La Cina divide Google e Yahoo

Il CEO di Google all'attacco: la censura deve essere equiparata ad una barriera commerciale e trattata come tale. Yahoo pilatesca: se operiamo in Cina dobbiamo sottostare alle leggi cinesi, e questo vale anche per gli autoctoni

Roma – Il fronte unico delle net company americane dinanzi alle critiche per le loro avventure cinesi si sta incrinando? C’è chi lo pensa, ascoltando due dichiarazioni di Google e Yahoo che denunciano approcci diversi. Google sostiene la necessità di ricercare nuove vie per difendere la libertà di parola, Yahoo! si limita a dichiarare che tutti devono seguire le leggi del paese in cui si trovano, cinesi compresi.

Eric Schmidt, CEO di BigG, ripropone la sua vecchia idea, ossia considerare il blocco di informazioni non gradite ai sistemi di potere come un ostacolo di natura economica e un limite al commercio di beni. “La Rete ha creato questo incredibile insieme di mercati liberi e competizioni aperte – ha detto Schmidt – E abbiamo bisogno di mantenerli liberi e aperti”. Più informazioni e opinioni circolano in rete più è necessario difenderne la libertà di circolazione, sostiene Schmidt, secondo il quale “si potrebbe ad esempio considerare la censura della rete come un ostacolo al commercio”, visto che ci sono paesi che controllano la rete per controllare la popolazione, e dunque la piena fruizione dei diritti civili, e di quelli di consumatore.

Quello di Schmidt è un approccio attivo con il quale Google giustifica le sue mosse in Cina e, allo stesso tempo, demanda ad un intervento politico la soluzione del problema. Nulla di nuovo, è un’idea già espressa pubblicamente in passato dalla società, che ha esortato il governo americano a fare pressioni di natura commerciale perché le informazioni – l’unità di scambio fondamentale nell’attuale società globalizzata – circolino libere in rete senza restrizioni di sorta. Nel frattempo BigG coopera con il regime cinese e pratica l’autocensura dei contenuti per operare in un mercato che non vuole abbandonare.

La versione cinese del motore di ricerca di BigG è menomata dal compromesso con gli obblighi di legge locali, ma secondo Rachel Whetstone, portavoce europeo di Google, non c’è inconsistenza tra le due linee guida: “Poiché abbiamo l’obbligo di rispettare la legge locale – sostiene Whetstone – ci sono certe informazioni che siamo obbligati ad escludere dai link raggiungibili dalla Cina. Ciò comunque non significa agire in maniera incompatibile con la libertà di parola”. Il miglior approccio possibile in Cina per Google passa per un coinvolgimento pieno delle big corporation di rete piuttosto che per l’allontanamento dal mercato asiatico. Se l’1% delle informazioni viene rimosso, quel 99% rimanente, per quanto la cosa non vada giù a molti, è una motivazione sufficiente per restare .

Simile la linea di condotta di Yahoo!, che però ha un carattere di passività che l’allontana da Google. Il portalone americano, già costretto a difendersi dalle accuse di aver contribuito all’imprigionamento dei dissidenti Wang Xiaoning e Shi Tao , si limita a dichiarare che agisce nei limiti della legge locale. Le informazioni consegnate dalla società al governo cinese sono state chieste “da un governo legittimo nel corso della raccolta di prove in relazione ad una indagine in corso”, sostiene la società di fronte alle accuse dei due dissidenti.

Yahoo! non sembra temere la fortissima pressione mediatica cresciuta attorno a questi casi e insiste: le informazioni fornite a Pechino non sono state fondamentali per gli arresti. Non solo: Yahoo! attacca i querelanti, gente perseguita per le proprie idee, perché avrebbero dovuto sapere che il loro utilizzo dei servizi del motore di ricerca è illegale in Cina . “I diritti di libertà di parola come li concepiamo negli Stati Uniti non sono legge in Cina” taglia corto Yahoo!, ribadendo come ogni nazione sovrana abbia tutto il diritto di regolare tale libertà come meglio crede all’interno dei propri confini .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paolodelben e scrive:
    gplv3
    non è vero che la gpl non ha avuto precedenti in aule di tribunale, bisogna documentarsi bene prima di dire stronzate, questa volta dico proprio stronzate e lo si lasci passare, perché non vi volete documentare. se solo iniziassi a scrivere violazione gpl su google si dovrebbe iniziare da netfilter, poi con la linksys gruppo cisco systems, http://gpl-violations.org/ http://gnumonks.org/~laforge/weblog/linux/gpl-violations/ http://slashdot.org/features/00/05/01/0047219.shtml http://www.figuiere.net/hub/blog/?2005/09/27/302-history-of-a-gpl-violation http://ask.slashdot.org/article.pl?sid=07/08/30/1221225&from=rss http://developers.slashdot.org/article.pl?sid=07/08/25/1648253&from=rss http://boardreader.com/t/Malfunzionamenti_321855/gpl_18064.htmlbasta fare una ricerca con google gpl violations e verranno fuori 729000 risultati altro che questi pochi elencati.
    • Kalma scrive:
      Re: gplv3

      non è vero che la gpl non ha avuto precedenti in
      aule di tribunale, Mica c'e' scritto questo. Rileggi e torna a chiedere scusa.
    • paolodelben e scrive:
      Re: gplv3
      - Scritto da: paolodelben e
      non è vero che la gpl non ha avuto precedenti in
      aule di tribunale, bisogna documentarsi bene
      prima di dire stronzate, questa volta dico
      proprio stronzate e lo si lasci passare, perché
      non vi volete documentare. se solo iniziassi a
      scrivere violazione gpl su google si dovrebbe
      iniziare da netfilter, poi con la linksys gruppo
      cisco systems, http://gpl-violations.org/
      http://gnumonks.org/~laforge/weblog/linux/gpl-viol
      basta fare una ricerca con google gpl violations
      e verranno fuori 729000 risultati altro che
      questi pochi
      elencati.
  • nellogala scrive:
    Mamma mia che caciara!
    Ma che diamine!Linus Torwald, genietto creatore del Kernel Linux, non è poi il leader del movimento open source!Chairamo che il kernel creato da linus niente poteva fare se non avviare il pc...Solo grazie al fatto di essere "modificabile" in un anno è diventato un S.O. ma lui non ne ha meritoInfatti lavora per Big M, pagato per fare "conferenze".....Stallmann è l'unico e vero leader della fsf, lui , creatore di moltissimi software,lui che stava lavorando a un kernel e che è semplicemente stato fregato sul tempo.Zio bill neanche sapeva camminare quando Stallmann, alla fine degli anni '70 creava il movimento per la libera circolazione dei software.Ma mi chiedo : voi sapete volete solo software gratis o software liberi?SONO DUE COSE BEN DIVERSE!Fsf non è per i software gratis, ma offre la possibilità, che microsoft non fa, di modificare i codici sorgente dei programmi.La gpl, qualsiasi versione, ha valore legale in Usa, pur basandosi sul copyleft...Ma che ne parlo a fare, visto che qua ci sono due parti a discutere:quella pro ms e quella che crede che linux non è altro che un S.o gratuito.Ps Sun è membro effettvio della fsf e i suoi software, open e star office, solaris etc, sono controllati da un gruppo di 5 persone , 2 Sun e 3 della Fsf.Torwalds ha tradito, di brutto, il movimento e i kernel oggi in circolazione non sono affatto farina del suo sacco...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mamma mia che caciara!
      - Scritto da: nellogala
      Stallmann è l'unico e vero leader della fsf, lui
      , creatore di moltissimi software,lui che stava
      lavorando a un kernel e che è semplicemente stato
      fregato sul
      tempo. (rotfl) (rotfl)
      Zio bill neanche sapeva camminare quando
      Stallmann, alla fine degli anni '70 creava il
      movimento per la libera circolazione dei
      software.Non sapeva camminare ma stava per diventare milionario
      • nellogala scrive:
        Re: Mamma mia che caciara!
        Il 78 , con il codice basic II per l'altair "scritto" da lui, è l'anno della svolta....Milionario ma anche visionario....nel 95 ha detto che la carta non si sarebbe più usata, invece oggi, 2007, viene usata più di prima!Chi si sarebbe mai aspettato di avere una stampante per casa, 10 anni fa?
        • Anonimo scrive:
          Re: Mamma mia che caciara!
          - Scritto da: nellogala
          Il 78 , con il codice basic II per l'altair
          "scritto" da lui, è l'anno della
          svolta....
          Milionario ma anche visionario....nel 95 ha detto
          che la carta non si sarebbe più usata, invece
          oggi, 2007, viene usata più di
          prima!
          Chi si sarebbe mai aspettato di avere una
          stampante per casa, 10 anni
          fa?L'idea della scomparsa della carta ce l'avevano in tanti a quei tempi. Poi si sono accorti che con i computer l'uso della carta non è diminuito ma aumentato quasi esponenzialmente. Ogni tanto qualcuno ci riprova con questo predizione :DComunque ho controllato: la GPL 1.0 è della fine degli anni '80, 1989 per la precisione, quando Microsoft aveva già quasi 15 anni alle spalle, era già straquotata in borsa e bill gates già multimiliardario.
          • paolodelben e scrive:
            Re: Mamma mia che caciara!
            il basic non l'ha scritto bill gates, il cornuto di turno, vedasi : http://it.wikipedia.org/wiki/BASIC
      • masaniello scrive:
        Re: Mamma mia che caciara!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: nellogala


        Stallmann è l'unico e vero leader della fsf, lui

        , creatore di moltissimi software,lui che stava

        lavorando a un kernel e che è semplicemente
        stato

        fregato sul

        tempo.

        (rotfl) (rotfl)


        Zio bill neanche sapeva camminare quando

        Stallmann, alla fine degli anni '70 creava il

        movimento per la libera circolazione dei

        software.

        Non sapeva camminare ma stava per diventare
        milionarioE chi se ne frega dei soldi e dei milioni. Non è questo un motivo valido per usare o non usare un software.Come ha detto l'autore del post, Torvalds ha scritto un kernel, ma Linux non è solo il kernel. Senza la Gnu bash e i compilatori gcc di Stallman quello che oggi noi conosciamo come Linux non esisterebbe. Torvalds oggi starebbe ancora litigando con Minix ed il suo autore senza il software GNU.Ma tutto questo è accademia.
        • paolodelben e scrive:
          Re: Mamma mia che caciara!
          finalmente qualcuno che ha detto che linux = kernel mentre GNU/linux è un sistema operativo,non è vero che è stato fregato sul tempo anche perchè avevano iniziato nel 1990 a scrivere HURD che un insieme di processi servers che sono montati sul microkernel MACH, per dei semplici bugs si era rallentato il lavoro, ma GNU/HURD è disponibile e funziona perfettamente.
    • wer scrive:
      Re: Mamma mia che caciara!
      - Scritto da: nellogala
      Solo grazie al fatto di essere "modificabile" in
      un anno è diventato un S.O. ma lui non ne ha
      meritoAh solo questo che è stata praticamente una rivoluzione. E ovviamente non ne ha merito, tutti i programmatori del kernel che da anni acconsentano a che sia lui a gestire ancora il tutto sono tutti fessi che non sanno quello che fanno.
      Infatti lavora per Big M, pagato per fare
      "conferenze".....Vabbe' inutile andare avanti. Non lavora per Big M e di conferenze ne fa 1 all'anno a dire tanto perché odia parlare in pubblico.
    • paolodelben e scrive:
      Re: Mamma mia che caciara!
      no fai bene a parlarne, perchè sono gli altri a sbagliare, richard matthew stallman anche nelle interviste e nei vari dvd revolution os e revolution os 2 ha sempre detto che dal primo momento ha pensato che il suo software fosse un opportunità per vendere, ed infatti ada il compilatore gnu general public license viene commercializzato, cosìcome ognuno di noi è libero di fare il proprio business su GNU/linuxe/o di distribuirlo liberamente e/o a pagamento e/o gratis.free software = software liberoopensource = opensourcenon sono termini intercambiabili a proprio piacimento
  • Roberto scrive:
    Le EULA di Micro$oft
    L'EULA di molti prodotti Micro$oft per alcuni paesi dice che se l'utente non accetta il contratto di licenza, ha diritto al rimborso da parte del venditore.Però i contratti di fornitura OEM vengono stipulati con il produttore.Dunque Micro$oft dice in un accordo di fornitura tra lei e il produttore che se il cliente finale non accetta l'EULA chi lo deve rimborsare è il venditore, ossia il negoziante che per ultimo ha venduto il computer.L'accordo viene stipulato tra M$ e OEM ma l'autore del rimborso è un terzo che è all'oscuro di tale accordo.Attenzione perché alcune EULA parlano del produttore come destinatario dell'onere di rimborso come sarebbe più corretto.E comunque mai visto in nessun caso la Micro$oft come destinatario dell'onere di rimborso a chi non accetta la licenza d'uso dei suoi prodotti.L'EULA cambia a seconda del prodotto e del paese in cui è venduto il prodotto.Certo che definire licenza capestro la GPL 3 a confronto con queste che stipula Micro$oft ci vuole proprio coraggio!!!
    • punkaddesktop scrive:
      Re: Le EULA di Micro$oft

      Certo che definire licenza capestro la GPL 3 a
      confronto con queste che stipula Micro$oft ci
      vuole proprio coraggio!!!Quoto in pieno!
    • Anonimo scrive:
      Re: Le EULA di Micro$oft
      Non mi risulta che il venditore sia un estraneo all'accordo con Microsoft. Le licenze OEM vengono assegnate solo agli assemblatori su richiesta esplicita, non all'utente finale. L'accordo avviene prima tra assemblatore e microsoft, in seguito l'assemblatore vende un computer completo con licenza OEM. Infatti non vai a richiedere il rimborso al venditore (chi ti ha venduto il computer) ma all'assemblatore, chi ha messo assieme il computer. Ad esempio, se mediaworld ti vende un computer acer e tu non accetti la licenza, non è responsabilità di mediaworld il rimborso ma di acer. Potrebbe essere microsoft portata in tribunale da facciamo ACER? Sicuramente. L'esito? Sinceramente non lo so, tanto estranea a questa licenza ACER non lo è di sicuro visto che richiede con un contratto di fornitura le licenze a microsoft e pre-installa windows sui computer. Sicuramente è meno estranea ACER o l'assemblatore di turno a questa questione piuttosto che il signor Mario Rossi che non ha mai intrattenuto nessun rapporto con Microsoft o con Novell ma che per un accordo tra questi ha fatto per una sorta di propietà transitiva estesa all'umanità un accordo con microsoft.
      • nellogala scrive:
        Re: Le EULA di Micro$oft
        Scusa ma se prendo un assemblato mica faccio mettere prima Ms e poi linux....E mi spieghi come si fa con i portatili?La verità è che siamo fraccomodi e ci accontentiamo della skifezza che ci mettono sui pc.....
        • Anonimo scrive:
          Re: Le EULA di Micro$oft
          - Scritto da: nellogala
          Scusa ma se prendo un assemblato mica faccio
          mettere prima Ms e poi
          linux....Assemblato intendo colui che crea il computer. Nei computer ACER non troverai mezzo componente interno acer, avrai processore Intel, scheda madre 'nvidia con chip integrato 'nvidia, disco rigido western digital etc. Non pensarla al negoziante che assembla il computer su misura, intendevo pure le grandi aziende.Ovviamente se te lo fai assemblare su misura da un negozio puoi chiedere di non farti installare Windows. Peccato che queste soluzioni stanno scomparendo perchè sempre meno economiche rispetto all'HP o al DELL di turno, magari venduto dalla grande catena di distribuzione. Le vedo praticate ultimamente in maggioranza dai videogiocatori che si fanno il computer su misura.
          E mi spieghi come si fa con i portatili?Mi risulta che anche loro hanno licenze OEM, di cui non risponde mai il negoziante ma l'HP o l'ASUS di turno.
    • nellogala scrive:
      Re: Le EULA di Micro$oft
      - Scritto da: Roberto
      L'EULA di molti prodotti Micro$oft per alcuni
      paesi dice che se l'utente non accetta il
      contratto di licenza, ha diritto al rimborso da
      parte del
      venditore.

      Però i contratti di fornitura OEM vengono
      stipulati con il
      produttore.

      Dunque Micro$oft dice in un accordo di fornitura
      tra lei e il produttore che se il cliente finale
      non accetta l'EULA chi lo deve rimborsare è il
      venditore, ossia il negoziante che per ultimo ha
      venduto il
      computer.

      L'accordo viene stipulato tra M$ e OEM ma
      l'autore del rimborso è un terzo che è all'oscuro
      di tale
      accordo.

      Attenzione perché alcune EULA parlano del
      produttore come destinatario dell'onere di
      rimborso come sarebbe più
      corretto.

      E comunque mai visto in nessun caso la Micro$oft
      come destinatario dell'onere di rimborso a chi
      non accetta la licenza d'uso dei suoi
      prodotti.

      L'EULA cambia a seconda del prodotto e del paese
      in cui è venduto il
      prodotto.

