Intel taglia il prezzo di Centrino

Il chipmaker dà una sforbiciata ai processori mobile Pentium M e alle soluzioni wireless integrate basate su Centrino. In arrivo una nuova generazione di CPU a basso consumo


Santa Clara (USA) – Intel ha ridotto il prezzo dell’intera sua gamma di processori mobile Pentium M e delle soluzioni integrate basate sulla piattaforma Centrino.

I tagli relativi ai Pentium M sono direttamente proporzionali alla loro frequenza di clock e vanno dal 34% del modello a 1,7 GHz (che ora costa 423$) al 12% del modello a 1,4 GHz (209$). I prezzi dei due modelli intermedi a 1,6 GHz e 1,5 GHz sono invece scesi rispettivamente del 31% (294$) e del 18% (241$).

I ribassi che hanno interessato i package Centrino, composti da un processore Pentium M, un chipset i855 e un adattatore WLAN WirelessPro 802.11b, partono dal 30% (497$) della versione con CPU a 1,7 GHz per arrivare all’1% della versione con chip a 1,3 GHz (285$). Le soluzioni Centrino basate invece su Pentium M Low Voltage e Ultra-low Voltage sono state tutte scontate dell’1% e vanno dai 358$ della versione con processore a 1,2 GHz ai 315$ del pacchetto con chip a 900 MHz.

Questi primi tagli di prezzo aprono la strada all’arrivo di Dothan , nome in codice della prossima evoluzione di Pentium M. Questo chip, atteso sul mercato per il primo trimestre del 2004, sarà costruito con un processo a 90 nanometri, adotterà una cache da 2 MB e sarà ancora basato si di un bus di sistema a 400 MHz. Il primo modello, il cui prezzo stimato è di circa 640$, dovrebbe funzionare ad 1,8 GHz.

Il prossimo 26 ottobre Intel ha pianificato il taglio dei prezzi della famiglia di processori Pentium 4, inclusa la linea mobile.

(Tutti i prezzi riportati s’intendono per ordini di 1.000 unità).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'elettricità..........
    .........inizia a rendere poco. Inventiamoci quindi un'altra stronzata per spillare quattrini alla gente. Praticamente, dati i costi stimati, pagherete la vs. batteria odierna ricaricabile, 20 volte di più.
  • Anonimo scrive:
    Bellissimo!!!
    L'idea è rivoluzionaria. Ma cosa aspettano a utilizzare le celle a combustibile anche per le automobili (un bel pieno di metanolo e via) (ovviamente bisogna avere il motore elettrico!!!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Bellissimo!!!
      il problema e` che una batteria a celle di combustibile eroga   una potenza pressoche` costante, il motore di un`auto invece richede una potenza variabile a seconda delle condizioni del traffico
  • Whishper scrive:
    Domanda di fisica:
    Non ho mai capito se la capacità delle batterie si misura in Ampere*secondo o in Watt*secondoPersonalmente credo in Watt*secondo, ma ho visto in tutte quelle che acquisto la dicitura in mAmpere*ora...correggetemi se sbaglio, ma forse perchè è scontato il voltaggio di alimentazione?grazie per eventuali risposte
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda di fisica:
      - Scritto da: Whishper
      Non ho mai capito se la capacità delle
      batterie si misura in Ampere*secondo o in
      Watt*secondo
      Personalmente credo in Watt*secondo, ma ho
      visto in tutte quelle che acquisto la
      dicitura in mAmpere*ora...Il modo più corretto è usare il Wh (wattora) che esprime la quantità di energia disponibile o per grandezze superiori il più noto KWh (chilowattora=1000Wh).Se la tensione di batteria è nota e standardizzata come nelle batterie per auto è lecito l'uso del Ah (amperora), grandezza comunque facilmente convertibile in Wh.Una batteria da auto nuova da 60Ah per esempio è capace di fornire 60Ah*12V=720Wh di energia.Tamerlano
      • exsinistro scrive:
        Risposta da elettrico
        - Scritto da: Anonimo

        Il modo più corretto è usare il Wh (wattora)
        che esprime la quantità di energia
        disponibile o per grandezze superiori il più
        noto KWh (chilowattora=1000Wh).

