning che permette di overcloccare il sistema direttamente da Windows. La connessione fra CPU e chipset avviene mediante un bus DMI (Direct Media Interface) di seconda generazione che supporta un link PCI Express 1.0 o 2.0 a quattro linee per una banda complessiva massima di 20Gbit/s.


Il chipset

Così presentato il chipset X79 è esattamente identico al modello Z68 già impiegato nelle piattaforme LGA 1155. Nessuna novità sul fronte USB 3.0 e manca ancora un supporto esteso allo standard Serial ATA 3.0 (solo due delle sei porte SATA sono compatibili con lo standard di ultima generazione). Da questo punto di vista le proposte di AMD sono decisamente superiori.

Per quel che concerne il supporto PCI Express le nuove CPU integrano un controller a 40 linee compatibile con la revisione 3.0 dello standard, il che significa il poter raggiungere una banda di 8GT/s per linea. Le 8 linee aggiuntive supportate dal chipset sono invece compatibili con lo standard 2.0.

La scheda madre proposta da Intel a supporto delle CPU Sandy Bridge-E prende il nome di DX79SI o Siler e funge, oltre che da prodotto finale disponibile sul mercato, anche da punto di riferimento per gli altri produttori.


La scheda madre Intel DX79SI

Come la CPU, il socket LGA 2011 che la ospita ha un ingombro molto elevato. Viste le dimensioni Intel è stata costretta ad ideare un sistema di fissaggio che non lasciasse spazio a possibili falsi contatti fra i pad della CPU ed i pin del socket. Per questo sono presenti due leve contrapposte che permettono alla CPU di restare perfettamente in linea con il piano della scheda madre.


Il socket LGA 2011

La disponibilità di un controller quad-channel apre le porte a schede madri dotate di 8 slot per memorie DDR3 (due slot per ogni canale). Intel ha fatto proprio una scelta simile per la scheda madre DX79SI ma come vedete dalla foto gli slot sono posizionati per metà a destra e per metà a sinistra del socket. La motivazione non è certamente da ricercare nella volontà di garantire una qualche sorta di par condicio , bensì nel ridurre al minimo possibile il percorso dei dati che dalle memorie viaggiano verso la CPU e di conseguenza tenere basse le latenze (posizionando tutti gli slot su un singolo lato la lunghezza dei percorsi fra il primo e l’ottavo sarebbe talmente elevata da non poter garantire in maniera semplice il raggiungimento delle stesse prestazioni).

Allo stesso principio si sono ispirati anche tutti gli atri produttori di schede madri. Alcuni hanno però scelto di integrare solo 4 slot a garanzia di uno spazio maggiore attorno al socket che permettesse di installare anche dissipatori ad aria o a liquido di una certa dimensione.


Il socket e gli slot di memoria

Una così buona disponibilità di linee PCI Express non si era mai vista per una piattaforma Intel. Quelle basate su CPU Sandy Bridge-E con chipset X79 possono contare ben 48 linee e questo permette di realizzare configurazioni a due o più VGA. In particolare la scheda madre DX79SI prevede tre slot PCI Express 3.0 x16, di cui i primi due dotati di 16 linee ciascuno ed il terzo di 8 linee (ricordiamo che a parità di numero di linee rispetto allo standard PCI Express 2.0 la banda dati del PCI Express 3.0 è doppia).


Gli slot di espansione

Per eseguire i test sulle CPU abbiamo rispettato le seguenti regole:

  • Sulla scheda sono stati installati solo i componenti necessari: CPU, Memoria, Scheda video e Hard disk.
  • L’hard disk è stato formattato, sono stati poi installati il sistema operativo, i driver per le periferiche e, quando necessario, sono state installate patch e aggiornamenti.
  • Ogni test è stato ripetuto per tre volte e, se i risultati di qualche test si mostrano troppo lontani dalla media (elevata varianza), il test stesso è stato di nuovo ripetuto, scartando il risultato non corretto.
  • Alla fine di ogni sessione di prova l’hard disk è stato formattato.

In merito ai sistemi di prova, ci siamo serviti di differenti piattaforme a seconda del tipo di CPU. Ciò è stato necessario per ottenere un sistema funzionante per ogni tipo di Socket che le CPU utilizzate per la nostra comparazione utilizzano. Ovviamente si è cercato di realizzare i sistemi con componenti simili, quando possibile, uguali.


Sistemi di prova

I test eseguiti sono descritti qui di seguito:

Benchmark sintetici

  • Fritz Chess Benchmark : questo è un tool che misura la potenza del processore di sistema utilizzando il motore per la creazione di giochi di scacchi “Fritz 9 engine”. Il risultato del test è espresso in nodi per secondo medi. Il software è fortemente ottimizzato per girare in ambienti multicore ed è capace di attivare fino ad 8 thread contemporaneamente.
  • ScienceMark 2.0 : grazie a ScienceMark è possibile misurare le prestazioni del sistema in ambiente di calcolo spinto. Inoltre il software misura le prestazioni della memoria di sistema e della cache integrata nella CPU.
  • SiSoft SANDRA 2010 : questa suite di benchmark sintetici ci offre un quadro specifico delle prestazioni di ogni componente disponibile all’interno della piattaforma di test come memorie, CPU, disco fisso e così via.

Grafica 3D

  • 3DMark06 (versione 1.1.0 Professional) : ci permette di valutare le prestazioni grafiche 3D offerte dal sistema. Nel suo computo sono inclusi, in particolare, la CPU, la memoria di sistema ed il controller grafico.
  • World In Conflict (RTS): si tratta di uno strategico in tempo reale, che unisce a questo tipo di giochi una visuale simile a quella degli sparatutto in prima persona e che fa degli effetti particellari e della fisica le sue armi migliori.
  • Crysis: uno dei più indicativi titoli 3D DirectX 10 per effetti grafici e per l´utilizzo della fisica.

Utilizzo generico

  • PovRay (versione 3.6) : il tool Persistence of Vision Raytracer (PovRay) permette di creare grafica tridimensionale di elevata qualità. Al suo interno troviamo una scena standard creata proprio per effettuare benchmark sulla CPU che sfrutta la maggior parte delle feature disponibili con questo software. Per rendere ripetibili i nostri test utilizziamo sempre le impostazioni di default del file.ini .
  • Cinebench (versione 10 e versione 11) : suite di test multi-piattaforma basato sul software di animazione CINEMA 4D ampiamente utilizzato da studi e case di produzione per la creazione di contenuti 3D. Grazie ad esso possiamo valutare le performance del sottosistema CPU seppure l’influenza di chipset, memorie e scheda grafica installate nel sistema non può essere trascurata. Il software esegue un test di rendering capace di sollecitare uno o tutti i core del processore disponibili.
  • 7-Zip (versione 9.15 beta) : con questo noto software di compressione dati eseguiamo due diversi benchmark. Il primo viene realizzato utilizzando il tool integrato che restituisce una indicazione sui MIPS (million instructions per second) che il sistema è in grado di offrire (potete confrontare i risultati ottenuti con quelli ufficiali e con quelli del vostro sistema). Il secondo invece prende in considerazione una situazione reale nella quale viene richiesto al sistema di comprimere in formato 7z una cartella da 5,36GB contenente 4.379 file di diversa dimensione e tipologia (immagini, testo, html, video, foto, applicazioni) e 536 sottocartelle e poi di decomprimere la stessa. L’operazione di compressione ha una forte dipendenza dalla memoria cache della CPU e dalla memoria RAM installata nel sistema. Quella di estrazione dipende molto, invece, dalla capacità della CPU di gestire le operazioni su interi. In tutti i casi, il software sfrutta abbastanza bene tutte le risorse (core) di CPU a disposizione.
  • Auto Gordian Knot (versione 2.55) : software utile per effettuare backup di DVD o comunque operazioni di transcodifica video nei formati DivX ed XviD. Per le nostre prove utilizziamo il codec XviD che il tool installa di default ed eseguiamo il ripping di un completo DVD (Codice Swordfish) che per l’occasione abbiamo memorizzato su un disco fisso e lo “comprimiamo” in modo da farlo entrare su due CD.
  • Handbrake (versione 0.9.4) : un software di transcodifica video open source multipiattaforma e multithreaded con il quale effettuiamo una conversione video di un intero DVD (Codice Swordfish) in formato adatto per i dispositivi Apple iPod, iPhone e iPad.
  • DaCapo (versione 9.12) : questa suite di benchmark permette di valutare il comportamento del sistema quando si utilizzano tool di sviluppo per Java. Esso include tutta una serie di applicazioni reali open source fra cui Tomcat, FOP, Eclipse, Batik, Xalan e altri. Nel nostro caso riportiamo il tempo complessivo necessario all’esecuzione di tutti i test.

La tecnologia Turbo Boost è la stessa che abbiamo conosciuto con le prime soluzioni della famiglia Sandy Bridge: questa permette di incrementare automaticamente la frequenza di lavoro della CPU rispetto al valore di default in base a quanto consentito dal carico di lavoro istante per istante. Se sulla CPU insistono compiti tali per cui il massimo valore di TDP è stato raggiunto, la frequenza resta esattamente quella nominale. Se invece alcuni dei core sono inutilizzati o il carico di lavoro è tale da non imporre i massimi assorbimenti, allora la CPU aumenta la sua frequenza di funzionamento fino al valore massimo consentito per ogni specifico modello.


Tecnologia Turbo Boost

Intel ed AMD considerano le rispettive tecnologie turbo come una soluzione molto interessante nell’ottica di tenere bassi i consumi e garantire al contempo prestazioni molto elevate. Quando si progetta una CPU multi-core è necessario fare i conti con i limiti sui massimi assorbimenti ed imporre parametri al contorno che garantiscano l’effettiva possibilità di utilizzo anche in condizioni estreme. Senza utilizzare la tecnologia turbo le CPU resterebbero sottoutilizzate e funzionanti ad una frequenza pari al massimo possibile nelle condizioni di massimo sforzo.


Efficienza della modalità Turbo

La curva dell’efficienza della tecnologia Turbo Boost integrata in Sandy Bridge-E segue quella delle CPU Sandy Bridge (Core i5-2500k) amplificandone però gli effetti. I guadagni da essa derivanti sono molto interessanti seppure li notiamo solo con le applicazioni maggiormente “CPU intensive”. Cadono invece completamente con le applicazioni videoludiche.

Analisi controller delle memorie
Il passaggio ad una nuova piattaforma non deve per forza coincidere con il buttare nel secchio tutto ciò di cui si dispone. Ci chiediamo perciò se sia conveniente utilizzare un kit di memorie dual-channel che avete già in vostro possesso oppure se è meglio pensare ad un upgrade anche in questo senso.


Memorie: dual-channel vs. quad-channel

Tutte le applicazioni che abbiamo provato in queste condizioni ci dicono che utilizzare un kit quad-channel porta solo ad incrementi marginali delle prestazioni (tenendo anche conto che essi sono dovuti alla presenza di un maggior quantitativo di memoria, 8GB contro 4GB nella fattispecie). Solo nel caso di crittografia con algoritmi AES256 e con alcuni software di transcodifica video il vantaggio è davvero netto.

Ma sapete che noi amiamoci vederci chiaro: abbiamo dunque eseguito altri test utilizzando configurazioni single-, dual-, triple- e quad-channel. Lo scopo è quello di capire se Sandy Bridge-E è un’architettura avida di banda di memoria e perciò passibile di cali prestazionali qualora questa dovesse mancare oppure se un controller così ampio apporta solo piccoli miglioramenti.


Banda dati memorie al variare dell’ampiezza del canale

Passando da uno scenario a singolo canale via via verso uno a quattro canali, la banda di memoria aumenta in maniera logaritmica con una progressione che parte dal 100 percento per poi fermarsi ad appena il 25 percento.

Un benchmark che può in maniera chiara darci indicazioni precise sull’influenza della banda di memoria è quello integrato in 7-zip: ci riferiamo in particolare al test di compressione che risulta essere molto memoria-dipendente. Al suo fianco abbiamo messo anche i risultati ottenuti con il test di estrazione che invece dipende quasi solo esclusivamente dalla potenza di calcolo della CPU.


Influenza della banda di memoria sulle prestazioni del sistema: 7-zip

I numeri restituiti nel caso di estrazione dimostrano che non vi è alcuna variazione delle prestazioni all’aumentare della banda di memoria a disposizione del sistema. Al contrario, nel caso di compressione, i valori ottenuti aumentano al crescere della banda di memoria ma differenze concrete le rileviamo solo nel passaggio da single-channel a dual-channel. Salendo verso una configurazione triple- o addirittura quad-channel gli incrementi sono molto meno marcati. Partiamo da alcuni test sintetici utili a comprendere il livello di prestazioni di cache e unità di calcolo x86.


SiSoft SANDRA: CPU test

I benchmark Whetstone e Dhrystone del SiSoft SANDRA rappresentano il classico metodo di misura delle prestazioni di un processore rispettivamente con operazioni di tipo floating point ed integer. In questo caso la nuova CPU Intel Core i7-3960X a sei core non teme confronti restituendo valori eccezionali, notevolmente superiori sia a quelli di modelli quad-core come Core i7-2600K sia a quelli di modelli a sei core di passata generazione come Core i7 980X. Il modello top di gamma della concorrente AMD, l’FX-8150, resta decisamente indietro.


SiSoft SANDRA: multimedia test

Anche con i benchmark che misurano prettamente le prestazioni delle unità multimediali il nuovo processore high-end di casa Intel non teme rivali e riesce a battere tutte le altre CPU compreso il setup a doppio processore Core 2 QX9775. In questo caso la soluzione di punta di casa AMD riesce ad ottenere una buona posizione in classifica mentre Core i7 980X e Core i7-2600K sono lasciati a debita distanza.


SiSoft SANDRA: banda dati intercore

La banda dati intercore mostrata dalla nuova CPU, pur non essendo la migliore in assoluta, mostra un discreto incremento rispetto a quella delle soluzioni Sandy Bridge come Core i7-2600K. Probabilmente le migliorie apportate al sistema delle cache ha avuto la sa influenza positiva.


SiSoft SANDRA: latenze intercore (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Purtroppo, al contrario di quanto visto con la banda dati, le latenze nelle comunicazioni intercore sono peggiorate rispetto a quelle dei modelli Core i5 e Core i7 Sandy Bridge. Tai numeri contribuiscono ad avvalorare la nostra tesi circa il sistema delle cache: una cache L3 di maggiori dimensioni può contribuire al miglioramento della banda ma non a quello delle latenze!


Cache

A proposito di latenze, quelle che abbiamo registrato per i tre livelli di cache di Sandy Bridge-E non sono troppo dissimili da quelli ottenuti nel caso del Core i7 980X six core. Rispetto a quelli di un 2600K la latenza della cache L3 è decisamente superiore, complice la dimensione quasi doppia, ma resta comunque al di sotto di quella delle CPU Bulldozer.


SiSoft SANDRA: banda dati controller memorie

Come abbiamo visto in precedenza la banda dati disponibile al controller delle memorie è decisamente elevata grazie al supporto per configurazioni quad-channel. Sandy Bridge-E è capace di una banda superiore ai 30GB/s quando si usano almeno 4 moduli di memoria: il vantaggio di tutta questa banda sulle prestazioni delle applicazioni tradizionali è invece tutt’altra cosa. Spostiamo ora la nostra attenzione verso gli ambiti del calcolo intensivo che richiedono notevole potenza alla CPU. Primordia e Molecular Dynamics sono due benchmark tratti da Science Mark che permettono di misurare le performance della CPU con calcoli scientifici. Essi non sono ottimizzati per ambienti multi core, dunque sono utili a controllare sia le prestazioni single-core che l’efficacia delle eventuali tecnologie Turbo di Intel ed AMD.


Primordia (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Le prestazioni offerte dal singolo core delle CPU Intel di ultima generazione sono molto interessanti e questo si riflette in maniera egregia sui benchmark come Primordia . Il tempo registrato è il migliore in assoluto anche se rispetto al Core i7-2600K il vantaggio è solo marginale; ben diverse sono le cose nei confronti di uno dei modelli a sei core di precedente generazione (Core i7 980X) rispetto al quale il 3960X guadagna circa quattro secondi.


Molecular Dynamics (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Quanto appena visto potrebbe essere ripetuto come un mantra anche nel caso del benchmark Molecular Dynamics .


Fritz Chess Benchmark

Fritz Chess è un engine di simulazione del gioco degli scacchi in grado di sfruttare al massimo ambienti multi-threaded anche se permette di indirizzare fino ad 8 thread. I numeri ottenuti dalla CPU Core i7 3960X non sono entusiasmanti come ci si sarebbe aspettato (siamo ben al di sotto di quelli di un Core i7 980X) ma crediamo ci sia una spiegazione: probabilmente gli 8 thread non vengono perfettamente assegnati alla CPU che dispone di 6 core ma riesce a gestire fino a 12 thread (gli altri sei core logici sono disponibili mediante tecnologia Hyper Threading).


Crittografia

Anche nelle operazioni di crittografia la nuova CPU Intel Core i7-3960X mostra prestazioni molto elevate ma non tali da riuscire a superare del tutto uno dei suoi predecessori come il Core i7 980X. La potenza della nuova CPU è indiscussa, visti i numeri ottenuti nel caso di algoritmi SHA256, ma il modulo di accelerazione AES integrato sembra aver perso un po’ di smalto.


Crittografia: Truecrypt con algoritmo Serpent

Quando servono prestazioni pure la CPU Core i7-3960X esclude qualunque altro rivale (in questo caso purtroppo non abbiamo a disposizione i dati provenienti dal Core i7 980X): i modelli Sandy Bridge non riescono ad essere proprio al passo mentre il nuovo nato di casa AMD offre una buona risposta.


Crittografia: Truecrypt con algoritmo AES

Anche passando al modulo di accelerazione AES integrato, le prestazioni della nuova CPU Sandy Bridge-E continuano ad essere da primo in classifica. Seguono a debita distanza Core i7-2600K e AMD FX-8150. I software di rendering sfruttano sia le risorse grafiche che quelle di CPU, pertanto risultano un ottimo metodo di misurazione delle loro prestazioni. Prendiamo in considerazione, nel nostro batch di prove, PovRay e Cinebench 10.


Povray (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Quando è chiamata a risolvere compiti di una certa complessità, la nuova CPU Intel non si tira indietro: con Povray i tempi raggiunti sono i migliori in assoluto, anche se il vantaggio rispetto ad un Core i7-2600K è solo di pochi secondi (5 percento circa).


Cinebench 10

A fronte di prestazioni in linea con quelle di un Core i7-2600K quando si utilizza Cinebench 10 in modalità single-CPU, i numeri ottenuti in modalità multi-CPU sono decisamente in favore del Core i7-3960X. Assolutamente nulla da fare per il più vecchio Core i7 980X che non va oltre i numeri del top di gamma della famiglia Sandy Bridge né tantomeno per la nuova CPU AMD FX-8150.


Fattore di moltiplicazione dovuto ad ambienti multicore

Il fattore di moltiplicazione, passando dallo scenario a singola CPU ad uno multi-CPU, è invece molto simile a quello del Core i7 980X e fra i più alti in assoluto (fatto salvo quello ottenuto con la piattaforma a doppia CPU Core 2 Quad). Questo denota la buona efficienza dell’architettura Intel.


7-zip: benchmark integrato

7-zip è uno dei software che meglio sfrutta la potenza delle CPU multi core: e così il Core i7 3960X non teme di accaparrarsi nuovamente la prima posizione, seguita a ruota dal Core i7 980X e poi dalla nuova CPU AMD FX-8150. Il 2600K resta invece confinato decisamente più in basso.


7-zip: compressione ed estrazione di dati (secondi, inferiore è meglio)

Passando ai dati di fatto, rileviamo come i tempi necessari per espletare le operazioni di compressione ed estrazione di dati sono effettivamente eseguite più velocemente dal Core i7-3960X anche se il margine di vantaggio rispetto al Core i7-2600K, questa volta in seconda posizione, non è così marcato come in precedenza. I software di codifica video permettono di stressare notevolmente i sottosistemi CPU e memorie, dunque niente di meglio per valutare le performance dei diversi processori.


XMPEG (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Molto interessanti anche i tempi impiegati nell’operazione di transcodifica video con il software XMPEG ove il trono faticosamente conquistato dalla CPU AMD FX-8150 è stato recuperato. I numeri del Core i7-3960X sono in questo caso nettamente migliori di quelli del Core i7-2600k con un vantaggio del 20 percento circa.


AGK (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Al contrario quando la transcodifica video è eseguita con Auto Gordian Knot la migliore CPU sembra essere un “banale” Core i3-2100 forte dei suoi soli due core. Il 3960X riesce a mantenere la seconda posizione al di sopra delle altre CPU della famiglia Sandy Bridge seppur con un vantaggio solo minimo.


Handbrake (a valori inferiori corrispondono prestazioni migliori)

Quattro sono le CPU che, in un range di pochi secondi, detengono la testa di una classifica realizzata attraverso il software Handbrake impiegato in un’operazione di conversione di un intero DVD (Codice Swordfish) in formato per Apple iPod; a guidarle è proprio il nuovo arrivato di casa Intel che però non riesce ad ottenere ampi consensi visto il vantaggio sul modello Core i7-2600K di appena un secondo su complessivi otto minuti circa. Anche il top di gamma della linea di processori AMD FX incalza da vicino il nuovo Sandy Bridge-E concedendogli appena 15 secondi di vantaggio.


Sviluppo software: utilizzo di strumenti JAVA

I tempi di esecuzione con strumenti software legati al mondo JAVA e contenuti nella suite Da Capo continuano a dar ragione al Core i7-3960X. > Abbiamo utilizzato alcuni giochi 3D per capire quanta potenza le nuove CPU Intel riescano a fornire alla scheda grafica. Di seguito troverete due serie di test, la prima effettuata con scheda grafica Radeon HD 4850 e livello di dettagli / risoluzioni molto contenute, utile a garantire un corretto confronto con tutte le piattaforme CPU sinora provate. La seconda e più ampia serie di test è stata effettuata con scheda grafica Sapphire Radeon HD 6950 Toxic ed è utile per capire se esiste e quale sia l’entità dell’eventuale vantaggio delle nuove piattaforme nei casi reali.

Serie di test con Radeon HD 4850


3DMark06

Il punteggio ottenuto con il 3DMark06 afferma senza ombra di dubbio che la nuova piattaforma Intel sarà in grado di fornire eccellenti prestazioni in ambito gaming, superiori a quelle del Core i7 980X e del Core i7-2600K, così come maggiori di quelle delle CPU top di gamma della rivale AMD.


Call of Juarez

È però sufficiente passare in rassegna i risultati del primo “gioco vero” come quelli di Call of Juarez, per avere una smentita di quanto appena visto; certo le differenze sono davvero piccole, ma sembra che la nuova CPU Sandy Bridge-E non riesca a cavarsela nemmeno nei confronti dei modelli Core i5-2500K e Core i7-2600K.


World in Conflict

World in Conflict torna invece a mostrare numeri interessanti per la nuova piattaforma del chipmaker americano, smentendo così i numeri visti con Call of Juarez.

Dunque è forse giunto il momento di scendere nel dettaglio delle prestazioni offerte da una piattaforma gaming effettiva.

Serie di test con Sapphire Radeon HD 6950 Toxic


Stalker Clear Sky: Max detail


Stalker Clear Sky: Max detail + AA


Metro 2033: Max detail


Far Cry 2: Max detail


Far Cry 2: Max detail + AA


Lost Planet 2: Max detail


AvP: Max detail


AvP: Max detail + AA


HAWX 2: Max detail


HAWX 2: Max detail + AA

Nessuno – o quasi – dei giochi provati si avvantaggia della nuova CPU Intel con la quale le prestazioni che registriamo sono esattamente identiche a quelle del modello Core i7-2600K. > Quando si ha a che fare con processori multi core è bene osservare il comportamento del sistema con più applicazioni attive allo stesso tempo . Quelli che seguono sono i risultati di alcuni test eseguiti contemporaneamente.


7-zip e Cinebench eseguiti contemporaneamente

La disponibilità di sei core fisici abbinati alla tecnologia Hyper Threading permette alle nuove CPU Core i7-3960X di ottenere risultati decisamente elevati, superiori a quelli raggiunti con la CPU Core i7 980X e ben al di sopra di quelli di AMD FX-8150 o Core i7-2600k.


Povray e Mainconcept (inferiore è meglio)

Lo stesso accade anche nell’esecuzione contemporanea di operazioni di rendering e codifica video dove però la nuova CPU è tallonata dal fratello minore Core i7-2600K.


PCMark Vantage – Productivity test

Anche il test sulla produttività del PCMark Vantage mostra ottimi risultati per il Core i7-3960X, posizionato un gradino al di sopra della CPU AMD FX-8150. > I consumi del sistema sono stati valutati misurando l’assorbimento sulla presa di corrente ed effettuando rilevazioni in IDLE e sotto sforzo (CPU Stability Test). I valori riportati in tabella tengono conto anche di un fattore di correzione relativo all’alimentatore utilizzato:

  • Il valore registrato va considerato solo in termini comparativi in quanto include anche l’inefficienza dell’alimentatore;
  • L’inefficienza dell’alimentatore non è lineare ma segue una curva che tenderebbe a penalizzare i consumi ridotti (l’efficienza è generalmente maggiore quando il carico sull’alimentatore aumenta). Per questo abbiamo applicato una correzione percentuale ai risultati utile a rendere idealmente lineare la curva di inefficienza.

Consumi con sistema in IDLE (inferiore è meglio)

I consumi in IDLE della nuova piattaforma Intel nel suo complesso sono simili a quelli mostrati da Bulldozer nella sua incarnazione FX-8150 o Phenom II X4 980. I valori registrati sono però nettamente peggiori rispetto a quelli delle piattaforma Sandy Bridge Core i7-2600K o Core i5-2500K e, viceversa, ben più contenuti di quelli di una più vecchia piattaforma socket LGA 1366 con CPU Core i7 980X.


Consumi con sistema sotto stress (inferiore è meglio)

Quando il carico sulla CPU sale di molto, i consumi del Core i7-3960X raggiungono gli stessi valori di quelli di un Core i7 980X pur restando inferiori a quelli di AMD FX-8150. I valori che abbiamo registrato sono di circa 50W superiori rispetto a quelli di una piattaforma Intel P67 con CPU Core i7-2600K.


Consumi massimi

Anche spingendo al massimo sui consumi, grazie ad una intensiva sessione di WPrime, i risultati non cambiano di molto: gli assorbimenti del Core i7 3960X restano decisamente superiori rispetto a quelli di un Core i7-2600K ma al di sotto di quelli di una CPU AMD FX-8150. >>> Il capitolo overclock conta davvero molto per Intel e per le nuove CPU Sandy Bridge-E tanto da costituire uno dei fattori di vendita sul quale l’azienda punterà. Per garantire la massima flessibilità possibile e superare alcune limitazioni che Intel non è riuscita a scrollarsi di dosso nemmeno con una seconda revisione dei chipset per processori Sandy Bridge, la nuova piattaforma include alcune interessanti novità.

Ovviamente non sono state trascurate le possibilità classiche, ovvero quelle legate ai moltiplicatori che potrete impostare fino ad un massimo d 57x nei modelli X o K. E il bus? Una delle novità è proprio in questo senso: come per le piattaforme con chipset P67 o Z68 è possibile modificare la frequenza del bus partendo dai suoi 100MHz di default ma vi assicuriamo che già il salire oltre i 105MHz è un miracolo.

