La gestione dei server sarà standard

Lo promettono alcuni big che si sono impegnati a sviluppare un'interfaccia standard per la gestione dei server, per semplificare la vita alle aziende e tagliare i costi


Portland (USA) – In questi giorni i rappresentanti dei quattro maggiori produttori al mondo di server – Dell , IBM , HP e Sun – si sono incontrati con altri colossi del settore per costituire un gruppo di lavoro che, in seno alla Distributed Management Task Force (DMTF), avrà il compito di definire uno standard per la gestione e la configurazione dei server.

L’obiettivo del gruppo, chiamato Server Management Working Group (SMWG), è quello di creare specifiche e protocolli di gestione che stabiliscano in modo univoco in che modo i software di amministrazione debbano svolgere certi compiti, quali ad esempio spegnere un sistema, assegnare un indirizzo IP, aggiornare il software o mappare le risorse di rete.

I membri dell’SMWG sostengono che un tale standard potrà consentire alle aziende di semplificare drasticamente la gestione dei loro data center e ridurre i costi operativi grazie alla possibilità di utilizzare un solo software per gestire tutti i propri server, e questo indipendentemente da quale architettura hardware o piattaforma software questi adottino.

Per il prossimo luglio il gruppo di lavoro conta di rilasciare la prima bozza di specifiche della Command Line Interface (CLI) , un’interfaccia utente a riga di comando che, come software autonomo o al di sopra dei più diffusi sistemi operativi, consentirà la gestione locale e remota dei server. L’interfaccia verrà in seguito ampliata per supportare i server blade e i sistemi di virtualizzazione.

La CLI, che potrà essere programmata attraverso un linguaggio di scripting, si integrerà con un’altra specifica del DMTF chiamata Common Information Model (CIM) , un framework generico per la scoperta, il deployment e il controllo dei sistemi di rete.

L’iniziativa, guidata da Intel, Dell, IBM e HP, è appoggiata anche da Microsoft, AMD, Oracle e OSA Technologies.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Brevetti, Optima reclama la masterizzazione
    Asino chi ha scritto: per gestire un CD riscrivibile (CD-R)il CD riscrivibile ha sigla CD-RW e non CD-R.
  • Anonimo scrive:
    ma basta!!
    possibile che una volta al mese esca un'azienda insignificante a vantare diritti assurdi su tecnologie di uso quotidiano da anni? ma come si fa a campare cosi?speriamo che almeno il risultato di questi ridicoli abusi sia di portare ad una regolamentazione un po' piu' seria, anzi no speriamo che porti all'abolizione del concetto di copiright!BUM
    • knymed scrive:
      Re: ma basta!!
      - Scritto da: Anonimo
      possibile che una volta al mese esca
      un'azienda insignificante a vantare diritti
      assurdi su tecnologie di uso quotidiano da
      anni? ma come si fa a campare cosi?

      speriamo che almeno il risultato di questi
      ridicoli abusi sia di portare ad una
      regolamentazione un po' piu' seria, anzi no
      speriamo che porti all'abolizione del
      concetto di copiright!
      BUMti faccio fare una risata, un tribunale ha condannato la Microsoft a pagare 20 milioni di dollari a una software house (costituita da 2 persone!) perchè avrebbe messo la lavagna nel NETMEETING e nel messenger che secondo la software house era un'idea loro:D.Io per il dos creai una utility che metteva uno sfondo invece del classico sfondo nero, che dite faccio causa? (o meglio, che dite divento miliardario senza meritarmeli i soldi?):)
  • Anonimo scrive:
    Mamma Blue aiutaci tu
    Hai mica un 4 dozzine di brevetti da vantare per mandare 'sta gente sul lastico ?
  • Xmasitel scrive:
    Mi sa che anche M$
    Se non vado errato il modulo di masterizzazione di Windows XP è della Roxio, o sbaglio?Perchè in tal caso questi qui possono colpire il 90% dei PC al mondo :-(Certo, M$, con le sue politiche sui brevetti, se le cerca queste cose, però a pagare alla fine sono sempre gli utenti finali.Spero che ora inizi a diventare chiaro cosa non va nel Software Proprietario, cioè che crea troppi paradossi per poter davvero permettere uno sviluppo dell'Informatica almeno finchè non si pongono limiti seri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che anche M$
      - Scritto da: Xmasitel
      Spero che ora inizi a diventare chiaro cosa
      non va nel Software Proprietario, cioè che
      crea troppi paradossi per poter davvero
      permettere uno sviluppo dell'Informatica
      almeno finchè non si pongono limiti seri.Qui il software proprietario centra poco. Si parla di brevetti sul software, e sono cose piuttosto diverse
      • Xmasitel scrive:
        Re: Mi sa che anche M$
        - Scritto da: Anonimo

        Qui il software proprietario centra poco. Si
        parla di brevetti sul software, e sono cose
        piuttosto diverseA livello di definizione sono d'accordo con te, è il principio che è lo stesso: l'ho fatto io e lo usi alle mie condizioni che possono anche essere da strozzino.
  • Anonimo scrive:
    Re: E Bruxelles?


