Kobo, nuovo padrone e nuove opportunità

La produttrice canadese di e-reader è stata acquisita da un peso massimo dell'e-commerce giapponese. Ottima occasione per raggiungere più consumatori

Roma – Kobo , azienda con base a Toronto specializzata nella produzione di e-reader economici, è stata acquisita da Rakuten per la cifra di 315 milioni di dollari. Entrambe le aziende sottolineano le potenzialità dell’unione tra l’hardware Kobo e le importanti risorse finanziarie e di market share nelle disponibilità di Rakuten.

Il colosso nipponico del commercio elettronico dispone infatti di svariate proprietà in giro per il mondo, marchi come Buy.com negli USA, Tradoria in Germania e Lekutian in Cina. Nel complesso Rakuten può contare sul ben 70 milioni di utenti che usano i suoi servizi di e-commerce, e persino di una squadra di baseball professionale (Tohoku Rakuten Golden Eagles).

Per contro, a Kobo viene attribuita una quota di mercato nel settore degli e-reader pari al 2%. Dispone inoltre di funzionalità e “app” focalizzate sulla condivisione social delle attività di e-reading degli utenti.

Nel commentare l’acquisizione da parte di Rakuten, il CEO di Kobo Michael Serbinis ha sottolineato “la comune visione” delle due società nella creazione di “una content experience che è globale e sociale assieme”. Basterà questa “comune visione” a impensierire i nuovi tablet/reader delle sempre più agguerrite leader di mercato Amazon e Barnes&Noble ?

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dexter scrive:
    sovvenzioni ad apple
    quello che so è che apple obbliga tre che obbliga i gestori dei suoi negozi ad acquistare e tenere un iphone nei negozi selezionati per venderli.. una roba vergognosa, ai limiti della legalità
    • Rizzo Master scrive:
      Re: sovvenzioni ad apple
      - Scritto da: dexter
      quello che so è che apple obbliga tre che obbliga
      i gestori dei suoi negozi ad acquistare e tenere
      un iphone nei negozi selezionati per venderli..
      una roba vergognosa, ai limiti della
      legalitàspiegati meglio
    • Fiber scrive:
      Re: sovvenzioni ad apple
      - Scritto da: dexter
      quello che so è che apple obbliga tre che obbliga
      i gestori dei suoi negozi ad acquistare e tenere
      un iphone nei negozi selezionati per venderli..
      una roba vergognosa, ai limiti della
      legalitàanche se lo sospettavo ora ho capito come mai in tutti i negozi TRE Italiani c'e' anche sempre un bel manifesto pubblicitario di Iphone 4S attaccato al vetro della porta mentre per tutti gli altri come Htc Sensation Xe , Galaxy S2 ,HTC Evo 3D, Ld Optimus etc etc il nulla (rotfl)
  • hermanhesse scrive:
    Ehm...
    Sto diventando come Finalcut.Quale parte di "lo avevo detto io..." devo ribadire?
    • bubba scrive:
      Re: Ehm...
      - Scritto da: hermanhesse
      Sto diventando come Finalcut.

      Quale parte di "lo avevo detto io..." devo
      ribadire?eh se non lo sai tu..? io vedo che guerra sXXXXX chiama sempre guerra sXXXXX. E Apple e' parecchio che sta giocando zozza forte.Per la parte dell'articolo "il tizio negli anni'90 era un pirata commerciale" beh non fa molta scena... "pirateria" e' un termine fortemente ambiguo. Lui certamente in un certo periodo era da bastonare (a legger dagli articoli linkati), ma in altri era esattamente uguale agli equivalenti italiani... Si vendeva sw copiato e crackato(!) in edicola perche' NON ERA ILLEGALE QUI... non molto etico, ma molto utile... siccome in italia arrivava 1/1000esimo del sw che c'era ed era reperibile solo nelle medie-grandi citta' a prezzi tripli rispetto al mercato UK (che era quello di riferimento) che gia non era basso..
      • Kamui scrive:
        Re: Ehm...
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: hermanhesse

        Sto diventando come Finalcut.



        Quale parte di "lo avevo detto io..." devo

        ribadire?
        eh se non lo sai tu..?
        io vedo che guerra sXXXXX chiama sempre guerra
        sXXXXX. E Apple e' parecchio che sta giocando
        zozza
        forte.
        Per la parte dell'articolo "il tizio negli
        anni'90 era un pirata commerciale" beh non fa
        molta scena... "pirateria" e' un termine
        fortemente ambiguo. Lui certamente in un certo
        periodo era da bastonare (a legger dagli articoli
        linkati), ma in altri era esattamente uguale agli
        equivalenti italiani... Si vendeva sw copiato e
        crackato(!) in edicola perche' NON ERA ILLEGALE
        QUI... non molto etico, ma molto utile... siccome
        in italia arrivava 1/1000esimo del sw che c'era
        ed era reperibile solo nelle medie-grandi citta'
        a prezzi tripli rispetto al mercato UK (che era
        quello di riferimento) che gia non era
        basso.."dichiarando apertamente che il suo scopo è quello di avvantaggiare il più possibile le vendite di iPad eliminando la concorrenza"Perché, questo è etico ?
Chiudi i commenti