Kindle, per leggere basta un browser

Amazon ha pronta l'annunciata web app pensata per non farsi raggiungere da Google nella lettura elettronica e sbarcare al meglio anche sui browser

Roma – Come annunciato , Amazon ha presentato la nuova versione dell’applicazione Web per la fruizione online dei contenuti Kindle. Kindle for Web è stata presentata ufficialmente contestualmente all’ evento di lancio di Chrome OS di Google (proprio il concorrente cui sembra indirettamente rispondere) e rappresenta il modo in cui Amazon permette ora agli utenti di leggere per intero un libro sul proprio browser .

Già a disposizione da fine settembre, l’applicazione ha ora funzionalità importanti che le permettono di reagire alla presentazione di Google eBookstore .

Mentre infatti originariamente il servizio permetteva solo di consultare il primo capitolo di un libro cui si era interessati e di incastonarne questi contenuti in pagine diverse da quelle di Amazon (rappresentava, dunque, semplicemente un supporto commerciale alla lettura tramite Kindle), ora tramite questo servizio gli utenti possono iniziare una lettura e portarla a termine o continuare quella iniziata su un Kindle (o su un altro dispositivo dotato della sua app) direttamente sul browser.

Il volume per intero sarà infatti messo a disposizione e verrà sincronizzato in automatico con il segnalibro messo su altri dispositivi dotati dell’app Kindle su cui si era eventualmente precedentemente iniziata la lettura (al momento i dispositivi iOS, Android, i Mac, i PC e i Blackberry).

Allo stesso modo di Google eBookstore, poi, anche Kindle for Web permetterà di effettuare l’acquisto direttamente dalla pagina in cui ci si trova: che potrà essere la piattaforma di Amazon o altri siti partner che avranno incastonato il contenuto Amazon con l’installazione di un widget e eventualmente anche collegarsi ai modelli di pagamento di Amazon (mentre, per esempio, Google deve ancora mettere a disposizione il suo).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e Cognome scrive:
    economia spaziale nuova e VIBRANTE!?!?!?
    economia spaziale nuova e VIBRANTE!?!?!? perfavore non parliamo di vibrazioni altrimenti i tempi si allungano!
    • OldDog scrive:
      Re: economia spaziale nuova e VIBRANTE!?!?!?
      - Scritto da: Nome e Cognome
      economia spaziale nuova e VIBRANTE!?!?!?
      perfavore non parliamo di vibrazioni altrimenti i
      tempi si
      allungano!Hmmm, a parte la battuta, direi che qualcuno ha tradotto approssimativamente "vibrant" (dal dizionario: "powerful and exciting").Tornando alla notizia, direi che quando Obama ha detto che erano maturi i tempi per pagare questi servizi ai privati e concentrare gli sforzi Nasa sui progetti di punta, aveva ragione.La Nasa non ha al momento molto da sperimentare nel piccolo cabotaggio "terra - orbita bassa", che è tempo di lasciare ai taxisti e ai camionisti. La Nasa deve sperimentare nelle missioni a lunga durata e nella propulsione per viaggi più veloci entro il sistema solare e per cercare di lanciare sonde che, in tempi accettabili per una generazione di scienziati, vadano a capire come sono fatti i pianeti dei sistemi relativamente più vicini. Progettare sonde che possano sopravvivere bene trent'anni e più, viaggiando a velocità decisamente maggiori delle attuali, consentirebbe quanto meno di avere la prospettiva dei vecchi coltivatori che "piantavano datteri affinché i propri figli ne mangiassero i frutti".
Chiudi i commenti