Italia, Google per le biblioteche

Accordo vicino tra Beni Culturali e Mountain View: un patrimonio da 16 milioni di testi potrebbe essere salvato dal digitale. Gli editori avvertono: solo con l'espressa autorizzazione dei detentori dei diritti

Roma – Un tesoro librario da 16 milioni di testi, tra libri e manoscritti protetti dalle principali biblioteche italiane. Un patrimonio di carta rilegata che ha custodito il passato dello Stivale e che continuerà a sopravvivere nel tempo, grazie ad una consistente opera di digitalizzazione e successivo riversamento sul web. È stato infatti annunciato un accordo imminente tra il Ministero dei Beni Culturali e Google Books, per affidare ai suoi tecnici il salvataggio online della letteratura italiana .

“Il progetto – ha spiegato a La Stampa Mario Resca, direttore generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale – è di prendere lo sterminato patrimonio delle quarantasette biblioteche gestite dal ministero, fra cui ci sono le due biblioteche nazionali di Roma e Firenze, e di metterlo in Rete”. Resca ha così sintetizzato l’essenza ultima di quella che nelle sue stesse parole è stata definita partnership , i cui dettagli verranno discussi e ufficializzati entro un paio di mesi.

Resca ha parlato di un’operazione guidata da tre motivi essenziali: primo, digitalizzare il tesoro letterario; secondo, evitare che disastri come l’alluvione di Firenze facciano perdere il contenuto di testi importanti. Il digitale, quindi, come copia di backup che salverebbe se non i volumi in copertina e pagine, almeno il loro contenuto. Resca, infine, ha parlato di un terzo motivo: “promuovere la conoscenza, renderla accessibile a tutti; è anche un fatto di democrazia”.

Un progetto lanciato anni fa dall’azienda di Mountain View, accolto dalle biblioteche di numerosi paesi europei, ma non particolarmente bene dalla Bibilothèque Nationale de France (BNF) che ha cercato a lungo di trovare sistemi di digitalizzazione alternativi a quello proposto da BigG. È recente , tuttavia, quella che è stata vista come una resa da parte di Parigi: la BNF ha trovato un accordo con la Grande G, visti i fondi troppo scarsi messi a disposizione dal governo.

“Non ci fermeremo con il nostro programma di digitalizzazione – ha spiegato il responsabile BNF Denis Bruckmann – ma se Google ci fornisce la possibilità di andare avanti in maniera più spedita, allora perché no?”. Più o meno simili le parole di Resca che ha parlato di un’attività decisamente accelerata grazie ai mezzi che solo Google può mettere a disposizione: l’Italia ci metterà il patrimonio delle arti e delle lettere.