      Certo che definire licenza capestro la GPL 3 a
      confronto con queste che stipula Micro$oft ci
      vuole proprio
      coraggio!!!Vero, ma la Ue ha stabilito che DEVONO rimborsarci.E la somma non è certo piccola, specie se c'è vista sopra..Ma le cose cambieranno, visti gli attriti tra acer e ms e le posizioni di Hp...E non dimentichiamo Lenovo ex IBM, che è anch'essa in rotta con Ms....
    • paolodelben e scrive:
      Re: Le EULA di Micro$oft
      leggiti http://www.freego.it/news/show/1503 http://liste.pordenone.linux.it/lpb-linux/msg06029.html
  • necarnenepe sce scrive:
    fsf
    http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&rd=1&item=260151423105&ssPageName=STRK:MESE:IT&ih=016
  • Falerio scrive:
    Grazie di difendere i nostri diritti.
    Grazie FSF, anche a nome di quelli che capiranno le cose dopo amen. Riguardo ai drm sono d'accordo con Linus, quindi ok drm ma solo sotto GPL3, unica garanzia di un soft a misura d'uomo.
    • Emiliano scrive:
      Re: Grazie di difendere i nostri diritti.
      Perdonami la - bonaria - provocazione: quali diritti? Cioè: tu quali diritti assoluti pensi di avere rispetto all'opera di ingegno di qualcuno? Se io produco qualcosa sono cavoli miei quello che ci faccio. Se voglio venderla la vendo, se voglio regalarla la regalo. Fermo restando il diritto di non lucrare direttamente su quello che qualcuno cede con una GPL2, non vedo perché tutti si sturbano per reclamare un generico diritto ad avere tutto gratis. Tu ti incavoli se le Adidas costano molto? Se Sky - peraltro monopolista - costa da 25 e 60 euro al mese? Perché un software deve necessariamente essere gratuito? Perché questa lotta al software commerciale?Se uno non vuole pagare un software si prende quello gratuito. Per creare, distribuire e usare sw open source non è necessario combattere MS o altre aziende, basta non utilizzare il loro software!....
      • Francesco scrive:
        Re: Grazie di difendere i nostri diritti.
        Temo non ti possa rispondere...
      • pane@rita scrive:
        Re: Grazie di difendere i nostri diritti.
        - Scritto da: Emiliano
        Per creare, distribuire e usare
        sw open source non è necessario combattere MS o
        altre aziende, basta non utilizzare il loro
        software!....finché non ti vengono a sfruguliare con il fud sui brevetti ;D
        • Anonimo scrive:
          Re: Grazie di difendere i nostri diritti.
          - Scritto da: pane@rita
          - Scritto da: Emiliano

          Per creare, distribuire e usare

          sw open source non è necessario combattere MS o

          altre aziende, basta non utilizzare il loro

          software!....

          finché non ti vengono a sfruguliare con il fud
          sui brevetti
          ;DCome se non lo potessero fare anche nel caso di sw chiuso, BSD, Apache, o quello che vuoi.
          • pane@rita scrive:
            Re: Grazie di difendere i nostri diritti.
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: pane@rita

            - Scritto da: Emiliano


            Per creare, distribuire e usare


            sw open source non è necessario combattere MS
            o


            altre aziende, basta non utilizzare il loro


            software!....



            finché non ti vengono a sfruguliare con il fud

            sui brevetti

            ;D

            Come se non lo potessero fare anche nel caso di
            sw chiuso, BSD, Apache, o quello che
            vuoi.e chi ha detto il contrario?rispondevo al motivo per cui la gplv3 va a toccare il problema dei brevetti
  • Blackstorm scrive:
    Tzè.
    Sempre detto che Stallman è un idiota: prima si lamenta della restrittività delle licenze MS, e poi vuole applicare lo stesso principio alla GPL3. A proposito, nessuno si è mai chiesto perchè moltissimi software open sono passati dalla dicitura "GPLv2 or later" alla dicitura "GPLv2 only"?Forse perchè la GPL3 è una forzatura politica che non c'entra un emerito cazzo con il software? Meditate.
    • ... scrive:
      Re: Tzè.
      Ti rispondo per certe "cime":"Noooo non è vero, la scelta da gpl2 or later a solo only è avvenuta perchè questi programmatori sono dei sporchi capitalisti imperialisti, che non hanno a cuore la salvezza dell'umanità, sti pretoriani, sti borg del demonio Bill Gheits. Moriranno tutti (arh arh arh), apriremo nuovi gulag per questi oligarchi!"Adesso la mia risposta:"Che pena... ecco quali sono i veri motivi, i veri colpevoli se linux non è mai stato un concorrente serio dei mondi win e mac. Tante parole, solo parole ma mai i fatti quando servivano veramente. Che venga pure questo scontro così, con un po' di fortuna si farà piazza pulita di questi fanatici e forse si riuscirà a salvare qualcosa del mondo linux"
  • valentino rioni scrive:
    ok, GPL3
    Beneeeeeeeeeee, rompiamogli il cuLO a G@tes
  • Axxxx scrive:
    Ma quando finalmente avremo...
    MS LINUX 1.0 ?Un bel sistema linux commerciale, fatto bene, con gli update facili, e facilmente utilizzabile...
    • LaNberto scrive:
      Re: Ma quando finalmente avremo...
      cioè mai
    • ale cava scrive:
      Re: Ma quando finalmente avremo...
      ...a me non sembra così difficile scrivere sudo apt-get upgrade...
      • zomas scrive:
        Re: Ma quando finalmente avremo...
        - Scritto da: ale cava
        ...a me non sembra così difficile scrivere sudo
        apt-get
        upgrade...Il problema e' tutto li': "scrivere"vuoi mettere: accendere il pc e non accorgersi minimamente di quello che accade al suo interno? ;)
        • krane scrive:
          Re: Ma quando finalmente avremo...
          - Scritto da: zomas
          - Scritto da: ale cava

          ...a me non sembra così difficile scrivere sudo

          apt-get upgrade...
          Il problema e' tutto li': "scrivere"
          vuoi mettere: accendere il pc e non accorgersi
          minimamente di quello che accade al suo interno?
          ;)Intendi come su Linux con il sistema di auto aggiornamento attivato ? Si, ammetto che e' comodissimo, ma personalmente preferisco aggiornare io quando ho voglia, magare buttando l'occhio a che pacchetti stanno venendo aggiornati.
          • zomas scrive:
            Re: Ma quando finalmente avremo...
            - Scritto da: krane
            Intendi come su Linux con il sistema di auto
            aggiornamento attivato ? Si, ammetto che e'
            comodissimo, ma personalmente preferisco
            aggiornare io quando ho voglia, magare buttando
            l'occhio a che pacchetti stanno venendo
            aggiornati.NO: la mia era boutade contro chi usa uno strumento senza neanche sapere come funzione e poi si permette pontificare. :Danch'io adoro apt-get, anche se sto pensando di passare ad aptitude.
    • Emiliano scrive:
      Re: Ma quando finalmente avremo...
      Ci sarà quando qualcuno inizierà a chiedere il pagamento di una quota economica adeguata all'impegno imprenditoriale: probabilmente più bassa di quanto chiede MS per Windows ma certamente più alta di quello che gli utenti Linux vorrebbero....!Il problema è che Linux per gli utenti finali è gratis e ciò che è gratis non può essere identico a quello che si paga perché altrimenti significherebbe che paghiamo per nulla e, al di la di quel che dicono quelli che odiano MS, Windows non è propriamente "nulla"!La dimostraziano è data dal fatto che i Linux per uso aziendale (Red Hat e SUSE) si pagano e il costo è sostanzialmente simile a quello di Windows Server...
      • pane@rita scrive:
        Re: Ma quando finalmente avremo...

        La dimostraziano è data dal fatto che i Linux per
        uso aziendale (Red Hat e SUSE) si pagano e il
        costo è sostanzialmente simile a quello di
        Windows
        Server...nel caso di RH però non paghi il software (nel caso di suse ne paghi una piccola parte)...centos è identica a RH...capello escluso of course ma non credo tu voglia pagare per quello...La verità è che nel TCO il costo delle licenze è solo una delle voci e nemmeno la più significativa
        • Emiliano scrive:
          Re: Ma quando finalmente avremo...
          Il fatto di pagare la "licenza" o i "servizi di supporto" è un problema di forma: è ovvio che Linux non puoi venderlo e quindi, come per altro sw open source, le aziende vendono servizi di supporto.Si tratta di un nuovo modello di business, per la verità non completamente solido, ma il discorso non cambia molto: per Linux Red Hat 5.0 per uso enterprise devi sborsare una certa cifra. Le differenza è che se non paghi non hai diritto al supporto ma le aziende non rinunciano mai al supporto.Come a dire: MS ti obbliga a pagare una cosa che i distributori Linux ti offrono sapendo che tanto te la compri comunque. Mi pare più filosofia che altro....
          • pane@rita scrive:
            Re: Ma quando finalmente avremo...
            - Scritto da: Emiliano
            Il fatto di pagare la "licenza" o i "servizi di
            supporto" è un problema di forma: è ovvio che
            Linux non puoi venderlo e quindi, come per altro
            sw open source, le aziende vendono servizi di
            supporto.no, non è un problema di forma, ma di sostanza...non compri il software (ops pardon una licenza d'uso) ma paghi l'assistenza
            ma il discorso
            non cambia molto: per Linux Red Hat 5.0 per uso
            enterprise devi sborsare una certa cifra.mah, se mi dici dove comprere rhel 5.0 io ci spendo anche il doppio eh ;)
            Le
            differenza è che se non paghi non hai diritto al
            supporto ma le aziende non rinunciano mai al
            supporto.Mica sei obbligato a aver il supporto da rh...ti prendi centos e paghi il supporto da altri...prendi ubuntu e chiedi il supporto a canonical o a altriti prendi debian e ti fai offrire il supporto da chi vuoi(nota che ho citato casi tutt'altro che rari)
            Come a dire: MS ti obbliga a pagare una cosa che
            i distributori Linux ti offrono sapendo che tanto
            te la compri comunque. se te la compri comunque significa che il servizio offerto è notevole, visto che le alternative non mancano
      • Neuro scrive:
        Re: Ma quando finalmente avremo...
        - Scritto da: Emiliano
        Il problema è che Linux per gli utenti finali è
        gratis e ciò che è gratis non può essere identico
        a quello che si paga perché altrimenti
        significherebbe che paghiamo per nulla e, al di
        la di quel che dicono quelli che odiano MS,
        Windows non è propriamente
        "nulla"!Siamo alla frutta.In base a quale stramaledetto principio quello che paghi è per forza migliore di quello gratuito?Nemmeno Debian, Ubuntu è "nulla" eppure sono totalmente gratuiti. Ah ma tu adesso mi dirai che non sono la stessa cosa di Windows...

        La dimostraziano è data dal fatto che i Linux per
        uso aziendale (Red Hat e SUSE) si pagano e il
        costo è sostanzialmente simile a quello di
        Windows
        Server...Ah certo questa è la dimostrazione... Debian fa le stesse cose di Suse (forse meglio, IMHO) ed è gratuito. Se hai altre "dimostrazioni" per affermare che tutto ciò che paghi è meglio di tutto ciò che ti viene regalato portale per favore.
  • allhoa scrive:
    Grande!
    http://yep.it/p38550e speriamo che la situazione si stabilizzi :-)
  • ciko scrive:
    ...ecco la mia licenza
    tutti giu' a criticare stallman...ma che cosa di lui vi da fastidio?!? non ha fatto altro che scrivere una licenza... prendetevela con chi la adotta al massimo...se io scrivo una licenza nella quale, prima di utilizzare il programma, l'utente mi cede il diritto di "Ius primae noctis" con la sua donna, qualcuno mi potrebbe dare dell'infame? o sarebbero dei coglioni quelli che la adottano?per ma la GPL3 va benissimo, ma se anche fosse una cagata pazzesca, sarebbero dei deficenti quelli che la usano nei loro programmi, mica Stallman....
    • Ekleptical scrive:
      Re: ...ecco la mia licenza
      - Scritto da: ciko
      tutti giu' a criticare stallman...
      ma che cosa di lui vi da fastidio?!?Che è un fanatico ideologico. A me i fanatici ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella storia umana.
      • ciko scrive:
        Re: ...ecco la mia licenza

        Che è un fanatico ideologico. A me i fanatici
        ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e
        nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella
        storia
        umana.anche Gandhi? anche lui era un fanatico della non violenza... Stallman e' un fanatico della liberta'.Non sono allo stesso livello, ma rende l'idea
        • Ekleptical scrive:
          Re: ...ecco la mia licenza
          - Scritto da: ciko
          anche Gandhi? anche lui era un fanatico della non
          violenza...Questa è un'enorma offesa a Gandhi, dettata dall'ignoranza più totale sulla sua figura storica ed umana! Gandhi non era un fanatico di nulla. Ha adottato la non violenza come mezzo per ottenere un fine. Non c'è mai stata in lui neppure una vaga vena di ideologia. Vergognati!
          • LaNberto scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: ciko


            anche Gandhi? anche lui era un fanatico della
            non

            violenza...

            Questa è un'enorma offesa a Gandhi, dettata
            dall'ignoranza più totale sulla sua figura
            storica ed umana! Gandhi non era un fanatico di
            nulla. Ha adottato la non violenza come mezzo per
            ottenere un fine. Non c'è mai stata in lui
            neppure una vaga vena di ideologia.
            Vergognati!Veramente l'autodeterminazione di uno stato e il suo affrancamento da un impero coloniale mi sembrano molto ideologici
      • Tuxer scrive:
        Re: ...ecco la mia licenza
        - Scritto da: Ekleptical
        A me i fanatici
        ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e
        nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella
        storia
        umana.E allora levati dai coglio*i GRAZIE!Della tua ideologia e di chi ti stà sui maroni non ce ne frega un bel nulla.Stai calmo e discuti portando argomentazioni "valide".
      • pod scrive:
        Re: ...ecco la mia licenza
        - Scritto da: Ekleptical
        Che è un fanatico ideologico. A me i fanatici
        ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e
        nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella
        storia
        umana.Immagino anche il tuo stesso fanatismo contro Stallman ti stia un po' sui maroni.Porta delle argomentazioni valide per sostenere certe affermazioni, altrimenti da fastidio capitare su un commento del genere e leggerlo.saluti
        • Ekleptical scrive:
          Re: ...ecco la mia licenza
          - Scritto da: pod
          Immagino anche il tuo stesso fanatismo contro
          Stallman ti stia un po' sui
          maroni.L'intransigenza contro gli ideologici è un requisito fondamentale per combatterli, da sempre. Quando non lo si è fatto, è sempre finita molto male.
          • LaNberto scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            il capitalismo liberista alla microsoft è una ideologia
          • Anonimo scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: LaNberto
            il capitalismo liberista alla microsoft è una
            ideologiaNo, è un modello economico. Io non capisco perchè volete dare caratteristiche umane alle aziende. Le multinazionali non sono né ideologizzate né buone né cattive. Sono dei soggetti che devono fare profitti, e che se in uno stato trovano un diverso modello economico, vi si addattano pur di far profitto. Se fosse per loro reddittizio un mercato comunista, vedresti la versione comunista di microsoft.
          • LaNberto scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            Noterai che io ho scritto "alla Microsfot" inteso come modello.Comuqnue anche il comunismo è un modello economico, e anche il free software.
          • Anonimo scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: LaNberto
            Noterai che io ho scritto "alla Microsfot" inteso
            come
            modello.

            Comuqnue anche il comunismo è un modello
            economico, e anche il free
            software.Il comunismo è nato come modello economico ma è diventato un movimento ideologico. Lo stato comunista è uno stato etico per definizione, quindi non laico e perciò fortemenete ideologizzato sempre per definizione, esattamente come gli stati teocratici. Il free sw non è un modello economico ma un modello di gestione del copyright, che può essere più o meno ideologizzato. In sé non lo è, nella concezione di Stallman IMHO sì e molto.
          • pane@rita scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Anonimo
            Lo stato
            comunista è uno stato etico per definizione,
            quindi non laico e perciò fortemenete
            ideologizzato sempre per definizione, esattamente
            come gli stati teocratici.In realtà se vogliamo metterci a fare i filosofi nel comunismo, come dottrina, lo stato è un mezzo e non un fine.Se invece parli di ciò che è stato in pratica nella pressoché totalità delle esperienze è un comune totalitarismo che poco attiene all'ideologia.
          • Anonimo scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: pane@rita
            - Scritto da: Anonimo

            Lo stato

            comunista è uno stato etico per definizione,

            quindi non laico e perciò fortemenete

            ideologizzato sempre per definizione,
            esattamente

            come gli stati teocratici.

            In realtà se vogliamo metterci a fare i filosofi
            nel comunismo, come dottrina, lo stato è un mezzo
            e non un
            fine.

            Se invece parli di ciò che è stato in pratica
            nella pressoché totalità delle esperienze è un
            comune totalitarismo che poco attiene
            all'ideologia.Non sono assolutamente d'accordo che nella pratica lo stato comunista era poco attinente all'ideologia, tant'è che si è persino messo in competizione con la religione. Si va dalla ex-URSS atea, alla Cina dove lo stato si vede tutt'ora in competizione con la religione, alla Corea del Nord dove dittatore e divinità in pratica coincidono, eccetera. Non tutti gli stati totalitari sono stati così ideologizzati come sistematicamente avviene con il comunismo. La Spagna di Franco, ad esempio, non lo era.
          • pane@rita scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: pod


            Immagino anche il tuo stesso fanatismo contro

            Stallman ti stia un po' sui

            maroni.

