La fibra la paga lo stato

O almeno gli scavi. La proposta viene dagli USA, dove il Congresso sarà chiamato a votare l'idea di unire manutenzione stradale e banda larga
O almeno gli scavi. La proposta viene dagli USA, dove il Congresso sarà chiamato a votare l'idea di unire manutenzione stradale e banda larga

Roma – I costi principali per la posa della fibra ottica, lo ribadiva anche il Rapporto Caio , sono legati alle operazioni di scavo più che a quelle di soffiaggio: se si riuscisse a trovare un modo per alleggerire il carico economico di queste operazioni, magari il business decollerebbe. La pensa così la senatrice californiana Anna Eshoo , che ha lanciato la proposta di abbinare i lavori di manutenzione stradale alla creazione dell’infrastruttura necessaria alla costruzione di un network digitale parallelo ad alta velocità.

L’idea della senatrice, probabilmente sensibilizzata al problema del digital divide e della banda larga anche a causa della sua provenienza (la cittadina di Palo Alto, dove è stata eletta, lotta da tempo per un allaccio a banda larga a Internet), ha ipotizzato quanto segue: ogniqualvolta un ente pubblico si muova per procedere alla ristrutturazione o alla ripavimentazione di un asse viario, contemporaneamente nello stesso appalto dovrebbero essere previsti i lavori necessari a scavare un condotto parallelo alla strada dentro cui far viaggiare la fibra.

I condotti dovranno essere realizzati allo stato dell’arte rispetto alle tecnologie e alle specifiche più recenti al momento dell’avvio dei lavori, e dovranno essere dotati di tutti gli accorgimenti necessari a consentire la posa dei cavi in un secondo momento . L’ipotesi di Eshoo è che, visto che in ogni caso si deve procedere a degli scavi, aggiungere il costo per la creazione di un condotto sia una spesa tutto sommato modesta: gli operai, le macchine, i materiali sono tutti già sul posto. Senza contare che, evitando di riaprire l’asfalto per aggiungere altri tubi e cavi, il manto stradale risulterà più regolare e compatto.

I condotti così ottenuti saranno, per così dire, agnostici: al loro interno non viaggeranno cavi, neppure spenti, di alcun tipo. Saranno i singoli operatori a decidere se procedere alla stesura di una propria rete all’interno di queste maxi-canaline, che auspicabilmente viaggeranno lungo le principali arterie stradali che fendono lo stato federale: in questo modo dovrebbe divenire possibile la concorrenza tra grandi e piccoli, venendo meno i costi degli scavi e dovendosi limitare a procurarsi la fibra, soffiarla, illuminarla e venderla.

Niente permessi, niente burocrazia (o quasi): viaggiando accanto alle strade, la banda larga dovrebbe poter raggiungere anche i paesi rurali che fino ad oggi hanno dovuto loro malgrado fare a meno del Web ad alta velocità. Ma anche luoghi popolosi e centrali potrebbero giovarsi di questa iniziativa, vedendo aumentare il numero di aziende che si farebbero concorrenza sui prezzi e sui servizi offerti , a tutto vantaggio dei consumatori.

Il problema della banda larga e del digital divide è molto sentito dall’amministrazione Obama: nel corso della campagna elettorale e subito dopo la sua conclusione, alcuni consulenti tecnici del presidente avevano ventilato l’ipotesi di destinare non meno di 2 miliardi di dollari ad un progetto di rilancio della connettività sul suolo statunitense . Il pacchetto di stimoli economici varato qualche settimana fa dalla Casa Bianca contiene già delle misure in tal senso: se la proposta di Eshoo troverà consensi, le due iniziative potrebbero saldarsi per trovare il modo di razionalizzare gli investimenti.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 05 2009
Link copiato negli appunti