La Germania è un paese per cracker

Le autorità mettono in guardia i cittadini sulla proliferazione di una rete malevola che ha già accalappiato decine di milioni di account online. Ma la sicurezza è un dramma ovunque, in Germania, negli States, come nel resto del mondo

Roma – Dall’Ufficio Federale per la Sicurezza Informatica tedesco ( Bundesamt für Sicherheit in der Informationstechnik o BSI, in lingua originale) arriva l’allerta sulle attività nefaste di una botnet ruba-informazioni, una rete malevola che ha già raccolto dati relativi agli account di 16 milioni di utenti.

Le autorità teutoniche hanno monitorato (assieme alle forze dell’ordine e agli esperti di sicurezza) i PC infetti dalla botnet scoprendo il furto di un ingente quantità di credenziali di accesso per siti web, social network e altre tipologie di portali telematici, furto avvenuto tramite il malware installato direttamente dalla botnet o con l’invio di email truffaldine verso altri sistemi non facenti parte del network malevolo.

Gli uffici del BSI hanno approntato una pagina web (in lingua tedesca) affinché gli utenti possano verificare la loro eventuale presenza all’interno del database degli account trafugati, mentre per quanto riguarda i dettagli sulla botnet (inclusa la famiglia del malware che l’ha generata) nulla è ancora dato sapere.

I rischi connessi all’uso della Rete si fanno sempre più allarmanti, al di qua e al di là dell’Atlantico: la già problematica iniziativa Healthcare.gov promossa da Barack Obama si fa ancora più accidentata dopo la scoperta di una falla da parte di un ricercatore, un problema al codice che permette di individuare gli account di 70mila utenti registrati (nomi, indirizzi e altro) con una semplice ricerca mirata su Google .

Stando così le cose, Healthcare.gov è meno sicuro della metà di tutti i siti Internet in circolazione. Una benedizione dal punto di vista dei cracker, di gruppi organizzati e di membri dell’intelligence, che non a caso sono più attivi che mai secondo un nuovo rapporto CrowdStrike: non è solo la NSA che spia l’interno universo, sostiene la società californiana, ma sono tutti che spiano tutti, tra hacker russi che attaccano europei, americani e mediorientali, nordcoreani che attaccano sudcoreani, cinesi che attaccano i quotidiani statunitensi e guastatori siriani che attaccano le corporation a stelle e strisce.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Izio01 scrive:
    Alla redazione
    "Il timore di essere espulso da uno tra gli atenei più prestigiosi al mondo, a pochi giorni dallo sviluppo di una estensione per il browser Chrome che ha mandato su tutte le furie i decani di Yale."Ok, in questa frase il soggetto c'è. Ma il resto?
    • Leguleio scrive:
      Re: Alla redazione

      "Il timore di essere espulso da uno tra gli
      atenei più prestigiosi al mondo, a pochi giorni
      dallo sviluppo di una estensione per il browser
      Chrome che ha mandato su tutte le furie i decani
      di
      Yale."

      Ok, in questa frase il soggetto c'è. Ma il resto?Non ti aspetterai mica che Mauro Vecchio conosca l'esistenza del predicato verbale, del predicato nominale, dei complementi e dell'apposizione? (rotfl)Per chi non lo sapesse, Mauro Vecchio è quello che in ogni articolo che scrive, puntuale come una cambiale, chiama i neozelandesi kiwi, gli australiani aussie, i francesi galli, gli inglesi albionici e gli italiani mangiaspaghetti.Il giorno che qualcuno spiegherà a Mauro vecchio che cos'è il politicamnete corretto, Mauro Vecchio smetterà di scrivere. Non solo scrivere su PI o su altre riviste, proprio scrivere, <I
      tout court </I
      . Come fa Mauro Vecchio a redigere la lista della spesa e mettere "pecorino sardo", quando il suo istinto animale gli dice di scrivere "pecorino di scopapecore"? Impossibile, non si può andare contro la natura di un redattore di PI.E quindi Mauro Vecchio dovrà trovarsi un altro lavoro. Al circo, immagino.
Chiudi i commenti