Iran: Siemens collaborazionista su Stuxnet

Le autorità del paese mediorientale chiamano direttamente in causa l'azienda tedesca. E annunciano azioni legali. Le presunte informazioni fornite a USA e Israele avrebbero potuto avere conseguenze gravi

Roma – Il worm Stuxnet , presunto iniziatore di un tipo di cyber-attacco completamente nuovo che ha bersagliato le centrifughe per l’arricchimento di uranio iraniane, sarebbe stato concepito grazie a informazioni specifiche fornite da Siemens sul software di gestione delle suddette apparecchiature (SCADA).

Ad accusare la multinazionale tedesca di essersi macchiata di collaborazionismo con le autorità israeliana e statunitense – grandi accusate della creazione di Stuxnet e mai ufficialmente smarcatesi dalla loro presunta responsabilità – sono le autorità iraniane, che sarebbero arrivate a tale conclusione dopo aver condotto apposite indagini con esperti al soldo del governo.

Siemens avrebbe fornito le informazioni sul software SCADA necessarie alla realizzazione del worm antinuclearista, accusa il responsabile dell’unità militare iraniana antisabotaggio Gholam Reza Jalali, e pertanto le autorità dovrebbero denunciare la società portandola in tribunale per il suo comportamento.

“Siemens dovrebbe spiegare perché e come ha fornito a USA e Israele le informazioni circa il codice del software SCADA che ha portato al cyber-attacco contro di noi”, ha dichiarato Jalali all’agenzia iraniana IRNA. Un attacco che l’Iran ha già detto di aver affrontato per tempo ma che avrebbe potuto – dicono ora gli investigatori – causare incidenti su larga scala e perdite di vite umane.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mercas giany scrive:
    amore
    sei multo bella
  • mercas giany scrive:
    amiga
    (geek)(amiga)226740
  • Giulio scrive:
    Ma prende le distanze da cosa
    Ma da cosa prende le distanze se non e' in grado di rimuovere il XXXXX dalle sue pagine.http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/581-facebook-senza-filtro-la-pagina-delle-note-si-trasforma-in-un-hub-XXXXX
  • sentinel scrive:
    Ma dai...
    "distanziare l'immagine del loro sito da una pagina densa di contenuti ritenuti compromettenti"E' risaputo in tutto il mondo che facebook è nato percuccare... Ed ora si offendono se qualcuno sfruttaun'idea simile alla loro solo in un modo "più diretto"...Bah...
    • cognome scrive:
      Re: Ma dai...
      Ti quoto."Cuccare" è abbastanza riduttivo.Friend Finder ha capito la musica ed è da anni che lavora in questo senso.Zuckercoso: lavati i piedi e vai a letto.Che idiota :D
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Ma dai...
      In realtà, teme proprio la concorrenza anche su quel settore visto che molti profili (femminili) di Facebook altro non sono che specchietti per i siti XXXXX con tanto di video in bacheca.
Chiudi i commenti