La competizione in ETF su Bitcoin si intensifica con il 13° ingresso

La competizione in ETF su Bitcoin si intensifica con il 13° ingresso

Creare un buon wallet di criptovalute può essere un lavoro faticoso, ma con InQubeta e Aave si hanno due opportunità da tenere sotto osservazione.
La competizione in ETF su Bitcoin si intensifica con il 13° ingresso
Creare un buon wallet di criptovalute può essere un lavoro faticoso, ma con InQubeta e Aave si hanno due opportunità da tenere sotto osservazione.

Il settore degli ETF su Bitcoin è in fermento con nuovi annunci. Recentemente, anche la società di gestione patrimoniale internazionale Franklin Templeton ha presentato domanda per un ETF spot.

In passato, altre società di gestione patrimoniale come Black Rock e Fidelity hanno presentato domanda per la creazione di ETF su Bitcoin. Pando Asset è diventata la tredicesima entità di staking nello spazio di ETF su Bitcoin.

Il mercato delle criptovalute sta attualmente registrando candele verdi dopo le previsioni rialziste degli analisti per Aave (AAVE) e InQubeta (QUBE). Gli esperti che hanno monitorato queste valute ritengono che abbiano il potenziale per crescere del 1.400% nei prossimi mesi.

InQubeta è un progetto di criptovaluta lanciato di recente. È stato creato per le startup che lavorano con l’intelligenza artificiale e che stanno cercando di raccogliere fondi. Il suo modello si basa su caratteristiche che promettono l’autosufficienza attraverso soluzioni DeFi.

Attualmente in cima alle migliori liste di ICO in criptovalute stilate da diversi analisti, i fondi della prevendita di InQubeta hanno recentemente superato i 5,9 milioni di dollari.

InQubeta: una criptovaluta versatile per le startup che si occupano di AI

InQubeta è una piattaforma che consente alle startup che operano nel campo dell’intelligenza artificiale di cercare investitori affini e di tracciare il proprio percorso di crescita. Oltre ad aiutare le startup, la piattaforma aiuta anche i normali utenti di criptovalute a diventare investitori e a creare ricchezza.

I progetti di intelligenza artificiale presentati su InQubeta sono creati da alcune delle più brillanti startup di tutto il mondo. Grazie al loro sostegno, gli investitori possono prendere parte alla rivoluzione dell’AI e rimanere al passo con i loro concorrenti.

La sua criptovaluta nativa è il token QUBE ed è il mezzo di scambio all’interno dell’ecosistema InQubeta. L’enorme crescita della prevendita l’ha resa una delle migliori criptovalute da acquistare nel 2023.

L’ascesa di InQubeta come migliore altcoin è dovuta anche alla natura versatile del suo token nativo. Il token QUBE ti offre più di un modo per aumentare i tuoi guadagni passivi, sia attraverso i rendimenti di mercato che attraverso le ricompense di staking. Il servizio di staking di InQubeta è un modo conveniente per far lavorare i tuoi asset per te. Nello staking, i possessori di token bloccano le loro criptovalute per sostenere la crescita di un network e guadagnare ricompense.

Più lunga è la durata dello staking, più alta sarà la remunerazione. È presente una pool di ricompense che viene gestita appositamente per distribuire le ricompense dello staking e che è finanziata dai proventi delle tasse.

InQubeta ha una struttura di governance in cui la community è al centro della scena. Tutte le decisioni chiave vengono prese dagli stakeholder attraverso un processo trasparente. I possessori di token sono tenuti a utilizzare i loro privilegi di voto in modo responsabile e a garantire che le modifiche proposte siano complementari alla crescita della piattaforma.

Se i membri della community hanno in mente alcuni cambiamenti che potrebbero giovare alla piattaforma, possono proporli agli altri. Le proposte vengono sottoposte a discussione e poi a votazione.

Visita la prevendita di InQubeta

Aave assegna sette nuove sovvenzioni

Aave è un protocollo di liquidità decentralizzato che permette agli utenti di prestare e prendere in prestito facilmente asset in criptovalute. Il suo token nativo è rappresentato dal simbolo AAVE e viene utilizzato per tutte le transazioni sulla rete.

Nel protocollo non custodial, si può partecipare come fornitore di liquidità o come mutuatario. I fornitori guadagnano interessi offrendo i loro asset. I mutuatari possono ottenere fondi su Aave in termini di sotto-collateralizzazione o sovra-collateralizzazione degli asset.

La piattaforma offre anche prestiti istantanei agli sviluppatori. Lo strumento è disponibile solo per gli sviluppatori che hanno le conoscenze tecniche necessarie per eseguire il prestito.

Lo strumento istantaneo consente a uno sviluppatore di prendere in prestito senza presentare garanzie. L’unica restrizione imposta è che la liquidità venga restituita alla piattaforma all’interno di una transazione a blocchi. Inoltre, gli sviluppatori possono trovare una serie di strumenti per la creazione di dApp sulla piattaforma Aave, che dispone di funzionalità multi-chain.

Aave ha recentemente annunciato sette sovvenzioni nell’ambito del suo programma di accelerazione. Le sovvenzioni sono state assegnate tra settembre e ottobre di quest’anno ai team che hanno dimostrato il potenziale per creare soluzioni all’avanguardia con Aave.

Considerati tra gli altcoin da tenere d’occhio, Polynomial Protocol, Wasabi Protocol, Alcor Protocol, Clique, Ambos Finance, Aeris Protocol e Flair sono le sette piattaforme che hanno ottenuto le sovvenzioni.

Conclusione

Creare un buon wallet di criptovalute può essere un lavoro faticoso, ma con InQubeta e Aave non dovrai più chiederti continuamente quali criptovalute acquistare ora.

Questi token rappresentano il potenziale della finanza decentralizzata per dare potere alle masse. I casi d’uso unici favoriti da questi token hanno permesso a queste piattaforme di emergere come ecosistemi popolari.

Questi due token possono aiutare gli utenti di criptovalute a sbloccare nuovi guadagni per i loro wallet e hanno il potenziale per produrre rendimenti a lungo termine.

Visita la prevendita di InQubeta

 

In collaborazione con LocxLabs

Punto Informatico non accetta alcuna responsabilità per eventuali errori su questo sito Web (comprese omissioni o materiale inesatto). Punto Informatico non è responsabile per eventuali perdite derivanti da trading o investimento subite dai visitatori.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 7 dic 2023
Link copiato negli appunti