L'home banking vola, le truffe anche

Punto Informatico intervista gli agenti della Polizia Postale di Torino che hanno messo a nudo la frode informatica dietro una serie di ammanchi nei conti online di molti italiani. Conti che piacciono sempre di più


Roma – Un’occhiata al proprio gruzzolo in banca, in ogni caso, sarà meglio darla. Potrebbe infatti accadere che i conti non tornino. Per esempio, per bonifici che la banca insiste nel dire che avete fatto e che voi proprio non ricordate. Tranquilli (si fa per dire) perché non siete pazzi ma “solo” vittime di un malware che ha colpito il PC Windows, dove magari è giunto tramite email-truffa, o da file scaricati dalla rete che hanno depositato un keylogger … Insomma una brutta storia che non è, però, fantasia.

Questo è infatti quanto accaduto a numerosi malcapitati correntisti ed utenti dei servizi di home banking – cioè che hanno accesso al conto dal PC e possono effettuare operazioni via Internet. Gli importi sottratti illecitamente ammontano a diverse decine di migliaia di euro. Per ora la Polizia postale di Torino ha indagato uno studente universitario piemontese che sarebbe stato inchiodato dalle perquisizioni. Insieme a lui, probabilmente, finiranno davanti al giudice otto presunti complici. La Procura di Ivrea ha aperto un fascicolo con ipotesi di reato di accesso abusivo e frode informatica.

L’operazione viene resa nota proprio nel giorno in cui l’ Abi (Associazione bancaria italiana) pubblicizza altri dati: quelli relativi alla crescita record dei correntisti on line . Secondo Abi, alla fine del 2004 chi sfruttava le potenzialità di un conto on line era in buona compagnia: oltre 8 milioni di persone hanno avuto la stessa idea. L’impennata rispetto al precedente anno tocca quota +65%.

Oggi, probabilmente, a fare operazioni bancarie da casa o ufficio sono già più di 10 milioni di utenti. E molti di loro sono potenziali vittime , come nel caso della frode smascherata dagli esperti della polizia postale di Torino che a Punto Informatico hanno illustrato i particolari e dato qualche utile consiglio.

“I metodi per riuscire a sottrarre l’identità elettronica di un utente di una banca on line erano svariati – spiega a PI uno degli agenti coordinati da Salvatore Acerra e Fabiola Silvestri – l’indagato sfruttava infatti programmi P2P come Winmx o Emule per distribuire file che mascheravano un keylogger. Il malcapitato, dunque, scaricava la foto o un video (solitamente dal contenuto pornografico) e nello stesso tempo accoglieva a braccia aperte il programma autoinstallante”.

Da quel momento, dunque, “ogni cosa digitata sulla tastiera del truffato veniva automaticamente inviata al computer dello studente ideatore della frode. Ovviamente ad interessare erano username e password relativi a posta elettronica, carte di credito o all’accesso al servizio bancario in Rete”.

Azioni di questo genere, secondo la Polizia sono anche difficili da scoprire e di solito il truffato non si accorge di nulla . Infatti, nel caso venuto alla luce le indagini sarebbero partite solo in seguito alla scoperta di bonifici mai autorizzati dai correntisti a favore di destinatari sconosciuti.

L’altro metodo utilizzato per entrare in possesso dei dati di accesso al conto prevedeva l’invio di email apparentemente spedite dall’istituto bancario, un tipico caso di phishing .


“L’email solitamente riportava il nome della banca – continua l’agente della PolPost – e l’invito a cliccare su un link che solo in apparenza era relativo ad una pagina del sito della banca. La scusa utilizzata era la prova di funzionamento del nuovo sistema o la verifica della correttezza dei dati stessi. In realtà – continua l’agente – una volta cliccato sul link si veniva collegati ad un sito clone (mirror) che invitava a digitare più volte i codici segreti che erano girati direttamente al mittente reale”. “Con i dati in proprio possesso – sottolinea la PolPost – lo studente universitario riusciva ad avviare bonifici bancari su conti a lui direttamente collegabili”.

Gli inquirenti hanno anche il sospetto che alcune operazioni servissero a “pulire” denaro sporco , magari già stornato illegalmente da altri conti. Altri particolari non trapelano perché indagini sono ancora in corso su filoni paralleli.

Si parla di diversi milioni di email spedite e, dunque, di un fenomeno ad amplissimo raggio. L’allarme si era diffuso sulla rete alla fine di maggio e si sospetta che gli ideatori siano molti di più di quelli indagati ieri che rimangono fra i primi a doversi confrontare con la giustizia su questo specifico tipo di raggiro.

Non guasta allora qualche consiglio.

“Si lascerebbero mai le proprie chiavi di casa ad uno sconosciuto? – si domanda il responsabile della squadra informatici della Polizia postale di Torino – ovviamente no. Per questo bisogna sempre stare sul chi vive e digitare i codici segreti solo se si è davvero sicuri. Una telefonata preventiva al proprio istituto di credito, per esempio, potrebbe evitare grossi dispiaceri. E’ buona regola aggiornare sempre il proprio antivirus (ma spesso i truffatori riescono ad aggirare i sistemi di protezione). Inoltre, quando arrivano email sospette una oculata ricerca su Internet e sui siti istituzionali potrebbe svelare denunce di casi analoghi. Per esempio visitando il sito della polizia , nella apposita sezione dedicata alle comunicazioni, si possono trovare risposte a molte domande e qualche consiglio sul da farsi, oltre alla possibilità di segnalarci fatti sospetti”.

Alessandro Biancardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CHIARIMENTO SUI RADICALI
    Astensione: Pannella e Bonino sulla mozione di rigetto. Questa è dovuta al fatto che avrebbero preferito avere la direttiva emendata con un secco NO ai brevetti software (emendamenti Rocard). Sfortunatamente ci si è dovuti accontentare di un rigetto. Ecco la dichiarazione di Marco Cappato dal sito radicali.it: "Bonino e Pannella si sono astenuti (insieme a 15 deputati) perché volevano votare sugli emendamenti; volevano votare perché valutavano si potesse vincere nel merito, cioè rafforzare attraverso la direttiva il divieto di brevettabilità. Non si tratta dunque di "predicare bene e razzolare male" (avevano anche raccolto una cinquantina di firme su emendamenti ancora più duri di quelli di Rocard), tant'è che molti deputati favorevoli alla brevettabilità si sono uniti al voto per affossare la direttiva, perché ormai avevano paura di perdere sugli emendamenti. In questo modo continueranno ad affidarsi alla benevolenza dell'Ufficio europeo brevetti. Mi pare che l'attività di questo ufficio sia il prossimo necessario terreno di scontro."
  • gianpietrone scrive:
    Bocciatura dei brevetti software
    Oggi è una giornata importante per la libertà, la bocciatura della legge sui brevetti sui Software. esprime una speranza che, qualcuno abbia recepito almeno in parte, il fatto che, è assurdo, pretendere di sfornare regole che... poi andranno a favore delle grosse Lobby di potere.Per il signor STANCA: "abbi pazienza, guarda che non hai inventato la polvere da sparo!!! E... senza di te il mondo andrà avanti lo stesso".Poi, qualunque legge che oggi venga approvata a pro dei grossi del BUSINESS (entità ingorde), sarà come sputare in cielo; lo sputo ricadrà sullo STRONZETTO!!!In avanti tutto si sistemerà da solo e... ai potenti non rimarrà altro che compiere la prima operazione: "FARE LA CACCA".Un saluto.dr. Gian Pietro Bomboi (vedete!! mi firmo).bomboi45@hotmail.com
  • Anonimo scrive:
    Ma l'mp3 non era brevettato?
    ...dalla Fraunhofer Gesellschaft, tedesca appunto.Ma allora qualche brevetto esiste già direi?Allora di cosa si parla di preciso?E secondo voi dove sta il limite? Secondo me ad esempio se uno inventa un sistema di compressione di file veramente innovativo che porta qualsiasi file (magari non si può ma non importa) al 10% della sua dimensione iniziale e vuole brevettarlo per me potebbe avere il dirtto. Oppure che so inventa un sistema di codifica video tutto nuovo e molto migliore (non so se lo H.264 corrisponda qui).Quello che invece brevetta che so il click, o un roba che era già in circolazione da un pezzo o una cosa ovvia dovrebbe essere fermato come in ogni altro contesto quando si parla di brevetti: insomma non posso mica andare a brevettare "l'aqua calda".Dove sta il limite?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'mp3 non era brevettato?
      - Scritto da: Anonimo
      ...dalla Fraunhofer Gesellschaft, tedesca appunto.
      Ma allora qualche brevetto esiste già direi?

      Allora di cosa si parla di preciso?più o meno si sbatte tutto in un calderone perchè il 'cambiamento' fa sempre pauro così invece di discuterne serenamente si tirano fuori scenari apocalittici stile brevetto sul teorema di pitagora

      E secondo voi dove sta il limite? Secondo me ad
      esempio se uno inventa un sistema di compressione
      di file veramente innovativo che porta qualsiasi
      file (magari non si può ma non importa) al 10%
      della sua dimensione iniziale e vuole brevettarlo
      per me potebbe avere il dirtto.purtroppo per questioni matematiche non è (non dovrebbe almeno) essere fattibile cmq l'esempio è valido lo stesso.sono concorde con te anzi aggiungo che algoritmi di questo genere richiedono anni di lavoro (mica ti viene subito in mente come fare), studi e ricerche.senza la garanzia di guadagnarci vincolanto l'algoritmo (per 5 anni circa sarebbe un periodo valido) pochi investiranno tempo e denaro per sviluppare tale algoritmo Oppure che so
      inventa un sistema di codifica video tutto nuovo
      e molto migliore (non so se lo H.264 corrisponda
      qui).

      Quello che invece brevetta che so il click, o un
      roba che era già in circolazione da un pezzo o
      una cosa ovvia dovrebbe essere fermato come in
      ogni altro contesto quando si parla di brevetti:
      insomma non posso mica andare a brevettare
      "l'aqua calda".

      Dove sta il limite?dei limiti esistono già, purtroppo la brevettabilità all'americana non è certo l'esempio migliore di una buona legge sui brevetti.i limiti si sarebbero dovuti trovare in sede UE ma si è preferito optare per l'ostruzionismo...peccato perchè credo che una buona legge sui brevetti sia salutare sia per l'it/ict sia per le aziende.
  • sennoDiPoi scrive:
    DA NEWS IERI:PRECISAZIONE SUGLI ASTENUTI
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1058948&tid=1058948&p=1&r=PIriquoto oggi :)
  • sennoDiPoi scrive:
    cerco Andrea!
    salve,sono un lettore abitudinario di questa testata,tuttavia collaboro anche alla traduzione di articoliper il sito http://www.zmag.org/Italy/ versione italiana del più noto http://www.zmag.org/sarei interessato a contattare l'autore di questo posthttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=916315&tid=916315&p=1&r=PIper proporgli l'eventuale rielaborazione e pubblicazione dello stesso sul nostro sito.L'autore purtroppo non è registrato nel forum di PI ma si firma come Andrea.Andrea, se per caso legge questo post potrebbe cortesemente contattarmi presso innuendo_1981 AT hotmail.com?!Grazie anticipate
  • Anonimo scrive:
    Gentile richiesta di spiegazioni
    In un post più in basso si afferma che Bonino è pannella si sono astenuti perché loro avrebbero voluto poter votare a favore degli emendamenti.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1059466&tid=1059435&p=1&r=PI#1059466Mi permetto di postare di nuovo qui la risposta che ho dato a quella tesi, perché ormai quel dibattito è scivolato nelle pagine precedenti, e potrei non ricevere una risposta che invece mi interessa.La posizione astensionistica Bonino-Pannella continua a sembrarmi irrazionale. Infatti, a meno che non vi siano motivi procedurali propri al PE che non conosco, delle due l'una:(i) Bonino e Pannella avevano ragione, e sarebbe stato possibile vincere gli emendamenti (cosa affermata da Pannella stamane a RR): in questo caso non ti astieni, ma voti a favore e cerchi di portare sulle tue posizioni tutti quelli che sono disponibili;(ii) non hai realmente la certezza di riuscirci ed allora, come è avvenuto IMHO saggiamente al PE, voti contro come tutti gli altri. Astenersi non ha fatto realmente danni, *ma cosa sarebbe successo se tutti avessero fatto come voi*?La risposta a questa domanda, se ho capito bene, viene data quihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1059201&tid=1058948[...]"Per rigettare la direttiva ci voleva la maggioranza qualificata (metà più uno degli aventi diritto al voto), come per far passare gli emendamenti.Il rigetto viene votato per primo. Scenario sfigato: quelli contro i brevetti NON votano il rigetto, sperando di avere la direttiva emendata bene. Anche molti di quelli che vogliono la direttiva approvata come è (pro-breveti) non votano il rigetto. Risultato, il rigetto non passa e si inizia a votare gli emendamenti. Ma gli anti-brevetti sono meno di 367 (metà più uno), e nessuno dei loro emendamenti (Rocard) passa... siamo fottuti."Se tutti si fossero astenuti, si sarebbe corso il rischio di andare al voto eventualmente perdendo sugli emendamenti. Quindi -mi sembra- Bonino e Pannella, ma anche Sbarbati e Toia, hanno potuto astenersi proprio perché in ogni caso altri stavano votando contro.Ripeto, tutto questo a meno dell'esistenza di norme procedurali che non conosco, il che è altamente probabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gentile richiesta di spiegazioni

      Bonino è pannellaNon è un lapsus, è un refuso. "Bonino e Pannella" come si evince dal resto del post.:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Gentile richiesta di spiegazioni
      Forse l'equivoco nasce dal fatto che la certezza/incertezza non c'è stata al momento del voto.Il giorno prima c'era incertezza fra entrambe le fazioni. Non ero là, ma immagino che si siano accordate per un rigetto.Il giorno del voto, c'era *certezza* che la direttiva venisse rigettata (es. Rocard lo ha detto chiaramente poco prima del voto, se hai seguito l'evento in streaming).A questo punto per "puntualizzare" che così non era il risultato ottimale Pannella e Bonino potevano solo o astenersi o votare contro. Qualunque cosa avessero scelto, tu saresti stato qui a criticare ;PNella certezza del rigetto, astenersi voleva probabimente mandare il segnale "non voto per il rigetto perché la situazione viene lasciata non ottimale, non voto contro il rigetto perché concordo che rigettarla è il male minore, mi astengo per segnalare questa mia posizione".In ogni caso, perché mi sono anche un po' stancato, quando hai a che fare con gente che per ANNI è contro i brevetti, che si è sbattuta come pochi fino all'ultimo per evitarli, beh, cazz..., non gli si può dare la fiducia che meritano? Non ti puoi fidare che quello cha hanno fatto nel voto lo hanno fatto a ragion veduta? Tu ti stai arrovellando da giorni su di loro, mentre di quelli che baciano i piedi a M$ non ti curi. E' normale? Mi auguro solo che tu abbia usato altrettante energie per contattare i parlamentari, smuovere le PMI, aiutare FFII, donare denaro, etc... ;PMarco Menardi
  • Anonimo scrive:
    Vorrei sentire ...
    Vorrei sentire tutti quelli che dicevano che tanto non potevamo fare nulla...tutti quelli che hanno boicottato le varie iniziative dei privati e delle organizzazioni con ffii...Tuttavia dobbiamo vedere questa bocciatura solo come una timida conferma della libertà espressione in Europa. Occorre definire quanto prima una regolamentazione in merito, chiarire le idee nell'ambito del software e dell'innovazione e non lasciare tutto così ... "al caso" (o no? chi vuol capire capisca...)
  • Anonimo scrive:
    STANCA, STAI IN SILENZIO, CHE E' MEGLIO
    Carissimi, una breve analisi sul nostro caro Ministro,che se stava in silenzio, avrebbe fatto migliore figura, e fatto perdere meno tempo anche a me. Tanto della sua opinione non me ne frega proprio niente.Dunque, la lista: 1) Appoggio ai brevetti Software 2) Invito di Bill Gates in parlamento 3) Completo appiattimento sulla legge dei diritti d'autore. Gia', proprio quella del P2P, che come frutti ha portato alla BUFFONATA di Cucciolandia .....Dunque, da una parte si commissionano ricerche sull'OOS, dall'altra si DIFENDONO LE INTERESSI DELLE LOBBY.Non male da parte di un membro di un GOVERNO CHE SI DEFINISCE LIBERALE, ma che appena ne ha l'occasione difende a spada tratta gli interessi di pochi.Si puo' anche citare il caso in cui Stanca AVREBBE dovuto parlare. Ovvero quando la Telecom ha chiesto il canone anche per le linee dati, il che ammazzerebbe sul nascere qualunque tipo di probabile concorrenza e sviluppo del VOIP. Qui, caro Lucio hai Stanca-to, dov'eri?E dove era la RAI, che NON NE HA DATO NOTIZIA????BASTA, AVETE ROTTO!Stanca, parla con il mio di microfono!!!!
  • Anonimo scrive:
    MANIFESTO HACKER: MARXISMO APPLICATO....
    http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=printpage&artid=538http://www.espressonline.it/eol/free/jsp/detail.jsp?m1s=null&m2s=t&idCategory=4801&idContent=934074Web di lotta e di rivoltaManifesto hacker.Lavoratori immateriali di tutto il mondo unitevi!L'era digitale crea un nuovo conflitto di classe. Molto simile a quello del '900. Ma ora la rivoluzione si fa con un clic. Colloquio con Mckenzie Warkdi Francesca GantesC'erano una volta capitalisti e operai, protagonisti del conflitto di classe. Oggi, nell'era digitale, l'asse della lotta si è spostato tra i "lavoratori cognitivi" e i "vettorialisti", ovvero coloro che producono informazioni nel mondo dei nuovi media contro coloro che detengono il monopolio dei mezzi di produzione delle informazioni.australiano McKenzie Wark, 43 anni, studioso dei media e docente alla New School University di New York, analizza i termini del nuovo conflitto sociale in "Un manifesto hacker" (Feltrinelli, pp. 184, 11 euro, in libreria dal 28 aprile), unendo alla rilettura di Marx il pensiero libertario che ha accompagnato lo sviluppo di Internet. Wark per definire i lavori cognitivi parla di "classe hacker", intendendo però qualcosa di profondamente diverso dai "pirati informatici" con cui vengono spesso identificati gli hacker. Professor Wark, chi è per lei un hacker?«Chiunque produca nuove informazioni è un hacker. Non importa che si occupi di musica o chimica, di romanzi o di programmi per computer: tutti questi sono modi di "performare un hack"».Cioè?«Cioè trarre nuove informazioni da dati non elaborati, astrarre conoscenza, liberare il virtuale nell'attuale: questo significa "hackerare". Gli hacker sono quelli che astraggono nuovi mondi».Che cosa intende con astrazione?«L'astrazione è tutto ciò intorno a cui ruota il mondo moderno. Significa mettere insieme e portare sullo stesso piano elementi diversi per realizzare il loro potenziale. La comunicazione è il principale agente dell'astrazione perché mette in contatto differenti parti del mondo, dando origine a nuovi tipi di lavoro, di mercato, di cultura, di politica. La modernità è un biglietto di sola andata. Il mondo che stiamo costruendo diventa sempre più astratto».Tutti coloro che lavorano con l'astrazione, i lavoratori cognitivi, per lei dunque sono hacker. Questo significa anche che formano una nuova classe sociale?«Gli hacker sono già una classe in sé, anche se non per sé, volendo utilizzare i termini di Sartre. Ci sono molti progetti che esprimono, in vari modi, l'esistenza di un interesse comune per gli hacker: per esempio il movimento per il software libero; la licenza Creative Commons; l'ascesa dei blog e di tutte le forme di file sharing cioè di condivisione di informazioni di varia natura; enciclopedie aperte come Wikipedia; il Progetto Genoma Umano, nella misura in cui gli scienziati sono attivamente coinvolti e interessati a rendere di pubblico dominio i risultati delle loro ricerche, o ancora il movimento per la diffusione dei farmaci generici nei paesi in via di sviluppo. Molti non riescono ancora a vedere i legami tra queste differenti cose. Sono tutte una medesima lotta: quella per superare la forma proprietaria dell'informazione. E tutte le lotte contro la proprietà sono lotte di classe».Quindi gli hacker sono una classe, anche se con uno scarso livello di consapevolezza, perché lottano contro la proprietà?«Ciò che definisce e instaura la classe hacker è effettivamente l'imporsi di una nuova forma di proprietà, la proprietà intellettuale, al di fuori dalle rovine dei vecchi diritti sociali dei brevetti e del copyright, e della volontà di combatterla. Se in passato brevetti e copyright riuscivano a trovare un equilibrio tra la proprietà privata e i beni d'uso sociale, la proprietà intellettuale è proprietà privata tout court perché mette la conoscenza, la cultura e la scienza, che sono prodotti collettivi della civiltà, nelle mani di pochi».Chi sono questi pochi?«La proprietà intellettuale tutela i produttori, gli autori delle nuove informazioni solo in apparenza: in realtà protegge gli interessi di una nuova classe di proprietari che chiamo "classe vettoriale"».Che cos'è?«Definisco vettoriale la nuova classe che ha rimpiazzato il capitale come classe dominante perché possiede i vettori lungo i quali l'informazione viene veicolata e i mezzi con i quali viene prodotta e archiviata. In Italia, Berlusconi è l'esempio più evidente dell'ascesa di questa nuova classe. Che, tuttavia, non include solo le grandi corporation dei media, della tecnologia e dei farmaci: man mano tutte le imprese stanno diventando vettoriali, tutte cioè cercano sempre più di estendere il loro controllo non solo e non tanto alla produzione, ma anche ai marchi registrati, ai brevetti, al copyright, per non parlare dei "segreti aziendali". Questo significa che la classe vettoriale sta sì creando nuove strutture aziendali, ma anche prendendo dall'interno il controllo delle vecchie imprese». Dunque è in corso un nuovo conflitto di classe tra hacker e padroni dell'informazione?«Sì, io parlo di hacker e classe vettoriale, inventando una nuova terminologia, per identificare il nuovo asse del conflitto di classe, che in passato ha avuto due diverse declinazioni. Il primo asse era quello dei contadini contro gli allevatori; il secondo quello degli operai contro i capitalisti. Le classi produttrici lottano contro le classi espropriatrici. Come contadini e operai lottavano rispettivamente contro allevatori e capitalisti, ora gli hacker lottano contro i vettorialisti».Che cosa devono fare gli hacker per avere la meglio sulla classe vettoriale?«Si tratta di realizzare che la privatizzazione dell'informazione non fa parte dei nostri interessi a lungo termine. La proprietà intellettuale come proprietà privata è un vantaggio solo per chi possiede i mezzi per guadagnarci sopra, cioè per la classe vettoriale. Come produttori di nuove informazioni tendiamo a focalizzarci su ciò che produciamo e sul desiderio di avere qualcosa in cambio. Tendiamo a dimenticare che non realizziamo mai niente di assolutamente nuovo. Dipendiamo sempre dalle creazioni di altri. Il lavoro degli hacker è sempre sociale, sempre collettivo. Privatizzare l'informazione quindi, quando la si considera dal punto di vista collettivo, non ci conviene: significa continuare a pagare, sempre di più, le poche corporation che detengono il materiale grezzo su cui lavoriamo».continua....http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=printpage&artid=538
  • Anonimo scrive:
    Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    Qualcuno con un po' di buonsenso esiste ancora!
  • Anonimo scrive:
    Continuo a non avere risposte....
    Si continua a portare come esempio di brevetto assurdo, quello della barra di avanzamento.Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.Se sì, significa che tutte le SO che usano la barra stanno pagando dei soldi?Quanti?Infine, visto, che certamente Linux usa abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito che qualcuno paghi per distribuire un software gratuito, significa che in USA è illegale Linux?
    • Anonimo scrive:
      Re: Continuo a non avere risposte....
      - Scritto da: Anonimo
      Si continua a portare come esempio di brevetto
      assurdo, quello della barra di avanzamento.
      Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.
      Se sì, significa che tutte le SO che usano la
      barra stanno pagando dei soldi?
      Quanti?
      Infine, visto, che certamente Linux usa
      abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito
      che qualcuno paghi per distribuire un software
      gratuito, significa che in USA è illegale Linux?La detenzione di un brevetto non implica l'automatica infrazione se qualcun altro lo utilizza.Se io detengo il brevetto della barra di avanzamento, posso, a mi scelta, citare in giudizio ad esempio la RedHat.Se lo faccio, è ovvio che mi tiro addosso le antipatie di tutti quelli che usano la barra senza varmi pagato le royalties...
      • Anonimo scrive:
        Re: Continuo a non avere risposte....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Si continua a portare come esempio di brevetto

        assurdo, quello della barra di avanzamento.

        Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.

        Se sì, significa che tutte le SO che usano la

        barra stanno pagando dei soldi?

        Quanti?

        Infine, visto, che certamente Linux usa

        abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito

        che qualcuno paghi per distribuire un software

        gratuito, significa che in USA è illegale Linux?

        La detenzione di un brevetto non implica
        l'automatica infrazione se qualcun altro lo
        utilizza.

        Se io detengo il brevetto della barra di
        avanzamento, posso, a mi scelta, citare in
        giudizio ad esempio la RedHat.

        Se lo faccio, è ovvio che mi tiro addosso le
        antipatie di tutti quelli che usano la barra
        senza varmi pagato le royalties...Poi io stesso devo essere certo di non violarne altri di brevetti stupidi...Dato che la IBM finzania progetti open source a detiene centinaia di brevetti, se io facessi causa alla redhat, è probabile che la ibm si scatenerebbe addosso a me per eventuali mie violazioni nei suoi confronti.
    • Riot scrive:
      Re: Continuo a non avere risposte....
      - Scritto da: Anonimolol, ma va'
      Si continua a portare come esempio di brevetto
      assurdo, quello della barra di avanzamento.
      Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.
      Se sì, significa che tutte le SO che usano la
      barra stanno pagando dei soldi?Ti è già stato risposto: ti è già stato detto che sei un troll.Tu dici che i brevetti non sono un problema in USA e questo rileva solo la tua ignoranza/voglia di trollare.I brevetti in massima parte sono proprietà di multinazionali (quindi col cavolo che difendono il singolo), sono su cose ovvie e/o già realizzate (quindi col cavolo che difendono le innovazioni) e possono essere rimossi solo con costosissime azioni legali (quindi col cavolo che aiutano il non-ricco).I brevetti sono una spada di Damocle sopra chiunque sviluppi software, possono essere usati in qualunque momento per farti fallire.Per fortuna ci sono i tuoi colleghi (i patent troll ;) ) che stanno mostrando al mondo la follia dietro i brevetti software.Loro hanno una qualche utilità, tu no, rimuoviti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Continuo a non avere risposte....
      Ti rispondo con un post che ho appena scritto in un'altra parte.L'Adobe ha brevettato la visualizzazione di qualsiasi font usato su PC, il risultato che mi ha sempre infastidito terribilmente e che fino ad oggi non ho ancora trovato un Linux che potesse usare i caratteri che volevo io e che li visualizzasse bene come in Windows.Tutto ciò non è dovuto all'incapacità dei programmatori open, ma semplicemente perché non lo possono fare.Infatti ora anche Linux ha l'acrobat reeder con qui si possono vedere bene i pdf, ma prova ad aprire qualsiasi documento con un'altro applicativo e paragona il risultato.Windows vince Linux di parecchie lunghezze e tutto per un solo "minuscolo" brevetto che una ditta fa valere già oggi.Pensa quando anche gli altri inizieranno a dire... "cavolo perché l'adobe può farlo e noi no?" tutto si paralizzerà.
      • Anonimo scrive:
        Re: Continuo a non avere risposte....
        - Scritto da: Anonimo
        Ti rispondo con un post che ho appena scritto in
        un'altra parte.

        L'Adobe ha brevettato la visualizzazione di
        qualsiasi font usato su PC, il risultato che mi
        ha sempre infastidito terribilmente e che fino ad
        oggi non ho ancora trovato un Linux che potesse
        usare i caratteri che volevo io e che li
        visualizzasse bene come in Windows.
        Tutto ciò non è dovuto all'incapacità dei
        programmatori open, ma semplicemente perché non
        lo possono fare.

        Infatti ora anche Linux ha l'acrobat reeder con
        qui si possono vedere bene i pdf, ma prova ad
        aprire qualsiasi documento con un'altro
        applicativo e paragona il risultato.

        Windows vince Linux di parecchie lunghezze e
        tutto per un solo "minuscolo" brevetto che una
        ditta fa valere già oggi.

        Pensa quando anche gli altri inizieranno a
        dire... "cavolo perché l'adobe può farlo e noi
        no?" tutto si paralizzerà.Perfettamente d'accordo, ma cosa c'entra con la mia domanda?
        • Anonimo scrive:
          Re: Continuo a non avere risposte....
          per quanto riguarda Linux ti posso dire che Debian ha repo non-US..in teoria chi vive in USA NON dovrebbe usarlo in quanto viola i brevetti in USA....la situazione brebetti non è certo semplice...
          • Anonimo scrive:
            Re: Continuo a non avere risposte....
            - Scritto da: Anonimo
            per quanto riguarda Linux ti posso dire che
            Debian ha repo non-US..in teoria chi vive in USA
            NON dovrebbe usarlo in quanto viola i brevetti in
            USA....
            la situazione brebetti non è certo semplice...Ecco la risposta che cercavo...E pensare che c'è un invasato attorno ai miei post che continua a rispondermi che sono un troll ed è convinto che io stia convincendo la gente che i brevetti non sono dannosi...
          • frizzo scrive:
            Re: Continuo a non avere risposte....

            Ecco la risposta che cercavo...E pensare che c'è un invasato attorno ai miei post che continua a rispondermi che sono un troll ed è convinto che io stia convincendo la gente che i brevetti non sono dannosi...


            sono la classica spada appesa con un filo...il fatto che (bene o male)siano violati non vuol dire che continuerà per sempre....leggi il link che ti ho passato
          • Anonimo scrive:
            Re: Continuo a non avere risposte....

            sono la classica spada appesa con un filo...il
            fatto che (bene o male)siano violati non vuol
            dire che continuerà per sempre....
            leggi il link che ti ho passatoNo grazie, sono già convinto da solo che brevettare un'idea, soprattutto se generica, sia dannoso per tutti (talvolta anche per chi la brevetta).Quello che volevo capire (e adesso so grazie a persone che rispondono leggendo la domanda) era come fosse possibile distribuire gratuitamente un software che usa migliaia di brevetti...
    • frizzo scrive:
      Re: Continuo a non avere risposte....
      http://www.linux.it/GNU/nemici/brevetti.shtmlc'è una parte che riuarda i brevetti in USA (parte finale)con numerosi link esterni
  • Anonimo scrive:
    ALLA FACCIA DI DICEVA CHE NON SERVIVA !
    Vittoriaaaaa ! Alla faccia di chi diceva che mandare email, scrivere, parlarne non serviva.Questa è una vittoria immensa... forse la prima volta che pressioni fatte su internet hanno avuto qualche peso !ALE oo ALE oo.....
  • Solvalou scrive:
    [ENG] Tanto per rendersi conto...
    ... delle cose a cui l'europa ha per fortuna detto di no.Vi riporto la piccola odissea di uno che ha scoperto delle vulnerabilita' in un protocollo di comunicazione di internet, che quindi potevano riguardare un po' tutti.Cisco prima gli chiede dettagli sulle contromisure, poi gli manda una letterina dall'avvocato perche' hanno tentato di brevettare qualche cosa che non specificano piu' in dettaglio e gli danno del terrorista!Se questa e' innovazione...Da http://kerneltrap.org/node/5382The politics of vulnerabilities:Once Fernando understood the vulnerabilities he'd found in the ICMP protocol, he began to try and safely report the problem so that it could be fixed in the many ICMP implementations that comprise the Internet. To begin, he wrote an internet draft which he submitted to the IETF in August of 2004. At that time he contacted CERT/CC and NISCC, and privately notified several open source projects including OpenBSD, NetBSD, FreeBSD and Linux, as well as larger vendors such as Microsoft, Cisco, and Sun Microsystems. He described to each the vulnerabilities to give them an opportunity to address the issues before they became public.Around this same time, Fernando began receiving emails from Cisco who had numerous technical questions about his solutions to the problems. He continued to reply thoroughly to all their questions, until two months later when he received an email from Cisco's lawyer claiming that Cisco held a patent on his work. He asked their lawyer for specifics, but they refused to reveal any details. For two more months this continued, until Fernando was cc'd on an email thread between Cisco, Linus Torvalds, and David Miller. Reading back through the thread, Fernando found where David Miller had asked Cisco how they could possibly patent sequence tracking as Linux had been doing it for many years, and later in the same thread Cisco noted that they had withdrawn their patent. Fernando found the experience frustrating, "a third party knew what it was all about before I did. One would expect the person who discovered the vulnerability to be the most involved, but that didn't happen. To this day I still don't know exactly what the patent was about, I'm only guessing it was about TCP sequence tracking based on the email thread I read."While the patent issue was happening with Cisco, CERT/CC created a mailing list to allow vendors to communicate amongst themselves about the newly discovered vulnerability. "They blamed me for submitting my work," Fernando said in exasperation. "One of Cisco's managers of PSIRT said I was cooperating with terrorists, because a terrorist could have gotten the information in the paper I wrote!" Fernando was familiar with intellectual property arguments with last year's Slipping In The Window paper, so he had intentionally publicly published his findings to prevent it from being patented. "Then they accused me of working with terrorists, and even still tried to patent my work!" He noted that he now suspected had he actually worked exclusively with Cisco as they had requested, they probably would have managed to patent all of his ideas. "I decided to work this issue with NISCC, as they were much more responsive. But Cisco wanted me to work with Cert/CC. And as I didn't, maybe our relationship was harder than it should have been."Fernando also found Microsoft difficult to work with. "Microsoft's acknowledgment policy says that you must report the issues to them 'confidentially'", he explained. As he chose to contact CERT and various open source projects as well, he claimed that they refused to give him credit for the discovery. Only with much effort did he finally get them to acknowledge that he had discovered the issue. (...)
    • july scrive:
      Re: [ENG] Tanto per rendersi conto...
      Azz.. sembra fantascienza.Se la storia è vera siamo già al di là delle peggiori previsioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: [ENG] Tanto per rendersi conto...
        Mi viene da ridere."le peggiori previsioni" sono proprio quello che le multinazionali volevano.
      • Anonimo scrive:
        Re: [ENG] Tanto per rendersi conto...
        - Scritto da: july
        Azz.. sembra fantascienza.
        Se la storia è vera siamo già al di là delle
        peggiori previsioni.La storia e' vera. E se tu pensi che sia al di la' delle peggiori previsioni, vuol dire che tu, come tanti altri, non avete capito il problema.Non e' colpa tua. E' tutto frutto delle loro politiche di disinformazione.Mantenere la gente nell'ignoranza, e impedire con ogni mezzo che la gente usi la propria testa per pensare, fino ad arrivare al punto che la gente creda che una cosa del genere non sia possibile e al di la' delle peggiori previsioni.Una volta Orwell era fantascenza.Oggi Orwell e' diventato un reality show, anzi due: non dimentichiamo la Fattoria (degli animali).
    • Kirisuto scrive:
      Re: [ENG] Tanto per rendersi conto...
      Già mi farebbe schifo una grossa azienda che cercasse di derubare una piccola, ma questi che cercano di derubare dei meriti e della paternità della scoperta uno che gli ha reso un servizio importante gratis e si permettono pure di insultarlo e minacciarlo sono veramente qualche gradino al di sotto dei vermi.In compagnia di Carta Sì per il suo comportamento con Bisol.
  • Anonimo scrive:
    Ho capito perchè l'italia è contro l'Eur
    opa, perchè là fanno cose sensate, in Italia regna ancora il clima di tangenti e favori, scusate lo sfogo ma qua non si tratta di destra o sinistra, certe schifezze che certe messe in c..lo le vediamo tutti i giorni eppure continuiamo a mangiarle come niente fosse.Un suggerimento per tutti, le prossime elezioni votate donne, sono più brave degli uomini (sono un uomo perla cronaca)
  • Anonimo scrive:
    Stanca non ha capito nulla!!!

    Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura "in
    quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un quadro certo
    di norme su questo fronte".
    E si è augurato che si riparta con una proposta di
    normativa miglioreStanca continua ad esprimere pareri che nessuno gli ha chiesto su di 1 argomento che non conosce....Ma mandiamo a casa queste 2 braccia rubate all'agricoltura!!!!
    • july scrive:
      Re: Stanca non ha capito nulla!!!
      Stanca ha invece capito benissimo e molto meglio di quanto tu pensi
    • Anonimo scrive:
      Re: Stanca non ha capito nulla!!!
      - Scritto da: Anonimo

      Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in
      quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo
      di norme su questo fronte".

      E si è augurato che si riparta con una proposta
      di
      normativa migliore

      Stanca continua ad esprimere pareri che nessuno
      gli ha chiesto su di 1 argomento che non
      conosce....
      Ma mandiamo a casa queste 2 braccia rubate
      all'agricoltura!!!!Scherzi? Era ing all'IBM, chi credi che abbia portato Gates in Italia per discutere con il "bugiardo" del nostro futuro informatico ?
  • Anonimo scrive:
    90 anni 14 anni
    Questa e' la prossima battaglia da sostenere e non e' piu' una chimera!!http://www.dirittodautore.it/news.asp?IDNews=2959Tenetelo ben a mente che servira' parecchio aiuto come quello che e' stato dato per bloccare la brevettabilita'.
  • Anonimo scrive:
    C'è poco da esultare
    ..."Il parlamento ha votato oggi a favore dello STATUS QUO che preserva l'attuale sistema che ha servito gli interessi delle nostre compagnie"...http://www.eicta.org/press.asp?level2=42&level1=6&level0=1&docid=404
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è poco da esultare
      - Scritto da: Anonimo
      ..."Il parlamento ha votato oggi a favore dello
      STATUS QUO che preserva l'attuale sistema che ha
      servito gli interessi delle nostre compagnie"... (rotfl) Ma questi non sono manager, ma politicanti dalla faccia di bronzo...Se fosse vero, non si spiegherebbe come mai prima volessero le patenti sul SW...
    • Anonimo scrive:
      Re: C'è poco da esultare

      ..."Il parlamento ha votato oggi a favore dello
      STATUS QUO che preserva l'attuale sistema che ha
      servito gli interessi delle nostre compagnie"...

      http://www.eicta.org/press.asp?level2=42&level1=6&Hai ragione tu, ma c'è comunque tanto da esultare.Siamo partiti dalla sicura approvazione di una direttiva che avrebbe introdotto la brevettabilità del puro software in tutta la UE e siamo arrivati al suo completo naufragio.La batosta dei sostenitori dei brevetti a livello di immagine è enorme.
  • Anonimo scrive:
    Ci riprovo...
    Si continua a portare come esempio di brevetto assurdo, quello della barra di avanzamento.Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.Se sì, significa che tutte le SO che usano la barra stanno pagando dei soldi?Quanti?Infine, visto, che certamente Linux usa abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito che qualcuno paghi per distribuire un software gratuito, significa che in USA è illegale Linux?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci riprovo...
      - Scritto da: Anonimo
      Si continua a portare come esempio di brevetto
      assurdo, quello della barra di avanzamento.
      Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.Fiuuu che volpe!
      Se sì, significa che tutte le SO che usano la
      barra stanno pagando dei soldi?Ah ah ah qui mi cadi sul brevetto... il fatto che sia stato garantito, non significa (specie se e' idiota come questo) che qualcuno cerchi di farci soldi, per lo meno adesso...
      Quanti?
      Infine, visto, che certamente Linux usa
      abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito
      che qualcuno paghi per distribuire un software
      gratuito, significa che in USA è illegale Linux?Sei chiaramente un pochino limitato nei tuoi ragionamenti.Intanto Linux e' un kernel, e in quanto tale non usa barre di avanzamento.Poi, di SW grafici che usano barre di avanzamento ce ne sono a bizzeffe, soprattutto commerciali: cosa ti fa pensare che questo sarebbe un problema solo per l'open source?Il vero problema e' che un brevetto idiota come questo sia stato garantito. Il fatto che attualmente sia inutilizzabile, perche' molto probabilmente non reggerebbe in corte, non significa che in futuro oscuro non venga tirato fuori.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci riprovo...


        - Scritto da: Anonimo

        Si continua a portare come esempio di brevetto

        assurdo, quello della barra di avanzamento.

        Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.

        Fiuuu che volpe!Fiuu, che modo di rispondere da ebete.

        Se sì, significa che tutte le SO che usano la

        barra stanno pagando dei soldi?

        Ah ah ah qui mi cadi sul brevetto... il fatto che
        sia stato garantito, non significa (specie se e'
        idiota come questo) che qualcuno cerchi di farci
        soldi, per lo meno adesso...OK. Questa è una delle cose che volevo capire.

        Infine, visto, che certamente Linux usa

        abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito

        che qualcuno paghi per distribuire un software

        gratuito, significa che in USA è illegale Linux?

        Sei chiaramente un pochino limitato nei tuoi
        ragionamenti.Sentiamo.
        Intanto Linux e' un kernel, e in quanto tale non
        usa barre di avanzamento.Mi stai dicendo che tutte le distro di Linux hanno dentro solo il Kernel?Mi pare che tu sia "un pochino limitato nei tuoi ragionamenti".
        Poi, di SW grafici che usano barre di avanzamento
        ce ne sono a bizzeffe, soprattutto commerciali:
        cosa ti fa pensare che questo sarebbe un problema
        solo per l'open source?Cosa ti fa pensare che l'esempio che ho fatto riguardasse *SOLO* l'OS?Ho preso Linux come esempio perchè è ovvio che non essendo in vendita non può permettersi (ne vuole) pagare per i brevetti.Mi pare che tu sia "un pochino limitato nei tuoi ragionamenti".
        Il fatto che
        attualmente sia inutilizzabile, perche' molto
        probabilmente non reggerebbe in corte, non
        significa che in futuro oscuro non venga tirato
        fuori.Bastava dire questo.
    • Riot scrive:
      Re: Ci riprovo...
      - Scritto da: Anonimoebbasta trollare!
      Si continua a portare come esempio di brevetto
      assurdo, quello della barra di avanzamento.
      Quindi, deduco, in USA c'è questo brevetto.
      Se sì, significa che tutte le SO che usano la
      barra stanno pagando dei soldi?
      Quanti?
      Infine, visto, che certamente Linux usa
      abbondanza di barre di avanzamento, e che dubito
      che qualcuno paghi per distribuire un software
      gratuito, significa che in USA è illegale Linux?Significa che se il detentore dei brevetti vuole sbatterti fuori dagli affari ti fara una causa legale contro che tu non potrai permetterti economicamente.E se per miracolo sopravvivi alla prima non dovrà fare altro che usare altri brevetti truffa contro di te.Tu vivresti con un bomba sulla schiena controllata da uno che ti assicura che non la farà esplodere perchè è "buono"?No, quindi stai mentendo, quindi sei un troll, quindi piantala.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci riprovo...
        - Scritto da: Riot
        - Scritto da: Anonimo
        ebbasta trollare!Ho fatto una domanda molto semplice senza dire quello che penso.
        Significa che se il detentore dei brevetti vuole
        sbatterti fuori dagli affari ti fara una causa
        legale contro che tu non potrai permetterti
        economicamente.
        E se per miracolo sopravvivi alla prima non dovrà
        fare altro che usare altri brevetti truffa contro
        di te.Ma cosa c'entra con la mia domanda?????????????????????????????????????????????
        Tu vivresti con un bomba sulla schiena
        controllata da uno che ti assicura che non la
        farà esplodere perchè è "buono"?
        No, quindi stai mentendo, quindi sei un troll,
        quindi piantala.Ma cosa c'entra con la mia domanda?????????????????????????????????????????????Mi sa che hai grossi problemi di lettura dell'italiano.
  • Anonimo scrive:
    BERLUSCONI MERDA
    E poi andateglielo a dire!
  • Anonimo scrive:
    Neuschwanstein brevetti ottimo esempio!
    eheheheh il castello di biancaneve e disneyland (che sara' sicuramente protetto da copyright americano figuriamoci!!!! per altri 6000 anni!!!) in realta' è quello della fotina di copertina di oggi ovvero Neuschwanstein in baviera vicino monacoquesto è noto a tutti e dichiarato più volte da walt disney *quello vero* in persona ecco un ottimo esempio di come una grande azienda puo impadronirsi di qualcosa - in questo caso europeo come il castello dello splendido folle ludovico secondo di bavieraspero che non sia stata casuale la scelta della fotonel caso cosa ho vinto ?!?!?! un weekend con le segretarie di PI ?
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Neuschwanstein brevetti ottimo esemp
      - Scritto da: Anonimo
      il castello di biancaneve e disneyland (che sara'
      sicuramente protetto da copyright americano
      figuriamoci!!!! per altri 6000 anni!!!) in
      realta' è quello della fotina di copertina di
      oggi ovvero Neuschwanstein in baviera vicino
      monacoesatto, e consiglio una visita a tutti a quel meraviglioso posto.
      spero che non sia stata casuale la scelta della
      foto
      nel caso cosa ho vinto ?!?!?!
      un weekend con le segretarie di PI ? non era casuale !! :)Il weekend con le segretarie per il momento non possiamo offrirtelo, ma per una pizza con il direttore che per tutta la sera ti parlera' della censura in Cina e della diffusione di Internet in Krudistan possiamo accordarci quando vuoi :DLucaS
      • Paolo De Andreis scrive:
        Re: Neuschwanstein brevetti ottimo esemp

        Il weekend con le segretarie per il momento non
        possiamo offrirtelo, ma per una pizza con il
        direttore che per tutta la sera ti parlera' della
        censura in Cina e della diffusione di Internet in
        Krudistan possiamo accordarci quando vuoi :DIo so anche ascoltare eh :D
      • Mechano scrive:
        Re: Neuschwanstein brevetti ottimo esemp
        - Scritto da: LucaSchiavoni

        oggi ovvero Neuschwanstein in baviera vicino

        monaco

        esatto, e consiglio una visita a tutti a quel
        meraviglioso posto. Già stato, ovviamente in moto ed in periodo estivo, ma ci voglio tornare anche in inverno perchè a quanto pare è stupendo pure quando tutto intorno è innevato.

        spero che non sia stata casuale la scelta della

        foto

        nel caso cosa ho vinto ?!?!?!

        un weekend con le segretarie di PI ?

        non era casuale !! :)Ma la Walt Disney non paga già molti soldi in diritti all'azienda parastatale che gestisce tutto il business e la manutenzione legata a quel luogo?__Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    i veri motivi, secondo me...
    ... della bocciatura sono altri. La prima, a mio avviso, è che i parlamentari europei sono molto attenti, visto che ai cittadini cittadini europei questa "Unione" piace sempre meno, a produrre leggi impopolari. E una legge simile avrebbe assecondato ben pochi europei. Potenti forse, ma sempre pochi.La seconda è che con i questi paletti alle industrie IT europee, ad avvantaggiarne sarebbero stati non solo quei quattro gatti di americani. Già sentivo lo sfregolìo della moltitudine di cinesi e indiani, già decisi a marciare da soli, senza altri aiuti, nello sviluppo tecnologico. Quindi, se gli USA vogliono annegare nella loro c***a, facciano pure, ma l'EU credo abbia almeno voluto salvare se stessa da ciò...Altri motivi mi sfuggono per il momento, quindi se ne avete da aggiungerne altri, fate pure...
  • Anonimo scrive:
    Contento due volte, ma...
    Faccio parte di coloro che ritengono i brevetti sw un'assurdità.L'onda di entusiasmo per la decisione del parlamento europeo mi riempie di gioia sia come informatico che come cittadino europeo.Ma forse più come cittadino europeo che come informatico...cito una dichiarazione del relatore Michael Rocard:(è stato un messaggio) "di collera collettiva" inviato dall'Europarlamento alla Commissione europea per "il modo inammissibile in cui siamo stati trattati, con il disprezzo totale verso gli emendamenti approvati in prima lettura, l'assenza dei commissari durante l'elaborazione degli emendamenti della seconda lettura e il tentativo di impedire anche il dibattito tra i governi" Questo è il motivo che mi rende molto felice in quanto cittadino europeo: al di la del merito della questione, vedere che il parlamento europeo si riprende un po' della sua dignità non può che farmi piacere.Come informatico sono felice ma non posso fare a meno di domandarmi come sarebbe finita senza questa indignazione; cosa sarebbe successo se le lobby avessero lavorato in maniera più morbida e se la commissione non avesse peccato di superbia?Sono felice della bocciatura, ma sarei stato più felice se invece di vincere 20 a 1 avessimo vinto 12 a 9.Perdonatemi, ma il dubbio che questa gente abbia votato in larga parte senza capire esattamente i termini del problema a me rimane.Concludendo, beviamoci pure una buona bottiglia, ma cerchiamo di non ubriacarci.
  • dilbert68 scrive:
    Grazie anche a me e agli altri che...
    Scusate il titolo megalomane ma sono davvero contento che quelle 30 lettere agli europarlamentari che ho stampato, imbustato, affrancato e imbucato, siano servite a qualcosa.Ringrazio anche le altre persone di questo forum che hanno scritto ai parlamentari, purtroppo siamo stati una minoranza; molti forse pensavano che fosse inutile invece ieri è stato dimostrato di no.
    • miomao scrive:
      Re: Grazie anche a me e agli altri che...