    Da quanto ho letto qualche giorno fa la
    commissione che si sta occupando della cosa
    non ha apprezzato alcuni emendamenti
    approvati dal parlamento europeo alla famosa
    direttiva e forse stravolgerà il tutto.
    Comunque io non mi fido di nessun politico,
    di nessuna parte del mondo, di nessun
    schieramento politico. Non sono cativi, pero' sono condizionati e non sanno quello che fanno (non conoscono la materia)
    • Anonimo scrive:
      Re: E Bruxelles?

      Non sono cativi, pero' sono condizionati e
      non sanno quello che fanno (non conoscono la
      materia)E IMHO sarà sempre peggio visto che il progresso è in accelerazione costante mentre l'età minima di legge per diventare senatori è ferma immobile là in alto (e, intendiamoci, per certi versi ritengo sia ottimo che sia così)!E' noto che oltre una certa età rivalutare la propria "idea del mondo" diventa molto difficile!
  • Anonimo scrive:
    IBM gentilmente potresti.....
    ...far causa anche a questa quisquiglia di società così la distruggi ( e che palle co sti brevetti che fanno venir fuori dopo decenni). Dai grande IBM dacci una mano visto che disintegrerai SCO annulla pure questa nullità di società.Grazie, gli informatici ti rendono grazie per aver invetato l'informatica e per essere ancora la numero uno a livello mondiale come fatturato e come tutto.
  • Anonimo scrive:
    Bene signori ho brevettato la...
    ....trombxtxDa domani tutti quelli che ciulano mi devono 1 Euro. Ciulate ciulate.....P.S. visto che le aziende sono ridicole facciamoci due risate anche noi!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene signori ho brevettato la...

      Da domani tutti quelli che ciulano mi devono
      1 Euro.

      Ciulate ciulate.....Sono interessato ma siccome faccio grandi volumi volevo sapere se erano previsti sconti o offerte
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene signori ho brevettato la...
      - Scritto da: Anonimo
      ....trombxtx


      Da domani tutti quelli che ciulano mi devono
      1 Euro.

      Ciulate ciulate.....

      Avendo io brevettato la masturbazione, credo guadagnerò un sacco più di te.E siccome il brevetto copre anche la masturbazione mentale, a giudicare dagli interventi di questo forum potrei fare causa un po' a tutti :D(troll)
  • localhost scrive:
    E sta per succedere anche da noi!!
    Purtroppo questa storia dei brevetti sulle "idee e metodi" e non sulle tecnologie pure sta degenerando. Se ne sono accorti anche nell'amministrazione USA, per fortuna, ed ora stanno tentando di dare qualche limitazione alla brevettabilità, visto che, come i funghi, sono comparse società che non producono nulla ma che a quanto pare hanno brevettato un sacco di cose...Speriamo che in Europa si impari dagli errori altrui e che si evitino mostruosità come la legge sui brevetti software (http://swpat.ffii.org/)
  • Anonimo scrive:
    Quale è la cura?
    ...per questo sistema malato:1) compro un brevetto qualsiasi che i miei consulenti ritengono di potere utilizzare (o magari mi trovo un brevetto in casa, acquisito per caso insieme alla liquidazione di un'altra società o a un pacchetto mai utilizzato di documneti o software)2) aspetto il momento giusto (cioè un momento che sia critico per le possibili vittime, o in ogni caso quando posso fare il massimo danno)3) faccio causa con schiere di avvocati (e conferenze stampa se l'ufficio marketing ritiene sia utile) in modo tale da creare il maggior numero di problemi alle mie vittime4) eventualmente propongo un patteggiamento (questo a casa mia si chiama ricatto)5) se la cosa va per le lunghe cerco di fare più rumore possibile per avvantaggiarmi nel punto (3) o forzare il (4)Questa sembra che stia diventando la principale attività per molte aziende, e anche di molti cittadini, che magari aspettano solo l'incidente sul lavoro per fare causa all'azienda.Forse il collasso totale?
  • Anonimo scrive:
    Tira la corda...
    ...alla fine si spezzae gli squaletti finiranno mangiati dagli squali piu' grossi (Microsoft, IBM, governi, ecc.)ciao!
  • Anonimo scrive:
    Qualsiasi pisquano....
    ...in USA che si alza al mattino e che si ricorda che nel passato remoto o recente ha iscritto a brevetto una CAZZATA che lui "vede" in un qualcosa in commercio, gli fa scattare la voglia di vevere a vita come una sanguisuga parassita rivendicando legalmente royalties.A questo ormai son ridotti negli USA grazie al "loro" Digital Mlillennium Act o come minchia lo han chiamato.Per "proteggere" gli interessi delle lobbies multinazionali, han sfornato leggi che frenano lo sviluppano e ingrassano solo grassatori di avvocati e lobbies parassite.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualsiasi pisquano....
      - Scritto da: Anonimo
      ...in USA che si alza al mattino e che si
      ricorda che nel passato remoto o recente ha
      iscritto a brevetto una CAZZATA che lui
      "vede" in un qualcosa in commercio, gli fa
      scattare la voglia di vevere a vita come una
      sanguisuga parassita rivendicando legalmente
      royalties.
      A questo ormai son ridotti negli USA grazie
      al "loro" Digital Mlillennium Act o come
      minchia lo han chiamato.
      Hai ragione!!!! Sono con te!Leggi questo:http://slashdot.org/articles/03/12/18/0018256.shtml?tid=106&tid=185e poi scappiamo mano nella mano in Iraq a fondare un nuovo paese, via da questi brevetti, da questi DMCA, EUCD, gasparri, berlusconi, bush, la microsoft... VIA VIA... e se non riusciamo lì in Iraq possiamo sempre provare su Marte il pianeta rosso.
  • Anonimo scrive:
    Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
    - Scritto da: Anonimo

