iPod Touch: Apple lo rimuove dai suoi siti

iPod Touch: Apple lo rimuove dai suoi siti

Dopo l'annuncio dello stop alla produzione di iPod Touch, Apple ha rimosso le pagine presenti sui suoi siti che rimandavano al dispositivo.
Dopo l'annuncio dello stop alla produzione di iPod Touch, Apple ha rimosso le pagine presenti sui suoi siti che rimandavano al dispositivo.

Per iPod Touch, il lettore multimediale di casa Apple che negli anni addietro ha saputo far breccia nel cuore degli utenti di tutto il mondo, è giunta la fine a tutti gli effetti. Dopo lo stop alla produzione che era stato annunciato nei giorni scorsi, da qualche ore a questa parte il gruppo di Cupertino ha pure cominciato a rimuovere dai suoi siti Web nel mondo ogni minimo riferimento al dispositivo.

iPod Touch: eliminati i riferimenti dai siti Apple

Andando più in dettaglio, visitando il sito Internet di Apple si scopre che attualmente non è più possibile accedere alla pagina relativa ad iPod Touch in svariati paesi, come Canada, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Spagna, Singapore, Corea del Sud, Svezia, Svizzera e molti altri. Al momento della stesura di questa news, negli USA e in altri pochi paesi la pagina è invece ancora attiva, ma con ogni probabilità verrà rimossa a stretto giro.

Ricordiamo che iPod Touch è stato introdotto per la prima volta nell’ottobre 2001 ed è andato a configurasi come uno dei prodotti più iconici di Apple, ma l’interruzione del dispositivo è diventata inevitabile data l’ampia gamma di device dell’azienda della “mela morsicata” in grado di riprodurre musica, tra cui iPhone, iPad, Apple Watch e HomePod mini.

Ad ogni modo, il prodotto è del tutto esaurito o comunque presente in scorte fortemente limitate nei magazzini Apple di tutto il mondo. Coloro che nonostante tutto sono interessati all’acquisto del dispositivo, possono valutare di procedere con l’acquisto tramite Amazon, su cui è ancora disponibile la 7a Generazione con prezzi a partire da 229,00 euro.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: MacRumors
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 26 mag 2022
Link copiato negli appunti