      Scusate il titolo megalomane ma sono davvero
      contento che quelle 30 lettere agli
      europarlamentari che ho stampato, imbustato,
      affrancato e imbucato, siano servite a qualcosa.

      Ringrazio anche le altre persone di questo forum
      che hanno scritto ai parlamentari, purtroppo
      siamo stati una minoranza; molti forse pensavano
      che fosse inutile invece ieri è stato dimostrato
      di no.Come dice la pubblicità..."perchè noi valiamo!" :D
  • Anonimo scrive:
    I TG non ne parlano...
    Questo mostra che l'informazione è pilotata. Comunque sono infinitamente felice della notizia!Un grazie enorme a tutti quelli che si sono battuti come me contro la direttiva! ;) :D :D :D
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: I TG non ne parlano...
      - Scritto da: Anonimo
      Questo mostra che l'informazione è pilotata.posso smentirti :)GR1 ore 8 questa mattina, una lunga notizia con tanto di informazioni un po tecniche e senza strafalcioni per una voltasecondo me i TG stanno ascoltando il GR1 sperando di capire cosa dicevano ecco ;)LucaS
      • Anonimo scrive:
        Re: I TG non ne parlano...
        Ho visto diversi telegiornali parlarne, così come alcuni quotidiani hanno ripreso lanci dell'ANSA. Il punto però è: ne parlano DOPO il voto, quando ormai il silenzio e la disinformazione non sono più efficaci. Ma prima? Sono anni (almeno due) che si trascina la questione, ma qualcuno aveva mai sentito un TG, una radio o letto un quoidiano politico sull'argomento? No. E' qui che si vede quanto sono controllati i media.
      • Anonimo scrive:
        Re: I TG non ne parlano...

        GR1 ore 8 questa mattina, una lunga notizia con
        tanto di informazioni un po tecniche e senza
        strafalcioni per una volta

        secondo me i TG stanno ascoltando il GR1 sperando
        di capire cosa dicevano ecco ;)
        E' normale, l'informazione radiofonica e' per pochi e quindi di qualita' perche' non se li fila nessuno, quella televisiva e' per la massa, quindi opportunamente purgata secondo le direttive di chi governa. Se gli italiani fossero meno pecoroni...
  • Anonimo scrive:
    Pannella
    E il "combattente di tante battaglie" ? dove stava ? stavolta si è astenuto, che in quel tipo di sessione del Parlamento equivale a votare no.Complimenti.......
    • EffeElle scrive:
      Re: Pannella
      - Scritto da: Anonimo
      E il "combattente di tante battaglie" ? dove
      stava ? stavolta si è astenuto, che in quel tipo
      di sessione del Parlamento equivale a votare no.

      Complimenti.......Pannella è da anni che mi fa proprio pena... e questa non gliela perdono proprio.
      • midori scrive:
        Re: Pannella (questa mattina a radio r.)

        L'hai scritto due volte... io l'ho letto due
        volte... non mi è pero' ancora chiaro perchè sia
        necessario astenersi per poter votare... lo dico
        senza intenti provocatori e con il solo scopo di
        capirci qualcosa prima di leggere il tuo post per
        la terza volta senza trovarvi nulla di nuovo...
        ciao!Credo sia cosii': si vota prima la direttiva nel suo insieme (pro o contro) e poi si votano gli emendamenti.Se vuoi emendare la direttiva e voti contro, poi non emendi piu' una mazza...
      • seguso scrive:
        Su Pannella e i radicali

        L'hai scritto due volte... io l'ho letto due
        volte... non mi è pero' ancora chiaro perchè sia
        necessario astenersi per poter votare... Pannella aveva chiesto dei fichi, gli hanno dato delle pere, e Pannella ha detto "io non voto per le pere perche' ti avevo chiesto i fichi". I radicali avevano raccolto firme per un controvoto, che non si limitasse a rigettare la direttiva ma fosse ESPLICITAMENTE CONTRO i brevetti software. Questo controvoto era stato promesso ma e' stato negato all'ultimo momento.

        Premesso che:



        1) non sono un radicale - "radicale", il che mi

        ha permesso di astenermi al referendum;Considera per un attimo l'eventualita' che tu sia stato vittima di una campagna disinformativa. Ti consiglio di guardare il video dell'assemblea dei mille, sul sito radioradicale.it, in special modo l'intervento di Elena Cattaneo, il secondo, per rendersi conto delle falsita' che sono state dette nella campagna elettorale dal fronte clericale:http://www-5.radioradicale.it/servlet/VideoPublisher?cmd=viewSchedaNew&livello=s1.9.11&record=19Ottimo anche l'intervento di Michele Ainis sugli aspetti giuridici.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pannella
      riporto le spiegazioni di Marco Cappato sul forum:"Bonino e Pannella si sono astenuti (insieme a 15 deputati) perché volevano votare sugli emendamenti; volevano votare perché valutavano si potesse vincere nel merito, cioè rafforzare attraverso la direttiva il divieto di brevettabilità. Ricordo che, grazie al lavoro di Turco, Marzocchi, Zingoni, avevano anche raccolto una cinquantina di firme su emendamenti ancora più duri di quelli di Rocard. Molti deputati favorevoli alla brevettabilità alla fine si sono uniti al voto per affossare la direttiva, perché ormai avevano paura di perdere sugli emendamenti. In questo modo continueranno ad affidarsi alla benevolenza dell'Ufficio europeo brevetti. Mi pare che l'attività di questo ufficio sia il prossimo necessario terreno di scontro."Lo stesso vale anche per Toia e Sbarbato
      • salvio scrive:
        Re: Pannella
        Già, e a scanso di equivoci, i radicali con Cappato, Pannella, Bonino e gli altri hanno molto lottato affinché non passasse questa direttiva. Quindi bisognerebbe almeno documentarsi prima di sparlare a vanvera. Un piccolo link:http://servizi.radicalparty.org/documents/index.php?func=detail&par=2715Cappato & CO. sono anche in prima fila contro la legge Urbani e contro tutti i bavagli burocrati, come a volte si è letto qui su PI.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pannella
          - Scritto da: salvio
          Già, e a scanso di equivoci, i radicali con
          Cappato, Pannella, Bonino e gli altri hanno molto
          lottato affinché non passasse questa direttiva.Mi permetto di postare di nuovo qui per la terza volta un mio dubbio perché sino ad ora non ho ricevuto risposte e invece mi interesserebbe averne.La posizione astensionistica Bonino-Pannella continua a sembrarmi irrazionale. Infatti, a meno che non vi siano motivi procedurali propri al PE che non conosco, delle due l'una:(i) Bonino e Pannella avevano ragione, e sarebbe stato possibile vincere gli emendamenti (cosa affermata da Pannella stamane a RR): in questo caso non ti astieni, ma voti a favore e cerchi di portare sulle tue posizioni tutti quelli che sono disponibili;(ii) non hai realmente la certezza di riuscirci ed allora, come è avvenuto IMHO saggiamente al PE, voti contro come tutti gli altri. Astenersi non ha fatto realmente danni, *ma cosa sarebbe successo se tutti avessero fatto come voi*?La risposta a questa domanda, se ho capito bene, viene data quihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1059201&tid=1058948 [...]"Per rigettare la direttiva ci voleva la maggioranza qualificata (metà più uno degli aventi diritto al voto), come per far passare gli emendamenti.Il rigetto viene votato per primo. Scenario sfigato: quelli contro i brevetti NON votano il rigetto, sperando di avere la direttiva emendata bene. Anche molti di quelli che vogliono la direttiva approvata come è (pro-breveti) non votano il rigetto. Risultato, il rigetto non passa e si inizia a votare gli emendamenti. Ma gli anti-brevetti sono meno di 367 (metà più uno), e nessuno dei loro emendamenti (Rocard) passa... siamo fottuti."Se tutti si fossero astenuti, si sarebbe corso il rischio di andare al voto eventualmente perdendo sugli emendamenti. Quindi -mi sembra- Bonino e Pannella, ma anche Sbarbati e Toia, hanno potuto astenersi proprio perché in ogni caso altri stavano votando contro.Il fatto che si siano astenuti è qualcosa che non mi è proprio andato. Stanti le cose, avrei votato no come gli altri. Ripeto, tutto questo a meno dell'esistenza di norme procedurali che non conosco, il che è altamente probabile.Grazie se vorrete rispondermi.
  • Anonimo scrive:
    Microsoft si aggiudica un nuovo brevetto
    All'indomani della bocciatura europea della legge sui brevetti software, Microsoft torna alla carica aggiudicandosi un nuovo brevetto per una "invenzione fortemente innovativa", cosi' come riportato dal dispaccio rilasciato dall'ufficio stampa aziendale.Stavolta non si tratta di un semplice brevetto software bensi' di un complesso sistema hardware/software destinato a sconvolgere il mercato automotive. Il nome in codice e' "air fuck".La dimostrazione avvenuta presso il MI-SEX ha lasciato tutti a bocca aperta: l' "air fuck" promette di migliorare la sicurezza in campo automobilistico e lo fa in modo estremamente efficace.Si tratta di una rivisitazione dell'air bag, il famoso cuscino d'aria che, gonfiandosi in una frazione di secondo, salva la vita ai passeggeri in caso di incidente. Il principale svantaggio di questo accessorio era la possibilita' di un colpo di frusta dovuto al rimbalzo sul medesimo ad incidente avvenuto.Air fuck risolve questo problema: in caso di incidente frontale, in una frazione di secondo viene gonfiato NON un semplice cuscino, bensi' un "cuscino doppio" ("double air cushion" in linguaggio tecnico Microsoft) a forma di grande sedere. Due immense chiappe, insomma.Il tempo di gonfiamento di queste natiche, controllate da un applicativo che gira sotto Windows CE, e' dell'ordine dei 10ms. Durante questo periodo, la testa del guidatore viene proiettata in avanti a seguito della brusca decelerazione. Appositi sensori, montati sul soffitto dell'automobile, misurano lo spostamento e la velocita' della testa ed attivano particolari ugelli i quali vaporizzeranno, sulla testa (ancora intatta) dello sfortunato una particolare sostanza lubrificante, detta "unguento degli Angeli" ("Angel oil" in linguaggio Microsoft).La lubrificazione della testa avverra' in circa 15ms.A questo punto la testa del guidatore, opportunamente lubrificata, concludera' la sua corsa nel bel mezzo delle due grosse natiche, infilandosi dolcemente grazie alla decelerazione della medesima. Nessun rimbalzo all'indietro, insomma.Ad incidente avvenuto, al fine di evitare danni muscolo-scheletrici, il guidatore rimarra' imprigionato in tale posizione detta "a struzzo" ("ostrich" in Microsoft-language) e potra' attendere comodamente l'arrivo dei soccorsi in tutta tranquillita', poiche' e' previsto che, all'interno di questo grande ano, venga montato un display tft di ultima generazione e sistemi di puntamento basati sul riconoscimento dei movimenti del naso.L'incidentato dunque potra' attendere i soccorsi navigando su Internet o ascoltando MP3. Una pletora di aziende legate al mondo Microsoft si sono gia' attivate per produrre i contenuti ("crash-content") da produrre su questo sistema.Entusiasti i commenti degli addetti al settore. "E' quello che serviva" ha commentato Platinette iscrivendosi subito ad un'associazione di volontari che prestano soccorso durante gli incidenti stradali.Ma cosa ne pensa l'uomo della strada? "Beh, tanto siamo gia' tutti nella m..., tanto vale" e' stato il commento principale raccolto per le strade di Praticillo Pirania.
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft si aggiudica un nuovo brev
      - Scritto da: Anonimo
      Ad incidente avvenuto, al fine di evitare danni
      muscolo-scheletrici, il guidatore rimarra'
      imprigionato in tale posizione detta "a struzzo"
      ("ostrich" in Microsoft-language) e potra'
      attendere comodamente l'arrivo dei soccorsi in
      tutta tranquillita', poiche' e' previsto che,
      all'interno di questo grande ano, venga montato
      un display tft di ultima generazione e sistemi di
      puntamento basati sul riconoscimento dei
      movimenti del naso.Cercano facce da cui fare un calco per i cuscini?
      • Anonimo scrive:
        Re: Microsoft si aggiudica un nuovo brev
        ......se questo sistema si basa su windows, beh le probabilità che il tutto vada in crash sono molto alte, una schermata blu dopo un incidente, beh meglio che non accada a nessuno!!!!!!(troll2)
    • Anonimo scrive:
      Re: Microsoft si aggiudica un nuovo brev
      - Scritto da: Anonimo
      All'indomani della bocciatura europea della legge
      sui brevetti software, Microsoft torna alla
      carica aggiudicandosi

      un nuovo brevetto per una "invenzione fortemente
      innovativa", cosi' come riportato dal dispaccio
      rilasciato

      dall'ufficio stampa aziendale.

      Stavolta non si tratta di un semplice brevetto
      software bensi' di un complesso sistema
      hardware/software destinato a

      sconvolgere il mercato automotive. Il nome in
      codice e' "air fuck".
      La dimostrazione avvenuta presso il MI-SEX ha
      lasciato tutti a bocca aperta: l' "air fuck"
      promette di migliorare la

      sicurezza in campo automobilistico e lo fa in
      modo estremamente efficace.

      Si tratta di una rivisitazione dell'air bag, il
      famoso cuscino d'aria che, gonfiandosi in una
      frazione di secondo,

      salva la vita ai passeggeri in caso di incidente.
      Il principale svantaggio di questo accessorio era
      la possibilita'

      di un colpo di frusta dovuto al rimbalzo sul
      medesimo ad incidente avvenuto.
      Air fuck risolve questo problema: in caso di
      incidente frontale, in una frazione di secondo
      viene gonfiato NON un

      semplice cuscino, bensi' un "cuscino doppio"
      ("double air cushion" in linguaggio tecnico
      Microsoft) a forma di

      grande sedere. Due immense chiappe, insomma.
      Il tempo di gonfiamento di queste natiche,
      controllate da un applicativo che gira sotto
      Windows CE, e' dell'ordine

      dei 10ms.
      Durante questo periodo, la testa del guidatore
      viene proiettata in avanti a seguito della brusca
      decelerazione.

      Appositi sensori, montati sul soffitto
      dell'automobile, misurano lo spostamento e la
      velocita' della testa ed

      attivano particolari ugelli i quali
      vaporizzeranno, sulla testa (ancora intatta)
      dello sfortunato una particolare sostanza
      lubrificante, detta "unguento degli Angeli"
      ("Angel oil" in linguaggio Microsoft).

      La lubrificazione della testa avverra' in circa
      15ms.

      A questo punto la testa del guidatore,
      opportunamente lubrificata, concludera' la sua
      corsa nel bel mezzo delle due grosse natiche,
      infilandosi dolcemente grazie alla decelerazione
      della medesima. Nessun rimbalzo all'indietro,
      insomma.

      Ad incidente avvenuto, al fine di evitare danni
      muscolo-scheletrici, il guidatore rimarra'
      imprigionato in tale posizione detta "a struzzo"
      ("ostrich" in Microsoft-language) e potra'
      attendere comodamente l'arrivo dei soccorsi in
      tutta tranquillita', poiche' e' previsto che,
      all'interno di questo grande ano, venga montato
      un display tft di ultima generazione e sistemi di
      puntamento basati sul riconoscimento dei
      movimenti del naso.
      L'incidentato dunque potra' attendere i soccorsi
      navigando su Internet o ascoltando MP3. Una
      pletora di aziende legate al mondo Microsoft si
      sono gia' attivate per produrre i contenuti
      ("crash-content") da produrre su questo sistema.

      Entusiasti i commenti degli addetti al settore.
      "E' quello che serviva" ha commentato Platinette
      iscrivendosi subito ad un'associazione di
      volontari che prestano soccorso durante gli
      incidenti stradali.
      Ma cosa ne pensa l'uomo della strada? "Beh, tanto
      siamo gia' tutti nella m..., tanto vale" e' stato
      il commento principale raccolto per le strade di
      Praticillo Pirania.ahahahahahhHHHHHHHHAHHHhahahahaahh............
    • eg scrive:
      Re: Microsoft si aggiudica un nuovo brev
      (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Come hanno votati gli italiani?
    Nessun italiano ha votato a favore, ma quattro si sono astenuti (che in seconda lettura del parlamento europeo equivale a votare si).in ordine alfabetico:Emma Bonino e Marco Pannella dei Radicali-ALDE (classico esempio di chi parla bene e razzola male, ma i radicali non spingono battaglie contrarie e come hanno votato questi 2?)Luciana Sbarbati e Patrizia Toia dell'Ulivo-ALDE. (bohhhhh!)I nomi li trovate a pagina 5 del documento reperibile dal sito del parlamento europeo:http://www2.europarl.eu.int/omk/sip...C=N&LEVEL=1Informazione del sito ufficiale del parlamento europeo, non si traggano conclusioni a vanvera., come quelle che dicno che sono stati i comunisti ad affossare questa direttiva
    • Anonimo scrive:
      Re: Come hanno votati gli italiani?
      Poprio vero i RadiCuli è meglio tenerseli lontani, quando meno te l'aspetti zac in quel posto!:@
    • Anonimo scrive:
      Re: Come hanno votati gli italiani?
      Bonino e Pannella si sono astenuti perché volevano andare a votare gli emendamenti, perché valutavano si potesse vincere nel merito, cioè rafforzare attraverso la direttiva il divieto di brevettabilità. Non si tratta dunque di "predicare bene e razzolare male" (avevano anche raccolto una cinquantina di firme su emendamenti ancora più duri di quelli di Rocard), tant'è che molti deputati favorevoli alla brevettabilità si sono uniti al voto per affossare la direttiva, perché ormai avevano paura di perdere sugli emendamenti. In questo modo continueranno ad affidarsi alla benevolenza dell'Ufficio europeo brevetti.
      • salvio scrive:
        Re: Come hanno votati gli italiani?
        perle ai porci..Almeno uno potrebbe anche informarsi prima di sventolare dati cui il significato non conosce.. I radicali sono sempre stati in primissima fila su questa lotta! Gli interventi al parlamento europeo (che lei non avrà certamente ascoltato) o i vari convegni organizzati dai radicali (cui lei non ha avuto notizie) parlano.Qualche link funzionante:http://www.radioradicale.it/software_libero/software_libero.htmlhttp://www.radicali.it/newsletter/view.php?id=38206&numero=941&title=NOTIZIE%20RADICALISe avrà pazienza di leggere il primo link troverà un po' di documenti audiovideo che potrà ascoltarsi.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Come hanno votati gli italiani?
        La posizione Bonino-Pannella continua a sembrarmi irrazionale. Infatti, a meno che non vi siano motivi procedurali propri al PE che non conosco, delle due l'una:(i) Bonino e Pannella avevano ragione, e sarebbe stato possibile vincere gli emendamenti (cosa affermata da Pannella stamane a RR): in questo caso non ti astieni, ma voti a favore e cerchi di portare sulle tue posizioni tutti quelli che sono disponibili;(ii) non hai realmente la certezza di riuscirci ed allora, come è avvenuto IMHO saggiamente al PE, voti contro come tutti gli altri. Astenersi non ha fatto realmente danni, *ma cosa sarebbe successo se tutti avessero fatto come voi*?La risposta a questa domanda, se ho capito bene, viene data quihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1059201&tid=1058948&p=1&r=PI#1059201"Per rigettare la direttiva ci voleva la maggioranza qualificata (metà più uno degli aventi diritto al voto), come per far passare gli emendamenti.Il rigetto viene votato per primo. Scenario sfigato: quelli contro i brevetti NON votano il rigetto, sperando di avere la direttiva emendata bene. Anche molti di quelli che vogliono la direttiva approvata come è (pro-breveti) non votano il rigetto. Risultato, il rigetto non passa e si inizia a votare gli emendamenti. Ma gli anti-brevetti sono meno di 367 (metà più uno), e nessuno dei loro emendamenti (Rocard) passa... siamo fottuti."Se tutti si fossero astenuti, si sarebbe corso il rischio di andare al voto eventualmente perdendo sugli emendamenti. Quindi -mi sembra- Bonino e Pannella, ma anche Sbarbati e Toia, hanno potuto astenersi proprio perché in ogni caso altri stavano votando contro.Ripeto, tutto questo a meno dell'esistenza di norme procedurali che non conosco, il che è altamente probabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: Come hanno votati gli italiani?
        - Scritto da: Anonimo
        Bonino e Pannella si sono astenuti perché
        volevano andare a votare gli emendamenti, perché
        valutavano si potesse vincere nel merito, cioè
        rafforzare attraverso la direttiva il divieto di
        brevettabilità.
        Non si tratta dunque di "predicare bene e
        razzolare male" (avevano anche raccolto una
        cinquantina di firme su emendamenti ancora più
        duri di quelli di Rocard), tant'è che molti
        deputati favorevoli alla brevettabilità si sono
        uniti al voto per affossare la direttiva, perché
        ormai avevano paura di perdere sugli emendamenti.
        In questo modo continueranno ad affidarsi alla
        benevolenza dell'Ufficio europeo brevetti.Si, vabbè. Ma allora questo articolo sul sito di Radio Radicalehttp://www.radioradicale.it/primopiano.php?mostra=1438Come me lo spieghi? Vi si canta vittoria (ma la vittoria è stata frutto del voto degli altri "contro" la direttiva), e si minimizza sull'astensione di Bonino e Pannella. Non capisco. Visto che gli altri hanno sbagliato, bisognerebbe rivendicare la propria astensione, no?Magari ci sono altri articoli nei quali ciò avviene?
    • Anonimo scrive:
      link irraggiungibile
      il link che hai specificato dice "Impossibile trovare la pagina". Possibile, invece, per evitare lo sputtanamento. :D
      • Anonimo scrive:
        Re: link irraggiungibile
        - Scritto da: Anonimo
        il link che hai specificato dice "Impossibile
        trovare la pagina". Possibile, invece, per
        evitare lo sputtanamento. :DLink corretto: http://www2.europarl.eu.int/omk/sipade2?PUBREF=-//EP//NONSGML+PV+20050706+RES-RCV+DOC+PDF+V0//IT&LEVEL=5&NAV=S
  • Anonimo scrive:
    D'accordo ma non capisco:come va in USA?
    Per quel poco che sono riuscito ad informarmi, sono più che felice che la direttiva sui brevetti sia stata respinta. Ma c'e' una cosa che non capisco: se la direttiva sui brevetti che si voleva far passare in Europa esiste ed è valida già in USA, i programmatori degli stati uniti come se la passano? No perchè sembrava una catastrofe se la direttiva fosse passata..niente più open source..niente sicurezza per i medio piccoli sviluppatori.. tutto coperto da brevetto anche "il tuo shop online"... ma sinceramente non mi pare che in america la gente non possa farsi uno shop online..
    • Anonimo scrive:
      Re: D'accordo ma non capisco:come va in
      - Scritto da: Anonimo
      Per quel poco che sono riuscito ad informarmi,
      sono più che felice che la direttiva sui brevetti
      sia stata respinta. Ma c'e' una cosa che non
      capisco: se la direttiva sui brevetti che si
      voleva far passare in Europa esiste ed è valida
      già in USA, i programmatori degli stati uniti
      come se la passano? No perchè sembrava una
      catastrofe se la direttiva fosse passata..niente
      più open source..niente sicurezza per i medio
      piccoli sviluppatori.. tutto coperto da brevetto
      anche "il tuo shop online"... ma sinceramente non
      mi pare che in america la gente non possa farsi
      uno shop online..Basta legger un po' le notizie: 1l 10% del tempo a programmare, il 90% in cause legali.Basta vedere come il brevetto dl .GIF ha bloccato l'uso di questo formato
      • Anonimo scrive:
        Re: D'accordo ma non capisco:come va in