Per aggirare questo ostacolo, seppure crediamo che la soluzione sia solo la “classica pezza”, Intel ha creato un sistema di moltiplicazione che si interpone fra la frequenza del bus stessa e la frequenza che va a pilotare la CPU. Gli step disponibili sono tre: 1x, 1,25x ed 1,67x. In pratica, attivando il moltiplicatore 1,25x la frequenza di riferimento della CPU sarà 125MHz invece che 100MHz mentre resterà identica (100MHz) per tutte le altre componenti. Con moltiplicatore a 1,67x la frequenza sale invece a 167MHz.


Moltiplicatore della frequenza di bus

Grazie a questo stratagemma sarà possibile overcloccare facilmente anche se non si hanno a disposizione moltiplicatori utili per la CPU. Se ad esempio vorrete portare una CPU Sandy Bridge-E a 6GHz ma non avete a disposizione il moltiplicatore 60x, potrete usare un moltiplicatore 48x, bus a 100MHz e moltiplicatore del bus 1,25x (48 x 1,25 x 100 = 6GHz). Se siete intenzionati a raggiungere i 6120MHz, potrete alzare la frequenza del bus a 102MHz lasciando invariati gli altri parametri.


Overclocking Assistant

Sempre nell’ottica del miglioramento dell’approccio all’overclock, Intel ha introdotto una feature indicata come Overclocking Assistant: questa è comunque appannaggio solo delle schede madri dello stesso marchio e permette in maniera semplice di portare la frequenza di funzionamento della CPU su valori specifici modificando semplicemente una voce (si tratta di una caratteristica simile a quella presente sulle schede madri ASUS ove è indicata come CPU Level Up).

Passiamo ora ai fatti e vediamo fino a che punto siamo riusciti a spingerci con la nuova CPU Intel Core i7-3960X, considerando che per le prove abbiamo utilizzato un sistema di dissipazione a liquido all-in-one.


Massima frequenza di bus

Una prima valutazione è stata fatta per cercare la massima frequenza di bus possibile. Come anticipato, il più alto valore stabile che siamo riusciti a raggiungere con l’esemplare del nostro sistema è stato pari a 105,2MHz, appena il 5 percento in più del valore di default.


Sistema automatico di overclock

Utilizzando il sistema Overclocking Assistant, la massima frequenza raggiunta per la CPU in nostro possesso è stata di 4,6GHz.

Passando in modalità manuale, abbiamo provato a spingere la CPU utilizzando proprio il metodo appena messo a disposizione da Intel. Questa scelta nasce anche dall’esigenza di lottare contro una scheda madre, quella fornitaci dalla stessa Intel, dotata di un bios probabilmente non alla sua versione definitiva e dunque non in grado di fornire supporto a tutti i moltiplicatori sbloccati che la CPU invece offre.


Overclock manuale: tensione di core come di default

Abbiamo dunque impostato il moltiplicatore del bus a 1,25x e lavorato con i valori di moltiplicazione disponibili. Senza modificare le tensioni di funzionamento della CPU abbiamo raggiunto stabilmente i 4GHz.


Overclock manuale: tensione di core come pari a 1,55V

Per poter andare oltre è stato necessario aumentare la tensione di core: il massimo valore raggiunto è stato pari a 4,625GHz con tensione di 1,55V, poco più di quanto eravamo riusciti a fare in modalità semi-automatica.


Intel Extreme Tweaking Utility

Intel fornisce anche una comoda utility software funzionante sotto Windows che permette tanto di monitorare quanto di modificare i parametri di funzionamento della piattaforma socket LGA 2011. > Sono passati circa tre anni dall’annuncio delle prime CPU Core i7 Nehalem destinate al mercato high-end e della relativa piattaforma socket LGA 1366. Da allora Intel ha lavorato molto sull’architettura delle sue CPU arrivando sino alla realizzazione di Sandy Bridge: le CPU che ne portano il nome sono state sin da subito acclamate come prodotti eccezionali capaci di offrire un importante salto prestazionale rispetto ai predecessori ed offrire un certo numero di interessanti feature.

La bontà di questa architettura è tale che Intel ha deciso di utilizzarla come base per la nuova famiglia di processori di fascia enthusiast. Questi possono attingere a tutta una serie di caratteristiche innovative che non sempre rappresentano però un reale vantaggio sulle prestazioni finali della CPU: controller delle memorie quad-channel compatibile con moduli DDR3-1600, supporto per lo standard di connessione PCI Express 3.0 con relativa integrazione di un controller che fornisce 40 linee elettriche, supporto per le estensioni AVX, AES ed SSE 4.2, ben 15MB di cache L3 condivisa fra tutti i core ed architettura a 6 core con supporto per Hyper Threading e Turbo Boost. A tutto questo va aggiunto un esteso supporto all’overclock che permette d agire sui moltiplicatori (solo con i modelli X e K) e abbastanza agilmente anche sulle frequenze del bus.

Parlando in particolare del controller delle memorie quad-channel e pur non potendo un single benchmark darci il polso della situazione complessiva, è chiaro che questa piattaforma va utilizzata con memorie configurate almeno in modalità dual-channel ma non preoccupatevi troppo di andare oltre.

Il capitolo overclock, pur risultando interessante sotto il profilo delle potenzialità, ha mostrato importanti limitazioni circa le massime frequenze raggiungibili almeno con l’esemplare in nostro possesso. D’altro canto la complessità della CPU costituisce senza ombra di dubbio un fattore limitante in tal senso: sarà interessante ora vedere se gli altri modelli che arriveranno sul mercato, come il 3930X, se la caveranno meglio.

Rivali? Non ce ne sono purtroppo, tanto che il miglior concorrente del modello 3960X va cercato all’interno del listino dello stesso produttore. Il Core i7-2600K è stato in molti casi capace di competere ad armi pari con il top di gamma della famiglia Sandy Bridge-E. In particolare con i giochi 3D non abbiamo trovato differenze importanti con il 2600K così come anche con alcune applicazioni tradizionali: l’IPC (istruzioni per ciclo di clock) che abbiamo misurato è esattamente identico fra modelli Sandy Bridge e Sandy Bridge-E, dunque nei casi in cui non l’influenza della cache è contenuta ed in quelli in cui non c’è una forte richiesta in termini di multi-threading, il vantaggio del Core i7-3960X resta confinato solo alle maggiori frequenze del Turbo. Troppo poco! Ben diverso è invece il confronto con le soluzioni quad-core ed esa-core socket LGA 1366 rispetto alle quali il nuovo arrivato garantisce un solido incremento prestazionale.

E rivali non ce ne sono nemmeno dal punto di vista del prezzo. La sola CPU costa 990 dollari se prendiamo in considerazione il modello di punta Core i7-3960X. Scendendo un gradino più in basso al modello 3930K il prezzo scende di conseguenza a 555 dollari. Le schede madri hanno anch’esse prezzi molto elevati che vanno da 250 a 300 dollari circa in base al modello specifico.

È dunque giustificabile un simile esborso? Chi desidera il massimo delle prestazioni in tutti i settori e con qualunque applicazione oggi non ha scelta: il Core i7-3960X rappresenta quanto di meglio si possa desiderare. Questo non significa però che il suo costo sia adeguato all’offerta. Se così fosse le sue prestazioni dovrebbero essere superiori mediamente del 300 percento rispetto a quelle di un Core i7-2600K!

A cura di Dino Fratelli >>

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cipa Lip scrive:
    DVDPLANET.ORG R.I.P.
    W DVDPLANET.ORG E' MORTO!!!! W LADRI LADRI LADRI LADRI LADRI W DVDPLANET.ORG R.I.P.!!!!!! PISUMAX, MAX968, SLAXUS LADRI LADRI LADRI!!!!!!!
  • uccelli mario scrive:
    video
    felice di essere con voi
  • Cipa Lip scrive:
    DVDPLANET.ORG
    DVDPLANET.ORG E' MORTO!!!!!! DISTRUGGETE ANCHE DDUNIVERSE.NET!!!!!! LUNGA VITA ITALIANSHARE!!!!!!!
  • krane scrive:
    Re: DVDPLANET.ORG - DDUNIVERSE.NET
    - Scritto da: Cipa Lipp
    CHIUDETE DVDPLANET.ORG - CHIUDETE DDUNIVERSE.NETMa perche' non li denunci ?Qua a noi non ce ne frega niente eh.
  • Cipa Lipp scrive:
    DVDPLANET.ORG - DDUNIVERSE.NET
    CHIUDETE DVDPLANET.ORG - CHIUDETE DDUNIVERSE.NET
  • Carlo Cartiero scrive:
    70eur/bimestre x internet e siamo ladri?
    SCOLTATE GENTEEEEE, per avere una banda larga neanche tanto larga, e pagare 70 euri al bimestre tra canoni e abbonamenti con il nostro monopolista telefonico che è obbligato a farsi concorrenza per salvare la faccia, "rivendendo" immonnezza di banda larga a pseudo altri operatori quando le linee sono praticamente solo sue, gonfiandoci con ore e ore di pubblicità per servizi inutili e promozioni che sono truffe legalizzate, in più dobbiamo noi pagarle queste pubblicità sulle grandi reti, mentre loro se le scaleranno dalle tasse come costi, già senza contare la massa di telefonate e messaggi pubblicitarie che piovono sulla nostra vita tempo/lavoro che viene sempre pagata dalle nostre bollette per far abboccare a tutte le nuove promozioni/truffe che persino entrano in competizione finta tra loro alla faccia della trasparenza, siamo sempre noi che paghiamo queste persone che ci telefonano per spammare promozioni... attraverso le nostre belle bollette telefoniche. E cosa ha risolto il garante della privacy? fa aumentare i costi di tutto e alla fine la tua privacy se la comprano facendoti aderire a una promozione con clausola obbligatoria della privacy... dopotutto se vuoi la promozione entri nel circuito di chi accetta "comunicazioni commerciali", e siccome ormai sono tutte organizzate da terzi, ti fottono così e poi vendono a mille altri terzi i tuoi dati. MA DAI COME SI FA????Abbiamo raggiunto il culmine, dopo tutto sto giro:IO MI DOVREI SENTIRE LADRO PER SCARICARE FILE COPERTI DAL DIRITTO D'AUTORE??? MA FATEMI IL PIACERE, DICIAMO CHE PAGO GIA' IL DOPPIO O TRIPLO DI QUELLO CHE DOVREI, E NON E' COLPA MIA SE GLI AUTORI NON BECCANO SOLDI: SE I POLITICI DI TUTTO IL MONDO SON RIUSCITI A MANGIARE ANCHE I LORO SOLDI E' PERCHE' ANCHE LORO SI SON FATTI XXXXXXX, COME TUTTI NOI. (NON MI SEMBRANO POVERI COMUNQUE! MA RESTA DA REGOLAMENTARE COME RIDIVIDERE PROPORZIONALMENTE RISPETTO AI DOWNLOAD, SEMPRE CHE NON LO STIANO GIA' FACENDO..SOLO CHE ANCHE LORO HANNO DAVANTI ALTRI LADRI, LE MAJOR). TUTTI FOTTONO TUTTI, E VAI CON LA CRISI... AHAAH! CHI RIESCE A FARSI UNA MORALE DI TUTTO QUESTO? NEANCHE UN SANTO, INFATTI GIRANO CAMION DI DROGA CON DENTRO FRUTTA E DAVANTI AL VETRO PADRE PIO ICONATO... SIAMO ALLA FINE GENTE, SIAMO ALLA FINE DELLA CIVILTA' E DA UN BEL PEZZO. NESSUNO HA PIU' L'AUTORITA' PER FAR RAGIONARE UN MONDO DI PERSONE CHE VIVONO SAPENDO DI DOVER XXXXXXX QUALCUNO PER STAR AL MONDO... IN PRATICA SE NESSUNO REGOLAMENTA INTERNET PERCHE' FA COMODO COSI, LE REGOLE LE FA IL MERCATO E SARANNO SPIETATE COME LO E' IL MERCATO, COME LO E' LA NATURA CHE NON SI FA PROBLEMI NELLE CATENE ALIMENTARI. LO CAPITE O VIVETE IN UNA FAVOLA??
    • ilmondoemar cio scrive:
      Re: 70eur/bimestre x internet e siamo ladri?
      che bei tempi quando c'rano le videocassette e registravi i film direttamente dalla tv e tutto era legale .bei tempi quando i cd musicali/musicassette/dischi li compravi a 14/18.000 lire mentre ora partono da 20 . Si pagano le tasse sui supporti vergini per risarcire le major che guadagnano lo stesso miliardi di dollari anche con la pirateria di mezzo .I primi pirati/ladri ricordatevi che stanno nel parlamento italiano
  • Lionel Hutz scrive:
    Caro HoPersoTutto
    Viste come vanno o comunque sarebbero andate le cose tu il tuo bel negozietto l'avresti chiuso comunque. Magari più in là con gli anni ma l'avresti chiuso. In molti paesi si trovano film a noleggio on demand a 3euro, in Italia stanno iniziando ad arrivare; ma Sky offre già molti canali che proprongono film recenti e i cinema ridotto di molto i prezzi negli ultimi anni. Saresti riuscito comunque a competere con queste offerte ? O avresti denunciato tutti per concorrenza sleale.Io ti dirò la mia, poi sta a te capire perchè poi la gente può sembrare poco onesta.Quando non c'era napster.. e quando non c'erano i masterizzatori.. i cd musicali, i film etc costavano un occhio della testa.Mio padre è un appassionato di musica, stipendio da prof, e nell'ultimo periodo che mi ricordo arrivava a spendere 35000 lire a cd, ne prendeva almeno 3 a settimana. Oltre 400mila lire al mese per avere una dozzina di cd musicali. Mi ricordo che mia madre ad un certo punto voleva toglierli il bancomat. Beh.. sai che quando si iniziava a parlare di adsl mi ha anticipato dicendomi che dovevamo farla appena arrivava dalle nostre parti ? Come dargli torto?? E ti giuro che questo è un distinto signore, serio, discreto, di sani principi e che non ha mai rubato niente. Ma quando si sente preso per i fondelli anche lui può perdere le staffe.Io le fasi zero pirateria e pirateria incontrollata le ho viste tutte.Ho 30anni e purtroppo mi sono sentito anch'io preso talmente per il XXXX che ancora adesso faccio fatica a prendere qualcosa di originale. Ormai è diventata una questione di principio. Rovinerò anche il mondo secondo i tuoi parametri, ma se sono arrivato a pensarla così non è perchè ho perso il senno e voglio sentirmi anarchico; se le case discografiche o produttrici a suo tempo non avessero considerato le persone come polli da spennare di certo non ci troveremmo a queste situazioni, o almeno ci saremmo arrivati ma con più calma e con minor isteria generale. Ricordo che dopo l'avvento dei masterizzatori, napster e simili, prima di trovarsi un cd musicale a 10$ sono passati parecchi anni.Anche i governi hanno fatto la loro parte a suo tempo. Se ne sono sempre infischiati degli aumenti spropositati delle videocassette o dei cd. Anzi, di anno in anno aumentavano anche loro le tasse su questi supporti.Ora ci troviamo nella classica situazione dove un proverbio farebbe comodo: meglio prevenire che curare.I governi pensano a leggi anti democratiche per combattere la pirateria online. Le major sono ancora là che fanno causa a chi scarica mp3 e lamentano mancati introiti. Cantanti come XXXXXXX (introiti per 70milioni l'anno) perdono tempo a mettere online dei fake mp3 per registrare dei messaggi contro la pirateria musicale. Ma lo volete capire che questa non è la soluzione ? Che è contro-indicativo scontrarsi con quelle stesse persone che vi foraggiano ? 10 anni persi a dare dei ladri a chi scarica portando in tribunale anche nonne sessantenni per scarico abusivo di mp3.. Ma questi hanno mai cercato veramente una soluzione ? Concludendo: Caro HoPersoTutto, prenditela anche con loro, soprattutto con loro. Se con me non si fossero comportati così, manco mi sarei fatto un abbonamento flat..
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Caro HoPersoTutto
      Sono sostanzialmente d'accordo con il tuo discorso, ma ti vorrei correggere su due cose:1) dovresti scrivere "cara HOPERSOTUTTO", perchè credo che sia una donna (ha scritto "Quando ero ragazzina...")2) Non credo che abbia mai avuto "il suo bel negozietto", perchè dice di non essere un videonoleggiatore, ma un tecnico informatico.Almeno facciamole vedere che abbiamo letto il suo post, prima di risponderle.
    • Gatto 3d scrive:
      Re: Caro HoPersoTutto
      bel commento. condivido e confermo (stessa età, anzi io ne ho qualcuno di +)
  • Roberto Tassinari scrive:
    Che razza di diatriba!
    Abbiamo scritto di tutto e di più in risposta alle "disavventure" di tx.Ecco , mi dispiace per il poveretto che ha pensato di aprire una videoteca, ma ormai è un modello di business finito , come i lampionai e i venditori di ghiaccio.Inutile recriminare, non rimane altro che cercare un nuovo lavoro.Ormai è così facile scaricare dal punto di vista tecnico che le autorità non possono fare altro che colpire chi ha organizzato siti di indicizzazione.Ricordo cosa diceva Churchill:" se una persona fuma sotto il cartello vietato fumare viene multata,se dieci persone fumano sotto il cartello si fa finta di niente,se lo fanno in cento si toglie il cartello"La tecnologia va molto avanti rispetto alla legge e alla politica , sono presi da troppi problemi, in questo momento per pensarci seriamente..L'unica soluzione praticabile per dare qualche soldino all'industria dei contenuti sarebbe quella di fare pagare le connessioni dati , una tot al mese per essere tranquilli.Poi questi soldini verrebbero distribuiti dalla SIAE o simili ai legittimi detentori dei diritti.Come , monitorando gli scariconi , più download vengono fatti più soldini arrivano , con sistemi tipo auditel, per esempio.Che posto ha una videoteca in tutto questo , nessuno , purtroppo.Già bill gates anni fa, parlando della guerra tra SUper DVD e Blu ray diceva:"questa sarà l'ultima guerra di questo tipo"I dischi stanno sparendo , adesso si usano le chiavette e i dischi removibili , il futuro sarà , penso , il cloud, la nuvola , una specie di streaming senza limiti.Già adesso penso che sarebbe difficile dire ad un utente o a un giudice che si è commesso un reato per avere visto un film , senza averlo scaricato , su di un server che non è neanche in Italia.Magari si potrebbe fargli pagare un canone , quello si......
    • Roberto G scrive:
      Re: Che razza di diatriba!
      Non devi insegnare a noi come si evolve il mondo della multimedialità, molti di noi sono online con una buona offerta in streaming e in download, solo che noi paghiamo la siae, l'avente diritto e la banda, la persona per cui avete tanta pena non pagava nessuno, tranne la banda perchè non poteva farne a meno altrimenti non avrebbe pagato neanche quella. Il mondo va così, un furbo che ruba le cose degli altri e le condivide con ignari utenti che spesso non sanno nemmeno di commettere un reato, arricchendosi con le pubblicità, poi altri che investono tutto quello che hanno in un sistema legale e faticano perchè non possono regalare ciò che comprano. La cosa bella è che il furbo viene beccato e qualcono si dispiace anche... povera Italietta.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Che razza di diatriba!
        - Scritto da: Roberto G
        Non devi insegnare a noi come si evolve il mondo
        della multimedialità, molti di noi sono online
        con una buona offerta in streaming e in download,Un'offerta comunque scarsa, se confrontata con quella gratuita.
        solo che noi paghiamo la siaeAppunto per questo non vogliamo darvi soldi: finanzieremmo anche la siae. E non vogliamo farlo, perchè sono solo dei parassiti.
        , l'avente diritto eDiritto a cosa? A una rendita senza lavorare?
        la banda,Guarda che la banda la paghiamo anche noi, con i costi di connessione. Tutti la pagano.
        la persona per cui avete tanta pena non
        pagava nessuno, tranne la banda perchè non poteva
        farne a meno altrimenti non avrebbe pagato
        neanche quella.Ovvio, se la banda fosse stata disponibile in quantità illimitata non l'avrebbe pagata (come non la pagheresti tu); visto che è limitata, chi la usa la toglie agli altri, e deve dare qualcosa in cambio.Ma i film non sono limitati: se fai anche milioni di copie, non togli i film agli altri. Quindi non ha senso pagare per questo.
        Il mondo va così, un furbo che
        ruba le cose degli altri Ruba? No, di solito chi mette il film online per primo l'ha comprato, non rubato. Quindi, è suo, e ne fa cosa vuole.e le condivide con
        ignari utenti che spesso non sanno nemmeno di
        commettere un reatoInfatti non lo commettono. Che legge avrebbero violato?
        , arricchendosi con le
        pubblicità, poi altri che investono tutto quello
        che hanno in un sistema legaleSe investi in un sistema fallimentare l'errore è tuo. Se io investissi in una fabbrica di ghiaccio al polo nord, non credi che sarebbe colpa mia se ci rimetto?
        e faticano perchè
        non possono regalare ciò che comprano.Se non puoi regalarlo, non puoi nemmeno venderlo. E allora.... non comprarlo, che te ne fai?
        La cosa
        bella è che il furbo viene beccato e qualcono si
        dispiace anche...Certo: lui, a differenza di te, ci offriva un servizio utile.
  • HOPERSOTUTTO scrive:
    FATE SOLO DANNI
    Io darei un consiglio in questo senso anche se non sono un legale, da oggi in poi per ogni sito che chiudono per P2P illegale schieratevi come parte civile e chiedete i danni, provate ad informarvi, penso che la cosa sia fattibile.Poi vedrai come scappano, io immagino già tutta la gente che era iscritta su italinshare, tutti che stanno già cancellando gli hard disk, stanno imboscando i dvd masterizzati da un amico o parente. Visto che è tutto consentito, come dite voi, io vi do mio nome e cognome, e ci troviamo davanti al comando della finanza con i Vs pc pieni di file protetti da diritto d'autore... ci state?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: FATE SOLO DANNI
      contenuto non disponibile
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: FATE SOLO DANNI
      Ok: scrivi il tuo nome e cognome, allora.Altrimenti, avrai dimostrato di essere solo capace di chiacchierare da dietro una tastiera (che è esattamente quello che rimproveri a noi)
    • Lorelaj scrive:
      Re: FATE SOLO DANNI
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Io darei un consiglio in questo senso anche se
      non sono un legale, da oggi in poi per ogni sito
      che chiudono per P2P illegale schieratevi come
      parte civile e chiedete i danni, provate ad
      informarvi, penso che la cosa sia
      fattibile.

      Poi vedrai come scappano, io immagino già tutta
      la gente che era iscritta su italinshare, tutti
      che stanno già cancellando gli hard disk, stanno
      imboscando i dvd masterizzati da un amico o
      parente. Visto che è tutto consentito, come dite
      voi, io vi do mio nome e cognome, e ci troviamo
      davanti al comando della finanza con i Vs pc
      pieni di file protetti da diritto d'autore... ci
      state?Ma nemmeno per idea! Io non cancello un cavolo!! Ho la mia bella cineteca e guai a chi la tocca!! Grazie anche ad Italian...Truffo qualcuno?? Guadagno illegalmente??Magari la condivido e dov'è il reato?Non vedo lucro, non vedo truffe.Il reato è lo spaccio, anche di film pirata, ma ce ne sono a centinaia nelle vie che te li vendono a 5 euro e si vedono, spesso, anche male.Li cacciano, gli confiscano tutto e dopo qualche giorno li ritrovi nello stesso preciso punto a rivendere dvd.Allora???Chiedere donazioni è reato??Tutti i siti, compreso Wikipedia chiedono donazioni per poter andare avanti.Un server costa, mantenerlo veloce, costa ancora di più, se poi ci sono iscritte migliaia di persone non ne parliamo.Ci sono una marea di siti XXXXX, dove possono entratre anche ragazzini, quelli perchè non li chiudono?Motori di ricerca che danno indirizzi di tutti i tipi, quelli perchè non li chiudono?Aridatece ItalianShare, GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!
  • HOPERSOTUTTO scrive:
    Certo che siete duri di comprendonio
    Steven Confermi quello che ho appena scritto, vi attaccate agli specchi, e cmq anche se io fossi un videotacaro, che non sono, ma sono un tecnico informatico, quindi potrei reperire migliaia di file dalla rete, non lo faccio... forse non avete capito che è illegale.come è illegale spacciare, rubare, truffare etc...
    • Steven scrive:
      Re: Certo che siete duri di comprendonio
      Non ci credo assolutamente. Tu e l'altro tipo è evidente che avete o avete avuto le mani in pasta nel settore, non vi inalberereste così altrimenti, state solo difendendo i VOSTRI di interessi, i VOSTRI conti in banca, non di certo quelli della comunità. Io di Italianshare frequentavo solo la sezione per i film non doppiati in italiano, mi interessava semplicemente sapere quali film interessanti In ITALIA NON VEDREMO MAI, era informazione, cultura che nessun altro sito rendeva a disposizione, ma immagino che secondo voi anche volersi informare su ciò che accade al di fuori della pochezza della distribuzione italiana a è illegale, perchè se no i vostri ridicoli Blockbuster pieni di commessi ignoranti come capre chiudono. Ma che chiudano pure quei supermarket della mediocrità, chi se ne frega di loro e delle vostre videoteche da quattro soldi che comprano solo i titoli che si vendono di più e l'unica cultura che perseguono è quella del guadagno e della superficialità. Chi ama il cinema odia Blockbuster e tutto questo sottobosco di videoteche gestite da dilettanti che non sanno enahce che cos'è un pianosequenza. Voglio vedere se invece di Italianshare avessero chiuso un sito di scommesse se sareste venuti qui a piangere e ad invocare legalità. Italianshare era legalissimo, i banner servivano soltanto a pagare le spese del server, il lucro non c'è, tanto che io sono convinto che Tex vincerà la causa se si appellerà alla corte di giustizia europea visto che in Spagna siti come Italianshare sono considerati legali e la legislazione italiana è molto lacunosa in merito. - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Steven Confermi quello che ho appena scritto, vi
      attaccate agli specchi, e cmq anche se io fossi
      un videotacaro, che non sono, ma sono un tecnico
      informatico, quindi potrei reperire migliaia di
      file dalla rete, non lo faccio... forse non avete
      capito che è
      illegale.

      come è illegale spacciare, rubare, truffare etc...
      • HOPERSOTUTTO scrive:
        Re: Certo che siete duri di comprendonio
        Certo che così non ti smentisci... cioè se io sono uno che segue le regole sono un videotecaro fallito, mentre chi scarica illegalmente o offre questi servizi è un eroe, se chiudevano un sito di scommesse per illegalità avrebbero fatto bene. Io dico solo ci sono delle regole e vanno rispettate. Sei tu che pensi solo a te stesso, e vuoi pure l'angolino da poter fare quello che ti pare? Ma ti stai rendendo conto di quello che ti esce dalla bocca? Ora capisco xchè ogni volta che vado all'estero noi italiani siami trattati come paese del terzo mondo!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Certo che siete duri di comprendonio