L’operato della Grande G è però da tempo sotto la lente degli editori: la digitalizzazione massiva dei testi crea inevitabilmente degli attriti con i detentori dei diritti. Per questo motivo l’Associazione Italiana Editori (AIE) ha messo le mani avanti: “Siamo interessati ad ogni iniziativa che conserva e valorizza i beni culturali e librari – ha dichiarato il presidente Marco Polillo – ma solo nel rispetto del diritto d’autore”. Le notizie diffuse in queste ore hanno fatto riferimento a un patrimonio bibliotecario che consta di 16 milioni di opere, una mole che potrebbe comprendere anche testi ancora protetti dal diritto d’autore: “verrebbe da pensare che tutte le opere, anche quelle ancora sotto tutela del diritto d’autore, debbano essere oggetto di riproduzione e messa a disposizione sul web – ha osservato Polillo – Questo naturalmente non potrà essere possibile se non nel rispetto dei diritti e con la preventiva ed espressa autorizzazione degli autori ed editori interessati”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pinco pallino scrive:
    10 dollari per un film???
    Pazzesco, con quei prezzi, è un servizio ridicolo.
  • TAGOS MERCORY scrive:
    notizia poco precisa!
    "...l'indipendenza da qualunque piattaforma ..." FALSO! con GNU/linux non funziona!
    • Angros scrive:
      Re: notizia poco precisa!
      Forse potrebbe funzionare usando un codec DivX proprietario...Comunque hai ragione, un sistema DRM non può funzionare con software opensource (o meglio: può, ma verrebbe craccato subito)In realtà viene craccato in fretta anche così
  • Poldo scrive:
    DRM
    Facciamo 2 conti: Watchmen costa 16 dollari sul sito in questione, devo comprarmi un dvd/cd vergine per poterlo masterizzare, e relativa custodia (a scelta personale), magari aggiungo anche una stampa della cover originale, poi ci metto un po' a scaricare i file, quindi costo dell'energia elettrica per tenere acceso il pc, poi quando ho speso tempo e denaro (costo carta di credito?...aggiungiamolo) per avere il tutto posso masterizzarmi il dvd/cd. Riassumendo il tutto, dovrei spendere circa 20/22 dollari per un dvd simil-originale.Su dvdempire.com lo stesso film, originale masterizzato con custodia, costa $ 12,99 in offerta, altrimenti sarebbero stati $ 19.99 (http://www.dvdempire.com/Exec/v4_item.asp?item_id=1469298). Alla fin fine spendo di più per un prodotto limitato da drm (me lo posso guardare solo a casa mia, perchè di certo non vado a registrare il dvd dei miei amici per vedere un film, perdo una vita per nulla), molto più "artigianale", di qualità inferiore al dvd originale (che dir si voglia, un divx non ha la qualità del dvd, come un mp3 non ha la qualità degli wave, ma ci si accontenta...) ed ottenuto dopo ore di lavoro.Secondo voi, è conveniente? Per me sto sito chiude fra 6 mesi, e non dico 3 perchè di certo le major lo prenderanno come "sito di riferimento" (una scusa ovviamente) per combattere la pirateria e dare un'alternativa (per nulla conveniente) a chi scarica, pagando per far si che resti online.
    • James Kirk scrive:
      Re: DRM
      Capisco per i prezzi, in quanto non si vuole mandare all'aria la distrbuzione tradizionale, ma il DRM non ha senso, perchè ne DVD tradizionale è come se non ci fosse.Inoltre non capisco l'assenza dell HD, perchè uno dei problemi del Blue Ray è proporio il costo del supporto, e la distribuzione on-line dovrebbe permettere notevoli risparmi.Insomma, hanno votato il servizio all'insucXXXXX fin dall'inizio (ma forse è quel che vogliono).
      • angros scrive:
        Re: DRM
        Non imparano mai dalle lezioni precedenti.In un paese civile, il DRM sarebbe già stato proibito.Speriamo in megavideo/youtube/dailymotion...
        • James Kirk scrive:
          Re: DRM
          Dove esiste il copyright è ammesso anche il DRM.Il problema non è tanto di legge (fermo restando la necessità di rivederla) ma è di costo e di mercato.Il DRM non frena la pirateria e costituisce solo un limite (talvolta anche grave) per chi paga e chi paga si sobbarca anche i costi del DRM.Solo che in certi salotti si crede ancora che con il DRM si riesca ad incassare di più che non senza.
          • Valeren scrive:
            Re: DRM
            Vediamola anche da un altro punto di vista: se il sistema di verifica del DRM chiude, e ci sono già stati casi in passato, quello che hai comprato è l'equivalente informatico di un cadavere.Visto che ormai lo sanno tutti (Tranne chi usa Kindle, immagino) che senso ha puntare su un sistema già sconfitto?Che razza di obiettivo folle hanno?
          • Angros scrive:
            Re: DRM
            Appunto: il DRM è un disastro annunciato, predispone ad una sfilza di problemi di cui si potrebbe fare a meno (e che in futuro costerà parecchio risolvere)Occorrerebbe, ad esempio, una tassa sull' uso del DRM: il contenuto (protetto da DRM) è in vendita a 20 euro? Ad esso si aggiunge una tassa di 100 euro, che sarà investita in apparati di backup per tutelare gli utenti nel caso il venditore fallisse, mentre i contenuti senza DRM sono esenti... vorrei vedere se riuscirebbero ancora a venderne qualcuno.
    • Pippo Lacoca scrive:
      Re: DRM
      costo per masterizzarmi watchman scaricato? solo il costo del supporto: la mia connessione e' cmq always on e probabilmente mentre scarico staro' anche, che so, giocando a WOW, quindi il tempo per scaricarlo e il costo di connessione non si contano.Per quanto riduarda custodia/copertina....beh, raccoglitori da 100 dischi, titolo in pennarello sul disco e via. Insomma il costo alla fine e' decisamente minore di qualsiasi altro metodo di reperimento.Fermo restando che se si legge il fumeto capolavoro invece che vedere il film e' meglio :)
      • Sgabbio scrive:
        Re: DRM
        Lui ha parlato di custodia in plastica e copertina da stampare è li i costi lievitano :D
      • Poldo scrive:
        Re: DRM