        Basta legger un po' le notizie: 1l 10% del tempo
        a programmare, il 90% in cause legali.link?
        Basta vedere come il brevetto dl .GIF ha bloccato
        l'uso di questo formatoQuesto è il passato e quello ci ha perso chi l'ha brevettato....
    • Anonimo scrive:
      Re: D'accordo ma non capisco:come va in
      - Scritto da: Anonimo
      Per quel poco che sono riuscito ad informarmi,
      sono più che felice che la direttiva sui brevetti
      sia stata respinta. Ma c'e' una cosa che non
      capisco: se la direttiva sui brevetti che si
      voleva far passare in Europa esiste ed è valida
      già in USA, i programmatori degli stati uniti
      come se la passano? No perchè sembrava una
      catastrofe se la direttiva fosse passata..niente
      più open source..niente sicurezza per i medio
      piccoli sviluppatori.. tutto coperto da brevetto
      anche "il tuo shop online"... ma sinceramente non
      mi pare che in america la gente non possa farsi
      uno shop online..Ovviamente M$ e compagnia deve starsene buona finche' i suoi brevetti non sono validi in tutto il mondo occidentale. Farli valere oggi si rivelerebbe semplicemente un boomerang perche' il resto del mondo si accorgerebbe del vero pericolo.
      • miomao scrive:
        Re: D'accordo ma non capisco:come va in

        Ovviamente M$ e compagnia deve starsene buona
        finche' i suoi brevetti non sono validi in tutto
        il mondo occidentale. Farli valere oggi si
        rivelerebbe semplicemente un boomerang perche' il
        resto del mondo si accorgerebbe del vero
        pericolo.Però gli servono il prima possibile, perchè OpenOffice 2.0 è alle porte e sempre più persone si potrebbero accorgere che gli basta e avanza per lavorare.
        • Anonimo scrive:
          Re: D'accordo ma non capisco:come va in
          - Scritto da: miomao

          Ovviamente M$ e compagnia deve starsene buona

          finche' i suoi brevetti non sono validi in tutto

          il mondo occidentale. Farli valere oggi si

          rivelerebbe semplicemente un boomerang perche'
          il

          resto del mondo si accorgerebbe del vero

          pericolo.

          Però gli servono il prima possibile, perchè
          OpenOffice 2.0 è alle porte e sempre più persone
          si potrebbero accorgere che gli basta e avanza
          per lavorare.Per quello che fa la maggior parte della gente in ufficio bastava anche OO 1.0.
    • TPK scrive:
      Re: D'accordo ma non capisco:come va in
      - Scritto da: Anonimo
      Per quel poco che sono riuscito ad informarmi,
      sono più che felice che la direttiva sui brevetti
      sia stata respinta. Ma c'e' una cosa che non
      capisco: se la direttiva sui brevetti che si
      voleva far passare in Europa esiste ed è valida
      già in USA, i programmatori degli stati uniti
      come se la passano? No perchè sembrava una
      catastrofe se la direttiva fosse passata..niente
      più open source..niente sicurezza per i medio
      piccoli sviluppatori.. tutto coperto da brevetto
      anche "il tuo shop online"... ma sinceramente non
      mi pare che in america la gente non possa farsi
      uno shop online..http://punto-informatico.it/p.asp?i=53190http://punto-informatico.it/p.asp?i=53774http://punto-informatico.it/p.asp?i=53378http://yro.slashdot.org/article.pl?sid=05/07/03/1413223&tid=155http://yro.slashdot.org/article.pl?sid=05/06/12/2132200&tid=155&tid=215&tid=218E infine c'e' questo, il piu' divertente:http://yro.slashdot.org/article.pl?sid=05/07/04/0428246&tid=123&tid=155&tid=133
    • Anonimo scrive:
      Re: D'accordo ma non capisco:come va in USA?
      - Scritto da: Anonimo
      Per quel poco che sono riuscito ad informarmi,
      sono più che felice che la direttiva sui brevetti
      sia stata respinta. Ma c'e' una cosa che non
      capisco: se la direttiva sui brevetti che si
      voleva far passare in Europa esiste ed è valida
      già in USA, i programmatori degli stati uniti
      come se la passano?molto meglio che qui!c'è più professionalità; più investimenti; è più facile avviare una nuova azienda (leggasi il numero delle aziende informatiche che nascono e muoiono ogni giorno negli states); hai più garanzie per il tuo lavoro (leggasi ms e vicenda excel acess che porta a risarcire pinco pallo qualsiasi per 500 mnl di $); la propspettiva di guadagni assicurati invoglia imprenditori ad investire....risultato? in america i brevetti gli hanno da anni, hanno le migliori aziende sw, i migliori programmatori, i programmatori sono garantiti (anche quelli piccoli non cerchiamo di nascondere notizie che fino a pochi giorni fà erano su pi). No perchè sembrava una
      catastrofe se la direttiva fosse passata..tanta disinformazione a mio avviso.disinformazione, propaganta e chiusura mentale.certo una cattiva legge sui brevetti avrebbe creato problemi ma sinceramente i toni catasrofistici sono persino ridicoliniente
      più open source..nell'america dei brevetti l'oss non solo ha un'altissima difusione ma ha anche il suo 'quartier generale'.gran parte dell'oss di qualità nasce nell'america dei brevetti!questi sono fatti!forse quello che si temeva nella più pacchiana italia era il pericolo di non poter più scopiazzare il codice del programmino che piaceva tanto.niente sicurezza per i medio
      piccoli sviluppatori.. medio piccoli che?in italia?senza soldi qui restiamo ai db relazionali e ai siti php per altri 100 anni.garanzie sui ritorni economici avrebbero invogliato imprenditori a investirli sti benedetti soldi...peccato..i medio piccoli sviluppatori in america se la passano cento volte meglio che qui! tutto coperto da brevetto
      anche "il tuo shop online"... o il teorema di pitagora...si ho sentito ma sai com'è la gente si fa i suoi trip e poi non la schiodi più della sue paranoiema sinceramente non
      mi pare che in america la gente non possa farsi
      uno shop online..può.può e lo fa. ma ti ripeto tutta la vicenda è stata affrontata male e proprio chi diceva di fare informazione (i catastrofisti da fine del mondo se passano i brevetti) a finito per fare disinformazione
      • Anonimo scrive:
        Chiariamo una cosa con un esempio
        Tu parli di disinformazione da parte di chi questa legge non la voleva e allora lascia che ti faccia un esempio.L'Adobe ha brevettato la visualizzazione di qualsiasi font usato su PC, il risultato che mi ha sempre infastidito terribilmente e che fino ad oggi non ho ancora trovato un Linux che potesse usare i caratteri che volevo io e che li visualizzasse bene come in Windows.Tutto ciò non è dovuto all'incapacità dei programmatori open, ma semplicemente perché non lo possono fare.Infatti ora anche Linux ha l'acrobat reeder con qui si possono vedere bene i pdf, ma prova ad aprire qualsiasi documento con un'altro applicativo e paragona il risultato.Windows vince Linux di parecchie lunghezze e tutto per un solo minuscolo brevetto che una ditta fa valere già oggi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiariamo una cosa con un esempio

          oggi non ho ancora trovato un Linux che potesse
          usare i caratteri che volevo io e che li
          visualizzasse bene come in Windows.Stai scherzando? Saranno gusti ma... preferisco mille volte la visualizzazione di Linux e/o MacOSX, in windows c'e' un'opzione da attivare da qualche parte che dovrebbe rendere i caratteri piu' leggibili (Clear Type, Crystal Type o qualcosa di simile) ma sinceramente se l'attivo vedo ancora peggio (tutto sfuocato)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiariamo una cosa con un esempio
            Eheheh...Non discuto i tuoi gusti personali, fattostà che l'impossibilità di usare certe funzioni nei programi open non è certo una cosa bella.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chiariamo una cosa con un esempio

            Stai scherzando? Saranno gusti ma... preferisco
            mille volte la visualizzazione di Linux e/oNon ho lavorato abbastanza con X.org per dirti quanto mi aggradano i suoi font, ma quelli di X standard non arrivano alla qualità di Windows a mio modesto parere
            MacOSX, in windows c'e' un'opzione da attivare da
            qualche parte che dovrebbe rendere i caratteri
            piu' leggibili (Clear Type, Crystal Type o
            qualcosa di simile) ma sinceramente se l'attivo
            vedo ancora peggio (tutto sfuocato)Il cleartype non è detto funzioni sempre: intanto è fatto per schermi LCD e non per i moniotr standard.Poi funziona così: invede usare 1 pixel per fare 1 punto divide il pixel in tre parti, i tre elemnti a colori diversi e usa frazioni di pixel per sfumare i bordi rendere il carattere più tondo.Va a gusti: certo i primi tempi pare solo più sfocat alla lunga se hai un LCD puoi trovarti meglio. Poi dipende dal tipo di font: il Verdana che è stato studiato apposta per la lettura a schermo è molto più leggibile del Times o altri ad esempio. L'Arial così-così a mio gusto.Se ha in crt non serve a nulla anzi fa peggio.
      • Anonimo scrive:
        Re: D'accordo ma non capisco:come va in USA?

        molto meglio che qui!
        c'è più professionalità; più investimenti; è più
        facile avviare una nuova azienda scusa secondo te quale è la causa e quale l'effetto?Per me la causa della riccehzza di cui parli sta nel fatto che quella è la prima economia al mondo, mentre i brevetti sono solo un rogna di cui molte grandi case farebbero volentieri a meno
        ....risultato? in america i brevetti gli
        hanno da anni, hanno le migliori aziende sw, i
        migliori programmatori, i programmatori sono
        garantiti (anche quelli piccoli non cerchiamo di
        nascondere notizie che fino a pochi giorni fà
        erano su pi).beh forse il discorso da fare è che le aziende nasocno e muiono nonstante i rbvetti ma non è detto che non funzionerebbero melgio senza.
      • Anonimo scrive:
        Tu uccidi la lingua italiana
        "in america i brevetti gli hanno da anni"
    • miomao scrive:
      Re: D'accordo ma non capisco:come va in USA?
      Negli USA la BSA (Microsoft in testa) sta chiedendo una riforma del sistema brevettuale.La scusa principale è che ci sono soggetti (patent-trolls) che usano generici brevetti al solo scopo di battere le aziende a tappeto.Le piccole e medie imprese (SME), come le intendiamo noi in Italia, non credo possano prolificare in una realtà dove vai avanti a suon di avvocati.Qui ci sono software-house costituite da un programmatore più un commerciale, che potrebbero chiudere per molto meno di una causa da violazione di brevetto.Un altro motivo per cui trovi pochissime tracce di SME rovinate dai brevetti è perchè non arrivano nemmeno in tribunale.Il costo medio per difendersi da una causa del genere è di 500.000$.Perciò basta la minaccia...Da tenere ben presente che Microsoft & Co. non saranno tanto fessi da attaccare l'open-source prima di aver globalizzato la brevettabilità del software.Attualmente possono bandire o mutilare interi progetti in territorio USA, con il risultato di mettere in guardia tutto il resto del mondo.Poco saggio...
  • Anonimo scrive:
    caro signor stanca....
    quando lei parla....mi stanca... :|
  • Anonimo scrive:
    Grazie...
    Si sono dimostrati intelligenti quando ce ne è stato davvero bisogno... questo fa capire che l'europa ha un modo di vedere il futuro della tecnologia e dell'innovazione, migliore di quello americano..
  • Anonimo scrive:
    Re: La catastrofe è stata evitata...
    1) All' ordine del girno era la votazione della direttiva sulla brevettabilità del SW, non certo nuove proposte sulla brevettabilità.E la direttiva è stata respinta.Chiunque se vuole può dire che una cosa di colore bianco per lui è nera.
    • Anonimo scrive:
      Re: La catastrofe è stata evitata...
      - Scritto da: Anonimo
      1) All' ordine del girno era la votazione della
      direttiva sulla brevettabilità del SW, non certo
      nuove proposte sulla brevettabilità.

      E la direttiva è stata respinta.
      Chiunque se vuole può dire che una cosa di colore
      bianco per lui è nera.Penso che si tratti più di una ritirata strategica dei sostenitori dei brevetti che non di una loro sconfitta. Se anche fosse una sconfitta la prassi dell'EPO non viene alterata dal voto del parlamento, e tale prassi resta lecita finché non viene dichiarato il contrario (la corte di giustizia, visto che il Parlamento non ha potuto fare nulla, ha competenza in merito?)
    • Anonimo scrive:
      Re: La catastrofe è stata evitata...
      - Scritto da: Anonimo
      1) All' ordine del girno era la votazione della
      direttiva sulla brevettabilità del SW, non certo
      nuove proposte sulla brevettabilità.Se la direttiva non fosse stata respinta sarebbero stati votati gli emendamenti. Una loro approvazione sarebbe stata peggiore della bocciatura completa (che non cambia nulla) per chi sostiene i brevetti.
  • Anonimo scrive:
    lotta di potere
    diciamo che la direttiva e' finita in mezzo a una lotta di potere tra la commissione e il parlamento.probabilmente l'hanno giudicata sacrificabile (da ignoranti quali sono) e hanno deciso di bocciarla per metterlo in quel posto alla commissione e affermare il principio che contano qualcosa.per una volta la cosa ha giocato a favore di tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: lotta di potere
      - Scritto da: Anonimo
      diciamo che la direttiva e' finita in mezzo a una
      lotta di potere tra la commissione e il
      parlamento.
      probabilmente l'hanno giudicata sacrificabile (da
      ignoranti quali sono) e hanno deciso di bocciarla
      per metterlo in quel posto alla commissione e
      affermare il principio che contano qualcosa.
      per una volta la cosa ha giocato a favore di
      tutti.Insomma una roulette russa....... :|
  • Anonimo scrive:
    Questa è una vittoria di INTENET
    Avete notato che nessun tiggi ha dato questa importantissima notizia?Questo dà il senso di che razza sono i pennivendoli delle TV di regime sempre pronti a leccar culi e a metter veline.Nenache il tg3 ha dato una simile notizia. VERGOGNA!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa è una vittoria di INTENET
      più che altro i pennivendoli non sanno neanche cosa sia sta roba
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa è una vittoria di INTENET
        - Scritto da: Anonimo
        più che altro i pennivendoli non sanno neanche
        cosa sia sta robaMa i pennivendoli non son tenuti a sapere i tutto ciò che parlano.Son lì x dare notizie e non le danno.Ormai si son ridotti a far dei tiggi praticamente dei rotocalchi rosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa è una vittoria di INTENET
      Invece il TG2 ha dato la notizia... un accenno "alla direttiva cotestata sulla brevettabilità del software" a margine della notizia su quel faccione di Borghezio. :|==================================Modificato dall'autore il 07/07/2005 2.10.01
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa è una vittoria di INTENET
        - Scritto da: Matthew Reed
        Invece il TG2 ha dato la notizia... un accenno
        "alla direttiva cotestata sulla brevettabilità
        del software" a margine della notizia su quel
        faccione di Borghezio. :|

        ==================================
        Modificato dall'autore il 07/07/2005 2.10.01Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti sono facce della stessa medaglia, o meglio, del dollarone sonante di zio Bill! :-D
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa è una vittoria di INTENET

          Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un
          paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti
          sono facce della stessa medaglia...Ma scaquati la bocca prima di parlare di queste cose!!Che se stavamo ancora con la lira oggi stavamo tutti nei campi a zappare!!!!I leghisti sono una massa di incompetenti buffoni che fanno della provocazione la loro politica del campanile!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Questa è una vittoria di INTENET
            - Scritto da: Anonimo

            Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un

            paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti

            sono facce della stessa medaglia...

            Ma scaquati la bocca prima di parlare di queste
            cose!!
            Che se stavamo ancora con la lira oggi stavamo
            tutti nei campi a zappare!!!!
            I leghisti sono una massa di incompetenti buffoni
            che fanno della provocazione la loro politica del
            campanile!!!!Come al solito basta un nonnulla per far scendere gli antileghisti a un livello inferiore ai leghisti :-D
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa è una vittoria di INTENET
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Matthew Reed

          Invece il TG2 ha dato la notizia... un accenno

          "alla direttiva cotestata sulla brevettabilità

          del software" a margine della notizia su quel

          faccione di Borghezio. :|



          ==================================

          Modificato dall'autore il 07/07/2005 2.10.01

          Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un
          paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti
          sono facce della stessa medaglia, o meglio, del
          dollarone sonante di zio Bill! :-Dma ci sei o lao fai? le lega pensa solo a mettercela nel culo, è razzista e ma mandato dei cerebrolesi al parlemento- Castelli- Ce- calderoli...
          • Anonimo scrive:
            Re: Questa è una vittoria di INTENET
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Matthew Reed


            Invece il TG2 ha dato la notizia... un accenno


            "alla direttiva cotestata sulla brevettabilità


            del software" a margine della notizia su quel


            faccione di Borghezio. :|





            ==================================


            Modificato dall'autore il 07/07/2005 2.10.01



            Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un

            paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti

            sono facce della stessa medaglia, o meglio, del

            dollarone sonante di zio Bill! :-D

            ma ci sei o lao fai? le lega pensa solo a
            mettercela nel culo, è razzista e ma mandato dei
            cerebrolesi al parlemento
            - Castelli
            - Ce
            - calderoli...Eh, tieni conto che il 3° è pure f.n.cchio e prende!!!! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Questa è una vittoria di INTENET
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Matthew Reed


            Invece il TG2 ha dato la notizia... un accenno


            "alla direttiva cotestata sulla brevettabilità


            del software" a margine della notizia su quel


            faccione di Borghezio. :|





            ==================================


            Modificato dall'autore il 07/07/2005 2.10.01



            Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un

            paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti

            sono facce della stessa medaglia, o meglio, del

            dollarone sonante di zio Bill! :-D

            ma ci sei o lao fai? le lega pensa solo a
            mettercela nel culo, è razzista e ma mandato dei
            cerebrolesi al parlemento
            - Castelli
            - Ce
            - calderoli...http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1060177&tid=1059196&r=PI&p=1
        • Mechano scrive:
          Re: Questa è una vittoria di INTENET
          - Scritto da: Anonimo
          Grande Lega, ci volevano loro per mostrare in un
          paio di sedute che Ciampi, l'euro e i brevetti
          sono facce della stessa medaglia, o meglio, del
          dollarone sonante di zio Bill! :-DAhahhahahI leghisti ci hanno capito tutto!Gran parte delle colpe che ci hanno portato a questa situazione sono da imputare all'indole stessa dell'italiano, un individuo che si crede al di sopra delle leggi e cui idoli sono attori e personaggi che impersonificano truffatori e furbastri.Quindi metti insieme:commercianti truffaldini;aziende speculatrici;ignoranza degli italiani semi-analfabeti nel far di conto con i decimali;istituzioni latitanti nei controlli.Ed ecco che ci ritroviamo nella condizione che ci meritiamo.Mi consola solo il fatto che ora a piangere il 40% di cali nelle vendite sono gli stessi piccoli dettaglianti che hanno iniziato la speculazione.__Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 07/07/2005 16.10.17
  • Anonimo scrive:
    Re: speriamo
    - Scritto da: Anonimo
    scongiurato un nemico? e se si fosse scongiurata
    solo la possibilità di attirare investimenti di
    imprenditori?
    investimenti vitali in un paese dove il settore
    informatico fossilizza, in un paese dove
    progettare qualchecosa oltre il db è roba per la
    nasa, in un paese dove calzolai e panettieri
    fanno i web designer.E se le capre cacassero oro?
  • Riot scrive:
    Re: speriamo
    - Scritto da: Anonimolol, flamer firmati.
    speriamo che chi ha fortemente combattuto contro
    questa direttiva adesso si rimbocchi le maniche e
    faccia pervenire al settore quei capitali
    necessari per un rilancio dell'it/ict che la
    svolta ha negato.Ma certo, infatti regalare il mercato IT europa agli USA avrebbe aiutato enormemente.Per chi non l'avesse capito l'autore del post a cui rispondo è il solito troll, vediamo di disinnescare questo flame, eh?P.S. troll, non postare risposte fingendoti un altro utente (sempre anonimo casualmente) per tentare di ravvivare il fuoco che ormai t'abbiamo sgamato tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: speriamo
      - Scritto da: Riot
      - Scritto da: Anonimo
      lol, flamer firmati.carino ma che vuol dire?


      speriamo che chi ha fortemente combattuto contro

      questa direttiva adesso si rimbocchi le maniche
      e

      faccia pervenire al settore quei capitali

      necessari per un rilancio dell'it/ict che la

      svolta ha negato.