          Io dico solo ci sono delle regole e vanno
          rispettate.Lo dicevano anche i nazisti per le leggi razziali.Lo dicevano anche nel medioevo per le leggi sulla schiavitù.
          Sei tu che pensi solo a te stesso, e
          vuoi pure l'angolino da poter fare quello che ti
          pare?E tu vuoi una rendita pagata da noi per vivere senza lavorare.
      • Roberto G scrive:
        Re: Certo che siete duri di comprendonio
        Già che citi la Spagna a rappresentare l'Europa, cita anche l'Hadopi francese e le nuove politiche tedesche dove scaricare è considerato al pari del furto???
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Certo che siete duri di comprendonio
          - Scritto da: Roberto G
          Già che citi la Spagna a rappresentare l'Europa,
          cita anche l'Hadopi francese Che si è rivelata completamente fallimentare.
      • arsenio scrive:
        Re: Certo che siete duri di comprendonio
        io dico solo poche parole "a certe persone dovrebbero impedire di scrivere XXXXXXX e rinchiuderli e l'italia e piena e si dimostra di continuo...
    • panda rossa scrive:
      Re: Certo che siete duri di comprendonio
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      ma sono un tecnico
      informatico,Un tecnico informatico che non sa come si usa un forum e continua ad aprire thread a capocchia?Guarda che fare le pulizie in una sala macchine non fa dell'inserviente un tecnico informatico...
      • krane scrive:
        Re: Certo che siete duri di comprendonio
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: HOPERSOTUTTO

        ma sono un tecnico

        informatico,
        Un tecnico informatico che non sa come si usa un
        forum e continua ad aprire thread a capocchia?E non dimenticare che non sa quotare.
        Guarda che fare le pulizie in una sala macchine
        non fa dell'inserviente un tecnico
        informatico...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Certo che siete duri di comprendonio
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Steven Confermi quello che ho appena scritto, vi
      attaccate agli specchi, e cmq anche se io fossi
      un videotacaro, che non sono, ma sono un tecnico
      informatico, quindi potrei reperire migliaia di
      file dalla rete, non lo faccio... Ti lamenti di aver perso tutto con investimenti sbagliati: ma se sei un tecnico, probabilmente sapevi da anni che era possibile reperire gratis tutti quei files... e allora perchè hai fatto tali investimenti?Quando sono stati inventati i frigoriferi, le fabbriche di ghiaccio hanno chiuso: e chi aveva investito tutti i suoi risparmi in tali fabbriche ha perso tutto (esattamente come dici di aver fatto tu).Però, se chi si era rovinato in quel modo faceva l'impiegato, o l'operaio, poteva essere giustificato: aveva rischiato e aveva avuto sfortuna; ma se faceva il riparatore frigoriferi (e quindi li conosceva bene), avrebbe dovuto sapere a cosa stava andando incontro.forse non avete
      capito che è
      illegale.

      come è illegale spacciare, rubare, truffare etc...
  • HOPERSOTUTTO scrive:
    NON HO PAROLE
    questo è il progresso e quindi le videoteche devono chiudere, facciamo chiudere anche le banche visto che ci sono le rapine... questo è il progresso?io dico ma dove volete vivevere, continuando a fare i furbi e arrampicarvi sugli specchi per motivare le vostre azioni?basta, girate un pò il mondo e capirete come funzionano le cose, sinceramente far crescere mia figlia in questo contesto mi fa veramente schifo.forse io ho dato ragione a google? ma certo che se non si condividono file protetti da diritti d'autore e non ci fossero i torrent anche google non servirebbe a nulla a quel punto, non servirebbe più scrivere "PIRATI DEI CARAIBI TORRENT" xchè se non esiste non lo trova. quindi siamo qui a parlare di danni alle famiglie, tra poco il blockbuster chiude per fallimento per colpa del vostro angolino (che pretendete), e sai quanti giovani nel mondo perdono il posto di lavoro, ma a voi che ve frega, basta far vedere il cartone al figlioletto, poi magari andate anche in piazza a protestare perchè per i giovani non c'è lavoro.visto che qualkuno mi ha chiesto nome e cognome, perchè non andate all'uffio della polizia postale e dite guardate io ho scaricato 1000 mp3, ho fatto bene vero? Prova a vedere cosa ti rispondono, ti fanno 103 euro di multa per ogni file.scaricare è un reato, quindi non si scarica, punto e basta. poi se vi piace vivere nell'illegalità affari vostri, se però vi arriva la finanza in casa e vi sequestrano i pc e vi fanno migliaia di euro di multa non piangete come bambini.BUON DOWNLOAD ILLEGALE
    • Steven scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      Questi sono tutti sfoghi di videotecari falliti. Hanno dovuto chiudere perchè han sbagliato l'investimento e vengon qui a piangere e a fare i poliziotti repressi. - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      questo è il progresso e quindi le videoteche
      devono chiudere, facciamo chiudere anche le
      banche visto che ci sono le rapine... questo è il
      progresso?

      io dico ma dove volete vivevere, continuando a
      fare i furbi e arrampicarvi sugli specchi per
      motivare le vostre
      azioni?

      basta, girate un pò il mondo e capirete come
      funzionano le cose, sinceramente far crescere mia
      figlia in questo contesto mi fa veramente
      schifo.

      forse io ho dato ragione a google? ma certo che
      se non si condividono file protetti da diritti
      d'autore e non ci fossero i torrent anche google
      non servirebbe a nulla a quel punto, non
      servirebbe più scrivere "PIRATI DEI CARAIBI
      TORRENT" xchè se non esiste non lo trova. quindi
      siamo qui a parlare di danni alle famiglie, tra
      poco il blockbuster chiude per fallimento per
      colpa del vostro angolino (che pretendete), e sai
      quanti giovani nel mondo perdono il posto di
      lavoro, ma a voi che ve frega, basta far vedere
      il cartone al figlioletto, poi magari andate
      anche in piazza a protestare perchè per i giovani
      non c'è
      lavoro.

      visto che qualkuno mi ha chiesto nome e cognome,
      perchè non andate all'uffio della polizia postale
      e dite guardate io ho scaricato 1000 mp3, ho
      fatto bene vero? Prova a vedere cosa ti
      rispondono, ti fanno 103 euro di multa per ogni
      file.

      scaricare è un reato, quindi non si scarica,
      punto e basta. poi se vi piace vivere
      nell'illegalità affari vostri, se però vi arriva
      la finanza in casa e vi sequestrano i pc e vi
      fanno migliaia di euro di multa non piangete come
      bambini.

      BUON DOWNLOAD ILLEGALE
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      contenuto non disponibile
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      questo è il progresso e quindi le videoteche
      devono chiudere, facciamo chiudere anche le
      banche visto che ci sono le rapine... questo è il
      progresso?Le banche sono utili, perchè offrono servizi che non si trovano altrove. Le videoteche non lo sono più.Se vuoi salvare le videoteche, fai pure: ma con i tuoi soldi, non con i miei. Non mi metto a darti dei soldi ogni volta che vedo un film per sostenere un servizio che non mi serve.

      io dico ma dove volete vivevere, continuando a
      fare i furbi e arrampicarvi sugli specchi per
      motivare le vostre
      azioni?

      basta, girate un pò il mondo e capirete come
      funzionano le cose,Lo vediamo come funzionano. Tu ti attacchi a un modello vecchio.
      sinceramente far crescere mia
      figlia in questo contesto mi fa veramente
      schifo.Portala altrove, allora. Magari sull'Isola che Non C'è.

      forse io ho dato ragione a google? ma certo che
      se non si condividono file protetti da diritti
      d'autore e non ci fossero i torrent anche google
      non servirebbe a nulla a quel punto, non
      servirebbe più scrivere "PIRATI DEI CARAIBI
      TORRENT" xchè se non esiste non lo trova.Sei rimasta indietro... adesso si cerca "PIRATI DEI CARAIBI MEGAVIDEO"
      quindi
      siamo qui a parlare di danni alle famiglie, tra
      poco il blockbuster chiude per fallimento per
      colpa del vostro angolino (che pretendete), e sai
      quanti giovani nel mondo perdono il posto di
      lavoro,Blockbuster chiude perchè non serve più.Pagherai tu lo stipendio ai giovani che perdono il lavoro, anche se fanno un lavoro che a te non serve? No? E allora, perchè pretendi che paghiamo noi?Essere pagati non è un diritto: vieni pagata da chi vuole che tu continui a lavorare; se a nessuno serve che tu continui, nessuno ti paga, perchè nessuno ha il dovere di darti un lavoro e pagarti.

      scaricare è un reato, quindi non si scarica,
      punto e basta.Non è un reato. Controlla la legge.
      poi se vi piace vivere
      nell'illegalità affari vostri, se però vi arriva
      la finanza in casa e vi sequestrano i pc e vi
      fanno migliaia di euro di multa non piangete come
      bambini.E se arriva un terremoto? La probabilità è la stessa.
      • Roberto scrive:
        Re: NON HO PAROLE
        Non ne sai molto vedo. Scaricare è un illecito amministrativo punibile con multe fino da 100 a 1000 a brano, è con questo criterio che l'innocente papà toscano si è visto portar via la casa (400 film su HD e circa 4000 brani musicali). Il problema è che per uno che scarica un altro deve immettere ed ecco il reato penale. I siti dove acquisti il tuo spazio e puoi mettere quel che vuoi e poi condividere con i tuoi amici (1 miliardo di amici, come tutti noi) se ne lavano le mani passando il reato penale a ignari utenti. Sono disgustato nel sentire che chi ruba è bravo e chi compra e rivende sia antico, preferisco chi ha il coraggio di dire le cose come stanno, scarico perchè non mi va di spendere soldi, spero che non mi becchino perchè so benissimo che di commettere un reato. In molti rubano in Italia, non preoccupatevi di sentirvi soli, ma solo questo siete, ladri.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: NON HO PAROLE
          - Scritto da: Roberto
          Non ne sai molto vedo. Scaricare è un illecito
          amministrativo punibile con multe fino da 100 a
          1000 a brano,Non per uso personale. E non se il file era già accessibile in streaming.Se non sei d'accordo, citami l'articolo di legge.
          è con questo criterio che
          l'innocente papà toscano si è visto portar via la
          casa (400 film su HD e circa 4000 brani
          musicali). Il problema è che per uno che scarica
          un altro deve immettere ed ecco il reato penale.Qui ti volevo: il reato è commesso dall' <b
          unico individuo che ha comprato l'originale e pagato qualcosa </b

          I siti dove acquisti il tuo spazio e puoi mettere
          quel che vuoi e poi condividere con i tuoi amici
          (1 miliardo di amici, come tutti noi) se ne
          lavano le mani passando il reato penale a ignari
          utenti.Che in alcuni casi non sono in italia e quindi non sono soggetti alla legge italiana.
          Sono disgustato nel sentire che chi ruba
          è bravo e chi compra e rivende sia antico,Chi condivide mi fornisce un servizio utile, quindi è bravo.Chi compra e rivende cosa offre? Cosa fa di utile? Nulla.
          preferisco chi ha il coraggio di dire le cose
          come stanno, scarico perchè non mi va di spendere
          soldiScarico perchè non mi va di dare soldi a chi ragiona come te.
          , spero che non mi becchino perchè so
          benissimo che di commettere un reato.Non è reato. Riguardati la legge.
          In molti
          rubano in Italia, non preoccupatevi di sentirvi
          soli, ma solo questo siete,
          ladri.No, non lo siamo. Nel testo della legge non compare da nessuna parte nè il termine "rubare", nè il termine "furto", nè il termine "ladro".In compenso, tu, chiamando ladro chi non lo è, hai commesso reato di calunnia (art. 368 c.p.). Quindi, per ora chi ha violato di sicuro la legge sei tu.
    • Ubunto scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      questo è il progresso e quindi le videoteche
      devono chiudere, facciamo chiudere anche le
      banche visto che ci sono le rapine... questo è il
      progresso?No, il progresso non riguarda l'illecito ma, in questo caso, lo strumento di distribuzione e la sua opportunità. Le videoteche non soffrono per colpa della pirateria, ma perché - a causa del progresso tecnologico - hanno perso la loro funzione nella società dei servizi.Questo accade sia a causa dei canali "premium" satellitari e digitali, sia perché l'offerta di intrattenimento *legale* oggi è diversa da quella degli anni '90 (esempio banale: quante "tempo libero" passa la gente su facebook, o sui MMORPG, o su siti, forum, chat di vario genere? Quante ore "in meno" davanti alla TV?)Stando al fattore "progresso", ma sarebbe più corretto chiamarlo attualità tecnologica, il dato più rilevante è che anche per la fruizione di films non è più necessario noleggiare un supporto fisico, basta la rete.Che questa fruizione sia "pirata" o legale è indifferente rispetto alla non necessità del mezzo "DVD". Prima del web di massa non era possibile vedere "on demand" a casa propria un film, se non attraverso il possesso di un supporto fisico. Oggi non è più così, e pirateria o no, in futuro continuerà ad esserlo. Il modello "noleggio fisico" è già morto e sepolto, quello virtuale può provarci, ma l'attività del piccolo commerciante verrà schiacciata dalla presenza dei players più grossi. Questo fatto è inevitabile, considerando che non ci possono essere videoteche virtuali "di quartiere" essendo la rete senza confini e distanze.Sbagli clamorosamente se associ le istanze "anti-pirateria" degli editori cinematografici e musicali con quelle di un videotecaro. Sbagli, se credi che i DRM vengano implementati per proteggere la distribuzione fisica ed i piccoli distributori. Hai già un esempio folgorante con iTunes, quanti negozi di musica hanno chiuso i battenti a causa degli iPod e di iTunes?Credi che ai detentori dei diritti dei brani presenti sullo store virtuale possa essere fregato qualcosa dei "piccoli negozi musicali di quartiere"?E pensi che faccia differenza per i films? Ma davvero credi che... Warner Bross, davanti alla possibilità di gestire DIRETTAMENTE di propri prodotti a costo copia ZERO, in un mercato GLOBALE, esercitando grazie ai DRM il controllo di ogni singola visione... si faccia scrupoli? Per le videoteche? Ma sei sicuro/a di aver capito tu come funzionano le cose nel mondo?Spero sia più chiaro perché la morte del noleggio fisico e del noleggio "in piccolo" sia già irreversibilmente scritta: chi indica nel "progresso" la causa del fallimento delle videoteche non sta parlando della pirateria, ma del mercato e degli strumenti che permettono la trasmissione dei contenuti direttamente nelle case e "su richiesta".
      basta, girate un pò il mondo e capirete come
      funzionano le cose, sinceramente far crescere mia
      figlia in questo contesto mi fa veramente
      schifo.Il mondo è brutto e cattivo, quello del mercato è pure XXXXXXXX sino al midollo. Gli stessi paladini del copyright e dei brevetti, se ti venisse voglia di fare una ricerca per la rete, scopriresti che spesso hanno le mani sporche di sangue umano, sangue che spargono nei paesi più poveri e disgraziati, violando i più sacri diritti civili ed umani. Ma qui finanziano la produzione di film pieni di buoni sentimenti e begli ideali. Qui propongono modelli buonisti, flaccidi ed ovattati. Qui promuovono immagini e comportamenti innaturali per gli individui, ma che fanno tanto somigliare quegli altrimenti puzzolenti, ribelli ed ormonali adolescenti a barboncini castrati e col pelo rasato dalla parrucchiera per cani. Sono questi i contesti che dovrebbero farti schifo.
      forse io ho dato ragione a google? ma certo che
      se non si condividono file protetti da diritti
      d'autore e non ci fossero i torrent anche google
      non servirebbe a nulla a quel punto, non
      servirebbe più scrivere "PIRATI DEI CARAIBI
      TORRENT" xchè se non esiste non lo trova. http://it.wikipedia.org/wiki/Film_di_maggiore_incasso_della_storia_del_cinemaE' il quinto film nella storia del cinema per incassi.1.066.179.725, unmiliardo.sessantaseimilioni.centosettantanovemila.settecentoventicinque dollari. Hai scelto un esempio infelice.
      scaricare è un reato, quindi non si scarica,
      punto e basta. poi se vi piace vivere
      nell'illegalità affari vostri, se però vi arriva
      la finanza in casa e vi sequestrano i pc e vi
      fanno migliaia di euro di multa non piangete come
      bambini. "Scaricare" o linkare non è distribuire materiale pirata, capisci che sono 3 azioni differenti? Comunque sia, in particolare scrivendo queste cose qui non cogli il punto, che non centra nulla con "ragazzini che scroccano i films gratis", ma che ormai sta assumendo un connotato politico e culturale in europa ed in italia: disconoscere il diritto di copia come diritto esclusivo ed eterno in quanto attività rapinatoria, speculativa e contraria all'utilità sociale.Spero che tu comprenda che tutto questo non è legato al bel discorso che fai sulle famiglie, i giovani, il lavoro, ma al dato di fatto che il costo copia è zero, quello di distribuzione sul web gli è prossimo, mentre i prezzi e le pretese sull'uso esclusivo delle opere sono abnormi, tutto grasso che cola per pochi già straricchi.
    • nelson scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      tra
      poco il blockbuster chiude per fallimento e meno male!era un posto di mer*a unltrasorvegliato (decine di videocamere) che quando entravi ti sembrava d'esser al grande fratello.Negli USA tra l'altro avevano pure introdotto la novità del pagamento tramite impronta digitale (pazzesco)bene, una sanguisuga multinazionale del ***** in meno !!
    • nelson scrive:
      Re: NON HO PAROLE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      questo è il progresso e quindi le videoteche
      devono chiudere, facciamo chiudere anche le
      banche visto che ci sono le rapine... questo è il
      progresso?Sìfacciamo chiudere le banche perchè le banche RAPINANO la gente. Ottima idea.quiz, domanda trabocchetto ( XD ) :è più criminale RAPINARE una banca o FONDARE una banca ?;-)
  • Steven scrive:
    Ridicolo
    Ma 'sto Roberto G per chi lavora, Blockbuster?
  • Lorelaj scrive:
    Le leggi Italiane?? Ma quali??
    Cavolo!!!! Anche Wikipedia ha lasciato un messaggio del fondatore che chiede aiuto in denaro e in prima pagina.Reato?? Non credo proprio.Le donazioni NON SONO OBBLIGATORIE, quindi dov'è il reato????Mi auguro che ItalianShare riapra al più presto, anche se ad altri siti, chissà come "legali", potrebbe dar fastidio.In bossa al lupo Tex.Ahhh! Io ero iscritta su Italian verranno anche a casa mia???? Per finire, la Rai, oltre a farci PAGARE un canone, ci propina pubblicità a tutto spiano, quindi intasca due volte, normale.
  • HOPERSOTUTTO scrive:
    MA COME RAGIONATE
    Tex Willer:"...insomma noi vogliamo il nostro angolino e non diamo fastidio a nessuno non siamo certi noi che non facciamo guadagnare gli artisti, domandate ad uno di loro come viene suddiviso il suo compenso, ma questo magari è un argomento che tratteremo nei prossimi giorni..."Non fai male a nessuno?????Ti voglio dare una notizia sul tuo piccolo angolino, ogni file video che si scarica attraverso il tuo sito produce circa 100,000 mila copie illegali (e sono stata molto scarsa), se ti fai un piccolo conto i tuoi 31.000 link forse ci puoi arrivare. Hai rovinato migliaia e migliaia di famiglie, ragazzi, imprese, mercato del lavoro e l'economia mondiale. Ti spiego anche il perchè visto che non ci arrivi da solo, ti faccio un esempio, quando ero più giovane, e sicuramente non navigavo nell'oro anzi tutt'altro, se volevo ascoltare i miei artisti preferiti, rinunciavo a svariate cose per poter mettere da parte quelle poche lire che avevo per comprare una musicassetta al mese (quando andava bene), ora tutti volete subito tutto e gratis. Non so che lavoro tu faccia, ma ti piacerebbe regalare i tuoi prodotti invece che farli pagare? Non penso che tu lo faccia, anche perchè altrimenti tuo figlio che poverino deve avere il suo pc personale e non può guardare il cartone animato, e tua moglie che ti difende tanto, non potrebbero ne mangiare ne vivere sotto un tetto. Quindi vedi di smetterla con queste cavolate, hai danneggiato il mercato. Ho letto solo un sacco di cavolate, pippo scarica perchè altrimenti non può portare il figlio al cinema, forse glielo ha prescritto il medico? Se pippo non ha la possibilità il figlio sta senza cartone animato. Lo sapete quante videoteche hanno chiuso al causa del P2P illegale (molte a conduzione famigliare, quindi quella famiglia oggi ha perso tutto, ha investito soldi in una impresa e tu li hai rubati, o quantomeno hai sicuramente contribuito)?... prova ad informarti. Lo sai quanta gente ha perso il lavoro per il tu angolino? La Sony italia è fallitala, molte case produttrici hanno dovuto chiudere i battenti lasciando senza lavoro di centinaia migliaia di giovani e non solo, e secondo paolo tu fai un favore alla società perchè il figlio non rischia di vedere un fake XXXXX?Paolo vattelo a comprare il cartone per tuo figlio e vedrai che non ci sarà un XXXXX, e se non te lo puoi permettere fagli vedere i simpson alla televisione, altrimenti penso che se tuo figlio non vede il cartone di certo non muore. Ma cosa volte insegnare ai vostri figli, che rubare è giusto? Bell'esempio, mi viene quasi da vomitare al pensiero. Quando ero ragazzina avrò visto biancaneve mille volte, avevo solo quello,Ora il sig. Tex Willer mi trova la solita scusa piagnucolante "Italina": se lo può fare Google lo posso fare anche io.Una sono una di quelle persone sopra citate che hanno perso tutto investendo sul mercato i miei risparmi, e ora mia figlia gira con i buchi nelle scarpe, però i vostri possono vedere i cartoni animati senza pericolo che sia un XXXXX.Spero davvero che i vostri figli in futuro non vogliano intraprendere le vostre attività criminali, vi ricordo che scaricare materiale protetto da diritto d'autore è un reato. Fatevi un esame di coscienza se ce l'avete, e non pensate solo ai vostri figli, ma pensate anche al mondo che vi circonda, è proprio per voi che l'Italia casca a pezzi.Tex Willer ora ti saluto ho già perso troppo tempo con persone come te, mi sa che domani vado a rubare una ferrai per mio marito visto che ne vuole una ma non me la posso permettere e già che ci sono vedo di XXXXXXX anche un cartone animato per mia figlia!!!Mory
    • mefisto scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Ti voglio dare una notizia sul tuo piccolo
      angolino, ogni file video che si scarica
      attraverso il tuo sito produce circa 100,000 mila
      copie illegali (e sono stata molto scarsa), se ti
      fai un piccolo conto i tuoi 31.000 link forse ci
      puoi arrivare. Questi dati precisi chi te li ha forniti? La SIAE?
      Hai rovinato migliaia e migliaia
      di famiglie, ragazzi, imprese, mercato del lavoro
      e l'economia mondiale. Addirittura: la crisi dell'economia mondiale è tutta colpa di Tex. Uauu!
      quando ero più giovane, e sicuramente
      non navigavo nell'oro anzi tutt'altro, se volevo
      ascoltare i miei artisti preferiti, rinunciavo a
      svariate cose per poter mettere da parte quelle
      poche lire che avevo per comprare una
      musicassetta al mese (quando andava bene)Ecco, appunto. Se non si hanno soldi per comprare si scarica... Se non si hanno soldi e non si può scaricare, molto probabilmente nemmeno si compra...
      Ora il sig. Tex Willer mi trova la solita scusa
      piagnucolante "Italina": se lo può fare Google lo
      posso fare anche
      io.Ok. Ma perché non te la prendi <u
      anche </u
      con Google?
      Una sono una di quelle persone sopra citate che
      hanno perso tutto investendo sul mercato i miei
      risparmi, e ora mia figlia gira con i buchi nelle
      scarpe, però i vostri possono vedere i cartoni
      animati senza pericolo che sia un
      XXXXX.Sul mercato di cosa? Della musica? Del video? Oppure pensi davvero che la crisi mondiale sia tutta colpa della pirateria?
      Spero davvero che i vostri figli in futuro non
      vogliano intraprendere le vostre attività
      criminali, vi ricordo che scaricare materiale
      protetto da diritto d'autore è un reato.
      Per ora sì. Quando toccherà ai nostri figli, vedremo...
      Fatevi un esame di coscienza se ce l'avete, e non
      pensate solo ai vostri figli, ma pensate anche al
      mondo che vi circonda, è proprio per voi che
      l'Italia casca a
      pezzi.Cavoli! E io che pensavo che fosse colpa dei politici corrotti... Che ingenuo...
      Tex Willer ora ti saluto ho già perso troppo
      tempo con persone come te, mi sa che domani vado
      a rubare una ferrai per mio marito visto che ne
      vuole una ma non me la posso permettere e già che
      ci sono vedo di XXXXXXX anche un cartone animato
      per mia
      figlia!!!Ah ah. E qui ti volevo... Stai equiparando lo scaricamento ad un furto. Sarà un reato ma non è un furto.Addirittura stai equiparando la condivisione di link ad un furto, quando ancora non si sa se questo sia illegale o meno...
      • Roberto G scrive:
        Re: MA COME RAGIONATE
        E' un furto a tutti gli effetti. Il fatto che la sottrazione non diminuisca la quantità del proprietario è del tutto insignificante. L'effetto Free-ryding, ne hai mai sentito parlare? Entrare nell'autobus senza pagare non sembra danneggiare l'impresa di trasporti, tanto l'autobus quel tragitto lo deve comunque fare... Forse ora hai le idee più chiare su cosa voglia dire appropriarsi di un bene o un servizio senza il consenso del legittimo proprietario. Se fossi cattivo potrei augurarti che il tuo lavoro venga offerto gratis in altre forme, ma spero che tu possa arrivare a capire il concetto senza che succeda davvero.
        • krane scrive:
          Re: MA COME RAGIONATE
          - Scritto da: Roberto G
          E' un furto a tutti gli effetti. Il fatto che la
          sottrazione non diminuisca la quantità del
          proprietario è del tutto insignificante.
          L'effetto Free-ryding, ne hai mai sentito
          parlare? Entrare nell'autobus senza pagare non
          sembra danneggiare l'impresa di trasporti, tanto
          l'autobus quel tragitto lo deve comunque fare...In effetti in diversi paesi si e' risolto facendo semplicemente lasciando utilizzare i mezzi pubblici gratuitamente, niente spese per i controlli, niente spese per la distribuzione dei biglietti, niente macchinette timbratrici da manutenere.
          Forse ora hai le idee più chiare su cosa voglia
          dire appropriarsi di un bene o un servizio senza
          il consenso del legittimo proprietario.Guarda che se parli del p2p il consenso di chi ha comprato il cd o il DVD c'e'.
          Se fossi cattivo potrei augurarti che il tuo
          lavoro venga offerto gratis in altre forme, ma
          spero che tu possa arrivare a capire il
          concetto senza che succeda davvero.I lavori si cambiamo se non servono piu' a nessuno, che c'e' di strano ? Ci siamo gia' liberati di maniscalchi, candelai, venditori di ghiaccio, si chiama evoluzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2011 12.10-----------------------------------------------------------
        • mefisto scrive:
          Re: MA COME RAGIONATE
          Chiamiamo le cose con il loro nome.Se io prendo la canzone di qualcuno e me ne approprio, eseguendola, incidendola e facendoci dei guadagni, è un furto (di proprietà intellettuale).Se io faccio copie di materiale protetto è una violazione della licenza con cui esso viene distribuito, ma tecnicamente non è un furto.Facendo questa copia danneggio il legittimo proprietario? Può darsi (non è detto, perché potrei comunque non comprare mai).È un reato? Sì, almeno per ora...Ci sono altri comportamenti che danneggiano più o meno indirettamente il prossimo e che comunque non sono reati.Questo è moralmente ripugnante? Può darsi...Personalmente sono anche disposto a pagare, per supportare un giovane artista emergente, comprando i suoi cd, ma una cosa ben diversa è pagare per ottenere una copia di un film o una canzone uscita 50 anni fa!
          • Roberto G scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            Puoi non essere d'accordo e questo è legittimo, diverso è non essere d'accordo e agire contro la legge e questo non è più legittimo. Immagina un teatro con posti vuoti che vengano occupati abusivamente da chi non vuole fare il biglietto. In teoria non danneggia gli altri spettatori (ognuno ha il suo posto) e non danneggia il proprietario (che comunque non aveva venduto quei posti). Ti sembra una soluzione ottimale? Credi che nessuno degli abusivi avrebbe comprato il biglietto se non avesse avuto l'opportunità di entrare a sbafo? Credi che i paganti non siano stimolati la prossima volta a non pagare, tanto hanno lo stesso spettacolo? Alla fine chiude il teatro e tutti, attori, registi, gestore del teatro, spettatori paganti e portoghesi, avranno perso una fetta di benessere...
          • panda rossa scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            - Scritto da: Roberto G
            Alla fine chiude il
            teatro e tutti, attori, registi, gestore del
            teatro, spettatori paganti e portoghesi, avranno
            perso una fetta di
            benessere...Sbagliato.Chi ritiene di aver perso qualcosa, quel qualcosa lo paga.Se nessuno ritiene di aver perso qualcosa, allora nessuno si lamentera'.I servizi esistono perche' a qualcuno servono (e quel qualcuno li paga).Se la gente ne puo' fare a meno, i servizi non hanno ragione di esistere.
          • Roberto G scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            Peccato che dimentichi il particolare che il pagamento sia facoltativo nel nostro caso... digita free riding e capirai di cosa parliamo. Il problema del free rider si verifica quando i singoli individui scelgono di non pagare il prezzo di un bene, scaricandolo su qualcun altro. Quando vi sono altre persone che desiderano consumare un bene pubblico, sa che potrà beneficiare ugualmente del bene, senza che sia costretto a pagare.
          • panda rossa scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            - Scritto da: Roberto G
            Peccato che dimentichi il particolare che il
            pagamento sia facoltativo nel nostro caso...
            digita free riding e capirai di cosa parliamo.Vogliamo parlare del last minute, invece?
            Il problema del free rider si verifica quando i
            singoli individui scelgono di non pagare il
            prezzo di un bene, scaricandolo su qualcun altro.In tal caso il bene, se non infinitamente replicabile, scomparira' dal mercato.Per esempio il ghiaccio.
            Quando vi sono altre persone che desiderano
            consumare un bene pubblico, sa che potrà
            beneficiare ugualmente del bene, senza che sia
            costretto a pagare.Non rigirare la frittata.Tu vuoi beneficiare di quel bene? Allora paghi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            E allora, i risultati possibili sono solo due:1) il bene pubblico resta comunque disponibile: questo significa che non serve pagare per conservarlo... e allora, chi voleva essere pagato ti sta solo spillando dei soldi, e va cacciato via2) il bene pubblico comincia a scarseggiare: in tal caso, chi ha pagato non lascerà più avvicinare chi non paga, e il problema si risolve.
          • nelson scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            - Scritto da: Roberto G
            Peccato che dimentichi il particolare che il
            pagamento sia facoltativo nel nostro caso...
            digita free riding e capirai di cosa parliamo.