        E' vero che si può spendere molto meno di un euro per masterizzare un film scaricato da internet, ma con che risultato? Io faccio un confronto a pari qualità di prodotto finito.Poi, la connessione adsl la paghi, al dvd non serve, l'elettricità al pc la paghi, il pc l'hai pagato centinaia di euro, non 40 come per il costo di un lettore dvd/divX, e non parlo dei disagi da banda occupata... da giocatore di WOW quale sono, se hai la banda occupata per scaricarti un giga e mezzo di film (perchè se lo vuoi davvero buono, un file da 700mb non è sufficiente) a piena banda, di sicuro non hai tempi di risposta ottimali, scatta tutto, magari mentre sei in qualche dungeon/raid o a fare quest lunghe e noiose...credo ci possiamo capire ;)Certo, è comunque tutto fattibile, anzi, ma per essere sincero, spendere di più in termini di tempo (il dvd lo compri, lo metti in qualsiasi lettore e parte, in qualsiasi casa, e se vuoi te lo copi o archivi su pc quando vuoi) e denaro, per un prodotto inferiore in qualità e limitato in utilizzo, non mi sembra molto logico e profiquo a livello di mercato, e a livello di pazienza dell'utente.Alla fine cmq hai ragione, meglio spendere per qualche buon fumetto invece che buttarli in film dal dubbio gusto come Watchmen ^__^ LOL
  • Valeren scrive:
    Magari mi sono perso qualcosa...
    ... ma dove sarebbe la mega-innovazione?Vendono a cifre da rapina dei film in bassa definizione e con DRM.E vorrebbero fare soldi perché...?Mi sembrano come quelli che vogliono fare il p2p a pagamento: ormai queste iniziative stanno spuntando come funghi (e spero muoiano come mosche).
    • Guybrush scrive:
      Re: Magari mi sono perso qualcosa...
      - Scritto da: Valeren
      ... ma dove sarebbe la mega-innovazione?
      Vendono a cifre da rapina dei film in bassa
      definizione e con
      DRM.
      E vorrebbero fare soldi perché...?Perche' sono ottimisti.(cit)
      Mi sembrano come quelli che vogliono fare il p2p
      a pagamento: ormai queste iniziative stanno
      spuntando come funghi (e spero muoiano come
      mosche).Penso che incornicerò questa frase.Spuntano come funghi e muoiono come mosche.Il prezzo non e' concorrenziale con il DVD che attualmente è la cosa più conveniente presente in circolazione, ma è appetibile rispetto al BluRay.Schermi capaci di eliminare l'aliasing, o di attenuarlo e DVD di buona qualità tuttavia potrebbero dare parecchio fastidio al BR abbastanza a lungo da rompere le proverbiali uova nel paniere di questi signori.GT
  • chojin999a scrive:
    Da pazzi buttar soldi su quelle copie
    L'unica spesa valida per un film è comprare il Blu-Ray. Buttare soldi per delle infime copie a bassa qualità come quelle pirata ricompresse che si trovano in giro è da stupidi, oltretutto con imposizioni DRM che rendono i file illegibili su tanti dispositivi.
    • angros scrive:
      Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
      Sono d' accordo che il DRM è una [censura], ma comunque c' è anche sul Bluray. Secondo me è da idioti inserirlo, anche perchè ormai molti televisori e/o decoder digitale terrestre hanno la possibilità di vedere i film da chiavetta USB, e il DRM è una limitazione grave.Non sono d' accordo sul fatto che il Bluray sia il futuro: il BD, secondo me, corrisponde a quello che erano i super audio CD: offrivano una qualità migliore, con resa perfetta anche delle frequenze più alte, per la gioia di cani, pipistrelli e delfini (unici animali in grado di udirle!); la pubblicità stessa diceva "riproduce perfettamente anche frequenze normalmente non udibili dall' orecchio umano".... ma se non riesco a sentirle, che me ne frega che ci siano! Il BD offre una risoluzione superiore, ma tanto se non hai almeno uno schermo da 40 pollici i pixel saranno così piccoli che nemmeno si nota la differenza, inoltre non credo che verrà mai sfruttato a fondo, così come non è stato sfruttato il DVD: quanti film sono usciti in multilingua? la maggior parte uscivano solo in due lingue (per la questione dei codici regionali, non aveva senso fare un' unica edizione con tutte le lingue); quanti film interattivi sono usciti? al massimo hanno messo uno o due finali alternativi, che però erano accessibili solo dal menu dopo i titoli di coda (e quello si poteva fare anche con una videocassetta); quanti DVD doppia facciata si sono visti? hanno mai realizzato un lettore DVD a doppia testina?Permettimi quindi di essere scettico sul BD: per la musica, la vendita tramite itunes sta spazzando via la distribuzione su disco (e i veri audiofili, che disdegnano la qualità della musica scaricata, pretendono il vinile, non il cd), e per i film non mi stupirebbe che accadesse la stessa cosa: l' hardware è già disponibile da anni, integrare un riproduttore divx nei televisori non è difficile... spero solo che tolgano in fretta il maledetto e [censura] DRM... non imparano mai? Itunes l' ha tolto e va meglio di prima.
      • ioioio scrive:
        Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
        - Scritto da: angros
        Permettimi quindi di essere scettico sul BD: per
        la musica, la vendita tramite itunes sta
        spazzando via la distribuzione su disco (e i veri
        audiofili, che disdegnano la qualità della musica
        scaricata, pretendono il vinile, non il cd),guarda che nemmeno il dvd viene usato per la musica,ormai lo sanno tutti che l'mp3 sostituirà il cd.
        • angros scrive:
          Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
          Non ho mai detto che il DVD venga usato per la musica.L'mp3 (o i formati nuovi con compressione lossless) di fatto hanno già sostituito il cd, io stavo solo dicendo che analogamente mi aspetto che il divx (o qualcosa di simile) sostituirà il dvd entro breve.
          • ioioio scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            - Scritto da: angros
            Non ho mai detto che il DVD venga usato per la
            musica.