      Ma certo, infatti regalare il mercato IT europa
      agli USA avrebbe aiutato enormemente.quale parte di:'quei capitali necessari per un rilancio dell'it/ict che la svolta ha negato.'non hai capito?

      Per chi non l'avesse capito l'autore del post a
      cui rispondo è il solito troll,per chi non l'avesse capito p.i. è popolato da una manica di idioti che archiviano tutto quello che non gli è comodo sotto la voce troll.la direttiva sui brevetti avrebbe incoraggiato investimenti di capitali e quindi rilancio di un settore che è i stato di fossilizzazione.non sono chicchiere la direttiva era voluta da grandi imprenditori e multinazionali e avrebbe anche incoraggiato imprenditori locali.adesso la direttiva è stata bocciata sotto pressione di quelli che la ritenevano un'ostacolo alla loro idea di rilancio.risanare un settore malato però richiede anche denaro. investimenti e impegno.mi aspetto che chi ha vinto una battaglia politica escludendo dal gioco una fazione che avrebbe portato cambiamenti adesso si impegni per fare altrettanto.le chicchiere serveno solo a pi che ci guadagna sui click, nella vita reale alle chicchiere di questi è quelli adesso devono seguire i fatti.lo rilancino loro un settore in crisi.se tu riesci a vedere on quello che scrivo solo un tentativo di flamare allora sei un povero mentecatto che non ha capito realmente un cippa dei problemi dell'it/ict vediamo di
      disinnescare questo flame, eh?vediamo di aprire un po la mente invece di dire cretina*e.il problema esiste ed è serio.con i brevetti i soldi per rimodernare il settore sarebbero venuti da imprentitori e grandi aziende che premevano per gli stessi, chi ha spinto in direzione contraria adesso si deve anche attivare per trovare soluzioni alternative e concrete!

      P.S. troll, non postare risposte fingendoti un
      altro utente p.s. coglio** non infastidire la gente.non tutti sono ragazzini demen** come te che si lasciano andare a facili festeggiamenti.aver scongiurato il rischio su brevetti ad ora non ha portato nessun vantaggio all'it/ict anzi il solo svantaggio di perdere probabili investitori.se per te parlare di questo è tabù affari tuoi.ma in un forum pubblico su un sito hostato in un paese democratico mi aspetto di poter esprimere la mia opinione senza sentirmi dare del troll da tutti i bambocci troppo poco cresciuti per vedere oltre il proprio naso.chiaro?ti costa così tanto rispettare le opinioni altrui?se non ti sta bene quello che scrivo puoi sempre replicare con argomentazioni (il vocabolo troll non è da considerarsi una panacea letteraria) o non rispondere proprio.(sempre anonimo casualmente) per
      tentare di ravvivare il fuoco che ormai t'abbiamo
      sgamato tutti.bravo adesso conetti il cervello e cercati l'ultimo neurone che avevi
      • Rex1997 scrive:
        Re: speriamo
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Riot

        - Scritto da: Anonimo

        lol, flamer firmati.

        carino ma che vuol dire?





        speriamo che chi ha fortemente combattuto
        contro


        questa direttiva adesso si rimbocchi le
        maniche

        e


        faccia pervenire al settore quei capitali


        necessari per un rilancio dell'it/ict che la


        svolta ha negato.



        Ma certo, infatti regalare il mercato IT europa

        agli USA avrebbe aiutato enormemente.

        quale parte di:
        'quei capitali necessari per un rilancio
        dell'it/ict che la svolta ha negato.'

        non hai capito?Quale parte di" il 90% dei brevetti software è in mano a società USA"?Accettare di brevettare sofware in Europa, per i trattati di reciprocità, vuol dire accettare tutti i brevetti USA.Questo significa che una qualunque azienda Europea, per investire 100 in un software deve spendere almeno 1000 in avvocati per evitare "rogne legali" per aver infranto anche per sbaglio uno solo dei brevetti USA...oltre a quello che bisogna pagare per usare un doppio click, la progress bar etc.etc.che innovazione è questa? Quella di far aumentare i soldi che emigrano sui conti correnti di qualcuno in USA?Scusa la domanda retorica, ma tu pagheresti oltre all'energia usata per scaldare l'acqua anche chi ha brevettato un "metodo per aumentare l'energia molecolare dell'H2O mediante somministrazione di calore"?





        Per chi non l'avesse capito l'autore del post a

        cui rispondo è il solito troll,

        per chi non l'avesse capito p.i. è popolato da
        una manica di idioti che archiviano tutto quello
        che non gli è comodo sotto la voce troll.Questa la ritengo un insulto all'intelligenza di molti...:@
        la direttiva sui brevetti avrebbe incoraggiato
        investimenti di capitali e quindi rilancio di un
        settore che è i stato di fossilizzazione.certo come no, sai che flusso di $$ verso gli USA....
        non sono chicchiere la direttiva era voluta da
        grandi imprenditori e multinazionali e avrebbe
        anche incoraggiato imprenditori locali.Quale è l'imprenditore locale che spende 10000 per guadagnare 100? Mi sa che l' Economia non sia pane per i tuoi denti...
        adesso la direttiva è stata bocciata sotto
        pressione di quelli che la ritenevano un'ostacolo
        alla loro idea di rilancio.
        risanare un settore malato però richiede anche
        denaro. investimenti e impegno.
        mi aspetto che chi ha vinto una battaglia
        politica escludendo dal gioco una fazione che
        avrebbe portato cambiamenti adesso si impegni per
        fare altrettanto.
        le chicchiere serveno solo a pi che ci guadagna
        sui click, nella vita reale alle chicchiere di
        questi è quelli adesso devono seguire i fatti.
        lo rilancino loro un settore in crisi.Non credo che PI possa guadagnare sul clik ciò che qualcuno in USA guadagnerebbe sullo stesso se fosse passata la brevettabilità delle idee...:p:)
        se tu riesci a vedere on quello che scrivo solo
        un tentativo di flamare allora sei un povero
        mentecatto che non ha capito realmente un cippa
        dei problemi dell'it/ict

        vediamo di

        disinnescare questo flame, eh?

        vediamo di aprire un po la mente invece di dire
        cretina*e.
        il problema esiste ed è serio.
        con i brevetti i soldi per rimodernare il settore
        sarebbero venuti da imprentitori e grandi aziende
        che premevano per gli stessi, chi ha spinto in
        direzione contraria adesso si deve anche attivare
        per trovare soluzioni alternative e concrete!

        Scusa ma quale grande azienda americana investirebbe in Europa per fare innovazione se non per portare soldi o meglio $$ a casa propria a spese dell'Europa?Ti ricordo che in Europa NON esistono aziende Software in grado di combattere ad armi pari con quelle degli USA...



        P.S. troll, non postare risposte fingendoti un

        altro utente


        p.s. coglio** non infastidire la gente.
        non tutti sono ragazzini demen** come te che si
        lasciano andare a facili festeggiamenti.
        aver scongiurato il rischio su brevetti ad ora
        non ha portato nessun vantaggio all'it/ict anzi
        il solo svantaggio di perdere probabili
        investitori.
        se per te parlare di questo è tabù affari tuoi.
        ma in un forum pubblico su un sito hostato in un
        paese democratico mi aspetto di poter esprimere
        la mia opinione senza sentirmi dare del troll da
        tutti i bambocci troppo poco cresciuti per vedere
        oltre il proprio naso.
        chiaro?I brevetti non sono un tabù, ma lo diventano se sono applicati in maniera illogica.Se ci fosse la brevettabilità di questo tipo, passerebbe anche la brevettabilità di cose sul tipo"metodo per aumentare il valore numerico di un dato mediante incremento unitario per il numero di volte necessario"...ti suona strano? Potrebbe anche essere visto che trattasi di un altro modo di definire la banale operazione di addizione...però detta così è brevettabile...poi chi farebbe più una addizione se bisogna pagare qualche avvocatucchio con brame di guadagno ed un minimo di conoscenze matematiche?
        ti costa così tanto rispettare le opinioni altrui?
        se non ti sta bene quello che scrivo puoi sempre
        replicare con argomentazioni (il vocabolo troll
        non è da considerarsi una panacea letteraria) o
        non rispondere proprio.
        Le idee si possono rispettare se queste rispettano il punto di vista altrui.....nel caso specifico NON sono l'autore del post di risposta, a quell'ora normalmente dormo...:)
        (sempre anonimo casualmente) per

        tentare di ravvivare il fuoco che ormai
        t'abbiamo

        sgamato tutti.

        bravo adesso conetti il cervello e cercati
        l'ultimo neurone che aveviConnetti anche tu il tuo neurone e comincia a ragionare sulle cose, invece di sparare a zero su chi non la vede come te.==================================Modificato dall'autore il 07/07/2005 9.33.23==================================Modificato dall'autore il 07/07/2005 9.34.18
        • Anonimo scrive:
          Re: speriamo
          - Scritto da: Rex1997
          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Riot


          - Scritto da: Anonimo


          lol, flamer firmati.



          carino ma che vuol dire?








          speriamo che chi ha fortemente combattuto

          contro



          questa direttiva adesso si rimbocchi le

          maniche


          e



          faccia pervenire al settore quei capitali



          necessari per un rilancio dell'it/ict che la



          svolta ha negato.





          Ma certo, infatti regalare il mercato IT
          europa


          agli USA avrebbe aiutato enormemente.



          quale parte di:

          'quei capitali necessari per un rilancio

          dell'it/ict che la svolta ha negato.'



          non hai capito?

          Quale parte di
          " il 90% dei brevetti software è in mano a
          società USA"?difficile che sia in mano a società italiane se il brevetto non lo vogliamo non trovi?
          Accettare di brevettare sofware in Europa, per i
          trattati di reciprocità, vuol dire accettare
          tutti i brevetti USA.vuol dire che gli usa devono accettare i nostri brevetti.da come la dice si direbbe che dai già per scontato che gli usa producano materiale valido (e quindi che i loro brevetti rendano) e l'ue solo spazzatura.
          Questo significa che una qualunque azienda
          Europea, per investire 100 in un software deve
          spendere almeno 1000 in avvocati per evitare
          "rogne legali"ma fammi il piacere...gira un pò anche in tucows prendi i nomi dei sw e poi fai piccole indaggini..così ti rendi conto che in america (l'america dei brevetti) di piccole sw-house ne esistono e nascono a mln e senza bisogno di sentire avvocati.la storiella è vecchia è straabusata.l'italia è invece il paese della burocrazia, qui veramente non l'apro proprio una sw-house se prima non passi da avvocati, notai e contabili! per aver infranto anche per
          sbaglio uno solo dei brevetti USA...oltre a
          quello che bisogna pagare per usare un doppio
          click, la progress bar etc.etc.chi paga sta progress bar che vi piace tanto menzionare?ti rispondo io: nessuno!
          che innovazione è questa?meglio degli innovati db relazionali italiani :si poteva fare una buona legge sui brevetti (che non doveva necessariamente essere la copia di quella americana) ma il cervello vi si è bloccato sulla prograss bar è adesso il progress si fa al bar. Quella di far
          aumentare i soldi che emigrano sui conti
          correnti di qualcuno in USA?ma smettila con questo protezionismo/ostruzionismo da 4 soldi!pasta e frutta e qualche capo di abbigliamento esclusi il 99% dei beni di consumo che esistono in italia portano i soldi fuori dall'italia!i brevetti portano i soldi a chi brevetta codice valido che deve quindi essere utilizzato.è evidente dal tuo modo di parlare che il primo a non credere nell'it italiano sia tu

          Scusa la domanda retorica, ma tu pagheresti oltre
          all'energia usata per scaldare l'acqua anche chi
          ha brevettato un "metodo per aumentare l'energia
          molecolare dell'H2O mediante somministrazione di
          calore"?scusa la domanda ma che ca**o c'entra?ogni volta saltano fuori storielle assurde come quella del teorema di pitagaro brevettato...in america i brevetti esistono da anni..quello che non esiste sono invece gli scenari assurdi che si dipingono su pi










          Per chi non l'avesse capito l'autore del post
          a


          cui rispondo è il solito troll,



          per chi non l'avesse capito p.i. è popolato da

          una manica di idioti che archiviano tutto quello

          che non gli è comodo sotto la voce troll.
          Questa la ritengo un insulto all'intelligenza di
          molti...:@questa quale?il 99% delle volte che si inizia una discussione fuori dal coro si cerca di chiudere tutto con sto 'troll' del piffero!l'intelligenza deve prima esistere prima di potersi offendere


          la direttiva sui brevetti avrebbe incoraggiato

          investimenti di capitali e quindi rilancio di un

          settore che è i stato di fossilizzazione.

          certo come no, sai che flusso di $$ verso gli
          USA....il paraocchi quando lo togli?


          non sono chicchiere la direttiva era voluta da

          grandi imprenditori e multinazionali e avrebbe

          anche incoraggiato imprenditori locali.

          Quale è l'imprenditore locale che spende 10000
          per guadagnare 100? Mi sa che l' Economia non sia
          pane per i tuoi denti...ma dove l'hai letta sta favoletta 10000 per 100 ...mi sa che non dovresti sparare proporzioni a caso su argomenti a caso.se sbaglio post-a qualche link che ti dia ragione


          adesso la direttiva è stata bocciata sotto

          pressione di quelli che la ritenevano
          un'ostacolo

          alla loro idea di rilancio.

          risanare un settore malato però richiede anche

          denaro. investimenti e impegno.

          mi aspetto che chi ha vinto una battaglia

          politica escludendo dal gioco una fazione che

          avrebbe portato cambiamenti adesso si impegni
          per

          fare altrettanto.

          le chicchiere serveno solo a pi che ci guadagna

          sui click, nella vita reale alle chicchiere di

          questi è quelli adesso devono seguire i fatti.

          lo rilancino loro un settore in crisi.

          Non credo che PI possa guadagnare sul clik ciò
          che qualcuno in USA guadagnerebbe sullo stesso se
          fosse passata la brevettabilità delle idee...:p:)si ma mi dici adesso che cosa hanno intenzione di fare quelli che hanno richiesto la sfiducia nella direttiova sui brevetti per rilanciale il settore.autocompiacersi e festeggiare ad oltranza non serve a niente.adesso voglio vedere i piani di rilancio che a loro dire erano ostacolati dai brevetti.altrimenti tante chicchiere e basta..ma l'argomento è di moda quindi tutti contenti di restare la ruota di scorta sgonfia dell'ultimo carro della carovana



          se tu riesci a vedere on quello che scrivo solo

          un tentativo di flamare allora sei un povero

          mentecatto che non ha capito realmente un cippa

          dei problemi dell'it/ict



          vediamo di


          disinnescare questo flame, eh?



          vediamo di aprire un po la mente invece di dire

          cretina*e.

          il problema esiste ed è serio.

          con i brevetti i soldi per rimodernare il
          settore

          sarebbero venuti da imprentitori e grandi
          aziende

          che premevano per gli stessi, chi ha spinto in

          direzione contraria adesso si deve anche
          attivare

          per trovare soluzioni alternative e concrete!




          Scusa ma quale grande azienda americana
          investirebbe in Europa per fare innovazione se
          non per portare soldi o meglio $$ a casa propria
          a spese dell'Europa?forse che in europa non esistano imprenditori?
          Ti ricordo che in Europa NON esistono aziende
          Software in grado di combattere ad armi pari con
          quelle degli USA...perchè nessuno investe capitali come quelli mossi in america...perchè nessuno vuole rischiare mentre in america hanno le spalle coperte e gli imprenditori si lanciano più
          • Rex1997 scrive:
            Re: speriamo
            - Scritto da: Anonimo-cut
            da come la dice si direbbe che dai già per
            scontato che gli usa producano materiale valido
            (e quindi che i loro brevetti rendano) e l'ue
            solo spazzatura.
            Non ho detto e dato per scontato che le aziende USA producano il top, ho solo detto che dato che in europa NON esiste la cultura del software, adottare la legislazione sulla brevettabilità delle idee vuol dire concedere il mercato in toto agli USA, in quanto noi NON abbiamo validi brevetti per contrastare il loro starpotere.

            Questo significa che una qualunque azienda

            Europea, per investire 100 in un software deve

            spendere almeno 1000 in avvocati per evitare

            "rogne legali"

            ma fammi il piacere...
            gira un pò anche in tucows prendi i nomi dei sw e
            poi fai piccole indaggini..così ti rendi conto
            che in america (l'america dei brevetti) di
            piccole sw-house ne esistono e nascono a mln e
            senza bisogno di sentire avvocati.Già infatti non poche delle ultime sorte hanno per propietario guarda caso un legale od uno studio legale....Se per brevetto intendi il "brevetto classico", quello sul prodotto finito e funzionante che propone una innovazione in qualcosa mi trovi favorevole, ma il brevetto sulla ruota con tutto quello che ne segue NO.
            la storiella è vecchia è straabusata.
            l'italia è invece il paese della burocrazia, qui
            veramente non l'apro proprio una sw-house se
            prima non passi da avvocati, notai e contabili!
            Infatti i giochetti, che detti brevetti nella forma proposta,avrebbero permesso proprio nella patria della burocrazia bizantina sarebbero stai infiniti: almeno negli USA c'è un limite all'idiozia...
            chi paga sta progress bar che vi piace tanto
            menzionare?
            ti rispondo io: nessuno!probabilmente, visto che ti definisci esperto del settore IT saprai che il costo finale di un prodotto, software nello specifico, è gravato anche dai costi di utilizzo dei patents...non mi dire che non sai che ad esempio su photoshop (C)(tanto per citarne uno a caso...) paghi i brevetti sul tipo di formato che usi per salvare una immagine (è solo un esempio ma di casi del genere nel software che arriva dagli USA è pieno....) oltre che sugli algoritmi di ricalcolo dell'immagine: purtroppo per te in USA questi sono brevettati e se li vui usare PAGHI.., Altro scenario: software europeo con patents sul software validi...dato che la maggior parte sono USA sono $$ che vanno in USA non in Europa!Questo però non lo capisce nessuno...
            ..ma il cervello vi si è
            bloccato sulla prograss bar è adesso il progress
            si fa al bar.No il problema è che il progress, ragionamenti settari come il tuo, lo fermano al bar...:(

            ...è evidente dal tuo modo di parlare che il primo a
            non credere nell'it italiano sia tu
            Contrariamente a quello che dici io all'IT italiano ci credo, ma non lo voglio schiavo a quello USA. Ti ripeto, dato che il mondo economico in parte lo conosco, che per investire occorre essere certi di un ritorno e se per avere un ritormo minimo devo investire non solo in innovazione tecnologica, che da sola assorbe una quota non indifferente dell'investimento, ma anche in studi di avvocati al solo scopo di evitarmi "rogne legali" questo è solo un costo puro che non da ritorno. Una aziendina europea o italiana nello specifico, non ha il capitale per supportare tutto questo...il gioco regge solo a chi è grande e guarda caso di grande in Europa c'è solo qualche filiale di casa madre USA... cui prodest patents? cut
            scusa la domanda ma che ca**o c'entra?
            ogni volta saltano fuori storielle assurde come
            quella del teorema di pitagaro brevettato...in
            america i brevetti esistono da anni..quello che
            non esiste sono invece gli scenari assurdi che si
            dipingono su piForse non ci sono perche non le vedi o perche non hai compreso il caso SCO....Negli USA apparentemente si regge tutto sul filo, cito testualente IBM, che il brevetto è mio ma per il momento non lo rivendico pur mantenendolo mio...Non rivendicarlo NON significa NON usarlo ed infatti SCO ha rotto IBM la quale prontamente ha reclamato...La verità che non vui vedere è che fintanto che resti piccolo nessuno ti verrà a rompere, ma se cominci ad ingrossare allora....
            l'intelligenza deve prima esistere prima di
            potersi offendereEd io mii sono offeso perché oltre che a non foderarmi gli occhi con fette di salame, allo stesso tempo cerco di vedere oltre la punta del mio naso....


            il paraocchi quando lo togli?Io l'ho tolto da parecchio, per la precisione da quando non credo più a Babbo Natale....nello specifico ti suggerirei di cominciare a vedere le implicazioni di ciò che fai non solo per il tuo orticello, ma anche per gli orticelli confinanti.CUT(avrei voglia di rispodere anche a questa parte tagliata, ma non mi va....anche perché se il problema lo vedi solo confinato al tuo orticello è inutile continuare...)

            Scusa ma quale grande azienda americana

            investirebbe in Europa per fare innovazione se

            non per portare soldi o meglio $$ a casa propria

            a spese dell'Europa?

            forse che in europa non esistano imprenditori?
            Esistono esistono,... ma sei sicuro che sono grandi a sufficenza per competere anche sul piano legale a qualche SCO di turno?
            perchè nessuno investe capitali come quelli mossi
            in america...perchè nessuno vuole rischiare
            mentre in america hanno le spalle coperte e gli
            imprenditori si lanciano più facilmente....hai
            visto che alla fine sei arrivato dove dicevo io?Questa è bella, hanno le spalle coperte...si è vero dagli avvocati!In Europa c'è il diritto d'autore che basta ed avanza a proteggere le proprietà intellettuali....infatti si è visto come negli USA la cosa ha funzionato tanto per citare un nome con Meucci: 150 anni di cause legali portate aventi dagli eredi per dimostrare ciò che era....CUT
            no è un tabù parlare a favore dei brevetti su pi.
            anzi su pi è un tabù parlare fuori dal coro ed il
            massimo che ottieni e sentirti dare del troll da
            uno che argomenta come una mosca epilettica!
            Beh, questo è un problema tuo con chi ti ha risposto in quel modo, non con me. Io ti so dicendo che così come ti viene fatto vedere il sistema dei software patents è un problema serio oltre che potenzialmente pericoloso per l'Europa intera. Non ci credi? Io rimango della mia idea, tu della tua ed amen.dato che sarà il parlamento Europeo a dire l'ultima su quata cosa nei tempi e nei modi dovuti, allora dopo e solo dopo che sarà uscita una legge, si spera decente, vedremo i risultati...fino ad allora mi batterò affinché non passi una legge da schifo che fa gli interessi USA e non Europei. Tutto qui.==================================Modificato dall'autore il 07/07/2005 14.19.48
          • Anonimo scrive:
            Re: speriamo
            - Scritto da: Rex1997
            - Scritto da: Anonimo
            -cut

            da come la dice si direbbe che dai già per

            scontato che gli usa producano materiale valido

            (e quindi che i loro brevetti rendano) e l'ue

            solo spazzatura.