    Basterebbe che ogni dispositivo o algoritmo
    che utilizza tecnologie protette da brevetto
    lo scrivesse A CHIARISSIME LETTERE sulla
    confezione o sull'involucro.Vedo che non hai capito, chi brevetta il software negli stati uniti non è detto che venda qualcosa, molte volte neanche ha in progetto di realizzare un programma basato sul suo brevetto.Quindi non ci sono confezioni su cui scrivere QUESTO L'HO BREVETTATO IO. Oltre a questo c'è il problema dello sviluppo tecnologico, un programmatore già ha i suoi problemi a far funzionare un programma poi deve anche fare lo slalom tra i vari brevetti che dicono: il link l'ho inventato io, l'ecommerce è mio, le applicazioni incorporate nel browser sono una mia idea, lo streaming è mio... Così si uccide la creatività, aumentano i costi per i consumatori che alla fine si pagano i rincari dovuti ai brevetti, si rallenta lo sviluppo tecnologico, aumentano le cause legali, diminuiscono le certezze sia per i grandi che per i piccoli produttori di software, la borsa va giù, c'è la recessione, scoppia la guerra, muoriamo tutti....be' Buon Natale a tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo



      Basterebbe che ogni dispositivo o
      algoritmo

      che utilizza tecnologie protette da
      brevetto

      lo scrivesse A CHIARISSIME LETTERE sulla

      confezione o sull'involucro.

      Vedo che non hai capito, chi brevetta il
      software negli stati uniti non è detto che
      venda qualcosa, molte volte neanche ha in
      progetto di realizzare un programma basato
      sul suo brevetto.
      Quindi non ci sono confezioni su cui
      scrivere QUESTO L'HO BREVETTATO IO. No, forse non mi sono spiegato (o per dirla alla tua maniera: non hai capito)Chiunque abbia in progetto di realizzare un programma dispositivo basato su qualche brevetto, dovrebbe indicarlo a chiare lettere, o nel programma o sul dispositivo o su qualunque veicolo che incorpori la tecnologia brevettata.Adesso hai capito ?
      Oltre a questo c'è il problema dello
      sviluppo tecnologico, un programmatore già
      ha i suoi problemi a far funzionare un
      programma poi deve anche fare lo slalom tra
      i vari brevetti che dicono: il link l'ho
      inventato io, l'ecommerce è mio, le
      applicazioni incorporate nel browser sono
      una mia idea, lo streaming è mio... Così si
      uccide la creatività, No cosi' si uccidono gli squali.La creativita' resterebbe immutata, a meno che tu non intenda lucrare sulla creativita' altrui facendogli credere, furbescamente, che puo' utilizzare tale tecnologia, salvo rivendicarne i diritti dopo anni di sviluppi e di diffusione (vedi articolo, vedi SCO e vedi che questa bassa strategia la conoscono anche i sassi). E poi e' gia' cosi': i programmatori DEVONO fare lo slalom tra i vari brevetti, senza pero' avere la certezza di niente: questo si che uccide la creativita', le piccole aziende. e i programmatori.
      aumentano i costi per
      i consumatori che alla fine si pagano i
      rincari dovuti ai brevetti,Sbagliato: se i consumatori si dirigono solo su tecnologie aperte non devono pagare per il brevetto che rappresentano una fetta ENORME del prezzo finale.
      si rallenta lo
      sviluppo tecnologico, Di certo sviluppo tecnologico (che io chiamo accaparramento) ne farei volentieri a meno.
      aumentano le cause
      legali, Sbagliato tutto: se e' chiaro (scritto a CHIARE LETTERE) che c'e' un brevetto e questo DEVE essere rivendicato (quindi VERIFICATO) di anno in anno, non c'e' piu' adito a dubbi, e le cause legali non avrebbero motivazione.
      diminuiscono le certezze sia per i
      grandi che per i piccoli produttori di
      software, Piccoli produttori ? Ma dove vivi ? Non esistono piccoli produttori in questo sistema.
      la borsa va giù, Ottimo. Certe aziende non meritano di esistere (Nasdaq: SCOX, ecc., ecc.)
      c'è la
      recessione, scoppia la guerra, muoriamo
      tutti....be' Buon Natale a tutti!Ah ok, non sei serio: potevi dirlo prima.GM
      • Anonimo scrive:
        Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
        - Scritto da: Anonimo
        No, forse non mi sono spiegato (o per dirla
        alla tua maniera: non hai capito)
        Chiunque abbia in progetto di realizzare un
        programma dispositivo basato su qualche
        brevetto, dovrebbe indicarlo a chiare
        lettere, o nel programma o sul dispositivo o
        su qualunque veicolo che incorpori la
        tecnologia brevettata.
        Adesso hai capito ?Non ti devi offendere se ti dico che non hai capito mica ti volevo mancare di rispetto, nè era detta con malignità (ma forse non mi hai capito [risate a denti stretti]). Se vai a leggere i brevetti delle ultime cause intentate quest'anno noterai che solo una mente molto fine avrebbe potuto associare il brevetto X al software Y. E anche se l'azienda che ha il brevetto X esce con un software che lo sfrutta e lo indica anche sulla confezione, sul manuale dove vuoi... dopo potrà sempre denunciare altre aziende che producono programmi anche molto diversi ma che in qualche modo possono essere collegati al molto interpretabile brevetto. Per esempio AT&T ha denunciato Paypal e eBay (per ora solo queste due) perché violavano un suo brevetto sulle transazioni del 1994. Ecco se AT&T un anno fa avesse mandato a casa di ogni cittadino del mondo una copia di quel brevetto pochissime persone avrebbero mai potuto pensare che un brevetto "per una transazione economica su un sistema di comunicazione telefonica" fosse un brevetto estendibile a internet e all'e-commerce, eppure l'hanno fatto. Cioè in sintesi: questi denunciano per brevetti che difficilmente uno potrebbe associare ad un determinato prodotto. E' come se uno inventa i pattini, facendo come dici tu: scrive a chiare lettere su ogni confezione che i pattini sono coperti da un loro brevetto.... ma poi denuncia il primo che inizia a produrre carrelli per la spesa e magari vingono anche la causa.
        No cosi' si uccidono gli squali.
        La creativita' resterebbe immutata, a meno
        che tu non intenda lucrare sulla creativita'
        altrui facendogli credere, furbescamente,
        che puo' utilizzare tale tecnologia, salvo
        rivendicarne i diritti dopo anni di sviluppi
        e di diffusione (vedi articolo, vedi SCO e
        vedi che questa bassa strategia la conoscono
        anche i sassi). No così si uccidono tutti, perché un'azienda qualsiasi potrà essere facilmente ricattabile grazie alla trappola dei brevetti. Anche i giganti hanno messo da parte migliaia di brevetti con cui contrastare l'arrivo della nuova concorrenza, se uno si espande troppo TAC tirano fuori il brevetto xyz interpretabile in 1000 maniere diverse.
        Sbagliato: se i consumatori si dirigono solo
        su tecnologie aperte non devono pagare per
        il brevetto che rappresentano una fetta
        ENORME del prezzo finale.Non c'entrano le tecnologie aperte. XviD è sotto licenza GPL però in america è coperto da brevetto perché si basa sull'mpeg4 che è un brevetto microsoft.
        Sbagliato tutto: se e' chiaro (scritto a
        CHIARE LETTERE) che c'e' un brevetto e
        questo DEVE essere rivendicato (quindi
        VERIFICATO) di anno in anno, non c'e' piu'
        adito a dubbi, e le cause legali non
        avrebbero motivazione.Senti hai rotto il cazzo i "sbagliato tutto" sai? Limitati ad argomentare senza dare giudizi. Per quanto riguarda a "chiare lettere" leggi sopra che cosa ho scritto.
        Piccoli produttori ? Ma dove vivi ? Non
        esistono piccoli produttori in questo
        sistema.Ah non esistono i piccoli produttori? Davvero? Mi chiedo dove vivi tu.


