iTunes, le università dentro un iPod

Le università che parteciperanno ad un nuovo progetto Apple potranno fruire di un canale di distribuzione multimediale per completare l'offerta didattica: le lezioni, in pratica, sbarcheranno su iPod
Le università che parteciperanno ad un nuovo progetto Apple potranno fruire di un canale di distribuzione multimediale per completare l'offerta didattica: le lezioni, in pratica, sbarcheranno su iPod


San Jose (USA) – Il podcasting diventa ufficialmente uno strumento di formazione accademica grazie al progetto Apple iTunes U annunciato con una certa enfasi dalla Mela di Cupertino.

Dopo la sperimentazione che ha visto la University of Missouri e altri cinque atenei utilizzare la piattaforma Apple iTunes U per distribuire materiali educativi in formato digitale , Apple è ora decisa a spingersi oltre. Da questa settimana tutte le università e college che lo desiderano potranno aderire al progetto.

Apple permetterà di personalizzare le interfacce iTunes U con le insegne universitarie, e ai docenti di postare podcast, audio book e contenuti video di ogni genere. Tutti i file multimediali potranno essere accessibili sia tramite la piattaforma Microsoft Windows che Mac, e allo stesso tempo non vi sarà alcuna limitazione nel trasferimento dati su player multimediali – compreso Apple iPod. Inoltre gli studenti stessi potranno uplodare i loro lavori, dando la possibilità ai docenti di valutare più velocemente il loro operato.

Insomma, Apple consegnerà alle istituzioni scolastiche una piattaforma di distribuzione online completamente personalizzabile e sganciata dalle consuete dinamiche commerciali .

“L’applicazione e il servizio correlato sono completamente gratuiti. Durante l’anno di test ne abbiamo ampiamente esplorate le potenzialità”, ha dichiarato Keith Politte, responsabile dell’iniziativa presso la School of Journalism della University of Missouri. “I nostri studenti appartengono alla generazione digitale. Cerchiamo di soddisfare le loro esigenze, e iTunes è senza dubbio l’interfaccia più familiare”.

Sotto il profilo della personalizzazione del servizio, Apple si è preoccupata di rendere disponibili un buon numero di opzioni che permettono, ad esempio, di limitare gli accessi ai contenuti , magari ad un numero ristretto di studenti appartenenti ad un corso specifico, o di rendere pubblico ogni downloading . Stanford University , infatti, ha reso accessibili letture ma anche le radiocronache di eventi sportivi tramite il suo iTunes U.

“iTunes U sfrutterà l’attuale diffusione nei campus degli iPod e iTunes”, ha dichiarato Chris Bell, direttore product marketing per Apple iTunes.

Gli scopi commerciali di Apple , comunque, sono evidenti. Le istituzioni che aderiranno all’offerta iTunes Volume Songs potranno far risparmiare ai propri studenti il 20% sul prezzo di listino di ogni traccia acquistata tramite lo store musicale dell’azienda.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 01 2006
Link copiato negli appunti