LibreOffice 4.0.3, release di qualità

Poche novità evidenti, parecchi affinamenti sotto il cofano. The Document Foundation si organizza per far crescere l'efficienza dello sviluppo e del testing

Roma – La nuova versione di LibreOffice , contrassegnata dal release number 4.0.3, è una versione di servizio: sistema oltre un centinaio di bug presenti nella major release 4.0 , ma soprattutto getta le basi per un ulteriore salto di qualità dell’intero pacchetto sviluppato dalla Document Foundation grazie alla collaborazione di programmatori e tester che aderiscono al progetto.

I dettagli sulle sistemazioni operate in questa versione sono disponibili sul wiki della Foundation (da consultare le note di rilascio della Release Candidate 1 , RC2 e RC3 ), ma non si tratta di cambiamenti evidenti per l’utente finale: si tratta più che altro di affinamenti che garantiscono la stabilità della nuova versione, anche grazie al contributo degli sviluppatori che hanno ad esempio messo a punto uno script Phyton per valutare in automatico il funzionamento su un parco di oltre 24mila documenti. Oppure un’ interfaccia grafica destinata agli amministratori che semplifica il lavoro di deployment delle release giornaliere per scopi particolari.

The Document Foundation si dice soddisfatta del progresso del progetto LibreOffice: nel comunicato ufficiale viene citata la recente decisione del Governo dell’Extremadura (Spagna) di migrare 40mila desktop della pubblica amministrazione al software libero, o gli oltre 100 sviluppatori costantemente attivi sul progetto con una crescita in doppia cifra (+13 per cento) rispetto allo scorso anno. Dopo la scommessa del fork da OpenOffice, quindi, le cose non potrebbero andare meglio.

Pacchetti di installazione per Windows, Mac, Linux (RPM e DEB) sono disponibili sul sito ufficiale di LibreOffice.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome scrive:
    comodissima...
    MA scusate e per scriver dove li si appoggia i polsi?Per il resto, prezzo a parte, sarebbe anche una buona idea
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: comodissima...
      - Scritto da: nome
      MA scusate e per scriver dove li si appoggia i
      polsi?
      Per il resto, prezzo a parte, sarebbe anche una
      buona
      ideaIl discorso è che se mi devo portare appresso un affare "ingombrante" come un netbook solo per usare più comodamente lo smartphone, allora tanto vale portarsi un vero netbook che ormai costa quanto quell'affare ma almeno è indipendente.
  • Skywalkersenior scrive:
    Mah...
    A meno che non costi davvero poco e sia estremamente leggero, non ne capisco l'utilità.
    • tucumcari scrive:
      Re: Mah...
      - Scritto da: Skywalkersenior
      A meno che non costi davvero poco e sia
      estremamente leggero, non ne capisco
      l'utilità.C'è poco da capire è la classica "genialata" in stile americano..io ho ancora uno strapazzatore automatico di uova (con tanto di patent number stampigliato)...Si tratta di un portauovo con uno spillo storto (rispetto all'asse verticale del portauovo) con batteria che lo fa roteare.Una volta infilato l'uovo (bucato dallo spillo) di mette in funzione il motorino che lo fa roteare...E voilà l'uovo strapazzato direttamente dentro al guscio!Non ho resistito e lo ho comprato!è una tipica genialata all'americana prima di andare in USA per la prima volta in vita mia (parlo del lontanissimo 1979) se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto...Poi ho capito che invece loro sono così... è proprio una loro caratteristica peculiare... e non è sempre un male anche se noi possiamo sorriderne in realtà ha i suoi lati positivi questo modo di essere.
      • nome scrive:
        Re: Mah...
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: Skywalkersenior