            Non ho detto e dato per scontato che le aziende
            USA producano il top, ho solo detto che dato che
            in europa NON esiste la cultura del software,
            adottare la legislazione sulla brevettabilità
            delle idee vuol dire concedere il mercato in toto
            agli USA, in quanto noi NON abbiamo validi
            brevetti per contrastare il loro starpotere.



            Questo significa che una qualunque azienda


            Europea, per investire 100 in un software deve


            spendere almeno 1000 in avvocati per evitare


            "rogne legali"



            ma fammi il piacere...

            gira un pò anche in tucows prendi i nomi dei sw
            e

            poi fai piccole indaggini..così ti rendi conto

            che in america (l'america dei brevetti) di

            piccole sw-house ne esistono e nascono a mln e

            senza bisogno di sentire avvocati.

            Già infatti non poche delle ultime sorte hanno
            per propietario guarda caso un legale od uno
            studio legale....
            Se per brevetto intendi il "brevetto classico",
            quello sul prodotto finito e funzionante che
            propone una innovazione in qualcosa mi trovi
            favorevole, ma il brevetto sulla ruota con tutto
            quello che ne segue NO.


            la storiella è vecchia è straabusata.

            l'italia è invece il paese della burocrazia, qui

            veramente non l'apro proprio una sw-house se

            prima non passi da avvocati, notai e contabili!


            Infatti i giochetti, che detti brevetti nella
            forma proposta,
            avrebbero permesso proprio nella patria della
            burocrazia bizantina sarebbero stai infiniti:
            almeno negli USA c'è un limite all'idiozia...


            chi paga sta progress bar che vi piace tanto

            menzionare?

            ti rispondo io: nessuno!

            probabilmente, visto che ti definisci esperto del
            settore IT saprai che il costo finale di un
            prodotto, software nello specifico, è gravato
            anche dai costi di utilizzo dei patents...io rispondevo sulla progress barovvio che per brevetti sensati poi si paghi
            non mi dire che non sai che ad esempio su
            photoshop (C)(tanto per citarne uno a caso...)
            paghi i brevetti sul tipo di formato che usi per
            salvare una immagine (è solo un esempio ma di
            casi del genere nel software che arriva dagli USA
            è pieno....) oltre che sugli algoritmi di
            ricalcolo dell'immagine: purtroppo per te in USA
            questi sono brevettati e se li vui usare PAGHI..,

            Altro scenario: software europeo con patents sul
            software validi...dato che la maggior parte sono
            USA sono $$ che vanno in USA non in Europa!
            Questo però non lo capisce nessuno...la legge sui brevetti era tutta da fare quindi la tua affermazione è solo una supposizione.esistono altri modi di fare leggi che siano diversi dal: diamo per buono quello che è già stato fatto in america e riconosciamo tutti i brevetti americani.cmq mi pare che il brevetto sugli mp3 stia nell'europeissima germania (mi pare non ho controllato)


            ..ma il cervello vi si è

            bloccato sulla prograss bar è adesso il progress

            si fa al bar.
            No il problema è che il progress, ragionamenti
            settari come il tuo, lo fermano al bar...:(meglio che fermarsi sui forum prima di andare al bar :)




            ...è evidente dal tuo modo di parlare che il
            primo a

            non credere nell'it italiano sia tu


            Contrariamente a quello che dici io all'IT
            italiano ci credo, ma non lo voglio schiavo a
            quello USA. i brevetti non ti rendono schiavo di nessuno.se produci codice innovativo gli americani devo rispettare il tuo brevetto come tu ti sei impegnato a rispettare i loro.unisci questo ad una brevettabilità che filtra la marasma di brevetti americani stupidi e vedi che il brevetto non è la peste del 2005
            Ti ripeto, dato che il mondo economico in parte
            lo conosco, che per investire occorre essere
            certi di un ritorno e se per avere un ritormo
            minimo devo investire non solo in innovazione
            tecnologica, che da sola assorbe una quota non
            indifferente dell'investimento, ma anche in studi
            di avvocati al solo scopo di evitarmi "rogne
            legali" questo è solo un costo puro che non da
            ritorno. Una aziendina europea o italiana nello
            specifico, non ha il capitale per supportare
            tutto questo...il gioco regge solo a chi è grande
            e guarda caso di grande in Europa c'è solo
            qualche filiale di casa madre USA... cui
            prodest patents?

            cut

            scusa la domanda ma che ca**o c'entra?

            ogni volta saltano fuori storielle assurde come

            quella del teorema di pitagaro brevettato...in

            america i brevetti esistono da anni..quello che

            non esiste sono invece gli scenari assurdi che
            si

            dipingono su pi

            Forse non ci sono perche non le vedi o perche non
            hai compreso il caso SCO....
            Negli USA apparentemente si regge tutto sul filo,
            cito testualente IBM, che il brevetto è mio ma
            per il momento non lo rivendico pur mantenendolo
            mio...
            Non rivendicarlo NON significa NON usarlo ed
            infatti SCO ha rotto IBM la quale prontamente ha
            reclamato...
            La verità che non vui vedere è che fintanto che
            resti piccolo nessuno ti verrà a rompere, ma se
            cominci ad ingrossare allora....


            l'intelligenza deve prima esistere prima di

            potersi offendere
            Ed io mii sono offeso perché oltre che a non
            foderarmi gli occhi con fette di salame, allo
            stesso tempo cerco di vedere oltre la
            punta del mio naso....be allora mi scuso con te ma non certo con chi in questo 3d mi ha dato del troll o dell'idio**non meritano scuse e purtroppo i post di pi sono per lo più di questo tenore quindi affermare (come ho fatto) che la maggioranza degli utenti pi sono dei bambocci purtroppo è valido :(






            il paraocchi quando lo togli?
            Io l'ho tolto da parecchio, per la precisione da
            quando non credo più a Babbo Natale....
            nello specifico ti suggerirei di cominciare a
            vedere le implicazioni di ciò che fai non solo
            per il tuo orticello, ma anche per gli orticelli
            confinanti.

            CUT
            (avrei voglia di rispodere anche a questa parte
            tagliata, ma non mi va....anche perché se il
            problema lo vedi solo confinato al tuo orticello
            è inutile continuare...)



            Scusa ma quale grande azienda americana


            investirebbe in Europa per fare innovazione se


            non per portare soldi o meglio $$ a casa
            propria


            a spese dell'Europa?



            forse che in europa non esistano imprenditori?


            Esistono esistono,... ma sei sicuro che sono
            grandi a sufficenza per competere anche sul piano
            legale a qualche SCO di turno?io sono sicuro solo di una cosa: fino ad oggi i brevetti non ci sono.tali imprenditori non hanno però fatto niente per l'it/ict italiana.quello di cui
          • Rex1997 scrive:
            Re: speriamo
            - Scritto da: Anonimocut
            io sono sicuro solo di una cosa: fino ad oggi i
            brevetti non ci sono.
            tali imprenditori non hanno però fatto niente per
            l'it/ict italiana.
            quello di cui parli tu invece è solo uno dei
            scenari possibili e non una realtà di fatto.
            forse avere le garanzie che il brevetto offre
            avrebbe incentivato molto...
            Domanda diretta: tu investiresti in un programma per il quale ogni istruzione (algoritmo) è coperta da almeno 1 patent, per cui devi pagare per ciò che scrivi se vuoi fare businness? Riesci a farti un'idea di quanto costerebbe un qualunque programma (software sarebbe più corretto)?Quello che non vedi, IMHO, è il fatto che la matematica è un linguaggio che serve per descrivere fenomeni non descrivibili con una lingua come l'italiano ad esempio, e le istruzioni (codice) hanno lo stesso compito..descrizione di un processo fisico mediante sequenze di Zeri ed Uno capibili da un computer...se poi tu sei contento di aver coperto da patents anche i linguaggi comincia a mettere in preventivo di pagare anche per l'uso di locuzioni verbali, di cui senz'altro qualcuno alla fine capirà il nesso con le istruzioni software e provvederà a brevettarle....poi cosa fai resti muto per non pagare diritti ogni volta che parli? :)Come vedi le implicazioni di possibili scenari originati da una cosa che miopiamente si vede giusta, possono essere piuttosto "pesantine" e quello da me ipotizzato è solo uno tra le tante cose che si potrebbero fare una volta che sono brevettabili le istruzioni...:(




            perchè nessuno investe capitali come quelli

            mossi


            in america...perchè nessuno vuole rischiare


            mentre in america hanno le spalle coperte e
            gli


            imprenditori si lanciano più facilmente....hai


            visto che alla fine sei arrivato dove dicevo
            io?

            Questa è bella, hanno le spalle coperte...si è

            vero dagli avvocati!



            In Europa c'è il diritto d'autore che basta ed

            avanza a proteggere le proprietà

            intellettuali....

            es: creo un miracoloso algoritmo miracol-algo che
            comprime tutto (indipendentemente dal tipo di
            dati) ad 1/20 delle dimensioni originali.
            ne faccio un sw il miracol-zip e spero di
            recuperare gli anni investiti per sviluppare
            l'algoritmo ma colpo di scena il copyright mi
            protegge miracol-zip nella sua interezza ma non
            l'algoritmo miracol-algo.
            pincopalo sw spa mi copia l'algoritmo
            miracol-algo per creare il suo copied-zip e vende
            almeno quanto me.
            ma lui non deve ripagarsi anni di ricerca e
            sviluppo quindi può accontentarsi di guadagni più
            contenuti e può anche ridurre il prezzo del sw
            mettendo la mia sw-house in ginocchio

            In Italia con in concetto di "Diritto d'Autore" mi sembra che il problema non si ponga: chi fa una copia del tuo algoritmo super-performante e lo usa commercialmete senza pagarti i diritti di sfruttamento, può essere colpito legalmete per plagio, in seconda battuta tu hai il diritto di commercializzare per un tot di tempo il tuo algoritmo in esclusiva, poi dato che trattasi di algoritmo direi che fa parte della "conoscenza" umana e come tale dovrebbe essere di dominio pubblico...anche se le formule matematiche coperte da diritti d'autore mi sembrano assurde per definizione....il copyright su tutte indistintamente è del padreterno direi...:)Ah, a proposito con il tuo algoritmo descritto sopra hai già violato i patents che sono sul MJPEG4 ed inoltre non hai inventato nulla di innovativo ne tu ne chi detiene tali patents e commercializza tale compressore....questi tipi di algoritmi li usavo già intorno al 1976 al 2 anno di ingegneria per migliorare la risoluzione di immagini oppure per ridurre le dimensioni delle stesse in quello che era gli albori della trasmissione di immagini ad alta risoluzione in formato compresso provenienti ad esempio da satelliti planetari.....e tali algoritmi erano di dominio pubblico almeno a livello accademico... :|
            cut
            meucci non aveva fatto il brevetto (solo una
            versione temporanea di 1 anno) altrimenti avrebbe
            avuto quello che gli spettava
            Se però fosse stata rispettata la prior-art con un banale copyright il problema forse si sarebbe smontato da solo...
  • Anonimo scrive:
    finalmente
    l'europa ha dimostrato di avere un po' di personalità, dopo anni di atroci errori su tanti campi (trattato per le leggi razziali o di shengen, distruzione dei servizi tgramite le privatizzazioni, precarizzazione dei lavoratori e pensioni-chimera, solo per fare alcuni esempi)spero vada avanti così
    • Anonimo scrive:
      Re: finalmente
      - Scritto da: Anonimo
      l'europa ha dimostrato di avere un po' di
      personalità, dopo anni di atroci errori su tanti
      campi (trattato per le leggi razziali o di
      shengen, distruzione dei servizi tgramite le
      privatizzazioni, precarizzazione dei lavoratori e
      pensioni-chimera, solo per fare alcuni esempi)
      spero vada avanti cosìsi, ed ecco che per censurare la notizia, via con la strategia della tensione!
  • Anonimo scrive:
    ma la it europea
    prendo spunto da un link di un altro post:http://swpat.ffii.org/patents/stats/index.en.htmlcome si vede al 90% sono tutti di multinazionali usa e giapponesi i brevetti: perchè mai questi brevetti avrebbero favorito le aziende europee ? boh
  • carbonio scrive:
    GOOOOOOOOOOOOL
    Lasciatemi sfogare almeno per un giornonella speranza che non sia solo quello della bandiera pero'... 8)
  • Anonimo scrive:
    Se solo Urbani avese parlato come Stanca
    http://valeriogiunta.blogspot.com/2005/07/se-solo-urbani-avesse-parlato-come.htmlStanca: "E' meglio nessuna direttiva piuttosto di una insoddisfacente" ;) Urbani: "Chiedo al Senato il sacrificio di legiferare come tutti sappiamo che non si debba fare" :'( Ciao :(
    • ryoga scrive:
      Re: Se solo Urbani avese parlato come Stanca
      - Scritto da: casteredandblue
      http://valeriogiunta.blogspot.com/2005/07/se-solo-

      Stanca: "E' meglio nessuna direttiva piuttosto di
      una insoddisfacente" ;)

      Urbani: "Chiedo al Senato il sacrificio di
      legiferare come tutti sappiamo che non si debba
      fare" :'(


      Ciao :(Stanca forse e' piu' responsabile e meno corrotto di un tizio il cui unico scopo forse era quello di far approvare dei fondi da destinarne all'amante.D'altro canto, abbiamo visto tutti di quanto cio' se ne stia parlando adesso a distanza di tempo dall'approvazione e di come la sua mossa abbia portato alla chiusura di un intero settore qui in Italia.( dvd, hd & co. vengono acquistati solo all'estero, la pirateria non placa a calmarsi, la malavita ha aumentato il proprio giro d'affari - leggi: non scarico..lascio tracce...preferisco acquistare dal marocchino -, e si mandano in galera chi scarica 1 mp3 piuttosto di chi stupra... )
    • Anonimo scrive:
      Re: Se solo Urbani avese parlato come Stanca
      peccato che Stanca l'abbia detto solo *dopo* la batosta
    • midori scrive:
      Re: Se solo Urbani avese parlato come St
      - Scritto da: casteredandblue
      http://valeriogiunta.blogspot.com/2005/07/se-solo-

      Stanca: "E' meglio nessuna direttiva piuttosto di
      una insoddisfacente" ;)

      Urbani: "Chiedo al Senato il sacrificio di
      legiferare come tutti sappiamo che non si debba
      fare" :'(


      Ciao :(Sono dei pagliacci...in occasione della legge 40 sulla procreazione assistita:"meglio una cattiva legge che l'assenza totale di regole", se non erro fu detto, tra gli altri, dal ministro della sanita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Se solo Urbani avese parlato come St
        Sì ... noi li votiamo - e la comunità li paga - per fare CATTIVE leggi ... Criminali !Saluti,Piwi
  • senzaesclusiva scrive:
    ..ci ho messo un pò, ma...
    ..credo che all'età di 47 anni sto finalmente cominciando ad interpretare correttamente il politichese:"Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura "in quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un quadro certo di norme su questo fronte".Il "quadro certo" corrisponde sempre a questo: faccendieri, multinazionali, e pseudoimprenditori senza idee, ma con tanti quattrini ( chissà presi dove visto che piangono miseria da tutte le parti) ed intrallazzi politici che si assicurano il brevetto di qualcosa. Le "norme" , il metodo per fare in modo che 50 milioni di italiani vengano messi a pecora da leggi fatte ad hoc" Ma Stanca non ha detto solo questo, sottolineando che "è meglio nessuna direttiva piuttosto di una insoddisfacente": ..già..tutto sommato è andata bene...figuriamoci se, non solo non avessero approvato la proposta di legge, ma avessero posto anche dei vincoli a loro sfavore..."E si è augurato che si riparta con una proposta di normativa migliore, ipotesi per ora esclusa dalla Commissione europea."...non tutto è perduto, forse si è unto poco, e c'è sempre tempo e modo e tattiche, e inciuci possibili per far passare qualcosa su cui speculare?mandiamoli a casa??
    • Anonimo scrive:
      Re: ..ci ho messo un pò, ma...
      - Scritto da: senzaesclusiva
      ..credo che all'età di 47 anni sto finalmente
      cominciando ad interpretare correttamente il
      politichese:

      "Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo di norme su questo fronte".

      Il "quadro certo" corrisponde sempre a questo:
      faccendieri, multinazionali, e
      pseudoimprenditori senza idee, ma con tanti
      quattrini ( chissà presi dove visto che piangono
      miseria da tutte le parti) ed intrallazzi
      politici che si assicurano il brevetto di
      qualcosa. Le "norme" , il metodo per fare in modo
      che 50 milioni di italiani vengano messi a
      pecora da leggi fatte ad hoc


      " Ma Stanca non ha detto solo questo,
      sottolineando che "è meglio nessuna direttiva
      piuttosto di una insoddisfacente": ..già..tutto
      sommato è andata bene...figuriamoci se, non solo
      non avessero approvato la proposta di legge, ma
      avessero posto anche dei vincoli a loro
      sfavore...



      "E si è augurato che si riparta con una proposta
      di normativa migliore, ipotesi per ora esclusa
      dalla Commissione europea."...non tutto è
      perduto, forse si è unto poco, e c'è sempre tempo
      e modo e tattiche, e inciuci possibili per far
      passare qualcosa su cui speculare?

      mandiamoli a casa??Infatti non hanno capito un CAZZO questi qui!
      • eaman scrive:
        Re: ..ci ho messo un pò, ma...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: senzaesclusiva

        ..credo che all'età di 47 anni sto finalmente

        cominciando ad interpretare correttamente il

        politichese:



        "Stanca ha espresso "rammarico" per la
        bocciatura

        "in quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un

        quadro certo di norme su questo fronte".



        Il "quadro certo" corrisponde sempre a questo:

        faccendieri, multinazionali, e

        pseudoimprenditori senza idee, ma con tanti

        quattrini ( chissà presi dove visto che piangono

        miseria da tutte le parti) ed intrallazzi

        politici che si assicurano il brevetto di

        qualcosa. Le "norme" , il metodo per fare in
        modo

        che 50 milioni di italiani vengano messi a

        pecora da leggi fatte ad hoc





        " Ma Stanca non ha detto solo questo,

        sottolineando che "è meglio nessuna direttiva

        piuttosto di una insoddisfacente": ..già..tutto

        sommato è andata bene...figuriamoci se, non solo

        non avessero approvato la proposta di legge, ma

        avessero posto anche dei vincoli a loro

        sfavore...







        "E si è augurato che si riparta con una proposta

        di normativa migliore, ipotesi per ora esclusa

        dalla Commissione europea."...non tutto è

        perduto, forse si è unto poco, e c'è sempre
        tempo

        e modo e tattiche, e inciuci possibili per far

        passare qualcosa su cui speculare…



        mandiamoli a casa……


        Infatti non hanno capito un CAZZO questi qui!Be' non srebbe stato male avere una direttiva con gli emendamenti http://wiki.ffii.org/ PlenVotingList0507En approvati a livello europeo.Per quanto la attuale http://www.european-patent-office.org/legal/epc/e/ar52.html possa sembra chiara, un avvocato esperto puo' tutt'ora sorpassarla a favore della brevettabilita' pura.Di certo non mi lamento, meglio regettata in toto che approvata, ma gia' si sapeva che le major avrebbero optato per il regetto piuttosto che discutere gli emendamenti http://www.groklaw.net/article.php?story=20050705130920424 . Comunque non e' il caso di lamentarsi, solo la battaglia non e' finita.
        • Anonimo scrive:
          Re: ..ci ho messo un pò, ma...
          - Scritto da: eaman
          Be' non srebbe stato male avere una direttiva con
          gli emendamenti http://wiki.ffii.org/
          PlenVotingList0507En approvati a livello europeo.

          Per quanto la attuale
          http://www.european-patent-office.org/legal/epc/e/

          Di certo non mi lamento, meglio regettata in toto
          che approvata, ma gia' si sapeva che le major
          avrebbero optato per il regetto piuttosto che
          discutere gli emendamenti
          http://www.groklaw.net/article.php?story=200507051

          Comunque non e' il caso di lamentarsi, solo la
          battaglia non e' finita.Gli emendamenti non sarebbero mai passati, il voto del parlamento non significa che erano tutti contrari alla questione. E' meglio ricominciare da capo con una discussione seria e calma, con la premessa di questo affronto alla commissione e ai lobbysti
          • ryoga scrive:
            Re: ..ci ho messo un pò, ma...
            - Scritto da: Anonimo
            Gli emendamenti non sarebbero mai passati, il
            voto del parlamento non significa che erano tutti
            contrari alla questione. E' meglio ricominciare
            da capo con una discussione seria e calma, con la
            premessa di questo affronto alla commissione e ai
            lobbystiMi sembra di ricordare le stesse parole quando si doveva decidere per la Urbani... :'( :
          • Anonimo scrive:
            Re: ..ci ho messo un pò, ma...

            Gli emendamenti non sarebbero mai passati, il
            voto del parlamento non significa che erano tutti
            contrari alla questione. E' meglio ricominciare
            da capo con una discussione seria e calma, con la
            premessa di questo affronto alla commissione e ai
            lobbystiDa quello che ho sentito in radio, Marco Pannella era convinto che ci sarebbe stata una maggioranza che, se la direttiva non fosse stata bocciata, avrebbe potuto approvare gli emendamenti con cui vietare definitivamente la brevettazione di software.Per paura che ci fosse questa maggioranza, tutti quelli che sono favorevoli ai brevetti software hanno votato contro la direttiva - impedendo il voto sugli emendamenti.E, francamente, quando si parla di politica credo di piu' a Pannella che a chiunque altro (te compreso) ...Non e' un caso che subito dopo il voto qualcuno della commissione abbia dichiarato che sara' presentata una nuova proposta ...
    • Anonimo scrive:
      Re: ..ci ho messo un pò, ma...
      "The price of freedom is eternal vigilance." -- Thomas Jefferson
    • Anonimo scrive:
      Re: ..ci ho messo un pò, ma...
      - Scritto da: senzaesclusiva
      ..credo che all'età di 47 anni sto finalmente
      cominciando ad interpretare correttamente il
      politichese:
      Hai ragione.Basta con questa gentaglia... e' ora di finirla.Alle prossime elezioni bisogna votare per i VERDI e per quelle persone che si sono sempre battute per le liberta' digitali.
    • Anonimo scrive:
      Re: ..ci ho messo un pò, ma...
      - Scritto da: senzaesclusiva
      ..credo che all'età di 47 anni sto finalmente
      cominciando ad interpretare correttamente il
      politichese:

      "Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo di norme su questo fronte".

      Il "quadro certo" corrisponde sempre a questo:
      faccendieri, multinazionali, e
      pseudoimprenditori senza idee, ma con tanti
      quattrini ( chissà presi dove visto che piangono
      miseria da tutte le parti) ed intrallazzi
      politici che si assicurano il brevetto di
      qualcosa. Le "norme" , il metodo per fare in modo
      che 50 milioni di italiani vengano messi a
      pecora da leggi fatte ad hoc


      " Ma Stanca non ha detto solo questo,
      sottolineando che "è meglio nessuna direttiva
      piuttosto di una insoddisfacente": ..già..tutto
      sommato è andata bene...figuriamoci se, non solo
      non avessero approvato la proposta di legge, ma
      avessero posto anche dei vincoli a loro
      sfavore...



