Kindle, il prezzo della concorrenza

Si abbassano i prezzi dell'ereader di Amazon: 189 dollari per il modello 3G

Roma – Amazon taglia il prezzo di Kindle 2 3G, che arriva ora a costare 189 dollari invece dei precedenti 259 . Dieci dollari in meno del nuovo Nook con 3G di Barnes&Nobles . Inoltre gli utenti che lo hanno acquistato negli ultimi 30 giorni avranno diritto ad uno sconto pari alla differenza di prezzo.

Che qualcosa si stia muovendo nel mercato degli ereader ormai è certo. Ne sono sintomi evidenti l’ avvento di iPad, dei primi dispositivi che toccano i 150 dollari, nonché l’ annuncio degli schermi e-ink a colori entro la fine dell’anno. Ora è il dispositivo finora padrone del settore, il Kindle di Amazon, a far calare il suo prezzo per diventare più allettante anche per i non early adopter , i primi acquirenti di prodotti tecnologici che non si fanno spaventare da un prezzo elevato.

Possibili ripercussioni dei concitati cambi di listino (l’annuncio di Amazon ha seguito di poche ore quello di Barnes&Nobles) potrebbero esserci subito su Kobo, eredaer della libreria Borders: puntava all’acquisto d’impulso con un prezzo di 149 dollari, ma presumibilmente dovrà ora abbassare la sua richiesta in vista dell’esordio sul mercato di luglio.

Il taglio del prezzo del prodotto di Amazon potrebbe anche rappresentare un segno dell’intenzione di svuotare i magazzini per far spazio al nuovo modello , che secondo alcune indiscrezioni farà la sua comparsa ad agosto e sarà più leggero. Il Kindle DX, il device di fascia alta con uno schermo più grande, resta invece a 489 dollari.

Oltre al calo dei prezzi dei dispositivi, il mercato degli ereader attende ora l’apertura dei formati digitali: lucchetti e negozi online non interoperabili rappresentano sicuramente ancora una barriera per il settore. Così come, almeno per l’Italia, la mancanza di un catalogo di ebook all’altezza. Per quanto riguarda la possibilità di leggere il proprio libro digitale acquistato sul dispositivo che si vuole, per il momento Amazon sta un passo avanti rispetto a iBook Store, i cui titoli possono essere letti solo su iPad, grazie all’ applicazione che permette di leggere i suoi volumi anche sul tablet di Apple.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Standby?
    E che ci frega di quanto dura in standby? Non è mica uno smartphone in attesa di chiamate
    • bertuccia scrive:
      Re: Standby?
      - Scritto da: ruppolo
      E che ci frega di quanto dura in standby? Non è
      mica uno smartphone in attesa di
      chiamatein questo modo non lo spegni mai..dovresti apprezzarla questa cosa da possessore di ipad
    • iRoby scrive:
      Re: Standby?
      C'entra. Se vivi connesso, quando apri lo schermo devi essere subito operativo e il più a lungo possibile anche lontano da una presa.Autonomia e velocità ad essere operativi è essenziale sennò ci si stufa. Immagina a dover spegnere e attendere tempi di boot.Si lascia in stand-by, ma deve avere autonomia anche in stand by non puoi ricordarti di ricaricarlo continuamente.
  • miloz scrive:
    re-netbook
    Brava Toshiba, torniamo a parlare di netbook... argomento sospeso nel dicembre 2008, quando la Asus ha abbandonato il concept del Eeepc 900 e 901. Per "esigenze di mercato" erano spariti le vere innovazioni: i dischi allo stato solido - che permettevano meno peso, più betteria e resistenza meccanica - e Linux.Speriamo che la gente capisca che un netbook non è un mezzo-notebook ma un altro tipo di computer.
    • iRoby scrive:
      Re: re-netbook
      Ci fu un misto di motivazioni allora...Primo non furono capiti, le masse utonte lo prendevano per un notebook più piccolo e pretendevano di farci le stesse cose, ivi compreso il software per Windows.Ci fu un gran numero di gente che lo comprava e lo riportava indietro perché non c'era Windows.Ci furono le pressioni di Microsoft agli OEM che prima provò coi soliti metodi mafiosi, poi dovette cedere a ridurre il prezzo delle licenze di XP all'equivalente di un piatto di pasta. C'è da dire che del il Mini da 9" con Ubuntu ne vendeva il 50% con Ubuntu Linux.Poi gli SSD montati su questi computer erano una cosa ridicola. Non solo come capacità, ma anche come prestazioni. Già l'Atom era una schifezza, aggiungici un SSD che fatica a fare 20M/s...
      • nome e cognome scrive:
        Re: re-netbook