            L'mp3 (o i formati nuovi con compressione
            lossless) di fatto hanno già sostituito il cd, io
            stavo solo dicendo che analogamente mi aspetto
            che il divx (o qualcosa di simile) sostituirà il
            dvd entro
            breve.no tu hai detto che sei scettico del BD per la musica,e io ti ho detto che non sarà mai usato per quello,il dvd l'ho citato solo per farti capire che non aveva proprio senso pensare all'accoppiata musica/BD, tutto li
          • angros scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            Forse non mi sono spiegato.Io ho detto che il BD offre per i film una qualità superiore rispetto al DVD, esattamente come il super audio CD offriva per la musica una qualità superiore rispetto al CD normale (forse mi ero espresso male io).Il punto è: il super audio CD (che pure offriva qualità migliore del CD) non ha avuto sucXXXXX, mentre l' MP3 (che offriva qualità peggiore, ma era più comodo) sì.Stavo cercando solo di fare un parallelo con una situazione analoga.
      • anonimo scrive:
        Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
        - Scritto da: angros
        Sono d' accordo che il DRM è una [censura], ma
        comunque c' è anche sul Bluray. Secondo me è da
        idioti inserirlo, anche perchè ormai molti
        televisori e/o decoder digitale terrestre hanno
        la possibilità di vedere i film da chiavetta USB,
        e il DRM è una limitazione
        grave.