            L'intransigenza contro gli ideologici è un
            requisito fondamentale per combatterli, da
            sempre. Quando non lo si è fatto, è sempre finita
            molto
            male.Questa cazzata in stile Fallaci (pace all'anima sua) te la potevi risparmiare...Talebani contro Talebani...immane fesseria... peraltro storicamente provata...ma che sto a fa' mi metto a disquisire di storia con uno che ha faticato a laurearsi in ingegneria... lasciamo perdere vahCitando il Leonardo del noto fil di Troisi e Benigni...Ingegneri...
          • zomas scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza

            L'intransigenza contro gli ideologici è un
            requisito fondamentale per combatterli, da
            sempre. Quando non lo si è fatto, è sempre finita
            molto
            male.Anche questo suona tanto come "fanatismo ideologico"...mi ricorda frasi tipo l'intransigenza nel "ripulire il popolo tedesco dalla piaga di..." etc...
          • Neuro scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Ekleptical
            L'intransigenza contro gli ideologici è un
            requisito fondamentale per combatterli, da
            sempre. Quando non lo si è fatto, è sempre finita
            molto
            male.Chi ragiona con pregiudizi è molto più "pericoloso" (e ottuso) di chi ragiona per ideologie.Non è il "metodo" ideologico ad essere "sbagliato", ma al limite l'ideologia.Quindi in questo caso la Libertà (informatica e non) non mi sembra un' idea poi tanto errata... o no?
          • Ekleptical scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Neuro
            Non è il "metodo" ideologico ad essere
            "sbagliato"No, è esattamente il metodo ideologico ad essere sbagliato. L'ideologico è colui che ignora costantemente la realtà a favore di un suo mondo utopico ideale.Cioè è sempre male. Nessuna ideologia ha mai portato a niente di buono proprio per questo. Si astrae dalla realtà. Se la realtà non si può adeguare all'utopia, viene ignorata e l'ideologia si avviluppa sempre più nell'irreale. L'essere un'ideologia è il germe intrinseco del suo fallimento.Tutto ciò è perfettamente applicabile a RSM.
          • Anonimo scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: Neuro


            Non è il "metodo" ideologico ad essere

            "sbagliato"

            No, è esattamente il metodo ideologico ad essere
            sbagliato. L'ideologico è colui che ignora
            costantemente la realtà a favore di un suo mondo
            utopico
            ideale.
            Cioè è sempre male. Nessuna ideologia ha mai
            portato a niente di buono proprio per questo. Si
            astrae dalla realtà. Se la realtà non si può
            adeguare all'utopia, viene ignorata e l'ideologia
            si avviluppa sempre più nell'irreale. L'essere
            un'ideologia è il germe intrinseco del suo
            fallimento.Quoto sulla questione ideologia. Da notare che la costruzione di realtà fittizie perchè più facilmente controllabili (l'ideologia fa questo) è tipico dei bambini
          • Neuro scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: Neuro


            Non è il "metodo" ideologico ad essere

            "sbagliato"

            No, è esattamente il metodo ideologico ad essere
            sbagliato. L'ideologico è colui che ignora
            costantemente la realtà a favore di un suo mondo
            utopico
            ideale.
            Cioè è sempre male. Nessuna ideologia ha mai
            portato a niente di buono proprio per questo. Si
            astrae dalla realtà. Se la realtà non si può
            adeguare all'utopia, viene ignorata e l'ideologia
            si avviluppa sempre più nell'irreale. L'essere
            un'ideologia è il germe intrinseco del suo
            fallimento.
            Tutto ciò è perfettamente applicabile a RSM.Spiacente, ma non concordo. E' solo la versione negativa dell'ideologia, cioè quando questa sfocia nel fanatismo.Le scoperte, le innovazioni tecnologiche derivano proprio da "idee logiche" (ideologie). Persone hanno dato la vita ad inseguire la loro ideologia per svilupparla e molte ci sono riuscite, portando un contributo prezioso allo sviluppo della nostra società.In parole povere, se oggi (e più ancora domani) viaggiamo nello spazio è grazie a chi si è talmente astratto dalla realtà da riuscire ad immaginare di volare.Ripeto, seguire un'ideale di Libertà come può essere l'open source o ancora meglio il free software è solo un vantaggio per la stessa società.
          • ... scrive:
            Re: ...ecco la mia licenza
            Ti sbagli, l'etica è un'ideologia, "fare la cosa giusta" è un'ideologia ma guarda caso i progressi scientifici riescono meglio e più in fretta proprio dove l'etica e "fare la cosa giusta" non mettono il becco.Lo sai chi devono ringraziare gli americani se sono andati sulla luna ? Lo scienziato tedesco che progettava le V2 che hanno distrutto Londra. Invece di spedirlo a Norimberga a farsi il suo bel processo (non regge certo la storiella che non si immaginava che quei "sigari volanti" potessero fare del male) lo hanno preso sotto la loro ala protettrice pur che lavorasse al loro progettino.Magari ti serve un esempio più vicino a te: sai qual'è l'origine di tutti i pc moderni ? Proprio un calcolatore, di nuovo tedesco: lo Zuse Z3 e di esempi così ce ne sono a iosa.Forse l'etica, l'ideologia, avrebbe voluto che tutto quello che è venuto da quella sciagurata guerra venisse distrutto ed i relativi scienziati non certo interessati ad applicazioni civili delle loro idee, processati e condannati ma guarda un po' com'è finita... Quando si parla di progresso: l'ideologia è sempre male
      • krane scrive:
        Re: ...ecco la mia licenza
        - Scritto da: Ekleptical
        - Scritto da: ciko

        tutti giu' a criticare stallman...

        ma che cosa di lui vi da fastidio?!?

        Che è un fanatico ideologico. A me i fanatici
        ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e
        nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella
        storia umana.Esatto ! Guarda quel criminale di Ghandi quanti danni ha portato !
      • Roberto Di scrive:
        Re: ...ecco la mia licenza
        - Scritto da: Ekleptical

        Che è un fanatico ideologico. A me i fanatici
        ideologici stanno sui maroni. Sono pericolosi e
        nefasti SEMPRE, senza eccezione alcuna nella
        storia
        umana.Ma tu ti leggi dopo che hai scritto?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...ecco la mia licenza
      - Scritto da: ciko
      tutti giu' a criticare stallman...
      ma che cosa di lui vi da fastidio?!? non ha fatto
      altro che scrivere una licenza... prendetevela
      con chi la adotta al
      massimo...

      se io scrivo una licenza nella quale, prima di
      utilizzare il programma, l'utente mi cede il
      diritto di "Ius primae noctis" con la sua donna,
      qualcuno mi potrebbe dare dell'infame?

      o sarebbero dei coglioni quelli che la adottano?

      per ma la GPL3 va benissimo, ma se anche fosse
      una cagata pazzesca, sarebbero dei deficenti
      quelli che la usano nei loro programmi, mica
      Stallman....Esistono anche i contratti capestro. Il tuo sarebbe uno di quelli. Ricordati che sopra i contratti esiste la legge.
    • Emiliano scrive:
      Re: ...ecco la mia licenza
      L'errore di Stallman, a detta di numerosi osservatori operanti nel campo open source - quindi pro-open e non contro! - è di aver trasferito nella GPL3 evidenti istanze politico-culturali, peraltro con evidente riferimento a Microsoft.GPL aveva il merito di essere una licenza utilizzabile in un modello di business coerente con il libero mercato e compatibile con i prodotti commerciali. La nuova versione si muove in una direzione palesemente "politicizzita" e non se ne comprende il motivo.Così l'iniziativa va alla deriva verso obiettivi che non le appartenevano e che la rendono troppo distante dalle regole di mercato. Ciò non è un errore assoluto se non fosse che tutto questo arriva dagli USA e che numerose aziende profit-oriented poggiano il loro business sull'open source: esse non potranno probabilmente usare la GPL3 e quindi la GPL3, pare, è destinata ad un contesto diverso da quello in cui è utilzizata la GPL2.Più o meno, la toppata del tizio è tutta qui.
    • paolodelben e scrive:
      Re: ...ecco la mia licenza
      -scusami tanto, cancello il tuo post, perchè sinceramente fa pietà e allora dico, per fortuna che esista gente come richard matthew stallman.
  • Ekleptical scrive:
    Ma per favore!
    Mai letto una simile idiozia. Solo quel barbone autistico di Stallman poteva venirsene fuori con una sparata simile dal chiuso del suo mondo mentale fuori dalla realtà.La Microsoft non ha mai approvato nè utilizzato la GPL. Quindi non è assoggettabile ad essa. La GPL non può essere adottata "indirettamente" in quanto forma contrattuale. Il contratto è fra le parti che lo sottoscrivono. Non può riguardare diritti di terzi che quel contratto mai lo hanno firmato.Qualsiasi avvocatucolo di terz'ordine neolaureato farebbe fuori Stallman in tribunale sulla questione.Quell'uomo è ormai ridicolo nella sua psicosi.E farebbe bene a darsi una svegliata che lo riporti al mondo reale, non ai suoi trip di fantasia.Sfottere il leone che dorme, non è mai una mossa saggia. Con tutti i brevetti che ha Microsoft e che riguardano parti essenziali di Linux (vedi il citato Samba), se invece di essere tollerante (che tanto ci guadagna pure così, unica cosa che frega giustamente alla MS), la Microsoft si riscopre aggressiva, Linux è kaput. Viene sommerso di cause devastanti a non finire.
    • linux user scrive:
      Re: Ma per favore!
      Le Idiozie le stai dicendo tu e basta.L'accordo è tra Novell e Microsoft, ma ha per "oggetto" software che non è di proprietà nè degli uni e nè degli altri, ma bensi' di terze parti.Chi è il barbone autistico? Tu forse?
      • Ekleptical scrive:
        Re: Ma per favore!
        - Scritto da: linux user
        Chi è il barbone autistico? Tu forse?La Microsoft semplicemente garantisce a Novell che non ricorrerà a vie legali contro gli utenti di Suse Linux. Stop.Quindi non è un contratto di distribuzione di nulla, nè diretta, nè indiretta. Inoltre non c'è nessuna cessione di brevetti, nemmeno in licenza, neppure alla Novell, figuriamoci a terzi.Quindi, mi spieghi su che basi giuridica vuoi contestare MS?Accendere il cervello prima di parlare?
        • Ekleptical scrive:
          Re: Ma per favore!
          Cmq la soluzione è nelle parole stesse della FSF: "If Microsoft distributes our works licensed under GPL3, or pays others to distribute them on its behalf"Microsoft non fa nessuna delle due cose. Quindi, 'zzo vogliono quelli della FSF?
        • maramao scrive:
          Re: Ma per favore!
          - Scritto da: Ekleptical


          La Microsoft semplicemente garantisce a Novell
          che non ricorrerà a vie legali contro gli utenti
          .........Per la violazione di brevetti da parte del sw presente nella distribuzione SuSe. Sai cos'è una distribuzione Linux?
          Quindi non è un contratto di distribuzione di
          nulla, nè diretta, nè indiretta. Inoltre non c'è
          nessuna cessione di brevetti, nemmeno in licenza,
          neppure alla Novell, figuriamoci a
          terzi.
          Quindi, mi spieghi su che basi giuridica vuoi
          contestare
          MS?Se "cede" qualcosa che riguarda Suse, distribuisce in primis qualcosa che riguarda il software della distribuzione. Non c'è cessione di brevetti, ma un accordo sulla non perseguibilità di eventuali violazioni di brevetti da parte del sw utilizzato in Suse, che è sopratutto sw di terze parti. E se il sw in questione è sotto GPL3, il problema ora c'è eccome e Stallman ha ragione.

          Accendere il cervello prima di parlare?Modera i termini guy. O sei quà per cercare la "rissa"?
          • Ekleptical scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: maramao
            Se "cede" qualcosa che riguarda Suse,
            distribuisce in primis qualcosa che riguarda il
            software della distribuzione.Il punto focale è: Microsoft ha sottoscritto la GPL3? Non mi risulta. Quindi, su che basi legali vuoi assoggettare un soggetto ad un contratto che non ha mai firmato?Siamo alla fanta-giurisprudenza.E' Novell che distribuisce, quindi la colpa è sua. La GPL3 è bacata nelle sue fondamenta giuridiche, se pretende di attribuire diritti ti terzi a sè. Novell non ha nessun diritto di distribuzione della sua tutela legale, quindi non può, a nessun titolo, girarla a terzi. Nè un contratto che vincola un soggetto può ricadere su altri soggetti che quel contratto non l'hanno mai firmato.Quindi, legalmente, l'unica cosa che la FSF può fare è perseguire Novell che, al limite, non ha diritto a distribuire software GPL3 con incorporata la tutela MS.In caso di controversia sono problemi di Novell che, evidentemente, non era in possesso dei requisiti necessari a firmare quel contratto, che va quindi ritenuto nullo.Microsoft non può essere tirata in ballo in nessun modo. Ribadisco. E' un contratto! E un contratto non può valere in nessun modo su chi non lo sottoscrive! E' l'ABC della giruisprudenza in qualsiasi posto del mondo! Qualsiasi panzana dica Stallman, non si può andare contro questo basilare principio.Il caso non raggiungerebbe neppure le aulee del tribunale. Qualsiasi giudice mezza tacca lo rigetterebbe come insussistente. Poi non lamentatevi quando succederà. Non è un complotto delle corporation. E' l'applicazione del cervello.
          • maramao scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: maramao

            Se "cede" qualcosa che riguarda Suse,

            distribuisce in primis qualcosa che riguarda il

            software della distribuzione.

            Il punto focale è: Microsoft ha sottoscritto la
            GPL3? Non mi risulta. Quindi, su che basi legali
            vuoi assoggettare un soggetto ad un contratto che
            non ha mai
            firmato?
            Siamo alla fanta-giurisprudenza.

            E' Novell che distribuisce, quindi la colpa è
            sua. La GPL3 è bacata nelle sue fondamenta
            giuridiche, se pretende di attribuire diritti ti
            terzi a sè. Novell non ha nessun diritto di
            distribuzione della sua tutela legale, quindi non
            può, a nessun titolo, girarla a terzi. Nè un
            contratto che vincola un soggetto può ricadere su
            altri soggetti che quel contratto non l'hanno mai
            firmato.
            Quindi, legalmente, l'unica cosa che la FSF può
            fare è perseguire Novell che, al limite, non ha
            diritto a distribuire software GPL3 con
            incorporata la tutela
            MS.
            In caso di controversia sono problemi di Novell
            che, evidentemente, non era in possesso dei
            requisiti necessari a firmare quel contratto, che
            va quindi ritenuto
            nullo.

            Microsoft non può essere tirata in ballo in
            nessun modo. Ribadisco. E' un contratto! E un
            contratto non può valere in nessun modo su chi
            non lo sottoscrive! E' l'ABC della giruisprudenza
            in qualsiasi posto del mondo! Qualsiasi panzana
            dica Stallman, non si può andare contro questo
            basilare
            principio.

            Il caso non raggiungerebbe neppure le aulee del
            tribunale. Qualsiasi giudice mezza tacca lo
            rigetterebbe come insussistente. Poi non
            lamentatevi quando succederà. Non è un complotto
            delle corporation. E' l'applicazione del
            cervello.E l'applicazione del tuo punto di vista e del tuo cervello
          • Ekleptical scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: maramao
            E l'applicazione del tuo punto di vista e del tuo
            cervelloNon mi hai ancora spiegato dove la Microsoft ha sottoscritto la GPL. Finchè non me lo spieghi siamo all'aria fritta.
          • maramao scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Ekleptical
            - Scritto da: maramao

            Non mi hai ancora spiegato dove la Microsoft ha
            sottoscritto la GPL. Finchè non me lo spieghi
            siamo all'aria
            fritta.E chi ha detto che M$ ha sottoscritto la GPL?L'articolo l'hai letto bene? Prima di dire agli altri di collegarsi il cervello, collega il tuo.Si è detto che se M$ distribuisce cedole di Suse distribuisce pure il software che compone questa distribuzione.Suse è una DISTRIBUZIONE Linux. E come tutte le distribuzioni è composta di software di 3 parti, "licenziate" sotto varie "forme".Se io distribuisco Suse, distribuisco non il marchio, ma il software che la compone.Tu dici che M$ non ha distribuito alcunchè?Bene, è un tuo punto di vista, opinabile come quello di Stallman & Co.
          • pane@rita scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Ekleptical
            E' l'ABC della giruisprudenza
            in qualsiasi posto del mondo! il bello è che lo sostiene il taormina de noi altri...ovvero uno pseudo ingegnere laureatosi fuori corso tra l'altro...torna al tuo lavoro, è già tanto se riesci a fare quello
          • ... scrive:
            Re: Ma per favore!
            Magari FSF se la prendesse con Novell così quella ritira tutti brevetti che ha concesso al mondo del pinguino e spiana la strana a Microsoft che comincia a fare la schiacciasassi...Poi se non l'hanno ancora capita, un colpo gobbo anche a IBM e kaput...
          • krane scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: ...
            Magari FSF se la prendesse con Novell così quella
            ritira tutti brevetti che ha concesso al mondo
            del pinguino e spiana la strana a Microsoft che
            comincia a fare la
            schiacciasassi...
            Poi se non l'hanno ancora capita, un colpo gobbo
            anche a IBM e kaput...E poi IBM, Sun e gli altri chiedono i brevetti a M$ (visto che ne detengono 5 volte tanti) e l'informatica si ritrova indietro di 10 anni (Magari ! Amiga Rulez)
          • ... scrive:
            Re: Ma per favore!
            Sulla questione Amiga, concordo con il "magari" ma non avverrà per il semplice fatto che IBM, M$ e Sun troveranno, come hanno sempre fatto, accordi extragiudiziari che rispetteranno con molta più facilità. Hai presenti le riunioni tra gli "uomini di rispetto" (mafia) ?Tra leoni funziona così... per inciso la FSF non è un leone... al massimo è lo zulù idiota che verrà divorato...
          • Roberto scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Ekleptical
            Microsoft non può essere tirata in ballo in
            nessun modo. Ribadisco. E' un contratto! E un
            contratto non può valere in nessun modo su chi
            non lo sottoscrive! E' l'ABC della giruisprudenza
            in qualsiasi posto del mondo! Qualsiasi panzana
            dica Stallman, non si può andare contro questo
            basilare principio.L'EULA di molti prodotti Micro$osft per alcuni paesi dice che se l'utente non accetta il contratto di licenza, ha diritto al rimborso da parte del venditore.Però i contratti di fornitura OEM vengono stipulati con il produttore.Dunque Micro$oft dice in un accordo di fornitura tra lei e il produttore che se il cliente finale non accetta l'EULA chi lo deve rimborsare è il venditore, ossia il negoziante che per ultimo ha venduto il computer.L'accordo viene stipulato tra M$ e OEM ma l'autore del rimborso è un terzo che è all'oscuro di tale accordo.Attenzione perché alcune EULA parlano del produttore come destinatario dell'onere di rimborso.L'EULA cambia a seconda del prodotto e del paese in cui è venduto il prodotto.Certo che definire licenza capestro la GPL 3 a confronto con queste che stipula Micro$oft ci vuole proprio coraggio!!!
          • Roberto Di scrive:
            Re: Ma per favore!


