La fine dei captcha è vicina?

Ricercatori di Stanford sono riusciti a decifrare tra il 60 e il 70 per cento dei captcha adottati da colossi come Visa e Blizzard. Grazie ad un algoritmo capace di rimuovere tutto il rumore dai caratteri alfa-numerici

Roma – Si chiama Decaptcha ed è un programma sperimentale che potrebbe portare alla fine di uno dei sistemi di sicurezza più sfruttati online. Un algoritmo che riesce brillantemente a interpretare i simboli alfa-numerici adottati per distinguere un essere umano da un bot .

Come ormai noto, i meccanismi captcha presentano agli utenti una serie di parole e numeri traballanti, spesso visualizzati dai computer con stili e font ai limiti del mistero. In linea teorica, solo un utente umano sarebbe in grado di replicare un captcha , in modo da accedere liberamente a determinati servizi o contenuti.

Una squadra di ricercatori della Stanford University ha però realizzato uno specifico algoritmo che in un processo a cinque stadi riesce a rimuovere tutto il rumore dai simboli captcha, praticamente riuscendo a distinguere le varie lettere a partire dalla loro forma grafica .

I risultati? Potrebbero davvero portare alla scomparsa dei suddetti meccanismi di sicurezza. Il team di Stanford è riuscito ad ingannare il 66 per cento dei captcha per effettuare pagamenti online con Visa . Percentuale che sale al 70 per cento con i captcha del game publisher Blizzard .

Pare che solo ReCaptcha di Google sia riuscito a mantenere inviolate le varie espressioni di sicurezza. Probabile che le tecniche di oscuramento di BigG siano più avanzate di altre, e che quindi il programma di Stanford non sia riuscito a decifrarle.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea Simoni scrive:
    MA CHE SCHIFO.. VECCHIO DI 20 ANNI
    Ma... ho visto il video con quello SPASTICO che tentava di disegnare sul tablet con Win7.....mi ha ricordato le prove che si facevano con i Palm negli anni 90... CHE TRISTEZZA..!!! NON VEDEVO SCENE COSI' TRISTI DA 20 ANNI.... CHE SCHIFO !Mai...MAI... COMPRERO' UN TABLET CON WINDOWS MONTATO SOPRA..MI SEMBREREBBE DI AVERE IN MANO UN PALM O ROBACCIA ANNI 90... E ADDIRITTURA ANCORA CON LO ***STILUS***.... QUELLA MALEDETTA PENNINA.... SCHIFOSA... CHE E' DA 10 ANNI CHE _TUTTI_ HANNO MOLLATO..MA A VOI, I KEYNOTE DELLA APPLE... NON VI HANNO INSEGNATO PROPRIO NIENTE??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
  • tucumcari scrive:
    ancora?
    ma sono duri di comprendonio?
    • ruppolo scrive:
      Re: ancora?
      - Scritto da: tucumcari
      ma sono duri di comprendonio?Dopo circa 11 anni di tablet con Windows ancora non hanno capito che la gente non li vuole.Per me c'è lo zampino di Microsoft, li ha ricattati.
Chiudi i commenti