      "E si è augurato che si riparta con una proposta
      di normativa migliore, ipotesi per ora esclusa
      dalla Commissione europea."...non tutto è
      perduto, forse si è unto poco, e c'è sempre tempo
      e modo e tattiche, e inciuci possibili per far
      passare qualcosa su cui speculare?

      mandiamoli a casa??Ma perchè COSA ti aspettavi da uno che ha come CAPO uno che si sta facendo i C*ZZI SUOI spudoratamente e che col digggitale terrestre CHE VUOLE IMPORRE dal 2006 ti vuol vendere le partite e le puntate vecchie di Zelig già trasmesse in chiaro o i concerti ed altre p*ttanate varie???? Vabbè i comunisti ci hanno marciato MA QUESTI STANNO PROPRIO ESAGERANDO!!!!!! :@ :@ :@
  • midori scrive:
    E' da ora indetto il toto-brevetti
    Sono ufficialmente aperte le scommesse:Purtroppo quando una direttiva viene bocciata, a quanto pare, nulla vieta di riproporla ancora ed ancora...Entro quanti semestri-turni di residenza verrà riproposta la direttiva?
    • Anonimo scrive:
      Re: E' da ora indetto il toto-brevetti
      3 anni almeno, per la commissione europea.
      • Anonimo scrive:
        + E' da ora indetto il toto-brevetti
        theregister.comriporta che sarà discusso a Febbraio.648 a 14 sono una bella batosta. Una disparità tanto grande fa ben sperare: per i cattivi sarà più difficile sedurre, corrompere o sostituire gli attuali europarlamentari. MI chiedo invece chi siano i 18 astenuti... Per non prendere una posizione vuol dire che hai provato a capire, ma non ci sei riuscito oppure che sei all'oscuro di tutto. In entrambi i casi, non dovresti stare lì dove stai. Un ultima osservazione: i 14 favorevoli alla direttiva sono i manifesti sostenitori dei cattivi ed è giusto che ci siano anche quelli. Da questo punto di vista, 648 a 14 non è solo una vittoria schiacciante, è una vittoria che fa ben sperare. In fondo, dietro agli eurodeputati ci sono le strutture partitiche: è stato un voto stra-congiunto di tutti i partiti.
        • Anonimo scrive:
          Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
          tra i 18 astenuti ben 4 soono italianicmq che la ridiscutano a febbraio, se dovessero acmbiare idea 300 e rotti parlamentari, sara' palese chi e' corrotto e chi no
        • Anonimo scrive:
          Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
          - Scritto da: Anonimo
          theregister.com
          riporta che sarà discusso a Febbraio.
          648 a 14 sono una bella batosta. Una disparità
          tanto grande fa ben sperare: per i cattivi sarà
          più difficile sedurre, corrompere o sostituire
          gli attuali europarlamentari. MI chiedo invece
          chi siano i 18 astenuti... Per non prendere una
          posizione vuol dire che hai provato a capire, ma
          non ci sei riuscito oppure che sei all'oscuro di
          tutto. In entrambi i casi, non dovresti stare lì
          dove stai. Un ultima osservazione: i 14
          favorevoli alla direttiva sono i manifesti
          sostenitori dei cattivi ed è giusto che ci siano
          anche quelli. Da questo punto di vista, 648 a 14
          non è solo una vittoria schiacciante, è una
          vittoria che fa ben sperare. In fondo, dietro
          agli eurodeputati ci sono le strutture
          partitiche: è stato un voto stra-congiunto di
          tutti i partiti.Indovina i 2 RadiCuli come Bonino e Pannella dove sono? tra gli astenuti, ossia quelli che votano a favore facendo finta di essere contro
          • midori scrive:
            Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti

            Indovina i 2 RadiCuli come Bonino e Pannella dove
            sono? tra gli astenuti, ossia quelli che votano a
            favore facendo finta di essere controGli ho scritto:Volevano far passare gli emendamenti piu' "duri", che avrebebro definitivamente chiuso la questione brevetti.Sarebbe passata una roba del tipo "il software non è brevettabilie in ogni caso".Mentre adesso potranno ricominciare daccapo e presentare una nuova direttiva ( magari anche tra 4 anni, nella prossima legislatura).Era cio' che suggeriva anche la FSFE, ma alla fine gli eruoparlamentari contoro i brevetti temevano che non passassero. Quelli a favore, temendo invece gli emendamenti, hanno deciso di votare contro la direttiva!
          • Anonimo scrive:
            Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
            - Scritto da: midori

            Indovina i 2 RadiCuli come Bonino e Pannella
            dove

            sono? tra gli astenuti, ossia quelli che votano
            a

            favore facendo finta di essere contro

            Gli ho scritto:

            Volevano far passare gli emendamenti piu' "duri",
            che avrebebro definitivamente chiuso la questione
            brevetti.
            Sarebbe passata una roba del tipo "il software
            non è brevettabilie in ogni caso".
            Mentre adesso potranno ricominciare daccapo e
            presentare una nuova direttiva ( magari anche tra
            4 anni, nella prossima legislatura).

            Era cio' che suggeriva anche la FSFE, ma alla
            fine gli eruoparlamentari contoro i brevetti
            temevano che non passassero. Quelli a favore,
            temendo invece gli emendamenti, hanno deciso di
            votare contro la direttiva!Tra quattro anni Osama avrà già spazzato via Redmond (grazie all'atomica iraniana).Vedere la scimmiapuzzona spazzata via dall'olocausto nucleare? Non ha prezzo!
        • Anonimo scrive:
          Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
          Quarda che la metà dei 648 ha votato contro la direttiva solo perché avevano paura che passassero gli emendamenti contro i brevetti del sw (che già esistono in Europa, ma abusivamente).Dobbiamo ringraziare i nuovi paesi dell'est (Polonia e Ungheria), se non fosse stato per loro la maggioranza del parlamento avrebbe votato a favore della brevettibilità del sw, partito PPE in testa.
          • Anonimo scrive:
            Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
            Esagerato.Erano Irlanda , Inghilterra e forse l'Italia che volevano la legge con il software brevettabile, mentre tutti gli altri intendevano emendare la parte che permetteva il brevetto del software puro.Ora si reinizia tutto daccapo e non sara' piu' possibile che si verifichi quello che e' successo finora (l'annullamento dei risultati della prima sessione EP), perche' stavolta i parlamentari sono piu' preparati rispetto alla volta scorsa.
          • Kirisuto scrive:
            Re: + E' da ora indetto il toto-brevetti
            Parte del PPE e del PSE, destra e sinistra di tutta Europa sono state contrarie fin dall'inizio: perché credi che abbiano dovuto ripetutamente tentare trucchetti nelle commissioni? Perché il parlamento aveva già bocciato la direttiva a larga maggioranza nel 2003 in ripetute votazioni, anche durante la passata eurolegislatura, quando le ali estreme e/o euroscettiche non avevano ancora mangiato voti agli inciucioni PPE e PSE.
    • midori scrive:
      Radicali astenuti
      Ho scritto a Pannella e Bonino, mi ha risposto Marco Cappato:i due europarlamentari radicali si sono astenuti, perche' intendevano appoggiare gli emendamenti che avrebbero stroncato per sempre i brevetti sul software.Infatti ritengono che se si fosse affossata la direttiva completamente ci potrà essere comunque il rischio che prima o poi ritorni.Se invece fosse stata emendata e fosse PASSATA con dentro scritto "il software non è brevettabile PUNTO E BASTA!" ci saremmo tolti da mezzo sta storia per una decina d'anni (almeno fino alla prossima riforma della direttiva)Chi era a favore della brevettabilità ha votato paradossalmente contro la direttiva, per timore che vincessero quegli emendamenti (si spiega anche il voltagabbana dell'EICTA)Adesso la partita non è ancora completamente chiusa, purtroppo!
  • Anonimo scrive:
    McCreevy ha cambiato nome...
    ...ora si fa chiamare McCreepy e striscia contro i muri :-D
  • Anonimo scrive:
    GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA!
    Grandi festeggiamenti faremo.Non solo x la bocciatura definitiva della sciagurata proposta della direttiva sulla brevettazione del SW, ma anche x festeggiare questo LIBERO e DEMOCRATICO Parlamento Europeo che non si è piegato alle pressioni delle lobbies della multinazionali del malaffare del SW WC-Closed e che finalmente ha recuperato credibilità nell' Europa delle genti e dei popoli Europei respingendo l' Europa becera delle lobbies e del mercato fine a se stesso.Grande giornata ieri x l' Europa e grande Parlamento Europeo.L' Europa ha rigettato anche coloro che volevano impedire la libera circolazione e la condivisione della scienza e del sapere schiacciando a larghissima maggioranza coloro che volevano impedire e mercificare a loro esclusivo vantaggio economico la conoscenza.W questa EUROPA W il PARLAMENTO EUROPEO!Alien.
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA!
      - Scritto da: Anonimo
      Grandi festeggiamenti faremo.
      Non solo x la bocciatura definitiva della
      sciagurata proposta della direttiva sulla
      brevettazione del SW, ma anche x festeggiare
      questo LIBERO e DEMOCRATICO Parlamento Europeo...
      W questa EUROPA W il PARLAMENTO EUROPEO!
      Alien.Io non esagererei con i festeggiamenti.Chissà quante altre cose hanno fatto passare nel totale silenzio e quante altre ancora seguiranno.Non è che avendo respinto questa brutta direttiva di colpo sono diventati dei santi.Guardati qualche puntata di Report e fatti un idea.Ciao :)
      • Anonimo scrive:
        Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
        - Scritto da: casteredandblue


        - Scritto da: Anonimo

        Grandi festeggiamenti faremo.

        Non solo x la bocciatura definitiva della

        sciagurata proposta della direttiva sulla

        brevettazione del SW, ma anche x festeggiare

        questo LIBERO e DEMOCRATICO Parlamento
        Europeo...

        W questa EUROPA W il PARLAMENTO EUROPEO!

        Alien.

        Io non esagererei con i festeggiamenti.
        Chissà quante altre cose hanno fatto passare nel
        totale silenzio e quante altre ancora seguiranno.
        Non è che avendo respinto questa brutta direttiva
        di colpo sono diventati dei santi.
        Guardati qualche puntata di Report e fatti un
        idea.
        Ciao :)Quando c' è da festeggiare si festeggia.C' è sempre tempo x contenstare quando sarà il caso di farlo.
        • Anonimo scrive:
          Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
          - Scritto da: Anonimo
          Quando c' è da festeggiare si festeggia.
          C' è sempre tempo x contenstare quando sarà il
          caso di farlo.Scusami, mi sono espresso male:chi vuole sbronzarsi per la vittoria, andare a mignoXXe, fare il bagno nudo etc. faccia pure :D :p Però non esageriamo col "W il Parlamento", "W i politici" etc. :s tutto lì ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
            - Scritto da: casteredandblue


            - Scritto da: Anonimo


            Quando c' è da festeggiare si festeggia.

            C' è sempre tempo x contenstare quando sarà il

            caso di farlo.

            Scusami, mi sono espresso male:
            chi vuole sbronzarsi per la vittoria, andare a
            mignoXXe, fare il bagno nudo etc. faccia pure :D
            :p

            Però non esageriamo col "W il Parlamento", "W i
            politici" etc. :s tutto lì ciao!A chi lo dici..............Ma ti ripeto. E' giorno di festa e si festeggia.E' innegabile che il Parlamento Europeo respingendo dal direttiva sulla brevettabilità dei SW praticamente all' unanimità ha fatto un ottimo lavoro e un ottimo servizio a tutta l' Europa delle genti.Ogni cosa a suo tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
            - Scritto da: casteredandblue


            - Scritto da: Anonimo


            Quando c' è da festeggiare si festeggia.

            C' è sempre tempo x contenstare quando sarà il

            caso di farlo.

            Scusami, mi sono espresso male:
            chi vuole sbronzarsi per la vittoria, andare a
            mignoXXe, fare il bagno nudo etc. faccia pure :D
            :p

            Però non esageriamo col "W il Parlamento", "W i
            politici" etc. :s tutto lì ciao!Eh, ma forse facendo così alcuni di loro capirebbero che non hanno un mandato in bianco, che ci interessiamo a quello che fanno e se si portano bene hanno il nostro appoggio e stima, altrimenti ce le segnamo e oltrepassato il limite non li rivotiamo.Oh, forse questo lo devono ancora capire gli "onesti distratti", i venduti alle multinazionali devono aver capito fin troppo bene che aria tirava, visto che sono saltati in massa sul carro della bocciatura della direttiva.
    • autoeconomo scrive:
      Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
      - Scritto da: Anonimo
      Grandi festeggiamenti faremo.
      Non solo x la bocciatura definitiva della
      sciagurata proposta della direttiva sulla
      brevettazione del SW, ma anche x festeggiare
      questo LIBERO e DEMOCRATICO Parlamento Europeo
      che non si è piegato alle pressioni delle lobbies
      della multinazionali del malaffare del SW
      WC-Closed e che finalmente ha recuperato
      credibilità nell' Europa delle genti e dei popoli
      Europei respingendo l' Europa becera delle
      lobbies e del mercato fine a se stesso.

      Grande giornata ieri x l' Europa e grande
      Parlamento Europeo.
      L' Europa ha rigettato anche coloro che volevano
      impedire la libera circolazione e la condivisione
      della scienza e del sapere schiacciando a
      larghissima maggioranza coloro che volevano
      impedire e mercificare a loro esclusivo vantaggio
      economico la conoscenza.

      W questa EUROPA W il PARLAMENTO EUROPEO!
      Alien.Ti quoto appieno, sono troppo felice!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA!
      incredibilel'europa ha detto NO ! secco deciso fortequale sarà la reazione americana ?
      • Anonimo scrive:
        Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
        - Scritto da: Anonimo
        incredibile
        l'europa ha detto NO ! secco deciso forte
        quale sarà la reazione americana ?E che ce frega dlla reazione USA?Ma che ce frega ma che ce importa.......
        • Anonimo scrive:
          Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
          beh, sai com'è, hanno l'atomica...diverse forze militari militari sono stanziate quiil grande fratello americano ci ascolta 24h/24etc...cmq, condivido appieno ----------
          grandissima notizia
      • Anonimo scrive:
        Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
        - Scritto da: Anonimo
        incredibile
        l'europa ha detto NO ! secco deciso forte
        quale sarà la reazione americana ?Contro l'intera europa non so.Ma se fossimo stati solo noi italiani a fare un simile sgarro alle loro multinazionali ci avrebbero gia' abbattuto un altro aereo di linea :)
        • Anonimo scrive:
          Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          incredibile

          l'europa ha detto NO ! secco deciso forte

          quale sarà la reazione americana ?

          Contro l'intera europa non so.
          Ma se fossimo stati solo noi italiani a fare un
          simile sgarro alle loro multinazionali ci
          avrebbero gia' abbattuto un altro aereo di linea
          :)O mandavano qui sgherri della CIA a sequestrare gente sulle nostre strade.......tanto sto governo non vede niente..........................
          • Anonimo scrive:
            Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
            ma noooo dicono "noi non siamo daccordo con la versione USA ma siamo sempre loro amici....bla bla bla..." e poi affossano tutto menandola per un mese su tutti i tiggì col matrimonio di Totti
      • Anonimo scrive:
        Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA!
        Mah, dovremo stare attenti: rischiamo che vengano a liberarci per restituirci la democrazia, la libertà e la pace... un po' come in Afghanistan ed in Iraq
    • Anonimo scrive:
      Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA!
      beh, pensa solo alle normative sulla concorrenza, grazie alle quali un governo non può imporre tariffe a nessuno (quindi neanche alle compagnie assicurative) per garantire un miglior prezzo al consumatore...vuoi altri esempi? di meravigliosa Europa? applica la stessa cosa ai carburanti, all'energia elettrica, al gas, al telefono ecc.In pratica ogni mattina c'è qualcuno che si sveglia e pensa a come fragare te, me e tutta la massa di persone "garantite" dall'Europa.Queste norme si applicano di corsa, quando poi l'Europa dice che l'IRAP non è legale e va tolta... allora si comincia a discutere di come riformarla (sempre con lo stesso scopo di quello che si alza ogni mattina), ovviamente le decisioni verranno prese in tempi lunghissimi.Grazie Europa
      • Anonimo scrive:
        Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
        - Scritto da: Anonimo
        beh, pensa solo alle normative sulla concorrenza,
        grazie alle quali un governo non può imporre
        tariffe a nessuno (quindi neanche alle compagnie
        assicurative) per garantire un miglior prezzo al
        consumatore...
        vuoi altri esempi? di meravigliosa Europa?
        applica la stessa cosa ai carburanti, all'energia
        elettrica, al gas, al telefono ecc.
        In pratica ogni mattina c'è qualcuno che si
        sveglia e pensa a come fragare te, me e tutta la
        massa di persone "garantite" dall'Europa.
        Queste norme si applicano di corsa, quando poi
        l'Europa dice che l'IRAP non è legale e va
        tolta... allora si comincia a discutere di come
        riformarla (sempre con lo stesso scopo di quello
        che si alza ogni mattina), ovviamente le
        decisioni verranno prese in tempi lunghissimi.
        Grazie EuropaBe' e' un po' come funziona con le aziende di tlc in italia, ad abilitarti i servizi ci mettono zero, ma quando chiedi di toglierli, son dolori.Il libero mercato andrebbe pure bene, tant'e' che per esempio a londra pur essendoci il job rental, funziona benissimo e la gente e' contenta, in italia come al solito cercano di mettertelo sempre in quel posto, vedi il cartello delle assicurazioni, ma io dico, appurato cio', io stato che protegge le persone e non le compagnie, ti davo multe stratosferiche cosi' che forse ti passa la fantasia di fare come razzo ti pare, invece? uno scappelloto e via, mi raccomando non lo fare piu'.Poi mi devono spiegare perche' si assicura una macchina e non chi la guida, io guido la macchina, non e' la macchina che guida me , perche' non posso avere n mezzi di trasporto e pagare una sola assicurazione che assicura che se IO faccio danni lei paga per me indipendentemente dal mezzo che guido? non e' che posso guidare 3 auto insieme!
        • Anonimo scrive:
          Re: GRANDI FESTE FAREMO. W QUESTA EUROPA
          - Scritto da: Anonimo

          Poi mi devono spiegare perche' si assicura una
          macchina e non chi la guida, io guido la
          macchina, non e' la macchina che guida me ,
          perche' non posso avere n mezzi di trasporto e
          pagare una sola assicurazione che assicura che se
          IO faccio danni lei paga per me indipendentemente
          dal mezzo che guido? non e' che posso guidare 3
          auto insieme!Bravo! E allora come fanno a fregarti? :o
  • eg scrive:
    la microsoft...
    stà in buona compagnia:http://swpat.ffii.org/patents/stats/index.en.html
  • Anonimo scrive:
    Ma sono tutti scemi?
    http://www.eicta.org Almeno togliessero le vecchie prese di posizione dalla prima pagina, sono proprio scemi anche se in effetti sembra che avessero più paura che passassero degli emendamenti che regolavano chiaramente la materia per tutti gli stati invece della semi libertà che c'è adesso
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma sono tutti scemi?
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.eicta.org Almeno togliessero le
      vecchie prese di posizione dalla prima pagina,
      sono proprio scemi anche se in effetti sembra che
      avessero più paura che passassero degli
      emendamenti che regolavano chiaramente la materia
      per tutti gli stati invece della semi libertà che
      c'è adessoE' che sono tutti fuori a festeggiare e a sbronzarsi. :D
      • Riot scrive:
        Re: Ma sono tutti scemi?

        E' che sono tutti fuori a festeggiare e a
        sbronzarsi. :DBeh, c'è davvero motivo di rallegrarsi dopotutto.Siamo riusciti a vincere (rimandare?) una piccola battaglia contro le multinazionali: è una vittoria di tutti, europei e non.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma sono tutti scemi?
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.eicta.org Almeno togliessero le
      vecchie prese di posizione dalla prima pagina,
      sono proprio scemi anche se in effetti sembra che
      avessero più paura che passassero degli
      emendamenti che regolavano chiaramente la materia
      per tutti gli stati invece della semi libertà che
      c'è adessoIn effetti...O la direttiva passava senza modifica o non doveva passare affatto. E' andata per la seconda :-|
  • CoreDump scrive:
    Per Stanca.
    Quoto dall'articolo
    Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura "in
    quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un quadro certo
    di norme su questo fronte".Io invece vorrei un ministro che sapesse per una voltadi quello che sta parlando.
    E si è augurato che si riparta con una proposta di
    normativa miglioreIo invece partirei da una proposta per mandare a casaquesti pseudo-politici voi che ne dite?
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Stanca.

      Io invece partirei da una proposta per mandare a
      casa
      questi pseudo-politici voi che ne dite?Fosse per me ...A casa tutto questo pseudo-governo. E non mi venite a dire che sono comunista, è che questa banda di manigoldi incapaci ha veramente rotto le scatole e fa ogni giorno danni più grossi. Nessun governo di centrosinistra, pur nella sua litigiosità, incompletezza, incoerenza, ci avrebbe danneggiato così tanto. E all'estero la nostra immagine è sempre più scaduta.
      • Anonimo scrive:
        A casa il governo? A casa tutti!
        A casa anche l'opposizione, che è la vera sciagura di questo paese, una non-alternativa.Il futuro è nella scienza e nella tecnologia: in realtà tantissimi problemi avrebbero già le loro soluzioni, ma tutta la nostra classe politica è totalmente impreparata. Manca di competenza, di cultura scientica e la loro formazione classica non li aiuta certo a essere curiosi nei confronti della scienza.Serve una classe politica nuova, con una formazione scientifica e tecnologica che porti la modernità dove dovrebbe stare: qui, nel presente, adesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: A casa il governo? A casa tutti!
          - Scritto da: Anonimo
          A casa anche l'opposizione, che è la vera
          sciagura di questo paese, una non-alternativa.Si' si'. Ogni scusa e' buona per votare il nano pelato ed i suoi sgherri :)
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            A casa anche l'opposizione, che è la vera

            sciagura di questo paese, una non-alternativa.