        la borsa va giù,

        Ottimo. Certe aziende non meritano di
        esistere (Nasdaq: SCOX, ecc., ecc.)Ma che c'entra SCO! Adesso perché c'è SCO la borsa non conta più niente..... comunque era chiaramente ironica l'ultima parte, ma forse NON l'HAI CAPITO.

        c'è la

        recessione, scoppia la guerra, muoriamo

        tutti....be' Buon Natale a tutti!

        Ah ok, non sei serio: potevi dirlo prima.Solo nella parte finale non ero serio, perché alla fine si vive lo stesso anche se ci sono delle cose ingiuste come i brevetti. Comunque consiglio a tutti di leggere prima tutto il messaggio prima di schiacciare nevroticamente "rispondi quotando". Comunque non mi piace affatto la gente che discute come te. Primo parti dal presupposto che tu hai ragione e gli altri torto, secondo ti offendi solo se uno ti dice che "non hai capito" che non vuol dire per forza "non hai capito un cazzo", terzo alla fine scrivi "ah non sei serio potevi dirlo prima" però non fai lo sforzo di cancellare le righe che hai scritto (inutilmente) poco sopra. Questo è il classico modo con cui si affrontano le discussioni su punto-informatico, un sacco di chiacchiere butttate al vento, gente che scrive con arroganza e cerca di far valere le proprie opinioni, pochissima ironia, nessuna voglia di arrivare insieme ad un approfondimento razionale, è solo una gara a chi ce l'ha più lungo... Be' sapete che vi dico? Questo sistema mi fa veramente schifo, ma l'ho brevettato io nel giugno del 1994, quindi iniziate a scucire il grano.
        • Anonimo scrive:
          Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          No, forse non mi sono spiegato (o per
          dirla

          alla tua maniera: non hai capito)

          Chiunque abbia in progetto di realizzare
          un

          programma dispositivo basato su qualche

          brevetto, dovrebbe indicarlo a chiare

          lettere, o nel programma o sul
          dispositivo o

          su qualunque veicolo che incorpori la

          tecnologia brevettata.

          Adesso hai capito ?

