La caviglia elettronica cammina

Un progetto del MIT si trasforma in realtà. Ne approfittano i reduci dell'Iraq, ma c'è speranza per tutte le vittime di incidenti. Grazie a protesi sempre più perfezionate
Un progetto del MIT si trasforma in realtà. Ne approfittano i reduci dell'Iraq, ma c'è speranza per tutte le vittime di incidenti. Grazie a protesi sempre più perfezionate

Di primo acchito sembra quasi un piede vero : iWalk, prodotto realizzato da una azienda del piccolo stato di Rhode Island , si basa sul lavoro del laboratorio di biomeccanica elettronica del Massachusetts Institute of Technology e su una caviglia artificiale: promette grandi cose per le vittime di amputazioni della parte inferiore delle gambe.

A condurre la ricerca c’è il professor Hugh Herr, vittima lui stesso dell’amputazione bilaterale della porzione più bassa degli arti inferiori a soli 17 anni, a causa di un incidente.

L'e-piede La nuova protesi incorpora una sorgente d’energia compatta e un complesso sistema di molle che cercano di imitare al meglio i movimenti dell’articolazione originaria: il risultato è una migliore spinta durante il movimento e un comfort molto aumentato per chi fosse costretto a ricorrere al surrogato bionico. Il dispositivo è infatti in grado di generare una certa quantità di movimento a partire dal proprio meccanismo, alleggerendo di molto la fatica dell’utilizzatore, che con le protesi tradizionali può superare di oltre il 30% lo sforzo necessario a muovere una gamba sana.

Una meccanismo elettronico interno rileva inoltre le caratteristiche del terreno, la velocità di movimento e la posizione del corpo per modificare la quantità di energia necessaria. “Credo sia questo il futuro delle protesi ” ha detto Steven Gard a New Scientist Tech , ingegnere esperto di biomedica della Northwestern University .

Garth Stewart, giovane soldato USA ferito gravemente in Iraq, ha perso la gamba sinistra. Gli è stata offerta la possibilità di provare un prototipo di iWalk, e si dimostra assolutamente entusiasta: “Una volta che ti sei abituato, sembra di riavere la tua gamba di nuovo”. Altri sette pazienti hanno testato la protesi, e pare che offra una sensazione simile a quella di camminare sui tappeti mobili che si trovano in molti aeroporti. La protesi dovrebbe essere in vendita entro l’estate 2008.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 07 2007
Link copiato negli appunti