            Il caso non raggiungerebbe neppure le aulee del
            tribunale. Qualsiasi giudice mezza tacca lo
            rigetterebbe come insussistente. Poi non
            lamentatevi quando succederà. Non è un complotto
            delle corporation. E' l'applicazione del
            cervello.Se un PM, Giudice o Avvocato?Magari studi giurisprudenza?Conosci le leggi così bene da poter dire quello che dici?NB: é solo curiositá, perché da come parli dai l'idea di essere di mestiere.Oppure é solo tutta un tuo "imho" in quel caso lo metterei l'"imho"
        • Greenu64 scrive:
          Re: Ma per favore!
          Da PI:
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Greenu64
            Da PI:

            Ciò, ovviamente, non garantisce che Novell e
            Microsoft non vengano denunciate entrambe da FSF
            per violazione della GPL. Anzi, la GPL3 sembra
            fatta apposta per questo. No, se è come riporti tu non è fatta per questo. Se l'accordo si limita alla tutela dei brevetti ma non alla distribuzione di software da parte di microsoft la GPL non entra da nessuna parte. Novell distribuisce il software, Microsoft certifica che non ti farà causa per il sw distribuito da Novell. Microsoft non ha accettato nemmeno implicitamanete da nessuna parte la GPL 3 in questo processo.
            Da notare che l'accordo
            fra Novell e Microsoft mira anche a migliorare
            l'interoperabilità fra Windows e Linux, quindi se
            Microsoft ingloba in Windows codice open protetto
            da GPL3, sono uccelli amari, indipendentemente
            dagli accordi che ha stipulato con Novell.
            Stallman è un duro!
            ;-PMigliorare l'interoperabilità riguarda normalmente la condivisione di informazioni su protocolli e formati. E' poi chiaro che la FSF ha tutto il diritto di fare causa se del codice da lei tutelato si trova in prodotti microsoft.
          • olah scrive:
            Re: Ma per favore!

            siccome Microsoft non
            distribuisce nulla sotto GPL 3 ma garantisce
            solamente tutela ad una azienda non si capisce
            dove entra in mezzo la GPL 3La Microsoft distribuisce Suse Linux che nelle prossime versioni potrebbe contenere codice sotto gpl3.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: olah

            siccome Microsoft non

            distribuisce nulla sotto GPL 3 ma garantisce

            solamente tutela ad una azienda non si capisce

            dove entra in mezzo la GPL 3

            La Microsoft distribuisce Suse Linux che nelle
            prossime versioni potrebbe contenere codice sotto
            gpl3.Link dove viene chiarito questo? Vendere una carta dove si dice che non verrai citato in giudizio da Microsoft non equivale a distribuire linux.
          • olah scrive:
            Re: Ma per favore!

            Link dove viene chiarito questo? Vendere una
            carta dove si dice che non verrai citato in
            giudizio da Microsoft non equivale a distribuire
            linux.Ti cito lo stesso articolo che stiamo discutendo:"Per Microsoft ciò significherebbe perdere ogni diritto di rivalsa sui suoi presunti brevetti contenuti nei software GPL3 che sono o saranno distribuiti insieme a SUSE Linux, come ad esempio Samba."Il documento di Novell:http://www.novell.com/news/press/microsoft_and_novell_announce_broad_collaboration_on_windows_and_linux_interoperability_and_supportdi cui ti cito un paragrafo:"Additionally, Microsoft will distribute coupons for SUSE Linux Enterprise Server maintenance and support, so that customers can benefit from the use of an interoperable version of Linux with patent coverage as well as the collaborative work between the two companies."Altri link ad altri articoli:"Microsoft Hands Out 16,000 SUSE Linux Subscriptions"http://www.eweek.com/article2/0,1759,2075125,00.asp"Microsoft plans to distribute 70,000 coupons for SUSE Linux Enterprise Server maintenance and support to customers that want to run both Windows and Linux in their environments."http://www.infoworld.com/article/06/11/02/HNmsnovelllinux_1.html
          • linux user scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Greenu64
            Quindi Microsoft garantisce a Novell ed ai suoi
            clienti di non far loro causa per un'eventuale
            protezione di brevetti. Se le cose stanno così ha
            ragione Ekleptical: siccome Microsoft non
            distribuisce nulla sotto GPL 3 ma garantisce
            solamente tutela ad una azienda non si capisce
            dove entra in mezzo la GPL 3, che microsoft non
            distribuendo nulla non accetta e che comunque
            riguarda l'ambito della tutela del diritto
            d'autore, non i brevetti (una cosa per cui mi fa
            personalmente schifo la GPL 3 è proprio questa
            volontà di mischiare le cose, brevetti con
            copyright con tecnologie, come il
            DRM)Sfugge un particolare.L'accordo col quale M$ si è impegnata a non fare causa agli utenti di Suse riguarda le possibili violazioni di brevetti da parte del software presente in SuSe: sia esso scritto da Novell, sia esso (la maggior parte) scritto da terze parti.Se questo software è licenziato sotto GPL, ecco che c'entra eccome la licenza in questione.Se io uso Samba su SuSe e si scopre che viola dei brevetti, M$ non mi fà causa x via di quell'accordo.Ma se la uso su Ubuntu o Mandriva non sono "coperto". L'accordo è con Novell, ma ha per oggetto un software che non è di Novell, ma di altri.La GPL3 pone rimedio a tutto questo, correggendo cosi un buco delle precedenti versioni.Se Microsoft riconosce a Novell che *SAMBA* non viola i suoi brevetti, ciò oggi - in virtù della GPL 3 - si estende e vale anche per tutti gli altri che utilizzano quello stesso software.Ragionamento ineccepibile, xchè è il software Samba coinvolto da questa vicenda.Novell e chiunque può sottoscrivere simili accordi: ma da oggi lo può fare solo con riferimento al "proprio" software o a quello sotto GPL 1/2.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: linux user
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Greenu64


            Quindi Microsoft garantisce a Novell ed ai suoi

            clienti di non far loro causa per un'eventuale

            protezione di brevetti. Se le cose stanno così
            ha

            ragione Ekleptical: siccome Microsoft non

            distribuisce nulla sotto GPL 3 ma garantisce

            solamente tutela ad una azienda non si capisce

            dove entra in mezzo la GPL 3, che microsoft non

            distribuendo nulla non accetta e che comunque

            riguarda l'ambito della tutela del diritto

            d'autore, non i brevetti (una cosa per cui mi fa

            personalmente schifo la GPL 3 è proprio questa

            volontà di mischiare le cose, brevetti con

            copyright con tecnologie, come il

            DRM)

            Sfugge un particolare.

            L'accordo col quale M$ si è impegnata a non fare
            causa agli utenti di Suse riguarda le possibili
            violazioni di brevetti da parte del software
            presente in SuSe: sia esso scritto da Novell, sia
            esso (la maggior parte) scritto da terze
            parti.

            Se questo software è licenziato sotto GPL, ecco
            che c'entra eccome la licenza in
            questione.
            No, non puoi mettere sullo stesso piano brevetti e diritto d'autore. Questo non è equivale assolutamente ad una accettazione di una licenza che regolamenta il diritto d'autore del sw che Microsoft non distribuisce nemmeno. Mi sa che vedete troppe implicazioni a doppio senso dove non ce ne sono. Accettare la GPL impedisce a microsoft di fare causa, il viceversa non vale, cioè la dichiarazione di microsoft di non fare causa sui brevetti non implica nessuna accettazione della GPL se non distribuisce quel sw.

            L'accordo è con Novell, ma ha per oggetto un
            software che non è di Novell, ma di
            altri.
            Ha per oggetto dei brevetti, che ripetono non riguardano il diritto d'autore. Stallman mi sa che ha voluto veramente confondere le acque con la GPL 3.
            Se Microsoft riconosce a Novell che *SAMBA* non
            viola i suoi brevetti, 1) Non riconosce, ma dice solamente che anche se SAMBA viola i suoi brevetti non le farà causa2) Questo riconoscimento non ha comunque nulla a che vedere con la GPL 3, è esterno ad esso.
          • Ekleptical scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo
            No, non puoi mettere sullo stesso piano brevetti
            e diritto d'autore. Questo non è equivale
            assolutamente ad una accettazione di una licenza
            che regolamenta il diritto d'autore del sw che
            Microsoft non distribuisce nemmeno. Mi sa che
            vedete troppe implicazioni a doppio senso dove
            non ce ne sono. Accettare la GPL impedisce a
            microsoft di fare causa, il viceversa non vale,
            cioè la dichiarazione di microsoft di non fare
            causa sui brevetti non implica nessuna
            accettazione della GPL se non distribuisce quel
            sw.Si continua a non capire che la GPL non è una legge, è un contratto. E come tale va sottoscritto, altrimenti non ha valore alcuno. Ogni contratto deve essere accettato dalle parti. Lo stesso dicasi per la famosa EULA Microsoft, come la licenza di un qualsiasi software commerciale. Ci deve essere un'azione attiva da parte del soggetto, che causa in modo esplicito l'accettazione del contratto. Nel caso di Windows è l'accettazione della licenza all'installazione. Oppure la rottura del sigillo del software dov'è sempre ben scritto (non a caso): "rompendo questo sigillo si accetta la licenza bla bla bla".Non esiste in giurisprudenza l'accettazione implicita per conto terzi. Novell non ha nessuna delega per conto Microsoft.FSF pretende che Microsoft sia vincolata ad un contratto che Microsoft non ha mia sottoscritto. Se la FSF, per assurdo, avesse ragione, domani scrivo un bel contratto in cui Bill Gates mi dona la Microsoft. Ovviamente la firma di Gates non c'è, ma io il contratto l'ho fatto e la Microsoft deve accettarlo!Può anche farlo Stallman: scrive nella GPL3.1 che la Microsoft è sua, se da in giro protezioni brevettuali a Linux. Poi, però, quando andrà dall'avvocato, lo porteramno via e lo interneranno. La clausola in questione ha lo stesso identico valore di questa per assurdo.
          • krane scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: EklepticalCi hanno gia provato in tanti a spiegartelo : io rinuncio e ti dico che e' inutile che continui a smenarcela, qui si da per scontato che tu non ne sappia di piu' di chi ha scritto la licenza. Peraltro ti faccio notare che non e' stata scritta in un pomeriggio da un ingegnere, ma da uno staff di avvocati (tra cui insegnanti di legge) che ne ha discusso per piu' di un anno.
          • Ekleptical scrive:
            Re: Ma per favore!
            La licenza com'è scritta è perfetta per impedire accordi di licensing limitanti. Ed è quello il suo scopo. Immagino che gli insegnanti di legge li abbiano reclutati per quello, non per fare causa a Microsoft.Cmq facciano causa, se hanno coraggio. Di sicuro la Microsoft della farneticazioni di RSM se ne strafrega e strafregherà. Vediamo se RSM ha le palle (io dico l'idiozia) di andare in tribunale.Poi quando perderà non venite a piangere contro il mondo corrotto, per favore! L'unica cosa corrotta è la mente di RSM e della sua FSF.
          • krane scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Ekleptical
            La licenza com'è scritta è perfetta per impedire
            accordi di licensing limitanti. Ed è quello il
            suo scopo. Immagino che gli insegnanti di legge
            li abbiano reclutati per quello, non per fare
            causa a
            Microsoft.
            Cmq facciano causa, se hanno coraggio. Di sicuro
            la Microsoft della farneticazioni di RSM se ne
            strafrega e strafregherà. Vediamo se RSM ha le
            palle (io dico l'idiozia) di andare in
            tribunale.

            Poi quando perderà non venite a piangere contro
            il mondo corrotto, per favore! L'unica cosa
            corrotta è la mente di RSM e della sua FSF.Certo : vedremo... Quello che abbiamo visto fino adesso e' che M$ ha dato tanto aria alla bocca ma le palle di denunciare tirando fuori le prove non le ha avute.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: krane
            Certo : vedremo...

            Quello che abbiamo visto fino adesso e' che M$ ha
            dato tanto aria alla bocca ma le palle di
            denunciare tirando fuori le prove non le ha
            avute.Veramente in questo caso è la FSF che vuole portare in tribunale Microsoft
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: krane


            Certo : vedremo...



            Quello che abbiamo visto fino adesso e' che M$ ha

            dato tanto aria alla bocca ma le palle di

            denunciare tirando fuori le prove non le ha

            avute.
            Veramente in questo caso è la FSF che vuole
            portare in tribunale MicrosoftGia' dimenticato la faccenda dei 200 brevetti eh ?!?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: krane




            Certo : vedremo...





            Quello che abbiamo visto fino adesso e' che
            M$
            ha


            dato tanto aria alla bocca ma le palle di


            denunciare tirando fuori le prove non le ha


            avute.


            Veramente in questo caso è la FSF che vuole

            portare in tribunale Microsoft

            Gia' dimenticato la faccenda dei 200 brevetti eh
            ?!?Quindi? La notizia è che FSF ha intenzione di portare Microsoft in tribunale, non viceversa
          • Roberto Di scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo

            Gia' dimenticato la faccenda dei 200 brevetti eh
            ?!?Quali? Microsoft fino ad oggi non ha dato prove alcune quindi ripeto la domanda:quali?
          • ... scrive:
            Re: Ma per favore!

            Si continua a non capire che la GPL non è una
            legge, è un contratto. Ma ci provi ancora a spiegarglielo a questi qua ? Prova piuttosto a far capire agli integralisti musulmani che la morale non è legge, forse hai maggiore fortuna...Questi babbei a cominciare dal barbone vogliono lo scontro frontale, sono anni che lo cercano con tutte le loro forze.Ebbene, che vadano al massacro e con un po' di fortuna quello che rimarrà sarà sufficiente a far rinascere ed a permettere (finalmente) di volare al pinguino.
          • /dev/loop0 scrive:
            Re: Ma per favore!
            Purtroppo o per fortuna la "commistione" tra diritto d'autore e brevetto c'è eccome, ma non sono io a dirlo. Si parla e parlavo infatti di accordi di non rivendicazione di brevetti di cui è parte un'azienda (Novell) che utilizza e distribuisce software (di altri) sotto licenza GPL.Dal punto 11 della GPLv3:
          • anon scrive:
            Re: Ma per favore!
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Greenu64

            Da PI:



            No, se è come riporti tu non è fatta per questo.
            Se l'accordo si limita alla tutela dei brevetti
            ma non alla distribuzione di software da parte di
            microsoft la GPL non entra da nessuna parte.
            Novell distribuisce il software, Microsoft
            certifica che non ti farà causa per il sw
            distribuito da Novell. Microsoft non ha accettato
            nemmeno implicitamanete da nessuna parte la GPL 3
            in questo
            processo.
            Finalmente parole chiare
    • Manuele scrive:
      Re: Ma per favore!
      stallmann è grasso.punto.
    • yuy scrive:
      Re: Ma per favore!
      - Scritto da: Ekleptical
      Mai letto una simile idiozia. Basta che rileggi le perle che scrivi e puoi andare ben oltre.
      Solo quel barbone
      autistico di Stallman poteva Chi non ha argomenti inizia ad andare con gli insulti e gli attacchi personali.
      La Microsoft non ha mai approvato nè utilizzato
      la GPL. Ha distribuito dei coupon alle aziende, ti sfugge il concetto di distribuzione?
      Quindi non è assoggettabile ad essa. Leggi sopra, dai un sacco di cose per scontate.
      La
      GPL non può essere adottata "indirettamente" in
      quanto forma contrattuale. Ah adesso da ingegnere sei anche esperto di contratti, ma fammi il piacere per favore.
      Il contratto è fra le
      parti che lo sottoscrivono. Non può riguardare
      diritti di terzi che quel contratto mai lo hanno
      firmato.Quando prendi Windows firmi qualcosa? Anche quello è un contratto. Se quindi se non c'è firma allora non vale? GENIALE! Allora la GPL e un mare di altre licenze che non richiedono la firma valgono quanto la carta straccia.
      Qualsiasi avvocatucolo di terz'ordine neolaureato
      farebbe fuori Stallman in tribunale sulla
      questione.Tu non sei neanche quell'avvocatucolo di terz'ordine, riconosci i tuoi limiti e non viaggiare con la fantasia. Quindi da quale pulpito parli? La giurisprudenza è una cosa complessa, però per te è tutto semplice è scontato. Ovviamente per chi non lo sapesse lui non è avvocato, al contrario dell'avvocato della FSF che ha scritto la GPL e che insegna in una prestigiosa Università.
      Quell'uomo è ormai ridicolo nella sua psicosi.
      Altri insulti personali perché non hai argomenti.
      E farebbe bene a darsi una svegliata che lo
      riporti al mondo reale, non ai suoi trip di
      fantasia.Ti vedo frustrato. Perché non ti preoccupi di quello che fai tu?
      Sfottere il leone che dorme, non è mai una mossa
      saggia. Con tutti i brevetti che ha Microsoft e
      che riguardano parti essenziali di Linux (vedi il
      citato Samba), il citato samba è una stronzata che sta nella tua testa
      se invece di essere tollerante
      (che tanto ci guadagna pure così, unica cosa che
      frega giustamente alla MS), la Microsoft si
      riscopre aggressiva, Linux è kaput. Confondi Linux con la FSF. Poi la Microsoft si riscopre aggressiva LOL Io negli ultimi anni ho solo letto di Microsoft che ad ogni causa doveva dare 500 milioni di dollari a quello, 500 milioni di dollari a quell'altro, ha dovuto fare un accordo con SUN, ha dovuto fare un accordo con Novell. I suoi avvocati vincono una causa su un milione, strano perché li paga parecchio, forse usano Windows per fare le loro ricerche.
      Viene
      sommerso di cause devastanti a non
      finire.Torna a giocare con i robot...
      • Ekleptical scrive:
        Re: Ma per favore!
        - Scritto da: yuy
        Ha distribuito dei coupon alle aziende, ti sfugge
        il concetto di
        distribuzione?Sfugge a te. La GPL è accettata tramite distribuzione del software, non di "coupon".
        Quando prendi Windows firmi qualcosa? Anche
        quello è un contratto.Sì, lo accetti in modo esplicito all'installazione e/o alla rottura del sigillo del software. Li fanno apposta.Quando crei un programma GPL, devi esplicitare che è GPL e devi sincerarti che l'utente lo sappia. Nella FAQ stesse della FSF è scritto chiaramente. Leggi in fondo l'"How to apply":http://www.gnu.org/licenses/gpl-3.0.htmlInvita anche i datori di lavoro a firmare esplicitamente un documento scritto di accettazione!Ripeto: siamo all'ABC della giurisprudenza. Non c'è bisogno di essere principi del foro. Come non c'è bisogno di una laurea in astrofisica per fare 3+2.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma per favore!
          - Scritto da: Ekleptical
          - Scritto da: yuy


          Ha distribuito dei coupon alle aziende, ti
          sfugge

          il concetto di

          distribuzione?

