La nippodoll da spogliare in webcam

I giapponesi sono un po' perversi, questo lo si sa. Dalle mutandine usate vendute in blister ai wc ipertecnologici. Nei manga si è visto di tutto, ma mai era capitato di poter essere protagonisti dell'azione. Ora in Giappone pubblicizzano questa
I giapponesi sono un po' perversi, questo lo si sa. Dalle mutandine usate vendute in blister ai wc ipertecnologici. Nei manga si è visto di tutto, ma mai era capitato di poter essere protagonisti dell'azione. Ora in Giappone pubblicizzano questa

I giapponesi sono un po’ perversi, questo lo si sa. Dalle mutandine usate vendute in blister ai wc ipertecnologici. Nei manga si è visto di tutto, ma mai era capitato di poter essere protagonisti dell’azione. Ora in Giappone pubblicizzano questa imperdibile opportunità : Cyber Figure Alice , la bambola virtuale.

Nella confezione non c’è alcuna traccia della tipetta coi capelli viola ed il vestitino alla Candy Candy. Troverete solo due cubi e due bastoncini. Delusione? No, non ancora. Basta installare il software, configurare la webcam e inquadrare uno dei due cubi magici… et voilà, la sexy cameriera Alice apparirà magicamente sullo schermo, con la sua aria riverente da collegiale di Tokyo.

Gli stick servono ad interagire con lei: utilizzandoli si potrà
accarezzarla e – of course – spogliarla e rivestirla di uno dei vestiti
del suo corredo.
Alice sarà venduta soltanto in Giappone
a partire dal prossimo autunno ma non si esclude un successivo allargamento all’estero.

[
Geisha Tokyo Entertainment ]

[via Ubergizmo ] [ SlipperyBrick ] [ Engadget ]

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 07 2008
Link copiato negli appunti