          Non ti devi offendere se ti dico che non hai
          capito mica ti volevo mancare di rispetto,
          nè era detta con malignità (ma forse non mi
          hai capito [risate a denti stretti]). Ok, senti non ho tempo da perdere con chi rema contro comunque. Mi sembra di parlare con uno che ha votato Berlusconi (difficile, quasi inutile)Ho capito che a te i brevetti piacciono cosi' come sono:hai un bel coraggio, comunque. Io volevo solo esporre un idea, e l'ho fatto.Rimani pure li in attesa di qualcuno che ti dia corda.CiaoGM
          Se vai a leggere i brevetti delle ultime
          cause intentate quest'anno noterai che solo
          una mente molto fine avrebbe potuto
          associare il brevetto X al software Y. E
          anche se l'azienda che ha il brevetto X esce
          con un software che lo sfrutta e lo indica
          anche sulla confezione, sul manuale dove
          vuoi... dopo potrà sempre denunciare altre
          aziende che producono programmi anche molto
          diversi ma che in qualche modo possono
          essere collegati al molto interpretabile
          brevetto.
          Per esempio AT&T ha denunciato Paypal e eBay
          (per ora solo queste due) perché violavano
          un suo brevetto sulle transazioni del 1994.
          Ecco se AT&T un anno fa avesse mandato a
          casa di ogni cittadino del mondo una copia
          di quel brevetto pochissime persone
          avrebbero mai potuto pensare che un brevetto
          "per una transazione economica su un sistema
          di comunicazione telefonica" fosse un
          brevetto estendibile a internet e
          all'e-commerce, eppure l'hanno fatto. Cioè
          in sintesi: questi denunciano per brevetti
          che difficilmente uno potrebbe associare ad
          un determinato prodotto. E' come se uno
          inventa i pattini, facendo come dici tu:
          scrive a chiare lettere su ogni confezione
          che i pattini sono coperti da un loro
          brevetto.... ma poi denuncia il primo che
          inizia a produrre carrelli per la spesa e
          magari vingono anche la causa.


          No cosi' si uccidono gli squali.

          La creativita' resterebbe immutata, a meno

          che tu non intenda lucrare sulla
          creativita'

          altrui facendogli credere, furbescamente,

          che puo' utilizzare tale tecnologia, salvo

          rivendicarne i diritti dopo anni di
          sviluppi

          e di diffusione (vedi articolo, vedi SCO e

          vedi che questa bassa strategia la
          conoscono

          anche i sassi).

          No così si uccidono tutti, perché un'azienda
          qualsiasi potrà essere facilmente
          ricattabile grazie alla trappola dei
          brevetti. Anche i giganti hanno messo da
          parte migliaia di brevetti con cui
          contrastare l'arrivo della nuova
          concorrenza, se uno si espande troppo TAC
          tirano fuori il brevetto xyz interpretabile
          in 1000 maniere diverse.


          Sbagliato: se i consumatori si dirigono
          solo

          su tecnologie aperte non devono pagare per

          il brevetto che rappresentano una fetta

          ENORME del prezzo finale.

          Non c'entrano le tecnologie aperte. XviD è
          sotto licenza GPL però in america è coperto
          da brevetto perché si basa sull'mpeg4 che è
          un brevetto microsoft.


          Sbagliato tutto: se e' chiaro (scritto a

          CHIARE LETTERE) che c'e' un brevetto e

          questo DEVE essere rivendicato (quindi

          VERIFICATO) di anno in anno, non c'e' piu'

          adito a dubbi, e le cause legali non

          avrebbero motivazione.

          Senti hai rotto il cazzo i "sbagliato tutto"
          sai? Limitati ad argomentare senza dare
          giudizi. Per quanto riguarda a "chiare
          lettere" leggi sopra che cosa ho scritto.


          Piccoli produttori ? Ma dove vivi ? Non

          esistono piccoli produttori in questo

          sistema.

          Ah non esistono i piccoli produttori?
          Davvero? Mi chiedo dove vivi tu.





          la borsa va giù,



          Ottimo. Certe aziende non meritano di

          esistere (Nasdaq: SCOX, ecc., ecc.)

          Ma che c'entra SCO! Adesso perché c'è SCO la
          borsa non conta più niente..... comunque era
          chiaramente ironica l'ultima parte, ma forse
          NON l'HAI CAPITO.



          c'è la


          recessione, scoppia la guerra, muoriamo


          tutti....be' Buon Natale a tutti!



          Ah ok, non sei serio: potevi dirlo prima.

          Solo nella parte finale non ero serio,
          perché alla fine si vive lo stesso anche se
          ci sono delle cose ingiuste come i brevetti.
          Comunque consiglio a tutti di leggere prima
          tutto il messaggio prima di schiacciare
          nevroticamente "rispondi quotando".