          Sfugge a te. La GPL è accettata tramite
          distribuzione del software, non di
          "coupon".



          Quando prendi Windows firmi qualcosa? Anche

          quello è un contratto.

          Sì, lo accetti in modo esplicito
          all'installazione e/o alla rottura del sigillo
          del software. Li fanno
          apposta.Questo era uno dei dubbi maggiori esposti da Monti in passato e tutt'ora con la presenza della GPL 3. Il problema di fondo, se non ricordo male, è nella differente giurisprudenza americana rispetto a quella italiana relativamente all'accettazione dei contratti. Risulta che in Italia una buona parte delle licenze software o delle EULA di concezione di concezione americana potrebbero non trovare riscontro positivo in tribunale. C'è stata pure una sentenza di qualche anno fa, trattata pure da punto informatico, che fece scalpore a riguardo, proprio legata al fatto che l'utente non poteva accettare il contratto prima dell'uso del software. Se la GPL 2 aveva alcuni problemucci a riguardo, mai testati seriamente in tribunale, la GPL 3 ne ha una montagna in più.
    • Emiliano scrive:
      Re: Ma per favore!
      Premesso che l'acredine con la quale si affronta il tema "MS-resto del mondo" dimostra una certa partigianeria immotivata (non negate che ce l'avete tutti con MS e poco con le restanti aziende che applicano lo stesso modello di business: producono software e lo vendono!), chiedo a tutti: ma la GPL3 si applicherà a quelli che distribuiranno sw con tale licenza o no?Cioè: se esiste sw distribuito sotto GPL2, eventuali contenzioni che coinvolgessero MS dovrebbero essere giudicati in base alla GPL2. Mica staremo dicendo che per il solo fatto che Stallman ha scritto la GPL3 mo' applichiamo le regole della GPL3 ad ogni distribuzione open source?E allora, tutta 'sta questione è aria fritta: MS dichiara che a lei la GPL3 non riguarda, FSF dice di si. In tribunale si arriverà solo se e quando MS toccherà (o metterà le mani: concediamo anche a chi è contro MS una giusta battuta! :-
      ) sw coperto da GPL3. Perché cavolo ne parliamo ora quando in pochi hanno deciso di usare la GPL3?
      • pane@rita scrive:
        Re: Ma per favore!

        Mica staremo dicendo che per il solo fatto che
        Stallman ha scritto la GPL3 mo' applichiamo le
        regole della GPL3 ad ogni distribuzione open
        source?no, infatti nell'articolo c'è scritto chiaramente l'opposto nella traduzione delle frasi attribuibili a fsf c'è un bel *se* microsoft distribuisce etc etc
  • pippo75 scrive:
    quali opere GPL3
    Ma Ms, quali opere Vende o Fa vendere per conto suo che contengono la licenza GPL3?SUSE Linux non è GPL2?
    • ciko scrive:
      Re: quali opere GPL3

      SUSE Linux non è GPL2?"Suse Linux" e' solo un'etichetta, non ha licenza (se escludiamo il trademark). I pacchetti contenuti in Suse hanno diverse licenze, compresa la GPLv3 (Samba per dirne uno)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 09.26-----------------------------------------------------------
      • pane@rita scrive:
        Re: quali opere GPL3
        - Scritto da: ciko

        SUSE Linux non è GPL2?

        "Suse Linux" e' solo un'etichetta, non ha licenza
        (se escludiamo il trademark).

        I pacchetti contenuti in Suse hanno diverse
        licenze, compresa la GPLv3 (Samba per dirne
        uno)beh nella versione di suse al momento dell'accordo era sicuramente gpl2bisogna vedere nella nuova suse cosa useranno e se microsoft distribuirà quella versione di suse
        • ciko scrive:
          Re: quali opere GPL3

          beh nella versione di suse al momento
          dell'accordo era sicuramente
          gpl2
          certo, ma adesso e' passata alla GPLv3
          bisogna vedere nella nuova suse cosa useranno e
          se microsoft distribuirà quella versione di
          susea meno di farne un fork e cominciare gli sviluppi in proprio, direi proprio di si
          • pippo75 scrive:
            Re: quali opere GPL3
            - Scritto da: ciko

            beh nella versione di suse al momento

            dell'accordo era sicuramente

            gpl2



            certo, ma adesso e' passata alla GPLv3quindi, visto che Novell ha fatto un accordo con Microsoft per via dia alcuni brevetti, non puo' distribuire le parti che sono sotto licenza GPL.Stando alla licenza non ufficiale, e' il punto 11.
          • pane@rita scrive:
            Re: quali opere GPL3

            quindi, visto che Novell ha fatto un accordo con
            Microsoft per via dia alcuni brevetti, non puo'
            distribuire le parti che sono sotto licenza
            GPL.

            Stando alla licenza non ufficiale, e' il punto 11.yes, ma al punto 11 di http://www.gnu.org/licenses/gpl-3.0.htmltrovi la precisazione (b)(b) primarily for and in connection with specific products or compilations that contain the covered work, unless you entered into that arrangement, or that patent license was granted, prior to 28 March 2007.Fatta apposta per lasciare una porta con novell (nella speranza che questa includa software sotto gplv3 e che microsoft lo distribuisca)
  • linux user scrive:
    La GPL3 dà i suoi primi frutti
    Et voilà.Fregati tutti.Le affermazioni della FSF non fanno una piega. Qualcuno distribuisce direttamente o indirettamente software GPL? Bene: è costretto a rispettare le regole altrimenti paga dazio.Molti stanno adottando la nuova licenza;il sw Samba (accusato ripetutamente da M$ di violazione dei brevetti) è già sotto GPL3. That's right!Ma non credo che si arriverà a uno scontro legale con quel G@tes là. Novell sarà costretta a rivedere quel famigerato accordo se vorrà utilizzare ancora software GNU e non. Altrimenti violerà la licenza GPL3 pagandone "pesantemente" le conseguenze.
    • ... scrive:
      Re: La GPL3 dà i suoi primi frutti
      Quindi il concetto è:A possiede un brevettoB se ne frega, lo sfrutta senza renderne conto ad A e lo mette sotto Gpl3A somatizza altrimenti è costretta ad accettare?Più che software libero sembra warez condito di esproprio proletario...
      • krane scrive:
        Re: La GPL3 dà i suoi primi frutti
        - Scritto da: ...
        Quindi il concetto è:
        A possiede un brevetto
        B se ne frega, lo sfrutta senza renderne conto ad
        A e lo mette sotto Gpl3
        A somatizza altrimenti è costretta ad accettarePerche' ? Basta che A denuncia B...Sempre che A detenga veramente un brevetto valido e non abbia niente da nascondere.
        Più che software libero sembra warez condito di
        esproprio proletario...Cambia spacciatore, ti chiarirai le idee...
      • pane@rita scrive:
        Re: La GPL3 dà i suoi primi frutti
        - Scritto da: ...
        Quindi il concetto è:

        A possiede un brevetto
        B se ne frega, lo sfrutta senza renderne conto ad
        A e lo mette sotto
        Gpl3
        A somatizza altrimenti è costretta ad accettare

        ?la situazione non è quella da te descritta, spero tu abbia sufficiente onestà intellettuale da ammetterlo.La situazione è A possiede un brevettoB se ne frega (o ha tutela da A è irrilevante) e crea in violazione del brevetto (ammettiamola, anche se qua prove non sono state fornite) un software gplv3 (lo mette sotto gpl3 riferendosi a un brevetto è una frase senza senso).A distribuisce il software Bè proprio questo il punto che manca nel tuo esempiopoi si può discutere se microsoft distribuisca software sotto gpl3, al momento non mi risulta lo faccia (del resto lo stesso articolo, che mi auguro tu abbia letto recita: ""*Se* Microsoft distribuisce opere coperte dalla licenza GPL3, o paga altri per distribuirle in sua vece, è di conseguenza obbligata a farlo rispettando i termini di questa licenza", si legge nella nota di FSF."), ma è cosa diversa dagli insulti che hai lanciato qua e la a fsf e a stallman
        • Roberto Di scrive:
          Re: La GPL3 dà i suoi primi frutti

          "*Se* Microsoft distribuisce opere coperte dalla
          licenza GPL3, o paga altri per distribuirle in
          sua vece, è di conseguenza obbligata a farlo
          rispettando i termini di questa licenza", si
          legge nella nota di FSF.E con questo dovrebbe essere chiaro a tutti che non ci sono restrizioni alcune, infatti chiunque, anche Microsoft, puó usare la GPL3, alle condizioni di quella licenzaChi non vuole non rilascia i suoi lavori con la GPL3.Chi parla di restrizioni forse vede nel mondo dell'IT solo il businnes e i soldi che si possono fare, bé a quelli dico, restate fedeli a Microsoft perché con quei prodotti si che potete vendervi anche l'anima per un pugno di dollari.Il mondo "open" non fa per voi.Se poi siete programmatori e volete vendere i vostri prodotti a mo di Microsoft, facendovi pagare il pizzo... ehm le licenze, la GPL in genere non é il vostro mondo, continuate a vedere la gente come una vacca da latte da mungere Le critiche le fate solo perché avete paura che il mercato, pian piano vi sfugge dalle mani e pensate che la gente sia stupida da non accorgersi che ci sono altre vie.
    • paolodelben e scrive:
      Re: La GPL3 dà i suoi primi frutti
      finalmente qualcuno che ha capito come funziona il software libero e la gnu general public license, forse sei uno dei pochi che perde ancora tempo dietro a persone che non vogliono capire o fanno finta di non capire.ma perchè dobbiamo pagare dazio a m$, usando questo http chè realizzato con software di scarsa qualità come asp e protetto da copyright ?non possiamo mettere su un nostro http con una pagina che sia in php versione 3.0 che è l'unica sotto GNU GPL ?
  • olah scrive:
    Allora funziona!
    Se Microsoft non vuol riconoscere la gpl3, allora vuol dire che ha intenzione di appropriarsi del software libero mettendoci sopra i propri brevetti. La sua idea è che tu scrivi un software opensource, lei lo distribuisce e tu no perché viola alcuni dei suoi brevetti, magari senza neanche dirti quali.Allora forse la gpl3 va nella giusta direzione...
    • Ekleptical scrive:
      Re: Allora funziona!
      Veramente è il contrario. E' il software libero che vuole appropriarsi dei brevetti Microsoft che usa impunemente e senza autorizzazione. Vedi Samba. E' illegale da sempre.
      • ciko scrive:
        Re: Allora funziona!

        Vedi
        Samba. E' illegale da
        sempre.al massimo SOLO IN AMERICA!!!L'America non e' il MONDO, ricordatelo ogni tanto....
      • olah scrive:
        Re: Allora funziona!
        - Scritto da: Ekleptical
        Veramente è il contrario. E' il software libero
        che vuole appropriarsi dei brevetti Microsoft che
        usa impunemente e senza autorizzazione. Vedi
        Samba. E' illegale da
        sempre.Non so chi sia questo signore che chiami software libero. Pensavo che i sostenitori del software libero fossero contrari ai brevetti...
        • Ekleptical scrive:
          Re: Allora funziona!
          - Scritto da: olah
          Pensavo che i sostenitori del software libero
          fossero contrari ai
          brevetti...Anch'io sono contrario alla penalizzazione delle droghe leggere. Ciò non toglie che vendere erba o fumarla sia illegale.La legge non è quel che sta bene a me.
          • olah scrive:
            Re: Allora funziona!

            La legge non è quel che sta bene a me.Perfetto, quindi fino a prova contraria samba non è illegale e tu rispetta la licenza gpl3.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 10.45-----------------------------------------------------------
          • diablo512 scrive:
            Re: Allora funziona!
            Scusate ma in che modo Samba e illegale????mi potete chiarire plz
          • krane scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: diablo512
            Scusate ma in che modo Samba e illegale????
            mi potete chiarire plzDovresti chiederlo ai legali di M$: prova con una mail...
          • diablo512 scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: diablo512

            Scusate ma in che modo Samba e illegale????

            mi potete chiarire plz

            Dovresti chiederlo ai legali di M$: prova con una
            mail...scusami ma continuo a non capirese mi indirizzate sull'argomento posso poi cercare x i fatti miei
          • krane scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: diablo512
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: diablo512


            Scusate ma in che modo Samba e illegale????


            mi potete chiarire plz



            Dovresti chiederlo ai legali di M$: prova con
            una

            mail...

            scusami ma continuo a non capire
            se mi indirizzate sull'argomento posso poi
            cercare x i fatti mieiNon c'e' molto da sapere: m$ minaccia da anni di tirar fuori mitici suoi brevetti che sarebbero vuolati da linux; ma nonostante gli inviti a farlo non ha mai dato indicazioni precise su quali siano.Gli unici che possono saperlo sono, appunto, i legali m$.
          • olah scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: diablo512
            Scusate ma in che modo Samba e illegale????
            mi potete chiarire plzQualcuno sostiene che violerebbe dei brevetti, senza dire quali. In realtà non c'è nè una sentenza nè un processo sulla presunta illegalità di samba.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Allora funziona!
            Un pò come i presuti brevetti che violerebbero LINUX e OpenOffice :D
          • pane@rita scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: diablo512
            Scusate ma in che modo Samba e illegale????
            mi potete chiarire plzSamba è uno dei software principali (insieme al kernel linux e a openoffice) bersagliato dal FUD microsoft sui brevetti...violazioni di brevetti che btw non sono state indicate alla comunità se non in modo generico (perché produrre la documentazione richiederebbe troppo tempo -sic) né portati avanti in tribunale (dice Ballmar perché sono buoni, dice il saggio perché hanno paura dei controbrevetti ibm e sun)
          • diablo512 scrive:
            Re: Allora funziona!
            ok grazie 1000
          • Ekleptical scrive:
            Re: Allora funziona!
            - Scritto da: diablo512
            Scusate ma in che modo Samba e illegale????
            mi potete chiarire plzIl protocollo SMB attualmente in uso è opera della Microsoft. Non è un protocollo open, nè di pubblico dominio. Gli autori di Samba ci sono arrivati per reverse-engineering.La questione Samba sta tutta lì. Non si può fare reverse-engineering su un brevetto, per riprodurlo. E' illegale. Per essere precisi, non importa il metodo con cui ci sei arrivato, è la duplicazione del risultato ad essere illegale.L'unica soluzione ammissibile, furba e se possibile, è ottenere lo stesso risultato pratico con un'altra tecnologia, ben distinta da quella utilizzata nel brevetto in questione. (Cmq rischi facilmente la causa lo stesso).I brevetti li hanno inventati apposta!In altre parole i ragazzi di Samba, per essere tranquilli, dovevano creare un protocollo simil-SMB, su basi progettuali diverse, ma che non sarebbe stato compatibile con SMB, rendendolo di fatto inutile.Attenzione che il brevetto non è il copyright. In altre parole, non si brevetta il codice, ma le funzionalità. Quindi, se io rifaccio ex-novo un software che mi da una funzionalità coperta da brevetto, sto violando il brevetto. Non c'entra nulla che io abbia copiato il codice o meno, appunto perchè è un brevetto, non un copyright.Per quello i brevetti in campo software sono ritenuti pericolosi ed in Europa non sono stati approvati e forse mai lo saranno. Finiscono con diventare brevetti di concetti astratti. A differenza dei brevetti fisici che cmq sono caratterizzati da progetti ben definiti.In campo fisico, in alcuni casi, è possibile riprodurre funzionalità simili impiegando tecnologie diverse. In campo software diventa impossibile perchè si brevetta, alla fine, l'idea stessa.
          • olah scrive:
            Re: Allora funziona!
            I protocolli sono insiemi di regole, le implementazioni sono software. Si può brevettare un protocollo? Ad ogni modo, non mi sembra che M$ abbia detto quali siano i brevetti violati da samba, quindi forse la questione non è così semplice.
      • Alessandrox scrive:
        Re: Allora funziona!
        - Scritto da: Ekleptical
        Veramente è il contrario. E' il software libero
        che vuole appropriarsi dei brevetti Microsoft che
        usa impunemente e senza autorizzazione. Vedi
        Samba. E' illegale da
        sempre.Il sw libero non si appropria di nulla ne potrebbe farlo, casomai renderebbe di libero utilizzo, che e' un altra cosa. POi che questo non stia bene a MS e' un altra faccenda.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 13.39-----------------------------------------------------------
      • yuy scrive:
        Re: Allora funziona!
        - Scritto da: Ekleptical
        Veramente è il contrario. E' il software libero
        che vuole appropriarsi dei brevetti Microsoft che
        usa impunemente e senza autorizzazione. Vedi
        Samba. E' illegale da
        sempre.Ma che ne sai te se viola dei brevetti? Se fosse così semplice la Microsoft avrebbe già fatto causa da tempo.Samba è realizzato attraverso il reverse engeneering che è perfettamente legale negli stati uniti e se la tecnologia su cui si basa Microsoft non è assolutamente innovativa, cioè non esiste in alcuna forma di prior art, non può fare causa proprio per niente.
    • ... scrive:
      Re: Allora funziona!
      Se buttarsi da una scogliera è la "giusta direzione"...
    • anon scrive:
      Re: Allora funziona!
      - Scritto da: olah
      Se Microsoft non vuol riconoscere la gpl3, allora
      vuol dire che ha intenzione di appropriarsi del
      software libero mettendoci sopra i propri
      brevetti. La sua idea è che tu scrivi un software
      opensource, lei lo distribuisce e tu no perché
      viola alcuni dei suoi brevetti, magari senza
      neanche dirti
      quali.
      Siamo alla paranoiaHai letto la notizia? Hai capito cosa c'è scritto? Microsoft non ha messo nessun brevetto (nè ha distribuito alcunchè)
      • olah scrive:
        Re: Allora funziona!
        - Scritto da: anon
        - Scritto da: olah

        Se Microsoft non vuol riconoscere la gpl3,
        allora

        vuol dire che ha intenzione di appropriarsi del

        software libero mettendoci sopra i propri

        brevetti. La sua idea è che tu scrivi un
        software

        opensource, lei lo distribuisce e tu no perché

        viola alcuni dei suoi brevetti, magari senza

        neanche dirti

        quali.