        Poi gli SSD montati su questi computer erano una
        cosa ridicola. Non solo come capacità, ma anche
        come prestazioni. Già l'Atom era una schifezza,
        aggiungici un SSD che fatica a fare
        20M/s...Poi pioveva, il ginocchio faceva contatto col gomito, il governo è ladro, questo è l'anno di linux...
  • iRoby scrive:
    Un sogno si avvera
    Si spezza la catena del duopolio Wintel, questo prodotto è una pietra miliare!Solo io vedo la rivoluzione?
    • nome e cognome scrive:
      Re: Un sogno si avvera
      - Scritto da: iRoby
      Si spezza la catena del duopolio Wintel, questo
      prodotto è una pietra
      miliare!

      Solo io vedo la rivoluzione?Sarà rivoluzione se ne vendono più di 10.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Un sogno si avvera
      - Scritto da: iRoby
      Si spezza la catena del duopolio Wintel, questo
      prodotto è una pietra
      miliare!

      Solo io vedo la rivoluzione?Sì, ma se ci mettono Android...almeno avessero messo un Ubuntu ben modificata, un sistema operativo più completo! Android è più adatto per i tablet, IMHO, ovviamente!
    • ruppolo scrive:
      Re: Un sogno si avvera
      - Scritto da: iRoby
      Si spezza la catena del duopolio Wintel, questo
      prodotto è una pietra
      miliare!

      Solo io vedo la rivoluzione?No, la vedono anche (pochi) altri, ma relativamente ad iPad.Questo Toshiba fa l'errore opposto di Microsoft:Microsoft voleva mettere un sistema operativo per desktop su un dispositivo touch, Toshiba vuole mettere un sistema operativo per touch su un dispositivo con tastiera e mouse.
      • iRoby scrive:
        Re: Un sogno si avvera
        A me interessa poco touch o non touch. Mi interessa una questione più intima e tecnologica, fanno apparizione i primi notebook tradizionali con tastiera e schermo che non hanno Wintel!Che poi Android sia sbagliato ne possiamo discutere.Ma comunque si apre la strada per nuovi sistemi. Per aumentata autonomia. E soprattutto Linux su questi sistemi è ben supportato e funziona benissimo.Avrebbe dovuto essere questo il vero NETBOOK.
  • Max74 scrive:
    AUTONOMIA
    Alla faccia dei netbook con windows 7 - SCUSATE SE SONO RIPETITIVO
    • Rover scrive:
      Re: AUTONOMIA
      Sì, ma cosa ci fai con un netbook in standby?E comuqnue il mio vecchio Samsung NC10 con XP, lavorando, fa oltre 6 ore.Se al posto di un HD da 160 classico mettiamo una qualcosa di solido vuoi non guadagnare un'oretta?Quindi non ci vedo questa novità, sotto nessun aspetto.Quando ne faranno uno che si apre in verticale (tastiera sul lato corto)?
      • Rover scrive:
        Re: AUTONOMIA
        Ho dimenticato un pezzo: a qaundo un ibrido tastiera fisica+touch screen.Perchè il touch può sostituire agevolmente il mouse, ma una tastiera touch per scrivere è ababstanza straziante. Credo che il primo che metterà a punto una buona soluzione ibrida avrà luminosi orizzonti davanti.Augh.....
        • ruppolo scrive:
          Re: AUTONOMIA
          - Scritto da: Rover
          Ho dimenticato un pezzo: a qaundo un ibrido
          tastiera fisica+touch
          screen.
          Perchè il touch può sostituire agevolmente il
          mouse, ma una tastiera touch per scrivere è
          ababstanza straziante. Credo che il primo che
          metterà a punto una buona soluzione ibrida avrà
          luminosi orizzonti
          davanti.
          Augh.....E come funzionerebbe un sistema operativo ibrido? I pulsanti a misura di dito o di freccia?
  • paolinovaiv aivai scrive:
    Ma tenetevelo
    A quel prezzo e con Android. LOL
    • simply scrive:
      Re: Ma tenetevelo
      - Scritto da: paolinovaiv aivai
      A quel prezzo e con Android. LOLva bé piuttosto di un iPad...
      • ruppolo scrive:
        Re: Ma tenetevelo
        - Scritto da: simply
        - Scritto da: paolinovaiv aivai