          Comunque non mi piace affatto la gente che
          discute come te. Primo parti dal presupposto
          che tu hai ragione e gli altri torto,
          secondo ti offendi solo se uno ti dice che
          "non hai capito" che non vuol dire per forza
          "non hai capito un cazzo", terzo alla fine
          scrivi "ah non sei serio potevi dirlo prima"
          però non fai lo sforzo di cancellare le
          righe che hai scritto (inutilmente) poco
          sopra. Questo è il classico modo con cui si
          affrontano le discussioni su
          punto-informatico, un sacco di chiacchiere
          butttate al vento, gente che scrive con
          arroganza e cerca di far valere le proprie
          opinioni, pochissima ironia, nessuna voglia
          di arrivare insieme ad un approfondimento
          razionale, è solo una gara a chi ce l'ha più
          lungo... Be' sapete che vi dico? Questo
          sistema mi fa veramente schifo, ma l'ho
          brevettato io nel giugno del 1994, quindi
          iniziate a scucire il grano.
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            Hai detto una str...ata, te l'hanno fatto notare... è inutile arrabbiarsi, fattene una ragione.Senza rancore.
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            - Scritto da: Anonimo
            Ok, senti non ho tempo da perdere con chi
            rema contro comunque. Mah, non ha tempo da perdere...
            Mi sembra di parlare
            con uno che ha votato Berlusconi (difficile,
            quasi inutile)Mah dice che ho votato berlusconi
            Ho capito che a te i brevetti piacciono
            cosi' come sono:hai un bel coraggio,
            comunque. Mah che io sia favorevole ai brevetti te lo sei sognato tu. Visto che ho scritto nei messaggi predenti che rallentano lo sviluppo tecnologico e sono una cosa negativa.
            Io volevo solo esporre un idea, e l'ho fatto.
            Rimani pure li in attesa di qualcuno che ti
            dia corda.No, figurati già tu mi hai dedicato il tuo prezioso tempo e proposto la tua meravigliosa idea, cosa posso volere di più? Un lucano
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            hemmm.... scusa, ma perchè il berlusca ci deve sempre entrare?? (o i comunisti, a seconda di chi ha beneficiato del tuo voto alle ultime elezioni)sembri proprio uno che non sapendo che altro dire la butta in politica....
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            - Scritto da: Anonimo
            hemmm.... scusa, ma perchè il berlusca ci
            deve sempre entrare?? (o i comunisti, a
            seconda di chi ha beneficiato del tuo voto
            alle ultime elezioni)
            sembri proprio uno che non sapendo che altro
            dire la butta in politica....C'entra c'entra....A proposito: ho inventato un modo per tenere alla larga dai forum democratci persone corporativiste, interessate, filo-governativi, mastini del Copyright, avvocati, politici, portaborse di chissachi. Questa e' sicuramente una novita' in tutti i paesi del mondo.Che dici la posso brevettare ?CiaoGM
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            - Scritto da: Anonimo
            A proposito: ho inventato un modo per tenere
            alla larga dai forum democratci persone
            corporativiste, interessate,
            filo-governativi, mastini del Copyright,
            avvocati, politici, portaborse di
            chissachi. Questa e' sicuramente una
            novita' in tutti i paesi del mondo.
            Che dici la posso brevettare ?Uno che vuole un "forum democratico" epurato dalle persone di cui non condivide le idee sì che è un vero "democratico". La libertà di parola quanta paura può fare...
          • Anonimo scrive:
            Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            A proposito: ho inventato un modo per
            tenere

            alla larga dai forum democratci persone

            corporativiste, interessate,

            filo-governativi, mastini del Copyright,

            avvocati, politici, portaborse di

            chissachi. Questa e' sicuramente una

            novita' in tutti i paesi del mondo.

            Che dici la posso brevettare ?

            Uno che vuole un "forum democratico" epurato
            dalle persone di cui non condivide le idee
            sì che è un vero "democratico".
            La libertà di parola quanta paura può fare...Purtroppo gli imbecilli sono "equamente distribuiti" :'(
  • avvelenato scrive:
    Re: IDEA: Bollino x tecnologie open
    - Scritto da: Anonimo
    (cut)
    Un' altra ideina aggiuntiva: se su una
    tecnologia usata in massa non viene
    rivendicata da nessuno nel giro di TOT mesi
    (direi max 12), decade il brevetto.

    Immaginate questa cosa applicata a SCO o
    all' esempio dell'articolo.

    Servono leggi anti-furbi....ma il mondo e'
    dei furbi...e io...che parlo affa'....

    Ciao
    GM
    una specie di usucapione insomma.. con la differenza che "usucapiscono" tutti (il brevetto si annulla e la tecnologia diventa free)
  • HellBoy scrive:
    Si raspa il barile
    ho trovato un vecchio documento dove un mio bis-bis-bis-bis asserisce di aver brevettato un metodo di locomozione utilizzando su due piedi; aspettatevi di ricevere quanto prima una lettera dal mio avvocato......onestamente li manderei tutti da qualche parte ben definita, se non avessi paura di vedermi chiedere un milione di dollari per utilizzo arbitrario di epiteto coperto da copyright
    • Anonimo scrive:
      Re: Si raspa il barile
      - Scritto da: HellBoy
      ho trovato un vecchio documento dove un mio
      bis-bis-bis-bis asserisce di aver brevettato
      un metodo di locomozione utilizzando su due
      piedi; aspettatevi di ricevere quanto prima
      una lettera dal mio avvocato......Se è così vecchio allora non vale, i brevetti durano una ventina d'anni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si raspa il barile

        Se è così vecchio allora non vale, i
        brevetti durano una ventina d'anni.non e' che fai confusione con il diritto d'autore?
        • HotEngine scrive:
          Re: Si raspa il barile
          - Scritto da: Anonimo