            Il problema del free rider si verifica quando i
            singoli individui scelgono di non pagare il
            prezzo di un bene, scaricandolo su qualcun altro.
            Quando vi sono altre persone che desiderano
            consumare un bene pubblico, sa che potrà
            beneficiare ugualmente del bene, senza che sia
            costretto a
            pagare.ke fikata questo free riding !!! bella storia!m'hai incuriosito.ma come si fa?hai un link a una guida su internet per imparare a fare sto free riding?grazie in anticipo ;-)nelson
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: MA COME RAGIONATE
            - Scritto da: Roberto G
            Puoi non essere d'accordo e questo è legittimo,
            diverso è non essere d'accordo e agire contro la
            legge e questo non è più legittimo. Immagina un
            teatro con posti vuoti che vengano occupati
            abusivamente da chi non vuole fare il biglietto.
            In teoria non danneggia gli altri spettatori
            (ognuno ha il suo posto) e non danneggia il
            proprietario (che comunque non aveva venduto quei
            posti). Ti sembra una soluzione ottimale?Sì: meglio che mantenere quei posti vuoti.
            Credi
            che nessuno degli abusivi avrebbe comprato il
            biglietto se non avesse avuto l'opportunità di
            entrare a sbafo? Credi che i paganti non siano
            stimolati la prossima volta a non pagare, tanto
            hanno lo stesso spettacolo? Alla fine chiude il
            teatro e tutti, attori, registi, gestore del
            teatro, spettatori paganti e portoghesi, avranno
            perso una fetta di
            benessere...A quel punto, si pagherà di nuovo (perchè chi voleva gli spettacoli pagherà se vede che altrimenti gli spettacoli non ci sono più); al gestore del teatro non serve nemmeno mandare via i portoghesi: basta dire "lo spettacolo non inizia finchè tutti i presenti non avranno pagato il biglietto".Oppure, se nessuno è disposto a pagare comunque.... significa che lo spettacolo non interessava poi così tanto, e allora si chiude il teatro e siamo tutti contenti.
        • panda rossa scrive:
          Re: MA COME RAGIONATE
          - Scritto da: Roberto G
          E' un furto a tutti gli effetti. Il fatto che la
          sottrazione non diminuisca la quantità del
          proprietario è del tutto insignificante.In quale universita' hai detto di insegnare legge ed economia che mi e' sfuggito?
          L'effetto Free-ryding, ne hai mai sentito
          parlare? Entrare nell'autobus senza pagare non
          sembra danneggiare l'impresa di trasporti, tanto
          l'autobus quel tragitto lo deve comunque fare...http://www.corriere.it/esteri/11_novembre_15/treni-sydney_840db7ae-0f93-11e1-a19b-d568c0d63dd6.shtml
          Forse ora hai le idee più chiare su cosa voglia
          dire appropriarsi di un bene o un servizio senza
          il consenso del legittimo proprietario. Forse ora avrai le idee piu' chiare su cosa voglia dire ottimizzare le corse a vuoto dei trasporti.
          Se fossi
          cattivo potrei augurarti che il tuo lavoro venga
          offerto gratis in altre forme, Il mio lavoro viene gia' offerto gratis in altre forme.
          ma spero che tu
          possa arrivare a capire il concetto senza che
          succeda
          davvero.Invece la speranza che tu capisca di come qualcosa possa essere fornito sia gratis che a pagamento, e' decisamente vana.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: MA COME RAGIONATE
          - Scritto da: Roberto G
          E' un furto a tutti gli effetti.Non è furto, nè secondo la legge, nè secondo il vocabolario.
          Il fatto che la
          sottrazione non diminuisca la quantità del
          proprietario è del tutto insignificante.Falso, visto che rientra nella definizione stessa di furto.E inoltre... il proprietario è chi ha comprato il file, e lui lo mette a disposizione volontariamente, quindi nessuno lo prende contro la sua volontà.
          L'effetto Free-ryding, ne hai mai sentito
          parlare? Entrare nell'autobus senza pagare non
          sembra danneggiare l'impresa di trasporti, tanto
          l'autobus quel tragitto lo deve comunque fare...Ma togli un posto a qualcun altro.
    • Karuso scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Tex Willer ora ti saluto ho già perso troppo
      tempo con persone come te, mi sa che domani vado
      a rubare una ferrai per mio marito visto che ne
      vuole una ma non me la posso permettere e già che
      ci sono vedo di XXXXXXX anche un cartone animato
      per mia figlia!!!
      MoryMa perche' rubarla ? Ti faccio copiare la mia, basta che ti metti li' con lamiera e bulloni e ti fai la copia.Come per il cartone animato, che bisogno c'e' di rubare quando si puo' copiare ? E' cosi' volgave...
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      contenuto non disponibile
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: MA COME RAGIONATE

        Supponiamo che faccia così: detentori di diritti
        e tutto l'indotto non guadagnerebbero
        nulla.
        Per me va benissimo. Anzi anche chi se lo può
        permettere dovrebbe rinunciare alla visione (e
        soprattutto all'acquisto): in fondo mica glielo
        ha ordinato il medico (a parte le decine di anni
        di lavaggio del cervello di cui parlavo sopra,
        oh, sembra che abbiamo trovato il
        'medico').
        Verissimo. A noi il medico non ordina di fruire
        di contenuti... e allora rinunciamoci
        tutti.
        Quando il medico dirà ai produttori e a tutta la
        filiera di mangiare qualcosa perché stanno
        deperendo per la fame, costoro si mangeranno i
        film e le
        canzoni.
        Buon appetito.
        Bellissimo! Quoto.
    • spacevideo scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      Sono capitato quì giusto perchè la discussione è postata sul gruppo, naturalmente concordo con tutti voi, ma quì è come scrivere sulla sabbia per il semplice motivo che questi non hanno interesse a cambiare niente, anche se molti sanno di commettere un illecito e ne capiscono le conseguenze fintanto che non ci sarà la punizione (come alle elementari) non smetteranno mai di usare la loro ipocrita verità per mascherare a loro stessi quello che di fatto commettono (un furto).Quindi e proseguo poi sul gruppo portiamo avanti le iniziative in corso che stanno producendo risultati ogni giorno ....
      • panda rossa scrive:
        Re: MA COME RAGIONATE
        - Scritto da: spacevideo
        fintanto che non ci sarà la punizione
        (come alle elementari) non smetteranno mai di
        usare la loro ipocrita verità per mascherare a
        loro stessi quello che di fatto commettono (un
        furto).La punizione e' solo per voialtri piattole parassite, che avete la pretesa di continuare a nutrirvi di briciole di un pasto al quale siete mal tollerati.Voi non producete, non avete alcun diritto d'autore, avete solo svolto (male) un servizio che vi e' stato conXXXXX dalla tecnologia, e la medesima tecnologia oggi ve lo toglie, come il frigorifero ha tolto i venditori di ghiaccio.La vostra giusta punizione e' il FALLIMENTO, e non avete via di scampo.E il tuo fantasioso compare di merende che osa firmarsi HOPERSOTUTTO, se fosse vero che ha gia' perso tutto, come mai puo' ancora permettersi una connessione internet e tempo da perderci sopra?Uno che ha perso tutto non si collega su un forum tecnico, ma sta alla stazione col cappello per terra e un cartello in mano con scritto EX VIDEOTECARO FALLITO.
        Quindi e proseguo poi sul gruppo portiamo avanti
        le iniziative in corso che stanno producendo
        risultati ogni giorno
        ....I risultati prodotti ogni giorno sono il numero di saracinesche chiuse che non vengono riaperte.Pubblica quello. Tienici aggiornati.
      • krane scrive:
        Re: MA COME RAGIONATE
        - Scritto da: spacevideo
        Sono capitato quì giusto perchè la discussione è
        postata sul gruppo, Invece mi sarebbe piaciuto vederti in occasione dell'articolo su Google TV.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: MA COME RAGIONATE
        Non può esserci punizione.Il vostro lavoro, semplicemente, non ci serve più; perciò non vi paghiamo.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE

      Non fai male a nessuno?????
      Ti voglio dare una notizia sul tuo piccolo
      angolino, ogni file video che si scarica
      attraverso il tuo sito produce circa 100,000 mila
      copie illegali (e sono stata molto scarsa), se ti
      fai un piccolo conto i tuoi 31.000 link forse ci
      puoi arrivare. Hai rovinato migliaia e migliaia
      di famiglie, ragazzi, imprese, mercato del lavoro
      e l'economia mondiale.No: ha fornito a milioni di famiglie film gratis.Semplicemente, ha reso inutili alcuni lavori; e perciò nessuno paga più chi li faceva.
      Ti spiego anche il perchè
      visto che non ci arrivi da solo, ti faccio un
      esempio, quando ero più giovane, e sicuramente
      non navigavo nell'oro anzi tutt'altro, se volevo
      ascoltare i miei artisti preferiti, rinunciavo a
      svariate cose per poter mettere da parte quelle
      poche lire che avevo per comprare una
      musicassetta al mese (quando andava bene), ora
      tutti volete subito tutto e gratis.Vero: e perchè dovremmo rinunciarci? Una volta, chi voleva l'acqua doveva andare a prenderla al pozzo, e spesso rinunciava a lavarsi nei mesi freddi; ora noi possiamo avere l'acqua calda in casa; dovremmo rinunciarci solo perchè una volta non si poteva?
      Non so che
      lavoro tu faccia, ma ti piacerebbe regalare i
      tuoi prodotti invece che farli pagare?Se nessuno li compra più, o li regali o li butti via. Comunque, non sei tu a regalarli: è chi li ha comprati da te che regala le copie.
      Non penso
      che tu lo faccia, anche perchè altrimenti tuo
      figlio che poverino deve avere il suo pc
      personale e non può guardare il cartone animato,
      e tua moglie che ti difende tanto, non potrebbero
      ne mangiare ne vivere sotto un tetto. Quindi vedi
      di smetterla con queste cavolate, hai danneggiato
      il mercato.Certo: come chi ha comprato un frigorifero ha danneggiato il mercato del ghiaccio.Non dimenticarti che il mercato gira a spese nostre: e se non ci serve più (perchè non abbiamo più bisogno di comprare ciò che possiamo scaricare), perchè dovremmo tutelarlo? Lo facciamo sparire, così non dovremo più pagare per tenerlo in funzione.
      Ho letto solo un sacco di cavolate,O forse le hai scritte?
      pippo scarica perchè altrimenti non può portare
      il figlio al cinema, forse glielo ha prescritto
      il medico? Se pippo non ha la possibilità il
      figlio sta senza cartone animato. Perchè? Per far piacere a te?Piuttosto, se a nessuno serve che tu continui a lavorare (perchè a fare delle copie sono capaci tutti), tu stai senza <b
      cibo </b

      Lo sapete
      quante videoteche hanno chiuso al causa del P2P
      illegale (molte a conduzione famigliare, quindi
      quella famiglia oggi ha perso tutto, ha investito
      soldi in una impresa e tu li hai rubati, o
      quantomeno hai sicuramente contribuito)?... prova
      ad informarti.Lo sappiamo. Del resto, è giusto: le videoteche non ci servono più; ne possiamo fare a meno. Quindi, perchè pagare per tenerle in funzione? Chiudiamole e riutilizziamo lo spazio per fare altro.
      Lo sai quanta gente ha perso il
      lavoro per il tu angolino? La Sony italia è
      fallitalaSe lo meritava, dopo le XXXXXte che hanno fatto con i rootkit. Lo scopo è far fallire proprio la casa madre.
      , molte case produttrici hanno dovuto
      chiudere i battenti lasciando senza lavoro di
      centinaia migliaia di giovaniE allora? Vuoi forse pagare tu lo stipendio a tutti loro? No? E allora perchè ti aspetti che lo faccia io?
      e non solo, e
      secondo paolo tu fai un favore alla società
      perchè il figlio non rischia di vedere un fake
      XXXXX?Quando lo scarichi, basta dare una scorsa al file scaricato per vedere che cos'è prima di darlo a un bambino.
      Paolo vattelo a comprare il cartone per tuo
      figlio e vedrai che non ci sarà un XXXXXCerto: potrei pagare qualcuno per controllare che il cartone sia effettivamente quello giusto.... ma non lo faccio, perchè è un lavoro che posso benissimo fare da solo.
      , e se
      non te lo puoi permettere fagli vedere i simpson
      alla televisione, altrimenti penso che se tuo
      figlio non vede il cartone di certo non muore.Vero: perciò, se il produttore del cartone fallisce e non produce più, mio figlio non muore. Quindi, finchè il cartone c'è glielo faccio vedere.

      Ma cosa volte insegnare ai vostri figli, che
      rubare è giusto?No: gli insegnamo che scaricare non è rubare. E che chi sostiene il contrario è un bugiardo, e non va ascoltato.
      Bell'esempio, mi viene quasi da
      vomitare al pensiero. Quando ero ragazzina avrò
      visto biancaneve mille volte, avevo solo
      quello,Bella infanzia hai avuto! E vorresti infliggere la stessa cosa agli altri, solo per ripicca?
      Ora il sig. Tex Willer mi trova la solita scusa
      piagnucolante "Italina": se lo può fare Google lo
      posso fare anche
      io.
      Una sono una di quelle persone sopra citate che
      hanno perso tutto investendo sul mercato i miei
      risparmi,Se hai sbagliato le tue speculazioni non dare la colpa a noi. Oltre tutto, se sei nel settore, avresti dovuto capirlo da sola.
      e ora mia figlia gira con i buchi nelle
      scarpe, però i vostri possono vedere i cartoni
      animati senza pericolo che sia un
      XXXXX.Anche tua figlia può, se è per questo. Sei solo tu che glielo impedisci.
      Spero davvero che i vostri figli in futuro non
      vogliano intraprendere le vostre attività
      criminali, vi ricordo che scaricare materiale
      protetto da diritto d'autore è un reato.No, non lo è. Controlla il testo della legge.

      Fatevi un esame di coscienza se ce l'avete, e non
      pensate solo ai vostri figli, ma pensate anche al
      mondo che vi circonda, è proprio per voi che
      l'Italia casca a
      pezzi.No: l'italia casca a pezzi per colpa di chi viene pagato per fare lavori che non servono. E noi non intendiamo più pagare per questo.
      Tex Willer ora ti saluto ho già perso troppo
      tempo con persone come te, mi sa che domani vado
      a rubare una ferrai per mio marito visto che ne
      vuole una ma non me la posso permettere e già che
      ci sono vedo di XXXXXXX anche un cartone animato
      per mia
      figlia!!!
      MorySe sei capace di procurarti una copia della mia ferrari senza toglierla a me, puoi farlo. Hai un replicatore?Se togli la ferrari a me, ti becchi una denuncia per furto.
    • nelson scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      ogni file video che si scarica
      attraverso il tuo sito produce circa 100,000 mila
      copie illegali wooowva che stoooria!!coosmicoo!!
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: MA COME RAGIONATE
      - Scritto da: HOPERSOTUTTO
      Hai rovinato migliaia e migliaia
      di famiglie, ragazzi, imprese, mercato del lavoro
      e l'economia mondiale.Quando inventarono le lampadine, i candelai e quelli che fabbricavano la cera (che poi in realtà non la fabbricavano affatto, sfruttavano quella che facevano le api) andarono su tutte le furie, molti chiusero, qualcuno decise di seguire il nuovo corso e iniziò a vendere lampadine, qualcun altro invece decise di fare l'integralista, dicevano che la luce della candela era migliore perché non era una magia del diavolo a differenza della luce elettrica. Qualcuno gli ricordò che con le candele c'erano molti più incendi che coi cortocircuiti della corrente elettrica, ma loro continuavano a sostenere che le candele erano meglio. All'inizio qualche nostalgico ancora gli dava retta, poi man mano sempre più gente si fecero beffe di loro e finirono per passare davanti alla loro bottega di candelai agitando le lampadine appena comprate, che duravano molto più delle loro candele e facevano più luce, e sbeffeggiandoli perché antichi e incapaci di piegarsi al progresso.Quando le major decisero di passare dalla VHS al DVD, non si resero conto che avevano messo la lapide su tutto quanto era possibile col supporto fisico. Era solo questione di tempo prima che la banda larga e i sistemi di compressione permettessero un invio e ricezione in tempi brevi di intere filmografie, esattamente come era già accaduto per la musica (ma le major sono stupide).Agita pure i tuoi cerchi di plastica, noi non sappiamo che farcene. Oggi, nel 2012, la sola IDEA di DOVERE USCIRE DI CASA E RIENTRARE per vedere un film sullo schermo di casa è INCONCEPIBILE.Non lo hai capito (altrimenti avresti già chiuso), non lo capisci e non lo capirai finché non sarai con così tanti debiti da essere costretta a svendere sottocosto pur di racimolare qualcosa.A quel punto, al tuo posto aprirà qualcuno che vende BENI NON REPLICABILI, e tutti saranno contenti.Ti lamenti tanto oggi perché si copiano i NUMERI, ma quando ci saranno i REPLICATORI DI MATERIA ti rendi conto che chiuderanno il 95% delle attività??? Cosa diranno allora??? Dovremmo continuare a pagare il fruttivendolo, il lattaio, il panettiere, il macellaio e il pescivendolo e non usare i replicatori di materia o non scaricarci un piatto già pronto da internet solo per impedire a loro di chiudere???
  • Pippo scrive:
    Per mio figlio
    Salve, sono un operaio e ho uno stipendio molto basso. Mia moglie e' disoccupata e mio figlio fa la seconda elementare. Io non posso permettermi di portare mio figlio al cinema perché costa veramente tanto(un anno fa ci siamo stati e ho speso circa 50 euro, questo e rubare). Io penso che se scarico un cartone animato per farlo vedere a mio figlio( di solito lo guardiamo su un portatile vecchi ormai di 10 anni) tolgo pochi soldino a chi ne ha veramente tanti.
    • giovanni visconti scrive:
      Re: Per mio figlio
      - Scritto da: Pippo
      Salve, sono un operaio e ho uno stipendio molto
      basso. Mia moglie e' disoccupata e mio figlio fa
      la seconda elementare. Io non posso permettermi
      di portare mio figlio al cinema perché costa
      veramente tanto(un anno fa ci siamo stati e ho
      speso circa 50 euro, questo e rubare). Io penso
      che se scarico un cartone animato per farlo
      vedere a mio figlio( di solito lo guardiamo su un
      portatile vecchi ormai di 10 anni) tolgo pochi
      soldino a chi ne ha veramente
      tanti.Sono pienamente d'accordo con te, ma non ti preoccupare che tanto ne fermeranno 1/2/100 ma ne nasceranno il doppio......
      • Roberto G scrive:
        Re: Per mio figlio
        Esistono cartoni animati GRATIS in televisione, esistono biblioteche che offrono in prestito gratuito i film, esistono videoteche dove puoi noleggiare un film a 2 euro, esiste youtube dove puoi vederlo gratis. Il tuo è solo un tentativo puerile di cercare giustificazioni ad un comportamento illecito che non è un esempio per tuo figlio (non posso comprarlo ma papà lo ruberà per te). Il problema è che tu vuoi l'ultimo cartone animato appena uscito al cinema, vuoi farci credere che non puoi spendere 3 per comprare un cartone animato alle bancarelle e in più vuoi far credere al mondo che non prendi i film per te appena usciti in sala, prendi solo i cartoni per il piccolo. Tuo figlio crescerebbe meglio se capisse cosa è possibile fare e cosa non lo sia e non conosco persone con la personalità turbata per non avere avuto tutti i cartoni animati da piccolo. Mi dispiace per la tua condizione economica ma non mascherarti dietro a questo per fare la cosa sbagliata, pensa che anche per colpa tua altri si trovano in condizioni peggiori. Sony-Warner-Paramount hanno chiuso i reparti home entertainment, oltre 3000 videonoleggi chiusi negli ultimi 5 anni, a dicembre chiude Blocbuster e manda a casa 920 giovani... volete che vada avanti? Meditate...
        • panda rossa scrive:
          Re: Per mio figlio
          - Scritto da: Roberto G
          Esistono cartoni animati GRATIS in televisione,
          esistono biblioteche che offrono in prestito
          gratuito i film, esistono videoteche dove puoi
          noleggiare un film a 2 euro, esiste youtube dove
          puoi vederlo gratis.E quindi di che ti lamenti?
          Il tuo è solo un tentativo
          puerile di cercare giustificazioni ad un
          comportamento illecito che non è un esempio per
          tuo figlio (non posso comprarlo ma papà lo ruberà
          per te). IL TUO E' SOLO UN TENTATIVO PUERILE DI CERCARE DI FAR CREDERE CHE LA COPIA EQUIVALGA AD UN FURTO.Assicurati contro il furto e non venire a raccontar balle qua dentro!
          Il problema è che tu vuoi l'ultimo
          cartone animato appena uscito al cinema, vuoi
          farci credere che non puoi spendere 3 per
          comprare un cartone animato alle bancarelle Dimmi tu in quale bancarella vendono per 3 euro La Sirenetta Disney (tanto per citare un titolo a caso)Trovami un posto dove la vendono per quella cifra o anche di piu', oppure vatti a nascondere sotto il bancone!
          e in
          più vuoi far credere al mondo che non prendi i
          film per te appena usciti in sala, prendi solo i
          cartoni per il piccolo. Certo. I film appena usciti sono tutti in screener.Bisogna aspettare il dvdrip.
          Tuo figlio crescerebbe
          meglio se capisse cosa è possibile fare e cosa
          non lo sia e non conosco persone con la
          personalità turbata per non avere avuto tutti i
          cartoni animati da piccolo. I tuoi figli non corrono certo questo rischio visto che se li saranno visti tutti a sbafo dalla tua videoteca come i peggiori pirati che tu tanto detesti.
          Mi dispiace per la
          tua condizione economica A me invece della tua non dispiace neanche un po': fallirai e ti stara' solo bene.
          ma non mascherarti
          dietro a questo per fare la cosa sbagliata, pensa
          che anche per colpa tua altri si trovano in
          condizioni peggiori. Si certo. La colpa della crisi mondiale e' di un povero precario che non noleggia i dvd.
          Sony-Warner-Paramount hanno
          chiuso i reparti home entertainment,Bene!
          oltre 3000 videonoleggi chiusi negli ultimi 5 anni, 3001! Dimentichi di contare te stesso.
          a
          dicembre chiude Blocbuster e manda a casa 920
          giovani... quei giovani verranno immediatamente reimpiegati per portare le pizze a domicilio che rimpiazzeranno i locali lasciati vuoti dal BB.
          volete che vada avanti?No, vogliamo che tu chiuda!
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Per mio figlio
          - Scritto da: Roberto G
          Esistono cartoni animati GRATIS in televisione,
          esistono biblioteche che offrono in prestito
          gratuito i filmOk: allora fai conto che internet sia una biblioteca, e smettila di lamentarti.
          , esistono videoteche dove puoi
          noleggiare un film a 2 euro, esiste youtube dove
          puoi vederlo gratis.Infatti io uso youtube per la musica, e magavideo (equivalente) per i film.Poi mi conservo i files, se mi piacciono (non c'è differenza tra lo streaming e i download, in entrambi i casi il file viene trasferito sul computer)
          Sony-Warner-Paramount hanno
          chiuso i reparti home entertainmentQuesto era il nostro scopo: Sony va punita per ciò che ha fatto con i rootkit. Se l'abbiamo danneggiata ne siamo felici.
          , oltre 3000
          videonoleggi chiusi negli ultimi 5 anniNon servono più, quindi noi non paghiamo per tenerli aperti. Se a te servono, paga tu lo stipendio a chi ci lavora.
          a dicembre chiude Blocbuster e manda a casa 920
          giovani... Anche qui.... vuoi pagare tu lo stipendio a questi 920? No? E allora non chiedere a noi di pagarlo.
          volete che vada avanti?Accomodati.
          Meditate...Già fatto.
    • panda rossa scrive:
      Re: Per mio figlio
      - Scritto da: Pippo
      Salve, sono un operaio e ho uno stipendio molto
      basso. Mia moglie e' disoccupata e mio figlio fa
      la seconda elementare. Io non posso permettermi
      di portare mio figlio al cinema perché costa
      veramente tanto(un anno fa ci siamo stati e ho
      speso circa 50 euro, questo e rubare). Io penso
      che se scarico un cartone animato per farlo
      vedere a mio figlio( di solito lo guardiamo su un
      portatile vecchi ormai di 10 anni) tolgo pochi
      soldino a chi ne ha veramente
      tanti.Tu sbagli a ragionare cosi': stai ragionando come loro vorrebbero farti ragionare.Tu sei stato al cinema e avete speso 50 euro mica per il film, ma per il servizio che il cinema offre: grande schermo, dolby surround, poltrone comode... magari il 3D... l'esperienza del cinema insomma.Il video che hanno proiettato e' ininfluente: tanto si paga lo stesso prezzo a prescindere dal film. Perche' non e' il film che paghi, ma il servizio che il cinema offre.Non puoi permetterti quel servizio? Hai la nostra comprensione: c'e' la crisi, ci sono le bollette da pagare e il cinema e' una spesa superflua.Ma il film non e' giusto che tu te ne privi, perche' quel film lo hanno prodotto per la visione al cinema, non certo per quella domestica.Non gliene frega proprio niente al produttore degli incassi della visione domestica.Quindi perche' ti fai degli scrupoli? Perche' vuoi privare tuo figlio di un accrescimento culturale?Solo perche' qualche magna magna vuole farti credere che la copia e' come un furto?Digli di assicurarsi contro il furto se teme di essere derubato, e guardati tutti i film che vuoi a casa tua.
  • Luca scrive:
    Mi dispiace
    Tex mi dispiace veramente moltissimo per le invasioni e gli inconveniente che hai dovuto sopportare, alla fine è vero non hai ucciso ne violentato nessuno e sinceramente come dici tu preferisco un sito come il tuo che una ricerca su google per poi finire nell'ennesimo sito a pagamento che mi permette di avere un file che può essere un pornazzo o un fake..spero che l'italia finisca presto di fare i suoi profitti e pensi ai suoi figli ( italiani ) e come da buona mamma dia leggi chiare e precise e non milioni di parole scritte come da un bambino di 2° elementare.in gamba per il futuro ti auguro che tutto si sitemi al più presto ;)
    • Roberto G scrive:
      Re: Mi dispiace
      Nel senso che fai il tifo per chi lucra sul lavoro degli altri chiamandolo "condivisione". Diversi autori di opere hanno deciso di donarle alla comunità divulgandole gratuitamete in rete. C'è una sottile differenza, loro ne erano AUTORI. Possiamo condividere o donare ciò che è nostro, non certo il lavoro fatto di impegno e dedizione di altri. Iniziate con il donare il vostro lavoro, qualsiasi esso sia, solo così la ragione passa a voi.
      • krane scrive:
        Re: Mi dispiace
        - Scritto da: Roberto G
        Nel senso che fai il tifo per chi lucra sul
        lavoro degli altri chiamandolo "condivisione".
        Diversi autori di opere hanno deciso di donarle
        alla comunità divulgandole gratuitamete in rete.
        C'è una sottile differenza, loro ne erano AUTORI.
        Possiamo condividere o donare ciò che è nostro,
        non certo il lavoro fatto di impegno e dedizione
        di altri. Iniziate con il donare il vostro
        lavoro, qualsiasi esso sia, solo così la ragione
        passa a voi.Se compro una cosa diventa mia, quindi la dono, la copio, la regalo, mi ci pulisco quello che voglio.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2011 10.35-----------------------------------------------------------
        • Roberto G scrive:
          Re: Mi dispiace
          Purtroppo parli così perchè sei ignorante, in quanto ignori cosa realmente hai comprato. Tu non compri l'opera, hai comprato un disco o un dvd e hai la licenza d'uso per quell'opera. Il contenitore è tuo, non il contenuto, quindi se sei veramente generoso come dici, dona la tua copia regolarmente acquistata e sarai nel giusto, donare una riproduzione è donare qualcosa che non ti appartiene.
          • krane scrive:
            Re: Mi dispiace
            - Scritto da: Roberto G
            Purtroppo parli così perchè sei ignorante, in
            quanto ignori cosa realmente hai comprato. Tu
            non compri l'opera, hai comprato un disco o
            un dvd e hai la licenza d'uso per
            quell'opera. E perche' a me dovrebbe interessare acquistare una licenza ? Non la acquisto semplicemente o al massimo in cambio te la pago con la licenza d'uso della copia dei miei soldi, in cui specifico che non sono responsabile se non te li accettano e li puoi spendere solo in medicine o purganti.
            Il contenitore è tuo, non il contenuto, quindi
            se sei veramente generoso come dici, dona la
            tua copia regolarmente acquistata e sarai nel
            giusto, donare una riproduzione è donare
            qualcosa che non ti appartiene.Siamo nel 20' secolo, la riproduzione del contenuto e' tranquillamente consentito dalla tecnologia, se vuoi creare barriere in modo che le cose funzionino peggio a me non interessa. Se la cosa non piace a chi produce che non produca, mica gliel'ha detto il dottore, puo' trovarsi un altro lavoro.
          • Roberto G scrive:
            Re: Mi dispiace
            Che la tecnologia lo consenta non ho dubbi, esiste anche anche la tutela del l'ingegno e la legge, particolari non del tutto trascurabili. La tecnologia consente anche clonare carte di credito...
          • krane scrive:
            Re: Mi dispiace
            - Scritto da: Roberto G
            Che la tecnologia lo consenta non ho dubbi,
            esiste anche anche la tutela del l'ingegno e la
            legge, particolari non del tutto trascurabili.Purtroppo la velocita' a cui si modernizzano le leggi non e' la stessa a cui avanza la tecnologia, altrimenti avremmo gia' risolto il problema, attendiamo si adeguino ed eventualmente facciamo qualcosa in tal senso.
            La tecnologia consente anche clonare
            carte di credito...Tutto quello che e' costruito dall'uomo si puo' ricostruire del resto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Mi dispiace
            - Scritto da: krane
            Siamo nel <s
            20' </s
            <b
            XXI </b
            secolo, Fixed. 8)
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Mi dispiace
            - Scritto da: Roberto G
            Purtroppo parli così perchè sei ignorante, in
            quanto ignori cosa realmente hai comprato. Tu non
            compri l'opera, hai comprato un disco o un dvd e
            hai la licenza d'uso per quell'opera.Allora, tu stai vendendo una merce diversa da quella che io voglio, perchè io voglio il film, non una licenza.Quindi, io vado dove trovo il film, non vengo da te. La colpa è tua, se hai il negozio vuoto, perchè vendi una merce che nessuno vuole, e che i pochi che comprano scelgono per sbaglio, solo perchè ignorano cosa realmente hanno comprato.Prova a dire ai tuoi clienti cosa stanno comprando... vediamo se comprano ancora.
            Il
            contenitore è tuo, non il contenuto, quindi se
            sei veramente generoso come dici, dona la tua
            copia regolarmente acquistata e sarai nel giusto,E perchè mai dovrebbe privarsene lui? Solo per far piacere a te?
            donare una riproduzione è donare qualcosa che non
            ti
            appartiene.Se la riproduzione è stata fatta da lui, gli appartiene eccome.
      • panda rossa scrive:
        Re: Mi dispiace
        - Scritto da: Roberto G
        Iniziate con il donare il vostro
        lavoro, qualsiasi esso sia, solo così la ragione
        passa a
        voi.Gia' fatto.Il mio lavoro e' disponibile su soruceforge.Persino il mio sangue e' disponibile presso gli ospedali, e non ti auguro di averne bisogno solo perche' c'e' gente che ne ha bisogno veramente!
  • lombardi giulio scrive:
    Fisco
    Ciao a tutti, secondo me è solo questione di tasse, un po' come la droga, se fosse tassata pensate quanti soldi andrebbero allo Stato, Goggle e tanti altri lo fanno, ecco perche' per loro è tutto Legale......
  • ztt scrive:
    10-100-1000-italianshare...
    MA IN PARLAMENTO LA FINANZA NON CI VA MAI? BUFFONI
  • Arco scrive:
    Economie di scala....
    1Economie di scala.... ArcoSono passati molti anni che lessi su punto-informatico questa interessante (credo io) veritiera teoria... La pirateria serve a far spendere soldi a chi non li ha.... in che modo?C'è un tipo di consumatore che ha la disponibilità finanziaria di andare al cinema tutte le volte che vuole, fà l'abbonamento a sky, si compra i CD musicali originali o acquista su itunes gli mp3....acquista ipod, Ecc. ecc.Poi c'e' un altro tipo di consumatore che non ha disponibilita', al cinema ci va al massimo 2 o 3 volte l'anno (forse esagero). Gli i-pod non li comprerebbe perchè' se non puoi scaricare GRATIS cosa ci metti dentro le foto? non avrebbe l'abbonamento ad internet flat... Non spenderebbe soldi per CD,DVD, Blu-Ray, HD Esterni...per archiviare. Non comprerebbero PC nuovi con schede grafiche super... quanti giochi ti puoi comprare l'anno? La pirateria conviene e ci guadagnano in tanti.... Ciao
    • James Tiberius Kirk scrive:
      Re: Economie di scala....
      - Scritto da: Arco