        A quel prezzo e con Android. LOL

        va bé piuttosto di un iPadEh certo, questo ha molto più software...
        • collione scrive:
          Re: Ma tenetevelo
          ovvio, ci gira tutto il software android, a differenza di itavoletta che necessita di un riadattamento delle applicazioni di iphone
      • lordream scrive:
        Re: Ma tenetevelo
        - Scritto da: simply
        - Scritto da: paolinovaiv aivai

        A quel prezzo e con Android. LOL

        va bé piuttosto di un iPad...800 euri un ipad.. ci fai un bel computer con quel prezzo..
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Ma tenetevelo
      - Scritto da: paolinovaiv aivai
      A quel prezzo e con Android. LOLIn effetti è caruccio, ma il fatto di essere Windows-free è impagabile! E i prezzi scenderanno.
  • utonto scrive:
    Domanda...
    E' un netbook cpn hd piccolo ma con grande autonomia ma allora non era meglio metterci chrome os?Così si risparmia(va) spazio sull'hd a vantaggio di applicazioni...
  • Enterprise Profession al scrive:
    Redmond, we have a problem...
    E' fatta. Sta uscendo il netbook ARM. Se riescono a mantenere basso il prezzo e alta la durata della batteria, questi netbook si diffonderanno...E Windows su ARM non ce lo puoi mettere...
    • Pippone scrive:
      Re: Redmond, we have a problem...
      Linux si?
      • Dominus scrive:
        Re: Redmond, we have a problem...
        - Scritto da: Pippone
        Linux si?Android non è un sistema riscritto da zero.E' un "derivato" basato su sistemi Linux.
        • Pippone scrive:
          Re: Redmond, we have a problem...
          Quindi volendo potrei installarci qualsiasi "variante" di Linux (Mint compreso?)
          • utonto scrive:
            Re: Redmond, we have a problem...
            Si e in dual boot con Android,sacrificando lo spazio per i dati.
          • Pippone scrive:
            Re: Redmond, we have a problem...
            Ottimo!!!
          • pentolino scrive:
            Re: Redmond, we have a problem...
            credo che sia possibile più o meno per tutte le derivate da ubuntu (come mint appunto).Poi c'è anche tutta la famiglia debian ed altre
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Redmond, we have a problem...
        - Scritto da: Pippone
        Linux si?Eccome: https://wiki.ubuntu.com/ARMhttp://www.microsmeta.com/dblog/articolo.asp?articolo=625Tra l'altro lo stesso Android è linux based. Windows è relegato agli x86, chissà se quello che è stato il suo braccio destro per 20 anni non sarà un giorno la sua fine...
        • collione scrive:
          Re: Redmond, we have a problem...
          direi di si, visto che intel è la prima a volersi togliere dalle scatole ms :D
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Redmond, we have a problem...
            - Scritto da: collione
            direi di si, visto che intel è la prima a volersi
            togliere dalle scatole ms
            :DMah, non credo proprio... Microsoft ha fatto la fortuna di Intel, sin dai tempi dell' MS-DOS. Se non ci gira Windows sugli x86 rimangono Linux e Mac che non hanno ancora un market-share paragonabile...
          • collione scrive:
            Re: Redmond, we have a problem...
            dipendela fortuna di intel l'ha fatto ibm che all'epoca vendette pc a vagonateovviamente pc ibm voleva dire dos e dos voleva dire x86, per cui nec e gli altri cominciarono a produrre cloni basati su x86poi tutto divenne un unico blocco monolitico e il software fece il restoil punto è che oggi giorno, con le dovute tecnologie di emulazione ( wine ad esempio ) e framework cross-platform, si può eliminare windows ma difficilmente x86pensare ad un wine arm che traduce al volo verso x86 è pura folliain questo senso intel è molto più indipendente di ms, che invece si ritrova ad avere un sistema operativo che non può andare oltre x86intel invece ha il lusso di decine di sistemi operativi che vanno su x86 e in ambiti ristretti possono prendere il posto di windows
    • bertuccia scrive:
      Re: Redmond, we have a problem...
      - Scritto da: Enterprise Profession al

