Kaby Lake, la settima generazione di Intel è ancora a 14nm

La corporation statunitense ha presentato ufficialmente la nuova generazione di CPU Core, una declinazione di basso profilo della veneranda architettura x86 che non a caso interessa i sistemi ultra-portatili a bassissimi consumi
La corporation statunitense ha presentato ufficialmente la nuova generazione di CPU Core, una declinazione di basso profilo della veneranda architettura x86 che non a caso interessa i sistemi ultra-portatili a bassissimi consumi

Intel ha svelato la settima generazione di CPU Core , chip basati sulla microarchitettura Kaby Lake che segnano un importante punto di passaggio per la storia dell’azienda statunitense e anche per l’interno mercato dei sistemi x86. Le parole d’ordine delle “nuove esperienze” prendono il posto delle specifiche tecniche e della pura potenza, anche se le novità architetturali di rilievo non mancano.

Kaby Lake

Il fatto è noto da tempo: Chipzilla ha incontrato difficoltà significative nell’adozione del nuovo processo produttivo a 10 nanometri, ragion per cui lo “step” Kaby Lake rappresenta l’ abbandono della tradizionale politica del tick-tock e viene ancora una volta realizzato sul nodo già impiegato per la sesta generazione, Skylake (14nm).

Kaby Lake

Anche il marketing si è adeguato al nuovo stato delle cose, e ora Intel descrive i chip Kaby Lake come ideali per godere della “Internet immersiva”, lo streaming multiplo di flussi video in Ultra HD/4K, i video a 360 gradi, le applicazioni di realtà virtuale e/o aumentata e tutto quanto.

Kaby Lake

Kaby Lake migliora il supporto alle tecnologie biometriche quali Windows Hello, ed è un’architettura che Intel descrive come caratterizzata da miglioramenti sostanziali sul fronte dell’ efficienza energetica : la settima generazione di CPU Core è 10 volte più efficiente rispetto alla prima, spiega la corporation, con performance superiori – rispetto a Skylake – del 19 per cento nella navigazione Web e del 12 per cento con le applicazioni di produttività.

Kaby Lake

La vocazione all’efficienza energetica fanno di Kaby Lake un prodotto ideale per essere integrato nei sistemi ultraportatili e dei convertibili 2-in-1 , e non a caso i chip ufficialmente presentati includono CPU Core i7, i5 e i3 serie U per laptop e i Core “M” della serie Y.

Le specifiche sono calmierate ma, diversamente dal passato, includono in tutti i casi una configurazione con due core fisici e quattro thread gestiti in contemporanea grazie all’Hyperthreading. I sistemi basati su Kaby Lake usciranno nel prossimi mesi, mentre per le CPU desktop occorrerà attendere ancora.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 08 2016
Link copiato negli appunti