Internet of Things (IoT): significato ed esempi

Internet of Things, Internet delle Cose, o semplicemente IoT. Questo termine, apparentemente complesso, è in realtà molto semplice da capire con degli esempi concreti: termostati, luci, assistenti vocali, router, televisori, forni, frigoriferi, automobili sono oggetti che, grazie ad una connessione ad Internet, possono diventare intelligenti e dialogare in Rete.

La Internet of Things è l’evoluzione della Rete, uno strumento che non serve più soltanto a mettere in contatto degli esseri umani, ma che consente alle cose che usiamo tutti i giorni di interagire tra di loro e scambiarsi dati.

Stando alle ultime previsioni si stima che 75.44 miliardi di dispositivi IoT saranno connessi a Internet entro il 2025 e genereranno una quantità di dati impressionanti: 79.4 Zettabytes (1 ZB = 1021 byte). Inoltre questi dati potrebbero aumentare ulteriormente grazie all’avvento delle reti 5G che consentiranno una crescita elevata nello scambio di dati.

Principali applicazioni dell’Internet delle cose

L’Internet of Things può trovare applicazione in differenti ambiti delle nostre vite, vediamo quali sono le aree in cui possiamo toccarla con mano nella vita di tutti i giorni.

Smart home

Le nostre case, grazie a dispositivi connessi ad Internet, possono diventare delle smart home, delle abitazioni intelligenti in grado di assecondare i nostri bisogni o, addirittura prevenirli.
Accendere l’aria condizionata prima di raggiungere casa o spegnere le luci, anche dopo aver lasciato la nostra abitazione. Oppure ancora: inviare degli avvisi via mail quando vengono rilevati dei movimenti in casa, mettere della musica rilassante la sera, abbassare di qualche grado la temperatura del salone.

Wearables

I dispositivi indossabili hanno avuto negli ultimi anni una crescita esponenziale. Armband, fitness tracker e smartwatch, solo per citare gli esempi più diffusi, sono ormai presenti al polso di tantissimi di noi e grazie a sensori e software raccolgono dati e informazioni sugli utenti. Questi dati vengono successivamente elaborati per estrarre informazioni essenziali su di noi.

Connected Cars

Un’auto connessa è un veicolo in grado di ottimizzare il funzionamento, la manutenzione e il comfort dei passeggeri grazie ai sensori di bordo e alla connettività Internet.

La maggior parte dei grandi produttori sta lavorando su soluzioni di auto connesse ed esistono anche dispositivi che possono rendere intelligenti modelli datati.

Industrial Internet

Industrial Internet of Things è un sottoinsieme dell’IoT che riguarda l’impiego di sensori nella produzione industriale. Grazie a dispositivi connessi è possibile ottimizzare la produzione, la supply chain ma anche il settore retail. Da molti analisti l’Industrial Internet of Things viene visto come il settore che avrà maggior successo nei prossimi anni.

Smart Cities

Grazie all’Internet delle cose le nostre città diventano connesse e intelligenti. Nelle smart cities che usano l’IoT è possibile mettere in atto: sorveglianza intelligente, trasporto automatizzato, sistemi di gestione dell’energia più intelligenti, distribuzione dell’acqua, sicurezza urbana e monitoraggio ambientale. Il monitoraggio e l’analisi in tempo reale del traffico veicolare delle città attraverso l’IoT sarà un punto fondamentale per lo sviluppo delle metropoli del futuro, sempre più congestionate e difficilmente percorribili negli orari di punta.

Agricoltura

I processi agricoli possono beneficiare notevolmente dall’uso dell’IoT. I sensori intelligenti possono verificare la qualità del suolo, capire i tempi ottimali per l’irrigazione, dosare fertilizzanti e pesticidi evitando sprechi e sovradosaggi.
L’Internet of Things (IoT) sta aiutando a cambiare il modo in cui gli agricoltori lavorano attraverso l’agricoltura di precisione (precision farming), un concetto di gestione dell’azienda agricola che utilizza sensori, dati e comunicazioni di rete per adattare il sistema agricolo alle condizioni specifiche di ciascun campo. Il risultato è un sistema più efficiente che promuove la crescita sostenibile riducendo i costi.

Energia

Le smart grid sono reti intelligenti che grazie all’IoT possono monitorare costantemente la domanda energetica dei consumatori, migliorando l’efficienza della rete. Si rivelano particolarmente utili nelle moderne città che utilizzino un mix di fonti tradizionali e rinnovabili, consentendo, ad esempio, una modulazione intelligente delle sorgenti energetiche da utilizzare.