      E Windows su ARM non ce lo puoi mettere...http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2921094&m=2921461#p2921461
  • pentolino scrive:
    Il primo vero netbook ARM?
    Che sia finalmente il netbook arm che tanto aspettavamo... piuttosto non trovo in giro nulla su questo Tegra N250, si riferisce al tegra 250?Nel caso è un bel prodotto, A9 cortex, dual core, roba seria insomma, vedremo quando sarà sul mercato da noi quanto costerà
    • banca scrive:
      Re: Il primo vero netbook ARM?
      - Scritto da: pentolino
      Che sia finalmente il netbook arm che tanto
      aspettavamo... piuttosto non trovo in giro nulla
      su questo Tegra N250, si riferisce al tegra
      250?
      Nel caso è un bel prodotto, A9 cortex, dual core,
      roba seria insomma, vedremo quando sarà sul
      mercato da noi quanto
      costeràin giappone 350 e già mi sembra caruccio..
      • pentolino scrive:
        Re: Il primo vero netbook ARM?
        infatti, certo la dotazione è di prim' ordine, però se costerà tanto più di quei 350€ rimarrei piuttosto perplesso, nelle promesse i netbook ARM dovenano costare meno di 200€...
        • Thescare scrive:
          Re: Il primo vero netbook ARM?
          - Scritto da: pentolino
          infatti, certo la dotazione è di prim' ordine,
          però se costerà tanto più di quei 350€
          rimarrei piuttosto perplesso, nelle promesse i
          netbook ARM dovenano costare meno di
          200È solo il primo. Credo che sia normale un prezzo più alto delle aspettative.Aspettiamo che anche altre marche escano con netbook simili.
          • L Uomo Armato scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            - Scritto da: Thescare
            - Scritto da: pentolino