        A meno che non costi davvero poco e sia

        estremamente leggero, non ne capisco

        l'utilità.
        C'è poco da capire è la classica "genialata" in
        stile
        americano..
        io ho ancora uno strapazzatore automatico di uova
        (con tanto di patent number
        stampigliato)...
        Si tratta di un portauovo con uno spillo storto
        (rispetto all'asse verticale del portauovo) con
        batteria che lo fa
        roteare.
        Una volta infilato l'uovo (bucato dallo spillo)
        di mette in funzione il motorino che lo fa
        roteare...
        E voilà l'uovo strapazzato direttamente dentro al
        guscio!
        Non ho resistito e lo ho comprato!
        è una tipica genialata all'americana prima di
        andare in USA per la prima volta in vita mia
        (parlo del lontanissimo 1979) se me lo avessero
        raccontato non ci avrei
        creduto...
        Poi ho capito che invece loro sono così... è
        proprio una loro caratteristica peculiare... e
        non è sempre un male anche se noi possiamo
        sorriderne in realtà ha i suoi lati positivi
        questo modo di
        essere.Quindi in questo caso la genialata sta nel convincerti che una tastiera, una batteria e un monitor (11 pollici) costano 190 euro?
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Mah...
          - Scritto da: nome
          - Scritto da: tucumcari

          - Scritto da: Skywalkersenior


          A meno che non costi davvero poco e sia


          estremamente leggero, non ne capisco


          l'utilità.

          C'è poco da capire è la classica "genialata" in

          stile

          americano..

          io ho ancora uno strapazzatore automatico di
          uova

          (con tanto di patent number

          stampigliato)...

          Si tratta di un portauovo con uno spillo storto

          (rispetto all'asse verticale del portauovo) con

          batteria che lo fa

          roteare.

          Una volta infilato l'uovo (bucato dallo spillo)

          di mette in funzione il motorino che lo fa

          roteare...

          E voilà l'uovo strapazzato direttamente dentro
          al

          guscio!

          Non ho resistito e lo ho comprato!

          è una tipica genialata all'americana prima di

          andare in USA per la prima volta in vita mia

          (parlo del lontanissimo 1979) se me lo avessero

          raccontato non ci avrei

          creduto...

          Poi ho capito che invece loro sono così... è

          proprio una loro caratteristica peculiare... e

          non è sempre un male anche se noi possiamo

          sorriderne in realtà ha i suoi lati positivi

          questo modo di

          essere.

          Quindi in questo caso la genialata sta nel
          convincerti che una tastiera, una batteria e un
          monitor (11 pollici) costano 190
          euro?giusto!perché comprarsi uno smartphone quando posso comodamente andare in giro con:-telefonino Nokia 3310-lettore mp3anzi-lettore CD portatile, magari con cuffie Sennheiser (la qualità è importante)-laptop e router wi-fi 3G-macchina fotografica reflex
          • Ammartato scrive:
            Re: Mah...
            - Scritto da: il solito bene informato
            - Scritto da: nome

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: Skywalkersenior



            A meno che non costi davvero poco
            e
            sia



            estremamente leggero, non ne
            capisco



            l'utilità.


            C'è poco da capire è la classica
            "genialata"
            in


            stile


            americano..


            io ho ancora uno strapazzatore
            automatico
            di

            uova


            (con tanto di patent number


            stampigliato)...


            Si tratta di un portauovo con uno
            spillo
            storto


            (rispetto all'asse verticale del
            portauovo)
            con


            batteria che lo fa


            roteare.


            Una volta infilato l'uovo (bucato dallo
            spillo)


            di mette in funzione il motorino che lo
            fa


            roteare...


            E voilà l'uovo strapazzato direttamente
            dentro

            al


            guscio!


            Non ho resistito e lo ho comprato!


            è una tipica genialata all'americana
            prima
            di


            andare in USA per la prima volta in
            vita
            mia


            (parlo del lontanissimo 1979) se me lo
            avessero


            raccontato non ci avrei


            creduto...


            Poi ho capito che invece loro sono
            così...
            è


            proprio una loro caratteristica
            peculiare...
            e


            non è sempre un male anche se noi
            possiamo


            sorriderne in realtà ha i suoi lati
            positivi


            questo modo di


            essere.



            Quindi in questo caso la genialata sta nel

            convincerti che una tastiera, una batteria e
            un

            monitor (11 pollici) costano 190

            euro?

            giusto!
            perché comprarsi uno smartphone quando posso
            comodamente andare in giro
            con:
            -telefonino Nokia 3310
            -lettore mp3
            anzi
            -lettore CD portatile, magari con cuffie
            Sennheiser (la qualità è
            importante)
            -laptop e router wi-fi 3G
            -macchina fotografica reflexForse non t'è chiara la differenza. Questo + smartphone occupa lo stesso spazio di smartphone + netbook.
Chiudi i commenti