LastPass hackerato e password a rischio: cosa fare?

LastPass hackerato e password a rischio: cosa fare?

Password a rischio per chi utilizza il servizio di password manager LastPass. Nonostante le rassicurazioni dell'azienda, cambiare subito è opportuno.
Password a rischio per chi utilizza il servizio di password manager LastPass. Nonostante le rassicurazioni dell'azienda, cambiare subito è opportuno.

Più passa il tempo, e più un numero sempre maggiore di utenti molto attenti alla sicurezza si sta rendendo conto che le password a rischio hackeraggio non sono più un evento così improbabile anche se usano un password manager.

In questo momento, coloro che usano LastPass stanno sicuramente sudando freddo. Il motivo? L’accesso non autorizzato al cloud di dati del servizio.

Sono stati sottratti dei dati, tra cui i numeri di telefono, gli indirizzi email, gli indirizzi IP e gli indirizzi di fatturazione dei clienti, oltre ai vault che contengono siti e password crittografati.

Ovviamente, il sistema crittografico impedisce agli hacker di accedere a questi dati in quanto non posseggono la master password.

Però, potrebbero tentare il bruteforcing, ossia inserire password casualmente fino a quando non trovano quella giusta, ma anche usare altre tecniche per recuperarle.

Cosa fare? Cambiare immediatamente le master password e iniziare a usare una combinazione di almeno 12 caratteri tra lettere minuscole, maiuscole, simboli e numeri.

In questo modo, gli hacker che in futuro mettessero le mani sul vault non potranno fare nulla per conoscerle, neanche con migliaia di anni di bruteforcing.

Invece, coloro che hanno perso fiducia in LastPass perché lo ritengono un servizio non più in grado di proteggere i dati sensibili, possono usarne uno diverso, come NordPass.

Password a rischio: perché affidarsi a NordPass?

password a rischio

Se le password a rischio hacker sono un problema per LastPass, NordPass è l’alternativa giusta. Il motivo è l’algoritmo crittografico che questo password manager utilizza.

Mentre LastPass si affida alla crittografia AES a 256 bit, NordPass usa invece l’algoritmo di crittografia XChaCha20, oltre all’architettura zero-knowledge e l’autenticazione a più fattori.

L’algoritmo XChaCha20 supporta due diverse lunghezze di chiavi, con la crittografia a 256 bit che è quella più forte.

Inoltre, questo algoritmo, rispetto all’AES-256, è più veloce da implementare, soprattutto sulle piattaforme senza hardware AES.

Attualmente dal prezzo scontato del 43%, per acquistarlo in promozione basta accedere a questa pagina.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 dic 2022
Link copiato negli appunti