Kindle eBook non più acquistabili da app Android

Kindle eBook non più acquistabili da app Android

A causa delle nuove regole del Google Play Store, gli utenti non possono più acquistare gli eBook per Kindle tramite l'app Android di Amazon.
A causa delle nuove regole del Google Play Store, gli utenti non possono più acquistare gli eBook per Kindle tramite l'app Android di Amazon.

Amazon ha finora consentito di acquistare gli eBook Kindle attraverso l’app per Android, una possibilità negata agli utenti iOS dal 2011. L’azienda di Seattle ha ora eliminato l’esclusiva, bloccando la procedura anche sul sistema operativo di Google. In pratica è necessario effettuare l’acquisto tramite browser. La novità è dovuta al rispetto delle nuove regole del Play Store.

Niente acquisti in-app per colpa di Google

Amazon aveva rimosso la possibilità di acquistare eBook dall’app iOS per non pagare la “tassa” del 30% ad Apple. Anche Google richiede l’uso del suo sistema di pagamento in-app, ma finora non aveva mai imposto il rispetto dell’obbligo. L’azienda di Mountain View ha messo le cose in chiaro nel 2020, comunicando che tutti gli sviluppatori dovranno utilizzare il Google Play Billing, ma concedendo un periodo di tolleranza di 18 mesi per dare il tempo di apportare le necessarie modifiche.

Questo periodo termina il 31 maggio. Pertanto dal 1 giugno le app che non saranno ancora conformi verranno rimosse da Google Play. Ecco perché Amazon non permette più l’acquisto degli audiolibri di Audible dal 1 aprile. Ora è arrivato il turno degli eBook.

Nella pagina del libro digitale viene mostrato il link “Perché non posso acquistare sull’app?“. Cliccando sul link appare una schermata che spiega il motivo, ovvero le nuove regole del Play Store. L’utente deve quindi effettuare l’acquisto tramite browser.

Al momento l’uso di un sistema di pagamento alternativo è possibile solo in Corea del Sud (gli sviluppatori devono pagare una commissione dell’11%), ma è probabile un nuovo intervento dell’autorità antitrust.

A fine marzo, Google ha annunciato un programma pilota per consentire agli sviluppatori di usare un sistema di pagamento alternativo, ma è riservato unicamente a Spotify. Quando entrerà in vigore il Digital Markets Act (primavera 2023), Google non potrà più imporre il suo sistema di pagamento, altrimenti rischia pesanti sanzioni.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 9 mag 2022
Link copiato negli appunti