            Si' si'. Ogni scusa e' buona per votare il nano
            pelato ed i suoi sgherri :)Il NANO MAGOO ormai è un POLLO BOLLITO nemmeno buono x il brodo.
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            Il male peggiore, non è Belusconi. Il male peggiore è la mancanza di una alternativa e di una classe politica capace. Pensaci bene. Non facevo certo propaganda.
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            Sveglia!!! Ma lascia che si faccia i soldi coi suoi giochini. Sono pippe. Ci sono cose più importanti che né lui ne gli altri sono in grado di affrontare: l'energia, lo sviluppo sostenibile, l'economia, la salute. Il problema, allo stato attuale, non è più "produrre nuovi posti di lavoro". Oggi il problema è diventato produrre nuovi posti di lavoro senza inquinare, sprecare, deturpare, abbruttire, impoverire. In modo etico ed esemplare (letteralmente), per offrire un modello di sviluppo responsabile. Come si dice, "sostenibile". Sostenibile nel futuro.Questa decisione del parlamento europeo è una piccola stella in un cosmo totalmente buio. Sfido qualunque politico di questa generazione a tirar fuori idee vere, praticabili per far star bene tutti in materia di: salute (non "sanità") pubblica, economia, lavoro, istruzione. Stanno facendo il nulla da tre lustri, questa è la verità. Di qua e di là, a destra e a sinistra, prima gli uni poi gli altri. Un ping-pong di nullità. Tutti quanti. E non solo in Italia, dappertutto. I casi sono due: o sono totalmente impreparati o sono spudoratamente disonesti. Oggi basterebbe un paio di idee sensate per stravincere le elezioni con il 100% dei voti, meno qualche migliaio di irriducibili caproni. In un momento storico tanto grave per il mondo, Berlusconi che gioca ai videogames nella piccola Italia, mi fa una pippa. Anzi, preferisco saperlo impegnato lì che non sulle questioni davvero importanti. Gli altri forse saranno anche peggio, perché proveranno a fare qualcosa. Non so se mi spiego... Bisogna aspettare la prossima generazione di politici. Questi sono inadeguati ai tempi che corrono.
          • matcion scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            - Scritto da: Anonimo
            Sveglia!!! Ma lascia che si faccia i soldi coi
            suoi giochini. Sono pippe. Ci sono cose più
            importanti che né lui ne gli altri sono in grado
            di affrontare: l'energia, lo sviluppo
            sostenibile, l'economia, la salute. Il problema,
            allo stato attuale, non è più "produrre nuovi
            posti di lavoro". Oggi il problema è diventato
            produrre nuovi posti di lavoro senza inquinare,
            sprecare, deturpare, abbruttire, impoverire. In
            modo etico ed esemplare (letteralmente), per
            offrire un modello di sviluppo responsabile. Come
            si dice, "sostenibile". Sostenibile nel futuro.
            Questa decisione del parlamento europeo è una
            piccola stella in un cosmo totalmente buio. Sfido
            qualunque politico di questa generazione a tirar
            fuori idee vere, praticabili per far star bene
            tutti in materia di: salute (non "sanità")
            pubblica, economia, lavoro, istruzione. Stanno
            facendo il nulla da tre lustri, questa è la
            verità. Di qua e di là, a destra e a sinistra,
            prima gli uni poi gli altri. Un ping-pong di
            nullità. Tutti quanti. E non solo in Italia,
            dappertutto. I casi sono due: o sono totalmente
            impreparati o sono spudoratamente disonesti. Oggi
            basterebbe un paio di idee sensate per
            stravincere le elezioni con il 100% dei voti,
            meno qualche migliaio di irriducibili caproni. In
            un momento storico tanto grave per il mondo,
            Berlusconi che gioca ai videogames nella piccola
            Italia, mi fa una pippa. Anzi, preferisco saperlo
            impegnato lì che non sulle questioni davvero
            importanti. Gli altri forse saranno anche peggio,
            perché proveranno a fare qualcosa. Non so se mi
            spiego... Bisogna aspettare la prossima
            generazione di politici. Questi sono inadeguati
            ai tempi che corrono.Tu queste due idee le hai?Se si, inizia a far politica e salvaci.Se non le hai...
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            Le ho, fratello mio, le ho.Dammi il tempo di organizzarmi e di fare le cose per bene. Non si può entrare in politica "ad minchiam" e neppure voglio/vogliamo fare tutta la trafila in un partito.Quando sarà il momento, conto sul tuo voto.Noi vi salveremo, pazienta... Qualche anno passa in fretta.
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            comincio a temere che i politici buoni ce li avevamo: intendo quelli che hanno portato l'Italia dalla situazione che aveva alla fine della guerra fino ad essere una delle 7 potenze industriali mondiali.Che devo dire: meglio un ladro che fa anche l'interesse dello Stato piuttosto che una persona onesta (?) che pensa solo a salvare se e i suoi compagni di merende dalla galera.
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            - Scritto da: Anonimo
            Che devo dire: meglio un ladro che fa anche
            l'interesse dello Stato piuttosto che una persona
            onesta (?) che pensa solo a salvare se e i suoi
            compagni di merende dalla galera.Perchè, uno che pensa solo a salvare se e i suoicompagni di merende dalla galera può essere una persona onesta (seppure con l'incertezza del punto di domanda)?
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            Ma invece di aspettare, perchè non partire subito con un nuovo partito? Non so...una sorta di PII (partito italiano informatico):$:$:$:$:$
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            - Scritto da: Anonimo
            Sveglia!!! Ma lascia che si faccia i soldi coi
            suoi giochini. Sono pippe. Ci sono cose più
            importanti che né lui ne gli altri sono in grado
            di affrontare: l'energia, lo sviluppo
            sostenibile, l'economia, la salute. Il problema,
            allo stato attuale, non è più "produrre nuovi
            posti di lavoro". Oggi il problema è diventato
            produrre nuovi posti di lavoro senza inquinare,
            sprecare, deturpare, abbruttire, impoverire. In
            modo etico ed esemplare (letteralmente), per
            offrire un modello di sviluppo responsabile. Come
            si dice, "sostenibile". Sostenibile nel futuro.
            Questa decisione del parlamento europeo è una
            piccola stella in un cosmo totalmente buio. Sfido
            qualunque politico di questa generazione a tirar
            fuori idee vere, praticabili per far star bene
            tutti in materia di: salute (non "sanità")
            pubblica, economia, lavoro, istruzione. Stanno
            facendo il nulla da tre lustri, questa è la
            verità. Di qua e di là, a destra e a sinistra,
            prima gli uni poi gli altri. Un ping-pong di
            nullità. Tutti quanti. E non solo in Italia,
            dappertutto. I casi sono due: o sono totalmente
            impreparati o sono spudoratamente disonesti. Oggi
            basterebbe un paio di idee sensate per
            stravincere le elezioni con il 100% dei voti,
            meno qualche migliaio di irriducibili caproni. In
            un momento storico tanto grave per il mondo,
            Berlusconi che gioca ai videogames nella piccola
            Italia, mi fa una pippa. Anzi, preferisco saperlo
            impegnato lì che non sulle questioni davvero
            importanti. Gli altri forse saranno anche peggio,
            perché proveranno a fare qualcosa. Non so se mi
            spiego... Bisogna aspettare la prossima
            generazione di politici. Questi sono inadeguati
            ai tempi che corrono.Non sono d'accordo, il tuo ragionamento per me non farebbe una piega se il Paese avesse una certa solidita' economica e il Berlusca fosse davvero il male minore non potendo incidere negativamente, ma non e' così, siamo messi malissimo e non mi va che lui e la sua banda di maggiordomi continuino a prenderci per il c..o. Non ci serve un bugiardo patentato, un venditore di fumo mediatico, voglio una persona che sia in grado di analizzare e descrivere le cose per come sono realmente.
        • thrantir scrive:
          Re: A casa il governo? A casa tutti!
          - Scritto da: Anonimo
          A casa anche l'opposizione, che è la vera
          sciagura di questo paese, una non-alternativa.
          Il futuro è nella scienza e nella tecnologia: in
          realtà tantissimi problemi avrebbero già le loro
          soluzioni, ma tutta la nostra classe politica è
          totalmente impreparata. Manca di competenza, di
          cultura scientica e la loro formazione classica
          non li aiuta certo a essere curiosi nei confronti
          della scienza.
          Serve una classe politica nuova, con una
          formazione scientifica e tecnologica che porti la
          modernità dove dovrebbe stare: qui, nel presente,
          adesso.Se pensi veramente quello che hai scritto allora tu sei il primo degli ignoranti: la formazione classica è importante alla pari di quella scientifica, perchè ad uno stato serve il progresso tecnologico, ma soprattutto di governanti che riescano a capire bene la nostra società, il che vuol dire saperne la storia, conoscerne la cultura, trovare il modo di conciliarne le tradizioni con la situazione attuale... senza dimenticare etica, morale... io sono convinto che una pluralità di competenze sia la base migliore per poter gestire lo stato, ma tanto ormai i ministeri li assegnano con la tombola...
        • postmaster scrive:
          Re: A casa il governo? A casa tutti!
          Concordo sul discorso della cultura scientifica, ma sono in disaccordo sul fatto che la cultura classica e umanistica non serva , secondo me serve ed è importante nel percorso di ogni persona .. .ricordiamoci che il sonno della ragione ... genera mostriSaluti- Scritto da: Anonimo
          A casa anche l'opposizione, che è la vera
          sciagura di questo paese, una non-alternativa.
          Il futuro è nella scienza e nella tecnologia: in
          realtà tantissimi problemi avrebbero già le loro
          soluzioni, ma tutta la nostra classe politica è
          totalmente impreparata. Manca di competenza, di
          cultura scientica e la loro formazione classica
          non li aiuta certo a essere curiosi nei confronti
          della scienza.
          Serve una classe politica nuova, con una
          formazione scientifica e tecnologica che porti la
          modernità dove dovrebbe stare: qui, nel presente,
          adesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: A casa il governo? A casa tutti!
            Ehi, non avvelenatevi!!!Non ho detto che la formazione classica sia nociva, ho scritto solo che non li aiuta a essere curiosi nei confronti della scienza.C'è una bella differenza, mi pare.
        • Anonimo scrive:
          Classe politica impreparata ?
          - Scritto da: Anonimo
          A casa anche l'opposizione, che è la vera
          sciagura di questo paese, una non-alternativa.
          Il futuro è nella scienza e nella tecnologia: in
          realtà tantissimi problemi avrebbero già le loro
          soluzioni, ma tutta la nostra classe politica è
          totalmente impreparata. Impreparata ? A parte quello, il fatto è che non gliene frega un caxxo ! :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Per Stanca.
        - Scritto da: Anonimo



        Io invece partirei da una proposta per mandare a

        casa

        questi pseudo-politici voi che ne dite?


        Fosse per me ...
        A casa tutto questo pseudo-governo. E non mi
        venite a dire che sono comunista, è che questa
        banda di manigoldi incapaci ha veramente rotto le
        scatole e fa ogni giorno danni più grossi. Nessun
        governo di centrosinistra, pur nella sua
        litigiosità, incompletezza, incoerenza, ci
        avrebbe danneggiato così tanto. E all'estero la
        nostra immagine è sempre più scaduta.Infatti i panni sporchi si lavano in famiglia e con questo governo stiamo facendo un sacco di fiugre di m*rda al contrario di quando c'erano i comunisti!!!! :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Stanca.
      - Scritto da: CoreDump
      Io invece partirei da una proposta per mandare a
      casa
      questi pseudo-politici voi che ne dite?Io sono d'accordo. Stanca è uno che stanca veramente e ci ha stancato tutti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per Stanca.
        haahaha,hai ragione..il nome parla x lui ;) Cmq ormai è inutile..Sig.Stanca,beccati questa mazzata e stai tranquillo..
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Stanca.
      Il problema e' che questi parolai si riempono la bocca con le parole democrazia, liberta' ecc. e quando un parlamento liberamente eletto vota al 96% contro una normativa che alcuni pagliacci MAI ELETTI DA NESSUNO ma sulla spinta di potentissime lobby economiche hanno provato forzatamente a far passare, ebbene questi parolai continuano con il loro patetico ritornello. Ho detto: 96%: una persona decente direbbe che accetto la decisione democratica di un organismo eletto dai cittadini. Meglio ancora, mi dimetto perche' la mia posizione e' contraria alla stragrande maggioranza dei cittadini che intendo rappresentare.E invece: come se nulla fosse ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Stanca.
      - Scritto da: CoreDump
      Quoto dall'articolo


      Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in
      quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo
      di norme su questo fronte".

      Io invece vorrei un ministro che sapesse per una
      volta
      di quello che sta parlando.


      E si è augurato che si riparta con una proposta
      di
      normativa migliore

      Io invece partirei da una proposta per mandare a
      casa
      questi pseudo-politici voi che ne dite?

      Stanca sarà TROMBATO.Così come saranno TROMBATI qyei parlamentari europei ITALIOTI che hanno TRADITO la causa dell' Open Source che avevano sottoscritto di impegnarsi a difendere prima delle ultime elezione al Parlamento Europeo.Una è la disonorevole Patrizia Toia che si è astenauta alla Ponzio Pilato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per Stanca.
        - Scritto da: Anonimo
        Una è la disonorevole Patrizia Toia che si è
        astenauta alla Ponzio Pilato.E' solo per non fare una figuraccia e dimostrare di non capire di cosa si sta parlando. Altrimenti avrebbe votato.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per Stanca.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Una è la disonorevole Patrizia Toia che si è

          astenauta alla Ponzio Pilato.

          E' solo per non fare una figuraccia e dimostrare
          di non capire di cosa si sta parlando. Altrimenti
          avrebbe votato.ma non, è solo che non le avevano spiegato che non si trattava più della fecondazione assistita...chartitaliahttp://chartitalia.blogspot.com
    • Anonimo scrive:
      Re: Per Stanca.
      - Scritto da: CoreDump
      Quoto dall'articolo


      Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in
      quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo
      di norme su questo fronte".

      Io invece vorrei un ministro che sapesse per una
      volta
      di quello che sta parlando.


      E si è augurato che si riparta con una proposta
      di
      normativa migliore

      Io invece partirei da una proposta per mandare a
      casa
      questi pseudo-politici voi che ne dite?

      a piedi!
    • Garson Poole scrive:
      Re: Per Stanca.
      E' più che ora di mandare a casa questi fannulloni incompetenti. Del resto il 99% della classe politica è di questo genere. Bisogna ripartire da zero eliminando il parassitario sistema dei partiti in favore di una forma diretta e di base di democrazia, in cui conti la competenza e non gli sporchi giochetti dei politici - Scritto da: CoreDump
      Quoto dall'articolo


      Stanca ha espresso "rammarico" per la bocciatura
      "in
      quanto l'Europa aveva ed ha bisogno di un
      quadro certo
      di norme su questo fronte".

      Io invece vorrei un ministro che sapesse per una
      volta
      di quello che sta parlando.


      E si è augurato che si riparta con una proposta
      di
      normativa migliore

      Io invece partirei da una proposta per mandare a
      casa
      questi pseudo-politici voi che ne dite?

      • Anonimo scrive:
        Re: Per Stanca.
        - Scritto da: Garson Poole
        Bisogna
        ripartire da zero eliminando il parassitario
        sistema dei partiti in favore di una forma
        diretta e di base di democrazia, in cui conti la
        competenzaDal greco: demos, che nella grecia antica erano non il popolo ma i commercianti, gli imprenditori ed i armatori, e kratos, esercito il potere, da cui democrazia: i commercianti al potere (e infatti chi abbiamo noi a capo del Consiglio dei ministri?)Quello di cui parli tu è la timocrazia, ossia i migliori ed i più competenti al potere.Il fatto è che dal primo articolo della Costituzione italiana, l'Italia è una repubblica *democratica* fondata sul lavoro. Questo il regalino che i cari americani, truccando il referendum dopo la fine della guerra, ci hanno fatto. Quindi occhio che potresti essere tacciabile di attentato alla Costituzione o qualcosa del genere!Comunque sono d'accordo con te.Tra parentesi, lo sapevi che durante le guerre tra Atene e Sparta la classe oligarchica era fondamentalmente contraria alla guerra? (Non portava nulla di buono e in più l'oligarchia ateniese era imparentata con quella spartana.) E allora chi era che voleva la guerra? Il partito democratico!!! Perchè? Perché portava commesse militari, costruzione di navi, spostamento di merci... non c'era il petrolio, altrimenti erano americani invece che greci! :)PS trovi queste informazioni nella introduzione alla Anabasi di Senofonte, versione con copertina blu scuro ed elmo greco.Sorry per eventuali inesattezze ma la mia preparazione è stata scientifica e non classica.
  • Anonimo scrive:
    No to Info-Communism
    Guardate che fikata.... :http://www.techcentralstation.com/070505Q.html Dall'articolo in questione:[...]Many of Europe's most prominent politicians do not hide the fact thatthey are motivated by the open source lobby. The most activeorganization in the fight is Munich's Foundation for Free InformationInfrastructure (FFII). The group is waging an ideological continuationof Karl Marx's crusade against capitalism and private property.The FFII hopes to convince the public that civilization is not helped byself-interest and profit. Rather, it argues that progress is an effectof disinterested activity for social justice. This is naïve. Progress ininformation technology has been made by private companies, not opensource fanatics. But the FFII is calling for a kind of revolution onintellectual capital. They want to expropriate innovators by limitingtheir legal property: know-how and inventions. The people who run FFII are enemies of private property, the free-marketand capitalism. Some of them are widely known to be neo-Marxists, suchas Jozef Halbersztadt, a member of the FFII advisory board and patentexaminer at Polish Patent Office. In Poland he is a kind of IT ChéGuevara. He publishes in such leftist magazines as Social Review andPolitical Critics.[...]
    • Kirisuto scrive:
      Re: No to Info-Communism
      Peccato che anche i liberali europei siano contrari in blocco ai SW patents. E pure la destra sociale tipo AN.E perfino Le Pen: comunista anche lui?
      • Anonimo scrive:
        Re: No to Info-Communism
        - Scritto da: Kirisuto
        Peccato che anche i liberali europei siano
        contrari in blocco ai SW patents. E pure la
        destra sociale tipo AN.
        E perfino Le Pen: comunista anche lui?Per gli americani tutto cio' che non fa comodo a loro e' o antiamericano o comunista, tutto qua :)
        • yoggysot scrive:
          Re: No to Info-Communism


          Per gli americani tutto cio' che non fa comodo a
          loro e' o antiamericano o comunista, tutto qua :)Mi ricorda qualcuno questo tipo di ragionamento,,,,Ao Alex
          • Anonimo scrive:
            Re: No to Info-Communism
            - Scritto da: yoggysot




            Per gli americani tutto cio' che non fa comodo a

            loro e' o antiamericano o comunista, tutto qua
            :)

            Mi ricorda qualcuno questo tipo di
            ragionamento,,,,

            Ao AlexSi il nano pelato 'lex unto il PdC
        • Anonimo scrive:
          Re: No to Info-Communism
          Uhm... veramente il tizio che ha scritto l'articolo è un polacco.Andate sul sito, troverete una breve biografia.Certo, quel che conta poi è la mentalità, più che la nazionalità...
    • Anonimo scrive:
      Re: No to Info-Communism
      Ahaha, vedrai quanto ci metteranno a trovare qualche connessione tra la FSF ed AlQaeda :)
    • Anonimo scrive:
      Re: No to Info-Communism
      A leggerla così sembra proprio la propaganda che facevano un tempo in unione sovietica...
      • Anonimo scrive:
        Re: No to Info-Communism
        - Scritto da: Matthew Reed
        A leggerla così sembra proprio la propaganda che
        facevano un tempo in unione sovietica...O negli USA (dove non erano affatto da meno).
        • Anonimo scrive:
          Re: No to Info-Communism
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Matthew Reed

          A leggerla così sembra proprio la propaganda che

          facevano un tempo in unione sovietica...

          O negli USA (dove non erano affatto da meno).
          Non SONO da meno.tra gli Ultimi esempi: Il documento che provava le armi di massa in iraq (in cui il nano pelato dice di aver visto la prova provata) copiato da una tesi di laurea...
          • Anonimo scrive:
            Re: No to Info-Communism
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Matthew Reed


            A leggerla così sembra proprio la propaganda
            che


            facevano un tempo in unione sovietica...



            O negli USA (dove non erano affatto da meno).


            Non SONO da meno.
            tra gli Ultimi esempi: Il documento che provava
            le armi di massa in iraq (in cui il nano pelato
            dice di aver visto la prova provata) copiato da
            una tesi di laurea...Lo diceva solo al ritorno dall'America, al ritorno dalla Russia ci comunicava che il suo amico Vladimiro gli aveva garantito che le armi di distruzione di massa in Iraq non c'erano. Il suo amico Vladimiro era una persona seria e affidabile, mica come i comunisti che ci sono in Italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: No to Info-Communism
      - Scritto da: Anonimo
      Guardate che fikata.... :

      http://www.techcentralstation.com/070505Q.html Vabbè, ma che t'aspetti... techcentralstation è una comproprietà della Microsoft. Praticamente è la sua voce non ufficiale, cioè tutto quello che la Microsoft pensa, ma non può dire apertamente per questioni di diplomazia, lo ritrovato scritto in un articolo di quella e-zine.Se volete farvi altre due risate, cercate tutti gli articoli di techcentralstation che parlano di linux:http://www.google.it/search?as_q=linux&num=10&hl=it&btnG=Cerca+con+Google&as_epq=&as_oq=&as_eq=&lr=&as_ft=i&as_filetype=&as_qdr=all&as_occt=any&as_dt=i&as_sitesearch=techcentralstation.com
      • Anonimo scrive:
        Re: No to Info-Communism
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Guardate che fikata.... :



        http://www.techcentralstation.com/070505Q.html

        Vabbè, ma che t'aspetti... techcentralstation è
        una comproprietà della Microsoft. Praticamente è
        la sua voce non ufficiale, cioè tutto quello che
        la Microsoft pensa, ma non può dire apertamente
        per questioni di diplomazia, lo ritrovato scritto
        in un articolo di quella e-zine.

        Se volete farvi altre due risate, cercate tutti
        gli articoli di techcentralstation che parlano di
        linux:
        http://www.google.it/search?as_q=linux&num=10&hl=iTerribili. Questi tizi sono un misto tra la M$ e la Gestapo.
        • Kirisuto scrive:
          Re: No to Info-Communism
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Guardate che fikata.... :






          http://www.techcentralstation.com/070505Q.html



          Vabbè, ma che t'aspetti... techcentralstation è

          una comproprietà della Microsoft. Praticamente è

          la sua voce non ufficiale, cioè tutto quello che

          la Microsoft pensa, ma non può dire apertamente

          per questioni di diplomazia, lo ritrovato
          scritto

          in un articolo di quella e-zine.



          Se volete farvi altre due risate, cercate tutti

          gli articoli di techcentralstation che parlano
          di

          linux:

          http://www.google.it/search?as_q=linux&num=10&hl=

          Terribili. Questi tizi sono un misto tra la M$ e
          la Gestapo.Be', non arrivano alle vette di Laura DiDio, dell'AdTI, di John Dvorak.Non nomino Ballmer, che del FUD è il papa, sarebbe come puntualizzare la presenza di Ratzinger fra i teologi cattolici.
  • Anonimo scrive:
    Evidentemente
    Il Sig. Stanca è affaticato, semplicemente stanco. Sono queste le cause nelle quali è da ricercarsi la scintilla che ha determinato la produzione di un si infausto commento a una si lieta notizia. Non ci troveremo di fronte all' ennesima pedina !
  • Anonimo scrive:
    festa!
    yuhuuhuuuuu beccatevi questa grandi major del c***o!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Sig. Stanca...
    go home! ah no aspetta, è italiano... go da un'altra parte!ministro per l'innovazione.... mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sig. Stanca...
      - Scritto da: Anonimo
      go home! ah no aspetta, è italiano... go da
      un'altra parte!

      ministro per l'innovazione.... mah...Si, del cellulare e della tivvì terrestre diggitale :(
Chiudi i commenti