        Siamo alla paranoia
        Hai letto la notizia? Hai capito cosa c'è
        scritto? Microsoft non ha messo nessun brevetto
        (nè ha distribuito
        alcunchè)Io ho capito che c'è scritto: Microsoft storce il naso e la FSF la invita a rispettare i termini della GPL3 nel caso distribuisse software coperto da quella licenza, ad esempio licenze di Suse Linux con la nuova versione di samba (che sarà sotto gpl3).Tu invece che hai capito? Che Microsoft non ha brevetti e non distribuisce nulla?
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Allora funziona!
      Esatto!E con ciò si vede quanto il "fondamentalista" ed "estremista" e chi ne ha più ne metta Stallman veda lungo, molto più in là delle critiche che gli vengono rivolte.
  • ... scrive:
    Stallman lo cerca con tutte le sue forze
    Un calcio in culo di quelli senza precedenti. Sta tirando troppo il leone (anzi il branco di leoni) per la coda convinto di farla franca anche stavolta. Gli avvertimenti finora lanciati, più dei giochi tipo gatto col topo, sono caduti tutti nel vuoto e di sto passo arriverà una reazione che morderà la FSF alla giugulare facendo però dissanguare linux...
    • pane@rita scrive:
      Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
      per ora tutte le volte che si è mossa la fsf ha vinto, anche contro aziende non proprio sprovvedute o prive di risorse come skype/ebay
      • ... scrive:
        Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
        Ti rendi conto che stai mettendo sullo stesso piano un provider voip ed una multinazionale che in 10 ore incassa i soldi che redhat (massima autorità economica dell'ecosistema open) vede in 3 mesi ?Vuol fare guerra a microsoft ? Che faccia ! Quando poi avrà mandato in malora anche quel poco che c'è di sano nel suo progetto (perchè gli avvocati li dovrà pur pagare) forse rinsavirà o metterà due dita nella presa e farà il piacere di levarsi dalle scatole liberando il software libero della sua inutile e dannosa presenza.Ha avuto il merito di cominciare qualcosa di buono ma ora, anzi già da un po', avrebbe dovuto capire che era ora di lasciare il timone.Il brutto è che se microsoft si mette seriamente potrebbe anche arrivare a far sconfessare in blocco tutta la gpl (FSF crede di essere la sola a giocare di cavilli ?). Dopo voglio vedere che apocalisse verrà con aziende che si impossesseranno di miliardi di linee di codice ritrovatesi improvvisamente senza protezione.I troll spesso invitano Stallman e la sua cricca ad andarsene a Cuba o in Venezuela ma tra un po' di tempo mi sa che finirà proprio così...
        • pane@rita scrive:
          Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
          - Scritto da: ...
          Ti rendi conto che stai mettendo sullo stesso
          piano un provider voip ed una multinazionale che
          in 10 ore incassa i soldi che redhat (massima
          autorità economica dell'ecosistema open) vede in
          3 mesi
          ?non mi risulta che ebay sia solo un provider voip
          Vuol fare guerra a microsoft ? Che faccia !
          Quando poi avrà mandato in malora anche quel poco
          che c'è di sano nel suo progetto (perchè gli
          avvocati li dovrà pur pagare) Quello che ti sfugge è che non è una gara a chi ha più soldi...arrivato a un certo livello di avvocati (e quindi di costi) più in su non si vaaltrimenti sco, finanziata da microsoft avrebbe vintoaltrimenti ebay che ha molti più soldi della fsf avrebbe vinto
          forse rinsavirà o
          metterà due dita nella presa e farà il piacere di
          levarsi dalle scatole liberando il software
          libero della sua inutile e dannosa
          presenza.vedo che non sai prescindere dall'insulto, scendiamo un po' al tuo livello cercando di galleggiare fra il liquame che sputi (evidentemente sei affetto da coprofagia e quello che mangi poi vomiti):tu questo consiglio quando deciderai di metterlo in pratica?magari liberi il forum dalla tua inutile e fastidiosa (dannosa è troppo per te) presenza?
          Il brutto è che se microsoft si mette seriamente
          potrebbe anche arrivare a far sconfessare in
          blocco tutta la gpl la gplv2 ha già una solida giurisprudenza alle spalle
          Dopo voglio vedere che
          apocalisse verrà con aziende che si
          impossesseranno di miliardi di linee di codice
          ritrovatesi improvvisamente senza
          protezione.vedi sopra, ma non mi stupisco che tu lo ignori
          • ... scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze

            non mi risulta che ebay sia solo un provider voipSkype per usarlo seriamente si paga. E' un provider voip a tutti gli effetti.
            Quello che ti sfugge è che non è una gara a chi
            ha più
            soldi...
            arrivato a un certo livello di avvocati (e quindi
            di costi) più in su non si
            va

            altrimenti sco, finanziata da microsoft avrebbe
            vinto
            altrimenti ebay che ha molti più soldi della fsf
            avrebbe
            vintoAh no ? Bisogna sempre vedere fino a che punto sco ed ebay erano interessate a dare battaglia. Cosa ti sei perso di "giocare al gatto col topo" ? I felini non li cacciano sempre per fame, a volte ci "giocano" solo poi si stufano e li abbandonano.Stavolta state cercando lo scontro definitivo e state pur certi se che una minima parte dei fondi investiti in Sco hanno tenuto banco per anni, il prossimo passo sarà qualcosa vicino all'eternità.Comincia a fare incetta di magliette con lo gnu stampato sopra perchè fra non molto il barbone batterà cassa.

            tu questo consiglio quando deciderai di metterlo
            in
            pratica?
            magari liberi il forum dalla tua inutile e
            fastidiosa (dannosa è troppo per te)
            presenza?Te invece sei utile... scendi dal pero


            Il brutto è che se microsoft si mette seriamente

            potrebbe anche arrivare a far sconfessare in

            blocco tutta la gpl

            la gplv2 ha già una solida giurisprudenza alle
            spalleNon s'è mai scontrata contro un peso massimo disposto a tutto se teme veramente di perdere o solo se si incazza di brutto


            Dopo voglio vedere che

            apocalisse verrà con aziende che si

            impossesseranno di miliardi di linee di codice

            ritrovatesi improvvisamente senza

            protezione.

            vedi sopra, ma non mi stupisco che tu lo ignoriSe hai mai programmato qualcosa in vita tua comincia a cercarti una nuova licenza o augurati di non aver mai prodotto niente di serio.
          • pane@rita scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: ...

            non mi risulta che ebay sia solo un provider
            voip

            Skype per usarlo seriamente si paga. E' un
            provider voip a tutti gli
            effetti.e quindi?ciò cosa c'entra con la frase "non mi risulta che ebay sia solo un provider voip"?

            altrimenti sco, finanziata da microsoft avrebbe

            vinto

            altrimenti ebay che ha molti più soldi della fsf

            avrebbe

            vinto

            Ah no ? Bisogna sempre vedere fino a che punto
            sco ed ebay erano interessate a dare battaglia.sco mi sembra che fosse interessata un bel po' visto che è implosa nel suo tentativo sterile...ora con le azioni sco ci risparmi in kleenex
            Stavolta state cercando lo scontro definitivo e
            state pur certi se che una minima parte dei fondi
            investiti in Sco hanno tenuto banco per anni, il
            prossimo passo sarà qualcosa vicino
            all'eternità.hai ragione e i fatti ti cosano
            Comincia a fare incetta di magliette con lo gnu
            stampato sopra preferisco quella p. di tua sorella (cit.)
            Te invece sei utile... scendi dal peronon so se sono diventato da soggetto un complemento, ma certamente so di non aver iniziato a spalar merda per primo sulla fsfma del resto, se ci si ciba di quello...

            la gplv2 ha già una solida giurisprudenza alle

            spalle


            Non s'è mai scontrata contro un peso massimo
            disposto a tutto se teme veramente di perdere o
            solo se si incazza di
            bruttonon c'entra niente.le sentenze passate non spariscono se ms si incazza...
            Se hai mai programmato qualcosa in vita tua
            comincia a cercarti una nuova licenza o augurati
            di non aver mai prodotto niente di
            serio.questo è sicuraqmente un problema che non ti riguarda, vero? ;)
          • innominato scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: pane@rita
            vedo che non sai prescindere dall'insulto,
            scendiamo un po' al tuo livello cercando di
            galleggiare fra il liquame che sputi
            (evidentemente sei affetto da coprofagia e quello
            che mangi poi
            vomiti):

            tu questo consiglio quando deciderai di metterlo
            in
            pratica?
            magari liberi il forum dalla tua inutile e
            fastidiosa (dannosa è troppo per te)
            presenza?Ma i tuoi 600 e passa post sono tutti così da troll o ce n'è anche qualcuno intelligente?No, tanto per sapere se cercare di ricordare il tuo username e leggere i post solo quando ho voglia di farmi una risata o no.Ma ora ti lascio alla tua gara di insulti e sopprusi verso ...(considerati salutato con il saluto romano)
          • pane@rita scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze

            Ma i tuoi 600 e passa post sono tutti così da
            troll no, solo quando ho davanti qualche elemento che brilla per imbecillità
            o ce n'è anche qualcuno
            intelligente?questo non sta a me giudicarlo
            (considerati salutato con il saluto romano)ognuno fa il saluto che si merita e che conosce meglio :(
          • Romano Saluto scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: innominato

            (considerati salutato con il saluto romano)_o/
          • Bitblaster scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: pane@rita
            vedo che non sai prescindere dall'insulto,
            scendiamo un po' al tuo livello cercando di
            galleggiare fra il liquame che sputi
            (evidentemente sei affetto da coprofagia e quello
            che mangi poi
            vomiti):AHAHAHAAHAHAHHAAH Da incorniciare, spettacolare!!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • wrtwertwert scrive:
          Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
          - Scritto da: ...
          Ha avuto il merito di cominciare qualcosa di
          buono ma ora, anzi già da un po', avrebbe dovuto
          capire che era ora di lasciare il
          timone.uh? di che parli? la fsf non e' mica il ceo d'un'azienda ne il presidente d'una nazione; non ha alcun reale potere sulla comunita' del software libero e se quest'ultima segue in qualche modo la fsf e' per libera scelta; in ogni modo la fsf non fa altro che decidere di distribuire il software su cui ha dei diritti con la licenza che preferisce (diritto garantito dalla legge), cosa c'e' di male in questo?
          Il brutto è che se microsoft si mette seriamente
          potrebbe anche arrivare a far sconfessare in
          blocco tutta la gpl (FSF crede di essere la sola
          a giocare di cavilli ?). Dopo voglio vedere che
          apocalisse verrà con aziende che si
          impossesseranno di miliardi di linee di codice
          ritrovatesi improvvisamente senza
          protezione.eh??? io temo che tu stia parlando di cose che non conosci; tutte le legislazioni in tema di diritto d'autore chiariscono che se una licenza vien dichiarata non valida nessuno (a parte chi ne detiene i diritti) puo' usufruire dei lavori rilasciati con quella licenza (fino al momento in cui il detentore dei diritti non lo rilasci con altra licenza valida); assolutamente il software non finisce in public domain ma semplicemente diventa non utilizzabile
          • ... scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze

            uh? di che parli? la fsf non e' mica il ceo
            d'un'azienda ne il presidente d'una nazione; non
            ha alcun reale potere sulla comunita' del
            software libero e se quest'ultima segue in
            qualche modo la fsf e' per libera scelta; in ogni
            modo la fsf non fa altro che decidere di
            distribuire il software su cui ha dei diritti con
            la licenza che preferisce (diritto garantito
            dalla legge), cosa c'e' di male in
            questo?Ah no ? Scrivono e mantengono una licenza che si permette di dire cosa uno può o meno fare e questo non sarebbe avere il potere ?

            eh??? io temo che tu stia parlando di cose che
            non conosci; tutte le legislazioni in tema di
            diritto d'autore chiariscono che se una licenza
            vien dichiarata non valida nessuno (a parte chi
            ne detiene i diritti) puo' usufruire dei lavori
            rilasciati con quella licenza (fino al momento in
            cui il detentore dei diritti non lo rilasci con
            altra licenza valida); assolutamente il software
            non finisce in public domain ma semplicemente
            diventa non
            utilizzabileE' tutto da vedere. Prima dei sistemi operativi, prima del (presunto) monopolio, microsoft vive da 30 anni grazie ai contratti capestro ed alle clausole trappola. Gli esperti nel settore sono loro, la FSF non è altro che una scolaretta.Trovano qualcosa, qualsiasi cosa, preparano il colpo e dopo vediamo come va a finire. Qui non si parla della tipica violazione da 4 soldi, ma di minare le basi dell'impero di redmond, di una guerra legale che sarà devastante perchè stavolta non verrà fatta economia finchè sulle rovine della FSF non verrà sparso il sale.
          • aaabbb scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: ...

            uh? di che parli? la fsf non e' mica il ceo

            d'un'azienda ne il presidente d'una nazione; non

            ha alcun reale potere sulla comunita' del

            software libero e se quest'ultima segue in

            qualche modo la fsf e' per libera scelta; in
            ogni

            modo la fsf non fa altro che decidere di

            distribuire il software su cui ha dei diritti
            con

            la licenza che preferisce (diritto garantito

            dalla legge), cosa c'e' di male in

            questo?

