La SuperCar di Knight ha un figlio

Negli anni '80 c'era solo lei. Niente GPS, niente mappe c'era solo KITT, ovvero l'unica macchina in grado di calcolare la distanza tra due punti. Poi arrivarono i suoi figliocci, che a causa di geni recessivi non hanno però ereditato la stessa intell

Negli anni ’80 c’era solo lei. Niente GPS, niente mappe c’era solo KITT, ovvero l’unica macchina in grado di calcolare la distanza tra due punti. Poi arrivarono i suoi figliocci, che a causa di geni recessivi non hanno però ereditato la stessa intelligenza. Come riavvicinarsi alla SuperCar di Micheal Knight? Consumare i DVD della serie è ormai out. Con il nuovo navigatore satellitare Mio Knight Rider , però, ci si potrà ingannare facilmente, potrebbe persino sembrare di andare avanti tornare indietro nel tempo.

L’aspetto conta. Il design richiama in tutto e per tutto la mitica Supercar, con tanto di led in movimento sincronizzati al sintetizzatore audio con mascherina che riproduce le sembianze del cofano di KITT.

Non solo: il device è dotato di schermo da 4.3 pollici, database con svariati punti di interesse precaricati, SiRFInstantFixIII GPS, 3 diverse modalità di impostazione del percorso e… 300 tra nomi e frasi random saluteranno all’accensione del device, rendendo il viaggio un vero e proprio salto nel recente passato. Il suo prezzo si aggira intorno ai 270 dollari e per il momento sarà venduto solo negli USA.
Più sotto una sigla, per non dimenticare.

[via CoolestGadgets ]

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nrnrnrnrnr scrive:
    asdf
    si sa che e' tutta polvere.....come per la legge pisanu.nr
  • lufo88 scrive:
    allora a cosa serve dargli i dati?
    Come da titolo.A cosa gli servono allora i dati? Solo per ricerche di mercato?Ancora peggio. Fosse stato per le violazioni aveva un senso richiederli (non ottenerli). Così si dimostra solo una cosa, che è inutile.
    • rock3r scrive:
      Re: allora a cosa serve dargli i dati?
      appunto. viacom ha fatto un passo indietro perché probabilmente si sono accorti che i danni sarebbero stati maggiori dei benefici. google è felice perché sennò gli utenti sarebbero migrati in massa su altre piattaforme.quello che rimane è semplicemente il rispetto formale della sentenza
    • sono arrabbiato scrive:
      Re: allora a cosa serve dargli i dati?
      Beh a viacom fa comodo perchè sapere cosa la gente preferisce come detto prima fa comodo ed avere le statistiche gratis di cosa va e cosa non va fa ancora più comodo.
      • XYZ scrive:
        Re: allora a cosa serve dargli i dati?
        - Scritto da: sono arrabbiato
        Beh a viacom fa comodo perchè sapere cosa la
        gente preferisce come detto prima fa comodo ed
        avere le statistiche gratis di cosa va e cosa non
        va fa ancora più
        comodo.Appunto, uno megastatistica di utilizzo con i soli costi di analisi da affrontare, l'affermazione di un broglio legale che in futuro potrà essere intrapreso da altre aziende (a scapito degli utenti), la definizione di uno standard comportamentale dell'utente medio.. Praticamente, per un azienda come Viacom, la manna dal cielo.
Chiudi i commenti