      La pirateria conviene e ci guadagnano in
      tanti....
      Questa è una sacrosanta VERITA' :@
    • Roberto G scrive:
      Re: Economie di scala....
      - Scritto da: Arco
      1Economie di scala.... Arco
      Sono passati molti anni che lessi su
      punto-informatico questa interessante (credo io)
      veritiera teoria...


      La pirateria serve a far spendere soldi a chi non
      li ha.... in che
      modo?

      C'è un tipo di consumatore che ha la
      disponibilità finanziaria di andare al cinema
      tutte le volte che vuole, fà l'abbonamento a sky,
      si compra i CD musicali originali o acquista su
      itunes gli mp3....acquista ipod, Ecc.
      ecc.

      Poi c'e' un altro tipo di consumatore che non ha
      disponibilita', al cinema ci va al massimo 2 o 3
      volte l'anno (forse esagero). Gli i-pod non li
      comprerebbe perchè' se non puoi scaricare GRATIS
      cosa ci metti dentro le foto? non avrebbe
      l'abbonamento ad internet flat... Non spenderebbe
      soldi per CD,DVD, Blu-Ray, HD Esterni...per
      archiviare. Non comprerebbero PC nuovi con schede
      grafiche super... quanti giochi ti puoi comprare
      l'anno?


      La pirateria conviene e ci guadagnano in
      tanti....
      Un pò come dire grazie agli scassinatori perchè contribuiscono all'industria degli antifurti, ringraziamo anche tutti i delinquenti che fanni si che esistano le forze dell'ordine che altrimenti sarebbero disoccupati... Non si possono dire tante idiozie solo perchè fa comodo pensare che sia così... Scaricare e condividere è un reato punito dalla legge, è deleterio per l'industria, il commercio, l'occupazione e il gettito, pensare che sia un bene è a dir poco un'idiozia.


      Ciao
      • krane scrive:
        Re: Economie di scala....
        - Scritto da: Roberto G
        - Scritto da: Arco

        1Economie di scala.... Arco

        Sono passati molti anni che lessi su

        punto-informatico questa interessante (credo io)

        veritiera teoria...





        La pirateria serve a far spendere soldi a chi
        non

        li ha.... in che

        modo?



        C'è un tipo di consumatore che ha la

        disponibilità finanziaria di andare al cinema

        tutte le volte che vuole, fà l'abbonamento a
        sky,

        si compra i CD musicali originali o acquista su

        itunes gli mp3....acquista ipod, Ecc.

        ecc.



        Poi c'e' un altro tipo di consumatore che non ha

        disponibilita', al cinema ci va al massimo 2 o 3

        volte l'anno (forse esagero). Gli i-pod non li

        comprerebbe perchè' se non puoi scaricare GRATIS

        cosa ci metti dentro le foto? non avrebbe

        l'abbonamento ad internet flat... Non
        spenderebbe

        soldi per CD,DVD, Blu-Ray, HD Esterni...per

        archiviare. Non comprerebbero PC nuovi con
        schede

        grafiche super... quanti giochi ti puoi comprare

        l'anno?





        La pirateria conviene e ci guadagnano in

        tanti....


        Un pò come dire grazie agli scassinatori perchè
        contribuiscono all'industria degli antifurti,
        ringraziamo anche tutti i delinquenti che fanni
        si che esistano le forze dell'ordine che
        altrimenti sarebbero disoccupati... Non si
        possono dire tante idiozie solo perchè fa comodo
        pensare che sia così... Scaricare e condividere
        è un reato punito dalla legge, è deleterio per
        l'industria, il commercio, l'occupazione e il
        gettito, pensare che sia un bene è a dir poco
        un'idiozia.Ma lo sai a che danni ha portato l'abolizione della schiavitu' in usa ? Sai quanti disoccupati ha creato ? Io fossi in te lotterei per riportare in auge le sane leggi sulla schiavitu'.
        • Roberto G scrive:
          Re: Economie di scala....
          Quindi rubare opere altrui è equivalente a liberare gli schiavi, cioè una cosa buona da cui poi purtroppo deriverà una perdita di lavoro... interessante teoria, strano che non ti abbiano chiamato al governo di tecnici, sei geniale. :-)
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Roberto G
            Quindi rubare opere altrui è equivalente a
            liberare gli schiavi,Rubare ????E dov'e' la sottrazione ?
            cioè una cosa buona da cui poi purtroppo
            deriverà una perdita di lavoro...Ogni invenzione porta a una perdita di lavoro da sempre, guarda maniscalchi, candelai, venditori di ghiaccio che fine hanno fatto.In compenso si creano lavori di nuovo tipo.
            interessante teoria, strano che non ti abbiano
            chiamato al governo di tecnici, sei geniale.
            :-)Veramente e' una realta' tanto banale che solo tu potevi stupirti.
          • Roberto G scrive:
            Re: Economie di scala....
            Spero per te che il tuo sia solo opportunismo e non che le cose che scrivi ti le pensi veramente. Smettetela di pensare che scaricando non effettua un furto. In Germania una nuova legge lo paragona al furto con pene fino a 5 anni. Untrare in autobus senza pagare il biglietto è illegale, così come entrare allo stadio scavalcando, o mille altre cose dove la sottrazione non sia palpabile. Rubare un'idea non sottrae la stessa dalla mente del derubato, per questo non sarebbe furto? Ti sembra normale che chi scriva una canzone non debba trarne il giusto guadagno e chi invece la immette su un sito illegale si? Cerchiamo di ragionare per favore.
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Roberto G
            Spero per te che il tuo sia solo opportunismo e
            non che le cose che scrivi ti le pensi veramente.Non capisco di cosa parli se non quoti.Immagino che anche comprarsi un frigorifero sia opportunismo, utilizzare i mezzi che la tecnologia mette a disposizione quando si potrebbero fare le stesse cose faticando di piu' e' opportunismo.
            Smettetela di pensare che scaricando non effettua
            un furto.Secondo la legge italiana non lo e', se lo fosse perche' mi parleresti di una legge tedesca ?
            In Germania una nuova legge lo paragona
            al furto con pene fino a 5 anni.In germania, paese che vai legge che trovi, pensa che c'e' una legge a New Orleans, Lousiana, una donna può guidare unauto solo se il marito la precede a piedi, sventolando una bandiera di pericolo. Lo stesso a Waynesboro, Virginia.
            Untrare in autobus senza pagare il biglietto
            è illegale, così come entrare allo stadio
            scavalcando, o mille altre cose dove la
            sottrazione non sia palpabile. Va a paese, in diversi paesi del nord europa i trasporti pubblici sono gratuiti, con notevoli risparmi suoi controlli, stessa cosa per i palazzetti dello sport.
            Rubare un'idea non sottrae la stessa dalla
            mente del derubato, per questo non sarebbe
            furto? No, infatti; scambiandosi un'idea dopo si hanno due idee a testa, tutti vantaggi no ?
            Ti sembra normale che chi scriva una
            canzone non debba trarne il giusto
            guadagno Quanto e' questo "giusto guadagno" ? E chi lo stabilisce ?
            e chi invece la immette su un sito
            illegale si? Ma come mai i pirati si fanno tutti questi soldi ? Gli artisti non possono usare lo stesso sistema per arricchirsi ?
            Cerchiamo di ragionare per favore.Quotare aiuta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Roberto G
            Spero per te che il tuo sia solo opportunismo e
            non che le cose che scrivi ti le pensi veramente.Da quale pulpito esce la parola opportunismo?Supponiamo pure che io copiando privi l'autore del suo giusto compenso.Tu che non sei un autore perche' te la prendi?Chi e' che ha detto "opportunismo"?
            Smettetela di pensare che scaricando non effettua
            un furto.Puoi sempre andare dalla tua assicurazione ed assicurarti contro il furto.
            In Germania una nuova legge lo paragona
            al furto con pene fino a 5 anni.Quando ti sarai risvegliato dal tuo bel sogno, citami l'articolo di questa legge.
            Untrare in
            autobus senza pagare il biglietto è illegale,E non c'entra niente con questo discorso.
            così come entrare allo stadio scavalcando, o
            mille altre cose dove la sottrazione non sia
            palpabile. Se occupi uno spazio limitato che non ti compete, la sottrazione e' palpabile.Se tu sali sul treno senza pagare o entri allo stadio senza pagare, o anche al cinema senza pagare, togli un posto, non lo aggiungi mica.La copia invece aggiunge un file.
            Rubare un'idea non sottrae la stessa
            dalla mente del derubato, per questo non sarebbe
            furto? Ti sembra normale che chi scriva una
            canzone non debba trarne il giusto guadagno e chi
            invece la immette su un sito illegale si?Chi scrive la canzone, la canta e ottiene il suo giusto guadagno.
            Cerchiamo di ragionare per
            favore.Cosa che con voialtri non e' possibile fare...
    • Tony Video scrive:
      Re: Economie di scala....
      1Economie di scala.... ArcoSono passati molti anni che lessi su punto-informatico questa interessante (credo io) veritiera teoria... La pirateria serve a far spendere soldi a chi non li ha.... in che modo?C'è un tipo di consumatore che ha la disponibilità finanziaria di andare al cinema tutte le volte che vuole, fà l'abbonamento a sky, si compra i CD musicali originali o acquista su itunes gli mp3....acquista ipod, Ecc. ecc.Poi c'e' un altro tipo di consumatore che non ha disponibilita', al cinema ci va al massimo 2 o 3 volte l'anno (forse esagero). Gli i-pod non li comprerebbe perchè' se non puoi scaricare GRATIS cosa ci metti dentro le foto? non avrebbe l'abbonamento ad internet flat... Non spenderebbe soldi per CD,DVD, Blu-Ray, HD Esterni...per archiviare. Non comprerebbero PC nuovi con schede grafiche super... quanti giochi ti puoi comprare l'anno? La pirateria conviene e ci guadagnano in tanti.... MA COME SI FANNO A DIRE QUESTE COSE, se i soldi per fare una cosa non li hai non la fai, anche io voglio girare il mondo gratis, mangiare gratis, andare nei locali e non pagare... ma come ragionate???
      • krane scrive:
        Re: Economie di scala....
        - Scritto da: Tony Video
        1Economie di scala.... Arco
        Sono passati molti anni che lessi su
        punto-informatico questa interessante (credo io)
        veritiera teoria...

        La pirateria serve a far spendere soldi a chi non
        li ha.... in che
        modo?
        C'è un tipo di consumatore che ha la
        disponibilità finanziaria di andare al cinema
        tutte le volte che vuole, fà l'abbonamento a sky,
        si compra i CD musicali originali o acquista su
        itunes gli mp3....acquista ipod, Ecc.
        ecc.

        Poi c'e' un altro tipo di consumatore che non ha
        disponibilita', al cinema ci va al massimo 2 o 3
        volte l'anno (forse esagero). Gli i-pod non li
        comprerebbe perchè' se non puoi scaricare GRATIS
        cosa ci metti dentro le foto? non avrebbe
        l'abbonamento ad internet flat... Non spenderebbe
        soldi per CD,DVD, Blu-Ray, HD Esterni...per
        archiviare. Non comprerebbero PC nuovi con schede
        grafiche super... quanti giochi ti puoi comprare
        l'anno?


        La pirateria conviene e ci guadagnano in
        tanti....
        MA COME SI FANNO A DIRE QUESTE COSE, se i soldi
        per fare una cosa non li hai non la fai, anche io
        voglio girare il mondo gratis, mangiare gratis,
        andare nei locali e non pagare... ma come
        ragionate???Fai l'autostop e dormi in giro, mangia alle mense dei poveri; mica e' vietato.
        • Tony Video scrive:
          Re: Economie di scala....
          ma che risposta eh??? quella e' la fine che voi scariconi ci state facendo fare a noi... il film o la musica non sei obbligato a vederlo o sentirla se non hai i soldi... pensa prima di rispondere... cosa centra fai l'autostop e dormi in giro, mangia alle mense dei poveri... ???
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Tony Video
            ma che risposta eh??? quella e' la fine che voi
            scariconi ci state facendo fare a noi...Cosi' come il tuo aver acquistato un frigo ha rovinato chi vendeva ghiaccio, ed ai maniscalchi pensi mai ? Non vedo proprio perche' dovrei mantenere qualcuno che fa un lavoro che non mi serve piu'.
            il film o la musica non sei obbligato a
            vederlo o sentirla se non hai i soldi...Infatti io li ho e lo vedo insieme a piu' amici possibile.
            pensa prima di rispondere... cosa
            centra fai l'autostop e dormi in
            giro, mangia alle mense dei poveri...
            ???C'entra che nessuno verrebbe a dirti niente se ti metti a fare vivere senza spendere, perche' tu lo fai con gli altri ?Se fai un lavoro che non serve piu' e' un problema tuo ammodernarti, non e' che si puo' comprare ancora ghiaccio nel 21' secolo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 novembre 2011 12.19-----------------------------------------------------------
          • Tony Video scrive:
            Re: Economie di scala....
            SPERO SOLO CHE NON CAPITI ANCHE A TE DI TROVARTI NELLA NOSTRA SITUAZIONE... poi ne riparliamo...
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Tony Video
            SPERO SOLO CHE NON CAPITI ANCHE A TE DI
            TROVARTI NELLA NOSTRA SITUAZIONE... poi
            ne riparliamo...Sono un informatico, il mio lavoro e' in continua evoluzione e richiede costante studio ed adattamento ai sistemi nuovi.Ad ogni relase di un sistema operativo ci sono funzioni che prima erano fatte da me che vengono automatizzare, quindi parte del mio lavoro non serve piu' e mi devo rinnovare.
          • Roberto G scrive:
            Re: Economie di scala....
            Che peccato che qualcuno si ostini a chiamare modernizzazione un furto. Quando abbiamo comprato il frigo, i venditori di ghiaccio hanno chiuso e sono nate fabbriche di frigoriferi generando un benessere diffuso e maggiore occupazione. Stessa sorte per maniscalchi e fabbriche di pneumatici... questo è il progresso, nessuno rubava frigo e nessuno rubava gomme, come accade da millenni. Vuoi la modernizzazione? Esiste I-tunes o movieondemand.it siti dove puoi avere la modernizzazione legalmente. Tutto il resto mi sembra una gran confusione tra modernità e illegalità che rimangono due parole distinte.
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Roberto G
            Che peccato che qualcuno si ostini a chiamare
            modernizzazione un furto. Quando abbiamo comprato
            il frigo, i venditori di ghiaccio hanno chiuso e
            sono nate fabbriche di frigoriferi generando un
            benessere diffuso e maggiore occupazione. Stessa
            sorte per maniscalchi e fabbriche di
            pneumatici... questo è il progresso, nessuno
            rubava frigo e nessuno rubava gomme, come accade
            da millenni.Guarda che candelai luddisti hanno ammazzato gente e fatto esplodere fabbriche di lampadine con la dinamite eh ! Ma l'hai mai aperto un libro di storia o di economia ?
            Vuoi la modernizzazione? Esiste I-tunes o
            movieondemand.it siti dove puoi avere la
            modernizzazione legalmente. Tutto il resto
            mi sembra una gran confusione tra
            modernità e illegalità che rimangono due
            parole distinte.Esistono le radio online se e' per questo, e sono talmente tante che un software di ricerca potrebbe farti sentire ogni canzone che vuoi in qualsiasi momento esattamente come se avessi gli mp3, quindi perche' vietarmi di avere gli mp3 se sono piu' comodi ?Esiste che io posso condividere il mio lettore CD e via rete vedere un film insieme ad un amico o piu' amici proprio come venissero a vederlo a casa mia, quindi perche' fermare lo scambio ?Ora la tecnologia da possibilita' in piu', consente di fare cose che prima non si potevano fare e qualcuno si inventa senza alcun motivo che vuole far pagare queste novita oppure togliere i vantaggi che la tecnologia ci da'. Semplicemente a me non va di utilizzare nel XXI secolo le stesse metodologie che si usavano nel IXX solo perche' qualcuno vuole mantenere i propri obsoleti privilegi.
          • Roberto G scrive:
            Re: Economie di scala....
            Fai venire gli amici a casa tua e guarda il film con loro, se immetti un file in una rete telematica lo stai dividendo con il mondo e non con i tuoi amici. Ti ricordo che un preciso articolo della 633/41 cita che immettere in una rete telematica opere protette da diritto d'autore è un reato PENALE. Non mi sembra che vedere il film con gli amici sia considerato nella stessa maniera, vuol dire che una sottile differenza c'è.
          • krane scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: Roberto G
            Fai venire gli amici a casa tua e guarda il film
            con loro, se immetti un file in una rete
            telematica lo stai dividendo con il mondo e non
            con i tuoi amici.La tecnologia e' andata avanti, ed ora consente cose che prima non consentiva, chi sei tu che vorresti vietare usi parziali della tecnica per tuo capriccio ?
            Ti ricordo che un preciso articolo
            della 633/41 cita che immettere in una
            rete telematica opere protette da diritto
            d'autore è un reato PENALE. Non mi sembra che
            vedere il film con gli amici sia considerato
            nella stessa maniera, vuol dire che una sottile
            differenza c'è.La differenza che citi e' stata colmata dalla tecnologia, al piu' si puo' adeguare la legge.
          • panda rossa scrive:
            Re: Economie di scala....
            - Scritto da: krane