Healthcare

L’impiego dell’IoT nel settore della salute sarà sempre più importante negli anni a venire. Dispositivi intelligenti contribuiranno a monitorare e migliorare le nostre condizioni di salute, offrendo un controllo continuo dei nostri parametri e fornendo anche delle previsioni. Grazie ai dispositivi IoT come pazienti potremo avere dei trattamenti personalizzati secondo le nostre esigenze mediche.

Smart Retail

Tutto il settore della vendita al dettaglio sarà rivoluzionato dall’IoT: i retailer potranno avere un contatto diretto con i consumatori. L’uso di sensori intelligenti potrebbe, ad esempio, migliorare il posizionamento delle merci all’interno dei punti vendita, grazie ad una analisi dei percorsi seguiti dai consumatori.

IoT: dispositivi ed esempi più interessanti

Esistono tantissimi dispositivi IoT sul mercato, e tantissimi saranno sviluppati nei prossimi anni. In alcuni casi si tratta di oggetti che non hanno una immediato utilizzo nelle nostre case. Perciò di seguito su quali sono, a nostro avviso, i più interessanti ed utili per la vita di tutti i giorni.

Google Home

Gli altoparlanti intelligenti di Google sono tra i dispositivi IoT più diffusi nelle nostre case. Nest Mini, Google Home, Nest Hub sono oggetti sempre connessi che ci permettono di acquisire informazioni, tramite interazione vocale, ma anche di eseguire diverse funzioni che rendono la nostra casa smart.

Google Home, in particolare, è uno dei migliori altoparlanti intelligenti in circolazione. Ha un bel design, che non lo fa sfigurare in salotto, ha due speaker che rendono piacevole l’ascolto della musica ed è in grado di interfacciarsi con moltissimi altri oggetti dell’Internet delle Cose, divenendo una sorta di hub domestico utile a molti scopi. Google Home è venduto su Monclick ad un prezzo scontato del 60% di soli 39 € rispetto ai 99,90 di listino sul Google Store.

Tutti i dispositivi Google sono in grado di:

  • Rispondere a domande su molteplici argomenti.
  • Riprodurre musica collegandosi ai principali servizi (Spotify, YouTube Music, Apple Music etc.)
  • Controllare il volume di televisori e speaker.
  • Impostare timer e allarmi.
  • Accendere o spegnere le luci e variarne l’intensità.
  • Pianificare attività e impegni.

Google Home

Amazon Echo

Gli altoparlanti intelligenti di Amazon scontati su Amazon a 49,99 € sono, insieme a quelli di Google, una delle migliori opzioni per rendere intelligente la propria abitazione e uno degli esempi più interessanti di IoT casalingo.

La gamma di assistenti vocali di Amazon è veramente ampia: Echo Dot, Echo, Echo Plus, Echo Flex, Echo Show. Ognuno di questi dispositivi è in grado di:

  • Rispondere a domande su moltissimi argomenti.
  • Suonare musica dai principali servizi in streaming.
  • Eseguire chiamate vocali.
  • Controllare dispositivi connessi come luci, prese etc.

Uno dei modelli più interessanti è certamente Amazon Echo Plus che integra un hub Zigbee, capace di gestire e dialogare con altri dispositivi, senza necessità di acquistare hub esterni.

Amazon Echo Plus

Arlo Go VML4030-100PES

Una videocamera di sorveglianza avanzata, che non necessita neanche del WiFi perché dotata di SIM dati, consentendone un posizionamento anche in aree dove non vi è connettività. Arlo Go VML4030-100PES è un prodotto decisamente apprezzato da tutti gli utenti che hanno a cuore la sicurezza della propria abitazione. In combinazione con un dispositivo Google o Alexa può ricevere comandi vocali per attivare delle funzioni. Il prezzo non è sicuramente accessibile, circa 300 €, ma per chi ha necessità di monitorare casa è uno dei migliori prodotti in circolazione.

Arlo Go

Termostato Nest

Un termostato che si interfaccia a Internet per poter controllare la temperatura sempre, anche quando ci troviamo fuori casa. Il termostato Nest in vendita su Amazon a 250,82 € è uno dei più avanzati in circolazione, regolando la temperatura in modo ottimale e soprattutto efficiente, affinché possa essere risparmiata preziosa energia nel riscaldamento delle abitazioni. Nest è in grado di apprendere dalle nostre abitudini e di variare la temperatura anticipando le esigenze, un modo intelligente per abbassare i costi e migliorare l’efficienza del nostro impianto di riscaldamento.