        Non sono d' accordo sul fatto che il Bluray sia
        il futuro: il BD, secondo me, corrisponde a
        quello che erano i super audio CD: offrivano una
        qualità migliore, con resa perfetta anche delle
        frequenze più alte, per la gioia di cani,
        pipistrelli e delfini (unici animali in grado di
        udirle!); la pubblicità stessa diceva "riproduce
        perfettamente anche frequenze normalmente non
        udibili dall' orecchio umano".... ma se non
        riesco a sentirle, che me ne frega che ci siano!
        Il BD offre una risoluzione superiore, ma tanto
        se non hai almeno uno schermo da 40 pollici i
        pixel saranno così piccoli che nemmeno si nota la
        differenza, inoltre non credo che verrà mai
        sfruttato a fondo, così come non è stato
        sfruttato il DVD: quanti film sono usciti in
        multilingua? la maggior parte uscivano solo in
        due lingue (per la questione dei codici
        regionali, non aveva senso fare un' unica
        edizione con tutte le lingue); quanti film
        interattivi sono usciti? al massimo hanno messo
        uno o due finali alternativi, che però erano
        accessibili solo dal menu dopo i titoli di coda
        (e quello si poteva fare anche con una
        videocassetta); quanti DVD doppia facciata si
        sono visti? hanno mai realizzato un lettore DVD a
        doppia
        testina?
        Permettimi quindi di essere scettico sul BD: per
        la musica, la vendita tramite itunes sta
        spazzando via la distribuzione su disco (e i veri
        audiofili, che disdegnano la qualità della musica
        scaricata, pretendono il vinile, non il cd), e
        per i film non mi stupirebbe che accadesse la
        stessa cosa: l' hardware è già disponibile da
        anni, integrare un riproduttore divx nei
        televisori non è difficile... spero solo che
        tolgano in fretta il maledetto e [censura] DRM...
        non imparano mai? Itunes l' ha tolto e va meglio
        di
        prima.Senti ma guarda che un televisore da 40 pollici in su non costa più tanto infatti questo natale ne hanno venduti parecchi, io ce l'ho da 42 pollici e ho anche il lettore blu-ray pagato 150 euro. Aggiungi che le nuove PS3 costano meno e anche queste supportano il blu-ray.Io ho alcuni film in blu-ray e la differenza si vede eccome, anzi ti lascia a bocca aperta. Dopo che ne hai visto uno vuoi vedere solo roba in blu-ray. Bisogna però che i videonoleggi prendano coraggio e li mettano a disposizione. Purtroppo in questo momento navigano in cattive acque e hanno paura di rischiare.
        • angros scrive:
          Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
          La musica si sente meglio su uno stereo a valvole e con disco in vinile o su un iPod? Chi ha la qualità migliore?E chi vende di più? Quanti hanno il disco in vinile e quanti hanno l' iPod?Non è solo questione di qualità, ma di comodità d' uso: se su un hd esterno, grosso quanto una videocassetta, posso archiviare 300 film, e posso usarlo senza bisogno di un lettore (alcuni hanno direttamente l' uscita video analogica per divx), ci vuole una differenza di qualità notevole per indurmi a rinunciare a questa comodità (e tieni presente che solo una parte dei film sono disponibili in HD: per i film più vecchi, già c' è poca differenza tra dvd e cassetta, perchè è l' originale stesso a non avere una qualità elevatissima)Il DRM riduce la comodità d' uso, perciò spero che si decidano ad affossarlo; se per la musica forse finalmente qualcuno l' ha capito, prima o poi lo capiranno anche per i video.Nel frattempo, io mi registro i film da Rai4 su digitale terrestre (legale e gratuito al 100%), me li vedo su un LCD a 32 pollici e non compro nè divx con drm nè bd (con un drm altrettanto restrittivo).Ricordati che una ventina di anni fa c' erano il video2000 ed il betamax, decisamente superiori al VHS, ma sono stati affossati. Poi è venuto il laserdisc, ed anche quello è stato affossato. L' unica differenza è che, mentre chi aveva comprato un video2000 poteva comunque comprarsi un pò di cassette vuote e registrarsi i film dalla televisione (e quindi è riuscito comunque a sfruttarlo, anche se era uno standard "morto"), chi ha comprato il laserdisc e ha poi trovato in vendita due o tre film e basta non ha potuto fare nulla.
          • anonimo scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            - Scritto da: angros
            La musica si sente meglio su uno stereo a valvole
            e con disco in vinile o su un iPod? Chi ha la
            qualità
            migliore?