            La tecnologia e' andata avanti, ed ora consente
            cose che prima non consentiva, chi sei tu che
            vorresti vietare usi parziali della tecnica per
            tuo capriccio ?Forse uno di quei luddisti che hanno fatto saltare le prime fabbriche di lampadine perche' toglievano il lavoro ai candelai.
        • panda rossa scrive:
          Re: Economie di scala....
          - Scritto da: krane
          Fai l'autostop e dormi in giro, mangia alle mense
          dei poveri; mica e'
          vietato.L'autostop! Che ricordi mi hai fatto tornare in mente...Una estate ho preso lo zaino e il sacco a pelo e sono andato fino a Gallipoli in autostop.6 giorni ci ho messo!
  • paolo scrive:
    incredibile
    Salve a tutti, ho letto tanti di quelle fesserie che mi viene da piangere. Prima di tutto nessuno è stato obbligato a donare soldi per cui non capisco quale è it tuo problema. Secondo preferisco un sito cosi che permette a mio figlio di vedere alcuni film che non può guardare al cinema, i soldi sono pochi e la paghetta non è alta, senza scaricarsi dei XXXXX schifosi. Per certa gente è meglio che un bambino, che oramai usa internet tutto il giorno, si ritrovi un XXXXX schifoso o qualche altra schifezza che invece un file sicuro..... che inteliggentoni. Terzo voglio precisare che solo l'Italia è retrograda perchè qui vige la legge prendiamo più soldi dal popolo cosi i ricchi diventano sempre più ricchi.... in america ed in altri stati non è reato indigizzare se no google e tutti gli altri motori dovrebbero chiudere. Finitela di fare i bigotti e pensate che le nostre forze dell'ordine perdono tempo con un sito invece di andare a prendere quei ladri che risulatno nulal tenenti ma vanno in giro con la ferrari o hanno la barchetta intestata ad un società all'estero...... Perchè la finanza non fa chiudere tutti i magazzini abusivi dei cinesi che portano via lavoro alla nostra manufatturiera? Perchè la nostra finanza non espatria gli estracomuniatri che vendono merce contraffatta in spiaggia od in altri posti? Ce facciano il loro dovere sul serio e che l'italiano si svegli chiedendo alle forze armate nostre di lavorare e non andare a prendere le farfalle..... Viva l'Italia e la libertà.
  • baddog scrive:
    ma state parlando sul serio??
    leggo qui tanti commenti, la maggior parte sono a favore della chiusura del sito ,italianshare.sorvolando il discorso delle donazioni, che preciso non erano obbligatorie,voglio entrare più a fondo nel discorso sullo scaricare file dalla rete, che sia film m usica o quant altro.ragazzi non possimo fermare un sistema, "internet" che ci ha inglobalizzato! av ete idea in america quali sono le leggi, ma anche in tanti altri stati europei, è solo il nostro bigotto stato italiano che vuole speculare su qualsiasi cosa possa portare soldi.internet è il presente ma anche il futuro della nostra civiltà, dobbiamo capire che tutto putrà essere visto, letto, ascoltato, senza censura.stiamo pagando già la nostra connessione, questo non basta. dobbiamo pagare e ripagare e ripagare ancora solo per ascoltare un brano magari del 53. ciao a tutti
    • panda rossa scrive:
      Re: ma state parlando sul serio??
      - Scritto da: baddog
      leggo qui tanti commenti, la maggior parte sono a
      favore della chiusura del sito
      ,italianshare.Non li hai letti tutti, questi commenti se sei arrivati a questa falsa conclusione.
  • Robot Rock scrive:
    Android Apk
    Robot Rock! Android News, DAILY.http://www.searcheeze.com/it/p/Tsubai/robot-rock-e...:)
  • Giuseppe T. scrive:
    risposta a Tex
    Caro Tex, il discorso a mio avviso è molto semplice. Google non può essere considerato illegale semplicemente perchè lui indicizza tutto ciò che c'è nel web. Non gli sarebbe tecnicamente possibile controllare tutto il contenuto e verificare se questo è illegale o meno. Inoltre Google è rivolto prettamente a un pubblico che vuole soddisfare un bisogno informativo (non prettamente illegale)e permette di segnalare le pagine "illegali". Italianshare invece ? Italianshare specializzato a voler diffondere contenuti piratati è visto come un qualcosa di illegale rispetto a un motore generico. Ovviamente sia chiaro...io sono PRO ITALIANSHARE :D !! A questo punto fai come fa google...creati un motore di ricerca generico...in cui in quel generico ci metti pure il warez :P (ovviamente non scordarti la funzionalità per l'utente del "segna pagina illegale :P")
  • roundtrip scrive:
    Re: Nulla di fatto
    sicuramente, ma nella lettera non c'è riferimento alla legge violata, e se c'è una perquisizione c'è un'atto giudiziario cobn tanto di legge e articolo violato. I due link che ho postato me li sono letti tutti e non ho trovato nulla che dica ti incrimino perchè linki come google ma non sei google, questo è stato scritto da tex willer come accusa di reato.Per la legge italiana se sei denunciato, non sei colpevole di fatto; tutti sono colpevoli fino all'emissione della sentenza.Quello che dico e che sei stato denunciato per qualcosa, ti hanno sequestrato qualcosa, ti devono dire quale legge hai infranto altrimenti non si scomoda la finanza.Mi chiedo se vuoi fare una lettera per spiegare, spiegaci quale articolo del codice penale hai infranto. Cosi posso verificare se quello che hai fatto è veramente illegale o no.
  • Sandrino scrive:
    Proporre e' piu utile di litigare
    Ce un cartello con su scritto vietato fumare.Sotto il cartello una persona si accende la sigaretta.Passa un tutore dell'ordine, lo multa.Sotto il cartello ci sono 10 persone che fumano.Passa il tutore dell'ordine e li ammonisce.Sotto il cartello ci sono 200 persone che fumano.Si toglie il cartello.Quando un hacker penetra nei sistemi di IBM, MS, ORACLE....lo si arresta e poi le aziende lo assumono.Il P2p e' lo stesso. Create una piattaforma decente (non sky, o altre porcherie che trasmettono film idioti e documentari che coltivano piu ignoranza che cultura) basata sul P2P...ma forse qualche padrone di televisioni non e' molto daccordo.
  • paolo ciarelli scrive:
    italianshare
    Sono allibito caro Tex o.O'non solo fai pirateria digitale, ci guadagni fior fior di soldi su' e poi cerchi anche di passare per la vittima dlla situazione? L'incompreso?E daiiiiiiiiii!!! Un minimo di dignità!ti auguro di cuore che con tutti i soldi che hai guadagnato fin'ora, tra bannerini e donazioni, tu possa pagarti le ingenti spese legali che ti aspettano. Sinceramente la vedo dura! XD
    • krane scrive:
      Re: italianshare
      - Scritto da: paolo ciarelli
      Sono allibito caro Tex o.O'
      non solo fai pirateria digitale, ci guadagni fior
      fior di soldi su' e poi cerchi anche di passare
      per la vittima dlla situazione?
      L'incompreso?
      E daiiiiiiiiii!!! Un minimo di dignità!
      ti auguro di cuore che con tutti i soldi che hai
      guadagnato fin'ora, tra bannerini e donazioni, tu
      possa pagarti le ingenti spese legali che ti
      aspettano.

      Sinceramente la vedo dura! XDScusa ma se concludi che la vedi dura a pagare le spese legali vuol dire che non ha poi guadagnato tanto eh...
      • Osvy scrive:
        Re: italianshare
        - Scritto da: krane
        Scusa ma se concludi che la vedi dura a pagare le
        spese legali vuol dire che non ha poi guadagnato
        tanto eh...vedo che per tua fortuna non conosci quanto costano i legali... ;-)
        • krane scrive:
          Re: italianshare
          - Scritto da: Osvy
          - Scritto da: krane

          Scusa ma se concludi che la vedi dura a

          pagare le spese legali vuol dire che

          non ha poi guadagnato tanto eh...
          vedo che per tua fortuna non conosci quanto
          costano i legali...
          ;-)Deciditi, o si e' fatto i soldi o non se li e' fatti.
      • paolo ciarelli scrive:
        Re: italianshare
        - Scritto da: krane

        Scusa ma se concludi che la vedi dura a pagare le
        spese legali vuol dire che non ha poi guadagnato
        tanto
        eh...o forse vuol dire che la spesa supera l'impresa, che dici? Tra avvocati e multe penali, allo stato delle cose e con tutto ciò che di illegale conteneva il suo sito, se la caverà con non meno di 20mila euro. E 20mila euro per essere ottimisti. Ne' è valsa la pena?Sono assolutamente a favore del P2P per chi davvero la cultura non può permettersela, ma gente come Tex e siti come Italianshare ci guadagnano su' fior fior di dindini e la scusa è sempre quella di pagarci i server quando, con tutto ciò che guadagnano tra banners, links e donazioni, ci si comprerebbero direttamente la serverfarm XDquindi è giustissimo che vengano chiusi ed incriminati per pirateria digitale!Se veramennte avessero a cuore il libero scambio cercherebbero soluzioni anonime e sicure, quali I2P, Thor, Freenet ecc ecc ecc. ma lì poi non possono mettere i banners pubblicitari, quindi nnon conviene, poi che guadagno c'è!attendiamo ora donwnloadzone e ddl fantasy. E' ancora un mistero come questi due siti, pur avendo admin con tanto di nome, cognome e pagina fb, siano ancora liberi di agire. Eppure sono il triplo più grandi di Italianshare, mah -.-'
        • krane scrive:
          Re: italianshare
          - Scritto da: paolo ciarelli
          - Scritto da: krane

          Scusa ma se concludi che la vedi dura a

          pagare le spese legali vuol dire che non

          ha poi guadagnato tanto eh...
          o forse vuol dire che la spesa supera l'impresa,
          che dici?Dipende, a quanto leggo sotto...
          Tra avvocati e multe penali, allo stato delle
          cose e con tutto ciò che di illegale conteneva il
          suo sito, se la caverà con non meno di 20mila
          euro.Quindi neanche tanto.
          E 20mila euro per essere ottimisti. Ne' è valsa
          la pena?Dipende da quanto guadagnava.
          Sono assolutamente a favore del P2P per chi
          davvero la cultura non può permettersela, ma
          gente come Tex e siti come Italianshare ci
          guadagnano su' fior fior di dindini e la scusa è
          sempre quella di pagarci i server quando, con
          tutto ciò che guadagnano tra banners, links e
          donazioni, ci si comprerebbero direttamente la
          serverfarm XDMa se guadagnano fior fior di dindini 20.000 E non sono poi cosi' tanti, oppure non guadagnava fior fior di dindini ? Decidersi, quantificare.
          quindi è giustissimo che vengano chiusi ed
          incriminati per pirateria digitale!
          Se veramennte avessero a cuore il libero scambio
          cercherebbero soluzioni anonime e sicure, quali
          I2P, Thor, Freenet ecc ecc ecc. ma lì poi non
          possono mettere i banners pubblicitari, quindi
          nnon conviene, poi che guadagno c'è!
          attendiamo ora donwnloadzone e ddl fantasy.
          E' ancora un mistero come questi due siti, pur
          avendo admin con tanto di nome, cognome e pagina
          fb, siano ancora liberi di agire.
          Eppure sono il triplo più grandi di Italianshare,
          mah
          -.-'
    • dare scrive:
      Re: italianshare
      -chi era solo utente rischia qualcosa!
    • Mio Pure scrive:
      Re: italianshare
      Ma no, il furbetto napoletano si è già ingegnato per XXXXXXX i soliti uTonti che gli vanno dietro. Cito un passaggio dello stesso in cui chiede ancora soldi: "la cortesia che vi chiedo e di aiutarci a raccogliere i fondi per prendere un nuovo server quindi stendete la voce email di paypal donaperitalianshare@gmail.com ora come ora c'è bisogno di far vedere che il popolo della rete è più vivo che mai". E' proprio vero: Il lupo perde il pelo ma non il vizio!.P.S.Chiederei al signor P.G. come mai le decine di forum che riportano le stesse identiche cose di Italianshare non chiedono nulla e sono più vive che mai!
  • bigbeppe scrive:
    OGGETTIVO E SOGGETTIVO
    Oggettivamente la legge Italiana non è molto chiara in materia e spesso le sue distinzioni pseudo-tecniche sono confuse e poco logiche. Per quanto riguarda i finanzieri sono un organo predisposto all'indagine e alla repressione dei crimini ma non credo che le loro competenze giuridiche siano sempre fondate (l'interpretazione è un fattore determinante).
  • controlli a campione scrive:
    ma che state dicendo?
    Il sito era ben più di una "specializzazione" delle ricerche di google- Prima cosa per vedere le "ricerche" dovevi registrati- Era buona norma "ringraziare" chi aveva caricato il film per il "lavoro fatto" (come se questo fosse più faticoso che realizzare il film)- Di ogni film non c'era solo il link di interesse ma era necessario inserire locandina, descrizione, info sul file, etc, etc- Tutto ben diviso in comode sezioni navigabili e, a loro volta, ulteriormente "searcheable"- Tralascio il meccanismo delle donazioni, la cosa più lontana da qualsiasi spirito hacker e che (insieme ai banner) è proprio quella che identifica il "fine di lucro"Sono sicuro che Tex non è uno sprovveduto, sapeva cosa faceva e sa che ci saranno delle "rotture di marroni" non indifferenti. Proprio per questo doveva evitare di cercare la pagliuzza negli occhi altrui senza aver prima tolto la trave dai suoi.Dire che tutti fan così, che lo fanno i nostri politici, che una legge non ci sembra giusta e quindi la infrangiamo come e quanto ci pare è da bambini viziati e non da uomini (e donne).adieux
    • krane scrive:
      Re: ma che state dicendo?
      - Scritto da: controlli a campione
      Il sito era ben più di una "specializzazione"
      delle ricerche di
      google

      - Prima cosa per vedere le "ricerche" dovevi
      registrati
      - Era buona norma "ringraziare" chi aveva
      caricato il film per il "lavoro fatto" (come se
      questo fosse più faticoso che realizzare il
      film)
      - Di ogni film non c'era solo il link di
      interesse ma era necessario inserire locandina,
      descrizione, info sul file, etc,
      etc
      - Tutto ben diviso in comode sezioni navigabili
      e, a loro volta, ulteriormente
      "searcheable"
      - Tralascio il meccanismo delle donazioni, la
      cosa più lontana da qualsiasi spirito hacker e
      che (insieme ai banner) è proprio quella che
      identifica il "fine di
      lucro"

      Sono sicuro che Tex non è uno sprovveduto, sapeva
      cosa faceva e sa che ci saranno delle "rotture di
      marroni" non indifferenti. Proprio per questo
      doveva evitare di cercare la pagliuzza negli
      occhi altrui senza aver prima tolto la trave dai
      suoi.
      Dire che tutti fan così, che lo fanno i nostri
      politici, che una legge non ci sembra giusta e
      quindi la infrangiamo come e quanto ci pare è da
      bambini viziati e non da uomini (e
      donne).

      adieuxQuando vedi un compotamento da bambino viziato chiediti sempre chi l'ha viziato, il colpevole sara' lui non il bambino.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: ma che state dicendo?

      - Prima cosa per vedere le "ricerche" dovevi
      registrati
      - Era buona norma "ringraziare" chi aveva
      caricato il film per il "lavoro fatto" (come se
      questo fosse più faticoso che realizzare il
      film)
      - Di ogni film non c'era solo il link di
      interesse ma era necessario inserire locandina,
      descrizione, info sul file, etc,
      etc
      - Tutto ben diviso in comode sezioni navigabili
      e, a loro volta, ulteriormente
      "searcheable"
      - Tralascio il meccanismo delle donazioni, la
      cosa più lontana da qualsiasi spirito hacker e
      che (insieme ai banner) è proprio quella che
      identifica il "fine di
      lucro"Tutto questo <b
      NON </b
      è il file.P-)
    • Wolf01 scrive:
      Re: ma che state dicendo?
      Era una libreria, e quindi?Loro chiedevano le donazioni perché facevano un "lavoro" di organizzazione e catalogazione.Poco importa che ti dicessero dove scaricare il file.È come se sequestrassero aNobii o imdb perché ci sono le copertine dei libri, le recensioni, le locandine etc
    • Funz scrive:
      Re: ma che state dicendo?
      - Scritto da: controlli a campione
      Il sito era ben più di una "specializzazione"
      delle ricerche di
      google

      - Prima cosa per vedere le "ricerche" dovevi
      registrati
      - Era buona norma "ringraziare" chi aveva
      caricato il film per il "lavoro fatto" (come se
      questo fosse più faticoso che realizzare il
      film)
      - Di ogni film non c'era solo il link di
      interesse ma era necessario inserire locandina,
      descrizione, info sul file, etc,
      etc
      - Tutto ben diviso in comode sezioni navigabili
      e, a loro volta, ulteriormente
      "searcheable"
      - Tralascio il meccanismo delle donazioni, la
      cosa più lontana da qualsiasi spirito hacker e
      che (insieme ai banner) è proprio quella che
      identifica il "fine di
      lucro"E di tutto questo, cosa c'è di illegale? L'unica cosa di dubbia legalità sono i link.
  • Nicola scrive:
    giornalisti
    COme al solito quando si conosce la verità da vicino, si scopre che è molto molto diversa da quella raccontata sui giornali.
    • nome scrive:
      Re: giornalisti
      Si. Esclusi gli articoli smielati sulla Apple, punto-informatico è uno dei pochi giornali con giornalisti accurati che dicono la verità.
  • marco scrive:
    ebbene...
    Siamo ormai in un mondo dove chi scarica gratuitamente film e musica e' nella norma, mentre chi paga viene preso un po' per fesso. Ogni anno i fessi diminuiscono, e con essi i film di qualita' e i lanci dei giovani artisti. Non avete per caso notato ad esempio che fanno un po' troppi sequel di film ultimamente? E' il sistema principale per avere una base di incasso sicuro, con il limite pero' di penalizzare le idee nuove. Non sono contrario ad internet ci mancherebbe, la tecnologia fa il suo corso, ma se la gente noleggia film o acquista fumetti solo quando non riesce a scaricarli, sorge in effetti qualche domanda sul sistema...
    • krane scrive:
      Re: ebbene...
      - Scritto da: marco
      Siamo ormai in un mondo dove chi scarica
      gratuitamente film e musica e' nella norma,
      mentre chi paga viene preso un po' per fesso.
      Ogni anno i fessi diminuiscono, e con essi i
      film di qualita' e i lanci dei giovani artisti.
      Non avete per caso notato ad esempio che fanno un
      po' troppi sequel di film ultimamente? E' il
      sistema principale per avere una base di incasso
      sicuro, con il limite pero' di penalizzare le
      idee nuove. Non sono contrario ad internet ci
      mancherebbe, la tecnologia fa il suo corso, ma se
      la gente noleggia film o acquista fumetti solo
      quando non riesce a scaricarli, sorge in effetti
      qualche domanda sul sistema...Le idee nuove hanno smesso di averle ben prima, la piaga dei sequel esiste da tempo, devi andare a cercare la causa in qualcos'altro.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: ebbene...

      Siamo ormai in un mondo dove chi scarica
      gratuitamente film e musica e' nella norma,
      mentre chi paga viene preso un po' per fesso.E chi fa entrambe le cose ?
    • Ubunto scrive:
      Re: ebbene...
      - Scritto da: marco
      Siamo ormai in un mondo dove chi scarica
      gratuitamente film e musica e' nella norma,
      mentre chi paga viene preso un po' per fesso.
      Ogni anno i fessi diminuiscono, e con essi i
      film di qualita' e i lanci dei giovani artisti.
      Non avete per caso notato ad esempio che fanno un
      po' troppi sequel di film ultimamente? Veramente io noto come film con budget (ed incassi) milionari, per quanto di sucXXXXX, risultano essere complessivamente delle cagate pazzesche, assolutamente imparagonabili con altre opere realizzate in passato con un centesimo del budget, e totalmente blasfemi quando sono dei remake di glorie precedenti.Il tema di sottofondo ma dominante di questi film non è la trama (spesso inesistente) né gli effetti speciali (che oramai non stupiscono più nessuno), bensì la banalizzazione totale dei tratti dei personaggi.Banalizzazione che colpisce trasversalmente le figure più disparate riconducendole a macchiette socialmente accettabili, esteticamente gradevoli (anche quando sono brutte), moralmente insignificanti, culturalmente piatte. La verità è che buona parte del cinema oggi è XXXXX.Perché è importante che l'uomo medio(cre) possa vedere la sua medietà conciliarsi con qualsiasi ruolo, e che non provi ad ambire a qualcosa di meglio per sè stesso.Tanti stupidi consumatori: in riga per produrre, in fila per pagare il biglietto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 novembre 2011 02.36-----------------------------------------------------------
  • enzo non li dico scrive:
    io sto con trex
    Malato secondo voi chi fa musica prende qualcosa dalla vendita di un disco???lo sapete che i cd sono bene di lusso su cui viene applicata una tassa dello stato IDIOTI PAGATR ALLO STATO UNA COSA CHE POTETE AVERE GRATIS....e invece contribuite allo stipendio dei politici....siete furbi...!!!
    • ospite scrive:
      Re: io sto con trex
      I nostri politici guardano e scaricano sotto gli occhi delle telecamere durante le sedute in parlamento e la finanza chiude i siti web che indicizzano materiale già in rete,2 pesi e 2 misure come al solito
  • Gianluca scrive:
    rapina in banca
    Mi ha fatto sorridere l'esempio qui riportato:Un tizio mi chiede dove può trovare una banca.Gliela indico.Il tizio rapina la banca.Devo dire però che se tu oltre all'indicazione fornisci le planimetrie della banca, indichi l'orario e i movimenti di tutti i dipendenti, gli spieghi come fare ad eludere i sistemi di sicurezza, fornisci le password per la cassaforte... ecco, minimo sei considerato complice. Credo sia questa la motivazione.
    • FDG scrive:
      Re: rapina in banca
      - Scritto da: Gianluca
      Devo dire però che se tu oltre all'indicazione
      fornisci le planimetrie della banca, indichi
      l'orario e i movimenti di tutti i dipendenti, gli
      spieghi come fare ad eludere i sistemi di
      sicurezza, fornisci le password per la
      cassaforte... ecco, minimo sei considerato
      complice. Credo sia questa la motivazione.Però se fornisci tutte le planimetrie dei palazzi della città, banche incluse, per quanto fornisca un supporto ai rapinatori, non sei considerato un complice. Agli effetti pratici, basta avere diversi fornitori di contenuti (dettagli sui diversi impianti d'allarme che possono essere incontrati, orari chiusura e apertura di banche, esercizi commerciali e uffici, webcam...), aggregare e ottenere le informazioni che servono per perpetrare il furto. Stiamo parlando di software, una materia in cui c'è flessibilità e potenzialità sufficienti per superare molti ostacoli. Basta usare un po' di intelligenza per potersi permettere pure la rinuncia all'anonimato.
  • Robot Rock scrive:
    Android Apk
    Android News. DAILY. http://www.searcheeze.com/it/p/Tsubai/robot-rock-everything-you-need-to-know-on-android-daily:)
  • fabiusz scrive:
    basta
    chiudeteli tutti sti siti... il p2p è rubare punto e basta
  • Nome e cognome scrive:
    Re: Videotecari
    Altro esempio:Un tizio mi chiede dove può trovare una banca.Gliela indico.Il tizio rapina la banca.Io per aver fornito l'informazione, devo essere perseguito?Altro esempio:Un tizio mi chiede dove trovare un armeria.Gliela indico.Il tizio ammazza l'armaiolo, prende una pistola e poi ammazza la moglie e i figli.Io per aver fornito linformazione, devo essere perseguito?Altro esempio:Un tizio mi chiede dove puo trovare un distributore di benzina.Il tizio rapina il benzinaio e poi lo ammazza.Io per aver fornito linformazione, devo essere perseguito?Se qualcuno ti indica dove trovare un film viene perseguito.Allora anche tutti gli altri devono essere perquisiti.Dobbiamo girare con un cerotto sulla bocca o dire sempre "BHOO".Mi dispiace, ma io non voglio dire bho. Non sono uno di italianshare o come si chiama, mi sta solo sul caxxo questa censura dittatoriale messa nelle mani dei militari.Nononono, qui c'è qualcosa che non torna.O meglio, ci sono degli interessi che devono tornare, a qualcuno, usando la prepotenza, l'arroganza, l'ambiguità.La legge non è uguale per tutti qui in italia.Ho espresso il mio parere, totalmente contrario alle modalità con cui viene interpretata e applicata la legge, peraltro ambigua e non per nulla definita nell'ambito della pura e semplice informazione.Ah, già, che stupido, l'informazione in italia è tutta sotto controllo.Che stupido, come non detto.Viva la Cina!
  • Perplesso scrive:
    Qualcosa non torna
    Scusa Tex ma se dici che "i siti di indicizzazione SPECIFICA(come si sono inventanti non so chi e quando) sono Legali in USAe Spagna", allora mi spieghi perchè sono venuti a bussare da tevisto che il vs. sito si trovava negli States ?O il "link specifico" non è legale manco li, oppure c'è qualcosa chenon dai detto o che non hai detto fino in fondo...
    • lul scrive:
      Re: Qualcosa non torna
      - Scritto da: Perplesso
      Scusa Tex ma se dici che "i siti di
      indicizzazione
      SPECIFICA
      (come si sono inventanti non so chi e quando)
      sono Legali in
      USA
      e Spagna", allora mi spieghi perchè sono venuti a
      bussare da
      te
      visto che il vs. sito si trovava negli States ?
      O il "link specifico" non è legale manco li,
      oppure c'è qualcosa
      che
      non dai detto o che non hai detto fino in fondo...rispondo io, perchè dietro una denuncia vengono prese delle misure dettate dall'ignoranza sull'argomento, intanto vengono sequestrate le macchine e chiuso il sito, poi si guarda se ciò sia legittimo o meno, che piaccia o no funziona cosi
      • Perplesso scrive:
        Re: Qualcosa non torna
        Si concordo pienamente, figurati se ilgiudice che firma l'atto in question hala minima idea di cosa sta facendo.Difatti le coppia UI:PSW glieli ha consegnatiLui di sua spontanea volontà.Probabilmente in tribunale, ammesso e nonconXXXXX che Tex abbia la forza di andaresino in cassazione, diranno che "il fatto non sussiste".W l'Italia, speriamo Nazione ancora per poco.
  • mario genovese scrive:
    ma...
    ma quel tamarro di hunter non lo schiaffano dentro? Era il più ignorante di tutti i moderatori
    • ONLY ROMA scrive:
      Re: ma...
      scusami,ma in questo momento nn mi pare carino sparlare dei MOD di IS. Persone che dedicavano moltissime ore x gli utenti"GRATIS". Credimi moderare un forum come IS nn è facile,gli utenti sono spesso indisciplinati,esiste un regolamento e andava rispettato. Pensa ad un MOD che tutti i minuti doveva spiegare a qualche utente che nn stava rispettando le regole e puntualmente dopo 2 secondi ripeteva gli stessi errori.Può capitare che si perda la pazienza.La mia nn è una critica verso di te,ci mancherebbe,e nn sono il difensore di nessuno,ma mi sembra inutile sfogarsi ora. Poi uno era libero di andare via da IS quando voleva.
  • SCF IS EVIL scrive:
    Poverino
    [code] <iframe src='http://gallery.giovani.it/videofy/embed/player_0.html?v=aHR0cDovL2dhbGxlcnkuZ2lvdmFuaS5pdC9pbWcvbW1zL3ZpZGVvLzIwMDcvMDkvMDUvdmlkZW9fNDZkZWNkNjI4MDgyYS5mbHY%3D&t=aHR0cDovL2dhbGxlcnkuZ2lvdmFuaS5pdC9pbWcvbW1zL3ZpZGVvLzIwMDcvMDkvMDUvdmlkZW9fNDZkZWNkNjI4MDgyYV9iaWcuanBn&ap=0&vb=0' width='428' height='345' frameborder='0'
    </iframe
    [/code]
  • ONLY ROMA scrive:
    Ciao TEX
    Ciao Tex,speriamo di risentirci presto in un altro forum,mi raccomando però facci sapere. Anche se nn sarà un forum x il p2p nn importa,x me l'importante è ritrovare tutti gli amici di ISTE,BEN,KEPPRA,GIUGNO,NITTO,SPARTANO,PAPPAZZO,ecc....
  • giovanni visconti scrive:
    Qualcuno di italianshare risponda prego
    Volevo sapere se e' stato chiuso italianstylewebsite?Da un paio di ore e' irraggiungibile.Nel caso non c'e' un'altro punto di ritrovo?Per non restare al buoi completo?Grazie.Ciao.
    • Dooh Nibor scrive:
      Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
      non preoccuparti stiamo sistemando tutto. Scusaci per il disagio
      • Giovanni visconti scrive:
        Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
        Ciao, quindi italianstylewebsite tra poco torna online?Grazie.
        • Dooh Nibor scrive:
          Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
          Si, certo e porterà mille sorprese dedicate a tutti voi che regalate a italianstylewebsite momenti indimenticabili di gioia e sostegno. Ogni giorno vale la pena viverlo solo per voi. Grazie...Scusate, sono commosso... "mai quanto mi pento di averlo fatto, mai quanto mi pentirei se perdessi te...io Marian non sarei dovuto andare"
          • Giovanni visconti scrive:
            Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
            Scusami, non ti offendere, ma le tue parole mi sembrano tanto di presa in giro.....Parli sul serio o cosa?Se Italianstylewebsite e' stato chiuso basta solo che lo dici.Grazie e se mi sbaglio ti chiedo scusa.Ciao.
          • pignolo scrive:
            Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
            Mah... non so: tu ti fideresti di uno che "ruba ai ricchi per dare ai poveri"? ;)
          • giovanni visconti scrive:
            Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
            Dooh Nibor rispondi tu, per favore.Grazie.Ciao.
          • giovanni visconti scrive:
            Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
            Ma Dooh Nibor, perche' mi hai preso per il c......?????Il sito e' stato sequestrato!!!!!!!Mi ricordero'........
        • luca.s scrive:
          Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
          veramente...non è offline, il sito è online e funzionante anche in questo momento
          • giovanni visconti scrive:
            Re: Qualcuno di italianshare risponda prego
            guarda quahttp://punto-informatico.it/3336560/PI/News/italia...
  • giovanni visconti scrive:
    Tex, puoi rispondere tu per favore?
    Ciao Tex, volevo sapere se e' stato chiuso italianstylewebsite?Da un paio di ore e' irraggiungibile.Nel caso non c'e' un'altro punto di ritrovo?Per non restare al buoi completo?Grazie.Ciao.
    • mefisto scrive:
      Re: Tex, puoi rispondere tu per favore?
      Tex non ti potrà aiutare questa volta...http://images.sergiobonellieditore.it/bonelli/tex/tex0125.jpgbuahahahah
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: Tex, puoi rispondere tu per favore?
        - Scritto da: mefisto
        Tex non ti potrà aiutare questa volta...

        http://images.sergiobonellieditore.it/bonelli/tex/

        buahahahahSublime!
  • giovanni visconti scrive:
    italianstylewebsite
    Ma hanno chiuso anche italianstylewebsite?????
    • Quante fesserie.. . scrive:
      Re: italianstylewebsite
      - Scritto da: giovanni visconti
      Ma hanno chiuso anche italianstylewebsite?????No lo lasciano aperto per far sfogare i quattro ignorantelli boriosi dei mod di italianshare che si compiaciono delle barzellette del suo admin :-)
      • lul scrive:
        Re: italianstylewebsite
        - Scritto da: Quante fesserie.. .
        - Scritto da: giovanni visconti

        Ma hanno chiuso anche italianstylewebsite?????