          Se è così vecchio allora non vale, i

          brevetti durano una ventina d'anni.

          non e' che fai confusione con il diritto
          d'autore?Quelli durano MOOOLTO di PIU'!!!!
        • MaurizioB scrive:
          Re: Si raspa il barile
          - Scritto da: Anonimo

          Se è così vecchio allora non vale, i

          brevetti durano una ventina d'anni.

          non e' che fai confusione con il diritto
          d'autore?Penso si confonda e basta, il diritto d'autore di norma vale diverse decine d'anni. Ma per favore non fatemi tornare in mente il dmca e le m3rd3 che hanno passato il diritto d'autore da 50 a 70 perché gli faceva comodo sbattendosene di tutto il resto del materiale che di diritto dovrebbe appartenere all'umanità intera.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: MaurizioB
            Penso si confonda e basta, il diritto
            d'autore di norma vale diverse decine
            d'anni. Ma per favore non fatemi tornare in
            mente il dmca e le m3rd3 che hanno passato
            il diritto d'autore da 50 a 70 perché gli
            faceva comodo sbattendosene di tutto il
            resto del materiale che di diritto dovrebbe
            appartenere all'umanità intera.No, ti assicuro che le idee confuse le hai te e gli altri che ti hanno preceduto.Il diritto d'autore è una cosa e i brevetti sono un'altra.La durata del diritto d'autore è valida sino a 70 anni della morte dell'autore stesso.I brevetti invece durano 20 anni dal giorno in cui sono stati depositati.Con il brevetto si ottiene diritto di produrre e commercializzare in esclusiva nello stato in cui si richiede il brevetto, il prodotto o il sistema che si è realizzato. Ciò significa in particolare che diventa possibile vietare ad altri di produrre, vendere, usare o importare quello stesso oggetto finché il brevetto è valido. L'oggetto del brevetto deve essere nuovo in modo assoluto, cioè non essere mai stato prodotto o brevettato in nessuna parte del mondo. Il concetto di novità viene inteso in senso ampio e si ricomprende nello "stato della tecnica" tutto ciò che è stato reso pubblico, in Italia o all'estero, prima della data di deposito della domanda di brevetto.Quindi il brevetto del bis-bis-bis-bis nonno non è valido: a) perché la locomozione su due piedi non è una novità b) perché non è un oggetto c) perché anche se fosse sono passati i 20 anni da quando è stato depositato il brevetto della locomozione su due piedi.Detto questo penso che ora potremo tutti camminare più tranquilli.
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            intervento tecnico di ottima fattura, e allora già che ci sei mi potresti fornire una consulenza? mi pare che qualche tempo fa, per dimostrare l'assurdità delle procedure di brettualità, in Germania alcuni tizi hanno ottenuto il brevetto della ruota.a- ti risulta sia una notizia vera?b- se si come me la spieghi?ciao.a) perché la locomozione su
            due piedi non è una novità b) perché non è
            un oggetto c) perché anche se fosse sono
            passati i 20 anni da quando è stato
            depositato il brevetto della locomozione su
            due piedi.
            Detto questo penso che ora potremo tutti
            camminare più tranquilli.
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: Anonimo
            intervento tecnico di ottima fattura, e
            allora già che ci sei mi potresti fornire
            una consulenza? mi pare che qualche tempo
            fa, per dimostrare l'assurdità delle
            procedure di brettualità, in Germania alcuni
            tizi hanno ottenuto il brevetto della ruota.

            a- ti risulta sia una notizia vera?
            b- se si come me la spieghi?Era in Australia non in Germania e da noi quel brevetto non ha nessun valore
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            intervento tecnico di ottima fattura, e

            allora già che ci sei mi potresti fornire

            una consulenza? mi pare che qualche tempo

            fa, per dimostrare l'assurdità delle

            procedure di brettualità, in Germania
            alcuni

            tizi hanno ottenuto il brevetto della
            ruota.



            a- ti risulta sia una notizia vera?

            b- se si come me la spieghi?

            Era in Australia non in Germania e da noi
            quel brevetto non ha nessun valoreQuindi posso infrangere qualunque diritto estero ?Divertente.E il brevetto dell' articolo (masterizzazione), non ha alcun valore qui in italia, giusto ?Quindi, piu' in generale, i brevetti USA qui non valgono una cippa giusto ?
          • HotEngine scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: Anonimo

            Era in Australia non in Germania e da noi

            quel brevetto non ha nessun valore

            Quindi posso infrangere qualunque diritto
            estero ?
            Divertente.
            E il brevetto dell' articolo
            (masterizzazione), non ha alcun valore qui
            in italia, giusto ?Sbagliato. Dipende com'è stato registrato.
          • Mechano scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: HotEngine