            E chi vende di più? Quanti hanno il disco in
            vinile e quanti hanno l'
            iPod?Paragoni l'ipod con il vinile? Sono cose di epoche diverse e anche per uso diverso. L'ipod è una cosa che ti ascolti con le cufiette e ha il vantaggio della portabilità e della capienza (oltre che di poterci mettere un sacco di roba scaricata gratis da internet).Poi l'uomo è più sensibile a ciò che è visivo rispetto al sonoro. Gli audiofoli sono una minoranza, ma se un film lo vedi meglio lo capisce anche la casalinga di Voghera.

            Non è solo questione di qualità, ma di comodità
            d' uso: se su un hd esterno, grosso quanto una
            videocassetta, posso archiviare 300 film, e posso
            usarlo senza bisogno di un lettore (alcuni hanno
            direttamente l' uscita video analogica per divx),Ce l'ho anche io l'hd esterno collegato con cavo HDMI al televisore. Una cosa deve escludere l'altra? Ma non è come guardare un film in blu-ray e lo dico con cognizione di causa, perché ho entrambi. Neanche quei video in HD che trovi su Miro (che puoi guardare con un hd esterno) sono paragonabili a un film in blu-ray come qualità perché hanno una compressione notevolmente maggiore.Un blu-ray fa la differenza, poi è enorme come dimensioni dati e scaricarlo da Internet sia in modo legale con o senza drm, col p2p o quello che ti pare... in ogni caso richiederebbe una vita anche con una linea in fibra ottica (che ho) perché a parte l'alta definizione il blu-ray è meno compresso e quindi occupa svariati e svariati giga. Io preferirei pagare e andare a prenderlo al videonoleggio risparmiando tempo e spazio.
            ci vuole una differenza di qualità notevole per
            indurmi a rinunciare a questa comodità (e tieni
            presente che solo una parte dei film sono
            disponibili in HD: per i film più vecchi, già c'
            è poca differenza tra dvd e cassetta, perchè è l'
            originale stesso a non avere una qualità
            elevatissima)Una piccola parte è disponibile in blu-ray così come una piccola parte era disponibile in DVD. I DVD dei film vecchi li vedi bene e meglio che in cassetta se prima di pubblicarli fanno un'opera di restauro. Io ho diversi DVD di film vecchi di cui ho anche la versione in cassetta e si vedono benissimo.
            Nel frattempo, io mi registro i film da Rai4 su
            digitale terrestre (legale e gratuito al 100%),
            me li vedo su un LCD a 32 pollici e non compro nè
            divx con drm nè bd (con un drm altrettanto
            restrittivo).
            Ce l'ho anche io il digitale terrestre. Fra l'altro una sera hanno mandato in onda un film che ho su blu-ray e ho fatto subito un confronto guardando prima con uno e poi con l'altro. Il risultato? Un abisso. Quasi come vedere due film diversi.
            Ricordati che una ventina di anni fa c' erano il
            video2000 ed il betamax, decisamente superiori al
            VHS, ma sono stati affossati. Poi è venuto il
            laserdisc, ed anche quello è stato affossato. L'
            unica differenza è che, mentre chi aveva comprato
            un video2000 poteva comunque comprarsi un pò di
            cassette vuote e registrarsi i film dalla
            televisione (e quindi è riuscito comunque a
            sfruttarlo, anche se era uno standard "morto"),
            chi ha comprato il laserdisc e ha poi trovato in
            vendita due o tre film e basta non ha potuto fare
            nulla.Il laser disc ce l'aveva un mio amico perché accanto a casa sua c'era un videonoleggio che ne aveva comprati una marea. Infatti nel suo quartiere in tanti avevano comprato il lettore laserdisc proprio perché c'era quel negozio (cmq non parlo dell'Italia).Non ricordo bene i dettagli, però avevano dei problemi tecnici, probabilmente per questo non sono mai stati spinti più di tanto dall'industria cinematografica.Poi il blu-ray adesso è una un qualcosa di cui si sente parlare in giro, il laserdisc era una roba che conoscevano in pochi.
          • Angros scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie

            Paragoni l'ipod con il vinile? Sono cose di
            epoche diverse e anche per uso diverso. L'ipod è
            una cosa che ti ascolti con le cufiette e ha il
            vantaggio della portabilità e della capienza
            (oltre che di poterci mettere un sacco di roba
            scaricata gratis da
            internet).A parte che i dischi in vinile si vendono ancora, se preferisci facciamo il paragone con il super audio CD... di quelli quanti ne vendono?Il punto è che la comodità di fruizione a volte è un fattore più importante della qualità, nella scelta di un supporto.

            Poi l'uomo è più sensibile a ciò che è visivo
            rispetto al sonoro. Gli audiofoli sono una
            minoranza, ma se un film lo vedi meglio lo
            capisce anche la casalinga di
            Voghera.Dipende dalle circostanze: se voglio vedermi un film alla sera, in salotto, con grande schermo e dolby surround ti dò ragione, ma se mi interessa vedermelo mentre sono in treno, o in sala d' attesa, magari me lo vedo su un portatile, su un netbook o addirittura su un palmare, e con uno schermo così piccolo non me ne frega nulla della risoluzione.