Nest termostato IoT

Flow 2

Flow (199 € su Amazon) della startup Plume è uno dei dispositivi IoT più interessanti che si possa usare: è in grado di monitorare costantemente la qualità dell’aria che respiriamo (Air Quality Index). Non solo quella esterna ma anche l’aria indoor. Le nostre abitazioni infatti possono essere insalubri e avere delle sostanze tossiche disperse nell’aria, soprattutto polveri sottili come PM 2.5 e PM10. Grazie a Flow abbiamo una rilevazione precisa e aggiornata che ci consente di attuare dei comportamenti idonei a migliorare la qualità dell’aria che respiriamo, per esempio arieggiando frequentemente le stanze in cui ci troviamo più spesso.

Flow 2

RATtrap

Un piccolo firewall hardware da installare nella propria rete domestica per dormire sonni tranquilli. RATtrap è in grado di bloccare minacce informatiche (virus, exploit, ransomware) e monitorare la navigazione di tutti gli utenti della nostra LAN. Il bello di RATtrap è che è totalmente plug and play: lo si collega al proprio router attraverso un cavo ethernet e il dispositivo inizia la sua attività di filtraggio e protezione per tutti i dispositivi connessi. È compatibile con tutte le marche di router più note: Linksys, Netgear, TP-Link, Google WiFi, Eero, Tenda, ASUS, Belkin e molte altre. Acquistandolo dal sito ufficiale si beneficia di uno sconto che lo posiziona su un prezzo di 159 dollari (spese di spedizione escluse), su Amazon invece il prezzo è di 267,55 € ma i tempi di consegna sono decisamente più rapidi.

RATtrap

Philips Hue Bulbs

Il top per quanto riguarda le luci a LED controllabili via Internet. Le Philips Hue sconate su Amazon a 98,55 € sono lampadine davvero utili quando si ha necessità di variare l’intensità della luce o il colore emesso solo affidandosi a comandi vocali. Sono compatibili sia con gli assistenti di Google che con quelli di Amazon, rendendole una scelta ideale per entrambi gli ecostistemi. Non sono economiche ma diventano un oggetto essenziali se siamo pigri, e non abbiamo voglia di alzarci ogni volta dal divano per spegnere la luce, oppure se vogliamo accendere o spegnere le luci quando siamo fuori casa.

Philips Hue

WeMo Insight Smart Plug

Prodotta da Belkin la WeMo Insight Smart Plug è una presa intelligente, acquistabile a 49,99 €, che consente di controllare qualsiasi apparecchio elettrico collegato. Si connette in WiFi e grazie ad una app qualsiasi device può essere monitorato nei suo consumi oppure spento e acceso con un clic. Si rivela utilissima per controllare a distanza qualsiasi dispositivo elettrico abbiamo in casa: lampade, ventilatori, telecamere, forni, televisori etc. È possibile inoltre impostare delle notifiche quando la lavatrice ha finito il suo ciclo oppure abilitare una sorta di parental control per i propri figli, definendo dei limiti temporali di visione.

Wemo Belkin

Xiaomi Mi Band 4

La Mi Band 4 di Xiaomi è uno di quegli oggetti insostituibili nella vita di tutti i giorni: monitora attività fisica, sonno, battito cardiaco e in più può avvisarci con delle notifiche di chiamate in arrivo, nuovi messaggi su WhatsApp, Skype, Telegram, SMS ricevuti e molto altro. È piccola e comoda da tenere al polso e ha una batteria che dura giorni. Su Amazon si trova a circa 30 euro, ma spesso vi sono sconti che ne portano il prezzo a 19,90 euro. Con l’imminente arrivo della Xiaomi Mi Band 5 ci sarà sicuramente un abbassamento di prezzo per la Band 4, facendo diventare questo wearable ancor più appetibile.

Xiaomi Mi Band 4

iSmart Alarm

iSmart Alarm è un sistema di allarme casalingo fai da te. Grazie alla facilità di installazione può essere messo in funzione anche da non esperti. Il collegamento al WiFi domestico è molto semplice e grazie ad una app per smartphone si possono decidere le impostazioni degli allarmi.

Il sistema è costituito da un CubeOne, un cubo bianco che è la parte centrale dell’allarme. Si collega tramite ethernet al router di casa e riceve gli allarmi dai sensori che sono posizionati su finestre e porte. Esistono infatti due tipi di sensori: il Motion Sensor, un sensore di movimento che consente di rilevare se ci sono intrusioni in una stanza, e il Contact Sensor, utilizzato sulle ante di una finestra per rilevarne l’apertura in nostra assenza.
Il kit iSmart Package, venduto su Amazon a circa 200 €, è disponibile con all’interno 1 CubeOne, 2 sensori per porte/finestre, 1 sensore di movimento, 2 telecomandi utili per inserire o disinserire l’allarme senza ricorrere alla app su smartphone.

iSmart Alarm

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 07 2020
Link copiato negli appunti