        Se la tensione di batteria è nota e
        standardizzata come nelle batterie per auto
        è lecito l'uso del Ah (amperora), grandezza
        comunque facilmente convertibile in Wh.
        Una batteria da auto nuova da 60Ah per
        esempio è capace di fornire 60Ah*12V=720Wh
        di energia.

        TamerlanoAi Ai temerlano, non è proprio così.Il modo esatto è Ah (ampèrora) proprio come sta scritto sulle batterie e nella letteratura elettrotecnica.La tensione di una batteria ha un valore nominale, ma è variabile (e anche molto) in funzione delle varie fasi di carica/scarica per gli accumulatori, di sola scarica per le batterie non ricaricabili. Questo vale per tutti i tipi costruttivi.L'unico modo per indicare con esattezza la energia resa di una batteria rimane quindi quello di indicare appunto il prodotto A*h. Se indicassimo V*A*h avremmo il risultato apparente di maggior energia con piccoli carichi.Spero di essere stato chiaro.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta da elettrico

          La tensione di una batteria ha un valore
          nominale, ma è variabile (e anche molto) in
          funzione delle varie fasi di carica/scarica
          per gli accumulatori, di sola scarica per le
          batterie non ricaricabili. Questo vale per
          tutti i tipi costruttivi.E' proprio perchè non puoi contare sulla stabilità della tensione nominale che è più corretto esprimere la quantità di energia esprimibile da una batteria in Wh piuttosto che in Ah.Supponiamo che vi siano 2 batterie di cui non conosci la tensione nominale sotto carico ma di cui sai solo che sono rispettivamente di 50Ah e 80Ah.Pensi di poter dire che la seconda è più capiente della prima???No, ti manca un dato importante. Se invece esprimi la capacità della batteria in Wh hai già tutto quello che ti serve per sapere quanto ti dura.Ahi ahi ahi, rimandato a Settembre....Tamerlano
    • paulatz scrive:
      Re: Domanda di fisica:
      - Scritto da: Whishper
      Non ho mai capito se la capacità delle
      batterie si misura in Ampere*secondo o in
      Watt*secondo
      Personalmente credo in Watt*secondo, ma ho
      visto in tutte quelle che acquisto la
      dicitura in mAmpere*ora...

      correggetemi se sbaglio, ma forse perchè è
      scontato il voltaggio di alimentazione?

      grazie per eventuali risposteTanto per incominciare:Ampere*secondo = CoulombmAmper*ora = 3.6 CoulombWatt*secondo = Jouleil resto lo puoi trovare su un qualunque libro
  • Anonimo scrive:
    Usa e getta?
    Ma sono batterie usa e getta?Se così fosse, dopo sole 20 ore di autonomia andrebbero cestinate. Provate a immaginare che succederebbe se tutti i cellulari fossero alimentati con queste fuel cell. Hai voglia a dire che si smaltiscono meglio delle normali batterie...
    • Anonimo scrive:
      Re: Usa e getta?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma sono batterie usa e getta?Spero proprio di no, visti i costi attuali della membrana polimerica speciale che serve a farle funzionare...:-)Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: Usa e getta?
      - Scritto da: Anonimo
      Ma sono batterie usa e getta?Spero proprio di no, visti i costi attuali della membrana polimerica speciale che serve a farle funzionare...:-)Marco
    • avvelenato scrive:
      Re: Usa e getta?
      probabilmente la fuel cell sarà separata dal serbatoioil primo verrà riutilizzatoil secondo sarà sostituito ogni volta con un serbatoio nuovo.siccome da smaltire c'è solo la plastica del serbatoio, effettivamente rispetto allo smaltimento di sostanze altamente tossiche come il nickel - metalidrato o i polimeri di litio c'è un vantaggio notevole
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: Usa e getta?
        - Scritto da: avvelenato
        probabilmente la fuel cell sarà separata dal
        serbatoio
        il secondo sarà sostituito ogni volta con un
        serbatoio nuovo.