            Ce l'ho anche io l'hd esterno collegato con cavo
            HDMI al televisore. Una cosa deve escludere
            l'altra? Ma non è come guardare un film in
            blu-ray e lo dico con cognizione di causa, perché
            ho entrambi. Neanche quei video in HD che trovi
            su Miro (che puoi guardare con un hd esterno)
            sono paragonabili a un film in blu-ray come
            qualità perché hanno una compressione
            notevolmente
            maggiore.
            Un blu-ray fa la differenza, poi è enorme come
            dimensioni dati e scaricarlo da Internet sia in
            modo legale con o senza drm, col p2p o quello che
            ti pare... in ogni caso richiederebbe una vita
            anche con una linea in fibra ottica (che ho)
            perché a parte l'alta definizione il blu-ray è
            meno compresso e quindi occupa svariati e
            svariati giga. Io preferirei pagare e andare a
            prenderlo al videonoleggio risparmiando tempo e
            spazio.Io, invece, preferisco vedermelo al cinema a questo punto. Anche qui, dipende dal tipo di film: un film d' azione, basato sugli effetti speciali, perde parecchio visto sul piccolo schermo, mentre una commedia basata sui dialoghi non cambia molto.
            Una piccola parte è disponibile in blu-ray così
            come una piccola parte era disponibile in DVD. I
            DVD dei film vecchi li vedi bene e meglio che in
            cassetta se prima di pubblicarli fanno un'opera
            di restauro. Io ho diversi DVD di film vecchi di
            cui ho anche la versione in cassetta e si vedono
            benissimo.Quando la maggior parte dei film è stata disponibile su DVD, la qualità media è calata molto: i primi DVD avevano tutti 5 o 6 lingue, dettagli curatissimi, contenuti speciali, dolby surround, poi si è passati a DVD con sistemi di compressione mediocre, due lingue (di cui una in mono, a volte), e al posto dei contenuti speciali solo pubblicità. E' la conseguenza di una rimasterizzazione frettolosa, fatta solo per rivendere gli stessi film sul supporto più di moda al momento.
            Ce l'ho anche io il digitale terrestre. Fra
            l'altro una sera hanno mandato in onda un film
            che ho su blu-ray e ho fatto subito un confronto
            guardando prima con uno e poi con l'altro. Il
            risultato? Un abisso. Quasi come vedere due film
            diversi.Era in HD o no, sul digitale?Inoltre, alle volte la stazione televisiva non usa i supporti migliori (mi chiedo se non lo fanno apposta, per spingere la vendita dei dischi)