            Ah no ? Scrivono e mantengono una licenza che si
            permette di dire cosa uno può o meno fare e
            questo non sarebbe avere il potere
            ?eh? perche' la microsoft non scrive e mantiene un'eula che stabilisce cosa puoi fare o non fare? chiunque scriva e distribuisca software non fa la medesima cosa? la fsf mica ti obbliga a usare la gpl3, loro la usano per il software su cui hanno diritti, se poi tizio o caio la vuole usare e' una sua libera scelta

            eh??? io temo che tu stia parlando di cose che

            non conosci; tutte le legislazioni in tema di

            diritto d'autore chiariscono che se una licenza

            vien dichiarata non valida nessuno (a parte chi

            ne detiene i diritti) puo' usufruire dei lavori

            rilasciati con quella licenza (fino al momento
            in

            cui il detentore dei diritti non lo rilasci con

            altra licenza valida); assolutamente il software

            non finisce in public domain ma semplicemente

            diventa non

            utilizzabile


            E' tutto da vedere.no e' quello che stabilisce la legge, informati
          • ... scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            Nooo la fsf non obbliga, semplicemente tra clausolette mai chiarite sulla viralità e atteggiamenti poco puliti cerca da sempre di imporre agli altri il suo pensiero.Mi auguro veramente che stavolta il leoni si svegli e faccia pulizia così la prossima volta i programmatori, prima di scegliere a caxxo la prima licenza che gli capita a tiro, fanno il santissimo piacere di studiarsela onde evitare altri parassiti con la barba...
          • pane@rita scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: ...
            Nooo la fsf non obbliga, semplicemente tra
            clausolette mai chiarite sulla viralitànon ti viene il dubbio che chi la scelga lo abbia fatto proprio per la sua viralità?il medico non mi ha mai indicato quale licenza scegliere...se non volessi una licenza a viralità totale mi orienterei su una licenza a viralità locale come la mpl, ad esempio...se voglio usare o linkare staticamente codice gpl devo usare una gpl, ma anche qui, lo stesso medico di prima, non so il tuo, non mi obbliga a usare quel codice...se invece tu vuoi questo, quello e zi francesco (aka includere software gpl e rilasciarlo sotto altra licenza), beh mi spiace ma non puoi...ma non perché la fsf è cattiva o malvagia, ma perché così ha liberamente scelto lo sviluppatore-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 14.19-----------------------------------------------------------
          • aaabbb scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
            - Scritto da: ...
            Nooo la fsf non obbliga, semplicemente tra
            clausolette mai chiarite sulla viralità e
            atteggiamenti poco puliti cerca da sempre di
            imporre agli altri il suo
            pensiero.eh? guarda che nessuno ti obbliga a usare software GPLed; non vedo il problema, la legge garantisce la possibilita' di stabilire i termini d'uso e redistribuzione del codice sul quale si detengano i diritti; la fsf si avvale di questo diritto esattamente come chiunque altro (compresa microsoft)
            Mi auguro veramente che stavolta il leoni si
            svegli e faccia pulizia così la prossima volta i
            programmatori, prima di scegliere a caxxo la
            prima licenza che gli capita a tiro, fanno il
            santissimo piacere di studiarsela onde evitare
            altri parassiti con la
            barba...ma perche'? perche' dai per scontato che chiunque rilasci con gpl sia un cretino ce non s'e' letto la licenza? pensi di essere l'unico furbo al mondo e che chiunque la pensa diversamente da te e' un cretino? non credi che ci possano essere persone che la gpl la conoscono bene e decidono di usarla coscientemente perche' si adatta alle loro esigenze? Perche' non ti rilassi? la gpl e' solo una licenza e come tale non obbliga nessuno a farne uso; tanto livore non e' giustificato
          • bi biiiiiii scrive:
            Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze

            Ah no ? Scrivono e mantengono una licenza che si
            permette di dire cosa uno può o meno fare e
            questo non sarebbe avere il potere
            ?Tutte le licenze sono scritte a quello scopo.Te lo si spiega facile facile:FSF propone una licenza. L'autore del software decide seadottarla oppure adottarne altre.FSF *propone* non *impone* nulla.Per tutti:Lasciatelo perdere, o e' un troll o davveronon capisce ma propenderei per la prima.Glisso sul resto, non vale la pena.
        • Albino Gento scrive:
          Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
          - Scritto da: ...
          [...]
          Vuol fare guerra a microsoft ? Che faccia !
          Quando poi avrà mandato in malora anche quel poco
          che c'è di sano nel suo progetto (perchè gli
          avvocati li dovrà pur pagare)...Credo che parecchi degli intervenuti non abbiano ben chiare le intenzioni delle parti. Stallman non vuole fare guerra a nessuno. Stallman ha cofondato un progetto che permettesse ad una comunità (della quale possiamo far parte tutti) di avere un software e dei diritti fondamentali inalienabili sullo stesso. Nella sua semplicità lui desidera che ognuno di noi possa usare liberamente un sistema, modificarlo, copiarlo, distribuirlo ma che allo stesso tempo non possa, in nessun modo, essere privato di questi diritti.Eventuali modifiche alla gpl vengono effettuate in questo senso. Essa viene infatti aggiornata ogni volta che uno dei diritti fondamentali viene negato.Solito esempio del tivo. Quelli del tivo sono riusciti a limitare il diritto d'uso del software GNU che hanno messo dentro alla loro macchina, senza andare contro la gpl2, in un modo che la FSF, quando ha redatto la gpl2, evidentemente non aveva previsto.Però la FSF non è da biasimare se aggiorna la licenza del software GNU in modo che i diritti di cui si è fatta portavoce, continuino ad essere garantiti.PS = finchè vince le cause la FSF gli avvocati non li paga, perchè le spese legali di entrambe le parti sono a carico di chi perde.
    • wrtwertwert scrive:
      Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
      - Scritto da: ...
      Un calcio in culo di quelli senza precedenti. Sta
      tirando troppo il leone (anzi il branco di leoni)
      per la coda convinto di farla franca anche
      stavolta. Gli avvertimenti finora lanciati, più
      dei giochi tipo gatto col topo, sono caduti tutti
      nel vuoto e di sto passo arriverà una reazione
      che morderà la FSF alla giugulare facendo però
      dissanguare
      linux...uh? non ho ben capito, la microsoft puo' imporre le clausole che vuole con l'eula con cui distribuisce il suo software e la fsf non puo' far altrettanto? O stai forse insinuando che la legge e' uguale per tutti ma e' piu' uguale per chi ha le tasche piene di soldi? In quest'ultimo caso vedi la cosa come positiva (sembrerebbe di si da come ti bei dello scenario che descrivi)? Se si, spero per te che tu abbia le tasche piene di soldi
    • nome e cognome scrive:
      Re: Stallman lo cerca con tutte le sue forze
      se non ti va bene come la gestisce la FSF puoi farlo tu. però fallo perchè qualcuno deve muoversi.- Scritto da: ...
      Un calcio in culo di quelli senza precedenti. Sta
      tirando troppo il leone (anzi il branco di leoni)
      per la coda convinto di farla franca anche
      stavolta. Gli avvertimenti finora lanciati, più
      dei giochi tipo gatto col topo, sono caduti tutti
      nel vuoto e di sto passo arriverà una reazione
      che morderà la FSF alla giugulare facendo però
      dissanguare
      linux...
  • Anonimo scrive:
    Dubito
    Che la sola distribuzione di software contenente sw GPL3 possa far decadere qualsiasi possibilità di rivendicazione brevetti di una ditta anche a quelli con cui questa ditta non ha avuto rapporti commerciali, e quindi contrattuali. Il contratto di vendita o di copertura brevetti è tra Microsoft e chi lo accetta, non tra microsoft e mario rossi che vive su marte. In Italia esistono anche le clausole capestro nei contratti, negli USA non conosco la legislazione, però c'è da dire che i brevetti sono tutelati a livello legislativo, la GPL 3 è un contratto e come tale ha minor valore di una legge in casi di contrasto rispetto ad una legge. Vedremo come andrà a finire, io non giudicherei così scontato che la FSF vincerà, sicuramente sarà interessante poichè nella sostanza sarà il primo vero banco di prova della GPL, e ci sono esperti del settore che hanno alcuni dubbi sulla effettiva validità della GPL 3 in tribunale, vedi l'avvocato Monti.Ad ogni modo, **SE** Microsoft vorrà andare in causa, significa che la GPL 3 non è così palesemente inattaccabile come vogliono far credere, poichè non vai in causa con possibilità di perdite così grandi se non se abbastanza convinto di potercela fare, e immagino che gli avvocati di Microsoft non siano così igenui da fare mosse troppo azzardate.
    • ... scrive:
      Re: Dubito
      Io mi auguro che questo scontro avvenga così qualcuno capirà qual'è il suo posto nell'ordine universale delle cose.In passato ci sono stati uomini e società infinitamente più potenti ed influenti di Stallman e soci, che si sono dimenticati di quale fosse il loro reale valore ed hanno pagato durissimo questo sbaglio.La Gpl 3 non è altro che un muro di sabbia: un'ondata di marea (sentenza secca) o lo sferzare del vento (lotta ad oltranza a chi esaurisce prima i soldi), il risultato non cambierà...
      • pane@rita scrive:
        Re: Dubito
        - Scritto da: ...
        così
        qualcuno capirà qual'è il suo posto nell'ordine
        universale delle
        cose.oh giusto...sti servi della gleba maledetti...
        • Hansel scrive:
          Re: Dubito
          Sto notando che scrivi (tra gli altri) molti post inutili, che non forniscono nessun contributo positivo (spam, flame e trollate varie).Francamente stai annoiando, anche perché con questi atteggiamenti infici anche quei tuoi post che invece sono seri e meritevoli.
          • pane@rita scrive:
            Re: Dubito
            Eh a volte se le chiamano...posterò i flame da anonimo così ti eviterai di mettermi in blacklist ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 11.19-----------------------------------------------------------
    • Flavio scrive:
      Re: Dubito
      Andare in tribunale, puo' essere un modo per instillare ulteriori incertezze e riportare clienti dalla tua parte. Vedi la vicenda di SCO vs IBM. Alla lunga pero e' un sistema che non paga. Ma questo alla M$ non deve importare un granche' altrimenti si sarebbero messi gia' da un pezzo a produrre software di qualita' anziche' attrarre i clienti con con il fumo negli occhi.
  • IoIoIo scrive:
    La FSF...
    Mah, mi lascia sempre più perplesso.Stallman parla di libertà e si è messo a scrivere una versione della GPL che di libero ha ben poco e non fa altro che dimostrare il suo odio verso Ms.Ho come l'impressione che quest'uomo senza Ms valga ben poco, diversamente da Trovalds, lui si che ha capito qualcosa e ha mandato a quel paese la GPL3 dichiarandola tutt'altro che libera e contro i veri principi per cui è nata.
    • saf scrive:
      Re: La FSF...
      Anziché buttarla sul personale dicendo le tue sparate su Stallman perché non vai nello specifico e ci spieghi legalmente cosa c'è non va in quello che fa la FSF?C'è una licenza, è roba squisitamente legale, la Microsoft ha migliaia di miliardi avrà degli avvocati in grado di difendersi se ha ragione o no? Non è lei l'azienda che fa sparate su brevetti violati ma poi non dice quali sono?Non mi sembra che sia la FSF Golia e la Microsoft Davide, se ciò che dice ha ragione buon per lei e fa bene a farsi sentire.
      • IoIoIo scrive:
        Re: La FSF...
        Non mi interessa onestamente quello che farà Ms, stiamo solamente parlando di una nuova GLP fatta allo scopo di andare contro determinati accordi ma che non fa altro che mettere vincoli su vincoli, aggiungere limitazioni a limitazioni, spostarsi verso la lotta ideologica invece di portare avanti il concettò di libertà tanto caro alla FSF.Tanto che Trovalds l'ha più volte sottolineato, rischi di farti male da solo, di tirarti la zappa sui piedi, chi finanzia grandi progetti OpenSource ha alle spalle qualche interesse, con questa licenza non fai altro che allontanare questi finanziatori.E ne rimette il mondo os, tutto qui.
        • ... scrive:
          Re: La FSF...

          Tanto che Trovalds l'ha più volte sottolineato,
          rischi di farti male da solo, di tirarti la zappa
          sui piedi, chi finanzia grandi progetti
          OpenSource ha alle spalle qualche interesse, con
          questa licenza non fai altro che allontanare
          questi
          finanziatori.
          E ne rimette il mondo os, tutto qui.Torvalds sbaglia, Stallman non rischia niente perchè oramai non sa neanche più da dove si comincia per programmare. Fa il guru a tempo pieno da troppo tempo. Ma anche lui può anzi deve tornare con i piedi per terra e farsi una bella iniezione nel popò peloso di umiltà. Questo avverrà quando a forza di battaglie legali raschierà il fondo del barile, esaurirà i fondi di FSF e non basteranno tutte le donazioni e magliette stampate di sto mondo a cambiare rotta.C'è chi può volare alto e chi solo basso ma c'è anche chi non ha capito un ca... e cerca di salire troppo, va in stallo e precipita. FSF è quest'ultima...
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...

            C'è chi può volare alto e chi solo basso ma c'è
            anche chi non ha capito un ca... e cerca di
            salire troppo, va in stallo e precipita. FSF è
            quest'ultima...meno male che ci sei tu che hai capito tutto e ti sei degnato, non richiesto peraltro, di illuminare noi poveri mortali...vola colomba bianca vola...
          • Anonimo scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: pane@rita

            C'è chi può volare alto e chi solo basso ma c'è

            anche chi non ha capito un ca... e cerca di

            salire troppo, va in stallo e precipita. FSF è

            quest'ultima...

            meno male che ci sei tu che hai capito tutto e ti
            sei degnato, non richiesto peraltro, di
            illuminare noi poveri
            mortali...
            Ha espresso un commento, qui il 99% dei commenti è non richiesto come il tuo e il mio. Ho sempre odiato questo modo di postare, come se esistesse qualcuno che ha più diritto degli altri di farlo.
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: pane@rita


            C'è chi può volare alto e chi solo basso ma
            c'è


            anche chi non ha capito un ca... e cerca di


            salire troppo, va in stallo e precipita. FSF è


            quest'ultima...



            meno male che ci sei tu che hai capito tutto e
            ti

            sei degnato, non richiesto peraltro, di

            illuminare noi poveri

            mortali...



            Ha espresso un commento, qui il 99% dei commenti
            è non richiesto come il tuo e il mio. Ho sempre
            odiato questo modo di postare, come se esistesse
            qualcuno che ha più diritto degli altri di
            farlo.e quindi? non posso scrivere cosa penso del suo commento?spiegami
          • Anonimo scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: pane@rita
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: pane@rita



            C'è chi può volare alto e chi solo basso ma

            c'è



            anche chi non ha capito un ca... e cerca di



            salire troppo, va in stallo e precipita.
            FSF
            è



            quest'ultima...





            meno male che ci sei tu che hai capito tutto e

            ti


            sei degnato, non richiesto peraltro, di


            illuminare noi poveri


            mortali...






            Ha espresso un commento, qui il 99% dei commenti

            è non richiesto come il tuo e il mio. Ho sempre

            odiato questo modo di postare, come se esistesse

            qualcuno che ha più diritto degli altri di

            farlo.

            e quindi? non posso scrivere cosa penso del suo
            commento?
            spiegamiPuoi scrivere quello che vuoi, come lo faccio io o lui, ma volevo solo sottolineare il tuo modo di fare fascista quando parli di post "non richiesti", come se lo dovessi dare tu il permesso di scrivere.
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: Anonimo
            ma volevo solo sottolineare il tuo modo di
            fare fascista se lo dici tu...evidentemente sarai esperto in materia, non discuto
          • ciko scrive:
            Re: La FSF...

            C'è chi può volare alto e chi solo basso ma c'è
            anche chi non ha capito un ca... e cerca di
            salire troppo, va in stallo e precipita. FSF è
            quest'ultima...ma che sei, la sibilla cumana?!?Stallman fa quello che ritiene giusto, per la liberta' del sw... si oppone come puo' al tentativo delle aziende trovare scappatoie alla GPL e lo fa nei modi che ritiene piu' opportuno... non mi danneggia a me e non danneggia il mio mercato, non vedo perche' dovrebbe darmi fastidio...a te perche' ti fa tanto arrabbiare?
          • ba1782 scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: ciko
            ma che sei, la sibilla cumana?!?
            Stallman fa quello che ritiene giusto, per la
            liberta' del sw... si oppone come puo' al
            tentativo delle aziende trovare scappatoie alla
            GPL e lo fa nei modi che ritiene piu'
            opportuno... non mi danneggia a me e non
            danneggia il mio mercato, non vedo perche'
            dovrebbe darmi
            fastidio...Quelli che ci perdono nelle lotte dei piani alti siamo sempre e solo noi... nessun altro :)
          • Drauger scrive:
            Re: La FSF...
            Io ho solo dubbio, ma FSF ha valore legale? che io sappia è una specie di codice che deve essere rispettatto da tutti quelli che vogliono lavorare nel mondo Linux ma in tribunale ha valore? In un mondo dove bisogna reggistrare tutti all'ufficio brevetti se no ti fanno causa penso di no, ma magari sbaglio. Cmq sia questa FSF mi sembra più contro accordi stile Microsfot che a promuovere una vera diffusione del software libero, ma questa è solo una mia opinione
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: Drauger
            Io ho solo dubbio, ma FSF ha valore legale? la free software foundation èuna fondazione
            che
            io sappia è una specie di codiceeh?mi puoi linkare questo fantomatico codice fsf?
            che deve essere
            rispettatto da tutti quelli che vogliono lavorare
            nel mondo Linux ma in tribunale ha valore?se parli della gpl è una licenzaha valore legale? certo come tutte le licenze non scritte con i piedinel caso specifico sono diverse i casi di violazioni della gpl contestati (vedi http://www.gpl-violations.org/) da fsf (e non solo) quasi sempre si risolvono senza ricorrere al tribunale (vedi caso driver wifi bsd) casi risolti in tribunale a titolo di esempio:la querelle con sitecomhttp://www.ifross.de/ifross_html/eVWelte.pdf (sentenza in tedesco)http://www.jbb.de/judgment_dc_munich_gpl.pdf (traduzione )la recente sentenza contro skype/ebayhttp://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=5975spero che i link ti siano utili
          • yuy scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: Drauger
            Cmq sia questa FSF mi sembra più contro accordi
            stile Microsfot che a promuovere una vera
            diffusione del software libero, ma questa è solo
            una mia
            opinioneDa quello che scrivi sembra che hai grossa confusione in testa. La FSF promuove software libero da anni, Linux ad esempio è un kernel e se non ci fossero stati tutti gli altri programmi creati precedentemente dalla FSF forse non sarebbe mai nato.Dire che è solo la tua opinione (di chi dovrebbe essere poi?) non serve a molto se non sai di cosa parli.
        • Alessandrox scrive:
          Re: La FSF...
          - Scritto da: IoIoIo
          Non mi interessa onestamente quello che farà Ms,
          stiamo solamente parlando di una nuova GLP fatta
          allo scopo di andare contro determinati accordi
          ma che non fa altro che mettere vincoli su
          vincoli, aggiungere limitazioni a limitazioni,MA FINIAMOLA con questi discorsi senza senso...Quando i vincoli e le limitazioni le pone MS con le sue licenze va tutto bene?Ora che semplicemente FSF cerca di fa valere i termini delle sue licenze invece non va piu' bene...Azz questa tua opinione e' veramente un fulgido esempio di imparzialita'...Bah
        • Albino Gento scrive:
          Re: La FSF...
          A Stallman non importa nulla del giro di soldi attorno al software GNU. Pensa che, se qualcuno ci guadagna, buon per lui. Quello che importa a Stallman (e alla FSF) è che venga mantenuta la libertà di uso, modifica e distribuzione per tutta la comunità. Se vede che una GPL in atto non riesce a garantire queste libertà, allora si muove per cambiarla.Esempio del tivo: il tivo è un registratore digitale che funziona con software GNU. Io posso modificare quel software ma, una volta modificato, non lo posso usare, perche' gira solo se un chip dell'hardware riconosce il software come "non modificato".Dal punto di vista si Stallman questo limita la sua libertà di utente nell'uso del software GNU. E lui ragiona solo in questi termini perchà è per questo che ha creato la FSF. Tutto il resto sono cose di cui la FSF non si occupa.
    • pane@rita scrive:
      Re: La FSF...
      - Scritto da: IoIoIo
      diversamente da Trovalds, lui si
      che ha capito qualcosa e ha mandato a quel paese
      la GPL3 dichiarandola tutt'altro che libera e
      contro i veri principi per cui è
      nata.salvo poi dire che qualora opensolaris fosse rilasciato sotto gplv3 sarebbe un buon motivo per passare il kernel linux sotto gplv3...ah che tempra... che spirto guerrier... e tutto questo per zfs...magari iniziasse a non strippare le dichiarazioni di copyright bsd quando include driver bsd nel kernel
      • gygy scrive:
        Re: La FSF...
        - Scritto da: pane@rita
        ah che tempra... che spirto guerrier... e tutto
        questo per zfs...magari iniziasse a non strippare
        le dichiarazioni di copyright bsd quando include
        driver bsd nel
        kernelCosa c'entra la tempra? Non si è mai spacciato per ideologo di un movimento o leader dell'open source o del free source. Lui è un programmatore e quello è il suo progetto, sarà libero di decidere quale debba essere la licenza che preferisce?
        • pane@rita scrive:
          Re: La FSF...


