L'alito si può misurare all'istante

Ci sono supereroi dei fumetti che lo utilizzano per stendere i nemici, cultori dell'isolazionismo che lo alimentano dalla prima mattina con spicchi d'aglio crudo ma sono molti di più coloro che vogliono che il proprio alito, e magari anche quello

Ci sono supereroi dei fumetti che lo utilizzano per stendere i nemici, cultori dell’isolazionismo che lo alimentano dalla prima mattina con spicchi d’aglio crudo ma sono molti di più coloro che vogliono che il proprio alito, e magari anche quello degli altri, non puzzi. A loro pensa Kiss Me Meter .

Si tratta di un dispositivo che nelle intenzioni dei produttori può essere usato per comprendere all’istante se è il caso di lavarsi i denti, sciacquarsi le fauci con un colluttorio, succhiare una mentina o darsela a gambe prima che arrivi la dolce tre quarti.

Grazie a sensori specializzati, dicono i produttori, “individua i gas specifici che provengono dai tuoi denti o dal tuo stomaco, e indica 5 livelli di alito con dei LED dedicati”. Le batterie al litio sono sufficienti per 150 misurazioni.

Utile prima di incontrare dal vivo altri umani, Kiss Me Meter costa 19 dollari.

[ Kiss Me Meter ]

[via GearFuse ]

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • elBrazil scrive:
    In Brasile
    KDE e GNU/Linux guadagnano 52 milioni di nuovi utenti: http://www.tuxjournal.net/?p=3241 . Linux r0x!
    • iRoby scrive:
      Re: In Brasile
      AhahahahAlla fine il ministro dell'istruzione brasiliano si è in%%lato la Micro$oft...Forse è meglio rinfrescare la memoria a qualcuno...Il Ministro dell'educazione brasiliano aveva accusato Bill Gate$ di fare come gli spacciatori con le prime dosi, quando regalano agli studenti i pacchetti educational di Windows e Office.La Micro$oft ha risposto denunciando il ministro...Beh ecco che il Ministro è giunto ai fatti, ora gli studenti delle loro copie omaggio di Windows e Office non se ne fanno un bel niente dato che i sistemi su cui dovranno lavorare sono Linux con KDE e si suppone OpenOffice.org.Per cui quando usciranno da scuola saranno formati su sistemi diversi da Windows e nel mondo del lavoro ci sarà un riequilibrio...Nel senso che queste persone vorranno, e sapranno, usare solo Linux e questo chiederanno nel mondo del lavoro. 52 milioni di ragazzi può significare 52 milioni di lavoratori in tutti i settori che sanno usare Linux, e 52 milioni di potenziali utenti persi per Micro$oft.
      • Caio Iulio Caesar scrive:
        Re: In Brasile
        C'è poco da ridere...quando arriveranno sul mercato del lavoro si troveranno a DOVER usare sistemi M$ (purtroppo per loro) e dovranno adeguarsi. Sempre che un lavoro lo trovino!Le cose cominceranno a cambiare quando gente con questa cultura assumerà posizioni decisionali e potrà consigliare o imporre queste scelte in ambito professionale.Campa cavallo... non sono ottimista in questo senso...
        • unoduetre scrive:
          Re: In Brasile
          dipende, se imponi linux anche nelle strutture statali... se poi le aziende per poter interfacciarsi con lo stato devono usare linux...basterebbe iniziare e poi viene tutto da solo... :)
          • giberg scrive:
            Re: In Brasile
            - Scritto da: unoduetre
            dipende, se imponi linux anche nelle strutture
            statali...Io direi "scegliere", non imporre.Troppo spesso però non ci si ferma a riflettere sulle possibilità di scelta.
            se poi le aziende per poter
            interfacciarsi con lo stato devono usare
            linux...No. Io devo potermi interfacciare con qualsiasi sistema indipendentemente da quello usato dalla Pubblica Amministrazione: *interoperabilità*. Altrimenti il ragionamento giustifica anche il caso opposto, cioè quello in cui la P.A. mette a disposizione dei software solo per Windows perché nella P.A. usano Windows.
    • Overture scrive:
      Re: In Brasile
      Ahh... 20 computer in una scuola che tiene potenzialmente 500 alunni sono 500 nuovi utenti "garantiti" se poi utilizzano le aule di informatica come da noi...Per la serie annunci roboanti...
      • iRoby scrive:
        Re: In Brasile
        Moltiplicalo anche per la vita utile di quelle macchine e il susseguirsi delle generazioni di utenti.Ogni aula di informatica asserve più aule di studenti per più anni. Dopo 5 anni c'è un completo ricambio generazionale per un ciclo di studi di 5 anni...
  • Bic Indolor scrive:
    Giusto per saperlo...
    ... ma siamo rimasti solo noi e (forse) gli Usa a firmare contratti con microsoft a occhi chiusi?
    • adsdfadfa scrive:
      Re: Giusto per saperlo...
      - Scritto da: Bic Indolor
      ... ma siamo rimasti solo noi e (forse) gli Usa a
      firmare contratti con microsoft a occhi
      chiusi?Ma non farmi ridere, come se tutte le PA del mondo siano passate a Linux, a me risulta il contrario. Ci sono solo sporadici casi un po' qui e un po' là. Anzi ci sono più che altro roboanti annunci che poi dopo qualche anno diventano grandi marce indietro. Per non parlare poi del computer per il terzo mondo di Negroponte che ora vuole installarci Win XP.
      • Bic Indolor scrive:
        Re: Giusto per saperlo...
        - Scritto da: adsdfadfa
        - Scritto da: Bic Indolor