            Il laser disc ce l'aveva un mio amico perché
            accanto a casa sua c'era un videonoleggio che ne
            aveva comprati una marea. Infatti nel suo
            quartiere in tanti avevano comprato il lettore
            laserdisc proprio perché c'era quel negozio (cmq
            non parlo
            dell'Italia).
            Non ricordo bene i dettagli, però avevano dei
            problemi tecnici, probabilmente per questo non
            sono mai stati spinti più di tanto dall'industria
            cinematografica.Mi pare che il problema fosse la durata: ogni facciata del disco durava 30 minuti, per cui per un film di due ore dovevi avere due dischi, e interrompere ogni mezz'ora per girare o cambiare il disco. Anche qui, il problema era la comodità
          • Sgabbio scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            Il digitale terrestre non trasmette ancora in altra risoluzione, per motivi tecnici, del tipo che ci vogliono più frequenze per trasmettere in quel modo.La Rai sta sperimentato L'alta difinizione sul digitale terreste, se non erro.
          • anonimo scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            Senti per sintetizzare: tu dici che a te basta il dvd e i divx su un hd esterno e che lo guardi sul notebook in giro o sul tuo televisore di casa che non è HD. Però io ti dico che tanta altra gente ha comprato il televisore e comprerà il televisore full hd, sta diventando una cosa popolare e non solo per l'appassionato. Queste persone se trovano un modo economico per vedere i blu-ray, cioè affittarli al videonoleggio, li prende eccome e pagandoli anche un po' di più. Per quanto riguarda il digitale terrestre, non era HD. Ma l'HD sul digitale terrestre è in ogni caso peggiore di un film su blu-ray perché molto più compresso. Per il momento trasmettono a 720p neanche a 1080p, mediaset pensa che per far vedere i posticipi e gli anticipi del calcio in HD deve spegnere diversi canali.
          • angros scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            Io una volta andavo al videonoleggio (quando c' erano ancora le cassette), ma ho smesso quando hanno cominciato a proteggerle con macrovision per impedirne la duplicazione, perchè se un film mi piace non mi va di dover pagare di nuovo se voglio rivedermelo, quindi:-o mi danno il film gratis in bassa qualità, e se mi piace me lo compro in alta qualità-oppure me lo vendono con prezzi accettabili, senza DRM e senza limiti di tempo o di utilizzo.Per principio, da quando hanno impedito la duplicazione non ho più noleggiato un solo film, e da quando hanno messo il pay per view (con i film che non possono essere registrati e che si cancellano dopo 24 ore) ho disdetto l' abbonamento al satellite. Compro i DVD, magari, se sono di film che voglio conservare, ma non li prendo di sicuro a noleggio, e se voglio un film appena uscito in alta qualità me lo vado a vedere al cinema (di già che esco di casa, andare al cinema o al videonoleggio cambia poco, ed al cinema sono sicuro della qualità)
          • anonimo scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            - Scritto da: angros
            Io una volta andavo al videonoleggio (quando c'
            erano ancora le cassette), ma ho smesso quando
            hanno cominciato a proteggerle con macrovision
            per impedirne la duplicazione, perchè se un film
            mi piace non mi va di dover pagare di nuovo se
            voglio rivedermelo,
            quindi:Ok però tu parli di una tua decisione personale e particolare.
          • angros scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            Certo, una mia scelta personale, che però molte altre persone condividono, e che in molti casi non viene presa in considerazione dalle case cinematografiche, incoraggiando quindi a rivolgersi a fonti pirata.Per quanti anni chi la pensava come me doveva accontentarsi del videoregistratore? Adesso, almeno, un pochino di supporto comincia ad esserci... quando arriveranno a mettere film scaricabili senza DRM, fruibili infinite volte per meno di 5 euro magari ci faccio un pensiero; in fondo, per la musica hanno fatto una cosa del genere, e sembra che funzioni (e da youtube si può anche avere gratis, per farsi un' idea prima di comprarla).Per accontentare tutti, ci vorrebbe qualcosa tipo:-Megavideo, con film gratis ma in bassa qualità (vedi com' è, e se ti piace lo compri)-Pay per download: scaricabile a 5 euro, qualità media, senza DRM ma con digital watermark e fingerprint (così, se ne fai un uso illegittimo ti scoprono)-Premium edition: massima qualità per l' uso domestico (potrebbe essere BD, o addirittura pellicola 8mm, perchè no?), a prezzi elevati (è rivolto ad appassionati, che magari considerano un valore aggiunto averne una copia disponibile in edizione limitata)-CinemaIn questo modo, non resterebbe neanche spazio per la pirateria.
          • anonimo scrive:
            Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
            - Scritto da: angros
            Certo, una mia scelta personale, che però molte
            altre persone condividono, e che in molti casi
            non viene presa in considerazione dalle case
            cinematografiche, incoraggiando quindi a
            rivolgersi a fonti
            pirata.
            Saranno molte, ma pur sempre una minoranza. Riguardo al resto non guarderei mai il film la prima volta in bassa qualità per poi comprarlo. Sarebbe il modo perfetto per rovinarlo. Poi musica e film sono due cose diverse. Una canzone posso ascoltarla in bassa qualità le prime volte. Una canzone posso ascoltarla tutti i giorni per 30 anni, un film anche se è bello non è detto che abbia voglia di rivederlo, dipende, ad esempio un giallo se so chi è l'assassino non mi interessa comprarlo o rivederlo. Ma vale per tanti altri film.Le famiglie comunque non si fanno tutti questi problemi, ora li scaricano perché è gratis. Ma quando i televisori HD saranno nei loro salotti non si accontenteranno più del divx, oppure scaricheranno ancora i film, ma una parte l'affitteranno in blu-ray.
    • pinco pallino scrive:
      Re: Da pazzi buttar soldi su quelle copie
      - Scritto da: chojin999a
      L'unica spesa valida per un film è comprare il
      Blu-Ray. Buttare soldi per delle infime copie a
      bassa qualità come quelle pirata ricompresse che
      si trovano in giro è da stupidi, oltretutto con
      imposizioni DRM che rendono i file illegibili su
      tanti
      dispositivi.Concordo. Si vede male costano pure troppo e ti devi pagare la lineaed il tempo per scaricare il film.
Chiudi i commenti