La sicurezza a portata di dito

L'automobile leggerà letteralmente le dita dei passeggeri: così saprà come sono fatti e potrà determinare tensione delle cinture di sicurezza e capacità dell'air bag
L'automobile leggerà letteralmente le dita dei passeggeri: così saprà come sono fatti e potrà determinare tensione delle cinture di sicurezza e capacità dell'air bag


Londra – Può la misurazione istantanea della densità ossea dei passeggeri di un’automobile aumentare la sicurezza di viaggio? Ne sono certi gli scienziati che stanno realizzando un avanzatissimo sistema di sicurezza , un team del Cranfield Institute for Safety, Risk and Reliability , istituzione scientifica britannica.

Grazie ai finanziamenti del gruppo Nissan , i ricercatori hanno potuto creare uno speciale sensore ad ultrasuoni che promette di salvare numerose vite. Come? Misurando appunto la densità ossea dei passeggeri.

Inserendo un dito all’interno dell’apparecchio, airbag e cinture vengono regolate automaticamente e su misura, in modo da essere meno pericolose possibili nei confronti delle persone a bordo. Infatti i famosi “palloni salvavita”, nonostante riducano i danni fatali causati da un incidente, diventano a volte delle terribili armi improprie: un’esplosione troppo forte dell’airbag, unita ad una tensione eccessiva nelle cinture di sicurezza, può essere mortale . Specialmente se il malcapitato è un anziano oppure un bambino.

Ed è qui che interviene l’innovazione Nissan: ad ogni accensione dell’automobile, la stazza dei passeggeri verrà misurata dalla macchina. In base ai risultati del checkup, la centralina elettronica imposterà i valori che gestiscono cinture ed airbag. Il funzionamento è semplice ed intuitivo: lo scanner “spara” onde sonore attraverso le dita dei passeggeri e raccoglie il tempo di risposta, determinando la struttura ossea della persona analizzata.

Questo supporto “intelligente” per la sicurezza automobilistica è appena uscito da approfonditi test di laboratorio. Secondo i risultati delle ricerche, l’uso del dispositivo diminuisce del 20% le probabilità di gravi lesioni in caso d’incidente.

Ma la nuova tecnologia dovrà affrontare un lungo percorso prima di approdare nei cataloghi degli autosaloni: il team di ricerca dell’Università di Cranfeld deve ancora ottimizzare il consumo elettrico del sistema e sperimentarlo in situ , a bordo delle vetture. Inoltre rimane un grande problema, tuttora irrisolto: “Il sistema dovrà essere utilizzato ad ogni accensione del motore”, ricorda il direttore della ricerca, Roger Hardy. Un dato che lascia poco spazio all’immaginazione: in un paese indisciplinato come l’Italia, dove spesso ci si dimentica addirittura di allacciare le cinture, lo scanner salvavita avrà non pochi problemi di diffusione.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 06 2005
Link copiato negli appunti