          Lui è un programmatore e quello è il suo
          progetto, sarà libero di decidere quale debba
          essere la licenza che
          preferisce?nessuno gliela nega...evidentemente la gplv3 non dev'essere così male ai suoi occhi (come erroneamente è stato presentato in questo topic) visto che basterebbe il passaggio di opensolaris a gplv3 a fargli aggiornare la licenza...
          • silvano scrive:
            Re: La FSF...
            la gpl3 gli fa schifo, ma se opensolaris passasse alla gpl3, potrebbe rippare tutti i driver del kernel di linux, mentre linux non potrebbe prendere il codice di opensolaris, con una asimmetria che svantaggerebbe linux.vediamo se inizi a capire qualcosa, invece di scrivere prima di pensare... che noia, sai sempre tutto vedo eh?
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: silvano
            la gpl3 gli fa schifo, ma se opensolaris passasse
            alla gpl3, potrebbe rippare tutti i driver del
            kernel di linux, mentre linux non potrebbe
            prendere il codice di opensolaris, con una
            asimmetria che svantaggerebbe
            linux.prima di tutto in codice gplv3 non ci metti niente che sia sotto gplv2 only...a parte questo, che tu ovviamente sai, nel caso di gpl 2 or later vs gplv3 parlando di driver saremmo nello stessa situazione del kernel linux ora vs BSD...solo che a parti invertite...evidentemente aveva ragione il bandito miranda in giù la testa...
            vediamo se inizi a capire qualcosa, invece di
            scrivere prima di pensare... che noia, sai sempre
            tutto vedo
            eh?invece tu brilli eh...
          • Anonimo scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: silvano
            la gpl3 gli fa schifo, ma se opensolaris passasse
            alla gpl3, potrebbe rippare tutti i driver del
            kernel di linux, mentre linux non potrebbe
            prendere il codice di opensolaris, con una
            asimmetria che svantaggerebbe
            linux.

            vediamo se inizi a capire qualcosa, invece di
            scrivere prima di pensare... che noia, sai sempre
            tutto vedo
            eh?Sulle dichiarazioni di Linus su opensolaris non so nulla, quindi non dico nulla perché sarebbe anche da sapere in che contesto sono state dette (linus spesso non si prende sul serio quando parla, cosa che stallman non fa quasi mai). Ad ogni modo non credo possa succedere quanto stai dicendo, poichè l'intero kernel linux è rilasciato GPL 2 (solo, senza l'aggiunta di "o versioni successive") e questo lo renderebbe incompatibile per un'inclusione in codice GPL 3, che richiederebbe GPL 2 or later. Questo è quello che credo, aspetto eventuali smentite e chiarimenti
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...


            Sulle dichiarazioni di Linus su opensolaris non
            so nulla, quindi non dico nulla perché sarebbe
            anche da sapere in che contesto sono state dette
            (linus spesso non si prende sul serio quando
            parla, cosa che stallman non fa quasi mai).E' nel thread più volte citato a sproposito per quella frase sull'ipocrisia (frase che, letta letteralmente, è sacrosanta), ovvero il thread sul kernel in dual licensing.In particolare (http://lkml.org/lkml/2007/6/10/147) Torvalds dice che pur con i miglioramenti negli ultimi drafts,preferisce la gpl2 anche perché non vede nessun motivo utile per passare alla gpl3......anche se.. e aggiunge (http://lkml.org/lkml/2007/6/10/148)Nel prosieguo Torvalds ribadisce che non crede che Sun rilascerà alcunché sotto gpl3 anche se spera di sbagliarsi-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 02.22-----------------------------------------------------------
          • Alessandrox scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: pane@rita
            In particolare
            (http://lkml.org/lkml/2007/6/10/147) Torvalds
            dice che pur con i miglioramenti negli ultimi
            drafts,preferisce la gpl2 anche perché non vede
            nessun motivo utile per passare alla
            gpl3...Tra l' altro non capisco perche' se Torvalds non giudica utile per se la gpl3 automaticamente deve contenere qualcosa di sbagliato...e' un opinione personale come quella di Stallman, come puo' valere in assoluto a differenza di quella di Stallman?
        • wrtwertwert scrive:
          Re: La FSF...
          - Scritto da: gygy
          Lui è un programmatore e quello è il suo
          progetto, sarà libero di decidere quale debba
          essere la licenza che
          preferisce?esattamente come la fsf e' libera di decidere di usare la gpl3 per il software su cui detiene i diritti; con la differenza che torvalds detiene i diritti su una porzione di codice minima del totale del kernel linux, quindi se volesse cambiar licenza dovrebbe avere l'approvazione di tutti quelli che detengono diritti sul kernel linux (o rimuovere il 99% del codice dal kernel e rimanere con poche migliaia di righe di codice inutilizzabili in mano)
          • gygy scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: wrtwertwert
            esattamente come la fsf e' libera di decidere di
            usare la gpl3 per il software su cui detiene i
            diritti;Cosa c'entra col discorso che stavamo facendo lo sai solo tu. Chi se ne frega chi ha più righe di codice sotto copyright, non è una gara a chi ce l'ha più lungo.La FSF è un movimento, Linus è un ingegnere che si occupa di un kernel. Quindi criticarlo per le scelte che fa sulle licenze che riguardano il software a cui lavora è senza senso. La FSF è una cosa Linus un'altra, mi sembra ci voglia poco a capirlo.
          • pane@rita scrive:
            Re: La FSF...

            Quindi criticarlo per le scelte che fa sulle
            licenze che riguardano il software a cui lavora è
            senza senso. com'è senza senso criticare la fsf se decide di usare per i suoi software la gpl3...sarebbe pacifico così, ogni sviluppatore, per i suoi lavori, sceglie la licenza che vuole...eppure, proprio da PI, un plantigrado inebriato dall'aver raggiunto per la prima volta un pubblico superiore ai 4 gatti che leggono la sua rivista, blaterava che la fsf sbagliava a passare i suoi software sotto gplv3E no, la libertà di scegliersi la propria licenza vale per tutti, spero.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2007 08.48-----------------------------------------------------------
          • aaabbb scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: gygy
            - Scritto da: wrtwertwert

            esattamente come la fsf e' libera di decidere di

            usare la gpl3 per il software su cui detiene i

            diritti;

            Cosa c'entra col discorso che stavamo facendo lo
            sai solo tu.devi perdonarmi, pensavo che la notizia fosse su fsf/microsoft/gpl3,evidentemente mi sbagliavo
            Chi se ne frega chi ha più righe di
            codice sotto copyright, non è una gara a chi ce
            l'ha più
            lungo.mai detto il contrario
            La FSF è un movimento, Linus è un ingegnere che
            si occupa di un kernel."linus"? sei il fratello di torvalds? btw la fsf non e' un "movimento" ma un'associazione non-profit; in ogni modo cosa sia e' irrilevante, si parlava del diritto di un soggetto a scegliere la licenza che piu' gli aggrada per software su cui detiene diritti
            Quindi criticarlo per le scelte che fa sulle
            licenze che riguardano il software a cui lavora è
            senza senso. La FSF è una cosa Linus un'altra, mi
            sembra ci voglia poco a
            capirlo.per il medesimo motivo e' senza senso criticare la fsf per le scelte che fa sulle licenze che riguardano il software a cui lavora, mi sembra ci voglia poco a capirlo
    • markit scrive:
      Re: La FSF...
      M$ -
      restringere la libertà degli utentiStallman/Sw Libero -
      tenere gli utenti liberiChe le posizioni si scontrino è inevitabile, che vi sia "ideologia" da parte di Stallman contro la "povera M$",o che la GPL3 "sia restrittiva" mi fa solo ridere.Il pericolo rappresentato dai brevetti sul software può da solo spazzare via il Software Libero (sai libero in che senso, vero? Non che puoi farci quello che vuoi e renderne impossibile ad altri la modifica o l'uso, vero?). Se la cosa ti va bene vai a giocare con Windows, se ti sta a cuore il tuo futuro, aiuta Stallman.P.S. i brevetti software possono spazzare via anche il software proprietario che dia fastidio ai detentori dei brevetti, ma la cosa non ha rilevanza in questo thread.
      • Anonimo scrive:
        Re: La FSF...
        - Scritto da: markit
        M$ -
        restringere la libertà degli utentiCredo che qui sia l'errore che fanno molti fan dell'open source. Lo scopo di microsoft non è restringere la libertà degli utenti, ma vendere, anzi, fare profitto. Questo come qualsiasi azienda, in particolare multinazionale. Il resto, per Micorosoft come per IBM o per McDonald, è una semplice conseguenza di questa legge fondamentale. Anche violare una legge, dal punto di vista di una multinazionale, è una semplice questione di costi/benefici. Stai pur certo che se violando una legge puoi guadagnare 1000 e ottieni 100 di multa, troverai multinazionali che la violeranno sistematicamente.Quindi: se serve per far maggiori profitti, microsoft seguirà qualsiasi modello, compreso anche l'open source e la gpl 3-4-5-6. A tal proposito non capisco perché prendersela tanto a cuore con microsoft, ideologicamente parlo, che è una multinazionale come tutte le altre.
        • Flavio scrive:
          Re: La FSF...
          C'e' modo e modo di fare profitti, la M$ ha sempre agito in maniera scorretta. Ha invaso il mercato e affossato concorrenti giocando sporco con subdole politiche commerciali, ha compiuto campagne denigratorie da milioni di dollari, ha brevettato sue tecnologie (come la vfat) solo dopo un decennio, chiedendo royalties a tutti i produttori di dispositivi che ne facevano uso (per fortuna il brevetto sulla vfat e' stato annulato). Ci sono migliaia di documenti sulla rete che parlano di come M$ abbia agito negli anni per ottenere vantaggi commerciali.Certo anche altre multinazionali non sono sante: giusto ieri c'era un servizio alla tv che descriveva come alcune case farmaceutiche preferiscono investire denaro in R&S per la caduta dei cappelli piuttosto che per debellare malattie mortali diffusissime nei paesi poveri. Questo perchè i primi rendono molto di piu' nei paesi ricchi di quanto potrebbero fare i secondi nei paesi poveri. Che schifo di sistema. Se esiste qualcuno che anche solo per ideologia, riesce a limitare il potere delle multinazionali (di qialsiasi tipo esse siano), ben venga.
          • Roberto scrive:
            Re: La FSF...
            Togligli o riducigli la durata dei brevetti e le vedrai ridimensionate nel giro di pochissimi anni, ed avrai un mondo completamente diverso e più dinamico e ricco di prodotti e soluzioni.
        • Alessandrox scrive:
          Re: La FSF...
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: markit

          M$ -
          restringere la libertà degli utenti

          Credo che qui sia l'errore che fanno molti fan
          dell'open source. Lo scopo di microsoft non è
          restringere la libertà degli utenti, ma vendere,
          anzi, fare profitto. MA il fatto che non sia lo scopo ma l' effetto pratico cambia qualcosa?
        • Claudio scrive:
          Re: La FSF...
          Non capisci perché prendersela tanto contro M$???Prova a trovare un negozio che venda portatili senza Windows preinstallato!!!
        • ciko scrive:
          Re: La FSF...

          A tal proposito non capisco perché prendersela
          tanto a cuore con microsoft, ideologicamente
          parlo, che è una multinazionale come tutte le
          altre.perche', oltre ad essere come tutte le altre, e' anche MONOPOLISTA.ergo: ci stupra continuamente senza che noi abbiamo la possibilita' di cambiare lo stato di cose... il sw libero e' un tentativo di risolvere quest'anomalia...
          • anon scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: ciko

            perche', oltre ad essere come tutte le altre, e'
            anche
            MONOPOLISTA.Lo è stata a lungo anche INTEL (anche lei con metodi poco puliti), ma non ho visto nessuno strapparsi i capelli...
          • krane scrive:
            Re: La FSF...
            - Scritto da: anon
            - Scritto da: ciko

            perche', oltre ad essere come tutte le altre, e'

            anche MONOPOLISTA.
            Lo è stata a lungo anche INTEL (anche lei con
            metodi poco puliti), ma non ho visto nessuno
            strapparsi i capelli...Per quanto ???Quante ditte ha fatto chiudere ?
        • Roberto scrive:
          Re: La FSF...
          Embè e se non sono gli stessi utenti e consumatori ad arginare il suo strapotere commerciale e i comportamenti criminali (ricordiamo che è pregiudicata) e anticoncorrenziali, chi la ferma George Bush o Romano Prodi?Dato che, come scrivi, un'azienda del genere mette a budget anche bustarelle, corruzione, cause legali e accordi pre-processuali.
    • nome e cognome scrive:
      Re: La FSF...
      cos'ha di non libero la gpl3?la GPL3 tutela il software libero per TUTTI e non la libertà dello sviluppatore di rilasciare il software come gli pare e piace. In quel caso lo sviluppatore dovrebbe scegliere un'altra licenza (ho sentito dire che la MIT è molto + permissiva sulle scelte dell'autore) o farsela da solo.La GPL3 tutela le libertà 0,1,2 e 3 del free software:da wikipedia ve le riporto: * Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo (chiamata "libertà 0") * Libertà di studiare il programma e modificarlo ("libertà 1") * Libertà di copiare il programma in modo da aiutare il prossimo ("libertà 2") * Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio ("libertà 3")- Scritto da: IoIoIo
      Mah, mi lascia sempre più perplesso.
      Stallman parla di libertà e si è messo a scrivere
      una versione della GPL che di libero ha ben poco
      e non fa altro che dimostrare il suo odio verso
      Ms.

      Ho come l'impressione che quest'uomo senza Ms
      valga ben poco, diversamente da Trovalds, lui si
      che ha capito qualcosa e ha mandato a quel paese
      la GPL3 dichiarandola tutt'altro che libera e
      contro i veri principi per cui è
      nata.
    • nellogala scrive:
      Re: La FSF...
      Infatti Linus Torvald lavora per una società di microsoft!Stallmann era qualcuno quando Billyno manco sapea accendere il pc.....
    • jfk scrive:
      Re: La FSF...
      - Scritto da: IoIoIo
      Mah, mi lascia sempre più perplesso.
      Stallman parla di libertà e si è messo a scrivere
      una versione della GPL che di libero ha ben poco
      e non fa altro che dimostrare il suo odio verso
      Ms.

      Ho come l'impressione che quest'uomo senza Ms
      valga ben poco, diversamente da Trovalds, lui si
      che ha capito qualcosa e ha mandato a quel paese
      la GPL3 dichiarandola tutt'altro che libera e
      contro i veri principi per cui è
      nata.Leggiti il caso TiVo prima di parlare a vanvera.Sostanzialmente la gpl 3 vuole evitare che si aggiri la gpl 2 con comportamenti come questo e naturalmente vuole proteggersi da comportamenti come quello che sta tenendo la Microsoft.Prova un po' aleggere le licenze Microsoft (anche in veste anti-linux) prima di parlare.Senza alcuna polemica.
    • paolodelben e scrive:
      Re: La FSF...
      se una persona intende usare il codice sorgente di un programma rilasciato secondo i termini della GNU General Public License, ho accetta tutte le condizioni della GNU General Public License o puòfar a meno di usarlo.se un'azienda vuole usare un programma per il proprio lavoro e questo è un software riulasciato secondo i termini della GNU General Public License, può essere usato all'interno dell'azienda. qualora apportasse delle modifiche e in seguito decidesse di ridistribuirlo liberamente e gratuitamente o liberamente o facendone pagare un prezzo, è tenuta a distribuire il codice sorgente. non può fare come gli pare, la licenzanon è un optional.
Chiudi i commenti