        siccome da smaltire c'è solo la plastica del
        serbatoio, effettivamente rispetto allo
        smaltimento di sostanze altamente tossiche
        come il nickel - metalidrato o i polimeri di
        litio c'è un vantaggio notevoleDalla descrizione del precedente articolo pare che sia così.Certo che se invece del serbatoio sostituibile ce ne fosse uno ricaricabile, non ci sarebbe da smaltire neanche quest'ultimo.Una tanichetta ogni tanto e via.Ovviamente poi non potrebbero lucrarci sopra.Pensate se le auto avessero il serbatoio della benzina non riempibile, si va dal benzinaio e si prende un serbatoio nuovo da 50 litri e gli si lasciano 100 euro!Ovviamente poi bisogna avere la fortuna di trovare il serbatoio compatibile, perché quello della Fiat non andrebbe bene sulla Ford o sulla Opel, mentre per le BMW e le Audi ogni modello avrebbe il suo specifico...
  • Anonimo scrive:
    In trentino....
    ... abituati alla grappa fatta in casa, con il prodotto di scarto (metanolo) ora potremmo pure ricaricarci anche i telefonini :)
    • avvelenato scrive:
      Re: In trentino....
      non è che mi offriresti un bicchierino di ricarica? :De anche uno di grappa :P
    • The FoX scrive:
      Re: In trentino....
      - Scritto da: Anonimo
      ... abituati alla grappa fatta in casa, con
      il prodotto di scarto (metanolo) ora
      potremmo pure ricaricarci anche i telefonini
      :)E come fate con gli uomini in grigio-verde?O con un bicchierino riuscite a calmarli?;-)PS: anche a me non dispiacerebbe un po' di "ricarica"... :D:D
  • avvelenato scrive:
    il metanolo usato sarà normalissimo?
    qualcuno di voi sa informarmi sulle proprietà del metanolo?nell'uso che ne verrà fatto, immagino sarà pressurizzato per conservarlo in forma liquida. non richiede particolari accorgimenti tecnici, immagino.basterà quindi che il beccuccio di ricarica sia facilmente riproducibile, e non si creerà un mercato simile a quello delle cartuccie (come tanto teme il sig. Tamerlano) avvelenato che vuole ricaricare il notebook minimo ogni settimana
    • Anonimo scrive:
      Re: il metanolo usato sarà normalissimo?
      - Scritto da: avvelenato
      qualcuno di voi sa informarmi sulle
      proprietà del metanolo?

      nell'uso che ne verrà fatto, immagino sarà
      pressurizzato per conservarlo in forma
      liquida. non richiede particolari
      accorgimenti tecnici, immagino.E' già liquido....
      basterà quindi che il beccuccio di ricarica
      sia facilmente riproducibile, e non si
      creerà un mercato simile a quello delle
      cartuccie (come tanto teme il sig.
      Tamerlano)Su questo non ci scommetterei....
    • Anonimo scrive:
      Re: il metanolo usato sarà normalissimo?

      basterà quindi che il beccuccio di ricarica
      sia facilmente riproducibile, e non si
      creerà un mercato simile a quello delle
      cartucciegia' ma tu credi che sia nell'interesse del produttore fare un beccuccio facilmente riproducibile?Oggi si cerca di fare l'impossibile per limitare la concorrenza e avere il monopolio quantomeno sugli accessori dei propri prodotti (alla faccia nel libero mercato, concorrenza, chiunque puo' entrare nel mercato etc...).Quindi il beccuccio sara' strambo :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: il metanolo usato sarà normalissimo?
      - Scritto da: avvelenato
      qualcuno di voi sa informarmi sulle
      proprietà del metanolo?

      nell'uso che ne verrà fatto, immagino sarà
      pressurizzato per conservarlo in forma
      liquida. non richiede particolari
      accorgimenti tecnici, immagino.

      basterà quindi che il beccuccio di ricarica
      sia facilmente riproducibile, e non si
      creerà un mercato simile a quello delle
      cartuccie (come tanto teme il sig.
      Tamerlano)Come altri hanno già detto, il metanolo è un liquido, altamente volatile, infiammabile ed altamente tossico.Sono anche sicuro che il metanolo da usare per la pila a combustibile dovrà essere molto puro...In pratica non credo si possa usare quello che viene fuori come frazione di testa dalla distillazione delle vinacce !!! (che già non è male come purezza)In ogni caso, anche purissimo, non è particolarmente costoso direi (dalla mie ultime info non proprio recentissime) intorno a 50 Euro per 2,5 litri
Chiudi i commenti