            infatti, certo la dotazione è di prim' ordine,

            però se costerà tanto più di quei 350€

            rimarrei piuttosto perplesso, nelle promesse i

            netbook ARM dovenano costare meno di

            200

            È solo il primo. Credo che sia normale un prezzo
            più alto delle
            aspettative.
            Aspettiamo che anche altre marche escano con
            netbook
            simili.Io personalmente aspetterò l'uscita del Compaq AirLife 100; in quanto in un sistema del genere la soluzione trackpad only di toshiba mi suona un poco limitante (ricodiamoci che sebbbene toshiba lavori sull'interfaccia grafica del sistema, tutte le applicazioni scritte per android sono fortemente orientate al touch e toshiba mica può riscriverle tutte)...
          • kiber scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            anche al tempo del primo netbook si diceva così e poi? i produttori sono aumentati e il prezzo è stranamente aumentato
          • Thescare scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            - Scritto da: kiber
            anche al tempo del primo netbook si diceva così e
            poi? i produttori sono aumentati e il prezzo è
            stranamente
            aumentatoIn un altro sito parlano di prezzo ufficiale fissato a 299 euro per la versione base del netbook.Rispondendoti, hai ragione, ma devi considerare che sono aumentate anche le specifiche tecniche come schermo più grande, maggiore quantità di ram e di memoria di massa etc etc.Non credo sia possibile confrontare i primi netbook da 7 pollici con lo standard attuale del mercato. P.S. personalmente preferivo i primi netbook.....
          • pentolino scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            pure io, ed infatti mi va benissimo il mio fido eeepc701 :-)
          • nome e cognome scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            - Scritto da: kiber
            anche al tempo del primo netbook si diceva così e
            poi? i produttori sono aumentati e il prezzo è
            stranamente
            aumentatoE linux è sparito... dieci giorni e sarà lo stesso per android.
          • iRoby scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            Quando ci sarà maggiore diffusione di cloud serio e la gente inizierà a dipendere sempre più da questo, Windows sarà sempre meno obbligatorio.Già oggi c'è poco uso e ricerca di software tradizionale e sempre più uso online di agende, calendari, spazio su Internet, social network, ecc.Perché su Internet è centralizzato.Con tutti i device connessi che abbiamo, tra smartphone, PC fisso, notebook, e tra poco anche un tablet, perché ci sarà il boom dei tablet con iPad che ha fatto da precursore, non avrà più senso l'uso di software tradizionale installato. Perché anche un semplice PIM, avrà i dati locali sulla macchina dove lo hai installato.Già io quando scrivo un documento sul PC fisso spesso lo cerco sul laptop e non lo trovo perché mi scordo che sta sul fisso. Ed allora stramite SCP entro nel fisso e me lo prendo anche se sono fuori di casa, se ho una connessione.Ma io sono io, e un server SSH/SCP me lo so installare e gestire, il resto della gente o gira con tutti i suoi documenti su chiavette varie, o deciderà di spostare tutto il possibile su Internet. Già oggi è quasi morto il client di posta elettronica e si lavora solo sulla webmail.Con questi presupposti e tutte le proprie necessità su Internet sei fuori dal dominio del sistema operativo Microsoft e dei suoi standard. Gli standard sono quelli del web ora...
          • collione scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            tanto sparito che un terzo dei netbook vengono venduti con linux :DGET THE FACTS (rotfl)
          • collione scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            p.s. una sparizione c'è stata ed è stata quella dell'hp slate con windows settete :D
          • boh scrive:
            Re: Il primo vero netbook ARM?
            Infatti su questo spero ci stia bene debian.
    • Shu scrive:
      Re: Il primo vero netbook ARM?
      - Scritto da: pentolino
      Che sia finalmente il netbook arm che tanto
      aspettavamo...A me lascia un po' perplesso l'autonomia.Un cellulare con le stesse caratteristiche pesa meno di 200 g. Capisco che il display e la tastiera possano pesare e consumare, ma in 900 g ci sta tranquillamente una batteria almeno tripla (come mAh), che dovrebbe garantire 24 ore di autonomia, non 8-10.Bye.
      • pentolino scrive:
        Re: Il primo vero netbook ARM?
        però c'è scritto che è più sottile degli altri netbook, quindi direi anche batteria più piccola; e poi non credo siano poi tanti i cellulari che montano un dual core!Insomma i motivi per consumare di più ci sono tutti, lo spazio per una batteria più capiente non so
      • nome e cognome scrive:
        Re: Il primo vero netbook ARM?

        A me lascia un po' perplesso l'autonomia.
        Un cellulare con le stesse caratteristiche pesa
        meno di 200 g. Capisco che il display e la
        tastiera possano pesare e consumare, ma in 900 g
        ci sta tranquillamente una batteria almeno tripla
        (come mAh), che dovrebbe garantire 24 ore di
        autonomia, non
        8-10.Ci sono in giro cellulari con il tegra n250?
    • Suricato scrive:
      Re: Il primo vero netbook ARM?
      http://www.nvidia.com/object/tegra_250.htmlquesto è il procio
      • pentolino scrive:
        Re: Il primo vero netbook ARM?
        appunto, il 250, non so da dove si siano tirati fuori la sigla n250... a meno che "n" non stia per nvidia
Chiudi i commenti