        ... ma siamo rimasti solo noi e (forse) gli Usa
        a

        firmare contratti con microsoft a occhi

        chiusi?

        Ma non farmi ridere, come se tutte le PA del
        mondo siano passate a Linux, a me risulta il
        contrario. Ci sono solo sporadici casi un po' qui
        e un po' là. Anzi ci sono più che altro roboanti
        annunci che poi dopo qualche anno diventano
        grandi marce indietro. Be oddio, tutti no ma a me sembra che in parecchi abbiano per lo meno preso in considerazione le alternative prima di scartarle.
    • LordByro scrive:
      Re: Giusto per saperlo...
      Probabilmente si...
    • Severissimus scrive:
      Re: Giusto per saperlo...
      Anche in Italia qualcosa si sta muovendo, finalmente! :Dhttp://it.wikipedia.org/wiki/Elenco_di_casi_di_adozione_di_software_libero
      • BlueMond scrive:
        Re: Giusto per saperlo...
        -ho cambiato idea e mi autocensuro------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 aprile 2008 12.12-----------------------------------------------------------
    • pippo75 scrive:
      Re: Giusto per saperlo...
      - Scritto da: Bic Indolor
      ... ma siamo rimasti solo noi e (forse) gli Usa a
      firmare contratti con microsoft a occhi
      chiusi?Premesso che ho sentito che nelle scuole si sta diffondendo molto OpenOffice e StarOffice ( se non ricordo il ministro della cultura di coi non ricordo il nome aveva firmato un accordo ).Comunque so di molti progetti open sviluppati in Italia, e stando a quando conosco, la comunità winara sembra maggiormente produttiva rispetto a quella linara ( parlando pero' del settore medie/elementari ).Per quel che riguarda il settore superiori/università è possibile che la situazione sia diversa.Per quanto rigurda il primo, consiglio di partire dal sito www.didattica.org.Se qualcuno conosce altri link, li posti in modo da farli conoscere.ciao
  • chicken deluxe scrive:
    Windows al tappeto!
    stavolta sul serio però! :Din ogni caso sono convinto che partendo dal basso si possa fare anche da noi... se gli studenti e i LUG collaborassero potrebbero portare GNU/Linux in molte scuole
Chiudi i commenti