        No lo lasciano aperto per far sfogare i quattro
        ignorantelli boriosi dei mod di italianshare che
        si compiaciono delle barzellette del suo admin
        :-)humm, ecco i videotecari che trollano, e io che pensavo non aveste manco più soldi per mangiare, invece continuate a navigare senza capire che è tempo di morire per voi
    • pignolo scrive:
      Re: italianstylewebsite
      http://punto-informatico.it/3336560/PI/News/italianshare-sequestrati-altri-due-siti.aspx
  • Quante fesserie.. . scrive:
    Ma per piacere taci!
    Ma ancora con questa fesseria dell'indicizzazione dei file se ne viene questo furbetto? Il problema è tutto quello che spillava all'utenza con le donazioni e che guadagnava, a nero, con i numerosissimi banner. Punto!Poi che si voglia coprire con la scusa che lui sia un benefattore del P2P e della condivisione della cultura è solo una barzelletta! Ovvio che nei suoi pc non c'era nulla, alui interessava solo generare guadagno. Ora vai a lavorare anche tu! O inventati qualche altra truffa.
  • michele martini scrive:
    siamo con te
    Dalla Parte di Tex Sempre!!!
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: siamo con te
      - Scritto da: michele martini
      Dalla Parte di Tex Sempre!!!Oggi qui è pieno di appassionati di fumetti.
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: siamo con te
        - Scritto da: Dottor Stranamore
        - Scritto da: michele martini

        Dalla Parte di Tex Sempre!!!

        Oggi qui è pieno di appassionati di fumetti.Io preferisco Dylan Dog...XXXXX Giuda ballerino! :D
  • pippo franco scrive:
    grazie
    Grazie di tutto italianshare fedelissimi
  • kaiserxol scrive:
    Mah...
    Se una cosa è illegale...lo è. Non spetta a noi decidere cosa lo è e cosa no. Questo è diverso però se lo stesso caso viene pesato con due unità di misura diverse...Google e Tex.Indicizzare è legale? Bene chiuso, non rompete i maroni.Non lo è? Partite dai siti come Google, Bing e company, POOOOI andate a rompere ai piccolini.Per concludere...Tex non aveva file sui server, ma solo link ai file ospitati su altri server.
  • Wolf01 scrive:
    La prossima volta
    Fai un sito che linka le ricerche di google
    • pignolo scrive:
      Re: La prossima volta
      Ecco appunto: era quello che stavo scrivendo sopra... Se faccio un link ad una pagina che contiene solamente link (e questa pagina, illegale o meno che sia, non è di mia competenza) il mio link è illegale o meno?
      • Wolf01 scrive:
        Re: La prossima volta
        Beh, se fai una pagina contenente link a Megaupload è illegale perché agisci a tutti gli effetti come motore di ricerca (o meglio, mero elenco "telefonico") a materiale probabilmente illegale.Se linki una pagina dei risultati di ricerca di Google, in quanto non è illegale effettuare delle ricerche (Google indicizza genericamente), è un po' come se scrivessi "andate su google a cercare 'filetype:torrent ultimo film uscito al cinema'", un semplice suggerimento, non linko direttamente il file, anzi ci sono vari generalissimi link sulla pagina *legale* di Google, a meno che non lo considerino una istigazione alla pirateria non si dovrebbero avere problemi.
        • krane scrive:
          Re: La prossima volta
          - Scritto da: Wolf01
          Beh, se fai una pagina contenente link a
          Megaupload è illegale perché agisci a tutti gli
          effetti come motore di ricerca (o meglio, mero
          elenco "telefonico") a materiale probabilmente
          illegale.
          Se linki una pagina dei risultati di ricerca di
          Google, in quanto non è illegale effettuare delle
          ricerche (Google indicizza genericamente), è un
          po' come se scrivessi "andate su google a cercare
          'filetype:torrent ultimo film uscito al cinema'",
          un semplice suggerimento, non linko direttamente
          il file, anzi ci sono vari generalissimi link
          sulla pagina *legale* di Google, a meno che non
          lo considerino una istigazione alla pirateria non
          si dovrebbero avere problemi.In pratica qual e' la percentuale necessaria ad essere riconosciuti come motori di ricerca "generici" ?
        • Ziomik scrive:
          Re: La prossima volta
          Al 5° posto il grandissimo megaupload che offre un bel film.Accorrete gente !https://www.google.com/search?q=megaupload+il+signore+degli+anelli#sclient=psy-ab&hl=en&source=hp&q="megaupload.com"+il+signore+degli+anelli&pbx=1
        • pignolo scrive:
          Re: La prossima volta
          - Scritto da: Wolf01
          Beh, se fai una pagina contenente link a
          Megaupload è illegale perché agisci a tutti gli
          effetti come motore di ricerca (o meglio, mero
          elenco "telefonico") a materiale probabilmente
          illegale.
          Se linki una pagina dei risultati di ricerca di
          Google, in quanto non è illegale effettuare delle
          ricerche (Google indicizza genericamente), è un
          po' come se scrivessi "andate su google a cercare
          'filetype:torrent ultimo film uscito al cinema'",
          un semplice suggerimento, non linko direttamente
          il file, anzi ci sono vari generalissimi link
          sulla pagina *legale* di Google, a meno che non
          lo considerino una istigazione alla pirateria non
          si dovrebbero avere
          problemi.Fantastico il nuovo reato di "istigazione alla pirateria"...Comunque non sono ancora convinto... che cosa distingue legalmente un link presente in una ricerca condotta con Google da un link in un forum?È la possibilità di fare ricerche all'interno di un specifico sito a fare la differenza? E dove sta scritto?
          • Joliet Jake scrive:
            Re: La prossima volta
            Ma non c'è già?http://www.thepirategoogle.com/
          • pignolo scrive:
            Re: La prossima volta
            Ok, questo ad esempio non fa altro che fare ricerche su/mediante Google.Quindi... sarebbe legale?
          • Wolf01 scrive:
            Re: La prossima volta
            E perché non dovrebbe esserlo?
          • pignolo scrive:
            Re: La prossima volta
            Beh perché, per quanto riguarda il risultato finale (ricerca di link verso materiale protetto da copyright) non vedo poi tutta questa differenza con il sito di Tex...
          • Wolf01 scrive:
            Re: La prossima volta
            Appunto, anche Tex si meraviglia di ciò.Probabilmente non è il risultato finale che conta, è il media.Siccome non è concepibile punire Google allora si colpiscono i pesci piccoli.
  • Laflaire scrive:
    Basta essere anonimi
    La soluzione c'era ma ovviamente finchè non ci si scotta si tira a campare...E' inutile a mio parere mettersi a confronto con Google & co, si spreca solo tempo e penso che Tex se ne sia reso conto più di chiunque altro.Italianshare non è ne il primo ne l'ultimo caso di forum p2p che viene chiuso in Italia (e all'estero), purtroppo finchè si continueranno ad utilizzare sistemi server based sarà solo una questione di tempo o di "passi falsi" (ricordo che a differenza DDU, si sapeva da tempo nome, cognome e indirizzo dell'admin di ItalianShare, ecco perchè DDU esiste ancora).Tex vuoi davvero dimostrare quello che dici? Porta avanti una nuova soluzione a costo zero aprendo un mirror di ItalianShare con Osiris http://www.osiris-sps.org Ormai è diventato abbastanza maturo da poter sostenere il carico di utenti di ItalianShare e non dovrai più preoccuparti di spese di gestione del server. Fai questo passo e avrai dimostrato quello che scrivi in questa lettere.Detto ciò non voglio criticare il tuo operato, ma solo suggerire una soluzione a dimostrazione di quanto hai riportato.Ciao
    • BACKDOOR scrive:
      Re: Basta essere anonimi
      - Scritto da: Laflaire
      con Osiris
      http://www.osiris-sps.orgUn programma di privacy closed-source = 100% backdoor.Senza review indipendenti, mai fatte a causa proprio dell'essere closed, potrebbe avere vulnerabilità di ogni tipo anche se non avesse backdoor (cosa che per programmi di privacy, invece, bisogna dimostrare al contrario: colpevole fino a prova contraria...)Più affidabili e migliori sono piattaforme Tor I2P, freenet a seconda dei casi e dell'evenienza/utilizzo.
      • Laflaire scrive:
        Re: Basta essere anonimi
        Eh qui ti sbagli...gran parte dei sorgenti è già stata rilasciata (circa l'80 percento o più mi pare) e a breve sembra che, con il rilascio della 1.0, verrà reso pubblico il 100%.
        • Tipo scrive:
          Re: Basta essere anonimi
          - Scritto da: Laflaire
          Eh qui ti sbagli...gran parte dei sorgenti è già
          stata rilasciata (circa l'80 percento o più mi
          pare) e a breve sembra che, con il rilascio della
          1.0, verrà reso pubblico il
          100%.Toh, un evangelist di osiris :|Di osiris sono stati rilasciati tutti i sorgenti inutili, cioè tutto quello che ci stà intorno. Tutto è stato rilasciato tranne il "kernel" dell'applicazione, cioè l'unica cosa interessante.Quindi ti sbagli tu.Poi vedremo nel futuro, SE davvero sarà opensource, che cosa ci si troverà dentro... spero niente backdoors e pochi bugs, ma chissà...
          • DemoneRosso scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            C'è parecchia confusione... Di osiris 0.x non è stato rilasciato nulla di sorgente perchè i programmatori si sono resi conto che c'èra il pericolo di dare in mano a malintenzionati armi per floodare e spammare sui portali esistenti, (d'altronde si tratta di un software nato nel 2006 in tempi non sospetti).La versione 1.x è la versione open source con un core nuovo che introduce sistemi anti spam/flood. Tuttavia ricordo che è un progetto portato avanti da 2 persone e non credo che rilasceranno i sorgenti finchè non saranno abbastanza sicuri della robustezza.Ricordo che è uno dei pochi progetti informatici riconosciuto in tutto il mondo.
          • krane scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            - Scritto da: DemoneRosso
            C'è parecchia confusione... Di osiris 0.x non è
            stato rilasciato nulla di sorgente perchè i
            programmatori si sono resi conto che c'èra il
            pericolo di dare in mano a malintenzionati armi
            per floodare e spammare sui portali esistenti,
            (d'altronde si tratta di un software nato nel
            2006 in tempi non sospetti).
            La versione 1.x è la versione open source con un
            core nuovo che introduce sistemi anti spam/flood.
            Tuttavia ricordo che è un progetto portato avanti
            da 2 persone e non credo che rilasceranno i
            sorgenti finchè non saranno abbastanza sicuri
            della robustezza.Certo, se non lo aprono non vedo come possano arrivare dei contributori.
            Ricordo che è uno dei pochi progetti informatici
            riconosciuto in tutto il mondo.Si, e dicono le stesse cose che si dicono qua: i sorgenti ?
          • Tipo scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            - Scritto da: DemoneRosso
            C'è parecchia confusione... Di osiris 0.x non è
            stato rilasciato nulla di sorgente perchè i
            programmatori si sono resi conto che c'èra il
            pericolo di dare in mano a malintenzionati armi
            per floodare e spammare sui portali esistenti,
            (d'altronde si tratta di un software nato nel
            2006 in tempi non
            sospetti).Beh okay: lo SPAM! Almeno hanno riconosciuto un limite del loro software.D'altronde è proprio vero che gli utenti di osiris hanno fatto molta pratica su PI per capire come funziona quell' <i
            arte </i
            ... Per sconfiggere il nemico, bisogna prima conoscerlo ;)

            La versione 1.x è la versione open source con un
            core nuovo che introduce sistemi anti spam/flood.
            Tuttavia ricordo che è un progetto portato avanti
            da 2 persone e non credo che rilasceranno i
            sorgenti finchè non saranno abbastanza sicuri
            della
            robustezza.Ah ecco, e se non ne sono abbastanza sicuri loro, della robustezza del <b
            loro </b
            software; come farebbero e potrebbero mai <b
            gli altri </b
            ad esserne sicuri e a fidarsi del loro software. O giusto fidarsi di chi ha programmato un accrocchio i cui stessi programmatori non ritengono abbastanza affidabile per essere open.Boh.Da questo punto di vista mi sembra un evidente caso di "Security through obscurity" che si sà essere il percorso da non seguire mai con programmi di pravacy...
            Ricordo che è uno dei pochi progetti informatici
            riconosciuto in tutto il
            mondo.Forse non ho capito che cosa vuoi dire qui. Osiris è <b
            uno dei pochi </b
            progetti informatici riconosciuto in tutto il mondo? Ma dai, non farmi ridere. :D
          • lul scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            - Scritto da: Tipo
            - Scritto da: DemoneRosso

            C'è parecchia confusione... Di osiris 0.x
            non
            è

            stato rilasciato nulla di sorgente perchè i

            programmatori si sono resi conto che c'èra il

            pericolo di dare in mano a malintenzionati
            armi

            per floodare e spammare sui portali
            esistenti,

            (d'altronde si tratta di un software nato nel

            2006 in tempi non

            sospetti).

            Beh okay: lo SPAM! Almeno hanno riconosciuto un
            limite del loro
            software.di che limite parli? o hai detto cosi solo perchè sul dizionario sei arrivato alla lettera L?

            D'altronde è proprio vero che gli utenti di
            osiris hanno fatto molta pratica su PI per capire
            come funziona quell' <i
            arte </i

            ... Per sconfiggere il nemico, bisogna prima
            conoscerlo
            ;)o semplicemente anche loro odiano i videotechini




            La versione 1.x è la versione open source
            con
            un

            core nuovo che introduce sistemi anti
            spam/flood.

            Tuttavia ricordo che è un progetto portato
            avanti

            da 2 persone e non credo che rilasceranno i

            sorgenti finchè non saranno abbastanza sicuri

            della

            robustezza.

            Ah ecco, e se non ne sono abbastanza sicuri loro,
            della robustezza del <b
            loro </b

            software; come farebbero e potrebbero mai
            <b
            gli altri </b
            ad esserne sicuri
            e a fidarsi del loro software. O giusto fidarsi
            di chi ha programmato un accrocchio i cui stessi
            programmatori non ritengono abbastanza affidabile
            per essere
            open.
            Boh.
            Da questo punto di vista mi sembra un evidente
            caso di "Security through obscurity" che si sà
            essere il percorso da non seguire mai con
            programmi di
            pravacy...non sembri ferrato sull'argomento, non sai neanche di cosa si tratta ma sentenzi, sembri intelligente come un videotechino, o peggio, come ruppolo


            Ricordo che è uno dei pochi progetti
            informatici

            riconosciuto in tutto il

            mondo.

            Forse non ho capito che cosa vuoi dire qui.
            Osiris è <b
            uno dei pochi </b

            progetti informatici riconosciuto in tutto il
            mondo?

            Ma dai, non farmi ridere. :Dte l'ho detto che non sai di cosa stai discutendo, non hai la minima idea neanche di cosa è e neanche cosa faccia dalle tue risposte
          • Tipo scrive:
            Re: Basta essere anonimi

            di che limite parli? o hai detto cosi solo perchè
            sul dizionario sei arrivato alla lettera
            L?Del limite che stanno cercando di arginare proprio con la nuova versione. Te lo spiego perché non sembri afferrare il concetto: non ha una protezione, e quindi è vulnerabile a una valanga di false richieste(ad esempio SPAM...)Sicuramente ha altre vulnerabilità, ma a nessuno interessa osiris, è closed source, e nessuno ne cerca di nuove.




            D'altronde è proprio vero che gli utenti di

            osiris hanno fatto molta pratica su PI per
            capire

            come funziona quell' <i
            arte
            </i


            ... Per sconfiggere il nemico, bisogna prima

            conoscerlo

            ;)

            o semplicemente anche loro odiano i videotechiniCosa centrano i videotecari adesso!? Che cosa centrano con un bizzarro tentativo di fare un programma per siti web senza server centrale? Boh, mi sà che ti si è fuso il cervello.

            non sembri ferrato sull'argomento, non sai
            neanche di cosa si tratta ma sentenzi, sembri
            intelligente come un videotechino, o peggio, come
            ruppolo"Sentenzio" perché so' benissimo di che cosa si tratta. Le tue argomentazioni di risposta invece fanno riflettere parecchio sulla tua psiche compromessa.Poi sembra che il tuo odio per una professione ("il videotecario") ti annebbi l cervello, ma comunque sia, peggio per te.



            Forse non ho capito che cosa vuoi dire qui.

            Osiris è <b
            uno dei pochi </b


            progetti informatici riconosciuto in tutto il

            mondo?



            Ma dai, non farmi ridere. :D

            te l'ho detto che non sai di cosa stai
            discutendo, non hai la minima idea neanche di
            cosa è e neanche cosa faccia dalle tue
            risposteTutti gli altri, invece capiscono benissimo che cosa dico. Certo, per te un programma come Osiris è uno dei pochi progetti informatici conosciuto in tutto il mondo. D'altronde GNU/Linux, Window, OpenOffice, Apache, il GCC/G++, Tor, Freenet, I2P, Firefox, Microsoft Word, Mac, il PHP ecc... sono tutti software molto meno conosciuti di osiris che è uno dei pochi progetti informatici meravigliosi e perfetti dell'universo... (rotfl)Ma và a nasconderti vai vai...
          • Ziomik scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            - Scritto da: DemoneRosso
            Ricordo che è uno dei pochi progetti informatici
            riconosciuto in tutto il
            mondo.Aggiungo pochi progetti informatici ITALIANI riconosciuto in tutto il mondo.
        • krane scrive:
          Re: Basta essere anonimi
          - Scritto da: Laflaire
          Eh qui ti sbagli...gran parte dei sorgenti è già
          stata rilasciata (circa l'80 percento o più mi
          pare) e a breve sembra che, con il rilascio della
          1.0, verrà reso pubblico il 100%.Quando sara' al 100% allora, dopo attenta analisi, si iniziera' a tenerlo in considerazione. Ripassa pure.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Basta essere anonimi
      pfff, ancora con lo spam su PI di questo programma di XXXXXbuttalo nel XXXXX e tira l'acqua
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Basta essere anonimi
        contenuto non disponibile
        • Laflaire scrive:
          Re: Basta essere anonimi
          La prova? Il sito http://www.osiris-sps.org/ è fatto con Osiris :)
        • DemoneRosso scrive:
          Re: Basta essere anonimi
          spettacolare, lo uso tutti i giorni
          • Tipo scrive:
            Re: Basta essere anonimi
            - Scritto da: DemoneRosso
            spettacolare, lo uso tutti i giorniQuesto commento mi sembra così com'è (troll3) scritto da Laflaire (troll1)
        • lul scrive:
          Re: Basta essere anonimi
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: Nome e cognome

          pfff, ancora con lo spam su PI di questo

          programma di

          XXXXX

          buttalo nel XXXXX e tira l'acqua

          qualcuno l'ha usato in modo approfondito?
          Io no (non ho voglia/tempo), però mi sembra un
          progettino interessante, sulla
          cartal'ho provato, molto acerbo ma con buone potenzialità, se veramente diventa open source dalla 1.x come dicono sul sito è una buona opportunità
      • Laflaire scrive:
        Re: Basta essere anonimi
        Al troll non si comanda :D
  • unaDuraLezione scrive:
    Il link è definitivamente illegale?
    contenuto non disponibile
    • eyaoh scrive:
      Re: Il link è definitivamente illegale?
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se no, perché han chiuso italianshare?
      Se sì, perché google è ancora aperto? Se un
      supermercato vende genericamente di tutto *E*
      vende anche cose illegali, lo fanno chiudere
      esattamente come chi vende *SOLO* cose illegali.
      O sbaglio?in teoria sarebbe come dici, peccato che in pratica lo scopo delle leggi e del cosiddetto "diritto" è solo quello di garantire il perpetuarsi dell'oppressione dei "forti" sui "deboli"... altro che "legge uguale per tutti" o fini di giustizia!...
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Il link è definitivamente illegale?
        contenuto non disponibile
        • pignolo scrive:
          Re: Il link è definitivamente illegale?
          Questa storia dei link illegali non mi convince...Su quali leggi si basa?E poi è virale? Voglio dire un link ad una pagina che contiene link a materiale protetto da diritti d'autore, diventerebbe anch'esso illegale o no? Se no, basta usare un redirect da un altro sito, oppure in questo caso non conta come pagina diversa?E se sulla pagina/sito non fosse presente in alcun modo il link completo, ma ci fossero delle informazioni con cui poter ricavare l'indirizzo vero e proprio? O ancora meglio se l'url completo fosse diviso in più parti su siti diversi?
          • say no scrive:
            Re: Il link è definitivamente illegale?
            - Scritto da: pignolo
            Questa storia dei link illegali non mi convince...non solo a te ;-)
            Su quali leggi si basa?sulla legge del più forte...
            E poi è virale? Voglio dire un link ad una pagina
            che contiene link a materiale protetto da diritti
            d'autore, diventerebbe anch'esso illegale o no?dipende... sei sei google non è illegale, anzi è un contributo all'innovazione, se sei italianshare è un reato con aggravante...
            Se no, basta usare un redirect da un altro sito,
            oppure in questo caso non conta come pagina diversa?
            E se sulla pagina/sito non fosse presente in
            alcun modo il link completo, ma ci fossero delle
            informazioni con cui poter ricavare l'indirizzo
            vero e proprio? O ancora meglio se l'url completo
            fosse diviso in più parti su siti diversi?dipende... da come le "autorità" interpretano la cosa: se hanno davanti google si abbassano le mutande, se hanno davanti me o te le fanno abbassare a noi...ma non lo sapevi che siamo tutti uguali e la legge è uguale per tutti?... e che qualcuno è più uguale degli altri e la legge per alcuni è più uguale di altri?...
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Il link è definitivamente illegale?
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se no, perché han chiuso italianshare?
      Se sì, perché google è ancora aperto? Se un
      supermercato vende genericamente di tutto *E*
      vende anche cose illegali, lo fanno chiudere
      esattamente come chi vende *SOLO* cose illegali.
      O
      sbaglio?Senti ma lui avrà ricevuto una lettera dell'ufficiale giudiziario in cui c'è scritto di quali reati è accusato. Da quelle si può partire con il ragionamento. Non parlando di "divieto di link" come fa punto informatico.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Il link è definitivamente illegale?
        contenuto non disponibile
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Il link è definitivamente illegale?
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Ok.
          Mi vedi vestito da lui?Perché da lui ci vai nudo? Non sapevo neanche che lo conoscessi.
      • lul scrive:
        Re: Il link è definitivamente illegale?
        non credo, dalla mia personale esperienza peima sequestrano e bloccano il sito, poi ti arriva a casa la lettera con le presunte infrazioni commesse, se da subito non ti affidi ad un avvocato non vedrai mai più i computers
    • pippo75 scrive:
      Re: Il link è definitivamente illegale?
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se no, perché han chiuso italianshare?
      Se sì, perché google è ancora aperto?Siamo in italia, tutto può essere illegale. Anche una fotografia.Se poi hai gli appoggi giusti e gli avvocati buoni allora cambia tutto.In perfetta regole esistono pochissime cose, solo che in genere si fa finta di niente, quando scappa la denuncia. ( lasciamo stare ).
    • CastigaTrol l scrive:
      Re: Il link è definitivamente illegale?
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se no, perché han chiuso italianshare?
      Se sì, perché google è ancora aperto? Se un
      supermercato vende genericamente di tutto *E*
      vende anche cose illegali, lo fanno chiudere
      esattamente come chi vende *SOLO* cose illegali.
      O
      sbaglio?Perchè Google ha un sacco di soldi.
  • oltre scrive:
    STORIE
    In italia la storia si ripete sempre....
  • fagotto scrive:
    Argomentazioni poco convincenti
    I banner sul sito facevano centinaia o addirittura migliaia di euro al mese (parole sue), le donazioni non è dato sapere ma di sicuro avranno contribuito, e il signore si sorprende che il suo sito sia catalogato essere a fini di lucro? E vuole farmi credere che i proventi non fossero sufficienti a ripagare l'hosting di un forum... un pelo di rispetto per un sito letto da chi con l'informatica ci lavora , perdiana.Sono stanco di sentire persone che si dichiarano colpevoli e che contemporaneamente si trincerano dietro al "Si però la mia è poca roba, c'è chi fa peggio di me".
    • lul scrive:
      Re: Argomentazioni poco convincenti
      - Scritto da: fagotto
      I banner sul sito facevano centinaia o
      addirittura migliaia di euro al mese (parole
      sue), le donazioni non è dato sapere ma di sicuro
      avranno contribuito, e il signore si sorprende
      che il suo sito sia catalogato essere a fini di
      lucro? E vuole farmi credere che i proventi non
      fossero sufficienti a ripagare l'hosting di un
      forum... un pelo di rispetto per un sito letto da
      chi con l'informatica ci lavora ,
      perdiana.