            Sbagliato. Dipende com'è stato registrato.Mi sono informato qualche tempo fa. Volevo brevettare una mia invenzione poi rimasta in un cassetto perche' mi mancava il tempo e gli strumenti per la parte dei complessi calcoli termodinamici. Si tratta di un sistema di raffredamento ad olii siliconici a basso coefficiente di dilatazione a circuito forzato per transistor finali di potenza e impianti valvolari, teoricamente va bene anche per le CPU dei PC come quei circuiti ad acqua che si vedono in giro nei negozi dei componenti per "smanettoni" dell'overclock.Poi nel frattempo hanno cominciato ad uscire i sistemi a pompa di calore e senza organi meccanici in movimento e non ho voluto riprendere in mano la cosa, non credo che come efficienza sarebbe superiore. Migliore del sistema ad acqua sicuro perche' gli oli sintetici avrebbero basso coefficiente di dilatazione e sarebbero non conduttivi in caso di rottura del circuito.Alla Camera di Commercio della mia citta' ho preso dei documenti.Esistono 2 convenzioni, la Washington e la Ginevra oltre a quella solo nazionale.Ovviamente ogni convenzione copre paesi diversi e per coprire tutto il globo devi fare ricerche e brevettare su entrambe le prime convenzioni. Non mi ricordo i prezzi, ma di una cosa sono certo, erano proibitivi per qualsiasi comune cittadino con uno stipedio medio.Anche da questo punto di vista penso che i brevetti siano stati pensati dalle e per le aziende che hanno risorse economiche per registrarl e farli valere.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: Anonimo
            Quindi posso infrangere qualunque diritto
            estero ?
            Divertente.Dove lo hai letto? Se uno ti dice che una cosa non è valida non vuol dire che vale in modo assoluto
            E il brevetto dell' articolo
            (masterizzazione), non ha alcun valore qui
            in italia, giusto ?
            Quindi, piu' in generale, i brevetti USA qui
            non valgono una cippa giusto ?I brevetti stranieri valgono finché rispondono ai requisiti richiesti dalla nostra legislazione.Brevetti la ruota in Australia= non sei compatibile perché ad esempio manca il criterio della novitàBrevetti in australia un nuovo elettrodomestico = Il tuo brevetto è riconosciuto anche da noi
          • MaurizioB scrive:
            Re: Si raspa il barile
            - Scritto da: Anonimo

            Penso si confonda e basta, il diritto

            d'autore di norma vale diverse decine

            d'anni. Ma per favore non fatemi tornare
            in

            mente il dmca e le m3rd3 che hanno passato

            il diritto d'autore da 50 a 70 perché gli

            faceva comodo sbattendosene di tutto il

            resto del materiale che di diritto
            dovrebbe

            appartenere all'umanità intera.

            No, ti assicuro che le idee confuse le hai
            te e gli altri che ti hanno preceduto.Non mi pare poi così tanto, veramente...
            Il diritto d'autore è una cosa e i brevetti
            sono un'altra.E fin qui c'eravamo...
            La durata del diritto d'autore è valida sino
            a 70 anni della morte dell'autore stesso.E pure qui c'eravamo - una giusta puntualizzazione che avevo dimenticato di scrivere, ma che non toglie nulla al fatto che sia un eccessivo periodo di tempo, allungato per semplici questioni economiche e non di principio.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Si raspa il barile
            vedo che per te l'ironia è un'opzione..... ah ma scusa, avrei dovuto capire dal linguaggio che sei un legale di qualche tipo... e voi l'ironia quando mai la capite....
  • Anonimo scrive:
    Ridicolo.
    Ogni giorno leggo PI, e ogni volta mi sento un poco più convinto della precedente che Stallman abbia al 101% ragione su tutto. Non si può lasciare la tecnologia dei computer in mano a gente come questa.
  • Anonimo scrive:
    bastaaaa!
    via i brevetti dal software!solo il codice può essere coeprto da una licenza! le idee NON si brevettano!
    • Anonimo scrive:
      Re: bastaaaa!
      - Scritto da: Anonimo
      via i brevetti dal software!
      solo il codice può essere coeprto da una
      licenza! le idee NON si brevettano!Concordo pienamente!Optima masterizzati il cervello prima di riformattarlo! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: bastaaaa!
      - Scritto da: Anonimo
      via i brevetti dal software!
      solo il codice può essere coeprto da una
      licenza! le idee NON si brevettano!ANch'io la penso cosi.Ma comunque mi sembra più giusto che se proprio devono esserci, almeno che abbiano validità limitata (4-5 anni) che in informatica sono comunque tanti, e soprattutto che non si permette che un'azienda aspetti che una tecnologia si diffonda su larga scala per poi usare il brevetto come una spada di damocle.In casi come questo mi sembrerebbe giusto dire, "ok il segreto industriale (...) è andato a farsi friggere per cui vi attaccate (detto in avvocatese naturalmente)".
    • Anonimo scrive:
      Re: bastaaaa!
      Secondo me è giusto il brevetto, è giusto tutelare le idee originali, quello che è sbagliato è abusarne, e soprattutto si dovrebbe creare una legge che impesisce di rivendicare i diritti dopo un tot di tempo.Trovo assurde queste richieste, come anche quella richiesta di risarcimento dei diritti da tutti coloro i quali utilizzavano la barra di avanzamento che era regolarmente brevettata. Se non avete chiesto subito il riconoscimento dei vostri diritti (sapendo che qualcuno li stava violando) significa che non vi interessava quindi li avete persi. Troppo facile aspettare che si crei la massa critica, è proprio in quel momento che non puoi e non devi più far valere i tuoi diritti, non è coerente ne moralmente corretto. Secondo me.
Chiudi i commenti