iPad Pro: Stage Manager anche sui dispositivi non M1

iPad Pro: Stage Manager anche sui dispositivi non M1

Con la beta 3 di iPadOS 16.1 Apple ha esteso la compatibilità di Stage Manager pure ai modelli di iPad Pro più datati e senza chip M1.
Con la beta 3 di iPadOS 16.1 Apple ha esteso la compatibilità di Stage Manager pure ai modelli di iPad Pro più datati e senza chip M1.

Tra le funzioni maggiormente attese di iPadOS 16, la nuova versione del sistema operativo per i tablet Apple che dovrebbe essere rilasciata pubblicamente a breve, vi è senza dubbio alcuno Stage Manager. Annunciata in occasione della WWDC 2022 e presente pure su macOS Ventura, questa feature consente la gestione delle finestre multiple su iPad Pro con chip M1, sia il modello da 11 pollici che quello da 12,9 pollici. A quanto pare, però, in merito alla compatibilità il gruppo di Cupertino ha deciso di effettuare una revisione.

iPad Pro: Stage Manager pure sui modelli con chip Apple A12X e A12Z

Stando infatti a quanto emerso dall’analisi della beta 3 di iPadOS 16.1 che è stata resa disponibile agli sviluppatori nelle scorse ore, con la nuova relase del sistema operativo adesso anche alcuni iPad Pro non M1 sono compatibili con Stage Manager.

Più precisamente, il riferimento è ad iPad Pro da 11 pollici di prima generazione e successivi e ad iPad Pro da 12,9 pollici di terza generazione e successivi. Per cui, i modelli con chip Apple A12X e A12Z, usciti nel 2018 e 2020, vanno ad affiancare gli iPad con chip M1 nella lista dei dispositivi che possono usufruire della funzionalità.

Occorre però tenere presente che sussistono delle limitazioni: per gli iPad meno recenti, Stage Manager non funziona tramite display esterno. Per gli iPad dotati di chip M1, invece, il supporto per i monitor esterni dovrebbe giungere entro la fine dell’anno corrente con un nuovo aggiornamento software.

Questa revisione da parte di Apple giunge in seguito alle numerose richieste pervenute dagli utenti possesso di un iPad senza chip M1 di poter sperimentare Stage Manager sui loro dispositivi. In risposta, il team del gruppo di Cupertino ha lavorato duramente per trovare un sistema per fornire una versione a schermo singolo della feature, con supporto per un massimo di quattro app sul display dell’iPad in simultanea.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Fonte: Engadget
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 set 2022
Link copiato negli appunti