      Sono stanco di sentire persone che si dichiarano
      colpevoli e che contemporaneamente si trincerano
      dietro al "Si però la mia è poca roba, c'è chi fa
      peggio di
      me"."Se italianshare incassa 300/400 euro, ma anche 1000 euro al mese dai banner si fanno processi, se google incassa milioni di euro è lecito perché indicizza genericamente."sono stanco di persone che colpevolizzano chi tenta di ritagliarsi un angolino senza ledere nessuno, cercando di aggirare leggi senza nessun senso fatte per far campare entità come siae e soci
      • fagotto scrive:
        Re: Argomentazioni poco convincenti
        Curioso, stai suggerendo che si può scegliere quali leggi vadano seguite e quali considerare inutili? La penseresti nello stesso modo se qualcuno venisse e ti imbrattasse il muro di casa con i fatti suoi, se lui crede che le leggi anti graffiti limitino la sua libertà di esprimersi?Per fare e disfare le leggi si passa dal parlamento, non dalle personali opinioni di ciascuno.
        • lul scrive:
          Re: Argomentazioni poco convincenti
          - Scritto da: fagotto
          Curioso, stai suggerendo che si può scegliere
          quali leggi vadano seguite e quali considerare
          inutili? La penseresti nello stesso modo se
          qualcuno venisse e ti imbrattasse il muro di casa
          con i fatti suoi, se lui crede che le leggi anti
          graffiti limitino la sua libertà di
          esprimersi?

          Per fare e disfare le leggi si passa dal
          parlamento, non dalle personali opinioni di
          ciascuno.dal parlamento? per anni ha sfornato leggi adpersonam e le proposte di legge (o leggi) sull'argomento in questione sono state scritte da presidente della siae o comunque appartenenti al mondo delle majors come si è visto nello scandalo carlucci, quindi citami qualcosa di decisamente più serio del parlamento italiano o trovami un modo alternativo per far cambiare le leggi idiote altrimenti potrei pensare che sei un videotecaro
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            Il concetto non cambia. Siamo in una democrazia, se sei convinto delle tue ragioni proponi e proponiti per la lista del partito pirata europeo dell'altra notizia, o fanne uno tuo. Rimane il fatto che (grazie a dio) l'anarchia e l'autogestione non è accettatabile.
          • lul scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            - Scritto da: fagotto
            Il concetto non cambia. Siamo in una democrazia,
            se sei convinto delle tue ragioni proponi e
            proponiti per la lista del partito pirata europeo
            dell'altra notizia, o fanne uno tuo. Rimane il
            fatto che (grazie a dio) l'anarchia e
            l'autogestione non è
            accettatabile.come no, guarda internet, funziona da dio, il sistema si ingrippa solamente quando majors e politici intendono metterci le mani sopra, per fortuna gli unici a dare retta a sta gente sono i videotechini e ruppolo
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            Puoi accampare tutte le motivazioni del mondo, ruppolo o SIAE compresi. Rimane il fatto che non si può scegliere che regole seguire e non seguire e pretendere di non avere conseguenze per questo.
          • CastigaTrol l scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            - Scritto da: fagotto
            Puoi accampare tutte le motivazioni del mondo,
            ruppolo o SIAE compresi. Rimane il fatto che non
            si può scegliere che regole seguire e non seguire
            e pretendere di non avere conseguenze per
            questo.E a te questa chi te l'ha raccontata??Apri gli occhi, basta guardare ai nostri politicanti per rendersi conto che è falso.
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            Torna al bar a parlare di calcio, che fai una figura migliore.
          • krane scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            - Scritto da: fagotto
            Torna al bar a parlare di calcio, che fai una
            figura migliore.Allora tu contestualizza: facci qualche esempio di cio' di cui stai dicendo: un politico italiano punito duramente per aver truffato il paese.
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            Forse non sono stato chiaro: che diamine c'entrano ora i politici? O, come ho appunto scritto nel messaggio di apertura, si vuole far passare il concetto che il "Si però la mia è poca roba, c'è chi fa peggio di me" è una scusa morale valida che permette qualunque abuso, tanto c'è sempre chi ha fatto di peggio?Le regole esistono, scegliere arbitrariamente quelle degne di essere seguite e quelle che non lo sono è sbagliato e non può essere giustificato. Il fatto che potenti di vario titolo cerchino di sfuggire alla giustizia è una caratteristica endemica della società che deve essere stigmatizzata, non assimilata e usata come giustificazione, per Dio!!Se non si trovano corrette le regole non si pretende che le regole non valgano, si usano gli strumenti propri della democrazia. Altrimenti è l'anarchia.
          • krane scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            - Scritto da: fagotto
            Forse non sono stato chiaro: che diamine
            c'entrano ora i politici? O, come ho appunto
            scritto nel messaggio di apertura, si vuole far
            passare il concetto che il "Si però la mia è poca
            roba, c'è chi fa peggio di me" è una scusa morale
            valida che permette qualunque abuso, tanto c'è
            sempre chi ha fatto di peggio?No, si cercano degli esempi e se ne trovano sempre di negativi, io cittadino posso anche essere virtuoso, ma se nessun grande lo e' il mio impegno diviene completamente invisibile, anzi passo per il fesso. Cosi' e' in italia.
            Le regole esistono, scegliere arbitrariamente
            quelle degne di essere seguite e quelle che non
            lo sono è sbagliato e non può essere
            giustificato.Le regole c'erano anche quando si trattava di avere degli schiavi eh, era tutto a norma di legge cosa credi ?Il problema compare quando chi fa le leggi le fa per mero interesse.
            Il fatto che potenti di vario titolo cerchino
            di sfuggire alla giustizia è una caratteristica
            endemica della società che deve essere
            stigmatizzata, non assimilata e usata come
            giustificazione, per Dio!!Non si puo' fare dal basso, a meno di una rivoluzione violenta, come ho detto sopra la virtuosita' di un cittadino non serve ed e' invisibile.
            Se non si trovano corrette le regole non si
            pretende che le regole non valgano, si usano gli
            strumenti propri della democrazia. Altrimenti è
            l'anarchia.Oppure il corporativismo, come in questo caso. Il problema e' che gli stumenti propri della democrazia sono stati notevolmente spuntati da chi e' al governo, guarda a cosa sono servite tante manifestazioni pacifiche e raccolte di firme riguardo a legalizzazione, parlamento pulito, tav, ecc...
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti
            Forse non sono stato chiaro: che diamine c'entrano ora i politici? O, come ho appunto scritto nel messaggio di apertura, si vuole far passare il concetto che il "Si però la mia è poca roba, c'è chi fa peggio di me" è una scusa morale valida che permette qualunque abuso, tanto c'è sempre chi ha fatto di peggio?Le regole esistono, scegliere arbitrariamente quelle degne di essere seguite e quelle che non lo sono è sbagliato e non può essere giustificato. Il fatto che potenti di vario titolo cerchino di sfuggire alla giustizia è una caratteristica endemica della società che deve essere stigmatizzata, non assimilata e usata come giustificazione, per Dio!!Se non si trovano corrette le regole non si pretende che le regole non valgano, si usano gli strumenti propri della democrazia. Altrimenti è l'anarchia.
    • say no scrive:
      Re: Argomentazioni poco convincenti
      - Scritto da: fagotto
      I banner sul sito facevano centinaia o
      addirittura migliaia di euro al mese (parole
      sue), le donazioni non è dato sapere ma di sicuro
      avranno contribuito, e il signore si sorprende
      che il suo sito sia catalogato essere a fini di
      lucro? se non sei in malafede, rileggi BENE cosa ha dichiarato... non si sorprende di essere a fini di lucro, si sorprende perché ALTRI siti a fini di lucro che indicizzano tanto quanto se non più del suo sarebbero legali, mentre non si capisce perché il suo non dovrebbe esserlo...
      E vuole farmi credere che i proventi non
      fossero sufficienti a ripagare l'hosting di un
      forum... e la banda per fare sharing video pensi che te la danno gratis?
      un pelo di rispetto per un sito letto da
      chi con l'informatica ci lavora, perdiana.un po' di rispetto per l'intelligenza altrui, grazie.
      Sono stanco di sentire persone che si dichiarano
      colpevoli
      e che contemporaneamente si trincerano
      dietro al "Si però la mia è poca roba, c'è chi fa
      peggio di me".se non sei in malafede (e a questo punto inizio a dubitarne), rileggi bene: non si dichiara colpevole di nulla
      • fagotto scrive:
        Re: Argomentazioni poco convincenti

        e la banda per fare sharing video pensi che te la danno gratis?Tu non hai capito cosa faceva italianshare, vero? Tranquillo: te lo spiego io: sul server di italianshare non c'era un solo byte di materiale protetto da copyright. Nessun traffico oltre all'HTML delle pagine e relative immagini, icone e banner. Un sito come questo richiede poche centinaia di euro all'anno, esagerando.
        rileggi bene: non si dichiara colpevole di nullacopio/incollo:Se italianshare incassa 300/400 euro, ma anche 1000 euro al mese dai banner si fanno processi, se google incassa milioni di euro è lecito perché indicizza genericamente. Oh! Che bella la vita!Traduzione: Si, io guadagno dal sito, ma c'è gente che guadagna di più, quindi loro sbagliano di più e non dovete punire me ma loro.A prescindere dal fatto che, obiettivamente, google e italianshare NON fanno la stessa cosa (altrimenti italianshare non avrebbe motivo di esistere), il ragionamento è fondamentalmente fallace.
        se non sei in malafede Uhm, scusa se mi facco i fatti tuoi, ma ipotizzare che chi non la pensi come te sia in malafede può essere un sintomo preoccupante.
        • say no scrive:
          Re: Argomentazioni poco convincenti
          - Scritto da: fagotto
          Tu non hai capito cosa faceva italianshare, vero?l'ho capito benissimo
          Tranquillo: te lo spiego io: sul server di
          italianshare non c'era un solo byte di materiale
          protetto da copyright. Nessun traffico oltre
          all'HTML delle pagine e relative immagini, icone
          e banner. Un sito come questo richiede poche
          centinaia di euro all'anno, esagerando.in teoria. in pratica non è detto (sai chi faceva l'hosting? conosci il contratto che aveva italianshare?)

          rileggi bene: non si dichiara colpevole di
          nulla

          copio/incollo:
          Se italianshare incassa 300/400 euro, ma anche
          1000 euro al mese dai banner si fanno processi,
          se google incassa milioni di euro è lecito perché
          indicizza genericamente. Oh! Che bella la vita!

          Traduzione: Si, io guadagno dal sito, ma c'è
          gente che guadagna di più, quindi loro sbagliano
          di più e non dovete punire me ma
          loro.no scusa. questa è SOLO la tua personale interpretazione. l'unica cosa che viene ammessa è quella di guadagnare pochi soldini dal sito. punto.dato che sei così bravo, anziché interpretare, perché non copi/incolli un bel virgolettato in cui tex ammette un qualsiasi reato (non dove ammette di guadagnare due soldi, la qualcisa non mi pare proprio sia un reato)
          A prescindere dal fatto che, obiettivamente,
          google e italianshare NON fanno la stessa cosanon mi pare mica così ovvio: google pubblica dei link, italianshare pure
          (altrimenti italianshare non avrebbe motivo di
          esistere) ma quando mai! è come dire che in una stessa via non possono esserci mica due bar perché entrambi fanno caffè e cappuccini e il secondo non avrebbe motivo di esistere...
          , il ragionamento è fondamentalmente
          fallace.si. il tuo.

          se non sei in malafede
          Uhm, scusa se mi facco i fatti tuoi, ma
          ipotizzare che chi non la pensi come te sia in
          malafede può essere un sintomo preoccupante.ok. se dici che non lo sei bene, non ne dubito.solo che allora... cosa si dovrebbe pensare sull'origine di questi tuoi "ragionamenti"? ,-)
          • fagotto scrive:
            Re: Argomentazioni poco convincenti

            in teoria. in pratica non è detto (sai chi faceva l'hosting?
            conosci il contratto che aveva italianshare?)Andiamo, se lui pagava 1000 euro al mese di hosting per un forum è un problema suo e di chi lo truffa, il costo di mercato del servizio in questione è quello che ti ho detto e mi pare tu lo sappia.
            no scusa. questa è SOLO la tua personale interpretazione. l'unica cosa
            che viene ammessa è quella di guadagnare pochi soldini dal sito. punto.Ovvero, ammette che il sito è a scopo di lucro, il "pochi soldini" è opinabile quanto il resto. Mi pare stiamo dicendo la stessa cosa. Ad ogni modo, vediamo di fare ancora qualche copia incolla...
            Poi c'è la questione dello scopo di lucro, ricavare soldi dai banner non è lecito
            italianshare e siti simili quindi DDU e tutti gli altri non sono legali, banner o non banner
            Siti come ITALIANSHARE, DDU e tanti altri non sono legali perché danno informazioni dettagliate
            i siti come italianshare sono illegaliSe poi vuoi credere alla favoletta che lui abbia "scoperto" di non essere nella legalità cadendo dalla pianta il giorno in cui la postale gli ha suonato alla porta, liberissimo. Io e chiunque abbia letto le numerose ed approfondite discussioni su IS a riguardo, no.
            non mi pare mica così ovvio: google pubblica dei link, italianshare pureOK, italian share e google sono la stessa cosa, qualcuno lo dica a Mountain View, che gli hanno tolto un pericoloso concorrente dalle balle! :DScherzi a parte, Anche Tex sostiene che non facciano la stessa cosa ("con i siti come google questo capita spesso, con i siti come ITALIANSHARE MAI"), quindi non vedo perchè insistere.
            cosa si dovrebbe pensare sull'origine di questi tuoi "ragionamenti"? ,-)Aridaje. Ti do una notizia shock: nella vita incontrerai moltissime persone che pensano, ragionano e traggono conclusioni diametralmente opposte alle tue, su ogni tematica esistente. Ma questo non implica che siano venduti/collusi/vattelapesca.
  • stefano sal scrive:
    dichiarazioni
    come al solito la spagna che ha un vero governo democratico da pochi anniè piu avanti di noi.continuiamo a farci del male da soli.le persone in buona fede vengono maltrattate perchè credono ancora nel diritto di parola e che le cose si risolvano con la sincerita', come tex che non ha scheletri nell'armadio da nascondere.evidentemente italianshare dava fastidio a qualcuno, perchè oltre all'indagine della gdf cè stata una denuncia a monte.
  • pignolo scrive:
    correzione
    ce n'è sono --
    ce ne sono
  • Snk scrive:
    Ehh bhe
    tanto poco cambia.. io stesso sono stato fondatore di una board che ora come ora conta circa 6000 iscritti e circa 240000 topic. Per mancanza di tempo mi sono tolto dal ruolo di admin e ora seguo il tutto in modo superficiale.Credo che la differenza sostanziale tra il tuo sito e il "nostro" è che noi siamo anonimi, a numero chiuso e le iscrizioni si aprono solo per X tempo e solo tramite passaparola. Non siamo indicizzati in google e sopravviviamo tramite donazioni degli utenti.Da esperto informatico ho puntato i piedi sin da subito per NON apparire nei motori di ricerca. Questo è il segreto che ci fa ancora sopravvivere.. cercate di rimanere nell'anonimato è l'unica soluzione per scampare alle fiamme gialle che, per dirla tutta sono talmente indietro che mi fan venir da ridere..SalutiSnk p.s. giusto per info, sono dietro 2 proxy, wifi pubblica di un utente sprovveduto, in una città a 70km dal mio paese e volendo ho cambiato anche il macaddress, quindi se a qualche finanziere è venuta in mente l'idea di chiedere l'ip a quelli di puntoinformatico.. bhe.. evita lo sbattimento va..
    • Findi scrive:
      Re: Ehh bhe
      - Scritto da: Snk
      tanto poco cambia.. io stesso sono stato
      fondatore di una board che ora come ora conta
      circa 6000 iscritti e circa 240000 topic. Per
      mancanza di tempo mi sono tolto dal ruolo di
      admin e ora seguo il tutto in modo
      superficiale.
      Credo che la differenza sostanziale tra il tuo
      sito e il "nostro" è che noi siamo anonimi, a
      numero chiuso e le iscrizioni si aprono solo per
      X tempo e solo tramite passaparola. Non siamo
      indicizzati in google e sopravviviamo tramite
      donazioni degli
      utenti.
      Da esperto informatico ho puntato i piedi sin da
      subito per NON apparire nei motori di ricerca.
      Questo è il segreto che ci fa ancora
      sopravvivere.. cercate di rimanere nell'anonimato
      è l'unica soluzione per scampare alle fiamme
      gialle che, per dirla tutta sono talmente
      indietro che mi fan venir da
      ridere..

      Saluti

      Snk

      p.s. giusto per info, sono dietro 2 proxy, wifi
      pubblica di un utente sprovveduto, in una città a
      70km dal mio paese e volendo ho cambiato anche il
      macaddress, quindi se a qualche finanziere è
      venuta in mente l'idea di chiedere l'ip a quelli
      di puntoinformatico.. bhe.. evita lo sbattimento
      va..ah ah ah...spero che tu abbia creato anche un indirizzo di posta solo per lasciare questo messaggio (senza autenticazione tel) e che tu abbia anche usato la navigazione anonima, altrimenti tutto il resto non ti è servito a nulla!:-)Ciao Aker!
      • fagotto scrive:
        Re: Ehh bhe
        Protip: il "nr:" davanti al nome sta per "Non Registrato"
        • Snk scrive:
          Re: Ehh bhe
          appunto.. :| in ogni caso esistono N mila generatori di fake email, quindi poco cambierebbe..
          • Kit Carson scrive:
            Re: Ehh bhe
            - Scritto da: Snk
            appunto.. :| in ogni caso esistono N mila
            generatori di fake email, quindi poco
            cambierebbe..Lascia stare, findi crede che basti un avatar di tux per far credere che non sia un utonto.
          • Snk scrive:
            Re: Ehh bhe
            Si ma poi obbiettivamente non bisogna essere un "aker" per usare 2 proxy e una wlan aperta... avessi detto che ho craccato una WEP/WPA/WPA2 allora sarebbe n'altra cosa, anche se poco ci vuole a farlo..
    • The Dude scrive:
      Re: Ehh bhe
      - Scritto da: Snk
      tanto poco cambia.. io stesso sono stato
      fondatore di una board che ora come ora conta
      circa 6000 iscritti e circa 240000 topic. Per
      mancanza di tempo mi sono tolto dal ruolo di
      admin e ora seguo il tutto in modo
      superficiale.
      Credo che la differenza sostanziale tra il tuo
      sito e il "nostro" è che noi siamo anonimi, a
      numero chiuso e le iscrizioni si aprono solo per
      X tempo e solo tramite passaparola. Non siamo
      indicizzati in google e sopravviviamo tramite
      donazioni degli
      utenti.
      Da esperto informatico ho puntato i piedi sin da
      subito per NON apparire nei motori di ricerca.
      Questo è il segreto che ci fa ancora
      sopravvivere.. cercate di rimanere nell'anonimato
      è l'unica soluzione per scampare alle fiamme
      gialle che, per dirla tutta sono talmente
      indietro che mi fan venir da
      ridere..

      Saluti

      Snk

      p.s. giusto per info, sono dietro 2 proxy, wifi
      pubblica di un utente sprovveduto, in una città a
      70km dal mio paese e volendo ho cambiato anche il
      macaddress, quindi se a qualche finanziere è
      venuta in mente l'idea di chiedere l'ip a quelli
      di puntoinformatico.. bhe.. evita lo sbattimento
      va..Hai fatto bene a scrivere questo p.s., in questo momento ci saranno milioni di finanzieri che si stanno dando delle botte in testa perchè sei riuscito a far perdere le tue traccie ancora una volta!!!!Hahahaha!!!!
      • Snk scrive:
        Re: Ehh bhe
        Obbiettivamente essendo il fondatore di uno dei più grossi forum p2p in Italia mi paro "semplicemente" il XXXX. Idem per il fatto che posseggo qualcosa come 4Tb di materiale a detta "illegale". Non stò di certo a tirarmela.. nel mio post ho solo dato dei semplici consigli su come evitare spiacevoli conseguenze. Io sinceramente preferisco essere sicuro al 100% piuttosto che beccarmi una denuncia. Poi se a voi piace rischiare np, a me cambia poco o nulla..
        • DemoneRosso scrive:
          Re: Ehh bhe
          in ogni caso il problema principale rimane, le donazioni lasciano tracce e paypal fa controlli e pure la finanza sopratutto se non dichiari...
          • FDG scrive:
            Re: Ehh bhe
            - Scritto da: DemoneRosso
            in ogni caso il problema principale rimane, le
            donazioni lasciano tracce e paypal fa controlli e
            pure la finanza sopratutto se non
            dichiari...IMHO secondo me il modo più sicuro è fare tutto in modo da rispettare la legge come fanno altri, pur dando agli utenti la responsabilità del loro operato. Cioè, se nella legge trovi un buco, e di buchi il software ne genera parecchi, puoi pure avere nome, cognome e recapiti del gestore sulla home page. Anzi, perché nascondersi se fai un'attività legale?
          • fagotto scrive:
            Re: Ehh bhe
            Per quello c'è il bitcoin.
    • fagotto scrive:
      Re: Ehh bhe
      Immagino che le impronte te le sarai già fatte cancellare da mo', se no sai, con i satelliti spia leggono le traccie lasciate sulla tastiera....
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Ehh bhe
      - Scritto da: Snk
      p.s. giusto per info, sono dietro 2 proxy, wifi
      pubblica di un utente sprovveduto, in una città a
      70km dal mio paese e volendo ho cambiato anche il
      macaddressE magari mentre scrivevi indossavi anche la maschera di zorro.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Ehh bhe
        contenuto non disponibile
      • Snk scrive:
        Re: Ehh bhe
        lol no, però potrebbe essere interessante :D
        • krane scrive:
          Re: Ehh bhe
          - Scritto da: Snk
          lol no, però potrebbe essere interessante :DEh, c'e' il bug di flash che ti accende la telecamera ;)
          • Kit Carson scrive:
            Re: Ehh bhe
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Snk

            lol no, però potrebbe essere interessante :D

            Eh, c'e' il bug di flash che ti accende la
            telecamera
            ;)Sì, ma lui ne usa una dismessa dai fratelli Lumière, non so se il bug funzioni con quel modello :-P
          • Snk scrive:
            Re: Ehh bhe
            Ma l'auto-update di flash che ti apre una finestrella avvisandoti che c'è un nuovo aggiornamento ce l'ho solo io? non credo, è automatico.. e noscript per evitare inutile spreco di banda nel caricare pubblicità in flash di cui non me ne frega una mazza, lo uso solo io?
          • I did it for the lulz scrive:
            Re: Ehh bhe
            in realtà non era nemmeno un bug del plugin Flash, era un clickjacking realizzato "iframeando" il centro di controllo all'interno di una pagina web e facendo clickare all'utente, in sequenza, tutti i comandi per garantire l'acXXXXX alla webcam per il sito, quindi, la correzione non è stata fatta sul plugin, ma sul sito di Adobe.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Ehh bhe
      Interessante, la tua affermazione mi ha riportato alla mente questo "meme" [img]http://s3.amazonaws.com/kym-assets/photos/images/original/000/131/714/7proxies.PNG[/img]:D
    • logicaMente scrive:
      Re: Ehh bhe
      - Scritto da: Snk
      p.s. giusto per info, sono dietro... giusto per info, hai mica anche uno scolapasta in testa?
  • mirkul scrive:
    La differenza con google

    Siti come ITALIANSHARE che non si fanno pagare non sono legaliE le donazioni??? Dai, non prendiamoci in giro, quello è il motivo di tutto questo movimento (oltre alla scarsa attenzione del soggetto)Lo sanno tutti che l'argomento è scottante e oltre alla poca perizia sui nomi e le location del server, si va pure a chiedere donazioni? Perché non sai che i soldi sono la cosa più rintracciabile al mondo??
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: La differenza con google
      - Scritto da: mirkul

      Siti come ITALIANSHARE che non si fanno pagare
      non sono
      legali

      E le donazioni???Sono spontanee non obbligatorie, c'è la stessa differenza tra il rapinatore e quello che chiede l'elemosina, in entrambi i casi dai soldi senza ricevere nulla in cambio ma solo in uno dei due lo fai di tua volontà.
  • permettimi. .. scrive:
    permettimi...
    ... per esserci tutta questa legalità, che motivo ci sarebbe di avere dei prestanome per le donazioni paypal e per il contratto dei server (sempre se è vero)
    • krane scrive:
      Re: permettimi...
      - Scritto da: permettimi. ..
      ... per esserci tutta questa legalità, che motivo
      ci sarebbe di avere dei prestanome per le
      donazioni paypal e per il contratto dei server
      (sempre se è vero)Sempre se sia vero: se le leggi italiane a proposito fossero chiare, in effetti, non ce ne sarebbe nessun bisogno.
      • Fininsvest scrive:
        Re: permettimi...
        senza contare che all'estero costano meno i server/banda :D
        • permettimi. .. scrive:
          Re: permettimi...
          - Scritto da: Fininsvest
          senza contare che all'estero costano meno i
          server/banda
          :Dè vero ma li puoi benissimo prendere a nome tuo...
          • DemoneRosso scrive:
            Re: permettimi...
            ma in genere si prendono a nome proprio ma si usano servizi di protezione della privacy perchè a nessuno fa piacere vedere dare i propri numeri di telefono al mondo
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: permettimi...
      - Scritto da: permettimi. ..
      ... per esserci tutta questa legalità, che motivo
      ci sarebbe di avere dei prestanome per le
      donazioni paypal e per il contratto dei server
      (sempre se è vero)Sempre se è vero, perché qualcuno non si fa i fatti propri e ti incrimina e sequestra tutto anche se sei nella legalità, poi per riavere tutto se ne parla dopo anni, FORSE.Il problema è che se accedi a quell'account paypal con il tuo IP, la copertura se n'è andata a farsi friggere. Per questo parlo di idea furba ma messa in pratica da un pollo fesso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2011 20.30-----------------------------------------------------------
  • Yurih M scrive:
    Bha.
    Peccato che a queste parole non ci crede nessuno
  • Findi scrive:
    Par condicio....
    Complimenti alla redazione, mi sembrava giusto leggere anche il parere del diretto interessato.Mi dispiace per chi si era immaginato irruzioni delle teste di cuoio, sparatorie e data center da milioni di dollari....:-)
    • Karl Marx scrive:
      Re: Par condicio....
      - Scritto da: Findi
      Complimenti alla redazione, mi sembrava giusto
      leggere anche il parere del diretto
      interessato.

      Mi dispiace per chi si era immaginato irruzioni
      delle teste di cuoio, sparatorie e data center da
      milioni di
      dollari....
      Complimenti si!
      :-)
Chiudi i commenti